MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Fermignano - 


Al termine del secondo consiglio comunale, il Sindaco Feduzi già mostra chiaramente cosa ci si potrà aspettare dai prossimi cinque anni: la totale sottomissione agli ordini calati dall'alto in barba alle promesse fatte agli elettori.


Con l'approvazione della convenzione con il Comune di Pesaro, si mette definitivamente una pietra tombale sulla ricerca ed utilizzo di fondi europei per finanziare progetti nel Comune di Fermignano: questa attività ora spetta ad un dipendente del Comune di Pesaro, che quindi di fatto non sarà diretto dal Comune di Fermignano.

Il Sindaco, durante il consiglio comunale, non ha risposto nel merito alle nostre osservazioni molto puntuali, mostrando un certo imbarazzo. Purtroppo si realizza quello che in molti temevano con il ritorno del PD al comando del nostro Comune: privi di una volontà propria, ci si sottomette alla direzione imposta da Il Partito provinciale e dal Sindaco di Pesaro Matteo Ricci. Insomma entriamo nella nuova era renziana: comanda Matteo e tutti zitti!

La convenzione in dettaglio

Ma cosa dice questa convenzione? L'articolo 1 ce lo spiega:


  1. Con il presente articolo si stabilisce la gestione associata delle funzioni e servizi comunali, in materia di ricerca e utilizzo dei fondi comunitari


Se sembra poco chiaro, noi siamo d'accordo! In sostanza i comuni di Pesaro e Fermignano ricercano e utilizzano i fondi europei insieme. Dove viene svolta questa attività? Ce lo dice l'articolo 3 (il 2 non esiste):

          Il servizio associato ricerca e utilizzo fondi comunitari è localizzato presso la sede dell'Ente Capofila

Cioè a Pesaro. Ma c'è un secondo punto all'art. 3 che è ancora più curioso:

          Quale Referente viene individuato il dott. Marco Maria Scriboni, già inserito nell'Ufficio Sviluppo ed Opportunità del Servizio Risorse e Sviluppo presso il           Comune di Pesaro

Il dott. Scriboni era già dipendente della Regione Marche e ora si trova al Comune di Pesaro. Viene naturale chiedersi con quanta efficacia potrà cercare fondi europei per un Comune in cui non abita e di cui non è dipendente: come fa una persona che non conosce a fondo le nostre necessità a curare i nostri interessi?

Chi deciderà quale indirizzo dare a questo ufficio? L'articolo 8 ce lo spiega:

          Viene demandata alla Conferenza dei Sindaci o loro delegati la funzione di indirizzo programmatico e di controllo della gestione associata dei servizi.

In sostanza il Sindaco Feduzi si incontra con il sindaco Ricci e decidono a maggioranza. Chi la spunterà tra il potente Sindaco di Pesaro e il nostro Sindaco?

Le criticità espresse in consiglio

In sede di consiglio comunale abbiamo chiesto di rinviare la votazione di questa convenzione per chiarire alcuni punti importanti. Tra questi i seguenti:


  1. Perché nella convenzione viene riportato il nome esatto del referente? Se domani quella persona decidesse di cambiare lavoro dovremmo rifare la convenzione? Perché non identificare il referente in base alla qualifica invece di farne una questione ad personam?

  2. In base a quali criteri è stata individuata questa persona? Non era possibile individuarla tramite procedure più trasparenti?

  3. Questo accordo va in direzione opposta a quanto sventolato in campagna elettorale: il sindaco aveva promesso un assessorato all'Europa, per poi ripiegare su una delega ad un consigliere semplice e, infine, per demandare tutto al Comune di Pesaro con buona pace dei cittadini fermignanesi che gli han creduto.

  4. La convenzione non sembra essere in linea con quanto previsto dal TUEL, che permette di convenzionare servizi esistenti con altri comuni: non essendoci ad oggi questo servizio nel Comune di Fermignano stiamo esternalizzando il servizio, non facendo una convenzione per ottimizzarne la gestione.

  5. La convenzione appare scritta grossolanamente: l'oggetto della delibera e quello della convenzione non combaciano e la dicitura "sviluppo finanziamenti" è priva di significato, visto che i finanziamenti non si sviluppano. Abbiamo chiesto che questi errori venissero corretti.

  6. Perché tutta questa urgenza di stipulare questo accordo? La fretta non era assolutamente necessaria...


Conclusioni

Il Sindaco Feduzi non è stato disposto nemmeno a correggere gli evidenti errori della convezione ed ha proceduto a far votare immediatamente la delibera: siccome per cinque anni ha subito la volontà della passata amministrazione, ora lui fa esattamente come il Sindaco precedente e chiude al dialogo, oltre che al buon senso.

Questo accordo non porta nessun reale beneficio a Fermignano e anzi impedisce che il Comune si impegni direttamente nella ricerca di fondi europei. Se mai arriveranno finanziamenti, Fermignano potrà forse beneficiare delle briciole lasciate dal Comune di Pesaro. Grazie a questo accordo sfuma un importante strumento per lo sviluppo di progetti a Fermignano, in contraddizione con quanto promesso poco più di un mese fa.

La maggioranza getta la maschera della lista civica trasversale e mostra la vera faccia del PD che si nascondeva dietro: Fermignano è diventata una frazione del Comune di Pesaro?


Fermignano - 

grazie

Le elezioni amministrative del 5 Giugno 2016, sono la prima competizione elettorale in cui il gruppo di Fermignano si è misurato direttamente in una competizione elettorale: con 859 voti pari al 18% del totale dei votanti siamo la terza lista delle 5 che si sono presentate alle elezioni.

È per noi un grandissimo risultato, che è sia una forte conferma del buon lavoro svolto negli ultimi 5 anni, ma anche un segnale che abbiamo molto altro da fare per vincere definitivamente il cuore dei fermignanesi.dati

 

Anche se non siamo arrivati primi in termini di voti, la nostra vittoria sul piano morale è molto evidente: è cambiato il modo di esprimersi della politica ed è cambiato la forma con cui ci si presenta alle elezioni. I partiti si nascondono e tutti parlano di partecipazione dei cittadini, trasparenza, fondi europei; usano il nostro linguaggio e le nostre forme di partecipazione alla vita politica. Il Movimento 5 Stelle ha costretto tutti gli altri a cambiare per sopravvivere!

Durante la campagna elettorale ci è stato chiesto di essere un'opposizione docile e compiacente: quelle persone non hanno capito il Movimento 5 Stelle! La nostra opposizione non farà sconti, da un lato pretenderemo trasparenza e un grande rispetto delle regole, ma dall'altro porteremo avanti numerose proposte e non mancheremo di dare il nostro contributo per la buona amministrazione di questa città.

Facciamo le nostre congratulazioni al nuovo Sindaco di Fermignano, Emanuele Feduzi, e gli auguriamo di essere il Sindaco che i fermignanesi si meritano. Noi faremo la nostra parte e gli ricorderemo gli impegni presi con i fermignanesi, oltre a continuare il nostro lavoro per una città più trasparente, più viva culturalmente, in sintonia con l'ambiente e più vivibile per tutti i cittadini, a prescindere dal voto che hanno espresso. La nostra avventura è appena all'inizio: non vediamo l'ora di realizzare, nei prossimi 5 anni, molte delle cose che abbiamo promesso in campagna elettorale!

Ringraziamo i cittadini che hanno avuto fiducia in noi e che ci hanno chiesto di essere presenti all'interno del Comune di Fermignano. Ringraziamo anche tutte le persone che, pur sapendo di votare qualcun altro, ci hanno ringraziati e fatto i complimenti: saremo anche i vostri rappresentanti!

Buon lavoro a tutti i nuovi eletti!


Fermignano - 

Il parere della Provincia sul nuovo Piano Regolatore Generale ha dato pienamente ragione alle nostre osservazioni su Ca' Paino e l'area rimarrà, dunque, a destinazione agricola. Senza essere alla guida del Comune di Fermignano, il nostro gruppo già realizza il primo importante punto del proprio programma, e cioè lo stralcio dal PRG dell'area di Ca' Paino come terreno edificabile. Intanto il sindaco convoca un Consiglio Comunale inappropriato a 10 giorni dalle elezioni che probabilmente è anche illegittimo.


Il parere della Provincia

Rilievi della Provincia


La Provincia deve, per legge, fornire un parere sulle modifiche al PRG prima che queste possano essere attuate definitivamente. A seguito delle osservazioni presentate in fase di approvazione della modifica al PRG, che sono state interamente rigettate dalla corrente amministrazione comunale, abbiamo inoltrato le osservazioni più importanti - quelle su Ca' Paino - alla Provincia perché le prendesse in considerazione nella sua analisi della proposta del Sindaco Cancellieri. Come confermato dalla Provincia, le nostre osservazioni hanno fatto scattare una richiesta di chiarimenti che poi hanno portato ad una modifica che salva completamente l'area di Ca' Paino.

