MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Fidenza - 

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/fidenza/MOZIONE%20SANTA%20MARGHERITA%202016.pdf


Fidenza - 

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/fidenza/programma.html


Fidenza - 

Leggi la dichiarazione di voto sul nostro sito: http://bit.ly/1NQ5SCn

bilancio-2015-no.jpg

Prendiamo atto dello sforzo fatto per predisporre il preventivo del bilancio 2016/2018 in tempo utile per eventuali approfondimenti e modifiche e questo è un fatto positivo che apprezziamo, se si tiene conto che il bilancio preventivo dell'esercizio precedente è stato approvato solamente quattro mesi fa. Notiamo, però, il verificarsi del peggioramento della situazione dovuto alle decisioni assunte in relazione all' Unione Terre Verdiane ed all'Azienda dei Servizi alla Persona, da noi criticate, e che trovano ahimè conferma coi primi dati di previsione che ci vengono proposti. Ci auguravamo di sbagliare, di essere solamente quei gufi che il Presidente del Consiglio Renzi irride coi suoi sfottò sui social media, ma i dati purtroppo ci danno ragione per cui il MoVimento 5 Stelle di Fidenza è costretto, ancora una volta, ad esprimere il proprio voto contrario sul bilancio di previsione 2016/2018 e di seguito se ne espongono le ragioni:
TARI - TASI - IMU E TASSE VARIE - NUOVI DEBITI PER IL COMUNE - MILIONI CHE NON ARRIVANO
Sulla tariffa rifiuti, non avendo la maggioranza accolto le nostre richieste di correttivi, e riproponendo la stessa impostazione degli anni passati, ribadiamo la nostra contrarietà, poiché i coefficienti applicati dimostrano che la tassa è aumentata di più per le famiglie con un unico componente che per le famiglie numerose, ed inoltre gli aumenti sono stati più sensibili su appartamenti di modeste dimensioni, e meno rilevanti per appartamenti più grandi, di proprietà di classi più agiate. Ricordiamo che la somma IMU-TASI è stata quantificata l'anno scorso nella misura massima prevista dalle leggi nazionali. La TASI, peraltro, potrebbe anche non essere applicata. Non è un obbligo di legge, tanto che in alcuni Comuni amministrati dal MoVimento 5 Stelle, ma anche da altre forze politiche, essa non viene applicata.
A Fidenza invece è stata applicata nella misura massima.
Rimane vuota, nella tabella delle entrate, la casella relativa alla tassa di scopo: una misura che potrebbe servire alla realizzazione di progetti sui quali il Sindaco e la sua maggioranza si metterebbero in gioco direttamente coi cittadini di Fidenza. Evidentemente si teme il confronto diretto, democratico, e si preferisce applicare le tasse al massimo a tutti, senza quindi dover rendere conto, se non in maniera più fluida ed impersonale, dei risultati della propria azione amministrativa.
Ribadiamo la nostra contrarietà al mantenere esenti dalla tassa sui rifiuti, i locali:
1 - destinati ad asilo nido paritari, ovverosia PRIVATI;
2 - adibiti all'esercizio delle liturgie di culti ammessi nello Stato.
Rispetto alle scuole d'infanzia PRIVATE, si registra l'aggravarsi dell'atteggiamento servile di questo Comune nei riguardi delle scuole private alle quali si fa il regalo di ben 41.000 euro sottratti ai cittadini con le tasse. Con una convenzione firmata con la scuola Cesare Battisti che impegnerà il Comune per i prossimi tre anni. Assurdo. Chi non firmerebbe una convenzione col Comune che ti regala 41.000 euro ogni anno? Peraltro facendo concorrenza alla scuola pubblica, quindi facendo concorrenza a sé stessi. Una assurdità...
Si prende atto che, come risulta da pag. 3 della delibera di Giunta 251: "con l'approvazione del progetto di bilancio 2016-2018, la giunta comunale propone al Consiglio comunale di mantenere invariate le tariffe e le aliquote di imposta applicate per l'esercizio 2015". Sembra una buona notizia! Niente aumenti quest'anno?
