Archivio dei post di Novembre 2011

Incontro di Frazione (Gaville)

Incontro di Frazione (Cesto)


Figline Valdarno - 

Presentata nuova mozione per ovviare agli appunti sulla non fondatezza dei preventivi presentati dal Movimento 5 Stelle, Frallicciardi si propone per la configurazione e l'acquisto dei materiali informatici.

Il MoVimento 5 Stelle ripropone nella seduta di martedì del consiglio comunale la mozione per poter installare delle telecamere per la ripresa streaming. "Come nello scorso consiglio comunale" afferma Andrea Frallicciardi, portavoce consigliere del MoVimento 5 Stelle "riproponiamo la medesima mozione eliminando l'unica obiezione che ci era stata eccepita da parte del Capogruppo PD Pieralli: il costo dell'installazione e dei materiali".

"Facciamo un regalo natalizio al Consiglio e ci accolleremo noi tali spese" continua Frallicciardi "e personalmente curerò l'installazione e la configurazione, nonché il training al personale del comune. In più, avendo presentato una interpellanza in merito alla mancata trasparenza e rispondenza alla legge dell'attuale sistema informatico, prendiamo in parola la volontà della maggioranza di voler far diventare il comune una struttura dalle "pareti di vetro" e la maggioranza non può che approvare questa mozione, che consentirà a tutti i cittadini di fruire dei consigli comunali in diretta."


Figline Valdarno - 

Pubblichiamo la prima bozza, che stiamo studiando, del piano interprovinciale dei rifiuti.

Risultano già agli occhi di tutti dettagli inquietanti come, descritto anche dal Nuovo Corriere Fiorentino oggi:

  • Apertura della discarica di "Le Borra" per il 2015
  • Costo della discarica di circa 18 milioni di euro
  • Si afferma che il terreno di "Le Borra" non è soggetto a frane!!!

Dopo che si è venuto a sapere che è stato affidato l'incarico ad una azienda del settore (la OIKOS srl con sede a Bergamo e un capitale sociale di soli 10.000 €) per la valutazione geologica del terreno, un azienda che nel suo curriculum vanta notevoli esperienze in discariche, inceneritori e affini, questo documento è ancora più inquietante.

Potete scaricare il file da questo link e valutarlo.

Aiutateci a scoprire le magagne di questo documento!!!


Figline Valdarno - 

La lotta alla discarica di Figline (e a tutte le discariche in generale) passa anche per la riduzione della quantità di rifiuti prodotti.
In campagna elettorale eravamo tutti concordi: è prioritario ridurre gli imballaggi. L'attuale assessore all'ambiente (SEL) rilanciava e si vantava di portare avanti questa strategia non solo in politica ma anche presso la COOP, tanto che il supermercato di Figline, allora in costruzione, sarebbe stato un fiore all'occhiello per ecosostenibilità. Ad esempio ci diceva che si era speso molto per i distributori di "prodotti alla spina".
Questo fine settimana è stata inaugurata la nuova COOP, ma ci sono state alcune brutte sorprese che vanno nella direzione opposta della riduzione dei rifiuti. C'è fortunatamente traccia dei distributori alla spina (anche se distribuiscono detersivi con tensioattivi), ma è stato adottato un software di gestione veramente assurdo e diabolico: il banco gastronomia è organizzato in modo che per gli operatori non sia possibile mettere più di tre prodotti in una confezione sola! Quindi se si compra mezz'etto di salame, un pezzettino di ricotta, una fetta di mortadella e una di pancetta ... vengono utilizzati due incarti! È evidente che in questo modo si produce senza motivo una quantità maggiore di rifiuto che va a finire nell'indifferenziata e da lì agli inceneritori e alle discariche.
Gestioni di questo tipo rendono quindi le discariche più vicine, ma a chi può convenire tutto questo?
Forse a chi cerca di convincere la popolazione che le discariche sono un male necessario. La realtà è che sono necessarie solo a chi sui rifiuti ci fa il business: ricordiamo che intorno ai rifiuti c'è un giro di milioni di euro finanziati con contributi pubblici e con tasse dei cittadini (la provincia ci informa che il costo della sola discarica di Figline sarà di 18 milioni di euro). Mentre molte città di qualsiasi dimensione hanno dimostrato che con la strategia "rifiuti zero" è possibile fare a meno sia di discariche che di inceneritori.
In seguito a questa denuncia, noi non chiediamo spiegazioni. Chiediamo fatti. I politici e gli amministratori di COOP da che parte stanno? Con i comuni cittadini o con la casta che campa sulla loro pelle?


Figline Valdarno - 

Il MoVimento 5 Stelle rifiuta i finanziamenti elettorali (facendo risparmiare all'erario fino ad adesso circa 1.700.000 €).

Aiutateci però a sostenere le nostre iniziative! Finanziateci con un offerta libera per una bottiglia di Vino 5 Stelle!

  • Vino Chianti di Castellina in Chianti
  • Il vino è ottenuto da uve coltivate con il metodo dell'agricoltura biologica
  • L'etichetta è stampata su carta riutilizzata (il retro di alcuni volantini avanzati dalle elezioni comunali 2011)
  • Come collante per attaccare le etichette è stata utilizzata farina e acqua

Vino 5 Stelle

Prenotate le bottiglie scrivendo a info@figline5stelle.it

Ulteriori informazioni a questa pagina

Fiato sul collo - VI Consiglio Comunale (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Alle ore 20.00 presso il Comune di Figline Valdarno.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Fiato sul collo - V Commissione (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Alle ore 18.30 presso il Comune di Figline Valdarno.


Visualizzazione ingrandita della mappa


Figline Valdarno - 

Una nuova campagna di propaganda del MoVimento 5 stelle, "i Perché?" una serie di domande mirate alle politiche messe in atto dal Sindaco e dalla Giunta.

Abbiamo volantinato durante la manifestazione di Autumnia, durante il discorso del sindaco, notando la curiosità delle persone che ricevevano questi volantini, questa serie di domande che mettono a nudo l'incoerenza e l'illogicità dell'agire del Sindaco Nocentini e della Sua Giunta.

Aiutaci a diffondere questi volantini! scarica e diffondi gli allegati a questo post!

Aiutaci a porre nuove domande commentando questo post o semplicemente scrivendo a info@figline5stelle.it

i Perché - Acqua Bene Comune i Perché - Discarica Le Borra

fai clic sulle immagini per scaricare il PDF da stampare!


Figline Valdarno - 

Commento al V Consiglio comunale di Andrea Frallicciardi


Figline Valdarno - 

Il sindaco di San Giovanni Valdarno, Maurizio Viligiardi, nella trasmissione Decoder andata in onda il 4 novembre su Valdarno Channel esprime apertamente quello che è il disegno impiantistico dei rifiuti in Valdarno, sia esso aretino che fiorentino, questo ha poca importanza, dato che si gioca tutto in pochissimi chilometri.
Si parla delle due discariche, una storica "Podere Rota" situata a Terranuova B.ni, ma ai confini di San Giovanni ed un'altra" Le Borra" che ha sede nel comune di Figline, ma molto vicina a San Giovanni e Cavriglia, che si farà, nonostante il terreno sia inadatto ad accogliere una discarica, malgrado l'opposizione della popolazione, ma con la complicità di un'amministrazione comunale che afferma mezza verità per volta perché un'intera verità tutta insieme avrebbe il beneficio della trasparenza e la capacità di una reale informazione.
Il sindaco Viligiardi non dice niente di nuovo: la delibera della Provincia di Arezzo n.127 del 24/3/2011 che ratifica l'accordo fra le Provincie di Arezzo e Firenze sancisce la proroga fino al 2014 della capacità ricettiva della discarica di Podere Rota, poiché il comprensorio fiorentino non è ancora pronto ed autonomo nello smaltimento dei rifiuti. Non è pronto perché l'ampliamento dell'inceneritore di Selvapiana situato nel Comune della Rufina è stato bloccato dal TAR. Quello che non viene detto è che per questo la Provincia di Arezzo e le Amministrazioni Comunali interessate, vengono risarcite in denaro per il disagio ambientale. Ignoriamo quando e come verranno risarciti i cittadini per i danni alla salute.
Sempre ricorrendo alla citata delibera, i rifiuti, nella fase definitiva, verranno portati al centro di selezione di Podere Rota, da qui una parte verranno condotti verso l'inceneritore della Rufina, le cui ceneri, ovvero scorie pericolosissime che costituiscono rifiuti nocivi secondo il Catalogo Europeo dei Rifiuti, verranno ricondotte nuovamente in Valdarno e depositate presso la discarica di Podere Rota. Di conseguenza vi sarà un aumento esponenziale del traffico su gomma dei mezzi pesanti che interesserà il Valdarno.
Quando sarà pronta la discarica delle Borra, secondo il principio di reciprocità, questa accoglierà tutto quello che viene sversato attualmente nella discarica di Podere Rota, e cioè i rifiuti tali e quali, quindi rifiuti non differenziati e le scorie pericolose derivanti dalla combustione dei rifiuti provenienti dal futuro impianto di incenerimento di Selvapiana alla Rufina.
La provincia di Firenze e quella di Arezzo ringraziano per la soluzione dei problemi dei rifiuti, il Comune di Figline ringrazia perchè verrà "risarcito per il disagio ambientale" , il territorio del Valdarno non saprà chi ringraziare quando sarà devastato.