MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Crotone - 

-

Scifo chi ha colpe paghi.png Crotone - Era ora! Finalmente, dopo più di 3 mesi dalle sue prime dichiarazioni riguardo al Marine Park Village, in seguito agli esposti presentati dal M5S, da cittadini e da associazioni ambientaliste, alle azioni e all'impegno profuso dal Comitato cittadino "Scifo e Promontorio Lacinio", all'ordinanza del Tribunale del Riesame n. 14/2017 dell'11 aprile, che ha confermato il sequestro del villaggio, ribadendo tutti i capi di imputazione della Procura, anche a carico dei committenti, compreso quello di "lottizzazione abusiva", il signor Sindaco, Ugo Pugliese, si è deciso ad avviare l'iter per la revoca in autotutela del permesso a costruire del "Marine Park Village"

In tal senso spingeva anche l'interrogazione a risposta scritta, da noi presentata con n. prot. 20170010894 del 27.02.2017, che chiedeva esplicitamente, alla luce delle discrepanze da noi rilevate e documentate, di agire con una revoca in autotutela, richiesta a cui non era stata data alcuna risposta istituzionale.
Accogliamo con soddisfazione l'annuncio dell'avvio del suddetto provvedimento amministrativo, che rappresenta un successo della società civile, la quale, con impegno e consapevolmente, ha difeso l'integrità di un patrimonio ambientale ed archeologico, di valore inestimabile, dall'attacco di un invasivo e sconsiderato intervento edilizio, camuffato sotto le mendaci vesti di attività agrituristica.

Qualcuno in Comune "ha chiuso gli occhi" ed ha concesso ciò che non si poteva concedere.

Visto che il sindaco ha "scoperto" una delle tante irregolarità, adesso chiediamo che chi ha permesso di deturpare la costa di Scifo paghi per le proprie responsabilità e venga rimosso dall'incarico.

Auspichiamo che dopo la revoca del permesso a costruire ci sia, nei tempi dovuti, il ripristino dei luoghi allo 'status quo ante'.


MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia



La Calabria vuole volare


Crotone - 

-

Aeroporti Calabresi.png Crotone - Non solo i crotonesi, ma tutti i calabresi reclamano: "La Calabria vuole volare!'
Questo potrebbe essere il momento del decollo!

L'operazione 'Eumenidi', oltre a decapitare il CdA della Sacal, lo ha di fatto azzerato. Quasi tutti i componenti superstiti si sono dimessi e, quindi, sarà nominato un nuovo Consiglio di Amministrazione.

È arrivata l'ennesima occasione per la politica calabrese di dimostrare quanto bene vogliano alla nostra terra ed al nostro futuro.

Chiediamo che tutti i soci di Sacal sappiano uscire dalle logiche delle poltrone e rilancino il sistema aeroportuale regionale, nominando un CdA tecnico e competente, persone che sappiano far decollare la Calabria. La Regione, le Province, i Comuni ed i soci privati sapranno dimostrare di curare gli interessi della comunità su questo importante banco di prova? Oppure assisteremo all'ennesima spartizione di poltrone per riciclare chi ha portato voti e non é stato eletto? Le poltrone di Sacal saranno mezzo di scambio di voto per le prossime elezioni amministrative di Catanzaro? L'unico percorso possibile adesso è quello della trasparenza e della valutazione delle competenze, proprio quelle messe da parte dalla politica delle clientele!

Noi del M5S vigileremo e chiediamo a tutti voi di vigilare assieme a noi affinché questa occasione di sviluppo e progresso venga colta per dimostrare che si vuole il cambiamento e si vuole attuare una nuova politica basata sulla meritocrazia, la competenza e la trasparenza.

MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia




Crotone - 

-

pariopportunita1.jpg
A distanza di quasi un anno dall'insediamento dell'attuale Amministrazione comunale, è stata, finalmente, istituita la Commissione speciale "Pari Opportunità", all'interno della quale, in qualità di esperta esterna, rappresento il Movimento 5 Stelle Crotone.
Una commissione che, al pari delle altre, è da considerarsi al servizio di tutti i cittadini senza distinzione di genere, animata, appunto, dalla determinazione ad avanzare proposte tese a rimuovere gli impedimenti alla piena affermazione della persona in quanto tale.
Sono certa che, attraverso il confronto, sapremo ben armonizzare le competenze, frutto di esperienze personali e professionali differenti, di cui ognuna delle 15 componenti è espressione, per restituire il giusto valore e significato a questo importantissimo strumento istituzionale, in sintonia con l'assessorato alla "Pari opportunità" del comune di Crotone e con gli organi equipollenti istituiti presso la Regione Calabria, la Provincia di Crotone e il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Crotone.
"Pari opportunità" è un concetto che richiama immediatamente l'universo femminile, tuttavia nasconde ramificazioni profonde che toccano il tessuto socio - economico in cui il soggetto, discriminato e offeso, si trova ad agire, con tutto il suo complesso di relazioni.
Riflettere sulla "questione femminile" significherà riflettere sulle reali opportunità lavorative, associative, culturali offerte alle donne, giovani e non, in un contesto, quale quello crotonese, in cui un'attenzione particolare dovrà essere rivolta a tutti coloro i quali si trovano a rischio di esclusione sociale o già ai margini della società.
Garantire la donna significherà, quindi, garantire chi vive con lei e intorno a lei, al fine di creare un ambiente veramente inclusivo.
Prendere in considerazione solo la donna in difficoltà non è sufficiente, per quanto necessario, occorre puntare sulla prevenzione.
La scuola è, in tal senso, il tassello fondamentale su cui investire per incoraggiare rapporti interpersonali rispettosi e consci della diversità come valore, mettendo a nudo l'inconsistenza degli stereotipi di genere.
Sarà indispensabile interagire con chi da tempo opera nel settore e ha maturato una preziosa esperienza sul territorio, così da incanalare i vari contributi in un'unica direzione.
L'ascolto e l'osservazione sistematica dovranno rappresentare non il punto di arrivo, ma lo slancio verso piani d'intervento concreti, finalizzati ad evitare le discriminazioni, alla base della prevaricazione e della violenza, e a sostenere le tante donne che quotidianamente lottano fra impegni familiari e lavorativi, spesso al limite dello sfruttamento.
Nello specifico, a guidarci dovrà essere la nostra Carta costituzionale che all'art. 37, nel tutelare la parità dei diritti della "donna lavoratrice", stabilisce che "Le condizioni di lavoro devono consentire l'adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale e adeguata protezione".
Bisognerà, per questo, monitorare ed indirizzare al meglio l'utilizzo delle risorse economiche e strutturali che provengono dagli organi di Governo, dalla Regione Calabria, ma anche da una più attenta gestione della macchina amministrativa locale. Ringrazio i membri del Meetup "Amici di Beppe Grillo Crotone" e i consiglieri comunali del M5S, per la scelta a componente esterna della Commissione consiliare "Pari opportunità", designazione che mi pone al servizio dei cittadini e delle istituzioni.
"Nessuno deve rimanere indietro", è questo il principio di esplicita solidarietà sociale che anima il Movimento Cinque Stelle e rappresenta il filo conduttore del mio agire, pubblico e privato.

Componente M5S Crotone della Commissione Pari Opportunità
Natascia Senatore

MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia




Crotone - 

-

Bonifica Crotone.png Crotone - Se c'è una cosa che accomuna noi crotonesi è sicuramente il desiderio di eliminare tutti i veleni dai terreni inquinati nella zona industriale. Non solo perché è un diritto di noi tutti ma perché è un dovere civile lasciare alle generazioni future un paese migliore!
In passato abbiamo chiesto al sindaco di convocare un consiglio comunale aperto a tutte le forze in gioco sulla questione della bonifica, ma come al solito siamo rimasti inascoltati, perché questa amministrazione si è chiusa a riccio. Non chiedeteci il perché, non lo sappiamo. Quando le Istituzioni latitano o brancolano nel buio, i cittadini si sentono smarriti e, in situazioni così delicate e difficili, si può facilmente incorrere in errori di valutazione, scelte affrettate non supportate da valide e certe prove ed argomentazioni.
Siamo fortemente preoccupati di questa incapacità della politica di coinvolgere i cittadini in un processo decisionale così importante.
Viviamo nel paese della "Terra dei fuochi" e non sono lontani i tempi in cui nella vicina Campania la criminalità organizzata ha arrecato danni incalcolabili al paesaggio, al territorio, ai cittadini, alla loro Salute ed alla loro Economia. Non è forse logico pensare al rischio che anche la 'ndrangheta voglia mettere le mani sulla nostra bonifica?
Il vuoto lasciato dalla politica è estremamente pericoloso e potrebbe lasciare lo spazio ad interessi personalistici, a presenzialismi inutili o, peggio, ad affari illeciti che comporterebbero danni irreversibili e incalcolabili.
In questo frangente l'unità e la partecipazione dei cittadini è fondamentale, perché sono loro i migliori controllori di una fase delicata come questa!
Quindi, rinnoviamo l'invito a Pugliese affinché convochi un'assemblea cittadina, come previsto dall'art. 55 del Regolamento per la partecipazione popolare, assemblea aperta a tutti i livelli istituzionali, con le parti sociali, Provincia, Regione, tutti i deputati e senatori eletti nel territorio calabrese, i Tecnici della Regione e del Ministero e gli stessi dirigenti Syndial.
Noi, intanto, ci attiveremo per raccogliere le firme per una convocazione prevista dal secondo comma del citato articolo del Regolamento comunale. Vediamo se il sindaco sarà più veloce dei cittadini.
Noi a dialogare con loro ci siamo. E Lei, Sindaco?

MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia



Aeroporto nella nebbia


Crotone - 

-

Aeroporto_nella_nebbia.png

Crotone - La questione aeroportuale in Calabria sembra finita all'interno di una nebbia generata ad arte dalla solita politica calabrese che promette, si impegna per poi lasciare con un pugno di mosche in mano i cittadini della regione, che sperano che prima o poi in questa terra ci sia una classe politica degna di rappresentarli.

E' arrivato per Oliverio il momento di essere chiaro, mostrare la sua volontà politica e trasferirla all'interno della Società SACAL che, ricordiamolo, è a maggioranza pubblica, e per sua natura deve fare gli interessi pubblici, anche perchè avrà la responsabilità di un diritto fondamentale per noi calabresi, la mobilità.

Ma l'ambiguità su cui si muove il presidente della regione è disarmante.

Oliverio deve dire chiaramente se vuole spingere per un' unica società di gestione dei tre aeroporti o per un' unica società di gestione per un unico aeroporto, perchè le indiscrezioni che stanno uscendo sulla stampa ci preoccupano e non poco!
La Regione sulla carta, più precisamente sul Piano regionale dei trasporti, scrive che occorre in Calabria il quarto aeroporto, più precisamente quello della Sibaritide, ma poi le scelte e gli atti politici fanno presagire il rafforzamento di un'unica infrastruttura aeroportuale, quella lametina.

Dall'altra parte dispiace anche il comportamento del Sindaco di Crotone Pugliese, che lancia ingannevoli proclami di unione sulla questione aeroporto, come nell'ultimo Consiglio riguardante tale argomento in cui ci si impegnò in un tavolo tecnico permanente mai messo in funzione. Veniamo anche a sapere di incontri sul tema con i consiglieri di maggioranza e l'esclusione dell'opposizione...

Il movimento 5 stelle sul tema si è mosso subito, supportando la battaglia con gli interventi su tutti i livelli istituzionali, con l'intervento del senatore Morra al Consiglio comunale, unico parlamentare intervenuto, e con quelli della deputata Federica Dieni alla Camera.

Noi rimaniamo disponibili a condividere un percorso per la difesa del diritto alla mobilità nel territorio crotonese e non solo. Il sindaco, da parte sua, deve smetterla di isolarsi e mostrarsi aperto alle altre forze politiche in campo.

Lo deve ai Crotonesi, a una gran parte di Calabresi che rientrano nel bacino dello Scalo pitagorico e infine anche agli EX lavoratori della S.Anna SPA.


MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia




Crotone - 

-

Casaxtutti.JPG Crotone - L'ultimo Consiglio Comunale del 27 marzo 2017 ha interessato, come 6° punto all'ordine del giorno, una nostra mozione, ovvero "Realizzazione Sistema di Report Patrimonio Immobiliare Privato". Esso impegnerebbe il Sindaco e la Giunta ad incaricare gli uffici comunali di dotarsi di strumenti necessari per effettuare un adeguato rilevamento del numero degli alloggi privati non occupati, in funzione di una migliore pianificazione sul territorio di eventuali concessioni edilizie e nell'ottica di una politica che ottimizzi ed efficienti l'offerta di edilizia sociale.

Durante la discussione del punto la maggioranza del consiglio comunale ha proposto, dopo una pausa e vari interventi, di ritirare la mozione proposta, con l'impegno di approfondire il tema dell'edilizia privata e sociale dopo una disamina in sede di commissione consiliare di competenza.

Ci auguriamo di poter trattare questo importante argomento al più presto, con la speranza che il governo di questa città metta al centro la questione della pianificazione territoriale in relazione alle nuove edificazioni e all'edilizia sociale, essenziale per risolvere un problema emergenziale per i cittadini di Crotone che si trovano in maggiore difficoltà. Affrontare questa impellente necessità significherebbe dimostrare una attenta gestione del territorio che ogni amministrazione deve/dovrebbe realizzare.


MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia



Crotone - 

-


Esercizio 2016.png

Crotone - Una partecipazione sentita quella di sabato pomeriggio, nella sala Mancuso della Parrocchia San Domenico, all'incontro promosso dal M5S e dal meetup Amici Beppe Grillo di Crotone, durante il quale ci si è confrontati sul "Reddito di Cittadinanza", tema al centro di un acceso dibattito a livello nazionale.

"Nessuno deve rimanere indietro", questo l'obiettivo principale sotteso alla proposta del Movimento 5 Stelle tramite l'istituzione di un reddito di cittadinanza, da intendere non come assistenzialismo passivo, ma come forma di tutela sociale volta, sostanzialmente, alla riattivazione del sistema economico.

Infatti, tramite la previsione di incentivi e benefici per le aziende che impieghino al loro interno i soggetti interessati, è collegato direttamente all'occupazione e alla creazione di impresa.

L'incontro ha preso il via proprio con la spiegazione dei contenuti del Disegno di legge n. 1148 presentato dal M5s, riguardante appunto l'istituzione del Reddito di cittadinanza. Nel dettaglio, sono stati indicati i potenziali beneficiari, gli obblighi imposti per accedere e mantenere il beneficio, i costi e le risorse finanziarie da reperire per la realizzazione di tale misura, la previsione di un necessario rafforzamento dei Centri per l'impiego e, infine, la creazione di un apposito sistema di controllo ancorato all'interscambio informatico dei dati dei beneficiari, tra l'Agenzia delle Entrate ed il Ministero competente, con la rivalutazione, anno per anno, della situazione reddituale di chi chiede sostegno.

A seguire, la consigliera M5s Regione Lazio, Valentina Corrado, crotonese d'origine, ha spiegato come in alcuni Comuni a 5 stelle sia stato già realizzato un Reddito di cittadinanza "locale", portando come esempio concreto la realtà del Comune di Pomezia, in cui la stessa vive.

Attraverso tagli ai costi della politica e una gestione virtuosa della cosa pubblica nonché delle risorse previste in bilancio, a Pomezia, senza attingere ad altre fonti se non a quelle comunali, è stato possibile garantire a soggetti in condizioni di particolare disagio e, quindi, a rischio di esclusione sociale, un sostegno economico pari a 500,00 €, mediante appositi bandi del settore Politiche Sociali del Comune.

La consigliera regionale Corrado, ha continuando insistendo sulla necessità di farsi attivamente promotori di un cambiamento e ha invitato tutti i cittadini a partecipare alla vita politica -istituzionale di Crotone, presenziando, innanzitutto, le commissioni ed i consigli comunali, per "far sentire il fiato sul collo" agli amministratori locali, soprattutto sulle scelte riguardanti la destinazione delle royalties provenienti da ENI SpA.

Proprio prendendo spunto dal virtuoso esempio pometino, si è passati a ragionare sulla necessità/opportunità di intervenire allo stesso modo nella città di Crotone.

L'elevata percentuale di disoccupati unitamente alle difficoltà di migliaia di famiglie crotonesi in stato di grave difficoltà economica imporrebbero infatti una seria proposta di misure a sostegno del reddito. Si è evidenziato come, a differenza del comune di Pomezia, nei capitoli di bilancio del Comune di Crotone, la previsione e la disponibilità nel settore delle politiche sociali, con riferimento ai "soggetti a rischio di esclusione sociale", è pari a 0,00 €, quando, invece, l'analisi del contesto sociale cittadino imporrebbe una seria proposta di misure di sostegno al reddito.

Proprio nell'ambito delle politiche sociali persiste la mancanza di una progettualità efficace, tanto a livello locale quanto regionale, che è la causa principale dello spreco di risorse preziose, destinate a sostenere l'occupazione e contrastare la povertà.

L'evento è stato concluso dall'intervento del consigliere comunale M5S, Andrea Correggia, che ha posto l'accento sull'emergenza abitativa della nostra città; lo stesso ha illustrato i risultati di uno studio condotto, in particolare, nel quartiere Fondo Gesù, alla luce del quale ha delineato una proposta volta ad affrontare in maniera decisa il problema. Si tratta di porre fine ad una serie di clientelismi e di ingiustizie riscontrate nel settore dell'edilizia residenziale popolare convenzionata, di competenza del Comune di Crotone. Lo stesso ha, inoltre, evidenziato che l'attuale amministrazione comunale non ha dimostrato alcun interessamento in merito. Proprio per questo, il consigliere Correggia ha reso noto che presenterà al prossimo consiglio comunale, previsto per lunedì 27 c.m., una mozione per discutere proprio di tale annoso problema e chiederà alla Giunta comunale una diagnosi del patrimonio immobiliare privato, con particolare riferimento alle unità abitative attualmente non locate.

I cittadini hanno mostrato interesse, ponendo delle domande sugli argomenti esposti sia agli eletti del M5s, che agli attivisti presenti.

Ancora una volta il Movimento 5 Stelle sposa l'idea di una politica al servizio dei cittadini e se ne fa portavoce!

Infine, si ribadisce che, chi fosse disponibile ad organizzare un incontro nel proprio quartiere, può scrivere al meetup, tramite l'email amicidibeppegrillocrotone@gmail.com


MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia


Evernto_25032017.jpg


Crotone - 

-


25.03.2017-M5S-RdC.png

Prosegue il tour nei quartieri della Citta di Crotone promosso dai consiglieri comunali del M5S, Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia, insieme agli attivisti del MeetUp "Amici Beppe Grillo Crotone".

Sabato 25 marzo 2017, dalle ore 17:00 alle ore 19:00, presso la sala "Mancuso", adiacente la Parrocchia di San Domenico, si svolgerà il quinto incontro sul tema del "Reddito di cittadinanza", al quale prenderà parte anche la consigliera M5S, Regione Lazio, Valentina Corrado.

In quella sede, ai cittadini saranno fornite tutte le informazioni utili per conoscere i contenuti del disegno di legge del M5s sull'istituzione del Reddito di cittadinanza.

Si spiegherà a chi è rivolta questa misura e quali sono i requisiti per potervi accedere, evidenziando che non si tratta di assistenza sociale passiva poiché, pur essendo una misura di protezione sociale, impone comunque obblighi precisi ai soggetti beneficiari.

Il reddito di cittadinanza, infatti, è sì una misura di tutela, ma, soprattutto, è uno strumento di riattivazione del sistema economico, perché, tramite la previsione di incentivi e benefici per le aziende, è collegato direttamente all'occupazione e alla creazione di impresa.

Oltre alla proposta di legge nazionale si parlerà del Reddito di cittadinanza "locale", già realizzato concretamente in alcuni Comuni amministrati dal M5s, portando come esempio la realtà di Pomezia attraverso la testimonianza della consigliera M5s della Regione Lazio, Valentina Corrado.

I due consiglieri comunali M5S di Crotone, Sorgiovanni e Correggia, invece, confronteranno queste realtà con quella di Crotone, evidenziando i limiti dell'attuale politica sociale e di sviluppo non in linea con le esigenze del territorio.

Attraverso un contributo video, interverrà anche l'Europarlamentare M5s, Laura Ferrara, per relazionare sui diversi obiettivi dei fondi europei destinati alle locali politiche sociali, obiettivi spesso non raggiunti per l'incompetenza e le inadempienze della Regione Calabria.

Al termine dell'evento, i cittadini saranno invitati ad un confronto sul tema e sulle problematiche quotidiane del quartiere, attraverso un dialogo interattivo con i consiglieri e gli attivisti presenti.

Nessuno deve rimanere indietro, tutti meritano di vivere dignitosamente!

Chi fosse disponibile ad organizzare un incontro nel proprio quartiere, può scrivere al meetup, tramite l'email amicidibeppegrillocrotone@gmail.com


MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia



Crotone - 

-

Le proprie colpe agli altri

Sorgiovanni_Correggia_M5S_Crotone.jpg Ci chiediamo come mai tutti i consiglieri di maggioranza tacciano sull'aumento delle indennità, deliberate dalla Giunta del 13 febbraio u.s... forse hanno avuto in consegna il silenzio? Non hanno argomenti per difendere un provvedimento cosí scriteriato. Oppure anche loro stanno pensando a come aumentare i gettoni di presenza?

In questo silenzio assordante, per distrarre l'attenzione e togliersi dall'imbarazzo, i Consiglieri di Laboratorio Crotone non trovano di meglio che polemizzare, in modo pretestuoso e sterile, con il M5s, sul sistema della depurazione, insinuando tesi complottistiche e fuorvianti, invece di discutere seriamente del problema e condividere le preoccupazioni di tutti noi cittadini. È troppo facile attribuire le proprie colpe agli altri: chi nomina nelle partecipate gli amici del Pd con cui sono stati stretti accordi pre e postelettorali, si permette il lusso di accusare chi non ha né il potere né l'ethos per ricorrere a certi patti subdoli e dannosi per la cittadinanza. L'incontro istituzionale ed ufficializzato, annunciato anche sui social, ha avuto l'unico scopo di discutere e sollecitare ad un'azione univoca, che tenesse conto della situazione reale e che coinvolgesse attraverso un dialogo interattivo e partecipativo tutte le componenti interessate, dal Consiglio comunale, alla Regione, agli esperti del settore e, non ultimi, ai cittadini.

Quante illazioni e tentativi di arrampicarsi sugli specchi per attaccare ed evitare di giustificare la propria condizione di ignavia ed indifferenza verso problemi gravi ed impellenti: è sotto gli occhi di tutti lo stato in cui versa la rete fognaria ed il depuratore di Crotone a poco più di due mesi dall'inizio dell'estate!

Ed allora, facciamo le persone serie ed affrontiamo le difficoltà della città con un intento vero, scevro da interessi particolari, volto al Bene Comune, tanto sbandierato e millantato nei mesi che hanno preceduto la consultazione elettorale scorsa.


MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia



Crotone - 

-

Pensavamo non fosse possibile ...

Crotone-Municipio-2.jpg ... che in soli 9 mesi di governo della città, l'amministrazione Pugliese/Sculco facesse peggio dell'amministrazione Vallone. Negli ultimi tempi avevamo cominciato a sospettare qualcosa, ma adesso è ufficiale!

Dopo l'aumento del 10% delle indennità del Sindaco, degli assessori e del Presidente del Consiglio, con delibera n.38 del 13/02/2017, che annulla il taglio operato dalla precedente giunta, non c'è più alcun dubbio sulle reali intenzioni di questa Amministrazione.

Piccole cose, intendiamoci, nulla di particolarmente eclatante per una giunta nata sotto l'insegna della famiglia Sculco. Ci sono effetti ancora più gravi come la chiusura dell'aeroporto, che negli anni passati con mille difficoltà è sempre rimasto aperto, garantendo al territorio il collegamento aereo nazionale e che con questa giunta è stato chiuso. L'accanimento terapeutico per una gestione territoriale e, quindi, "politica" e "subordinata " a logiche particolari, ha condotto ad una procedura che ha avuto come esito l'intralcio del regolare e fluido svolgimento del Bando, con conseguenze disastrose per i dipendenti, per i cittadini, per i turisti, per l'intero territorio.

Frutto della logica della difesa di poltrone e gestione del potere, questo modo di agire ha portato il Sindaco Pugliese (Sculco?) ed i suoi seguaci, allo scontro istituzionale con la regione, grazie al ricorso che ha rallentato le procedure di gara dell'assegnazione dell'aeroporto, come sostenuto anche dal ministro Delrio.

Questa è un'amministrazione gestita da figuranti, piegati alla volontà del padrone di via Roma, nani della politica che non vogliono scoprirsi per non mostrare il dilettantismo e l'assoluta dipendenza, nella gestione della cosa pubblica, da forze esterne agli organi di governo.

Sono politicamente così piccoli che non capiscono la necessità di tante famiglie indigenti sulle quali pesa spesso anche l'emergenza abitativa: un popolo di invisibili, snobbati da oscuri personaggi politici arraffoni e presuntuosi, preoccupati solo di nascondere la loro sete di potere!

Lo hanno dimostrato bocciando la proposta del Movimento 5 Stelle di modificare il regolamento per permettere le riprese in diretta delle sedute nelle commissioni consiliari, atto di democrazia partecipata e trasparenza dovuto ai cittadini.

Per non parlare poi del ritardo imbarazzante sull'esecuzione della delibera di consiglio, che impegnava la giunta alle riprese in streaming dei consigli comunali.

Il comune di Crotone è guidato da una Giunta che cerca di arraffare ciò che può, al limite della legalità, ma non certo nei limiti della decenza o del buon senso.

Noi continueremo come sempre a vigilare, denunciare, informare i cittadini, di tutte le indecenze ed inefficienze che i cittadini vivono quotidianamente.


MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia