MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Dragaggio del Porto: il PD in secca!


Fano - 

secca-porto.jpg
Torna di attualità l'annosa questione del dragaggio del porto, dopo che le basse maree dei primi giorni di gennaio hanno evidenziato a tutti come il porto di Fano sia ormai ridotto a poco più che uno stagno, ennesima dimostrazione di incapacità di affrontare e risolvere i problemi da parte dei politici che ci hanno governato e continuano a governarci in Comune ed in Regione. Il Sindaco Seri si affretta a convocare tavoli di confronto con gli operatori economici danneggiati dalla penosa situazione del porto, dispensando buoni propositi e promesse a iosa. Persino il suo predecessore Aguzzi ha la bella faccia tosta di mettersi a disposizione per risolvere il problema, con tanto di soluzioni in tasca, dopo aver governato la città per ben dieci anni senza aver risolto un bel nulla.

La realtà è che i cittadini e gli operatori economici del porto di Fano sono stati presi in giro per più di dieci anni con interventi parziali costosi ed inutili. Oggi ci ritroviamo peggio di prima, dopo aver speso milioni di Euro dei contribuenti, con la consapevolezza che la famosa vasca di colmata di Ancona, data per anni quale soluzione del problema, è stata solo uno specchietto per le allodole che non risolverà un bel niente, essendo la quota volumetrica riservata a Fano del tutto incapiente per le necessità del nostro porto.

Serviva invece da parte del Comune presentare in Regione un progetto per una vasca di colmata da realizzarsi nel territorio comunale di 100.000 metri cubi, a servizio esclusivo del porto di Fano, per un dragaggio approfondito e risolutorio. E prima di dirci che mancano i soldi si faccia il conto di quanto hanno speso Regione e Comune fino ad oggi per non risolvere niente.

Serviva trattare con ENEL Green Power per l'installazione di un sistema atto a ridurre fortemente il rilascio dei fanghi dalla centrale elettrica del canale Albani, principale causa dell'insabbiamento del porto. Offrendo le dovute compensazioni alla ditta prima che facesse gli investimenti per l'ammodernamento della centrale e la manutenzione straordinaria del canale.

Serve inoltre fare le dovute pressioni in consiglio regionale affinché si approvi una legge, come quella in vigore in Emilia Romagna, che consenta il recapito a mare delle sabbie più profonde meno inquinate, una volta rimosso e tombato in vasca di colmata lo strato superficiale inquinato da metalli pesanti ed idrocarburi. Ma tutto ciò richiedeva e richiede progettualità, impegno e competenze.

I cittadini prendano finalmente coscienza che se continueranno a votare questi personaggi e questi partiti, continueranno ad essere presi in giro sul dragaggio del porto, così come sull'ospedale e sulle altre questioni che hanno giustamente a cuore. Il Movimento 5 stelle, alle prossime elezioni regionali, ci sarà. Quindi, un'alternativa concreta c'è.

I candidati a Fano