Vale tuttavia la pena ricordare che dall'avvento del sindaco Massari, le tasse vincolate ad un tetto dalle norme nazionali sono state portate al massimo - salvo esenzioni discutibili -, con un aumento in un solo anno, come è risultato dal consuntivo 2014, del 9,4%. Va inoltre ricordato che il sindaco Massari ha aumentato, retroattivamente, rette scolastiche e tariffe, attribuendone la responsabilità al governo centrale, targato PD, ed usando una comunicazione istituzionale a sua firma, con contenuti dai toni propagandistici, somministrata a tutti i genitori dei bimbi. Un gesto riprovevole, a nostro parere.
Quel Governo centrale che aveva pronti da staccare assegni di svariati milioni a favore di Fidenza, per la bonifica dei siti ed altro, ma si sa, il PD è abituato a promettere e a non mantenere. A proposito, che fine ha fatto lo stanziamento del governo Renzi per la bonifica del SIN? Quei soldi che il ministro del non lavoro Poletti sventolava al fianco di Massari in campagna elettorale come pronti per essere versati di lì a poco?
Nel frattempo il Comune, per poter fare un minimo di investimenti sul territorio, è stato costretto a chiedere un prestito alla Cassa Depositi e Prestiti, che ci è stato dipinto in una precedente seduta come fosse un regalo, sebbene da che mondo è mondo un prestito preveda interessi passivi in più da pagare. Ed apprendiamo che, malgrado il Comune sia oberato dai debiti, si accinge ad accendere un nuovo mutuo di ben 850.000 euro, come risulta a pag. 3 della "Nota Integrativa al Bilancio".
Avete spalmato il debito in più anni in modo da aggirare i vincoli del patto di stabilità e poter contrarre così un altro debito? Questo sembrerebbe. E i soldi che dovevano arrivare dal Governo? Ops, ma forse ci sono! Vediamo che, a pagina 8 del "Parere dei Revisori" sono previsti ben quattro milioni in entrata in conto capitale. Sono forse quelli? Non lo troviamo espresso in maniera chiara, ma essendo etichettati come "contributi in conto capitale dallo Stato" potrebbero essere proprio loro. Peccato che sono previsti in entrata nel 2018, fra tre anni, proprio in piena campagna elettorale per il secondo mandato. Ohilà. Una casualità? Solite promesse non mantenute da un governo centrale e locale con targa PD? O paranoie del MoVimento 5 Stelle? Probabilmente non sta a noi giudicarvi per queste trionfalistiche, ma vuote, dichiarazioni, lo faranno i cittadini.
Ricordiamo anche che l'addizionale IRPEF comunale era già al massimo, quindi, con l'approvazione del bilancio preventivo 2015, non potendo ulteriormente aumentarla si è abbassata la soglia di esenzione da 15.000 a 12.000 euro l'anno, come evidenziato da un comunicato a firma CGIL e CISL apparso sulla Gazzetta di Parma, col quale condannavano senza tanti fronzoli la mancata partecipazione e condivisione, e la scelta definita sbagliata di aumentare di altri 200.000 euro le imposte ai cittadini. A questi aumenti si erano aggiunti l'aumento della tariffe di assistenza domiciliare dal 1 Gennaio 2015 applicato come di consueto retroattivamente. Sono aumentate le tariffe scolastiche e si è abbassato il limite minimo della soglia di esenzione del secondo figlio dal 50% al 40%. E' stato aumentato il canone per l'occupazione del suolo pubblico, che era rimasto invariato da sette anni. Dopo tutto questo ben di Dio, probabilmente ha fatto bene il Sindaco a non procedere ad ulteriori aumenti, per non rischiare una insurrezione popolare.
GESTIONE CONTABILE - CONTRASTO ALL'EVASIONE FISCALE - POSSIBILI INADEMPIENZE DEL SOGGETTO ESATTORE
Ricordiamo che nel consuntivo 2013, a pagina 32 della Relazione al Bilancio, si dichiarava: "Andamento dello stato di riscossione dei residui attivi. I crediti pregressi, dei quali anche la Ragioneria Generale dello Stato, hanno eccepito la "lenta riscossione, sono da addebitare principalmente al concessionario pubblico della riscossione (Equitalia), che ha attuato solo in parte le procedure esecutive, benché più volte sollecitato dall'Amministrazione comunale."
Si dichiarava che Equitalia è stata del tutto inefficace nella riscossione avendo riscosso soltanto il 17,79% sull'imposta comunale sugli immobili, quindi una imposta che si applica a soggetti che, almeno in teoria, avrebbero tutti i mezzi per pagare, ma non si spiegava, né ancor oggi si dà notizia, che fine faranno i crediti che doveva ancora riscuotere Equitalia, neppure se sono previste penali a loro carico, o fidejussioni o coperture assicurative che, almeno in parte, mitighino le minori entrate. Mentre da un lato, come detto, si sono alzate le tasse, questi crediti che vanta il Comune vengono semplicemente cancellati. Non ci sembra un buon segnale da dare a chi, onestamente, le tasse le paga.
E scusateci se su questo punto siamo ripetitivi. Finché non avremo risposte su eventuali azioni risarcitorie messe in campo da questo Comune contro Equitalia inadempiente, saremo sempre sul pezzo qui a ricordarlo perché ci sembra un'ingiustizia a cui si debba porre rimedio.
Anche quest'anno, nell'"armonizzazione" operata sul bilancio, che tecnicamente ci sembra migliorare ogni anno, e su questo punto vorremmo fare un plauso ai dipendenti comunali, viene previsto un Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità più alto, in percentuale, per gli evasori delle tasse sugli immobili che per tutte le altre imposte o tariffe comunali. Questo dato ci sembra incongruente col fatto che chi possiede un immobile dovrebbe più difficilmente riuscire ad evadere le tasse rispetto a chi non lo possiede. Basterebbe procedere al pignoramento, e se non si procede, e se non ci sono validi motivi per non farlo, questa inerzia fa nascere brutti sospetti.
DECISIONI POLITICHE A CAUSA DELLE QUALI I CITTADINI PAGHERANNO LE CONSEGUENZE NEGLI ANNI A VENIRE
Rimarchiamo quanto detto nella seduta di approvazione del Bilancio 2015, che qui vedono le prime conferme previsionali, ovvero:
SULL'UNIONE TERRE VERDIANE
Il Sindaco in una recente seduta del Consiglio Comunale, 23/11/2015, ci aveva promesso di farci avere risposte in modo chiaro ai nostri dubbi: purtroppo siamo ancora in attesa, ancora una volta. Oggi siamo chiamati a discutere un provvedimento del Comune di Fidenza e troviamo, a pagina 6 della "Nota integrativa al bilancio" una voce di spesa etichettata "Pubblica sicurezza e polizia locale (al netto delle sanzioni per violazioni al codice della strada)" che espone un costo previsto per l'esercizio 2016 di euro 834.000 e rotti circa. Sono le prime conseguenze di queste discutibili scelte?
Leggiamo inoltre che, nei precedenti esercizi, Unione Terre Verdiane era costata al Comune di Fidenza, al netto di quei famosi sei milioni dei quali attendiamo chiarimenti, le seguenti somme, esposte in penultima pagina della Nota integrativa:
anno 2012 - € 759.602,19anno 2013 - € 173.426,73 anno 2014 - € 122.927,72
per cui, seppur il rapporto con Unione Terre Verdiane fosse oneroso, il costo aveva una evidente tendenza a diminuire ogni anno. Dal 2016 sembrerebbe moltiplicarsi per sette volte.
SULL'ASP
Prendiamo atto, come si legge sempre in penultima pagina della Nota integrativa dell'utile di esercizio prodotto dall'Azienda dei Servizi alla Persona, meglio nota come ASP, proprio come noi del MoVimento 5 Stelle abbiamo sempre sostenuto, e per la precisione:.
