MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Civitavecchia - 

La scorsa settimana si è tenuta la conferenza dei servizi per il rilascio dell'Autorizzazione unica ambientale, relativa al forno crematorio.

Presenti i responsabili degli uffici comunali, il Sindaco di Civitavecchia, la ASL ed i rappresentanti della ditta Altair. Vista l'assenza dell'area metropolitana di Roma la conferenza dei servizi è stata rinviata a data da destinarsi ma dovrà comunque concludersi entro 45 giorni dalla prima seduta.
"Come responsabile della salute pubblica ho ritenuto doveroso porre prescrizioni severe - spiega il Sindaco Cozzolino - coerentemente con quanto sempre affermato. Abbiamo fatto nostro il parere della ASL in merito. Ci sono in totale ben 18 prescrizioni che ho posto che dovranno essere coordinate in conferenza dei servizi con quelle indicate dall'area metropolitana, per arrivare al definitivo rilascio dell'AUA.
Sappiamo che la ditta di certo non ha fatto i salti di gioia alla lettura di queste prescrizioni ma questo per noi non può e non deve essere un problema.
La salute non può essere messa in discussione rispetto a nessun altro aspetto. Sono disponibile come ho già dichiarato in sede di conferenza dei servizi a discutere circa la corretta interpretazione delle mie prescrizioni che a nostro avviso non sono in contraddizione con la documentazione oggetto della gara pubblica, saremo quindi intransigenti nel chiederne l'applicazione".

parere rilasciato dal Sindaco Cozzolino in data 18 gennaio. Si fa presente che tali prescrizioni potranno essere modificato e/o aggiornate tenuto conto dei monitoraggi ambientali effettuati in fase di esercizio dell'impianto.


Civitavecchia - 

menditto.jpegNei giorni scorsi il Sindaco Antonio Cozzolino ha ricevuto un appello da parte dell'associazione "Cittadini per l'Aria", che coordina a livello nazionale un progetto europeo volto ad ottenere l'istituzione nel Mediterraneo di una zona SECA, ovvero una zona in cui è vietato utilizzare combustibile marino con tenore di zolfo superiore allo 0,10%, come è già avvenuto in altri mari nord europei e del Nord America. All'interno del progetto più ampio, Cittadini per l'Aria intende stimolare le istituzioni italiane (Autorità Portuali, Capitanerie di Porto, Aree Marine Protette, Comuni e Regioni) per aumentare la consapevolezza dei cittadini, dei media e delle comunità dei porti rispetto al costante incremento dell'inquinamento e a tal fine propone anche qui a Civitavecchia la costituzione di un tavolo di lavoro partecipato dai comitati locali. Già quattro anni fa il Comitato Nessun Dorma lanciò una petizione on line dal nome "Stop air pollution from shipping - Fermiamo l'inquinamento navale" per promuovere presso il Parlamento europeo proprio l'istituzione di una zona SECA nel Mediterraneo ed è un dato di fatto che questa Amministrazione da quando si è insediata punti insistentemente all'utilizzo di combustibile con tenore di zolfo dello 0,10% da parte delle navi in navigazione e manovra all'interno del porto. Il primo approccio per raggiungere tale obiettivo fu quello di un tentativo di accordo volontario con gli armatori, conclusosi con il rifiuto da parte di questi ultimi, poi ci fu la richiesta dell'inserimento di questa ed altre misure nel Piano Regionale di Risanamento della Qualità dell'Aria, proposta attualmente in fase di esame presso le Commissioni consiliari regionali competenti e, parallelamente a questa, la richiesta alla Capitaneria di Porto di emettere un'Ordinanza che obbligasse gli armatori ad usare tale combustibile, proposta anche questa in fase di discussione. Per tali motivi l'Amministrazione comunale non poteva che accogliere favorevolmente la proposta di Cittadini per l'Aria di costituzione del tavolo di lavoro ed è ben lieta di avere un alleato in più nella difficile lotta all'inquinamento.

