MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

C'eravamo anche per voi


Carlentini - 

Siamo andati al vDay e ci siamo andati anche per voi, per chi avrebbe voluto esserci e non poteva.
Perché?
Perché il M5S è una grande famiglia che va da una punta ad un'altra dell'Italia e chi pensa che il vDay sia una festa di partito o tifo da stadio non ha capito niente (anzi... GNENTEEE!).

Il vDay è partire con 30 persone che non conosci e sentirle subito amiche, è incontrare persone mai viste prima e ricevere in cambio un sorriso, è folleggiare spalla a spalla con un deputato; è abbracciare come una vecchia amica una persona conosciuta solo su facebook, è ascoltare Paul Connett cantare, è vedere Dario Fo prendere un caffè al Bar e poi emozionarci sul palco, è rivedere gli amici del moVimento di tutta Italia e cercarli tra centomila altri, è guardarsi negli occhi e sentirsi vicini, è vedere deputati e senatori assistere in mezzo alla folla all'evento, in piedi ed al freddo come normali cittadini, è veder persone commuoversi durante gli interventi. E' condivisione. E' comunità.

E' il vDay!

#oltreV3DAY #andiamoOLTRE


Carlentini - 

Per i cittadini di Carlentini è scaduta in questi giorni la prima rata della TARES e tutti non hanno potuto fare a meno di notare come questa coincida pressapoco con quanto pagato complessivamente l'anno scorso. La tassa sui rifiuti è diventata salata per tutti, famiglie e commercianti. E' un fatto ed è anche un problema.
Dobbiamo quindi rassegnarci a pagare sempre di più per lo smaltimento dei rifiuti?
Niente affatto, il comune potrebbe risparmiare nell'arco di pochi mesi somme importanti che abbatterebbero la TARES (o quello che diventerà) in maniera importante. Vi spieghiamo come.

Plastica, carta, cartone, rifiuto umido, vetro, alluminio, acciaio, quante cose ogni giorno usiamo e buttiamo via. Ogni oggetto che finisce in pattumiera in realtà ha un valore in termini di materie prime utilizzate ed energia necessaria a realizzarlo.
Per noi cittadini quel valore è anche un costo. Pochi sanno che ogni oggetto imballato che compriamo ci costa un po' di più, perché l'imballaggio che lo contiene deve essere smaltito e questo smaltimento ha un costo e questo costo lo paghiamo noi, tutti noi all'atto dell'acquisto.
Sia esso un televisore, un telefonino, una scatoletta di tonno o un vassoio di carote.
Non solo, ma per far si che i nostri rifiuti vengano raccolti e smaltiti paghiamo al comune di residenza una tassa che si chiamava TARSU e che adesso si chiama TARES e che domani si chiamerà, forse, TARI.
Bene, cosa può fare ciascuno di noi per trasformare i rifiuti domestici in risorsa, in materia prima? Semplice, la raccolta differenziata.
Differenziare ha due aspetti positivi, il primo, immediato, in termini di riduzione dei costi del servizio di smaltimento dei rifiuti, il secondo, a lungo termine, in termini di salvaguardia del nostro ambiente.
Da una recente determina del comune di Carlentini apprendiamo che, in un anno, si producono circa 6600 tonnellate di rifiuti che vanno a finire in discarica. Il costo del conferimento è pari a 550.000,00 euro.
É risaputo che il comune di Carlentini non fa la raccolta differenziata se non in percentuali irrisorie. Ne consegue che quelle 6600 tonnellate di rifiuti finiscono tutte in discarica.
Da cosa sono costituite quelle 6600 tonnellate di rifiuti?
Le stime effettuate da diversi studi in materia ci danno le seguenti percentuali ovvero: la frazione umida vale il 35% del totale, la carta e il cartone il 25%, la plastica il 15%, il vetro l'8%, i metalli (alluminio e acciaio in maggioranza) il 3%.
Rimane un 14% di rifiuto indifferenziabile che comunque andrà a finire in discarica con un costo annuo di 77.000,00 euro.
Quindi, carta e cartone, vetro, plastica e metalli sono considerate materie prime in quanto il CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi) li ritira pagandoli, rispettivamente 6,00 euro/t la carta, 17,82 euro/t il vetro, 110,00 euro/t la plastica e 35,00 euro/t i metalli (in questo caso abbiamo abbozzato una stima di massima considerando assieme metalli diversi con valori diversi, per esempio l'allumino vale 45,00 euro/t l'acciaio 26,00 euro/t.).
Ne consegue che, con le percentuali ed i valori su riportati, differenziando carta, vetro, plastica e metalli il comune di Carlentini ricaverebbe 134.000,00 euro e risparmierebbe 280.000,00 euro dal conferimento in discarica.
Resta il nodo del rifiuto umido. Questo andrebbe smaltito presso un sito di compostaggio. In questo caso il costo di smaltimento salirebbe a 95,00 euro/t (tariffa richiesta da Kalat Ambiente per il conferimento presso il sito di Grammichele) con un costo totale di 219.000,00 euro ma certamente con grande beneficio per l'ambiente.
Tale cifra potrebbe significativamente ridursi dotando tutte le famiglie che possiedono un'area verde di compostore, evitando in tal modo sia la raccolta che il conferimento del rifiuto umido.

Ma veniamo adesso ai saldi finali.
Ricavato dalla vendita dei materiali riciclabili +134.000,00 euro
Spesa per il conferimento del rifiuto indifferenziato -77.000,00 euro
Spesa per il conferimento del rifiuto umido -219.000,00 euro
Saldo -162.00,00 euro

Ciò significa che anziché spendere gli attuali 550.00,00euro, spenderemmo solamente 162.000,00 euro.
In poco tempo, riciclando circa l'86% dei rifiuti otterremmo un vantaggio economico di ben 388.000 euro.
Ovvero 388.000 euro di tasse in meno da pagare per tutta la comunità ed un guadagno non indifferente per l'ambiente.

Allora quanto ci costa non differenziare? Ci costa "Solo" 388.000 euro.

(da uno studio di Giovanni Giuffrida)
MoVimento 5 Stelle Lentini-Carlentini
Seguici su facebook


costidellamunnizza.jpg


Carlentini - 

Il MoVimento 5 Stelle è in crescita poderosa, me ne accorgo giorno per giorno sul Web ma soprattutto nei banchetti e gazebo tra la gente.
Sono sempre meno quelli che vengono a chiederci "perché non avete fatto l'accordo col PD" e sempre di più quelli che vengono a chiederci: "vi prego prendeteli a calci e mandateli a casa perché non ce la facciamo più"
Sono sempre di più quelli che vengono a chiederci come possono attivarsi e sempre meno quelli che vengono per dirci "cosa avete fatto finora?"
Certo adesso ci sono anche quelli che, e sono tanti, vengono a dirci: "organizzate una rivoluzione e noi veniamo con i forconi!" e noi con pazienza spieghiamo che prima di arrivare ai forconi vorremmo rivoluzionare l'Italia pacificamente e che dipende anche da loro, da come votano e da come cambieranno i loro comportamenti, è una rivoluzione culturale.

Insomma, è una battaglia lunga, faticosa ma anche eccitante e giusta, ma soprattutto... funziona!

forza ragazzi, forza #M5S, forza attivisti. Andiamo tutti on the road, ce la facciamo!


Carlentini - 

che fare se a Carlentini si presentano alle elezioni il sindaco uscente, il vice sindaco uscente (tutto vero!!) e l'ex sindaco?

Semplice, decliniamo "sindacare" al futuro!!

La casta VS 14 cittadini


Carlentini - 

A Carlentini (SR) quest'anno si vede di tutto, anche l'impensabile!
Ci saranno 4 candidati sindaco che si confronteranno alle elezioni, l'attuale Sindaco uscente, l'attuale vicesindaco uscente (si avete capito bene), un ex sindaco ed infine il candidato portavoce sindaco del M5S, un semplice cittadino. 13 liste zeppe di consiglieri uscenti, ex consiglieri ed assessori contro una lista formata da quattordici cittadini, nessun riempilista, nessun nome noto, una media d'eta inferiore ai 35 anni, la lista più giovane in assoluto.

Sembra la rappresentazione plastica di quello che accade nel resto d'Italia.
La casta fa quadrato contro i cittadini; raccolgono 234 candidati al consiglio comunale in una città di poco meno di 18000 abitanti per catturare il voto delle loro famiglie e dei loro amici, ingannandoli la promessa di un seggio al consiglio comunale che mai arriverà, i giochi sono già fatti, si sa esattamente chi verrà eletto e con quanti voti.
Gli stessi che fino ad un mese fa governavano in una strana maggioranza PD + PDL adesso fanno finta di correre uno contro l'altro, con il sindaco uscente che dal PDL salta nella lista Crocetta (tutto vero!!!)

Ma quest'anno le cose cambiano, ci sono 14 cittadini che faranno saltare i loro conti, 14 cittadini che con l'aiuto di altre migliaia di cittadini quest'anno potrebbero mandare a casa contemporaneamente il sindaco uscente, il vice-sindaco uscente, un ex sindaco ed una quantità di consiglieri che siedono su quelle poltrone da troppi anni.

Quest'anno a Carlentini è la casta contro i cittadini, quest'anno a Carlentini si può cambiare.