MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Crotone - 

-


25.03.2017-M5S-RdC.png

Prosegue il tour nei quartieri della Citta di Crotone promosso dai consiglieri comunali del M5S, Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia, insieme agli attivisti del MeetUp "Amici Beppe Grillo Crotone".

Sabato 25 marzo 2017, dalle ore 17:00 alle ore 19:00, presso la sala "Mancuso", adiacente la Parrocchia di San Domenico, si svolgerà il quinto incontro sul tema del "Reddito di cittadinanza", al quale prenderà parte anche la consigliera M5S, Regione Lazio, Valentina Corrado.

In quella sede, ai cittadini saranno fornite tutte le informazioni utili per conoscere i contenuti del disegno di legge del M5s sull'istituzione del Reddito di cittadinanza.

Si spiegherà a chi è rivolta questa misura e quali sono i requisiti per potervi accedere, evidenziando che non si tratta di assistenza sociale passiva poiché, pur essendo una misura di protezione sociale, impone comunque obblighi precisi ai soggetti beneficiari.

Il reddito di cittadinanza, infatti, è sì una misura di tutela, ma, soprattutto, è uno strumento di riattivazione del sistema economico, perché, tramite la previsione di incentivi e benefici per le aziende, è collegato direttamente all'occupazione e alla creazione di impresa.

Oltre alla proposta di legge nazionale si parlerà del Reddito di cittadinanza "locale", già realizzato concretamente in alcuni Comuni amministrati dal M5s, portando come esempio la realtà di Pomezia attraverso la testimonianza della consigliera M5s della Regione Lazio, Valentina Corrado.

I due consiglieri comunali M5S di Crotone, Sorgiovanni e Correggia, invece, confronteranno queste realtà con quella di Crotone, evidenziando i limiti dell'attuale politica sociale e di sviluppo non in linea con le esigenze del territorio.

Attraverso un contributo video, interverrà anche l'Europarlamentare M5s, Laura Ferrara, per relazionare sui diversi obiettivi dei fondi europei destinati alle locali politiche sociali, obiettivi spesso non raggiunti per l'incompetenza e le inadempienze della Regione Calabria.

Al termine dell'evento, i cittadini saranno invitati ad un confronto sul tema e sulle problematiche quotidiane del quartiere, attraverso un dialogo interattivo con i consiglieri e gli attivisti presenti.

Nessuno deve rimanere indietro, tutti meritano di vivere dignitosamente!

Chi fosse disponibile ad organizzare un incontro nel proprio quartiere, può scrivere al meetup, tramite l'email amicidibeppegrillocrotone@gmail.com


MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia



Crotone - 

-

Le proprie colpe agli altri

Sorgiovanni_Correggia_M5S_Crotone.jpg Ci chiediamo come mai tutti i consiglieri di maggioranza tacciano sull'aumento delle indennità, deliberate dalla Giunta del 13 febbraio u.s... forse hanno avuto in consegna il silenzio? Non hanno argomenti per difendere un provvedimento cosí scriteriato. Oppure anche loro stanno pensando a come aumentare i gettoni di presenza?

In questo silenzio assordante, per distrarre l'attenzione e togliersi dall'imbarazzo, i Consiglieri di Laboratorio Crotone non trovano di meglio che polemizzare, in modo pretestuoso e sterile, con il M5s, sul sistema della depurazione, insinuando tesi complottistiche e fuorvianti, invece di discutere seriamente del problema e condividere le preoccupazioni di tutti noi cittadini. È troppo facile attribuire le proprie colpe agli altri: chi nomina nelle partecipate gli amici del Pd con cui sono stati stretti accordi pre e postelettorali, si permette il lusso di accusare chi non ha né il potere né l'ethos per ricorrere a certi patti subdoli e dannosi per la cittadinanza. L'incontro istituzionale ed ufficializzato, annunciato anche sui social, ha avuto l'unico scopo di discutere e sollecitare ad un'azione univoca, che tenesse conto della situazione reale e che coinvolgesse attraverso un dialogo interattivo e partecipativo tutte le componenti interessate, dal Consiglio comunale, alla Regione, agli esperti del settore e, non ultimi, ai cittadini.

