View; MT.commentIds = [];

TWENTY PIU' TWENTY

user-pic
Vote 0 Votes

TWENTY.jpg

STUPORE E DELUSIONE DELL'ASSESSORA E LA RABBIA DEL SINDACO

Il Sindaco è furioso per la bocciatura del raddoppio del Twenty nella commissione provinciale per motivi ambientali:
"Il Comune dovrebbe chiedere i danni per il lavoro buttato"
"Certi tecnici si mettono i paraocchi come i cavalli".
Certi tecnici questa volta hanno dimostrato di essersi tolto il paraocchi, mentre certi politici purtroppo hanno il paraocchi impiantato nel cervello che non si può togliere. Non hanno dubbi scettici; quelli di metodo li risolvano con il sillogismo abbreviato "cogito ergo sum"; non ascoltano nessuno, pensano di avere ragioni da vendere.
Qualche consigliere di maggioranza, senza paraocchi permanente, si convince che la scelta del Twenty e del suo raddoppio è una scelta sbagliata, ma per fedeltà di maggioranza, non senza sofferenza, chiude gli occhi e approva. Ma se deve soffrire che usi anche lui il paraocchi permanente!
Da anni spieghiamo che la localizzazione di un centro commerciale in Via Galilei è una follia dal punto di vista della mobilità, dell'ambiente che si aggiung ealla puzza di favoritismi bipartisan da parte di politici della Provincia e del Comune (che altrimenti non si spiega) sui quali forse la magistratura sta già indagando.
La passerella pedo-ciclabile, inserita per lenire il mal di pancia del gruppetto grigio-verde in Comune, non è realizzabile. Ma va là? Bastava percorrere l'arginale con il naso all'insù, senza essere tecnici, per capire che la distanza minima richiesta non c'era.
Abbiamo sollevato la questione della fascia di rispetto. La fascia di rispetto è quella che corre lungo la strada arginale e sulla quale, per motivi di sicurezza si possono costruire solo distributori di carburanti con una superficie netta di 50 mq.
I l Gruppo Podini è proprietario di un'area di rispetto netta di 1089 mq sulla quale non si può, ai sensi della legge urbanistica, chiedere cubatura. Ed invece questa superficie è stata aggiunta a quella dell'area, comportando un aumento di circa 7000 mc.
Aumento che permette al Gruppo di ampliare la superficie di vendita o di costruire di 72 posti auto in più. Ma ancora non bastano, per non rischiare l'intasamento della zona.
Il Tar si è pronunciato due volte contro il Twenty ordinandone la chiusura. Anche i giudici hanno il paraocchi ? E adesso agli arrabbiati e ai delusi non rimane che sperare nel liberismo del Supermario tecnico Monti.
Anche l'assessora Pasquali, rimasta sola in Commissione a difendere un progetto che fa acqua da tutte le parti, è stupita e delusa. Ma cosa sperava che dei tecnici non di parte le dessero ragione? No! I tecnici seri hanno fatto i rilievi e hanno dato ragione a noi e a quanti si sono opposti al progetto

Si mormora che rabbia e delusione non dipendano solo dalla questione Twenty, ma anche dalle personali ambizioni politiche. Senato, provincia o carica di sindaco sono prossime e a portata di mano, però non bisogna deludere le aspettative degli elettori e soprattutto quelle dei gruppi d'interessi che portano voti: cooperative e grande imprenditoria simpatizzante in primis.

Consiglieri 5Stelle - Bolzano