MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Ambiente


Budrio - 

La vicenda della fusione tra Hera e Acegas APS che si è sviluppata in queste ultime settimane mi fa riflettere su alcuni punti che vorrei condividere. Non mi voglio concentrare sul fatto tecnico in sé ma sulle modalità che si sono sviluppate per affrontare l'argomento.

L'11 settembre 2012 il presidente di Terre di Pianure (Baricella, Budrio, Granarolo, Minerbio) Sig. Minganti (Sindaco di Minerbio) ha convocato in riunione comune tutti e 4 i consigli comunali per votare l'ampliamento dell'associazione dal Gennaio 2013 anche al Comune di Castenaso.
In quell'occasione venne inserito un secondo punto nell'ordine del giorno che testualmente riportiamo:
" Nell'occasione si ritiene altresì opportuno trattare , con le medesime modalità, la delibera relativa alla fusione Hera-Acegas APS, anche questo di indubbio rilievo sovracomunale . Nell'occasione saranno presente rappresentanti Hera."

Da questa convocazione, come Movimento 5 Stelle Budrio, avemmo da subito la convinzione che si stava cercando di svicolare il dibattito, inserendo la trattazione di questo importante tema a margine di un consiglio comunale congiunto. In pratica un bliz per ridurre il confronto a mera formalità.
Decidemmo quindi di interrogare il sindaco e la giunta sul tema della fusione Hera-Acegas nel consiglio comunale che si svolse il 26 Settembre. Naturalmente da subito fu evidente l'orientamento del Sindaco e della giunta visto la risposta elusiva (vedi consiglio comunale del 26 settembre min. 2:52). Nessun assessore presente ebbe nulla da aggiungere alle parole del Sindaco in quella sede.
Valutammo quindi, insieme alla lista "Noi per Budrio", di portare il tema in Commissione di Garanzia cercando che fosse realizzato un dibattito serie e democratico sull'argomento. Infatti riteniamo che se i consiglieri comunali devono votare su di un tema così delicato non è possibile che si basino su una relazione fatta il giorno stesso del consiglio comunale da un funzionario di Hera (così come i benpensanti del partito democratico, sigh, auspicavano)!
L'obiettivo che ci siamo posti da subito era che nella commissione ci fosse spazio per una pluralità di idee in cui far nascere un contraddittorio e quindi mettere in evidenza le luci e le ombre di questa operazione. Come opposizione ritenemmo che il Sig. Caselli, coordinatore provinciale del comitato Acqua Bene Comune, fosse un buon contraltare al rappresentante del CDA Hera Sig.ra Saoncella.
Sia le fasi di convocazione della commissione che poi lo sviluppo stesso della commissione hanno confermato che l'obiettivo primario di questa maggioranza e del Sindaco era di evitare che si potesse fare un approfondimento sul tema . Da prima hanno cercato di distogliere l'opinione pubblica creando in fretta e furia un incontro pubblico a senso unico (con l'intervento del Sig. Castagna, CDA Hera) alternativo e preventivo alla commissione istituzionale di garanzia. Poi hanno cercato di limitare l'intervento del Sig. Caselli, durante la commissione di garanzia , a mera comparsa.
Intanto all'interno di questa granitica maggioranza (Lista PD, IDV lista Di Pietro, Verdi-Ecologisti e Reti Civiche, Sinistra per Budrio) su questo punto nasce una prima importante frattura: i partiti minori della coalizione, ben rappresentati in giunta, pubblica un volantino contrario alla fusione e i relativi referenti politici scrivono articoli di contrarietà all'operazione (Budrio next). Gli assessori in giunta, indicati da questi partiti (e nominati da Sindaco) invece tacciano sull'operazione in tutti i momenti istituzionali (Consigli comunali del 26 settembre, 8 ottobre e Commissione di garanzia del 5 Ottobre). Sono d'accordo? Evidentemente il tema dell'acqua pubblica e del progressiva trasformazione di Hera in una holding sempre meno legata al territorio sono un tema ritenuto "trattabile" che evidentemente si può mettere sotto il tappeto. Tanto ci si dimenticherà.......
Tanto più che il programma della maggioranza (da loro sottoscritto) prevede pure la possibilità di vendere le quote delle società partecipate dal comune (Hera).
A nostro giudizio, di semplici cittadini, questi partiti IDV lista Di Pietro, Verdi-Ecologisti e Reti Civiche, Sinistra per Budrio) sono co-responsabili di questo voto. Non basta un siparietto con bandiere fuori dal consiglio comunale per riabilitarsi e uscirne indenni. Il fatto che questi stessi cittadini fossero a manifestare contro la giunta in cui sono presenti i loro rappresentati fa balzare agli occhi le contraddizioni intrinseche a questa maggioranza e, in un paese normale, gli assessori avrebbero rassegnato le dimissioni. Ma come si sa l'Italia (di cui Budrio fa parte a pieno titolo) non è un paese normale.
I consiglieri PD di Budrio hanno votato compatti per la fusione, anche quelli che fino a qualche mese fa erano in piazza a sostenere il referendum per l'acqua pubblica. Agli ordini di partito non si comanda.
soldatini.jpg
Noi rimaniamo convinti che il 12 e 13 giugno 2011 le italiane e gli italiani abbiamo votato 2 chiari sì all'acqua come bene comune. Una vittoria che ha un significato molto netto: fuori l'acqua dal mercato e fuori i profitti dall'acqua. Noi del Movimento 5 Stelle continuiamo a credere che il voto degli italiani (e dei budriesi) vada rispettato nonostante gli opportunismi e nonostante i partiti.
Abbiamo riunito in un video l'intervento iniziale del Sindaco di Minerbio con a seguire tutti quelli dei Consiglieri di Budrio e quello conclusivo del Sindaco Pierini. Da non perdere le lezioni impartite dal nostro primo cittadino un po' a tutti, compreso al Sindaco PD di Forlì.
Io mi sono iscritto a un corso serale di Scienza della Politica per recuperare il "gap" con questa politica !?!
------

