IL NUOVO INCENERITORE DI BOLZANO

user-pic
Vote 0 Votes

PRESENTAZIONE IN CONSIGLIO COMUNALE DELL' ECOCENTER

L'inceneritore di Bolzano servirà sicuramente ad aggravare i bilanci di Provincia e Comune. Tra oneri di bonifica e di costruzione siamo a 127 milioni di euro e ancora non si sa, a sentire i rappresentanti dell'Ecocenter, quanto costerà la demolizione del vecchio e se è più o meno compresa nel prezzo e chi la pagherà. Tra filtri da cambiare, manutenzione e ammortamenti costerà almeno 20 milioni all'anno.
Il codice etico- ambientale garantisce l'assenza di finalità di lucro. Un'aporia (l'inceneritore è un inquinante di partenza e non può considerarsi ecologico) che non tiene conto degli appetiti della SEL e del decreto Monti che prevede l'esternalizzazione dei servizi comunali,
L'impianto nuovo è predisposto per 16.3 ton/h (134.000 t /anno). Potenza termica 32 MW e potenza elettrica 10,2 MG.
Smaltirà i rifiuti di tutti i comuni soci. Rosee previsioni di termovalorizzazione pari a un terzo degli edifici della città. Non è stato chiarito a carico chi sosterrà i costi per la sostituzione degli impianti di riscaldamento privati. La previsione è di abbattere entro il 2025 (quando il termivalorizzatore sarà quasi obsoleto) il 20% delle 220.0000 tonnellate di CO2 attualmente prodotte.
L'impianto è a doppia filtrazione senza scrubber.
Risultati attesi tutti da verificare: polveri mgNm3 0,5 - HCI (sempre mgNm3 ) Non si farà mai la differenziata porta a porta che non porterebbe a nessun risultato, poiché l'abitato di Bolzano, a differenza di S.Francisco è ad alta densità abitativa (dichiarazione dell'ex assessore verde, promosso presidente della società). Non ha spiegato il nesso (logicamente dovrebbe essere il contrario).
Oltre al supertecnologico termovalorizzatore è prevista la canalizzazione delle acque reflue verso il depuratore di Bolzano per le cacche prodotte da Siusi in giù e in Val d'EGA. 5.856 metri di condutture da Ponte Resia a Cardano (7.200.000 euro).
A proposito di escrementi umani analizzati, si è scoperto che a causa dei medicinali di cui si nutrono abitualmente gli abitanti della provincia, risultano particolarmente tossici.
Tutti i rifiuti dell'Alto Adige, compresa buona parte della cacche tossiche verranno trattate ecologicamente a Bolzano per la gioia dei suoi abitanti; le tonnellate di polveri sottili solidificate saranno smaltite nelle saline tedesche. Smaltimento garantito in cambio di 30 anni di sudditanza
Il presidente dell''ECOCENTER, infine, ha scritto lettere di fuoco alla Provincia (che non ci sente), affinché si ampli la discarica di Vadena insufficiente ad ospitare ceneri, scorie e fanghi futuri.
Dubitiamo fortemente che il bilancio finale per i contribuenti sarà positivo, grado di tossicità delle cacche compreso.

1 Comment

| Leave a comment
user-pic

Anche qui a Vercelli, stiamo vivendo la stessa situazione. Ad agosto l'inceneritore che abbiamo deve chiudere. L'amministrazione all'ultimo consiglio comunale che ha fatto, ha comunicato la sua volontà di mantenerlo in funzione,e di costruirne al posto suo uno nuovo. Continuerò questa discussione...

Leave a comment