Nei prossimi giorni una serie di iniziative saranno messe in campo per avvicinarre e sesibilizare i cittadini bresciani e non solo.
Questi gli Appuntamenti M5S.pdf dove potete trovare tutte le info necessarie per partecipare.

m5s strage.jpg


m5s super.jpg



C'è a chi piace il gioco delle tre campanelle e a chi invece, quello della verità.

E la verità è che di nuovi soldi per le bonifiche #Caffaro non ne sono arrivati.

Il Sindaco Del Bono ed il commissario con la truppa di parlamentari PD, che dopo il nostro invito ad azione comune sono andati da soli dal ministro per avere le paginate sui giornali (perché l'azione comune non la vogliono), tornano trionfanti da Roma annunciando di avere ottenuto cifre "mirabolanti" per la bonifica: "altri 6 milioni" dicevano..

Ma de che?

Vediamo come stanno veramente le cose:

- 1,5 milioni sono soldi che lo stato aveva GIA' stanziato anni fa e il sindaco non li aveva MAI utilizzati per la bonifica: lo stato avrebbe potuto riprendersi questi soldi e invece non lo farà.. Quindi ZERO nuovi stanziamenti!

- 1,7 sono somme GIA' ottenute a novembre 2015 Quindi ZERO nuovi stanziamenti!!

- 4 milioni sono solo promessi, lo ribadiamo PROMESSI!!
E comunque subordinati al piano generale della bonifica che il Commissario Moreni ancora non ha fatto!

Signori ci sarebbe da ridere per non piangere visto che un anno fa ne avevano promessi 50! Quindi ancora una volta ZERO nuovi stanziamenti!!!

Noi lo avevamo detto subito per dare ai cittadini una corretta informazione e siamo subito stati additati come i soliti criticoni a cui non va bene nulla.

E ora? Che si mettano a fare il Progetto Generale di Bonifica che continuiamo a chiedere e che dopo 15 anni non è ancora stato fatto!!

Basta passerelle e promesse vane.. vi stiamo col fiato sul collo!!

Caffaro_Rid.png



Il Gioco d'azzardo e le ludopatie si stanno diffondendo come una piaga sul territorio di Brescia e provincia.
Al momento non si conosce nemmeno il numero esatto di "macchinette" presenti nel Comune, eppure si sa che nel solo 2015 i bresciani hanno contribuito a regalare alla potente lobby delle slot, impoverendo sè stessi, ben 240 milioni di euro.

Il #M5S organizza un incontro pubblico dedicato alla lotta contro il gioco d'azzardo.
Faremo un quadro della situazione attuale a livello nazionale, regionale e comunale, con i reali numeri che stanno devastando il nostro territorio. Cominceremo anche ad affrontare il problema delle ludopatie, del meccanismo di diffusione e dipendenza patologica.
Tra i relatori avremo Terry Morandi, titolare del Caffè Portico di Orzinuovi, salita alla ribalta della cronaca per essere stata sanzionata dopo che aveva preso la decisione, non scontata, di liberare il suo bar dal gioco d'azzardo.

L'incontro si terrà presso il Teatro Casazza, in via Casazza 46 a Brescia, alle ore 21:00

relatori:
Dott. Marco Dotti - Giornalista e Docente
Giovanni Endrizzi - Portavoce Cinque Stelle Senato
Sorial Girgis Giorgio - Portavoce M5S alla Camera
Laura Gamba - Portavoce M5S in consiglio al Comune di Brescia
Terry Morandi - Titolare del caffè Portico di Orzinuovi

