Archivio dei post di Marzo 2012


Figline Valdarno - 

Si è tenuta il 22 marzo la II Commissione presso il Comune di Figline Valdarno.

Presenti alla commissione i consiglieri:

  • Mauro Tani (Presidente)
  • Arianna Bagiardi
  • Roberto Renzi
  • Giorgio Laici

assente

  • Enrico Stefanini

per la giunta comunale e come incaricato tecnico:

  • l'Arch. Bahman Tavallay

La seduta di commissione si è aperta alle ore 17.00 ed ha analizzato i seguenti punti all'ordine del giorno:



  • Piano di recupero del complesso edilizio posto in localita' "Monte Meone" di iniziativa privata con contestuale variante al regolamento urbanistico.

  • Piano di recupero "PDR 30 area "località Poggiolo" di iniziativa privata con contestuale variante al regolamento urbanistico.

  • Trasporti su gomma - rapporti enti confinanti.

  • Varie ed eventuali


Piano di recupero del complesso edilizio posto in localita' "Monte Meone" di iniziativa privata con contestuale variante al regolamento urbanistico.
E' stata richiesta una variante urbanistica per il recupero di un vecchio rudere in zona Monte Meone, situata tra Figline e Cavriglia.
L'architetto ha presentato il progetto, illustrando quelle che erano le operazioni tecniche da svolgere, come l'inserimento delle mura del rudere nel progetto finale e non l'abbattimento e la ricostruzione.
Progetto gradito da tutti, con la sola osservazione sulle opere di allaccio di acqua, gas, scarichi, viabilità da dover essere a carico dell'acquirente e in alcun modo del comune.
Il consigliere Laici ha fatto la sesguente osservazione: "Ma sanno che hanno comprato una casa in una zone vicina a dove faranno la discarica, visto che sono già stati firmati tutti i documenti inerenti?"
Approvata.

Piano di recupero "PDR 30 area "località Poggiolo" di iniziativa privata con contestuale variante al regolamento urbanistico.
E' stata richiesta una variante urbanistica per costruzione di due villette su piattaforme di costruzioni abusive già fatte demolire.
L'architetto spiega la storia di questi due abusi edilizzi, ora fatti demolire, e illustra la richiesta dei proprietari, dove chiedono di poter costruire in maniera legale e autorizzata dove fin poco tempo fa ubicavano due (non molto chiaro) annessi.
Laici e Renzi si sono mossi contro la cosa, perchè per loro, dove fino a ieri erano due abusi, oggi non puoi chiedermi di farti costruire legalmente spazi neppure di ugual metraggio, ma addirittura superiore.
Non approvata.

Trasporti su gomma - rapporti enti confinanti.
Il presidente Tani ha richiesto spiegazioni sul punto da discutere al consigliere Renzi: in particolare il consigliere voleva conoscere quelli che sono i costi di gestione di linee degli autobus che coprono zone disagiate, per capire quali sono le tratte coperte e quali gli investimenti per il comune in zone quali Gaville, Dudda, Ponte agli Stolli e Restone.
Questa discussione è stata rimandata al prossimo incontro della II commissione che sarà il prossimo 10 aprile alle 17:00

La seduta si è conclusa alle 19.30.

Il resoconto è stato redatto da Marco Vadi.

Fiato sul collo - I Commissione (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Alle ore 19.00 presso la Sala Giunta, con il seguente ordine del giorno:

  • Istituzione imposta di soggiorno e approvazione del relativo regolamento.
  • Varie ed eventuali;


Visualizzazione ingrandita della mappa

Fiato sul collo - IV Commissione (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Alle ore 21.00 presso la Sala Giunta, con il seguente ordine del giorno:

  • Fondazione "Nuovi Giorni". Approvazione modifiche statutarie.
  • Analisi ed aggiornamenti sul Piano Sanitario Regionale e sul Serristori.
  • Varie ed eventuali.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Fiato sul collo - XII Consiglio Comunale (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Presso il Palazzo Comunale alle ore 15.00 si terrà il XII Consiglio Comunale.

  1. Comunicazioni del Sindaco e del Presidente del Consiglio Comunale.
  2. Verbale n. 2/2012 della seduta consiliare del 20.02.2012. Approvazione
  3. Interrogazione del Capogruppo Laici (Gruppo Consiliare PDL): "destinazione tassa di soggiorno"
  4. Interrogazione del Consigliere Sarri (Gruppo Consiliare PD): "pulizia stradale P.zza Caduti di Pian d'Albero, Via Barducci, Via Don P. Mazzolari".
  5. Interrogazione del Capogruppo Trambusti (Gruppo Consiliare Lega Nord Toscana): "Deliberazione della Giunta Comunale n. 15 del 31.01.2012".
  6. Interrogazione del Consigliere Gonfiantini (Gruppo Consiliare PDL): "chiarimenti riguardo chiusure e aperture di negozi di vicinato dell'ultimo anno".
  7. Interrogazione del Consigliere Gonfiantini (Gruppo Consiliare PDL): "quantificazione degli appartamenti sfitti o in stato di sequestro o pignoramento nel Comune di Figline Valdarno".
  8. Interrogazione del Consigliere Gonfiantini (Gruppo Consiliare PDL): "istituzione di un'area per cani nel territorio circostante il centro storico cittadino".
  9. Interrogazione del Consigliere Gonfiantini (Gruppo Consiliare PDL): "chiarimenti sulle mancate iniziative in occasione della Giornata del Ricordo".
  10. Interrogazione del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "richiesta invio risposte esami clinici ASL, per mezzo email".
  11. Interrogazione del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "emergenza siccità, la peggiore dell'ultimo secolo, soluzioni .....".
  12. Interrogazione del Consigliere Gonfiantini (Gruppo Consiliare PDL): "chiarimenti sui provvedimenti relativi alla possibile emergenza idrica prevista per il 2012".
  13. Interrogazione del Capogruppo Leoni (Gruppo Consiliare IDV/SEL): "strisce longitudinali, Via di Cesto e Via di Gaville".
  14. Interpellanza del Consigliere Tani (Gruppo consiliare PD): "istituzione della Consulta delle Frazioni"
  15. Interpellanza del Capogruppo Mugnai (gruppo Consiliare Salvare il Serristori-UDC): "tariffa sui rifiuti: ancora aumenti non giustificati".
  16. Interpellanza del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "petizione pista ciclabile loc. Cesto".
  17. Regolamento zonale dei servizi educativi per la prima infanzia. Modifiche e approvazione.
  18. Istituzione imposta di soggiorno e approvazione del relativo regolamento.
  19. Sistema museale territoriale del Chianti e del Valdarno fiorentino. Approvazione Convenzione.
  20. Sistema museale territoriale del Chianti e del Valdarno fiorentino. Approvazione Regolamento.
  21. Fondazione "Nuovi Giorni". Approvazione modifiche statutarie.
  22. Regolamento sul decoro urbano del centro storico di Figline Valdarno. Approvazione.
  23. Mozione del Sindaco Nocentini: "avvio del percorso istituzionale per la funsione dei comuni di Figline e Incisa. Mozione dei due Consigli Comunali.
  24. Mozione del Capogruppo Trambusti (Gruppo Consiliare Lega Nord Toscana): "opposizione alla 'tesoreria unica'".
  25. Mozione del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "richiesta installazione webcam nel sito del comune".
  26. Mozione del Consigliere Gonfiantini (Gruppo Consiliare PDL): "riconoscimento della famiglia come cellula sociale di base dello Stato Italiano".
  27. Mozione del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "compostiera, non una ed una sola ad utente, ma in base ai mq".
  28. Mozione del Capogruppo Leoni (Gruppo Consiliare IDV/SEL): "adozione Last Minuts Market presso Figline Valdarno".
  29. Mozione del Capogruppo Leoni (Gruppo Consiliare IDV/SEL): "applicazione della Legge n. 366 de 19 Ottobre 1998 'norme per il finanziamento della mobilità ciclistica".
  30. Mozione del Capogruppo Frallicciardi (Gruppo Consiliare MoVimento a 5 Stelle): "sviluppo delle piste ciclabili e pedonali nell'ambito del territorio comunale".
  31. Ordine del Giorno del Capogruppo Bagiardi (Gruppo Consiliare Sinistra per Figline-PSI): "istituire il registro comunale delle coppie di fatto".
  32. Ordine de Giorno del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "lettera al Presidente Monti, a riguardo fusione di più comuni".
  33. Ordine del Giorno del Capogruppo Frallicciardi (Gruppo Consiliare MoVimento a 5 Stelle): "agevolazione all'installazione della fibra ottica nel comune di Figline Valdarno".
  34. Ordine del Giorno del Capogruppo Leoni (Gruppo Consiliare IDV/SEL): "riconoscimento delle unioni civili: approvazione del regolamento".
  35. Ordine del Giorno del Capogruppo Pieralli (Gruppo Consiliare PD): "solidarietà e vicinanza agli operatori locali dell'informazione".
  36. Ordine del Giorno dei Consiglieri Mugnai e Tani (Gruppo Consiliare PD): "crisi economica e riforma del mercato del lavoro".

Scarica gli atti del consiglio comunale.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Fiato sul collo - III Commissione (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Alle ore 18.30 presso la Sala Giunta, con il seguente ordine del giorno:

  • Sistema museale territoriale del Chianti e del Valdarno fiorentino. Approvazione Convenzione.
  • Sistema museale territoriale del Chianti e del Valdarno fiorentino. Approvazione Regolamento.
  • Varie ed eventuali


Visualizzazione ingrandita della mappa


Figline Valdarno - 

Il MoVimento 5 Stelle propone di incrementare lo sviluppo tecnologico sfruttando la rete in fibra ottica già presente nel Valdarno.

"La crisi che attanaglia il Valdarno, la carenza di nuove possibilità di creazione di posti di lavoro e la ridotta capacità delle imprese di sfruttare le nuove tecnologie, ci ha portato ad elaborare una proposta che vada a risolvere questi problemi." afferma Andrea Frallicciardi, portavoce e consigliere del MoVimento 5 Stelle di Figline Valdarno "In particolare ci siamo accorti come nel Valdarno non sia sfruttata la tecnologia a fibre ottiche, già presente e di proprietà della Valdarno Sviluppo SpA"
"Concentrarsi sulla fibra ottica, che consente di connettere a velocità fino a 100 volte più veloci di una ADSL, secondo uno studio del Politecnico di Milano consente di moltiplicare fino a 5-10 volte l'investimento iniziale" riporta Frallicciardi "con un ritorno molto rapido in termini di nuovi posti di lavoro e di produttività delle imprese".
"Il problema che le imprese hanno avuto in questi anni è sempre stato il costo di allacciamento, che ha reso impensabile il cablaggio in fibra; infatti anche aziende di grandi dimensioni sono state scoraggiate dai costi che non hanno mai giustificato tali opere (es. Cablare la rete fino al Comune può costare fino a € 40.000)".
"Il nostro gruppo ha elaborato una proposta basandosi sul fatto che il 98% del costo del cablaggio non è da imputarsi al costo della fibra e della messa a regime della stessa, ma alle opere di scavo" rimarca Frallicciardi "quindi abbiamo proposto al Sindaco e alla Giunta di impegnarsi perché sia reso possibile, in forma pressoché gratuita, l'uso dei condotti che già vengono utilizzati per l'illuminazione pubblica o per l'acqua; questo perché la tecnologia in fibra non risente di alcuna interferenza e quindi utilizzare scavi già fatti abbattere il costi a importo accettabili per tutte le aziende."
"I vantaggi per la comunità, per le imprese e per i lavoratori sarebbero molteplici in termini di attrazione di investimenti in una zona ad alta capacità di comunicazione informatica." conclude Frallicciardi "Dato che con l'operazione WiFigline si è vista una buona propensione verso lo sviluppo tecnologico e la connettività internet a banda larga, auspichiamo che il Sindaco e della Giunta e tutti i gruppi consiliari, abbiano un parere favorevole al nostro ordine del giorno che presenteremo nel consiglio comunale di fine marzo".

Scarica l'Ordine del Giorno - Fibre Ottiche.pdf presentato.


Figline Valdarno - 

Nell'ultimo consiglio comunale, tenutosi il 13 marzo, è stato affrontato lo spinoso argomento riguardante la discarica delle Borra.

"Sono tante le risposte che il Comune di Figline deve dare in merito, soprattutto dopo l'adozione del Piano Interprovinciale dei Rifiuti." Esordisce Andrea Frallicciardi, portavoce e consigliere capogruppo del MoVimento 5 Stelle di Figline Valdarno.
"Il Sindaco Nocentini, ribadendo che l'area delle Borra è di proprietà del Comune, (a quando l'atto di compravendita?) garantisce una sorta di supremazia decisionale sulla proprietà." puntalizza Fralicciardi "Ma essendo già stata individuata e confermata la zona come "possibile" discarica, il Comune avrà la forza e la capacità di tutelare gli interessi dei cittadini? e lì saranno conferite solo le ceneri e non i rifiuti tali e quali?"
"Le parole dell'Assessore all'Ambiente Sbarriti mi hanno fatto sobbalzare sulla sedia" riporta Frallicciardi "il quale ha dichiarato che «l'attuazione della discarica ha tempi molto lunghi: è da tanto che se ne parla, il tempo sarà il ponte fra l'oggi ed un domani dal disegno incerto. Dato che il Piano è stato solo adottato e vi sono 60 giorni di tempo per le osservazioni, anche il Comune di Figline avanzerà le sue considerazioni»." Aggiunge Frallicciardi "L'impressione generale è quella che non si voglia affrontare una realtà che si sta abbattendo sui Valdarnesi con una allarmante concretezza suggellata da documenti ufficiali, che i nostri amministratori sembrano voler dimenticare in un cassetto."
"Il Piano Inteprovinciale prevede" incalza Frallicciardi "con estrema chiarezza la costruzione della discarica delle Borra. Tale piano è stato sì solo adottato, ma il Presidente della Provincia Barducci nella riunione di maggioranza tenutasi il 17 febbraio ha dichiarato che: "non sarà possibile rimettere mano alla programmazione di realizzazione degli impianti previsti" e "che non esiste nessuna volontà di stralciare la discarica delle Borra dal Piano".
"Il Piano Interprovinciale nell'all. 1 pgr. 17 prevede che i rifiuti che saranno conferiti a Le Borra saranno costituiti "prevalentemente da rifiuti urbani della raccolta differenziata, pretrattati secondo quanto previsto dalla normativa, da rifiuti da spazzamento stradale, da rifiuti prodotti da trattamento meccanico dei rifiuti e da ceneri e scorie prodotte da impianti termici di trattamento rifiuti". Quindi non propriamente solo le ceneri (che ricordiamo essere rifiuto pericoloso), ma i famosi tali e quali. In più, ripeto che, L'area delle Borra è stata individuata sito per discarica senza nessuno studio specifico preliminare."
"Devo constatare che in Valdarno, a distanza di pochi chilometri, saranno presenti due discariche. Stiamo già subendo i danni all'ambiente ed alle persone per la presenza di una discarica, non possiamo immaginarci il futuro moltiplicando le fonti di inquinamento. Riteniamo che vi siano sufficienti elementi per chiedere ai nostri amministratori locali di leggersi attentamente il Piano Interprovinciale dei Rifiuti, e di concedersi qualche "sana" lettura sui danni causati dalla presenza di discariche ed inceneritori. "

Evento: Si Scrive Acqua, Si Legge Democrazia (Pian di Scò)


Figline Valdarno - 

Pian di Scò: Al Circolo ARCI alle ore 21.00 Antonio Ortolani del MoVimento 5 Stelle di Reggello parlerà di Acqua e del rispetto del Referendum da parte di PubliAcqua e dei comuni.

Presentazione


Figline Valdarno - 

Come potrà la Regione sopperire alla possibile mancanza di un Pronto Soccorso come quello di Figline Valdarno, che evade la richiesta dei cittadini del Valdarno fiorentino.

"Abbiamo richiesto all'azienda sanitaria di Firenze i dettagli circa la produttività dei vari nosocomi dell'USL 10" esordisce Andrea Frallicciardi portavoce e consigliere del MoVimento 5 Stelle di Figline Valdarno "e in tempi rapidissimi abbiamo ricevuto risposta sui dati reali degli ultimi 3 anni dell'ospedale Serristori, con un livello di dettaglio inaspettato".
"Si nota subito che l'Ospedale sarebbe destinato alla chiusura per mancanza di pazienti se solo venisse dimezzato il Pronto Soccorso" fa notare Frallicciardi "infatti circa il 60% dei ricoveri totali dell'ospedale in medicina e chirurgia sono dovuti agli accessi al DEA."
"Tutto questo al momento con un personale ridottissimo, il che significa che la produttività dell'Ospedale è veramente elevata e che le risorse che sono attualmente assegnate (scarse per la verità) potrebbero essere aumentate per migliorare il servizio e la qualità dell'Ospedale del Valdarno Fiorentino."
"Chiediamo cosa stia facendo l'amministrazione comunale, e se sia in grado effettivamente di gestire questo compito di osservazione al Piano Sanitario Regionale, giacché l'Assessore Artini e il Sindaco Nocentini " afferma il portavoce "non hanno degnato il consiglio e la commissione sanità di alcuna nuova informazione in merito, se non direttamente sollecitati anche da consiglieri come Clara Mugnai, dicendoci anche che reperire tali informazioni è molto difficoltoso, per le inadempienze dell'ASF."
"Di qui a breve" conclude Frallicciardi "così come autorizzati dall'assessore regionale alla Sanità Scaramuccia, avremo dall'Azienda Sanitaria di Firenze tutti i dati anche degli altri ospedali e chiederemo al Sindaco - massima autorità per la legge della salute dei cittadini - di discuterne in commissione sanità, così da far capire alla cittadinanza quelle che sono le scelte della Regione nei confronti dell'ospedale."

Scarica il rapporto dell'Azienda Sanitaria


Figline Valdarno - 

Il MoVimento 5 Stelle ha proposto di rimuovere dall'organico comunale una dirigenza che costa € 90.000 all'anno, per la quale ci sono forti sospetti di un danno erariale.

"Come già avevamo avuto modo di rilevare nell'interpellanza presentata nel mese di gennaio, la presenza di un Dirigente al di fuori dell'organico stabile del Comune, con i criteri per i quali fu stato assunto, paventa la possibilità di un danno erariale." Annuncia Andrea Frallicciardi, portavoce e consigliere del Movimento 5 Stelle di Figline Valdarno "Con il voto del 13 marzo, i consiglieri dei gruppi di maggioranza si sono accollati la responsabilità della scelta effettuata il 30 giugno dall'amministrazione Nocentini di assumere un dirigente per le stesse qualifiche del precedente Direttore Generale, in palese contrasto con le leggi che chiedono ai Comuni di ridurre le spese."
"Il Sindaco ha indicato come necessaria la figura del dirigente per una migliore gestione del possibile Com-Unico" puntualizza Frallicciardi "ma nella delibera per la creazione della posizione dirigenziale da lui stesso firmata, non si menziona questo tipo di incarico; solo ultimamente, l'11 gennaio con delibera numero 6, è stato assegnato questo compito."
"Siamo all'assurdo: il principio della mezza-verità vale anche in questo caso." incalza Frallicciardi "La trasparenza nell'uso del denaro pubblico è alla base del rapporto che esiste tra le istituzioni ed il cittadino, e noi del MoVimento 5 Stelle non possiamo accettare un simile comportamento"
Conclude Andrea Frallicciardi "Procederemo al più presto perché l'autorità competente verifichi questa incresciosa situazione".

Fiato sul collo - III Commissione (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Alle ore 17.00 presso la Sala Giunta, con il seguente ordine del giorno:

  • Relazione dell'Assessore Sbarriti sull'attività della Ludoteca.
  • Varie ed eventuali



Visualizzazione ingrandita della mappa


Fiato sul collo - V Commissione (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Alle ore 18.00 presso la sala della Giunta del Comune di Figline Valdarno.

Questo l'ordine del giorno:

  • Convocazione prossimo Consiglio Comunale.
  • Varie ed eventuali


Visualizzazione ingrandita della mappa

Fiato sul collo - II Commissione (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Alle ore 17.00 presso la Sala Giunta, con il seguente ordine del giorno:

  • Piano di recupero del complesso edilizio posto in localita' "Monte Meone" di iniziativa privata con contestuale variante al regolamento urbanistico.
  • Piano di recupero "pdr 30 area "localita' poggiolo" di iniziativa privata con contestuale variante al regolamento urbanistico.
  • Trasporti su gomma - rapporti enti confinanti.
  • Varie ed eventuali



Visualizzazione ingrandita della mappa



Figline Valdarno - 

Commento al X Consiglio comunale di Andrea Frallicciardi

Fiato sul collo - III Commissione (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Alle ore 18.30 presso la Sala Giunta, con il seguente ordine del giorno:

  • Programmazione ed eventuali proposte al finedi rendere sinergico il lavoro delle due Pro-Loco
  • Varie ed eventuali



Visualizzazione ingrandita della mappa


Fiato sul collo - XI Consiglio Comunale (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Presso il Palazzo Comunale alle ore 9.00 si terrà il XI Consiglio Comunale.

Questo l'ordine del giorno:

  1. Comunicazioni del Sindaco e del Presidente del Consiglio Comunale.
  2. Verbale n. 1/12 della seduta consiliare del 31.01.2012. Approvazione.
  3. Interpellanza del Capogruppo Laici (Gruppo Consiliare PDL): "aiuti alle PMI e fondi per l'assistenza sociale".
  4. Interpellanza del Capogruppo Laici (Gruppo Consiliare PDL): "sicurezza al mercato settimanale".
  5. Mozione del Capogruppo Bagiardi (Gruppo Consiliare Sinistra per Figline-PSI): "contestazione del tricolore messa in atto dalla Lega Nord a Milano".
  6. Mozione del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "miglior visibilità albo pretorio".
  7. Mozione del Capogruppo Frallicciardi (Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle): "incarico di dirigente fuori dotazione organica".
  8. Ordine del Giorno del Capogruppo Trambusti (Gruppo Consiliare Lega Nord Toscana): "Illegittimità del Diritto Camerale Annuo.
  9. Ordine del Giorno Capogruppo Mugnai (Gruppo Consiliare Salvare il Serristori-UDC): "scongiurare la chiusura del Pronto Soccorso del Serristori".
  10. Ordine del Giorno dei Gruppi Consiliari PD, IDV/SEL e Sinistra per Figline-PSI: indirizzo politico amministrativo in ordine allo stato della programmazione dei rifiuti ed alla realizzazione dell'impianto di Le Borra".
  11. Ordine del Giorno del Capogruppo Mugnai (Gruppo Consiliare Salvare il Serristori-UDC): "valorizzazione della famiglia fondata sul matrimonio".
  12. Mozione del Sindaco Riccardo Nocentini: "avvio del percorso istituzionale per la fusione dei comuni di Figline ed Incisa Valdarno-mozione dei due Consigli Comunali".

Figline Valdarno - 

Sabato 3 Marzo alle ore 9 si è svolto presso La Casa Petrarca ad Incisa In Val D'Arno il convegno Com-Unico, mirato a portare a conoscenza della cittadinanza del processo di fusione dei comuni di Incisa In Val D'Arno e Figline Valdarno.

Il convegno è iniziato con il discorso del Sindaco di Incisa, Giovannoni, sulla necessità di procedere verso il Comune Unico in modo da poter ottimizzare i servizi verso la cittadinanza, ma anche per uniformarci verso strutture più grandi capaci di rispondere meglio alle richieste dei cittadini.

La parola è passata all'assessore Riccardo Nencini che ha espresso i 5 punti relativamente al perché passare ad un comune unico.
In particolare si è incentrato sulla crisi che attanaglia la Toscana e quindi ha fatto un escursus sulle possibilità che la LR 68/2011 in merito ai trasferimenti possibili ai comuni che si avviano alla fusione.
Relativamente ai bilanci, bisogna notare come Nencini abbia fatto presente che negli anni successivi difficilmente i comuni potranno accedere alle risorse derivanti da oneri di urbanizzazioni o affini, e quindi l'unico modo sarà quello di percorrere unioni di comuni per reperire fondi dalla Regione.
L'Assessore ha poi posto l'attenzione su come sarà organizzato politicamente il nuovo comune: i servizi rimarranno in entrambi i comuni, ma rimane un solo sindaco, un unico consiglio comunale.

In ultimo il Dirigente Valerio Iossa ha esposto, in maniera molto esauriente, il processo di unificazione dei due comuni:

  • In Toscana ci sono 2000 abitanti di media per comune
  • In totale ci sono 287 comuni (45% sono meno di 5000 abitanti)
  • La legge che norma la fusione è la LR 68/2011
  • Il comune unico raggiungerà i 24.000 abitanti
  • Programma di mandato del sindaco Nocentini
  • Mozione/odg dei gruppi consiliari (position paper)
  • In primis la condivisione con la cittadinanza
  • Richiesta di finanziamento sulla LR. 46.500€ per il percorso partecipativo.
  • Sono partner dei due comuni l'Università di Firenze e IRPET

I percorsi che sono in cantierer sono sia organizzativi che partecipativi, al momento già i due comuni stanno cercando di allineare le funzioni, pur nella loro autonomia amministrativa, l'obbettivo sarà quello di allineare:


  • Anagrafe e SUAP

  • Lavori pubblici

  • CED

Successivamente verranno portate alla popolazioni azioni divulgative quali Interviste e focus-group e una successiva piattaforma digitale per la condivisione di queste informazioni.

La procedura per la fusione sarà la seguente

  • Avvio da parte dei consigli comunali
  • Istruttoria
  • Deliberazione dalla regione sul quesito
  • Iter referendario con la popolazione
  • Pronunciamento distinto tra i cittadini delle due amministrazioni.
  • Esiti e passaggio in consiglio regionale.

Come risultato il nuovo consiglio sarà composto da 16 consiglieri e con una giunta di 5 assessori.

Il costo di sarà circa di 1.000.000 € in 10 anni.

Il dirigente ha fatto notare come l'attuale situazione dei due comuni porta ad una inefficienza strutturale in quanto l'ampiezza del controllo che è demandata ai funzionari perché non vengono razionalizzate le funzioni.

I Contributi economici dedicati alla fusione sono per la parte regionale di 425.000€ e erariali per circa 300.000 €.

In totale si parla di almeno 5.500.000 € in 10 anni (primo anno 725.000€) altre ai circa 2.000.000 di risparmi in 10 anni previsti.

Successivamente hanno esposto i loro pensieri circa l'unione dei comuni i seguenti "oratori":

  • Nicola Nascosti (PDL)
  • Pieraldo Ciucchi (PD)
  • Eugenio Giani (PD)
  • Marco Catelani (Tecnico comunale)
  • Maurizio De Sanctis (portavoce regionale SEL)
  • Paolo Gambassi (consigliere comunale PRC a Incisa)
  • Portavoce CNA
  • Rappresentante CIGL-SPI
  • Rappresentante di una ONLUS locale (non si è qualificato)
  • Un Cittadino di Incisa (non si è qualificato)
  • Un Cittadino di Incisa (Massimo Artini)

Va notato come da tutte le parti non sono state sollevate eccezioni sulla logica del comune unico, ma magari puntando l'attenzione su particolari problemi, ovvero sulla destinazione dei fondi, ovvero sul pericolo di Incisa di essere "facogitata" da Figline Valdarno, ovvero circa la possibilità che non si riveli altro che un incremento della spesa pubblica.

Ha terminato gli interventi il sindaco di Figline Riccardo Nocentini, indicando come fondamentale per guardare al futuro, questo passo di fusione tra i due comuni. Per puntare ad un "noi" più che ad un "io" che disgrega la società.


Figline Valdarno - 

Dopo aver scoperto che la proprietà dell'area di Le Borra è ancora di Enel, il MoVimento 5 Stelle ha verificato che c'è stata scarsa trasparenza e attenzione nei protocolli di intesa per la cessione dei terreni.

"Spiace dover far notare che, anche questa volta, l'Amministrazione Comunale si sottrae ai suoi doveri di trasparenza e di risposta al controllo amministrativo esercitato dal Consigliere" afferma Andrea Frallicciardi del MoVimento 5 Stelle di Figline Valdarno. "Il Comune infatti, su nostra specifica richiesta, non ha avuto la possibilità di presentare (perché non in suo possesso) copia degli allegati al protocollo d'intesa inerenti l'area delle Borra firmati dal Sindaco Longini, in carica al momento della stipula nel 2006."
"La situazione è aggravata dal fatto che i documenti ci sono pervenuti con dei ritardi doppi ai tempi massimi consentiti dal regolamento comunale." incalza il Consigliere Frallicciardi. "In pratica è come se l'acquirente, firmando il contratto per una casa, non validasse con la firma le mappe allegate al progetto, prendendole per buone a prescindere." aggiunge il portavoce. "Mi chiedo come possa il comune di Figline svolgere la funzione di controllo sulla possibile discarica di Le Borra, se non esercita quel ruolo di vigilanza e di buona amministrazione, deputati ad un organo di governo pubblico, su una questione così importante. Che fiducia possono riporre i cittadini in questi amministratori?"
"Ci auspichiamo" conclude Andrea Frallicciardi "che l'Amministrazione Comunale di Figline voglia operare in futuro in modo molto meno superficiale e più trasparente".