Il programma si realizza

All'interno del nostro programma
abbiamo inserito, tra i punti più importanti, la rettifica del PRG per escludere dall'edificabilità Ca' Paino, Ca' La Vittoria e l'ex Campo Sportivo. Il primo punto è stato già realizzato grazie ai nostri interventi pregressi, smentendo con i fatti uno dei timori spesso espressi: abbiamo imparato bene il funzionamento della macchina amministrativa e sappiamo incidere utilizzando gli strumenti che la legge ci fornisce anche senza una maggioranza in un consiglio comunale!
Senza il nostro intervento, Ca' Paino sarebbe probabilmente diventata edificabile e sarebbe stato più difficile salvaguardare quell'angolo bucolico di Fermignano tanto amato dai nostri concittadini.

Un consiglio comunale illegittimo?

Appresa la notizia della convocazione di un consiglio comunale a 10 giorni dalle elezioni, ci siamo immediatamente mossi per verificarne la legittimità: infatti la legge prevede che in campagna elettorale l'amministrazione comunale si attenga ai soli atti improrogabili ed urgenti per evitare che vengano effettuate operazioni che diano vantaggi elettorali ai gruppi con rappresentanze istituzionali. Considerando che secondo l'articolo 26 della legge regionale del 5 agosto 1992, n. 34 ci sono almeno 60 giorni di tempo per approvare il PRG, non è presente una scadenza improrogabile, e sarebbe quindi la prossima amministrazione a dover decidere le sorti di questo PRG.

Il Movimento 5 Stelle da sempre è molto attento alla legalità e per questo motivo abbiamo chiesto chiarimenti al Prefetto, onde sciogliere ogni possibile dubbio sulla legittimità di questo consiglio comunale, invitandolo a prendere provvedimenti adeguati laddove fosse necessario. Noi riteniamo che la scelta sul PRG debba essere in mano all'amministrazione che i fermignanesi decideranno di eleggere il 5 Giugno. Se dovessero concedere a noi l'onore di guidare la futura amministrazione, avvieremmo immediatamente l'iter per una nuova variante al PRG che corregga tutte le storture che abbiamo evidenziato nella modifica corrente.

Tutto questo senza nemmeno un consigliere comunale: pensate cosa succederebbe con un Sindaco a 5 Stelle!

Ci saranno Grossi cambiamenti a Fermignano.

 

 


Fermignano - 


Il nostro programma è il frutto del lavoro svolto in questi 5 anni di battaglie portate avanti a difesa dell'interesse collettivo nonché di sorveglianza attiva sull'operato del Comune. Tutto ciò che vi è scritto è stato attentamente studiato a valutato come azione di sicura fattibilità: semplice ed ambizioso, il programma elettorale del MoVimento 5 Stelle Fermignano si basa sull'impegno profuso dal gruppo dal 2011 fino ad oggi.

La nostra linea politica ci spinge verso la salvaguardia dell'ambiente, la comunicazione e la ripresa del senso di comunità, la collaborazione stretta fra cittadini, associazioni ed amministrazione, verso un incentivo all'utilizzo degli strumenti di democrazia diretta, partecipazione e trasparenza. Le vane promesse non ci interessano e l'assicurare ai cittadini grandi opere è una strada politica vecchia che non vogliamo assolutamente intraprendere.

Cinque anni di lavoro e di studio hanno plasmato ora queste 10 pagine, che sintetizzano in breve chi siamo e ciò che vogliamo fare. Per realizzare il nostro programma occorre la collaborazione di tutti: solo così il cambiamento mentale e culturale si potrà realizzare, INSIEME.

bilancio partecipativo

La nostra idea di democrazia non si limita ad una consultazione elettorale ogni 5 anni: i cittadini devono reinnamorarsi del proprio paese e diventarne una parte attiva. Tra le tante proposte abbiamo pensato al Bilancio Partecipativo: uno strumento che mette in mano ai cittadini la possibilità di decidere direttamente dove destinare dei fondi. Amministrazione e cittadini condivideranno la responsabilità e l'onore della buona gestione del Comune.

in armonia con l'ambiente

Fermignano può diventare un esempio per tutti i Comuni italiani di come la cura dell'ambiente si traduca direttamente in una migliore qualità della vita. L'ex campo sportivo e Ca' Paino sono spazi verdi che vanno valorizzati e per questo motivo ne fermeremo immediatamente i progetti di cementificazione. Inoltre non accettiamo più di essere il fanalino di coda nella raccolta differenziata: da ultimi della classe vogliamo arrivare tra i migliori.