anno 2012 + € 48.687,00 anno 2013 + € 269.285,00anno 2014 + € 535.035,00
Quindi perché privatizzarne i servizi? Anche in questo caso, dove i pubblici dipendenti hanno prodotto risultati fantastici, dove si verificano gestioni virtuose, dove il trend positivo si manifesta in continuo aumento producendo esiti al di là di ogni previsione, si preferisce mandare tutto a gambe all'aria, disgregando, distruggendo, privatizzando. Gli studi di fattibilità fatti fare dall'Assemblea dei Soci hanno dimostrato che i cittadini del Distretto socio sanitario di Fidenza dovranno farsi carico di maggiori oneri, con la privatizzazione delle strutture, dai 600 ai 900.000 euro, mentre mantenere l'ASP pubblica avrebbe consentito, come dimostrato dai numeri, risparmi per 535.000 euro.
Non sappiamo se il ministro del "non" lavoro Poletti sia d'accordo, che, va ricordato, è ex-Presidente di Lega Coop ed è stato ospitato anche a Fidenza in campagna elettorale.
I numeri sicuramente non raccontano bugie. Ed infatti vengono puntualmente confermati nei documenti allegati al bilancio. Purtroppo il PD di Fidenza, ha deciso di smembrare l'ASP, con buona pace dei cittadini più deboli, coloro che hanno depositato migliaia di firme per salvare l'Azienda, gettate dal sindaco Massari e dal Presidente Tosi letteralmente nel c. Alla faccia della promessa maggiore partecipazione dei cittadini! Ennesimo impegno non mantenuto dal PD.
Ma potremmo sbagliare noi. Magari la nuova gestione produrrà risultati ancora più esaltanti. Però non abbiamo trovato nei documenti contabili più nulla. ASP sembra sparire dagli atti comunali. Un velo di pietoso silenzio sembra avvolgerla.
A pagina 17 del Parere dei Revisori, alla voce "Utili netti della aziende speciali o partecipate, dividendi di società" l'ASP non viene nominata. A pagina 7 del documento "Bilancio di Previsione parte entrate" - versione DPR 194/1996, alla voce "Rimborsi da ASP" - previsione 2016 non è segnato alcun importo. Insomma 535.000 euro di utile di esercizio annuo dove sono finiti?
ENTRATE PER ALIENAZIONI DI IMMOBILI E SPESE DI INVESTIMENTI IN CONTO CAPITALE
A pagina 25 del Parere dei Revisori, viene riportata una tabella che prevede alienazioni per
anno 2016 € 8.285.000 - anno 2017 € 5.400.000 - anno 2018 € 2.550.000
Sembrerebbe che il Comune di Fidenza, oltre a dover chiedere un prestito alla Cassa Depositi e Prestiti, oltre ad andare in anticipazione di cassa col Tesoriere - ma qui la situazione è molto migliorata -, oltre a proporre l'accensione di un nuovo mutuo per 850.000 euro, si sia ridotto a vendere i gioielli di famiglia presso i "Compro Oro" o al Monte dei Pegni. Sedici milioni di alienazioni, che interventi sono previsti?
Nel piano investimenti in conto capitale troviamo:
per il 2016 vengono destinati 5.600.000 ad "Istruzione e diritto allo studio - Altri ordini di istruzione";
sempre nel 2016 vengono destinati 2.500.000 a "Sport e tempo libero"
Ma al Comune non spetta soltanto l'edilizia scolastica legata al servizio di "Istruzione prescolastica"? (a cui vengono destinati miseri 6.800 euro). Non spetta alla Provincia, nelle sue uniche prerogative rimaste, o allo Stato provvedere per gli "altri ordini di istruzione"?
Ma cosa ci si vuole fare con due milioni e mezzo dedicati a Sport e tempo libero, un nuovo Palazzetto dello Sport?
Nel 2017 vengono destinati 6.600.000 ad "Istruzione e diritto allo studio - Altri ordini di istruzione", un milione in più;
sempre nel 2017 vengono destinati 1.400.000 a "Sport e tempo libero";
nel 2018 vengono destinati "soltanto" 3.000.000 ad "Istruzione e diritto allo studio - Altri ordini di istruzione", meno male;
sempre nel 2018 vengono destinati solo 200.000 a "Sport e tempo libero".