Quante illazioni e tentativi di arrampicarsi sugli specchi per attaccare ed evitare di giustificare la propria condizione di ignavia ed indifferenza verso problemi gravi ed impellenti: è sotto gli occhi di tutti lo stato in cui versa la rete fognaria ed il depuratore di Crotone a poco più di due mesi dall'inizio dell'estate!

Ed allora, facciamo le persone serie ed affrontiamo le difficoltà della città con un intento vero, scevro da interessi particolari, volto al Bene Comune, tanto sbandierato e millantato nei mesi che hanno preceduto la consultazione elettorale scorsa.


MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia



Crotone - 

-

Pensavamo non fosse possibile ...

Crotone-Municipio-2.jpg ... che in soli 9 mesi di governo della città, l'amministrazione Pugliese/Sculco facesse peggio dell'amministrazione Vallone. Negli ultimi tempi avevamo cominciato a sospettare qualcosa, ma adesso è ufficiale!

Dopo l'aumento del 10% delle indennità del Sindaco, degli assessori e del Presidente del Consiglio, con delibera n.38 del 13/02/2017, che annulla il taglio operato dalla precedente giunta, non c'è più alcun dubbio sulle reali intenzioni di questa Amministrazione.

Piccole cose, intendiamoci, nulla di particolarmente eclatante per una giunta nata sotto l'insegna della famiglia Sculco. Ci sono effetti ancora più gravi come la chiusura dell'aeroporto, che negli anni passati con mille difficoltà è sempre rimasto aperto, garantendo al territorio il collegamento aereo nazionale e che con questa giunta è stato chiuso. L'accanimento terapeutico per una gestione territoriale e, quindi, "politica" e "subordinata " a logiche particolari, ha condotto ad una procedura che ha avuto come esito l'intralcio del regolare e fluido svolgimento del Bando, con conseguenze disastrose per i dipendenti, per i cittadini, per i turisti, per l'intero territorio.

Frutto della logica della difesa di poltrone e gestione del potere, questo modo di agire ha portato il Sindaco Pugliese (Sculco?) ed i suoi seguaci, allo scontro istituzionale con la regione, grazie al ricorso che ha rallentato le procedure di gara dell'assegnazione dell'aeroporto, come sostenuto anche dal ministro Delrio.

Questa è un'amministrazione gestita da figuranti, piegati alla volontà del padrone di via Roma, nani della politica che non vogliono scoprirsi per non mostrare il dilettantismo e l'assoluta dipendenza, nella gestione della cosa pubblica, da forze esterne agli organi di governo.

Sono politicamente così piccoli che non capiscono la necessità di tante famiglie indigenti sulle quali pesa spesso anche l'emergenza abitativa: un popolo di invisibili, snobbati da oscuri personaggi politici arraffoni e presuntuosi, preoccupati solo di nascondere la loro sete di potere!

Lo hanno dimostrato bocciando la proposta del Movimento 5 Stelle di modificare il regolamento per permettere le riprese in diretta delle sedute nelle commissioni consiliari, atto di democrazia partecipata e trasparenza dovuto ai cittadini.

Per non parlare poi del ritardo imbarazzante sull'esecuzione della delibera di consiglio, che impegnava la giunta alle riprese in streaming dei consigli comunali.

Il comune di Crotone è guidato da una Giunta che cerca di arraffare ciò che può, al limite della legalità, ma non certo nei limiti della decenza o del buon senso.

Noi continueremo come sempre a vigilare, denunciare, informare i cittadini, di tutte le indecenze ed inefficienze che i cittadini vivono quotidianamente.


MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia



Crotone - 



Questa estate, non cambiare,
Stessa fogna... stesso mare...

fogna2.jpg
A Crotone la musica non è cambiata, quest'anno sarà il Sindaco Ugo Pugliese ad Intonare la nota canzone degli anni 60, che preannunciava l'arrivo dell'estate, "questa estate, non cambiare, stessa fogna, stesso mare".

Nei giorni scorsi, in conferenza stampa, questa amministrazione ha annunciato in pompa magna che verranno spesi circa sette milioni di euro in opere pubbliche, ma di questi nemmeno uno destinato ad interventi strutturali sulla rete fognaria e sul depuratore. La solita politica che pensa di fare le cose solo per l'immagine e non per rendere la nostra città funzionale e sicura.

