Archivio dei post di Aprile 2011


Figline Valdarno - 

Il Movimento 5 Stelle si impegna, in caso di vittoria alle prossime elezioni amministrative a Figline Valdarno ad applicare nei primi 100 giorni di governo i seguenti punti:

  • Cambio di destinazione d'uso del terreno de LE BORRA, dove dovrebbe sorgere una discarica. NO ALLA DISCARICA!!!!!
  • Destinazione di metà del parcheggio della Stazione lato Matassino alle auto con almeno 2 passeggeri.
  • Delibera che esclude la possibilità di nomina di ex politici nelle cariche all'interno delle municipalizzate.
  • Delibera per applicare da subito il principio di congruità negli appalti pubblici del comune, ad esempio se il lavoro che si appalta ha bisogno di 20 operai possono partecipare alla gara solo quelle ditte che ne hanno a libro paga almeno la metà.
  • Delibera per istituire i volumi zero nelle politiche edilizie.
  • Istituzione di un Fondo di Solidarietà.
  • Istituzione di una Commissione Straordinaria sulla scuola.
  • Uscita dalla società AER e riutilizzo immediato delle risorse derivanti dalla vendita delle azioni alle politiche ambientali.
Questa è la nostra sfida alle altre forze politiche, tutti i punti sopracitati sono di veloce realizzazione, basta la buona volontà. Vediamo chi ha il nostro stesso coraggio, quello di guardare in faccia il futuro invece di restare voltati ad osservare il passato fermi e inerti davanti agli eventi. Il nostro tempo è ADESSO.

Figline Valdarno - 

Finalmente, dopo mesi di prese di posizione e di annunci si delineano quali saranno le forze in campo per le prossime elezioni amministrative di Figline Valdarno. Dovendo essere sinceri avremmo sperato di poter vedere, oltre alla nostra lista, qualcosa di più nuovo, propositivo. E invece anche stavolta concorreranno a questa tornata elettorale le stesse forze di sempre, cariatidi di potere ferme e immobili a sorvegliare il nulla. Il sindaco uscente, l'inguardabile (non fisicamente, anzi, pare essere un bell'uomo) Riccardo Nocentini, uomo di apparato, legato ad un potere che a Figline e in Toscana governa da sempre, è appoggiato da tre partiti, oltre al "suo" PD: Socialisti, IDV e SEL. I socialisti, come sempre nella loro storia recente appoggiano chi gli può dare un po' di potere e ritorno clientelare e quindi non stupisce la loro posizione, che tra l'altro, a Figline, hanno da sempre. Stupisce invece vedere con loro anche IDV e SEL. La prima (IDV) perchè sarà costretta ad appoggiare un sindaco inquisito per la nota vicenda delle scuole Lambruschini. La seconda (SEL) perchè a livello locale si è messa nelle mani del voltagabbana per eccellenza: Danilo Sbarriti. Eletto in maggioranza con Rifondazione Comunista alle passate elezioni, passato durante la legislatura nel gruppo con i Socialisti e poi approdato a SEL. Come faranno a spiegare di essere dalla parte dell'ambiente dovendo appoggiare la costruzione di una discarica di rifiuti speciali? Mah... Sempre a sinistra si presentano altre due liste: quella della Federazione della Sinistra, voluta fortemente dal consigliere provinciale Calò, lo stesso che prima di fare quella lista è andato a vedere cosa aveva il PD da offrirgli insieme agli altri che adesso copre di spergiuri (IDV e SEL) per poi, accortosi che non c'era trippa per gatti, decidere di tirare su una lista propria in fretta e furia. L'altra, quella che vede i Verdi appoggiare la sig. ra Poggesi che non più tardi di qualche giorno fa aveva deciso di lasciar perdere e di appoggiare Clara Mugnai. I verdi quindi appoggiano una persona che appoggia un'altra persona che a sua volta viene appoggiata da PDL, UDC, FLI e la lista civica Salviamo il Serristori. Avete capito? All'inizio neanche noi. Poi, dopo qualche giorno e un po' di mal di testa abbiamo compreso: in pratica è come se i verdi stessero insieme al centrodestra. Lo stesso centrodestra che il Italia vuole le centrali nucleari. Avete capito bene, i verdi insieme a quelli che vogliono le centrali nucleari. Mah..... Dall'altra parte, quella del centrodestra le cose sono più semplici perchè tutte le forze, dall'UDC fino al PDL hanno deciso di puntare sulla sig. ra Mugnai, già promotrice della lista civica Salviamo Il Serristori. Niente da dire sulla persona, lei ha dimostrato di essere persona per bene e di saper portare avanti battaglie difficili e di questo le rendiamo pubblicamente atto, come farà invece a tenere insieme gli altri, tutta gente che a Figline ha già fatto opposizione da banchi diversi con risultati veramente risibili? Come giustificherà la sig. ra Mugnai il fatto che quelle stesse forze che adesso l'appoggiano a Figline a livello nazionale hanno praticato e praticano tutt'ora lo smantellamento sistematico del Sistema Sanitario Pubblico?


Niente di nuovo all'orizzonte, quindi. Tranne noi, il Movimento 5 Stelle. Candidiamo tutte persone che non hanno fatto mai neanche il consigliere. Non siamo appoggiati da questo o quell'apparato di potere a livello comunale, provinciale o regionale. Siamo gente pulita. La media dell'età dei nostri consiglieri è di 40 anni. Cittadini tra i cittadini senza fondi di partito e che portano avanti una battaglia di legalità, moralità e trasparenza senza accosti di questo o quel giornale o dell'associazionismo di facciata, di destra o di sinistra che sia. Siamo noi, con le nostre facce, le nostre storie, tanta passione e soprattutto usiamo del nostro autofinanziandoci ogni mezzo, dai volantini ai manifesti per essere sicuri di poterci muovere liberi da condizionamenti. Mettiamo in campo una squadra di persone veramente di alto livello per provare a guardare più avanti, ad una città che possa finalmente vedere un futuro fatto di politiche trasparenti, di spese oculate e giuste e ambientalmente sostenibili. Noi non siamo ne di destra ne di sinistra. A noi piace pensare di essere più in basso, cittadini tra i cittadini.