una comunità attiva

Molte persone non si rispecchiano nella definizione di "Città dormitorio" che sempre più calza il nostro Comune: le numerose associazioni cittadine sono la dimostrazione di quanto ci sia volontà di rendere questa città più vivace ed attraente. Perciò metteremo in risalto l'attività di queste associazioni creando relazioni tra le associazioni stesse e l'amministrazione; daremo fiducia e chiederemo responsabilità a queste persone volenterose che, se lasciate libere di agire, ridaranno colore a Fermignano.

rifiorire della cultura

Nell'ultimo decennio la scarsa attenzione data alla cultura viene percepita anche dalle persone meno interessate. Serve un cambio netto! Alle altre occasioni di festa nel nostro paese accosteremo eventi culturali, favoriremo la nascita di nuove associazioni e spazi adeguati. Vogliamo inoltre istituire un Premio Bramante per attrarre ogni anno studenti ed artisti nella nostra città. Abbiamo progetti ambiziosi per valorizzare la biblioteca di Fermignano e non vediamo l'ora di metterli in atto!

fondi europei

La Comunità Europea è nata per far fiorire eccellenze in tutto il vecchio continente tramite il finanziamento di progetti di sviluppo ed ammodernamento: doteremo Fermignano di una figura competente addetta ad attrarre le numerose opportunità che l'Europa ci offre. La formazione di questa figura interna avrà ricadute estremamente positive negli anni a venire, a prescindere da chi amministrerà la città in futuro.

Tramite l'individuazione di fondi europei sarà possibile riassestare i numerosi angoli fatiscenti che purtroppo imbruttiscono la nostra città e trasformarli in nuove opportunità di sviluppo sociale ed economico.

Per visualizzare e scaricare il programma completo in pdf clicca qui.

Noi siamo pronti!


Fermignano - 

LISTA CANDIDATI.png

Sabato scorso, al Museo dell'Architettura, abbiamo presentato la nostra squadra a 5 stelle e alcuni punti del nostro programma elettorale. Un programma semplice, ma non per questo meno ambizioso.

Sono 5 anni che lavoriamo per Fermignano fuori dall'Amministrazione, mossi solo dalla passione e dalla voglia di vivere una Fermignano migliore.

Dopo 5 anni di studio dei problemi e delle possibili soluzioni, abbiamo consolidato il gruppo e concretizzato tutto in un progetto politico credibile. Saremo gli unici a presentarci orgogliosamente con il simbolo di un movimento politico nazionale, il Movimento 5 Stelle, nella nostra città di Fermignano.

Già nella scelta dei candidati abbiamo cambiato il modo di fare: invece di ripescare vecchi politici in pensione e di collezionare volti conosciuti per raccattare voti, ci siamo presentati con le persone che in questi anni hanno dimostrato passione, entusiasmo e voglia di approfondire le questioni per puro senso civico. Il risultato è una squadra giovane e preparata che è pronta ad amministrare Fermignano.

Il nostro programma nasce dal grande lavoro di studio fatto fino ad oggi e la sua forza sta proprio nel fatto che è un programma concreto e realizzabile. Molti spunti sono stati presi dai successi dei Comuni a 5 Stelle che in pochi anni hanno dato una svolta importante nelle loro città.

Grazie di cuore a tutti coloro che sabato sono venuti ad incontrarci, grazie al nostro portavoce in Regione Piergiorgio Fabbri e al nostro portavoce alla Camera dei Deputati Andrea Cecconi per il sostegno e le bellissime parole.

A riveder le stelle!


Fermignano - 

guinza.jpg

La soap opera della E78 non smette di stupire. Eravamo rimasti all'arresto di Nicola Dinnella, l'ingegnere che ci aveva presentato il nuovissimo non-progetto per la E78, per una storia di appalti truccati nella costruzione di una superstrada in Sardegna.

Ovviamente il PD non si è lasciato scoraggiare da questi arresti, e si presenta con una nuova versione del non-progetto che realizza meno infrastrutture e lo vogliono fare senza passare per le autorizzazioni previste per legge! I sindaci dell'Alta Val Metauro, incluso quello di Fermignano, sarebbero d'accordo a questo progetto che ai cittadini non è dato conoscere.