A pochi mesi dall'inizio della stagione estiva, per una città votata al turismo, qualunque Amministrazione "avrebbe dovuto", come detta il buon senso, rifunzionalizzare il sistema fognario di Crotone, per il quale, tra l'altro, sono state spese tante parole in campagna elettorale, e stanziati circa 600.000€ dalla Regione.

Invece, Il depuratore ancora non funzionante e la rete fognaria che è un colabrodo continuerà a scaricare i liquami nel mare. Dei lavori annunciati e delle promesse, restano solo ricordi. Ricordi di una fetida estate sul lungomare di Crotone, che purtroppo rischiamo di rivivere tra pochi mesi.

Ormai è tardi.... solo un miracolo potrà salvare il nostro mare ed il turismo nella nostra città.

Questa nostra città ha bisogno di una svolta che per adesso non si intravede neanche da lontano.

Ma, sicuramente, questa amministrazione e qualche consigliere di maggioranza avrà pensato alla sua estate crotonese!.

MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia



Crotone - 

COMUNICATO STAMPA


Trasparenza, quando?
La Commissione Regolamento
non decide sulla trasparenza delle sedute di Commissione

Trasparenza_commissioni_streaming.jpg
Martedì 14 marzo, in Commissione Regolamento é stata votata la nostra proposta di modifica al "Regolamento sul funzionamento degli Organi di Governo" per consentire la videoregistrazione e/o trasmissione in streaming delle sedute delle Commissioni, senza alcun onere a carico dell'Amministrazione.

La Commissione non é riuscita a determinarsi, registrando i seguenti voti: 3 a favore (Sorgiovanni, Fiorino e Flotta), 3 contrari e 3 astenuti.

Riteniamo che la trasparenza sul lavoro dei Consiglieri e la partecipazione dei cittadini debbano essere agevolati in tutti i modi.
Dare la possibilità a qualsiasi cittadino di registrare i lavori, ovvero rendendoli pubblici, trasmettendoli online, con mezzi propri, sia una modalità semplice e libera.

Noi del M5S vogliamo che chiunque possa valutare il lavoro che facciamo nelle stanze dei Comuni. Non molleremo e cercheremo di far valere i diritti di ogni cittadino.

Vogliamo ricordare che, dopo diversi mesi, siamo ancora in attesa che la Giunta approvi ed attivi il servizio di streaming delle sedute di Consiglio Comunale.

MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia



Crotone - 

COMUNICATO STAMPA


Pugliese:"se potrò, fermerò"
Quando?...

Scifo_Roberto Carta.jpg Foto di Roberto Carta


Apprendiamo da una Nota-stampa del Sindaco Ugo Pugliese, pubblicata in data 08/03/2017 sul sito istituzionale del Comune di Crotone che "Scifo è una situazione estremamente delicata, impone all'amministrazione di non fare scelte , dettate più dall'emotività che non dal raziocinio [...] i crotonesi possono stare tranquilli, perché l'amministrazione ha una particolare attenzione sulla vicenda, nell'interesse della città e dei cittadini, confermando quello che ho già più volte espresso e cioè che non vengano fatte aggressioni alla costa crotonese".

Rispondiamo al Sindaco Ugo Pugliese che sono passati due mesi dal suo comunicato stampa del 04/01/2017 in cui diceva: "se potrò, fermerò", che a tratti sembra voler rielaborare in chiave ancor più inetta la celebre frase "faccio cose, vedo gente... nulla di preciso" tratta dal film di Nanni Moretti "Ecce bombo". Ad oggi non si è mossa foglia, più specificatamente, non sono stati revocati i permessi a costruire ed è paradossale tutto questo, soprattutto dal momento che tale inerzia proviene da una persona che dice di amare l'ambiente. Perché lasciare perpetrare questo sopruso ai danni di una già delicata riserva marina, interessata da vincoli paesaggistici ed archeologici? Nel silenzio delle Sue stanze ha permesso (o per meglio dire "lasciato") che venisse costruita una mega piscina di oltre 1000 mq, aggravando così un progetto edilizio già di per sé impattante nell'area del parco archeologico di Capo Colonna.