Dario Menditto
Consigliere Comunale M5S
Presidente Commissione Ambientemenditto.jpeg


Civitavecchia - 

Il gruppo comunicazione del M5s di Civitavecchia ha indetto una riunione con scopo organizzativo per giovedì 15 settembre 2016 alle ore 18,00 presso il dopo lavoro ferroviario di Civitavecchia.
Oltre alla partecipazione di amministratori e attivisti e gradita la presenza di cittadini interessati alla vita amministrativa del nostro comune.


Civitavecchia - 

Il Partito Democratico quando non gradisce una risposta fa finta di non capirla. Iniziamo da un punto saliente: Loro riportano una frase del nostro programma elettorale:

"non ha senso prevedere opere che finiranno solo per deturpare un territorio già provato dal punto di vista paesaggistico e ambientale". Immaginando che la Fiumaretta (ex centrale termoelettrica dismessa) l'abbiano vista anche loro, saprebbero spiegare in parole semplici quale paesaggio si deturpa nell'abbattere il rudere attualmente presente e sostituirlo con un polo turistico? Hanno passato metà del consiglio comunale a parlare della fiumaretta come un luogo puzzolente e inquinato, nel quale però hanno lasciato lavorare per anni i dipendenti comunali, e oggi parlano di deturpazione del territorio di un posto dove è peraltro previsto che si faranno ulteriori controlli ambientali? Inoltre oggi si parla solo del polo turistico, ma all'interno dello stesso piano è previsto lo spostamento dei dipendenti comunali presso i locali del villaggio del fanciullo opportunamente ristrutturati.

D'altronde il Partito Democratico non gradisce quando gli si ricorda dei debiti che ha lasciato, dell'incapacità nel chiedere alla provincia i finanziamenti per la raccolta differenziata nei quartieri nei quali era stata avviata, dei soldi ENEL messi in spesa corrente in maniera irregolare e accampa sempre qualche scusa che non convince nessuno (e infatti sui debiti fuori bilancio non ha risposto anzi, abbandona il consiglio comunale). 

La verità è che una prassi seguita da tutte le amministrazioni passate è stata quella di lasciare le grane alle amministrazioni seguenti, cercando di mantenere lo status quo. Per questa ragione non si sono riconosciuti in consiglio i debiti derivati da sentenze, per questa ragione l'ammontare dei residui ha portato ad un taglio di 38 milioni di euro in bilancio, per questa ragione oggi dobbiamo fare i conti con un bilancio quasi impossibile e per questa ragione siamo tenuti a rispondere alla corte dei conti a causa delle irregolarità gravi che questa ha riscontrato durante gli anni 2011, 2012 e 2013.

Visto che il Partito democratico continua a parlare di trasparenza, e visto che non risponde sui debiti fuori bilancio, facciamo un'ulteriore domanda. Perché non ci da una spiegazione convincente della delibera di giunta n. 415 del 22/11/2013 nella quale si cita la richiesta (la n. 54331 del 20.09.2013) di acquisire a titolo non oneroso l'area denominata La Frasca (pineta) ad eccezione all'area assegnata al campeggio? Ricordiamo che tale area è stata poi venduta dall'ARSIAL, mentre anche quella avrebbe dovuto appartenere al comune di Civitavecchia e ai civitavecchiesi. Quanto hanno detto in precedenza non ci ha convinto affatto e troviamo assurdo che si possa tergiversare su questa vicenda considerando che quest'area è al centro di indagini inerenti a Mafia Capitale, sono coinvolti personaggi come Daniele Pulcini ed era previsto che sarebbero dovuti arrivare centinaia d'immigrati.


Civitavecchia - 

Durante l'ultimo cinsiglio comunale del 8 ottobre Antonio deve spiegare ai sette consiglieri comunali dell'opposizione il punto della situazione ed invitarli a ritrovare un modo nuovo di contribuire al risanamento della città. Ogni altra mia parola è superflua se si dedicano 10 min al video allegato.


Civitavecchia - 

D20150901_092742-300x168.jpgDopo il comunicato da parte dell'USB, nel quale, unendosi in coro ad alcuni esponenti di Forza Italia, chiede le dimissioni dell'assessore alle finanze Florinda Tuoro e del dirigente responsabile ai servizi finanziari Riccardo Rapalli, sento il dovere di replicare, non tanto per difenderne l'operato, ma per ristabilire un minimo quali siano le priorità dell'amministrazione comunale nei confronti dei suoi cittadini.

Inizio dalla critica che L'USB fa a quest'amministrazione quando parla della "NUOVA CULTURA DELLA TASSAZIONE" citando anche la questione spinosa delle bollette dell'acqua. Com'è noto a tutti, e lo è anche all'USB, il servizio idrico perde circa tre milioni di euro l'anno, perdita che viene ripagata con le tasse. Pertanto chi non ha pagato le bollette ha comportato un aumento generale della pressione fiscale e alla fine chi è in regola paga due volte. Poiché questa situazione non è più sostenibile e immaginando che l'USB voglia mantenere pubblico il servizio idrico, dovrebbe plaudire l'iniziativa dell'amministrazione comunale che ha avviato la riscossione delle bollette non pagate degli anni precedenti. Parlare dei ventimila euro spesi in raccomandate e non tenere conto dei milioni di euro di evasione al quale è stato soggetto per anni un servizio essenziale come quello dell'idrico è una leggerezza che non mi aspetto da un sindacato che si batte per mantenere pubblici i servizi essenziali.

Un'altra questione che ho l'impressione che l'USB stia completamente ignorando è la procedura di dissesto della Corte dei Conti alla quale proprio l'assessore alle finanze e il dirigente ai servizi finanziari stanno facendo fronte. Procedura che parte da un'indagine per gli anni 2011, 2012, 2013 pertanto non imputabile all'attuale amministrazione. Qualora questa procedura portasse al dissesto, si avrebbero delle ripercussioni gravissime sui lavoratori del comune, delle partecipate e di tutti quei cittadini che vivono nelle fasce sociali più deboli. Quindi, se adesso assessore e dirigente si dimettessero entrambi e tra venti giorni la Corte dei Conti chiedesse alcuni chiarimenti in merito al piano di rientro pluriennale, chi gli fornirebbe le risposte necessarie per evitare il dissesto? Nessuno, motivo per cui questa richiesta di dimissioni mi ricorda tanto una vulgata riguardo alla maniera originale, nonché dolorosa, con la quale il marito userebbe fare dispetto alla moglie.

Dal mantenimento pubblico dei servizi alla difesa dei posti di lavoro, gli obiettivi in comune tra USB e amministrazione comunale non mancano per questa ragione spero si possa costruire un rapporto più sano e meno teso con un sindacato al quale riconosco l'importanza della sua indipendenza dai partiti, ma di cui sinceramente faccio fatica a condividerne l'operato degli ultimi mesi.

Emanuele La Rosa
Consigliere Comunale M5S


Civitavecchia - 

Martedì 25 agosto, ore 18,30 presso i locali del DLF  (Dopolavoro Ferroviario, Via Leonardo 2), si terrà una riunione attivisti con il seguente ordine del giorno:

- agorà settembre
- riapertura sede
- riflessioni sul bilancio
- varie ed eventuali

Saranno presenti all'incontro il Sindaco (disponibile), gli Assessori (previa disponibilità) e i Consiglieri (previa disponibilità).
La cittadinanza attiva passa anche attraverso la presenza a questi eventi, pertanto si invita a partecipare numerosi.

 A presto


Civitavecchia - 

Trenta anni per ripianare ciò che i "competenti" sono riusciti a fare durante le loro amministrazioni. Ieri il consiglio comunale ha avuto una importanza storica. Quando nel 2040 i politici dovranno ancora mettere a bilancio 1 milione e 300 mila euro per ripagare il disavanzo tecnico riconosciuto nel 2015, si andrà a citare quel consiglio comunale del 20 luglio 2015 in cui tale disavanzo venne riconosciuto.
L'opposizione, che si nasconde dietro ad un dito con lo slogan al quale non crede nessuno "con i soldi di Enel ci abbiamo pagato i debiti e non alzato le tasse", si dimentica che nella relazione della Corte dei Conti, cito testualmente, si dice:
"Il ricorso ad entrate di carattere straordinario per il pagamento di spese fisse e ripetitive, da un lato, e l'accertamento di entrate prive di un titolo giuridico, dall'altro lato, costituiscono meccanismi contabili che determinano gravi rischi per gli equilibri di bilancio.
Tanto avviene sia nel contesto temporale dell'erogazione dell'entrata straordinaria, in cui l'Ente per l'effetto, si trova in una situazione di forte liquidità e, non impegnando l'entrata in investimenti, è spinto ad ampliare le spese correnti in modo anche superiore alle reali necessità, a mantenere le tariffazioni al di sotto della media ordinaria e a trascurare le riscossioni".
Le precedenti amministrazioni, compresa quella del Pd, avrebbero potuto riconoscere i debiti fuori bilancio già passati in giudicato e tenuti nel cassetto (non mettendoci neanche la faccia in consiglio comunale) e avrebbero anche potuto iniziare un'opera di riaccertamento vero dei residui attivi e passivi, invece di lasciare a noi questa dolorosa incombenza.
Invece l'unica cosa che sono riusciti a fare in 18 mesi è stato il firmare un'Aia scandalosa (difesa a spada tratta in Parlamento da Tidei figlia), senza riuscire a stipulare una convenzione chiara e trasparente che sarebbe rimasta anche alle future amministrazioni, e a ricevere una pioggia di milioni di euro, più di 1 al mese, senza alcun titolo giuridico.
La nostra amministrazione ha il grosso merito di aver avviato un'operazione trasparenza sul bilancio, rendendo edotti i cittadini sulla drammatica situazione del Comune senza continuare a nascondere la polvere sotto il tappeto e di aver iniziato un'intensa opera di razionalizzazione della spesa corrente, passata nel 2014 da 76 milioni di euro a 61 (un taglio del 20%). Sappiamo che alcuni provvedimenti, come l'aumento dell'Irpef, sono altamente impopolari, ma è anche fondamentale ricordare due aspetti: il primo è che le fasce più deboli sono tutelate con l'esenzione fino ai 10mila euro di reddito, la seconda è che il governo Renzi solo per quest'anno ha effettuato dolorosi tagli agli enti locali, nel caso del Comune di Civitavecchia quasi 3 milioni di euro.
Se il Pd locale vuole fare per una volta davvero qualcosa di buono per la città, chiami i responsabili nazionali del loro partito e gli riferiscano che tagliare soldi ai Comuni equivale a togliere servizi per i cittadini".
Marco Pucci
Consigliere Comunale M5S


Civitavecchia - 


Postato da M5S Civitavecchia il 18 luglio 2015 0 Commenti
Il 15 luglio è arrivata al Comune la notifica del dispositivo della corte dei conti che gli impone di preparare un piano pluriennale di corte-dei-contijpegriassestamento dei conti pubblici.

La notifica è l'atto finale di un'indagine avviata su richiesta del commissario prefettizio Ferdinando Santoriello.

Le ragioni di questo dispositivo sono provocate da tre "gravi irregolarità" che sono di seguito citate testualmente:

Costruzione degli equilibri di bilancio utilizzando entrate straordinarie per la copertura di spese fisse e ricorrenti. Vicenda Enel Produzione s.p.a.;
Equilibri di bilancio. Emersione di debiti fuori bilancio
Equilibri di bilancio. Società partecipate.
La Corte dei Conti fa chiarezza sull'uso distorto dei fondi ENEL che il Movimento Cinque Stelle ha sempre condannato.

Infatti i fondi straordinari dell' ENEL, presi sia dall'amministrazione Moscherini che da quella Tidei, sono stati utilizzati per la copertura di spese fisse e ricorrenti, finendo per finanziare sprechi e gonfiando i costi del comune in maniera strutturale.

La Corte dei Conti ha inoltre evidenziato che gli equilibri di bilancio sono a rischio a causa dei debiti fuori bilancio che le precedenti amministrazioni hanno ignorato, diventando delle "obbligazioni occulte in capo al Comune". L'attuale amministrazione riconoscendoli ha fatto un'opera di pulizia contabile mai fatta negli anni scorsi che ha preservato la città da prescrizioni potenzialmente peggiori dell'attuale dispositivo.

La Corte dei Conti ha infine accertato la situazione di estrema gravità delle partecipate, ha preso visione del piano dell'amministrazione e si raccomanda che sia attuato quanto prima.

Il piano di riequilibrio dei conti pubblici che la Corte dei Conti ha richiesto è essenziale per evitare il dissesto finanziario del comune, tra le cui conseguenze ci sarebbe l'adeguamento delle imposte, tasse locali, aliquote e tariffe di base nella misura massima prevista dalla legge.

Questo dispositivo emesso dalla magistratura contabile, consta di 54 pagine e ne consigliamo la lettura a tutti i cittadini di Civitavecchia in quanto offre un quadro desolante della razzia che una classe di politici cialtroni ha perpetrato nei confronti della nostra città.

Gruppo consiliare M5S


Civitavecchia - 

FAQ 11: Perchè trattate la questione dei debiti fuori bilancio come se fosse un successo? Anche gli altri sindaci li avevano riconosciuti, voi non avete fatto niente di speciale. E' storia vecchia, ogni sindaco li trova. Voi cosa avete fatto di buono?

R: "Non bisogna chiacchierare sui giornali, bisogna riconoscere i debiti fuori bilancio al primo consiglio comunale utile. Spieghiamo meglio: il Comune va in causa con una ditta per un lavoro. La ditta vince tutti i gradi di giudizio e quindi ha diritto ad essere pagata, in gergo "il debito passa in giudicato". La sentenza è quindi esecutiva. L'amministrazione al governo in quel momento deve quindi riconoscere al primo consiglio comunale il debito (anche se fatto da altre amministrazioni) ed iscrivere la somma nel bilancio corrente. Fare finta di niente, o riconoscere solo alcuni dei debiti fuori bilancio (i maligni pensano che ogni sindaco si sceglie quelli delle ditte a sè amiche), fa si che gli interessi maturino anche di molto ed un bel giorno arriva la resa dei conti. L'amministrazione 5 stelle non ha messo la testa sotto la sabbia ma ha semplicemente riconosciuto i debiti, come avrebbero dovuto già fare i predecessori, e li ha rateizzati per non far fallire il Comune. Se i debiti sono ancora li a maturare interessi (per questo dovrebbe intervenire la corte dei conti, per danno erariale. Se fossero stati messi subito a bilancio questi interessi, milionari, oggi non sarebbero esistiti) è perchè in precedenza molti politici hanno profuso buone parole ma poi non li hanno messi a bilancio, cosa assai scomoda. O lo hanno fatto solo con alcuni, tirati fuori dai cassetti."
28.09.2014
FAQ 10: Cosa si sta facendo per avere un guadagno per la città dal flusso crocieristico? In tutti questi anni nessuno ha fatto niente, voi ce la farete? Come?

R: "Per avere un guadagno dal flusso crocieristico bisogna preparare strutturalmente la città per accogliere le persone. Il che vuol dire strutture ricettive adeguate e una sapiente "vendita" del prodotto Civitavecchia. Per la prima parte stiamo collaborando con l'Autorità Portuale al fine di rendere comodo e magari piacevole la permanenza in città. Per la seconda stiamo promuovendo la riscoperta del nostro patrimonio artistico e culturale e stiamo dialogando con tour operator e armatori per la promozione della Città. Il nostro obiettivo è di essere pronti per la prossima stagione, ma non sarà facile".

FAQ 9: Gli impianti sportivi cadono a pezzi. Perchè non li mettete a posto?

R: "Perchè ci vogliono molti soldi e il bilancio del comune è in forte sofferenza. Anche in questo caso nel passato si sono adottate politiche di affidamenti diretti e incuria generale che hanno portato allo stato attuale delle cose. Nell'affidare gli impianti tramite bando pubblico, provvederemo a fare in modo che gli aggiudicatari mettano a norma gli impianti e li mantengano in buone condizioni. Allo stato attuale esistono troppi impianti gestiti in mancanza di convenzione o con quest'ultima già scaduta da anni".

FAQ 8: Come mai così frequentemente ci sono le emergenze rifiuti?

R: "Perchè i mezzi sono obsoleti e si rompono continuamente. In passato nessuno ha mai pensato di provvedere ad un programma serio di manutenzione. In questi giorni stiamo provvedendo all'affitto di mezzi nuovi essendo il costo delle riparazioni proibitivo e date le frequenti rotture. Inoltre, visto che per il 2015 è prevista la raccolta differenziata porta a porta e quindi i compattatori andranno verso la pensione".

FAQ 7: I parchi sono nel degrado e la città spesso è sporca. Perchè nonostante i dipendenti sono più del dovuto non si riesce ad avere un servizio efficiente? Non si possono tagliare i maxi stipendi dei dirigenti?

R: "La manutenzione straordinaria dei parchi è uno degli interventi in ottemperanza alla VIA 2003 che abbiamo intenzione di far imporre ad Enel dal ministero dell'ambiente. Eseguiti gli interventi, metteremo a bando i parchi al terzo settore (cooperative sociali e onlus) in modo da scongiurare la politica dell'imprenditore pieno di soldi che compra uno dei parchi. Per quanto riguarda la pulizia, tutti conoscono i problemi relativi al comparto delle partecipate. In questi giorni abbiamo parlato con i responsabili dei servizi per un giro di vite sulla scarsa produttività dei lavoratori. Purtroppo la mancanza di mezzi in buone condizioni, si riflette sul lavoro svolto. Ai dirigenti non si può tagliare lo stipendio perchè frutto di contrattazione con l'azienda. Quindi operando in maniera arbitraria e unilaterale si esporrebbe l'azienda ad altre cause di servizio. Il problema verrà risolto una volta riassettato tutto il comparto delle partecipate; lavoro purtroppo non semplice o di breve durata".

FAQ 6: Le perdite idriche sono rimaste aperte per troppo tempo. Perchè non si sono aggiustate subito?

R: "Siamo intervenuti tempestivamente (leggi affido diretto) per le buche che ritenevamo più pericolose per l'incolumità degli automobilisti e dei pedoni. Per le altre abbiamo avviato una procedura di selezione della ditta che provvederà a riparare le perdite. La procedura è stata fatta con il criterio di rotazione per evitare di far lavorare sempre le stesse ditte. In questi giorni si stanno riparando le perdite (dovrebbe essere finito o quasi) e l'assessore sta lavorando con il responsabile del servizio idrico all'istituzione di una squadra di operai del comune che possa effettuare lavori di manutenzione ordinaria per evitare situazioni di criticità".

FAQ 5: Al mercato non si capisce niente. Perchè non riaprite? Quanto tempo ci vorrà? Cosa hanno combinato in passato?

R: "Il mercato è l'emblema di come è stata amministrata la città negli ultimi 20 anni: approssimazione e sciatteria imperante. In questi 3 mesi abbiamo ultimato le pratiche per lo spostamento del "san lorenzo provvisorio" e dell'ortofrutta. Stiamo disegnando gli stalli in modo da rispettare le leggi vigenti e i regolamenti. Non è facile perchè niente sembra essere stato fatto secondo criterio in questi anni. Ne è riprova il vecchio mercato ittico che a causa di lavori fatti male richiede ulteriori interventi di messa a norma. La burocrazia purtroppo ci sta rallentando più del previsto. Ma tutte le soluzioni adottate sono state condivise con gli operatori e verranno attuate nel più breve tempo possibile. Si ricordi che rispetto al progetto originario si è speso più del doppio: un enorme spreco di soldi pubblici frutto di disorganizzazione e incredibile incompetenza".

FAQ 4: L'Enel continua ad inquinare come prima, solo che quando c'erano altri sindaci almeno dava contributi. Perchè non vi fate dare i soldi anche voi? E se non si può fare, perchè non la chiudete?

R: "Enel inquina a norma di legge anche grazie all'azione dell'amministrazione Tidei che in cambio di 900.000 tonnellate di carbone in più bruciabile in un anno, ha avuto la promessa di 26 milioni di euro da ascrivere a bilancio. Il problema è che parte di questi soldi sono stati elargiti a fronte di NIENTE. Non c'è un accordo, non c'è una carta scritta, ma solo una serie di richieste da parte dell'ex-sindaco come potete vedere nei documenti di seguito (abbiamo le lettere). Detto questo, l'elargizione di Enel è servita quindi a poter inquinare di più (o a regolarizzare un inquinamento già fuori norma) e a drogare il bilancio del Comune che per questo motivo, adesso, è in forte sofferenza. È ovvio che non si può continuare su questa strada. La centrale per ora non può essere chiusa. Quello che si può fare è chiedere il rispetto dell'accordo che prevedere un investimento di 300 milioni di euro nelle rinnovabili a Civitavecchia; investimento che è il vero viatico per poter chiudere la centrale e mantenere i livelli occupazionali. Inoltre Enel non ha ancora ottemperato ad alcune prescrizioni della VIA del 2003 propedeutiche all'esercizio della centrale stessa. Noi riteniamo superate quelle prescrizioni e ne stiamo presentando di nuove al ministero dell'ambiente che dovrà pronunciarsi. Andiamo quindi a pretendere opere per la città e non soldi per bacini clientelari come è stato fatto in passato".

FAQ 3: Vi abbiamo votato per il cambiamento ma a tre mesi di distanza il drastico cambio di rotta non c'è stato. Cosa state facendo dentro al Comune? Perchè i risultati non sono subito arrivati?

R: "Amministrare una città dovrebbe essere paragonabile a guidare una macchina. I cittadini cambiano la guida della macchina e il guidatore apporta modifiche all'assetto della stessa per conformarla al suo stile di guida. Il comune di Civitavecchia è una macchina smontata e con le gomme bucate. In questi tre mesi abbiamo lavorato per ovviare alle emergenze di un'amministrazione lasciata a sè stessa e nel contempo stiamo rimontando la macchina. Chiunque ritenga che un'operazione del genere sia possibile in tre mesi purtroppo non ha cognizione del problema; anche se il problema poi è sotto gli occhi di tutti. Confidiamo che i risultati del nostro lavoro si riescano a vedere il prima possibile; a nostro parere un lasso di tempo appena ragionevole è un anno".

FAQ 2: Un cittadino quale iter deve fare per segnalare una problematica di carattere pubblico, come ad esempio una perdita d'acqua un marciapiede dissestato, presenze di barriere Architettoniche? Ho segnalato la cosa sul gruppo facebook è sufficiente?

R: Le segnalazioni non devono essere fatte sul gruppo facebook del movimento 5 stelle, esiste un ufficio preposto del comune l' URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico) che regola i rapporti con i cittadini. L'ufficio è aperto tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 9,30 alle ore 12,30, e i martedì e giovedì, anche nelle ore pomeridiane dalle ore 15,30 alle ore 17,30. Per tutti i cittadini che non riescono a recarsi in loco, il comune mette a disposizione del cittadino altre modalità di segnalazione:

per via telefonica: al Numero Verde 800 400405 o ai numeri 0766 590241-42-12
per mezzo Fax al numero 0766 590255 o email all'indirizzo urp@comune.civitavecchia.rm.it inviando l'apposito modulo di segnalazione messo a disposizione nel sito del comune (link)
FAQ 1: Quando verrà effettuato l'accredito di 121 euro a favore degli scrutatori delle passate elezioni amministrative per il servizio prestato durante il ballottaggio dell'8 Giugno?

R: Premesso che il Comune ha quattro mesi di tempo per effettuare i pagamenti agli scrutatori, come da circolare del ministero (dalla data delle elezioni ndr), l'ufficio provvederà al pagamento entro l'inizio di settembre. Se ne darà comunicazione appena saranno inviati i mandati di pagamento in banca.

I candidati a Civitavecchia

  • user-pic
    alessandra riccetti
  • user-pic
    Andrea Bertolini
  • user-pic
    antonio cozzolino
  • user-pic
    D'Ambrosio Elena
  • user-pic
    Daniela Lucernoni
  • user-pic
    Daniele Brizi
  • user-pic
    Emanuele La Rosa
  • user-pic
    Fabrizia trapanesi
  • user-pic
    Francesco Fortunato
  • user-pic
    Fulvio Floccari
  • user-pic
    Laura Marini
  • user-pic
    luciano girolami
  • user-pic
    MARCO1979
  • user-pic
    marzia bianco
  • user-pic
    Matteo Manunta
  • user-pic
    Patrizio Carlini
  • user-pic
    Raffaella Bagnano
  • user-pic
    roly56
  • user-pic
    ROSANNA LAU
  • user-pic
    Valentina Pieri