Visto che si vuole vendere tutto il vendibile per incassare tanti milioni, si può sapere con maggiore chiarezza come verranno destinati tutti questi milioni?

PERSONALE COMUNALE - SVILUPPO OCCUPAZIONALE

Ancora si trascura completamente di adottare la norma che consente di incentivare i dipendenti a fare risparmiare il Comune. La norma è semplice: più risparmi equivalgono a più incentivi, ma per Massari e Giunta investire sul personale dipendente non sembra importante, anzi le risorse dedicate al personale diminuiscono sensibilmente ogni anno (a parte l'ufficio comunicazione, unico ufficio su cui ha investito). Siamo davvero gli unici a preoccuparci veramente del benessere dei dipendenti comunali? Dovremmo metterli in miglior condizione per svolgere al meglio la loro funzione.

CONCLUSIONI
Per tutte queste ragioni, il nostro voto non può che essere contrario.
Va detto in ogni caso che per la prima volta quest'anno il Sindaco ci propone un bilancio in tempo utile per apporre eventuali correttivi (complimenti ancora agli uffici), ci auguriamo che faccia tesoro delle nostre obiezioni, sulle quali siamo comunque disponibili a discuterne, se veramente ci fosse la volontà da parte della maggioranza.


Fidenza - 

Mentre la scuola pubblica continua fisicamente e non a deteriorarsi, non bastasse il Governo Renzi e prima di lui Berlusconi, l'amministrazione Massari/PD aiuta ancora una volta le scuole paritarie di Fidenza a scapito della scuola pubblica. Prima le esenta dall'IMU e poi contribuisce a sostenerne una in particolare oltre i limiti già folli delle leggi approvate negli ultimi anni che concedono privilegi a queste scuole.
Considerate un'azienda privata che commercialmente si pone in concorrenza con altre e poi si avvale di aiuti da parte dello Stato: oltre che eticamente sbagliato non vi sembra scorretto?!
Nel caso specifico è come se il Comune facesse concorrenza anche a se stesso, una follia del PD!

scuola-pubblica.jpg
ECCO IL TESTO INTEGRALE DELLA DICHIARAZIONE DI VOTO
OGGETTO: Convenzione tra il Comune di Fidenza e la scuola dell'infanzia "Asilo giardino Cesare Battisti" di Fidenza per la qualificazione dell'offerta educativa per la fascia di età 3 - 5 anni.
Il MoVimento 5 Stelle di Fidenza, in coerenza col proprio programma nazionale, che si pone l'obiettivo di finanziare solamente la scuola pubblica, in coerenza con le dichiarazioni di voto già espresse su questo delicato tema, ma soprattutto in conformità con quanto i cittadini di Bologna - Comune amministrato dal PD - hanno deciso con un referendum popolare, VOTA CONTRO a questa scelta che riteniamo decisamente errata per i seguenti motivi.
Leggendo la convenzione fra Comune e scuola paritaria, quindi privata, Cesare Battisti, prendiamo atto che il Comune di Fidenza si farà carico delle spese residenziali, di mensa e di trasporto scolastico per il regolare funzionamento di una scuola privata, un'assurdità contenuta nella legge nazionale n.62/2000 e ulteriormente peggiorata dalla legge regionale 26/2001. Norme che si inquadrano in una generale manovra di privatizzazione dei servizi pubblici essenziali che sta rendendo la nostra amata Nazione terra di conquista delle lobby finanziarie e che poco hanno a che vedere con gli ideali di equità sociale che dovrebbero appartenere alla cosiddetta sinistra.
Già votammo contro all'esenzione del pagamento della TA.RI. che il Sindaco ha voluto estendere alle scuole paritarie, cioè private. Una scelta che il Sindaco difese, rispetto alle nostre obiezioni, affermando "è un'esenzione che c'era già prima" con questo certificando che questa Giunta ha ben poco di sinistra, visto che copia modelli provenienti da Giunte di destra.
Ma il Comune di Fidenza riesce, oggi, a proporci una cosa assai peggiore. All'articolo 16 della convenzione, leggiamo che, oltre alle prescrizioni di legge, cioè ai servizi residenziali, di mensa e di trasporto scolastico a carico del Comune, si è voluto aggiungere un "contributo" di ben 41.000 euro all'anno per i servizi scolastici resi da questa scuola privata.
Quindi, perdonateci, forse non abbiamo capito bene, ma il Comune usa i soldi dei cittadini per fare concorrenza a sé stesso? Li usa per pagare gli insegnanti di una scuola privata anziché assumerne di propri? Che, ricordiamo, il Comune potrebbe assumere tranquillamente poiché i servizi educativi sono svincolati dai limiti assunzionali e dal patto di stabilità.
Quindi vi saranno dei bimbi delle scuole d'infanzia che dovranno pagare rette un po' più alte nell'asilo comunale, o i loro genitori dovranno pagare un po' più di tasse, che è poi la stessa cosa, perché il Comune di Fidenza vuole regalare 41.000 euro ad una scuola privata ogni anno?
La scuola privata potrà, in questo modo, offrire servizi a rette più basse, facendo concorrenza, quindi, alle scuole comunali. Questo ci sembra veramente assurdo. Con che coraggio, sia nella convenzione, che negli atti, si invoca la nostra amata Costituzione? Ricordiamo ai Consiglieri tutti che la Costituzione Italiana, all'art. 33, dice, fra l'altro, "Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato." Il fatto che i cittadini debbano pagare ciascuno un po' di più di tasse, per compensare le tasse che non vengono fatte pagare alle scuole private (esenzione dalla TA.RI.) e addirittura per regalargli una somma di ben 41.000 euro ogni anno, oltre ad essere anticostituzionale, suona come un affronto ai cittadini di Fidenza, che, come nel resto d'Italia, soffrono di questa crisi economica congiunturale che non consente di scialacquare le poche risorse a disposizione.
Il caso di Bologna insegna che, quando i cittadini sono chiamati a decidere, scelgono la scuola pubblica, quindi a Consiglieri di maggioranza e Giunta chiediamo di fare una scelta diversa da quella proposta, di concreta vicinanza ai propri elettori, cancellando quel regalo alle scuole paritarie, cioè private, che già beneficiano di numerosi servizi a carico del Comune.
Chiediamo infine ai Revisori dei Conti se sono stati edotti di questa regalia e se non ritengano che essa si possa configurare, qualora non venga opportunamente motivata, come possibile danno erariale.


Fidenza - 

mfront_orto_2.jpg

INCENTIVAZIONE DELL'ORTO SCOLASTICO NELLE SCUOLE DI FIDENZA

Un'altra grande vittoria del M5S di Fidenza è questa, una vittoria di nuovo dei cittadini liberi. Chi ha votato il nostro programma elettorale può sentirsi contento di sapere che uno dei punti riguardanti la cultura/istruzione è stato portato avanti ed approvato dal Consiglio Comunale. La mozione prima fu rimandata in commissione, la nostra portavoce con tenacia l'ha portata avanti ed ottenuto successivamente l'approvazione dei consiglieri. Ci auguriamo che l'associazione Europa e la Scuola Stanislao Solari riescano presto a collaborare per realizzare questo progetto che riporta i "nostri" figli a contatto con la natura insegnando loro valori importanti.

Trovi la mozione sul nostro sito a questo link: http://bit.ly/1MNAPpj


Fidenza - 

Schermata 2015-11-05 alle 12.25.11.png

UNA GRANDE VITTORIA PER I CITTADINI con difficoltà.

Approvata all'unanimità la mozione, del Movimento 5 Stelle di Fidenza, che riguarda l'eliminazione delle barriere architettoniche!

Nel nostro Comune non era previsto un P.E.B.A. (piano di eliminazione barriere architettoniche) e la nostra mozione chiedeva proprio la scrittura di tale piano non prima della verifica della situazione nelle strutture pubbliche, comprese scuole.

Le altre forze politiche hanno integrato il nostro documento inserendo anche le strutture private di pubblica utilità, siamo stati felici di approvare questa modifica.
Ci congratuliamo con l'intero Consiglio Comunale che, in questo caso, ha dimostrato sensibilità su un tema importante.

Il M5S è forza di opposizione in questo Comune con una sola portavoce, Angela Amoruso, che lotta ogni giorno per riportare il buon senso nelle sedi istituzionali. Al suo fianco un gruppo di attivisti compatto che la sostiene, Fidenza 5 Stelle. Crediamo sia una grande vittoria anche per questo, la dimostrazione di quanto comuni cittadini abbiamo idee serie e propositive, riconosciuto nei fatti con l'approvazione di questa ed altre mozioni.

Noi lo ricordiamo sempre, non è una questione di bandiere ma di proposte serie per il nostro territorio. La vittoria è sopratutto di chi trova difficoltà nel vivere quotidiano, speriamo che presto venga realizzato il P.E.B.A. così da poter dire che "a Fidenza le barriere architettoniche sono eliminate."


Fidenza - 

Schermata 2015-10-15 alle 19.15.53.png

Ecco cosa succede quando chiedi trasparenza, quando chiedi conto a chi governa la tua città. Succede a Fidenza: il Sindaco Andrea Massari si presenta all'Assemblea dei Soci di ASP (società in house con soci diversi Comuni della provincia) e dice di aver parlato con il prefetto riguardo le "pressanti" richieste di documenti che l'opposizione fa ricevendo, a suo dire, "compatimento" nei nostri confronti!

Sicuramente andremo a fondo e continueremo la nostra battaglia su ASP (ricordiamo che questa azienda pubblica offre servizi sociali ad anziani e che il PD appena insediato ha svenduto questi servizi alle amiche cooperative) non facendoci di certo impaurire da questa arroganza che il PD ovunque mostra.

Ringraziamo l'Associazione Carta Canta che da anni si batte per il sociale, che ci ha messo a conoscenza di queste dichiarazioni indecenti. #MassariStaiSereno


Fidenza - 

Gazzetta di Parma 112079302_492982064206142_3012783447442294947_n.jpg2/10

I candidati a Fidenza

  • user-pic
    Alberto Piroli
  • user-pic
    Angela Amoruso
  • user-pic
    Carmela D'Ardia
  • user-pic
    corrado tanzi
  • user-pic
    Daniele Ghirarduzzi
  • user-pic
    Domenico Di Meo
  • user-pic
    Erik Rossi
  • user-pic
    Ianelli Corrado
  • user-pic
    Lorenzo Tanzi
  • user-pic
    michela curati
  • user-pic
    patrizia adorni
  • user-pic
    Sandro Sardone
  • user-pic
    tiziano ranieri