Qui la LOCANDINA no_slot.pdf

evento no slot.jpg



Briciole, così le avevamo chiamate poco più di una settimana fa.
Una "consistente pagnotta" secondo l'assessore all'ambiente Fondra.
Secondo noi le risorse messe a disposizone dal ministero e le parole dell'assessore sono un insulto ad una città ferita e ai suoi abitanti.
Siamo in sintonia con l'analisi di Marino Ruzzenenti, lo storico ambientalista bresciano che ha contribuito notevolmente a portare alla luce l'enorme contaminazione della Caffaro a Brescia:
"...Insomma, i nostri rappresentanti istituzionali, per raggranellare qualche voto in più a Brescia, non hanno alcuna remora ad assumere un atteggiamento rinunciatario, se non umiliante, nei confronti del governo e del suo reiterato disinteresse per il Sin Brescia - Caffaro."
"...Ma di questo spettacolo, cui la politica ci ha abituato, potremmo limitarci a sorridere, se non avesse conseguenze devastanti nel rapporto con il governo e con il Ministero dell'Ambiente. A Roma, leggendo la stampa bresciana del 23 aprile (che sotto riportiamo), si possono immaginare i commenti: "Caspita, questi bresciani li abbiamo infinocchiati davvero con poco, gli abbiamo concesso qualche briciola ed eccoli più che soddisfatti, perfino eccitati. Per nostra fortuna non fanno casino come quelli della Terra di fuochi, che, con un inquinamento molto meno importante, ci hanno costretto ad investire oltre 300 milioni di euro, o come quelli di Taranto, dove per la bonifica abbiamo messo a disposizione
800 milioni di euro, o come quelli del sito di Bagnoli, cui abbiamo destinato 272 milioni di euro proprio in questi giorni".
‪#‎bastaveleni‬ ‪#‎caffaro‬ ‪#‎pcb‬#SiStavaMeglioQuandoSiStavaPeggio#CheTristezza#VinciamoNoi

LABORATORIO AMBIENTE


All_VS_Caffaro_rid.jpg


Quante le BUGIE sulla mafia al nord ,a BRESCIA? ci rispondono che "La mafia al Nord non esiste"!!
Invece esiste, eccome.

Molti cittadini sottovalutano la gravità del fenomeno, pensando che sia sostanzialmente confinato al sud d'Italia.
Negli ultimi anni, invece, Mafia, Camorra e soprattutto 'N drangheta si sono fortemente radicate in tutta la provincia, come dimostrano ampiamente le cronache giudiziarie e le denunce delle associazioni antimafia locali.
Il potere economico dei boss si misura nel possesso di molteplici beni, che, quando lo stato vince, vengono confiscati o sequestrati.
In Lombardia nel 2014, grazie anche al duro lavoro delle Forze dell'ordine e della Magistratura, sono stati sequestrati 958 immobili, di cui 93 in provincia di Brescia e 22 nel capoluogo (dati di "Libera Brescia"). Dopo lunghi iter burocratici i beni potrebbero tornare nelle mani dei cittadini onesti.
A Brescia c'è quindi un tesoro, che però purtroppo è tenuto nascosto dalla negligenza e dall'indifferenza delle istituzioni preposte.
Esiste una specifica normativa, ovvero il codice Antimafia che accompagna i beni in questo percorso di confisca e riutilizzo, restituendoli al Comune che dovrebbe valorizzarli e destinarli a finalità istituzionali e sociali.
Noi abbiamo lanciato una nostra peculiare "caccia al tesoro", studiando gli atti pubblici del Comune, facendo sopralluoghi e coinvolgendo le associazioni antimafia Libera Brescia, Comitato Peppino Impastato, Rete Antimafia Brescia.
Abbiamo scoperto che il Comune è ad oggi in possesso di 8 beni (anche se gli attuali amministratori ne ricordano solo 7 ... "Scalvini dixit" nell'interrogazione del 25112015 (http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/brescia/interrogazioni.html) ma udite udite, mancano i numeri civici e alcuni versano in un grave stato di abbandono.
Non ci credete? Andate nella centralissima Via Corsica 21 a due passi dal Centro Commerciale "Freccia Rossa" e da un Commissariato di Polizia, potrete ammirare le attuali condizioni di degrado del più famoso bene sequestrato, noto come "HOTEL OKKUPATO" (NB: occupato nonostante che agli atti del Comune risulti formalmente assegnato ad altre associazioni).
Al danno si aggiunge la beffa!
La Regione Lombardia, con la legge 17 del 24 giugno 2015 ( pubblicata sul BURL N° 26 del 26 giugno 2015 ), ha stanziato la cifra di euro 350.000 per il finanziamento delle attività di recupero e il sostegno per il riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata, assegnati agli enti locali, fondi che non sono stati intercettati dall' Amministrazione comunale di Brescia, la quale non si è interessata alla partecipazione al bando, anche a causa di carenze regolamentari ed organizzative interne frutto di poca attenzione al problema cui è necessario porre rimedio con assoluta urgenza.
E' inconcepibile che nel pieno di una grave crisi economica si sprechino preziose e rare occasioni di sostegno sociale per la "rigenerazione" del territorio.
Dopo aver invano sollecitato il Comune a farsi carico del problema abbiamo presentato una nostra proposta concreta ( Proposta_Delibera_Regolamento_Beni_Confiscati_alle_Mafie) per l'istituzione del regolamento relativo la gestione dei beni sequestrati e confiscati alle mafie, per altro già esistente in molti altri comuni fra cui Milano.