Il primo cittadino dovrebbe certamente informarsi al meglio, come afferma, ma a patto che produca in tempi ragionevolmente rapidi azioni per il bene dei cittadini e per la tutela del territorio. Azione/reazione. Non abbiamo mai chiesto di farsi guidare dall'emotività, ci mancherebbe. Si sarà documentato, attraverso esperti funzionari del Comune e/o altri esperti del settore, che hanno ricostruito questa triste storia ed avrà senz'altro notato la fitta nebbia che circonda la documentazione presente negli uffici del Comune.

I cittadini consapevoli, informati e responsabili non vogliono un ecomostro nella splendida località di Scifo, desiderano un turismo ecosostenibile e non frutto di una cementificazione selvaggia che procuri vantaggi economici per pochi a discapito del Bene Comune, da lei tanto professato durante la campagna elettorale. Tutta questa attesa sembra un continuo prendere e perdere tempo. La nostra richiesta è semplice: metta mano al P.S.C. e salvi la nostra storia, i nostri valori, la nostra eredità per l'avvenire.

Durante la Sua Amministrazione, abbiamo evidenziato il problema di Scifo già nel corso dell'evento del 12 ottobre 2016, con Tomaso Montanari, importante storico dell'arte e con il Senatore Nicola Morra del M5S, invitandola con lettere e interrogazioni anche nei mesi successivi ad attivarsi per risolvere la questione, assumendosi le dovute responsabilità. Conosciamo tutti la triste cronistoria relativa a Scifo culminata il 14 febbraio con il sequestro della Procura, confermato dal Gip. Anche se Lei è subentrato ad opera avviata, questo non può giustificare la Sua inerzia ed il suo silenzio.

Ora il tempo è scaduto. Dica a chiare lettere cosa intende fare senza tergiversare o appigliarsi a ipotetici pareri tecnico-legali peraltro già ampiamente espletati nel maggio 2014, secondo i quali ricorrevano le condizioni per l'annullamento del permesso a costruire.

Noi continueremo a vigilare ed avanzare proposte tutte volte alla difesa, valorizzazione e tutela del nostro territorio perché il promontorio di Capo Colonna è la perla del nostro territorio. Sperando che la sua prossima mossa sia un atto concreto e non un nuovo e formale comunicato stampa. Buon lavoro.

MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia



Crotone - 

COMUNICATO STAMPA


Evento sulla Mobilità
resoconto

Foto_02.jpg

Una partecipazione sentita quella di sabato pomeriggio al Dopolavoro Ferroviario all'incontro promosso dal M5S e dal Meetup Amici Beppe Grillo Crotone su Mobilità e Trasporti. Hanno partecipato all'evento oltre alla deputata del Movimento 5 Stelle Federica Dieni, associazioni del territorio, da sempre impegnate sui temi del dibattito. Un incontro estremamente costruttivo, secondo i due consiglieri comunali Sorgiovanni e Correggia, dal quale sono emerse criticità ma soprattutto soluzioni comuni e condivise.
Treni inadeguati ed obsoleti, spesso carenti di sistemi di sicurezza diffusi, uniti alla soppressione di tratte e doppi binari di scambio rappresentano il fulcro delle criticità che l'associazione Ferrovie in Calabria ha presentato ai cittadini, criticità già oggetto di multiple azioni dei portavoce del M5S che, come ricordato dalla stessa Dieni, hanno portato al ripristino del secondo treno Intercity sulla linea jonica. L' On. Dieni ha espresso soddisfazione per il risultato raggiunto dopo quattro atti parlamentari, lettere ed incontri, tanto al Ministero competente quanto alla Regione Calabria, evidenziando la necessità di continuare a vigilare affinché la realizzazione del progetto riguardante il nuovo Intercity avvenga con l'utilizzo delle migliori tecnologie e materiali che devono essere idonei a giustificare il prezzo del servizio.

E' intervenuta anche Teresa Liguori, membro del collegio dei probiviri dell'associazione nazionale Italia Nostra, che ha ribadito la necessità di valorizzare le tratte ferroviarie delle Calabria, anche con progetti legati alla valorizzazione del patrimonio artistico, storico e culturale della regione, vero punto di forza del rilancio economico del territorio.