Ci sono voluti anni, ma alla fine il PD si è adagiato sulle posizioni dei comitati che chiedono l'apertura dell'esistente galleria della Guinza a doppio senso di marcia, invece di costruirne una seconda. Dopo aver negato questa possibilità per tanto tempo, sostenendo che non fosse possibile, ora viene presentata come la soluzione di tutti i problemi legati alla E78. Il risparmio sulla seconda galleria verrebbe reimpiegato su interventi non meglio specificati nelle altre tratte.

Mentre la soluzione potrebbe essere accettabile, purché non si parli di E78, ma di apertura della Guinza, non si capiscono le forzature dei normali procedimenti di approvazione dei progetti.

All'ultimo incontro con la popolazione, il non-progetto di Dinnella era stato presentato come "progetto pre-preliminare": cioè era solo un'idea che non aveva iniziato ancora l'iter burocratico. Ora ci dicono che il progetto può partire immediatamente senza ulteriori autorizzazioni in quanto si possono usare quelle esistenti per il progetto del 2001: ma se i progetti sono completamente diversi come è possibile una cosa del genere?

Non solo: oltre ad essere due progetti diversi, anche le condizioni sono mutate rispetto a 15 anni fa. In modo particolare a Mercatello sul Metauro ci sono costruzioni che prima non esistevano e che quindi non potevano essere state prese in considerazione nella Valutazione d'Impatto Ambientale.

Perché invece di fare cose raffazzonate con una fretta ingiustificata per una volta non si segue i procedimenti corretti, in modo da scongiurare il più possibile eventuali problemi che porterebbero ad un nuovo blocco ai lavori? La normativa europea impone, giustamente, che prima di realizzare una qualsiasi opera se ne valuti l'impatto sull'ambiente per verificare che tutto sia fatto nel modo giusto. Perché il PD vuole metterci in una situazione di illegalità?

Chiediamo agli amministratori di fare chiarezza e trasparenza: di rispettare le procedure previste per legge, di rendere pubblico ai cittadini il progetto, completo di dettagli sulla valutazione costi-benefici, e di essere chiari sullo stato effettivo del progetto.

Auspichiamo, inoltre, che la magistratura tenga sott'occhio quest'opera: sia per scongiurare quanto accaduto in Sardegna, visto i precedenti, ma anche per verificare che le procedure previste per legge vengano osservate.

Elezioni comunali 2016


Fermignano - 

Untitled-2.png

Mauro Grossi - Claudia Achilli - Gabriele Giacchi - Stefano Clini - Giulia Montanari - Nicola Toccaceli - Paola Castellucci - Diego Rossini - Davide Agostini - Loretta Galvani - Michele Baldantoni - Stefano Bacciardi.

La nostra lista è composta di volti nuovi alla politica, ma già conosciuti dai fermignanesi per l'impegno profuso in questi anni nell'intento di migliorare il paese in cui viviamo.

In questi 5 anni l'impegno e l'attivismo non sono mai venuti meno e attraverso lo studio, la ricerca, la promozione di dibattiti e iniziative abbiamo cercato di salvaguardare Fermignano e il suo territorio. Siamo stati quotidianamente con il fiato sul collo all'amministrazione, controllando ogni giorno gli atti pubblicati nell'albo pretorio e presenziando a tutti i Consigli comunali.

Abbiamo sempre messo il cuore in tutte le nostre iniziative e abbiamo raccolto numerosi risultati.

• raccolta firme per l'abolizione dei vitalizi ai Consiglieri Regionali

• azioni di protesta contro la privatizzazione della mensa scolastica comunale.

• contrasto allo sperpero di denaro pubblico per la realizzazione dell'inutile Belvedere sul fiume

• presentazione di osservazioni alla Variante al PRG 2014, per scongiurare la cementificazione del vecchio campo sportivo e una devastazione ambientale lungo la strada del cimitero.

• denuncia alle Autorità dell'inquinamento delle acque pubbliche nel giugno 2014

• petizione per un'acqua più sicura che è stata accolta all'unanimità dal Consiglio comunale.

• azioni di contrasto all'ampliamento della discarica di Ca' Lucio

• campagne informative sui finti progetti che sono stati presentati per la E78.

Queste sono solo alcune delle tappe del percorso che ci ha portato fino a qui.

Oggi, dunque, ci sembra spontaneo e doveroso presentarci come vera e unica alternativa politica, la cui credibilità si basa sul lavoro svolto negli anni di attivismo.
In questa nuova ed esaltante avventura abbiamo scelto come candidato Mauro Grossi, uno dei fondatori e punto riferimento per il gruppo, per l'attivismo e la perseveranza dimostrate in questi anni.

I candidati a Fermignano

Pagine

Partecipa ai nostri eventi