Servizi ai cittadini: Luglio 2011 Archives

Bolzano: un ponte per Twenty
Una città al servizio del grande commercio e del turismo

paintner.jpg

Mentre la città è immersa nella calura e parte si gode le sospirate vacanze, nell' assopita atmosfera estiva c' è un assessora che pare risvegliarsi. Lasciatasi alle spalle qualche cruccio sui parcheggi nell' argine del torrente Talvera, lancia settimanalmente nuove proposte che lasciano perplessi e invitano ad un consiglio generale: quando si sta al sole nelle ore di punta è meglio coprirsi il capo.

L' assessora alla mobilità Paintner ha più volte professato la sua indifferenza per la manomissione dell' argine del Talvera e della passeggiata San Quirino per costruire garage interrati, con annessi problemi ambientali e di sicurezza. Una vicenda che non riguarda il suo bacino elettorale, decisione presa anni prima con superficialità e che ora per coerenza e ignoranza continua a sostenere.

Insomma una vicenda che all' assessora non piaceva, non interessava, faceva al massimo venire un po' di mal di stomaco a causa di alcune intemperanze dei consiglieri della maggioranza in commissione mobilità, poi prontamente rientrati nei ranghi.

E 'invece molto attenta a rendere più mobile il flusso cittadino dei turisti: l' assessora, in periodo di aumenti straordinari dei costi di mezzi pubblici per pendolari e cittadini, ha proposto l' autobus gratis per i turisti nei giorni di pioggia. E i Bolzanini si ritroveranno autobus intasati da turisti festosi e non paganti.

Ottima idea? Perché non offrire loro anche cappuccino e brioche a spese del Comune mentre attendono di entrare al museo di Ötzi ?

Non contenta, la fida scudiera del prode Ladinser, annuncia con " magno gaudio " la rapida progettazione da parte dei tecnici comunali, che invece non hanno tempo per progettare lo Skate Park affidato ad una consulenza esterna lautamente pagata, del ponte ciclabile sull' Isarco per raggiungere il Twenty.

Un nuovo modo di interpretare la mobilità: seguire i grandi centri commerciali. Con candore la stessa afferma che proprio per questa raggiungibilità ciclabile è stata scelta la sede di via Galilei 20 . Ma va là!

Pare che in città esistano altri problemi di mobilità e di ciclabili, anzi forse l' intera mobilità ciclabile andrebbe rivista, ma per l'assessora il problema è come raggiungere via Galilei.

Alla faccia dei negozi di vicinato, quelli sì raggiungibili anche a piedi, ma inesorabilmente chiusi, grazie alla migliore raggiungibilità del grande discount.

Il ponte dovrebbe pure servire l' attuale microstruttura per l' infanzia Casa Bimbo: un collegamento dall' inferno di asfalto al mondo verde. Non ci sono parole!

L' assessora conclude la sua performance lanciando un appello agli sponsor per la costruzione del ponte. Dolce assessora, mi auguro proprio che non venga spesa una lira pubblica, per quest' opera a favore degli imprenditori del Twenty e soci.

E non si dica che autobus gratis per i turisti e il ponte per il grande centro commerciale sono opere per una visione sostenibile della città: sono null'altro che favori particolari e nuovr fonti di spreco di soldi pubblici.

Claudio Vedovelli

Cons. com. M5SBz


.