I ragazzi dei nostri LABORATORI hanno fatto un grandissimo lavoro ,ed in merito , abbiamo protocollato
una Proposta_Delibera_Regolamento_Beni_Confiscati_alle_Mafie , non ci siamo fermati e per sensibilizzare la cittadinanza tutta abbiamo prodotto questo FILMATO.

#GigiInoppotuno



fondInopp.jpg

Ah...avete capito? A Brescia il vero inquinamento
non sono 500 kg di diossine nei suoli,
non sono i valori di PM10 e PM2.5 alle stelle
non sono il PCB, il mercurio, il cromo esavalente e vari composti del cloro che troviamo nelle nostre acque e nei nostri suoli,
non sono i 60 milioni di rifiuti speciali sotterrati in 172 discariche,
non è l'inceneritore più grande d'Europa,
per il nostro ahimè assessore all'ambiente Gianluigi Fondra il vero inquinamento è la disinformazione, la disinformazione che crea facili allarmismi sulle questioni ambientali.
La nostra solidarietà va ad Andrea Tornago, giornalista che ha le sole colpa di fare il suo lavoro e di denunciare la disastrosa situazione ambientale.

DelBoInop.jpg

#‎Bresciaseianchetu‬



Dal 2013 abbiamo dedicato tempo e passione nel creare un'idea e, su questa, costruito un bando aperto a tutti, senza nessun limite di età, appartenenza etnica, sociale, culturale e con un'unica clausola, quella di impegnare la fantasia e segnare con un marchio artistico la facciata vuota di Largo Formentone.

Abbiamo fatto risparmiare ai bresciani quasi un milione di euro che l'amministrazione, a inizio del suo mandato, avrebbe sottratto alle loro tasche e, nel silenzio totale, impegnato la cifra per un loro sistema di riqualificazione dello stesso luogo.

Abbiamo pensato a un coinvolgimento totale di uomini e donne, appassionati nei loro diversi modi all'arte e, tra loro, estrarre i componenti di una giuria con il compito di selezionare le migliori opere tra quelle ricevute.

Abbiamo ritenuto giusto pensare alla cittadinanza e accoglierla in una serata di festa e lì dare a tutti la possibilità di scegliere il vincitore e il lavoro da inserire sulla facciata.

Abbiamo deciso di aprire un dialogo con l'amministrazione comunale e, protocollando il progetto negli uffici competenti (una prassi da rendere sempre più normale per far passar di moda la vecchia abitudine di aprire le porte agli amici), ci siamo messi in attesa; né il Sindaco Emilio Del Bono, né la Vice Sindaco e assessora alla Cultura Laura Castelletti, né la Presidentessa della commissione Cultura Anna Braghini hanno trovato il tempo per rispondere, neppure il modo per invitarci a un confronto diretto e nella correttezza, oltre a noi, coinvolgere tutti i soggetti interessati all'argomento e così formare un tavolo di discussione e migliorare nel gruppo le molteplici idee per crearne un'unica e forte per l'intera città.

Abbiamo fatto tutto questo lavoro divertendoci e pensando a Brescia.

Cosa ha fatto il Sindaco e la sua Giunta?

Si sono impossessati della nostra idea. Dovremmo essere arrabbiati nei confronti di chi dimostra di essere privo di cultura e, invece, siamo felici per la forza con cui siamo riusciti a indirizzare le loro decisioni verso un obiettivo che a noi sta molto a cuore.

Vogliamo solo toglierci un sassolino dalle scarpe e consegnarlo direttamente nelle mani di Emilio Del Bono: le copie non hanno anima e, al loro nascere, sono già morte.

LABORATORIO CULTURA

#‎Bresciaseianchetu‬

ImgForment1.jpg

imgForm_2.jpg



COMUNICATO STAMPA - 30 MARZO 2016


Roma, 30 Marzo - "Caffaro: Questa è una sfida per l'intera comunità bresciana, dobbiamo prima di tutto non derubricare la vicenda, ma farne un caso europeo e mondiale".

- neoeletto Sindaco Emilio Del Bono (Pd). Brescia, 29 Agosto 2013 -

A 2 anni e mezzo di distanza, tenendo bene a mente che il Partito Democratico è alla guida della città di Brescia e del Paese, un bilancio sulla questione Caffaro è necessario.