Post Scriptum) Ieri, 24 Ottobre, sono stato informato in riunione dei capigruppo che verranno vendute la metà delle azioni hera possedute dal comune. di Budrio. Evidentemente la cassa è talmente vuota che si iniziano a vendere pezzi del nostro patrimonio . A seguire le considerazioni su quanto emergerà dal Consiglio Comunale del 30 Ottobre.


Budrio - 

Ciao a tutti,

vorremmo brevemente parlarvi di raccolta differenziata.

Oggi si parla molto di questo argomento, ma poi all'atto pratico poco o niente viene fatto. Vi sono però esperienze locali, anche non tanto lontane da noi, che ci dimostrano quale sia la mediocrità di chi ci ha amministrato per anni a Budrio.

Da sempre il MoVimento 5 Stelle insiste per trasformare il ciclo rifiuti da "problema" a "risorsa".

Il rifiuto non esiste, esistono solo materiali di scarto, da reinserire nel ciclo produttivo, dopo essere stati opportunamente suddivisi e trasformati.

Evitare di incenerire o di mandare in discarica quello che non usiamo più è un dovere verso i nostri figli e le nuove generazioni oltre ad essere una questione che riguarda la nostra salute di cittadini.

Riciclare i nostri "rifiuti" trasformandoli in materie prime è il miglior modo di salvaguardare l'ambiente, evitando di utilizzare materiale vergine e il petrolio necessario per la sua produzione e trasformazione.

La sola iniziativa efficace in grado di differenziare realmente in maniera significativa i nostri "rifiuti" è la raccolta "Porta a Porta (prassi nel nord Europa, fenomeno assolutamente isolato in Italia)".

A che punto siamo noi oggi nell'efficiente Emilia Romagna? Solo chiacchiere, con qualche esempio virtuoso che funziona grazie alla caparbietà di amministratori locali lungimiranti.

Dovremmo vivere nella regione più "riciclona" d'Italia, invece si naviga a vista ben lontani dall'Europa e dai suoi standard.

Eppure qualche esempio virtuoso ce lo abbiamo anche vicino: il comune di Sasso Marconi in questi anni si è distinto sul tema della raccolta differenziata arrivando ai vertici delle classifiche nazionali. Ben il 76 % dei rifiuti in questo comune viene riciclato. L'alta percentuale di raccolta differenziata consente quindi di recuperare una grande quantità di materiali evitando sprechi e riducendo costi, consumi energetici ed impatti ambientali. Nel medio termine il risparmio nello smaltimento sarà sensibile e porterà benefici economici anche ai cittadini. La minore quantità di rifiuto da smaltire prolunga la vita delle discariche e contribuisce a diminuire la necessità di nuovi impianti, discariche o inceneritori. Impianti che normalmente nessuno auspica di avere vicino a casa.

E a Budrio? Siamo fermi al palo, con orgoglio, al 35% !!! I numeri parlano di noi e di chi ci amministra.

Vedi articolo su Sasso Marconi

MoVimento 5 Stelle Budrio

Ora puoi scegliere per un domani sostenibile

I candidati a Budrio

Archivio

Questa pagina è l'archivio dei post nella categoria Ambiente.

Acqua è la categoria precedente.

Energia è la categoria seguente.

Partecipa ai nostri eventi


   © 2010 Beppegrillo.it - I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons  Creative Commons