Si è discusso con l'associazione Ciclofficina TR22oo delle quotidiane difficoltà che ogni singolo cittadino incontra e che spaziano dallo scarso controllo sulle piste ciclabili, alla pavimentazione sconnessa in più punti, a spazi di piste ciclabili che ospitano bidoni dei rifiuti.
Queste problematiche, unite ai dati allarmanti che emergono per la mancanza di sicurezza sulle strade cittadine, sono frutto di una pessima gestione istituzionale del problema.
A fronte del dato secondo cui il 70% degli incidenti avviene sulle strade cittadine si rileva il dato secondo cui il comune di Crotone preferisca agire favorendo l'emergenza e finanziando circa 600 mila euro per interventi straordinari, impiegandone solo 24 mila per la manutenzione ordinaria.
L'inadeguatezza di questo sistema, mirato a rincorrere le onerose emergenze e senza progettualizzare e programmare idonei interventi di ordinaria manutenzione, genera un aggravio sensibile dei debiti fuori bilancio e non permette nel medio - lungo periodo un risparmio considerevole delle risorse pubbliche.
I consiglieri Sorgiovanni e Correggia hanno evidenziato i rilevanti problemi infrastrutturali e di mobilità esistenti tra il centro urbano e i quartieri periferici della città. Per affrontare e risolvere questa emergenza la città di Crotone deve dotarsi al più presto di un piano della mobilità urbana sostenibile (PUMS) atto a pianificare e realizzare un sistema integrato dei servizi.
A tale modus operandi si aggiunga l'inerzia e l'indisponibilità al dialogo mostrata da questa amministrazione, condizioni che hanno portato i due consiglieri pentastellati a depositare il 22 febbraio scorso un'interrogazione a risposta scritta indirizzata al Sindaco Pugliese in materia di cofinanziamento di interventi per lo sviluppo e la messa in sicurezza di itinerari e percorsi ciclabili e pedonali nelle aree urbane e delle ciclovie turistiche.
Infatti, posta l'assegnazione alla Regione Calabria di € 272.477,05 in forza del D.M. emanato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti numero 481/2016, è fondamentale che l'amministrazione comunale di Crotone si attivi per prendere contatti con l'assessore ai trasporti della Regione e chiedere sin da subito come si intenderà gestire quei fondi e, soprattutto, se esistano progetti comunali in atto idonei a poter rientrare in tali finanziamenti.
Ancora una volta il Movimento 5s sposa l'idea di una politica al servizio dei cittadini e se ne fa portavoce.
Il M5s ai palazzi preferisce la strada, quella che i cittadini percorrono ogni giorno

MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia




BEATA IGNORANZA?


Crotone - 

COMUNICATO STAMPA


BEATA IGNORANZA?
Il M5s risponde con un altro titolo di film:
AMMISSIONE DI COLPA!

Quando si fa centro con le proprie argomentazioni, succede che saltano i nervi e questo è l'inconscia dimostrazione di una chiara Ammissione di colpa!