Il Sin Taranto e la Terra dei fuochi ricevono rispettivamente 800 e 300 milioni di euro di finanziamenti dallo Stato per la bonifica, mentre per il SIN Caffaro ZERO euro, ma l'entità del disastro bresciano non ha eguali e sono i numeri a dirlo:

7 milioni i metri quadrati di terreno contaminato, 110 mila metri quadri di terreno super contaminato fino a 30 cm di profondità sotto lo stabilimento, una falda inquinata con valori di tetraclorometano e cloroformio rispettivamente di 1000 e 500 volte i limiti di legge, 50 km di rogge contaminate, 25.000 persone esposte direttamente all'inquinamento, 500 kg di diossine (espresse in tossicità equivalente alla diossina di Seveso) dispersi nell'ambiente, 27 volte i valori dell'incidente dell'ICMESA del 10 luglio 1976. Valori di concentrazione di diossine e PCB-diossine simili nel sangue dei bresciani pari a 4 volte il valore medio della popolazione mondiale, che arriva a 30 volte per bresciani che hanno consumato abitualmente prodotti contaminati dalla Caffaro. Concentrazione di PCB nel sangue dei bresciani pari a 9,5 volte e 1,7 volte il valore registrato rispettivamente nel sangue di americani e francesi.

Per ingannare i cittadini, viene nominato un Commissario Straordinario senza portafoglio e senza competenze tecniche per fare uno piano di bonifica che, ad un anno dal suo insediamento, ancora non s'è visto.

Per ben due volte, il Comune di Brescia e il Commissario straordinario poi, hanno cercato di declassare il SIN a Sito di interesse Regionale lasciando intendere che il problema Caffaro non è così grave da dover coinvolgere il Governo del Paese.

Concludono i portavoce M5S bresciani: "il vaso è colmo, i cittadini bresciani non possono accettare ulteriori prese in giro da un Sindaco che utilizza i temi ambientali solo ed esclusivamente per mera propaganda politica. Del Bono si dimetta oggi, non tra due anni e mezzo."


i Portavoce bresciani del MoVimento 5 Stelle



Pochi giorni fa, Massimo Minini, lasciando una traccia sul suo profilo Facebook, ammetteva un 'conflittino' di interessi che ha saputo gestire, nel suo passato di Presidente Fondazione Brescia Musei, non rivolgendosi ai molti artisti con cui collabora grazie all'attività di gallerista.
Il suo rammarico per il non poter gestire Arte Contemporanea è stato pari al nostro che in questi due anni non abbiamo potuto goderne. L'ammissione di colpa poteva essere l'occasione per destinare la poltrona ad altri; purtroppo, né Massimo Minini né Emilio Del Bono, hanno fatto un passo indietro e il primo ha depositato il suo curriculum per essere scelto a comporre i Consiglio Direttivo della Fondazione e, il secondo, lo ha nuovamente nominato al vertice dello stesso. Brescia non si distingue dal resto dell'Italia e 'il conflitto di interessi' vale di più dell'interesse a far crescere culturalmente una città.

LABORATORIO CULTURA

ConfMinini.JPG



Dopo l'esempio dei soldi pubblici usati per la BreBeMi , ecco un altro esempio che dimostra come i soldi per la bonifica del sito #Caffaro si possono trovare, si tratta solo di decidere quali siano le priorità.
Cosa mettiamo al primo posto ? La TAV , la BreBeMi ? O LA NOSTRA SALUTE ?

LABORATORIO AMBIENTE

LegatiCaffaro.jpg



Allora dopo 15 anni dallo scoppio del bubbone e 50 anni di "occhio non vede cuore non duole" guardate a che punto siamo . Verbale della conferenza dei servizi del 23.2.2016. #caffaro #sveglia!

SERVIZI.jpg

E il sindaco ha pensato bene, senza dire un tubo ai cittadini ed ai consiglieri comunali, di mandare una lettera "de sfrüs" alla regione con cui chiede al ministero di modificare il perimetro del sin #caffaro.
Sostanzialmente la genialata sarebbe di ridurre il perimetro e lasciare nel sin solo lo stabilimento! Ma vi rendete conto?
Derubricare il sito a sito regionale determinerebbe che tutte le competenze di bonifica e messa in sicurezza sarebbero regionali!
Con quali soldi? Io voglio vedere questa lettera e giudico intollerabile che un sindaco faccia una cosa simile senza confrontarsi con nessuno.



Il MoVimento 5 stelle ha depositato oggi una nuova interrogazione su OMB Tecnology per sapere le condizioni della vendita della società, passate in sordina e di cui nessuno ci ha dato informazioni, se non i giornali.
In una delle recenti commissioni bilancio abbiamo chiesto di conoscere quanto sia stato versato dal gruppo Busi per l'acquisto dell'azienda, comprata con una manovra capestro dalla Giunta Paroli, e l'assessore al bilancio Paolo Panteghini è stato molto vago e, di fatto, non ci ha risposto.
Per questo porteremo la questione in consiglio comunale anche per sapere maggiori dettagli sulla vendita ed avere un quadro definitivo di quanto senza operazione assurda sia per i metodi che per le motivazioni addotte dal centro destra, sia costata alle casse comunali, oltre che per sapere come mai OMB aveva perso importanti gare di appalto con A2a in epoca precedente alla vendita ed oggi sia, invece, riuscita ad ottenere appalti dalla multiulity.

Stay tuned.

L'interrogazione si trova qui LiNK


Recentemente sul quotidiano locale Bresciaoggi, veniva riportata la gravissima notizia di un altro incidente dalle proporzioni veramente tragiche in cui un cittadino, dopo essere inciampato nel tristemente noto gradino, finiva per cadere dalle scale che conducono all'accesso del parcheggio sotterraneo di piazza Vittoria, procurandosi lesioni quali : "frattura totale dl massiccio facciale, rottura di quasi tutti i denti, edema cerebrale e fratture del braccio e del polso", che hanno costretto il malcapitato a due interventi chirurgici e che presumibilmente determineranno gravi postumi permanenti in capo al signore con conseguenze gravissime anche per la sua famiglia;
Ci siamo sentiti in dovere di presentare una nuova interrogazione ( LINK ) e siamo andati oltre ,come solo noi sappiamo fare ,la cultura è anche rispetto e pure con la fantasia si può mettere in sicurezza la salute dei cittadini.
A dicembre siamo intervenuti per far arrestare il GradinoKiller e la giunta di Emilio Del Bono, come sempre, ha regalato delle inutili promesse.
Le nostre azioni sono vere, lo facciamo per una Brescia migliore e: ! ATTENZIONE al GRADINO !, rimarrà indelebile fin quando non ci sarà data la soluzione. #nogradinoKiller

Un ringraziamento particolare a tutti i ragazzi dei Nostri Laboratori Tematici che hanno contribuito alla realizzazione di questo FlashMob



Lo scorso ottobre l'assemblea dei sindaci bresciani ha votato favorevolmente all'ingresso del privato nella gestione del servizio idrico integrato per la provincia di Brescia, incoerentemente con il referendum per l'acqua pubblica che portò al voto 27 milioni di cittadini italiani per dire no alle logiche del profitto privato.

Molti sindaci del Partito Democratico hanno giustificato la loro presa di posizione sostenendo che non vi erano alternative alla gestione mista (pubblica - privata) per mancanza di risorse da investire nel servizio e per il rischio commissariamento.

«Ora il PD ha una grande occasione, quella di sostenere la proposta di legge interparlamentare n.2212» dichiara il parlamentare del M5S Claudio Cominardi «Questa Pdl è stata sottoscritta da tutto il M5S e da decine di parlamentari afferenti a diverse forze politiche, di maggioranza e opposizione».

Eppure sono stati proprio alcuni parlamentari del PD ad aver portato in commissione una serie di emendamenti che puntano proprio a snaturare l'impianto generale del testo, sopprimendo di fatto il riconoscimento del diritto umano all'acqua e il modello di gestione pubblica del servizio. Un paradosso considerando il fatto che alcuni firmatari di questi emendamenti, risultano essere gli stessi firmatari della proposta di legge che stanno cercando di stravolgere.

Continua il deputato M5S « La legge prevede sia la gestione interamente pubblica dell'acqua, sia un fondo per gli investimenti per la ristrutturazione della rete idrica, ovvero tutto quello che necessitano gli amministratori locali».
Martedì mattina riprenderà la discussione in commissione, dunque ci aspettiamo una presa di posizione da parte dei sindaci del PD.
Se davvero hanno intenzione di rispettare i referendum sull'acqua pubblica, insieme possono far pressione sui loro colleghi di partito affinché ritirino tutti gli emendamenti che contrastano con i principi ispiratori della proposta di legge.

Non avete più scuse!

per il MoVimento 5 Stelle
Claudio Cominardi
Dino Alberti
Tatiana Basilio
Giorgio Sorial


Leggo questo articolo e scoppio a ridere! Allora : gli italoforzuti hanno delle idee davvero scoppiettanti!
Si struttureranno in dipartimenti con a capo un responsabile. Fin qui nulla di strano. Il fatto è che i "dipartimenti" sono esattamente identici ai nostri LABORATORI TEMATICI che si riuniscono tutte le sere presso la nostra sede di via Gabriele Rosa 26.
Laboratori aperti a tutti e che lavorano su temi locali e non solo e che consiglio a tutti di provare a frequentare o seguire sulle pagine FB.

LABORATORIO CULTURA
LABORATORIO ECONOMIA
LABORATORIO WELFARE
LABORATORIO AMBIENTE

Per gli italoforzut,i beh non hanno mai avuto grandi idee..ghe poc de fà! COMUNQUE SE VOGLIONO DEI CONSIGLI E/O CAPIRE COME FUNZIONANO , LA PORTA è APERTA.
...In attesa di "leopolde tematiche territoriali" targate ovviamente PD...

fi.jpg



Oggi in Consiglio comunale viene votato il regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani ed assimilati.

Il M5s ha proposto 59 emendamenti che vanno dalla abolizione del riferimento all'utilizzo dei rifiuti per produrre energia, alla eliminazione del riferimento ai dissipatori, fino alla proposta di regolamentazione dei centri di raccolta, alla valorizzazione del compostaggio che può comportare sconti a chi decide di avvalersene, ed alla moratoria di tre mesi sulle sanzioni per permettere ai cittadini di abituarsi senza essere sanzionati, alla diversa e più stringente regolamentazione dei requisii di assimilazione.
I nostri emendamenti li trovate qui (LINK).

Ovviamente il nostro è un contributo migliorativo, nelle nostre migliori intenzioni di offrire un lavoro di proposta e non di mera critica al regolamento, che tuttavia, non cambia la nostra posizione generale sul sistema di raccolta scelto, visto che siamo convinti sostenitori della Strategia Rifiuti Zero e del sistema di raccolta porta a porta integrale con tariffazione puntuale, che è l'unico che garantisce il raggiungimento degli obiettivi previsti dalla legge e la effettiva vera responsabilizzazione degli utenti.
Di oggi inoltre, la notizia che A2a ha partecipato alla bando per potere incenerire le ecoballe campane..cosa che sicuramente non va nella direzione giusta a dispetto delle parole spesso dette dal Sindaco che si dice "contrario" all'arrivo di queste ecoballe, il cui incenerimento, vista l'enorme mole, durerà decenni, con la conseguenza che se a2a dovesse vincere la gara difficilmente si potrà sperare di avere a breve la chiusura della terza linea.
Stiamo inoltre ancora aspettando che la regione detti le linee guida per il decomissionig degli inceneritori..che tarda ad arrivare, ma certamente questa notizia ci lascia poco da sperare sull'inserimento dell'inceneritore di Brescia tra quelli da ridimensionare.
Rifiuti Zero è l'unica vera strada da percorrere, non scelte timide e di compromesso come quelle intraprese da questa amministrazione.
L'ambiente e la nostra salute contano più dei profitti di a2a!

Brescia : #FuoriDaiMaroni



I portavoce bresciani del M5S Crimi, Sorial, Alberti, Cominardi, Basilio e Maccabiani vi aspettano Domenica 28
alla Stazione Ferroviaria di Brescia intorno alle 12.30. Insieme prenderemo il regionale delle 12.44, direzione Milano .
Vi state domandando per quale motivo? LEGGETE QUI SOTTO!!

Domenica 28 febbraio alle 14:30 in Piazza Duca d'Aosta di fronte al Pirellone il MoVimento 5 Stelle ha organizzato lo sfiducia-day per mandare #FuoriDaiMaroni il governatore di una Regione infangata e travolta dallo scandalo della corruzione e delle tangenti nella sanità, una Regione che ha il suo ex assessore alla sanità Mario Mantovani agli arresti domiciliari e il presidente della Commissione sanità dietro le sbarre. Maroni non ha esercitato nessun tipo di controllo, e il risultato è stato il proliferare di un meccanismo perverso che gonfiava le liste di attesa e ingrassava il privato sulle spalle del pubblico, che indirizzava lauti appalti agli amici degli amici, con il leghista Fabio Rizzi, braccio destra e padre della riforma della sanità che nascondeva i quattrini sporchi nel suo congelatore. Come facciamo a sapere che la riforma è stata fatta nell'interesse pubblico e non dei privati? Ora è necessario riportare nelle istituzioni quella cultura della legalità che politici attaccati da troppo tempo alle loro poltrone, abituati a gestire un giro d'affari enorme come quello della nostra sanità, hanno smarrito. Solo così si potranno formare i veri anticorpi contro la corruzione. Anche la giunta Maroni, dopo quella di Formigoni, ha fallito. Le scope con cui aveva promesso di ripulire il sistema in campagna elettorale hanno fallito. I lombardi ora meritano di poter tornare al voto: per questo vi aspettiamo numerosi domenica pomeriggio per gridare insieme FUORI DAI MARONI!
VIA MARONI.jpg


Cari amici,

abbiamo il piacere di anticiparvi alcuni importanti appuntamenti programmati nella nostra città nei prossimi giorni.

-------

Iniziamo ricordando i laboratori civici e tematici del Meetup di Brescia presso la sede di via Gabriele Rosa 26 a Brescia (dalle ore 20.45 alle ore 22.30 circa).

Laboratorio cultura
https://www.facebook.com/Laboratorio-Cultura-Brescia-890228991020793/?fref=ts
Laboratorio welfare
https://www.facebook.com/LaboratorioWelfareBrescia/?fref=ts
Laboratorio economia
https://www.facebook.com/Laboratorio-Economia-Brescia-1576353995942200/?fref=ts
Laboratorio ambiente
https://www.facebook.com/Laboratorio-Ambiente-Brescia-1024527247564128/?fref=ts

Vi aspettiamo!
Qui il calendario completo: http://www.meetup.com/meetupbrescia/events

-------

BANCHE-ROTTE
Palazzolo S/O - Venerdi 12 febbraio - Ore 20.30

Serata informativa sulla crisi bancaria e l'attacco al risparmio privato. Si discuterà dei recenti scandali di Banca Etruria, di riforma delle banche popolari e di credito cooperativo e molto altro ancora.


Interverranno:
Il presidente Adusbef ELIO LANUTTI
Dep Claudio Cominardi (Commissione lavoro)
Dep Dino Alberti (Commissione Finanze)
Dep Daniele Pesco (Commissione Finanze)

L'incontro si terrà presso la Sala Civica di Palazzolo S/O in via Torre del Popolo 2.

Per maggiori informazioni:

http://www.meetup.com/it-IT/meetupbrescia/events/228576092
https://www.facebook.com/events/465582656980161

-------

REAGIRE PER RESPIRARE - Ambiente Salute Legalità
Montichiari - Sabato 13 febbraio - Ore 15.00

Si toccheranno vari aspetti, dall'ambiente (discariche e non solo a Montichiari), alla correlazione con problemi di salute dei cittadini, al lavoro della giustizia e degli organi preposti, ai cambiamenti a seguito dell'approvazione della Legge 124 del 7 agosto 2015, che vedrà l'arma dei Carabinieri attribuirsi nuove funzioni, tra cui quelle in materia Ambientale, Forestale e Agroalimentare.

Relatori:

Alberto Zolezzi (M5S) (membro della COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITA' ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI) e (membro della VIII COMMISSIONE (AMBIENTE, TERRITORIO E LAVORI PUBBLICI)

Ferdinando Dino Alberti (M5S) (membro della VI COMMISSIONE (FINANZE)

Dott. Marino Ruzzenenti - Storico Ambientale

Giampietro Maccabiani (M5S) Regione Lombardia

Gloria Baresi - presidente Ass. Passo dopo Passo

Saranno presenti: Circolo Legambiente Montichiari e Comitato SOS TERRA Montichiari

L'incontro si terrà presso la Sala Scalvini - Centro Fiera di Montichiari - Montichiari - Via Brescia 129.

Per maggiori informazioni:
http://www.meetup.com/it-IT/meetupbrescia/events/228708138
https://www.facebook.com/events/935578283200741

-------

BANCHETTO INFORMATIVO DI META' MANDATO
MOVIMENTO 5 STELLE - BRESCIA

Sabato 13 febbraio a partire dalle ore 14.30

Banchetto di metà mandato a Brescia in Corso Zanardelli (Feltrinelli) a partire dalle ore 14.30.
Vi aspettiamo per confrontarci in merito alle attività del M5S in Consiglio Comunale a Brescia.

Per chi volesse dare il suo contributo al banchetto:
http://www.meetup.com/it-IT/meetupbrescia/events/228589267

-------

RIFORME E REFERENDUM

(Serata informativa)
Brescia (Casa delle Associazioni) - Venerdi 19 febbraio - Ore 20.30

La serata si terrà in casa Associazioni, via Cimabue 16 (San Polo) Brescia.
E' principalmente rivolta ad attivisti e portavoce di Brescia e provincia, ma è aperta a tutti.
Affronteremo i singoli dettagli (con i perché dei no) in vista della campagna referendaria.

Per maggiori informazioni:
http://www.meetup.com/it-IT/meetupbrescia/events/228675366

-------

IL PORTAVOCE CHE TI SERVE (Cena di autofinanziamento Meetup Franciacorta)

Presso la Pizzeria Ristorante "Corona"
Rovato (Bs) - Venerdi 26 febbraio - Ore 20.30

PER PARTECIPARE E' NECESSARIA LA PRENOTAZIONE FINO AD ESAURIMENTO POSTI:

https://goo.gl/WgFSGs

"Il portavoce che ti serve", una pizzata aperta a tutti per ritrovarsi e condividere pensieri ed idee, dove i nostri portavoce bresciani locali, regionali, nazionali ed europei saranno nuovamente camerieri per una sera.
Trascorreremo una serata in compagnia dove sarà possibile contribuire ad una donazione libera allo scopo di finanziare le attività che il meetup Franciacorta promuove sul territorio.
Saranno inoltre presenti tutti i gruppi locali che compongono il meetup franciacorta, un'occasione rivolta a coloro che hanno il desiderio di avvicinarsi al moVimento e vorrebbero contribuire in modo concreto alle iniziative legate alla salvaguardia del nostro territorio e al benessere della nostra cittadinanza.

Tra i portavoce che ti serviranno: Vito Crimi - Tatiana Basilio - Dino Alberti - Giorgio Sorial - Danilo Toninelli... e tanti altri.

Per maggiori informazioni:
https://www.facebook.com/events/1671745206426013

-------

A breve ulteriori importanti novità in merito a nuove attività/progetti/eventi, tra cui

ASSEMBLEA GENERALE MEETUP E MOVIMENTO 5 STELLE BRESCIA (Casa delle Associazioni di Brescia - Venerdi 04 marzo)

http://www.meetup.com/it-IT/meetupbrescia/events/228702689
.

Ricordiamo, come sempre, che è sempre possibile effettuare donazioni sul c/c intestato all'Associazione:

IBAN: IT83 K050 1811 2000 0000 0122 454

-------

Grazie a tutti per quanto potrete fare e... a riveder le stelle!

Il meetup di Brescia



In questi giorni, che precedono il voto in Senato del disegno di legge Cirinná riguardante le cosiddette "unioni civili" assistiamo al rituale schieramento di Partiti, Associazioni, Comitati e gli uni sempre contro gli altri. Questa guerra ideologica, a tratti infarcita, da parte di alcuni, di menzogne e stereotipi, dura da troppo tempo e, gli unici sconfitti sono, come sempre, i cittadini, le cittadine e le famiglie; famiglie e persone a cui vengono negati diritti basilari fingendo di vedere diversità laddove, invece, vi è sostanziale identità di situazioni di fatto.

Tutto ciò avviene anche perché la vecchia politica non ha e non ha mai avuto la volontà di rinnovarsi, per la sola paura di perdere dei voti.

Il MoVimento 5 Stelle si è impegnato, si impegna e si impegnerà affinché l'uguaglianza dei cittadini divenga il perno di uno Stato libero, laico e civile; come del resto lo prevede la vigente Carta Costituzionale.

Per noi è sufficiente leggere l'articolo 2 che recita:
'La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.'
Analizzando queste semplici e bellissime parole, troviamo un ulteriore motivo per invitare tutti i cittadini a partecipare numerosi alla manifestazione 'E' ora di essere civili' che si terrà in Piazza Mercato a Brescia sabato 23 gennaio 2016 dalle ore 15.00 in poi.

Ci troverete con i nostri amici, conoscenti e sconosciuti; saremo con voi senza l'esibizione del simbolo del Movimento 5 stelle e senza bandiere, in mezzo ad un arcobaleno di persone, perché per noi conta solo l'obiettivo e raggiungerlo insieme. Sin da ora ringraziamo chi contribuirà, con la sua presenza, a far sentire la propria voce perché assieme, dimostreremo di essere persone libere che lottano per ideali comuni e per una società più equa e giusta. A riveder le stelle.

23 gennaio manifestazione crinnà.jpg


Noi pensiamo che le buone idee debbano essere valorizzate con la condivisione.
A differenza delle solitte amministrazioni, il M5s avrebbe coinvolto chi si è impegnato per il bene della città. #èUnaQuestioneDiTrasparenza

Laboratorio Cultura

Art_Formentone.jpg