Collaboratore comunicazione social Il Gruppo Consiliare Regionale Emilia-Romagna del MoVimento 5 Stelle ricerca 1 collaboratore/collaboratrice con competenze/conoscenze tecniche specifiche attinenti alla comunicazione e ai social network con contratto part-time, :si richiede capacità di lavorare in gruppo, conoscenze sui temi trattati... Continua a leggere...
Collaboratore commissione IV Il Gruppo Consiliare Regionale Emilia-Romagna del MoVimento 5 Stelle ricerca 1 collaboratore/collaboratrice con competenze/conoscenze tecniche specifiche attinenti alle 4° Commissione, si richiede: capacità di lavorare in gruppo, conoscenze sui temi trattati dalla commissione, o parte di essi,... Continua a leggere...
Collaboratore commissione I Il Gruppo Consiliare Regionale Emilia-Romagna del MoVimento 5 Stelle ricerca 1 collaboratore/collaboratrice con competenze/conoscenze tecniche specifiche attinenti alle I° Commissione, si richiede: capacità di lavorare in gruppo, conoscenze sui temi trattati dalla commissione, o parte di essi,... Continua a leggere...
Collaboratore commissione III Il Gruppo Consiliare Regionale Emilia-Romagna del MoVimento 5 Stelle ricerca 1 collaboratore/collaboratrice con competenze/conoscenze tecniche specifiche attinenti alle III° Commissione: si richiede capacità di lavorare in gruppo, conoscenze sui temi trattati dalla commissione, o parte di essi,... Continua a leggere...
A Bonaccini e Fabbri chiediamo di onorare l'impegno preso in campagna elettorale su proposta del candidato presidente del M5S: congelare le indennità di fine mandato dei consiglieri regionali in scadenza. Non è più tempo di privilegi.
banner_eletti_RER2014.jpg I consiglieri regionali non rieletti stanno per farsi l'ultimo "regalo" staccandosi un assegno di circa 1,5 milioni di euro. Considerata la situazione di disagio economico generalizzato e tutto ciò che la magistratura sta portando alla luce nei diversi gradi di giudizio e per cifre dello stesso ordine di grandezza (oltre 2 milioni di euro e solo per un periodo inferiore a due anni), ci sembra una scelta fuori da ogni logica. Oltre a questo, se dopo i vari gradi di giudizio si arriverà a condanne definitive, la Regione dovrà cercare di recuperare danno erariale e danno di immagine, e non sarà certo un'operazione semplice. Meglio allora trattenere dei fondi a garanzia, almeno per quanto riguarda gli indagati (cioè quasi tutti). Abbiamo inviato una lettera aperta alla Presidente dell'Assemblea Legislativa e agli altri consiglieri dell'Ufficio di Presidenza con la nostra richiesta. La Regione Lombardia ha già eliminato questo privilegio, facciamolo anche noi. A Bonaccini e Fabbri chiediamo di passare dalle parole ai fatti. Gulia Gibertoni - Consigliere Eletto Continua a leggere...
AIUTACI PER LA CAMPAGNA ELEZIONI REGIONALI 2014
Oppure tramite bonifico al seguente IBAN: IT 21 K 05387 1290 5000002246277
Iscriviti
Archivio