E' evidente che il Sindaco ed i suoi consiglieri "ignorano" tutta la normativa amministrativa se si ha il coraggio di accusare "altri" delle proprie gravi e palesi incompetenze e contraddizioni. I suddetti IGNORANO:
  • il TUEL 267 del 2000 (Testo unico ordinamento Enti locali);
  • il D.lgs 165 del 2001 (Norme Generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche);
  • l'art. 43 dello Statuto Comunale;
  • l'art. 2109 del Codice Civile e le relative sentenze che fanno giurisprudenza nel campo specifico;
  • il D.lgs 66 del 2003, cui il Sindaco si è impropriamente appellato, esercitando la funzione di "datore di lavoro" che non gli compete.
Si tratta di leggi che ribadiscono la distinzione tra attività politico-amministrativa ed attività di gestione che spetta ai dirigenti che assumono i poteri del Datore di Lavoro.
La nostra lettera, espressa secondo le regole di civiltà, rispondente ad un dovere istituzionale e ad un imperativo categorico di ordine morale, che voleva solo dare un contributo e procurare un suggerimento utile e sollecitare ad emettere un annullamento retroattivo del Decreto per tutelare proprio il Sindaco, ha sortito come effetto una risposta becera ed inopportuna, inefficace e del tutto priva di argomentazioni, confutazioni e riferimenti legislativi.
Appare quantomeno strano, poi, che il provvedimento abbia riguardato solo alcune figure dirigenziali e non personale di ordine diverso.
E' sotto gli occhi di tutti che questa Amministrazione ha dimostrato ignavia o incompetenza in tutta la sua azione, che ha protratto la paralisi della città ed ha condotto ai seguenti fallimenti:
  • Gestione dell'Aeroporto: chiusura e licenziamenti;
  • Nomine e Conferme nella Gestione delle Società Partecipate che non seguono criteri di merito, che hanno comportato investimenti improduttivi e l'acquisizione di "scatoloni vuoti" da asservire a logiche personali a discapito e danno economico dei cittadini (Marina S.p.a e Crotone Sviluppo);
  • Erronea procedura di richiesta di finanziamento per l'ampliamento dello Stadio;
  • Mancata o fallimentare partecipazione a Bandi, Piani di Sviluppo e Programmi cofinanziati per la riqualificazione urbana delle periferie;
  • Mancato controllo di Akrea: ad oggi non esiste una raccolta differenziata, nonostante i costi che i cittadini devono sostenere;
  • Inerzia e disinteresse nella tutela dei Beni paesaggistici ed Archeologici (Questione Scifo);
  • Investimento di denaro pubblico per la promozione turistica, i cui destinatari sono stati spesso persone già legate direttamente alla coalizione durante la campagna elettorale ;
  • Scarso coinvolgimento ed ambiguità nell'annosa e spinosa questione della Bonifica;
  • Mancata nomina all'assessorato all'Ambiente e all'Urbanistica, ambiti di azione fondamentali per il governo e lo sviluppo della città, che il Sindaco preferisce gestire "personalmente" e che richiederebbero, invece, notevoli ed acclarate competenze specifiche, viste le problematiche della città inerenti proprio a questi due settori;
  • Decreti Sindacali illegittimi;
  • Depuratore inattivo e sistema fognario al collasso.
L'elenco potrebbe allungarsi parecchio, ma ciò che risulta più grave è che non si delinea all'orizzonte una visione ed un indirizzo di sviluppo della città. A giugno saremo commissariati per la mancata adozione del nuovo PSC, strumento imprescindibile ed essenziale per pianificare e gestire le risorse del nostro territorio , completamente ignorato ed escluso da ogni discussione e dibattito, anche nell'ambito della commissione consiliare pertinente, per non parlare del piano sulla mobilità e quello energetico del tutto assenti.

Emblematiche anche le dimissioni dal Consiglio di Amministrazione di Akrea di un importante esponente della Coalizione di maggioranza, Leo Pedace, che accusa l'Amministrazione di mantenere un profilo basso e di non aver modificato l'andamento amministrativo rispetto a quello precedente.
Si aggiunga l'annunciata defezione di tre consiglieri comunali dal gruppo dei "Demokratici", evidente segno di malessere.
Mentre l'amministrazione del Sindaco Pugliese registrava questi insuccessi, il gruppo consiliare del M5s, nei limiti delle possibilità riservate all'opposizione, si è occupato di trasparenza e legalità, con la modifica del regolamento sul funzionamento degli organi del governo, di sicurezza e territorio, di salute e di politiche sociali, proponendo le seguenti azioni:
  • Mozione streaming delle sedute del Consiglio Comunale;
  • Interrogazione sulle nomine delle Partecipate;
  • Interrogazione sul Piano d'emergenza Comunale;
  • Mozione sensibilizzazione referendum cosituzionale;
  • Mozione streaming delle sedute delle commissioni permanenti;
  • Proposta di Piano d'azione Energetico (PEC);
  • Richiesta di una Commissione con la partecipazione congiunta Sindaco-Assessore Regionale all'Ambiente e Consiglio Comunale aperto a tutti gli attori istituzionali ed ai cittadini sul problema della Bonifica;
  • Informativa sullo stato di avanzamento dei lavori di rifunzionalizzazione del Depuratore di Crotone;
  • Proposta Regolamento Sale da Gioco e Giochi Leciti per arginare il fenomeno del gioco d'azzardo patologico (GAP);
  • Richiesta d'intervento sull'illegittimità delle tariffe Sorical;
  • Proposta di Regolamento per risolvere il problema del randagismo che tanto costa alle Casse del Comune;
  • Interrogazione sul " Marine Park Village''- Località Scifo;
  • Mozione report sul patrimonio immobiliare privato da destinare ad uso sociale;
  • Interrogazione sui fondi regionali per la realizzazione di piste ciclabili e ciclovie turistiche;
  • Interrogazione sull'entità del patrimonio Immobiliare di proprietà comunale.

Cittadini di Crotone, chi è che vive nella "Beata ignoranza?'

Chi possiede un maggior numero di argomentazioni coerenti e complete?
Ma, SOPRATTUTTO, chi è che, scevro da interessi e tornaconti personali, ha a cuore il benessere dei cittadini?
Meditate, concittadini! Meditate!

MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia



Crotone - 

COMUNICATO STAMPA


Il Sindaco gioca con le poltrone dei dirigenti
violando il T.U.E.L.

Pugliese_2.JPG

E' un caso quantomeno singolare che per quattro Dirigenti del Comune di Crotone sia stata disposta l'assegnazione d'ufficio delle ferie ovvero siano stati collocati forzatamente e contemporaneamente in ferie, in virtù di un provvedimento a firma del Sindaco di Crotone.

Sotto il profilo giuridico, appaiono sussistere evidenti motivi di illegittimità del provvedimento sindacale per cui si può affermare che l'iniziativa del Sindaco Pugliese risulta essere un caso più unico che raro.

La disciplina di riferimento prevede che la competenza per l'autorizzazione di ferie in favore dei dipendenti spetti ai Dirigenti di Settore, anche per le proprie ferie.

Troviamo discutibile il provvedimento del Sindaco, ma forse è il preludio di un'imminente macchinazione finalizzata, secondo indiscrezioni, all'assunzione di due dirigenti della Provincia, la dott.ssa Timpano (moglie dell'attuale Presidente del Consiglio comunale) e l'ing. Germinara, entrambe persone di fiducia del Sindaco Pugliese e di Sculco. Non è nemmeno il caso di ricordare che l'ingegnere suddetto è indagato in quanto coinvolto nelle ultime vicende giuridiche di Scifo.

Il Sindaco Pugliese, nella veste di capo dell'amministrazione comunale, anteponendo questa vicenda ad altre situazioni di conclamato disagio, sempre in materia di funzionamento dei servizi e degli uffici comunali ( il riferimento è alla scandalosa carenza di personale), con Direttiva n.3079 del 27.12.2016 - nel bel mezzo delle vacanze natalizie ed esautorando arbitrariamente il Segretario comunale - ha ritenuto opportuno invitare i competenti Dirigenti di Settore a predisporre in tempi brevi il Piano Ferie per l'anno 2017, per la fruizione delle proprie ferie nonché per l'assegnazione delle stesse al personale dipendente, al fine di evitare "disfunzioni organizzative o interruzioni del Servizio con pregiudizio al buon andamento dell'attività amministrativa".

Successivamente, in data 26.01.17, rilevata l'inerzia dei dirigenti nonché "la continua segnalazione delle loro presenze non autorizzate " presso gli uffici comunali, è stata ordinata l'assegnazione in congedo d'ufficio con decorrenza immediata, cioè senza preavviso, nei confronti dei quattro Dirigenti di Settore.

Troviamo ridicolo il fatto che il provvedimento finale di assegnazione d'ufficio sia stato disposto nei confronti dei soli Dirigenti di Settore e non anche di tutto il personale dipendente di diversa qualifica funzionale ma con analoga ipotesi di accumulo patologico di ferie, come se lo scopo concreto di questo intervento a gamba tesa del Sindaco non fosse quello di rimuovere detta situazione patologica (quindi evitare un pregiudizio al buon andamento dell'amministrazione), quanto quello di estromettere dalla macchina amministrativa soggetti forse scomodi, dissenzienti rispetto alle prossime scelte della Giunta, insomma di epurare gli uffici comunali - anche solo temporaneamente - da quelle figure apicali cui compete in via esclusiva la gestione dell'Ente.

