Archivio dei post di Luglio 2012

Fiato sul collo - XVII Consiglio Comunale (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Presso il Palazzo Comunale alle ore 15.00 si terrà il XVII Consiglio Comunale.

  • Comunicazioni del Sindaco e del Presidente del Consiglio Comunale.
  • Verbale n.7/2012 della seduta consiliare dell' 8.06.2012. Approvazione
  • Interrogazione del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "stato pavimentazione Piazza Serristori".
  • Interrogazione del Consigliere Tani (Gruppo Consiliare PD): "situazione degrado ambulatorio di ponte agli Stolli".
  • Interrogazione del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "incentivazione veicoli elettrici e colonne di ricarica".
  • Interpellanza del Capogruppo Frallicciardi (Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle): "stato di avanzamento progetto per realizzazione piscina comunale".
  • Interpellanza del Capogruppo Frallicciardi (Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle): "valutazione idoneità terreno 'Le Borra' a seguito delle osservazioni sul PIR".
  • Unione dei Comuni di Figline ed Incisa in Valdarno. Approvazione Statuto e atto costitutivo.
  • Bilancio di Previsione 2012. Variazione.
  • Piano di Lottizzazione del Comparto "C1.6A Scampata-Pirelli" di iniziativa privata con contestuale variante al Regolamento Urbanistico. Esame delle osservazioni e dei contributi - Approvazione.
  • Variante al Regolamento Urbanistico per l'aggiornamento della carta di pericolosità geologica e fattibilità area "Campeggio Norcenni". Presa d'atto della mancata presentazione di osservazioni - Esame dei contributi - Approvazione.
  • Adeguamento normativo ed alcune rettifiche alle previsioni del vigente Regolamento Urbanistico. Esame delle osservazioni e dei contributi - Approvazione.
  • Bilancio di previsione 2012 della Società della Salute della Zona Fiorentina Sud-Est. Parere espresso ai sensi dell'art. 13 comma 3 e 5 dello Statuto della medesima Società della Salute".
  • Mozione del Gruppo Consiliare PDL: "mozione di sfiducia, con richiesta dimissioni Presidente II° Commissione".
  • Mozione del Gruppo Consiliare PDL: "richiesta commissione consiliare per la revisione della spesa comunale (una spending review).
  • Mozione della V Commissione Consiliare: "intitolazione della Sala Consiliare al prof. Francesco Staderini
  • Ordine del Giorno dei Gruppi Consiliari IDV/SEL, PD, Sinistra per Figline-PSI: "istituzione del registro comunale coppie di fatto".
  • Ordine del Giorno del Gruppo Consiliare PD: "contro le violenze ed i terrorismi".
  • Ordine del Giorno del Capogruppo Leoni (Gruppo Consiliare IDV/SEL): "ripristino della L.188/07 disposizioni in materia di modalità per la risoluzione del contratto di lavoro per dimissioni volontarie della lavoratrice, de lavoratore, nonché del prestatore d'opera e della prestatrice d'opera".
  • Ordine del Giorno del Capogruppo Trambusti (Gruppo Consiliare Lega Nord): "in merito ai LAOGAI, campi di concentramento del terzo millennio".
  • Ordine de Giorno del Capogruppo Bagiardi e del Consigliere Sarri (Gruppi Consiliari Sinistra per Figline-PSI e PD): "decoro zona argini Arno".
  • Mozione del Gruppo Consiliare PD: "lotta contro le infiltrazioni di associazioni criminali e mafiose negli appalti pubblici: stipula Protocollo di Legalità".
  • Ordine del Giorno del Capogruppo Frallicciardi (Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle): "rispetto del referendum sull'abrogazione della 'adeguata remunerazione' del 12/13 Giugno 2011.

Scarica gli atti del consiglio comunale.



Visualizzazione ingrandita della mappa

Fiato sul collo - IV Commissione (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Alle ore 21.00 presso la Sala Giunta, con il seguente ordine del giorno:

  • Bilancio di previsione 2012 della Società della Salute della Zona Fiorentina Sud-Est. Parere espresso ai sensi dell'art. 13 comma 3 e 5 dello Statuto della medesima Società della Salute".
  • Richiesta del commissario Fralicciardi di analizzare in commissione la questione relativa alla Fitoterapia.
  • Varie ed eventuali.


Visualizzazione ingrandita della mappa


Figline Valdarno - 

Si è tenuta il 12 luglio la III Commissione presso il Comune di Figline Valdarno.

Presenti alla commissione i consiglieri:

  • Sandro Sarri(Presidente)
  • Enrico Stefanini
  • Valentina Trambusti
  • Roberto Renzi

Assenti:


  • Leonardo Favilli

per la giunta comunale e come incaricato tecnico:

  • Ass. Caterina Cardi

presenti i consiglieri


  • Massimiliano Morandini (Presidente del Consiglio)

  • Mauro Tani ( