Vi invito a leggere il nostro comunicato stampa citando una nota frase di un film che parla di "MOSTRI" e non a caso nel CS parliamo del nostro TU ( Termo Utilizzatore , L'INCENERITORE ).

" SI PUO' FA-RE " cit.Gene Wilder.

BRESCIA, 06 settembre -

E' ormai chiaro come nel Comune di Brescia manchi totalmente una visione univoca sul tema rifiuti.
L' assessore all'ambiente Fondra oggi ha rilasciato dichiarazioni riguardo l'inceneritore che vanno esattamente nella direzione opposta rispetto alle promesse fatte dal sindaco Del Bono un anno fa, sottintendendo che Del Bono ha commesso un errore ad affermare che la terza linea dell'inceneritore verrà chiusa.

Secondo Laura Gamba e il M5S un amministratore pubblico dovrebbe avere come prima preoccupazione il bilancio complessivo della salute dei cittadini.
Per questo è necessario diminuire le emissioni di inquinanti del l'inceneritore bresciano; il terzo più grande d'Europa, che attualmente brucia i rifiuti speciali di tutta Italia. Le alternative ci sono, grazie alle moderne tecnologie e alle fonti rinnovabili.

Fondra invece si preoccupa dei bilanci energetici e dei poteri calorifici dei rifiuti, immaginando un futuro di discariche e fonti fossili, dando l'impressione di parlare più da dirigente di a2a degli anni 30 che da assessore all'ambiente.
Starà forse preparando il terreno per un suo docile Riciclo in A2A, una volta terminata l'esperienza negativa nell'attuale giunta?

Il fatto risale al 2 settembre ,ad oggi il PD non ha chiarito con dichiarazioni attendibili, quale è la politica dell'amministrazione sul tema del l'inceneritore.

Raggiunta al telefono da Telecolor in merito alle affermazioni contrastanti della giunta ho rilasciato questa intervista

Fondra Del Bono1.jpg