L'art. 107 del T.u.e.l. stabilisce che i poteri di indirizzo politico-amministrativo spettano agli organi di governo (Consiglio, Giunta, Sindaco), mentre la gestione finanziaria, amministrativa e tecnica è attribuita ai Dirigenti e da essi esercitata mediante autonomi poteri di spesa, di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo ( a titolo esplicativo spetta esclusivamente ai Dirigenti la presidenza delle commissioni di gara, delle commissioni di selezione del personale, degli atti comportanti impegni di spesa, degli atti di gestione del personale, dei provvedimenti di autorizzazione e concessione, oltre il rilascio dei PARERI OBBLIGATORI di regolarità tecnico-amministrativa e di conformità economico-finanziaria per le Delibere del Consiglio Comunale nonché della Giunta ex art.49 Tuel. La logica di fondo del provvedimento sindacale in oggetto potrebbe essere facilmente comprensibile: cambiare durante la corsa, anche solo temporaneamente, i responsabili della gestione amministrativa, tecnica e finanziaria del Comune, consentirebbe all'attuale Giunta un più ampio spazio di manovra per conseguire obiettivi non espressamente indicati nel programma elettorale.

Ci auguriamo di tutto cuore che il sindaco Pugliese annulli i provvedimenti intrapresi e provveda ad attenersi con scrupolo alle norme e i regolamenti, così da avere un ente più efficiente e trasparente a vantaggio di tutta la cittadinanza crotonese.

MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia


GAP - non solo annunci


Crotone - 

COMUNICATO STAMPA


Contro il Gioco d'Azzardo Patologico
non limitiamoci agli annunci

12.02.17-01.jpg

Crotone - Una partecipazione sentita quella di domenica pomeriggio, nella sala Auditorium della Parrocchia Santi Cosma e Damiano, all'incontro promosso dal M5S e dal meetup Amici Beppe Grillo di Crotone.
Ci si è confrontati sul Gioco d'Azzardo Patologico o ludopatia, il gioco che diventa, inconsapevolmente, dipendenza, impoverimento spirituale ed economico.
A Crotone, come in tutta Italia, da qualche tempo i luoghi di "gioco" spuntano come funghi, ovunque! Uomini, donne, lavoratori, disoccupati, casalinghe, pensionati, studenti "sfidano la fortuna" e rischiano di "giocarsi la vita". Assistiamo quotidianamente a capannelli di persone incollate per ore davanti ai display delle tabaccherie, nell'attesa spasmodica di una vincita.
Il presidente di "Vivere In", Antonio Leo, ha testimoniato, per esperienza diretta, di conoscere famiglie distrutte economicamente e negli affetti a causa del "gioco d'azzardo" e per questo ha sottolineato che, oltre a promuovere campagne informative, soprattutto per i giovani, è importante parlarne insieme per essere consapevoli ed informati, per evitare queste trappole ed aiutare chi è psicologicamente più fragile.
In città esistono alcuni centri d'ascolto e d'aiuto che possono dare un sostegno valido, come il SerT dell'ASP, riferimento importante nel nostro territorio.
I consiglieri Andrea Correggia e Ilario Sorgiovanni hanno presentato il regolamento nelle Commissioni Permanenti da presentare al Consiglio Comunale per la sua adozione, in modo da intervenire al più presto a difesa e tutela della salute dei cittadini. Un regolamento ad hoc, che disciplina le modalità di gestione delle attività relative all'esercizio di giochi leciti, stabilendo precise fasce orarie di apertura e vietando l'ubicazione degli esercizi nei pressi di luoghi sensibili come le scuole. Si auspica che al proficuo lavoro svolto con il contributo anche di esperti dell'ASP e associazioni di settore nella terza Commissione Consiliare, in cui ricade la competenza specifica, al più presto, senza falsi pretesti, questo regolamento venga approvato.
I cittadini presenti hanno avuto la possibilità di confrontarsi con i Consiglieri sulle problematiche del quartiere come la sicurezza della circolazione stradale, relativa al semaforo presente nei pressi della Parrocchia, la scarsa illuminazione ed i conseguenti rischi per l'incolumità di pedoni ed automobilisti.
Il tour proseguirà in altri quartieri, dove saranno affrontate altre tematiche perché i principi del M5s si fondano sulla democrazia dal basso e la partecipazione attiva dei cittadini. Incontrarsi e confrontarsi è sempre costruttivo, invitiamo perciò i cittadini a riappropriarsi della "politica" partecipando numerosi.

MoVimento 5 Stelle di Crotone
Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia