Archivio dei post di Febbraio 2012

Fiato sul collo - III Commissione (Figline Valdarno)

user-pic
di

Figline Valdarno - 

Alle ore 18.30 presso il Comune di Figline Valdarno.

Questo l'ordine del giorno

  • Convenzione per il sistema museale territoriale del Chianti Fiorentino e del Valdarno.
  • Varie ed eventuali


Visualizzazione ingrandita della mappa

user-pic
di

Figline Valdarno - 

Si è tenuta il 18 Febbraio si è tenuta la IV Commissione presso il Comune di Figline Valdarno.

Presenti alla commissione i consiglieri:

  • Leonardo Favilli (Presidente)
  • Sandro Sarri
  • Andrea Frallicciardi
  • Clara Mugnai
Assente:
  • Mauro Tani

per la giunta comunale :

  • l'Assessore Carlo Artini

La seduta di commissione si è aperta alle ore 11.00 ed ha analizzato il seguente punto all'ordine del giorno:

  • Convenzione con l'Associazione AUSER per il servizi d trasporto sociale. Approvazione schema
  • Varie ed eventuali

L'Assessore Artini ha iniziato indicando i punti salienti della Convenzione che sono stati i seguenti:

  • art. 1: descrive le caratteristiche del servizio di trasporto sociale contemplate nella convenzione:
    1. tipologie di trasporto sociale (dal domicilio a strutture socio-sanitarie pubbliche, accompagnamento per spesa, ambulatori medici, centro diurno per disabili "Aquilone" e centro diurno per anziani, attività di ricreazione e socializzazione);
    2. requisiti personali (anziani ultrasessantacinquenni, invalidi civili, soggetti con handicap riconosciuto ai sensi della Legge 104/1992;
    3. requisiti reddituali (ISEE inferiore a € 9.000,00 per i trasporti sociali gratuiti ed € 20.000,00 per i trasporti sociali a tariffa agevolata);
    4. compartecipazione al servizio di trasporto sociale agevolato da parte degli utenti.
  • art. 2: utilizzo di mezzi di proprietà dell'AUSER per l'esecuzione del servizio;
  • art. 3: disciplina della dotazione di mezzi e volontari per l'effettuazione del servizio
  • art. 4: prevede il numero di giorni a settimana di svolgimento del servizio (dal lunedì al sabato ed eccezionalmente nei festivi);
  • art. 5: comportamenti in caso di interruzione non prevista del servizio;
  • art. 6: rapporti operativi con gli uffici comunali;
  • art. 7: importo dei contributi annuali in rapporto alla tipologia di servizio;
  • art. 8: durata della convenzione (fino al 31/12/2014);
  • art. 9: tratta della clausola conciliativa, in caso di controversie relative all'applicazione della convenzione;
  • art. 10: comprende le disposizioni da seguire in caso di registrazione dell'atto.
L'Assessore ha specificato che negli anni la convenzione si è concentrata solo verso Auser perchè sia Misericordia che Croce Azzurra hanno declinato l'offerta del comune. Il presidente Favilli ha fatto notare come il costo chilometrico sia pari a 0.37€. Tutti i commissiari hanno commentato con favore tale convenzione. La votazione è stata perciò unanime per l'approvazione della convenzione.


Successivamente la consigliera Mugnai ha posto all'attenzione della commissione il probelma che alcuni anziani hanno circa le riduzioni spettanti in base al reddito per le bollette AER.
La discussione si è aperta con l'intervento del presidente Favilli che ha proposto di inviare agli utenti un promemoria e di proporre ad AER questa modifica alle notifiche verso gli utenti. Di seguito il commissario Sarri ha aggiunto che tale proposta dovrà essere riportata a Publiacqua e agli altri servizi ex-municipalizzati. Infine, con un appunto inteligente l'Ass. Artini ha proposto di integrare nella fattura una comunicazione promemoria della scadenza dell'agevolazione e per ricordare all'utente di ripresentare per l'anno successivo la richiesta di riduzione.
Il consigliere Frallicciardi ha proposto di aggiungere un eventuale modulo nella medesima comunicazione.
Tutti i commissiari si sono trovati d'accordo nel delegare all'assessore questo compito nella successiva conferenza con AER (e gli altri enti).


Infine Andrea Frallicciardi ha chiesto all'Assessore a che punto erano gli emendamenti al Piano Sanitario Regionale: è stato risposto che sono in lavorazione e che sono stati richiesti (e ricevuti) gli atti relativi agli accessi degli altri ospedali; Artini è rimasto sconcertato dai numeri del nosocomio OSMA che (compresi i codici bianchi) non supera i 36.000 accessi annuali, cioé con un bacino di utenti che è più del doppio del valdarno fiorentino, arriva preciso a doppiare gli accessi al Pronto Soccorso del Serristori. L'Assessore ha comunicato che sta attendendo ancora i numeri relativi al personale impegnato negli altri ospedali per singolo reparto.

La commissione si è conclusa alle 12.10.

Fiato sul collo - IV Commissione (Figline Valdarno)

user-pic
di

Figline Valdarno - 

Alle ore 11.00 presso il Comune di Figline Valdarno.

Questo l'ordine del giorno

  • Convenzione con l'Associazione AUSER per il servizi d trasporto sociale. Approvazione schema
  • Varie ed eventuali


Visualizzazione ingrandita della mappa

user-pic
di

Figline Valdarno - 

Il MoVimento 5 Stelle valuta l'operato del consiglio comunale circa l'Ospedale Serristori e si impegna a suggerire come valorizzare il nosocomio anche nel Piano Sanitario Regionale.

"Nell'ultimo consiglio comunale abbiamo assistito ad un atteggiamento distonico dei consiglieri della maggioranza e della giunta comunale" afferma Andrea Frallicciardi, portavoce del MoVimento 5 Stelle di Figline Valdarno, "Dovendo approvare un ordine del giorno che ribadiva la volontà della maggioranza di mantenere l'ospedale Serristori come ospedale per acuti, abbiamo riscontrato una contraddizione palese: la maggioranza apriva il documento elogiando l'attività di programmazione in campo sanitario della Regione Toscana e quindi il Piano Sanitario Regionale e, nel contempo, chiedeva allo stesso Ente di non declassare l'ospedale di Figline Valdarno, come invece previsto dallo stesso Piano. Infatti il nostro Ospedale Serristori passerà da ospedale di classe B a classe A, senza un Pronto Soccorso, ma con un PET ossia Punto di Emergenza Territoriale".

"Questo atteggiamento "morbido" nei confronti della Regione Toscana" continua Frallicciardi "da parte della maggioranza ed il rifiuto di approvare il documento con gli emendamenti presentati dal Consigliere del gruppo "Salvare il Serristori"-UDC Sig.ra Clara Mugnai, ha comportato l'uscita dalla sala consiliare di tutti i consiglieri dell'opposizione che avevano la volontà di approvare il documento con gli emendamenti. Tali emendamenti erano già stati presentati nella IV commissione e mirati a rendere condivisibile il documento del PD da parte di tutto il consiglio comunale, così come era avvenuto ad ottobre 2011."
"Siamo consapevoli dell'importanza dell'ospedale nella zona del Valdarno" conclude Frallicciardi "e manterremo attiva la vigilanza sugli atti dell'Azienda Sanitaria di Firenze, per evitare un drastico declassamento e la privazione di servizi sanitari ed eventualmente proponendo all'amministrazione comunale suggerimenti su come emendare il piano regionale sanitario".

user-pic
di

Figline Valdarno - 

Si è tenuta il 9 Febbraio si è tenuta la V Commissione presso il Comune di Figline Valdarno.

Presenti alla commissione i capigruppo:

  • Massimiliano Morandini(Presidente)
  • Roberto Renzi (vice-Presidente)
  • Andrea Frallicciardi
  • Clara Mugnai
  • Giorgio Laici
Assenti:
  • Valentina Trambusti
  • Daniela Leoni

per la giunta comunale :

  • l'Assessore Daniele Raspini

in rappresentanza dei cittadini:

  • Cittadini residenti in Piazza Enzo Ferrari
  • Gestori del circolo adiacente Piazza Enzo Ferrari

La seduta di commissione si è aperta alle ore 18.00 ed ha analizzato il seguente punto all'ordine del giorno:

  • Situazione Piazza Enzo Ferrari
  • Varie ed eventuali

La commissione è iniziata con l'esposizione da parte dei responsabili del Circolo Amicizia. A detta loro, di recente, "hanno iniziato a frequentare il circolo circa 80 nuovi ragazzi alcuni dei quali molto giovani. Non sono stati tutti tesserati in quanto alcuni di loro sono stati allontanati causa atteggiamenti violenti nei confronti dei gestori.
I genitori dei ragazzi sembrano non aiutare i tentativi di educazione da parte dei gestori.
I ragazzi si ritrovano fino a tarda notte sotto il circolo, anche in presenza del cancello chiuso, scavalcano e stanno li a parlare, gridare fino a tarda notte; giocano a pallone in piazza disturbando la quiete pubblica, la vita quotidiana di intere famiglie ,offendono gli abitanti dei condomini che, come è successo, si vedono costretti a svendere addirittura la propria casa, per andare ad abitare altrove".
I cittadini presenti al tavolo, non si lamentano con i gestori del circolo ma chiedono al comune di far rispettare l'articolo del regolamento del comune di figline valdarno che impone sanzioni fino a 25€ per chi disturba la quiete pubblica. I cittadini segnalano inoltre che vigili e carabinieri intervengano molto raramente quando chiamati.

Dopo varie proposte si è giunti ad una conclusione sperimentale:

  • L'installazione di una telecamera Fissa (sollecitata fortemente da Andrea Frallicciardi ), collegata all'impianto di videosorveglianza del circolo.
  • Verranno installate panchine nel mezzo della piazza (per dissuadere i giovani a giocare a calcio) e piante in vasiere per circoscrivere la zona.

L'assessore Raspini curerà personalmente le promesse prese in commissione, nei tempi pattuiti (entro fine Marzo 2012).

Il consigliere Frallicciardi si è reso disponibile verso i cittadini a procedere con interpellanza nel caso in cui subentrino in zona, ulteriori problemi.

La commissione è terminata alle ore 20.00.

user-pic
di

Figline Valdarno - 

Commento al IX Consiglio comunale di Andrea Frallicciardi

user-pic
di

Figline Valdarno - 

Pubblichiamo il comunicato stampa di Medicina Democratica, nell'ambito della lotta contro l'adozione del Piano Interprovinciale di gestione dei rifiuti.
I medici ed i tecnici di Medicina Democratica intervenuti all'audizione della terza commissione ambiente della Provincia di Firenze, il giorno 10022012, per presentare l'ALTERPIANO per la gestione dei rifiuti per l' ATO TOSCANA CENTRO, stigmatizzano l'atteggiamento arrogante e gravato di pregiudizi che alcuni membri del partito di maggioranza relativa hanno tenuto nei loro confronti. Ancora una volta i decisori politici del PD di questa provincia nell'ignorare ogni principio di precauzione, fanno sfoggio di una dogmatica assunzione di certezza riguardo alla non nocività dei moderni inceneritori che il metodo scientifico in uso non consente di dare e persistono nella consumata logica "della minimizzazione del danno" e della "rassicurazione ad oltranza", negandosi ad ogni effettiva possibilità di dialogo.
Medicina Democratica nel sottolineare che nessun ulteriore aggravio per la salute umana proveniente dall'incenerimento dei rifiuti può oggi essere considerato accettabile, indica nell'ALTERPIANO dei Comitati ATO Centro la soluzione immediata e concreta per una gestione dei rifiuti, a inquinamento zero, che risparmia la materia, che crea occupazione, che riduce i costi di smaltimento, nel pieno rispetto delle normative europee e nazionali.

Medicina Democratica Movimento di lotta per la salute
Associazione onlus sede di Firenze,
sez.Pietro Mirabelli-p.za Baldinucci, 8r - 50129, Firenze
coordinatore Dr. Gian Luca Garetti, tel 3348668064

user-pic
di

Figline Valdarno - 

Si è tenuta il 9 Febbraio si è tenuta la V Commissione presso il Comune di Figline Valdarno.

Presenti alla commissione i capigruppo:

  • Massimiliano Morandini(Presidente)
  • Roberto Renzi (vice-Presidente)
  • Andrea Frallicciardi
  • Clara Mugnai
  • Giorgio Laici
Assenti:
  • Valentina Trambusti
  • Daniela Leoni

per la giunta comunale :

  • l'Assessore Daniele Raspini

in rappresentanza dei cittadini:

  • Cittadini residenti in Piazza Enzo Ferrari
  • Gestori del circolo adiacente Piazza Enzo Ferrari

La seduta di commissione si è aperta alle ore 18.00 ed ha analizzato il seguente punto all'ordine del giorno:

  • Situazione Piazza Enzo Ferrari
  • Varie ed eventuali

La commissione è iniziata con l'esposizione da parte dei responsabili del Circolo Amicizia. A detta loro, di recente, "hanno iniziato a frequentare il circolo circa 80 nuovi ragazzi alcuni dei quali molto giovani. Non sono stati tutti tesserati in quanto alcuni di loro sono stati allontanati causa atteggiamenti violenti nei confronti dei gestori.
I genitori dei ragazzi sembrano non aiutare i tentativi di educazione da parte dei gestori.
I ragazzi si ritrovano fino a tarda notte sotto il circolo, anche in presenza del cancello chiuso, scavalcano e stanno li a parlare, gridare fino a tarda notte; giocano a pallone in piazza disturbando la quiete pubblica, la vita quotidiana di intere famiglie ,offendono gli abitanti dei condomini che, come è successo, si vedono costretti a svendere addirittura la propria casa, per andare ad abitare altrove".
I cittadini presenti al tavolo, non si lamentano con i gestori del circolo ma chiedono al comune di far rispettare l'articolo del regolamento del comune di figline valdarno che impone sanzioni fino a 25€ per chi disturba la quiete pubblica. I cittadini segnalano inoltre che vigili e carabinieri intervengano molto raramente quando chiamati.

Dopo varie proposte si è giunti ad una conclusione sperimentale:

  • L'installazione di una telecamera Fissa (sollecitata fortemente da Andrea Frallicciardi ), collegata all'impianto di videosorveglianza del circolo.
  • Verranno installate panchine nel mezzo della piazza (per dissuadere i giovani a giocare a calcio) e piante in vasiere per circoscrivere la zona.

L'assessore Raspini curerà personalmente le promesse prese in commissione, nei tempi pattuiti (entro fine Marzo 2012).

Il consigliere Frallicciardi si è reso disponibile verso i cittadini a procedere con interpellanza nel caso in cui subentrino in zona, ulteriori problemi.

La commissione è terminata alle ore 20.00.

user-pic
di

Figline Valdarno - 

Si è tenuta il 9 Febbraio si è tenuta la V Commissione presso il Comune di Figline Valdarno.

Presenti alla commissione i capigruppo:

  • Massimiliano Morandini(Presidente)
  • Roberto Renzi (vice-Presidente)
  • Andrea Frallicciardi
  • Clara Mugnai
  • Giorgio Laici
Assenti:
  • Valentina Trambusti
  • Daniela Leoni

per la giunta comunale :

  • l'Assessore Daniele Raspini

in rappresentanza dei cittadini:

  • Cittadini residenti in Piazza Enzo Ferrari
  • Gestori del circolo adiacente Piazza Enzo Ferrari

La seduta di commissione si è aperta alle ore 18.00 ed ha analizzato il seguente punto all'ordine del giorno:

  • Situazione Piazza Enzo Ferrari
  • Varie ed eventuali

La commissione è iniziata con l'esposizione da parte dei responsabili del Circolo Amicizia. A detta loro, di recente, "hanno iniziato a frequentare il circolo circa 80 nuovi ragazzi alcuni dei quali molto giovani. Non sono stati tutti tesserati in quanto alcuni di loro sono stati allontanati causa atteggiamenti violenti nei confronti dei gestori.
I genitori dei ragazzi sembrano non aiutare i tentativi di educazione da parte dei gestori.
I ragazzi si ritrovano fino a tarda notte sotto il circolo, anche in presenza del cancello chiuso, scavalcano e stanno li a parlare, gridare fino a tarda notte; giocano a pallone in piazza disturbando la quiete pubblica, la vita quotidiana di intere famiglie ,offendono gli abitanti dei condomini che, come è successo, si vedono costretti a svendere addirittura la propria casa, per andare ad abitare altrove".
I cittadini presenti al tavolo, non si lamentano con i gestori del circolo ma chiedono al comune di far rispettare l'articolo del regolamento del comune di figline valdarno che impone sanzioni fino a 25€ per chi disturba la quiete pubblica. I cittadini segnalano inoltre che vigili e carabinieri intervengano molto raramente quando chiamati.

Dopo varie proposte si è giunti ad una conclusione sperimentale:

  • L'installazione di una telecamera Fissa (sollecitata fortemente da Andrea Frallicciardi ), collegata all'impianto di videosorveglianza del circolo.
  • Verranno installate panchine nel mezzo della piazza (per dissuadere i giovani a giocare a calcio) e piante in vasiere per circoscrivere la zona.

L'assessore Raspini curerà personalmente le promesse prese in commissione, nei tempi pattuiti (entro fine Marzo 2012).

Il consigliere Frallicciardi si è reso disponibile verso i cittadini a procedere con interpellanza nel caso in cui subentrino in zona, ulteriori problemi.

La commissione è terminata alle ore 20.00.

Fiato sul collo - Consiglio Provinciale (Firenze)

user-pic
di

Figline Valdarno - 

Alle ore 15.00 presso il palazzo Medici Riccardi, sarà portato per l'adozione, durante il consiglio provinciale, il piano Interpronvinciale per la gestione dei rifiuti. Si invitano i cittadini a partecipare per far sentire forte la nostra voce contro questo piano scellerato.


Visualizzazione ingrandita della mappa

user-pic
di

Figline Valdarno - 

Analisi del MoVimento 5 Stelle - Valdarno sulle ultime notizie pubblicate su ValdarnoPost.it.

Accogliamo con grande piacere l'inversione di rotta di parte del centrosinistra valdarnese: fino a poche settimane fa compatto nel progetto di realizzare a Figline Valdarno una discarica per i residui incombusti dell'inceneritore di Rufina, adesso richiede alla provincia di Firenze di stralciare il progetto della discarica di Le Borra (Figline Valdarno) dal piano interprovinciale dei rifiuti.
Finalmente si sono accorti di due cose che diciamo ormai da più di un anno:

  • le ceneri degli inceneritori sono rifiuti pericolosi
  • il terreno di Le Borra è geologicamente inadatto ad ospitare una discarica.

Adesso attendiamo trepidanti la decisione della Provincia, che voterà il piano dei rifiuti la prossima settimana. Se tutte le forze in consiglio provinciale rispetteranno i patti sottoscritti con i comitati locali che si oppongono allo scellerato piano interprovinciale dei rifiuti, non ci dovrebbero essere problemi.
Tuttavia, anche se ciò si verificasse, la vittoria non sarebbe ancora completa, per questi motivi:


  • La legge regionale 35/2011 incombe come una mannaia: la norma prevede in sostanza che se la Regione reputa "strategico" un impianto, può autorizzarne la realizzazione in barba all'opposizione (reale o di facciata) di qualsiasi altro soggetto (compresi comuni, province, conferenze dei servizi ecc...). Sta già succedendo per i pirogassificatori del pisano!

  • L'impianto generale del piano interprovinciale dei rifiuti viene messo in crisi solo momentaneamente e non in maniera definitiva: nonostante il no alla discarica a Le Borra si dà il via libera ad altri impianti in Valdarno. Per i nostri politici quindi il binomio inceneritore-discarica dovrà continuare a flagellare il Valdarno: oltre a diversi impianti di discarica al suo interno (a Terranuova Podere Rota, a Figline Le Borra e discariche di materiali contaminati provenienti dagli scavi della TAV) il territorio è anche circondato da inceneritori: San Zeno (Arezzo) a sud-est, Testi (Greve in Chianti) ad ovest, Selvapiana (Rufina) a nord, Case Passerini (Sesto Fiorentino) a nord-ovest.

Ci chiediamo perciò:

  • Se l'area di Podere Rota continuerà fino al 2017 (o forse al 2021) a essere la discarica di Firenze, ingrassando i soci privati con i rifiuti e le ceneri degli inceneritori? Nella delibera 127 della provincia di Arezzo del 24/3/2011: "Podere Rota accoglierà le ceneri pesanti provenienti dagli impianti di termovalorizzazione non diversamente riutilizzabili"
  • Se Podere Rota fosse utilizzata per gli scopi di cui sopra, dove finirebbero i buoni propositi del presidente della provincia fiorentina Barducci sulla tanto sbandierata autosufficienza che il piano interprovinciale doveva garantire?

Nonostante le proposte alternative avanzate dal MoVimento 5 Stelle e dalla società civile, basate su cicli di rifiuti più economici, più veloci e facili da implementare, in grado di generare più posti di lavoro e meno dannosi per la salute della popolazione, sembra che i politici locali abbiano un attaccamento morboso alla spazzatura bruciata e sotterrata.

Insomma: Loro non si arrenderanno mai.. ma noi neppure!

user-pic
di

Figline Valdarno - 

Indetta conferenza stampa e presidio per lunedì 13 febbraio 2012.

I comitati, le associazioni e le forze politiche che si oppongono al piano interprovinciale per la gestione dei rifiuti previsto in adozione per lunedì 13 febbraio al consiglio provinciale di Firenze,

alle 15.00 dello stesso giorno indicono una conferenza stampa
presso il palazzo Medici Riccardi, Via Cavour, 1

finalizzata alla presentazione dei due piani che rappresentano la sintesi delle proposte elaborate da comitati e associazioni, in alternativa a quello interprovinciale, con particolare attenzione alla creazione di posti di lavoro inerenti la gestione dei rifiuti, riduzione dei costi di smaltimento e relativi investimenti.

Gli scriventi ribadiscono la propria contrarietà ad un progetto al di fuori della normativa vigente italiana ed europea, economicamente svantaggioso, che mette a rischio la salute delle popolazioni, con la previsione dell'ampliamento degli inceneritori esistenti, la costruzione di nuovi e con la conseguente necessità di stoccare materiali pericolosi (scorie e ceneri) in luoghi che già la stessa Provincia ha definito non idonei.

Per lo stesso giorno alle ore 16.00 è indetto un presidio presso il palazzo della Provincia al quale tutti i cittadini sono inviatati a partecipare per manifestare la propria opposizione a questo progetto scellerato delle amministrazioni provinciali Firenze, Prato e Pistoia.

Fiato sul collo - X Consiglio Comunale (Figline Valdarno)

user-pic
di

Figline Valdarno - 

Presso il Palazzo Comunale alle ore 20.00 si terrà il X Consiglio Comunale.

Questo l'ordine del giorno:

  1. Comunicazioni del Sindaco e del Presidente del Consiglio Comunale.
  2. Interpellanza del Capogruppo Frallicciardi (Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle): "chiarimenti sulla mancanza di atti Amministrativi - Protocollo d'intesa su Area Le Borra".
  3. Interpellanza del Capogruppo Bagiardi (Gruppo Consiliare Sinistra per Figline-PSI): "punto della situazione sui gemellaggi".
  4. Interpellanza del Capogruppo Bagiardi (Gruppo Consiliare Sinistra per Figline-PSI): "punto della situazione sulla S.P. 14 delle miniere.
  5. Interpellanza del Capogruppo Laici (Gruppo Consiliare PDL): "aiuti alle PMI e fondi per l'assistenza sociale".
  6. Interpellanza del Capogruppo Laici (Gruppo Consiliare PDL): "sicurezza al mercato settimanale".
  7. Interpellanza del Capogruppo Mugnai (Gruppo Consiliare Salvare il Serristori-UDC): "snellimento del traffico in uscita di piazza Caduti di Pian d'Albero".
  8. Interpellanza del Capogruppo Mugnai (Gruppo Consiliare Salvare il Serristori-UDC): "i parcheggi a pagamento in Piazza Ficino non sono funzionali".
  9. Interpellanza del Capogruppo Mugnai (Gruppo Consiliare Salvare il Serristori-UDC: "la rotonda che doveva essere fatta dalla Coop è stata fatta dai dipendenti comunali".
  10. Interrogazione del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "costi dell'intervento proposto dal tecnico incaricato del progetto di adeguamento della torre ex Scuole Lambruschini".
  11. Interpellanza del Capogruppo Mugnai (Gruppo Consiliare Salvare il Serristori-UDC): "fallimento dell'A.S.C. Figline: l'Amministrazione Comunale si era tutelata?.
  12. Interpellanza del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "Gli autovelox a Figline sono fuori regola?".
  13. Convenzione per il rinnovo della gestione associata del servizio di protezione civile.
  14. Convenzione con l'Associazione AUSER per il servizi d trasporto sociale. Approvazione schema".
  15. Regolarizzazione strada comunale (Via Amendola-Matassino) ricadente su alcune proprietà private interessate da lavori di realizzazione nuova variante alla SR 69.
  16. Mozione del Capogruppo Frallicciardi (Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle): "misure per contrastare il fenomeno del gioco d'azzardo".
  17. Mozione del Capogruppo Frallicciardi (Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle): "vendita di latte crudo mediante distributori automatici".
  18. Mozione del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "parchimetri, si richiede prima mezzora gratuita".
  19. Ordine del Giorno del Capogruppo Trambusti (Gruppo Consiliare Lega Nord Toscana): "Illegittimità del Diritto Camerale Annuo.
  20. Ordine del Giorno Capogruppo Mugnai (Gruppo Consiliare Salvare il Serristori-UDC): "scongiurare la chiusura del Pronto Soccorso del Serristori".
  21. Ordine del Giorno dei Gruppi Consiliari PD, IDV/SEL e Sinistra per Figline-PSI: indirizzo politico amministrativo in ordine all stato della programmazione dei rifiuti ed alla realizzazione dell'impianto di Le Borra".
  22. Mozione del Capogruppo Bagiardi (Gruppo Consiliare Sinistra per Figline-PSI): "contestazione del tricolore messa in atto dalla Lega Nord a Milano".
  23. Mozione del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "miglior visibilità albo pretorio".
  24. Mozione del Capogruppo Frallicciardi (Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle): "incarico di dirigente fuori dotazione organica".
  25. Mozione del Capogruppo Frallicciardi (Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle): "illuminazione e risparmio pubblico: installazione lampioni a LED".
  26. Ordine del Giorno del Capogruppo Mugnai (Gruppo Consiliare Salvare il Serristori-UDC): "valorizzazione della famiglia fondata sul matrimonio".

Fare clic qui per scaricare i documenti relativi al consiglio.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Fiato sul collo - V Commissione (Figline Valdarno)

user-pic
di

Figline Valdarno - 

Alle ore 18.00 presso il Comune di Figline Valdarno.

Questo l'ordine del giorno

  • Situazione Piazza Enzo Ferrari
  • Varie ed eventuali

Sarà presente un gruppo di cittadini e l'assessore Danele Raspini.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Fiato sul collo - V Commissione (Figline Valdarno)

user-pic
di

Figline Valdarno - 

Alle ore 18.30 presso il Comune di Figline Valdarno.

Questo l'ordine del giorno

  • Convocazione prossimo consiglio comunale
  • Varie ed eventuali



Visualizzazione ingrandita della mappa


user-pic
di

Figline Valdarno - 

Figline Valdarno: "Il Costo della Casta grava anche sui Figlinesi: il comune evita un risparmio di € 90.000. Si tratta forse di un danno erariale?"

"La superficialità e l'incapacità nell'interpretazione della legge da parte dell'amministrazione di Figline Valdarno si è palesata anche questa volta in risposta alla mia interpellanza circa l'incarico di dirigente fuori dotazione organica assegnato il giugno scorso dall'Amministrazione Comunale di Figline Valdarno". Inizia così Andrea Frallicciardi, portavoce del movimento 5 stelle di Figline Valdarno, la sua analisi alla risposta riguardante l'assegnazione dell'incarico di dirigente, svolta a nostro modo di vedere in maniera inconsueta. "Si è voluto infatti assegnare a tale dirigente un incarico analogo con le medesime competenze dell'ex-Direttore Generale" fa notare Frallicciardi "ovvero è stato "ri-assunto", guarda caso unico candidato alla selezione, lo stesso dirigente che aveva accompagnato la precedente legislatura del Sindaco".
"In risposta alla nostra interpellanza il Sindaco si è appellato all'art. 114 della Costituzione, ma si è dimenticato di leggere il successivo art. 118; posto che è facoltà dell'amministrazione di incaricare dirigenti fuori dotazione organica, va considerato che tale incarico, sempre a norma di legge, deve essere assegnato solo per competenze precise e mirate e non per le medesime funzioni del precedente direttore generale" continua Frallicciardi "tale figura (e le analoghe relative competenze) è stata abolita dalla legge Calderoli del 2009 per comuni, come quello di Figline, con meno di 100.000 abitanti; lo scopo della legge è finalizzato ad un risparmio per l'erario: in questo caso trattasi di circa 87.000 euro l'anno".
"Mi domando chi sia il funzionario o l'amministratore pubblico che ha concepito il bando di selezione per il dirigente: avendo a disposizione un incarico che non avrebbe infranto nessuna norma!" puntualizza Frallicciardi "infatti ad esempio, la programmazione per il comune unico, così tanto sponsorizzato da questa amministrazione, sarebbe stato l'incarico perfetto al quale nessuno avrebbe potuto eccepire il sospetto di un danno erariale, per contro si è voluto come in altri casi, (ex-Lambruschini, Variantina), forzare la mano".
"Il Testo Unico sugli enti Locali (ex art. 96 e 110 del D.Lgs. 267/2000), ma anche lo stesso statuto comunale (Art. 34) " precisa Frallicciardi "impongono che in mancanza della figura del direttore generale nel comune, di assegnare le funzioni organizzative al segretario comunale, che già grava sull'erario per circa € 90.000."
"Sarà nostro compito esporre alla magistratura contabile il danno che, sospettiamo, questa amministrazione abbia recato all'erario, nonché provvederemo in consiglio a far sentire nuovamente la nostra voce sull'argomento, visto che l'amministrazione nemmeno si è degnata di rispondermi in pieno all'interpellanza, mancando di indicare quali azioni compirà per ridurre il costo del personale del Comune, così come da me richiesto." conclude Andrea Frallicciardi.

user-pic
di

Figline Valdarno - 

Video intervista a Andrea Frallicciardi in risposta all'assessore Danilo Sbarriti, sulla pericolosità delle ceneri e delle scorie.

user-pic
di

Figline Valdarno - 

Si è tenuta il 26 gennaio la IV Commissione presso il Comune di Figline Valdarno.

Presenti alla commissione i consiglieri:

  • Leonardo Favilli (Presidente)
  • Mauro Tani
  • Sandro Sarri
  • Andrea Frallicciardi
  • Clara Mugnai

per la giunta comunale e come incaricato tecnico:

  • il Sindaco Riccardo Nocentini
  • l'Assessore Carlo Artini

La seduta di commissione si è aperta alle ore 10.15 ed ha analizzato il seguente punto all'ordine del giorno:

La consigliera Mugnai ha eccepito, prima che il sindaco e l'assessore iniziassero la loro relazione, al presidente di non aver convocato la quarta commissione anche se richiesto direttamente da lei stessa fin dal principio di Gennaio. Il presidente non aveva convocato la commissione di concerto con l'Assessore Artini per avere maggiori dettagli da evidenziare.
Il presidente Favilli ha dato la parola all'assessore Artini che ha relazionato sullo stato del Serristori e sul suo possibile passaggio da Ospedale con Pronto soccorso 24/7 a un Ospedale con Pronto soccorso aperto dalle 8 alle 20. Tale decisione si evince dai numeri del Piano Regionale, che l'assessore ha esposto in maniera precisa. Ha anche fatto un escursus temporale, indicando ai commissari che tale informazione era stata data al Sindaco e a lui fin dall'inizio di dicembre. L'assessore si è soffermato sulla struttura dell'azienda sanitaria indicando come certe scelte da parte dell'azienda su Firenze sono volutamente penalizzanti per l'ospedale di Figline Valdarno, in quanto per i fiorentini "il nostro ospedale toglie risorse a quelli di Firenze".

Dopo l'esposizione dell'assessore (tecnica, ma fino a questo punto non troppo dettagliata), il Sindaco Nocentini ha evidenziato quelle che sono le azioni politiche da porre in atto, in particolare specificando (di concerto con Artini) la possibilità in questo periodo di emendare il piano: questo nelle sedi istituzionali quali la Società della Salute (nella quale di diritto siedono sia il Sindaco che l'assessore). Il Sindaco ha fatto notare come Figline Valdarno sia fra i pochi comuni con ancora un assessore alla Sanità (Artini è assessore da 2 tornate amministrative); ha evidenziato come l'azione congiunta del consiglio comunale ha portato a delle reazioni nell'azienda sanitaria (successive al comunicato stampa). In più ha giustamente fatto notare come, pur essendo le nuove sale una buona possibilità per l'Ospedale, non sono da considerarsi come "piatto di lenticchie" da contrapporre al pronto soccorso.

Al termine della relazione Andrea Frallicciardi ha posto una serie di domande al Sindaco e all'assessore: In particolare chiedendo quali sono i parametri che fanno sì che il Serristori non sia più un ospedale di classe A, quali le politiche che si andranno comunque ad attuare per fare in modo che l'ospedale sia utilizzato anche per eliminare le liste di attesa per le operazioni chirurgiche (in considerazione delle nuove sale), Ed in dettaglio sapere quali sono le funzioni della conferenza dei sindaci (depotenziata nell'area fiorentina) e della società della salute. A queste domande ha risposto l'Assessore Artini indicando che praticamente tutti i parametri definiti nel piano non sono rispettati, ma ha posto molti dubbi sulla valutazione degli stessi parametri in relazione ad altri nosocomi della zona fiorentina; l'Assessore ha comunicato poi di aver richiesto espressamente per iscritto all'azienda sanitaria i dati dettagliati sugli accessi del P.S. di Figline Valdarno, ma che al momento non ha avuto risposta.

Ha preso la parola la consigliera Mugnai che ha focalizzato l'attenzione dei presenti sulle conseguenze della rimozione del Pronto Soccorso H24 a Figline e ha letto un comunicato stampa del comitato Serristori che riportiamo per maggiore completezza:

COSA SUCCEDE QUANDO SI CHIUDE IL PRONTO SOCCORSO DI UN OSPEDALE

Non si può risparmiare sempre sulla pelle della gente! I costi della salute non si riducono chiudendo struttura, ma migliorandone l'efficienza. Ecco cosa succederà se non ci sarà più il Pronto Soccorso nell'Ospedale Serristori:

Aumenterà l'affollamento e i tempi di attesa per la popolazione che si recherà nei pronti soccorso vicini, nel nostro caso l'Ospedal della Gruccia e l'Ospedale di Ponte a Niccheri. Avete presente i tempi di attesa attuali per essere visitati in questi due nosocomi? Sono già oggi spesso disumani. Gente che per una visita specialistica al Pronto Soccorso aspetta anche due giorni!!!
Intervenire subito salva spesso una vita. Il pronto soccorso si chiama così perché il soccorso deve essere pronto, rapido, immediato. I Pronto Soccorso dovrebbero essere distribuiti nel territorio e non accentrati.
Siamo persone e non numeri (Codici/Colori). Quando le strutture grandi scoppiano l'unica maniera di mettere ordine è assegnare numeri e codici, fare "triage". Questo tipo di organizzazione delle grandi strutture diventa un pericolo di per sé. Ricordarsi che la nave tanto è più grande, tanto più diventa incontrollabile.
L'Ospedale Serristori, il piccolo, glorioso ospedale che la popolazione è riuscita da 15 anni a non far chiudere, stanno cercando di farlo diventare una grosso ospedale di comunità per interventi programmati. Senza pronto soccorso un ospedale diventa proprio questo, una clinica. Il passo successivo sarà quello di darlo in pasto al mercato, cioé di venderlo alle grande multinazionali della salute.
I direttori sanitari, i tecnici, si fanno le loro stock options(i premi di produzione), si premiano per aver saputo fare cassa (come al solito sulla pelle dei poveretti). Come ha detto qualcuno l'arca di Noè non fu fatta dai tecnici, fu fatta da un dilettante e funzionò. Se l'avessero fatta i tecnici probabilmente sarebbe affondata.

Difendiamo l'Ospedale serristori dalle mani
di coloro che vogliono distruggerlo
Salviamo il Pronto Soccorso
Una buona sanità fa un paese Civile


Successivamente all'intervento della consigliera Mugnai, Frallicciardi ha chiesto che forza abbiamo nella società della salute e a livello regionale. Ha risposto all'intervento sia l'ass. Artini, che il consigliere Tani, indicando come la regione, ed in particolare l'assessore alla salute hanno garantito che l'ospedale sarà lasciato. In più l'assessore ha ripreso il discorso precedente indicando i costi dei vari ospedali fiorentini: in dettaglio ha specificato che i bilanci del 2010 sono i seguenti:

Ospedale
Costi
San Giovanni di Dio
€ 88.500.000,00
Santa Maria Annunziata
€ 73.000.000,00
Borgo San Lorenzo
€ 41.500.000,00
Serristori
€ 9.100.000,00

A questo link il bilancio dell'azienda sanitaria.

A questo ha commentato l'assessore Artini va aggiunto una assoluta mancanza di trasperenza da parte dell'ASF in merito alle richieste mirate da parte dell'amministrazione Comunale.

Il consigliere Sarri ha fatto presente che avrebbe gradito un invito durante la visita dell'assessore alla sanità regionale all'ospedale di Figline.

In ultimo il consigliere Mauro Tani ed il Sindaco hanno espresso la volontà politica di emendare il testo del Piano Regionale, cercando sponda sui possibili consiglieri regionali, ai quali fare presente il problema dell'Ospedale.

La commissione si è conclusa con l'intervento del Presidente, finalizzato alla discussione dell'OdG presentato dal PD per il consiglio comunale del 31 gennaio 2012. Il sindaco e Tani hanno richiesto alla consigliera Mugnai gli emendamenti, nella speranza di poterli accettare nella riunione preconsiliare.

La riunione si è conclusa alle ore 12.00.

Questa è stata una della migliori commissioni che il MoVimento 5 Stelle ha seguito dall'inizio della tornata amministrativa. Sia per la oggettività delle relazioni esposte, sia per il clima di collaborazione che risultava fra tutti i partecipanti.

user-pic
di

Figline Valdarno - 

Riportiamo l'intervento di Giovanni Favia sul MoVimento 5 Stelle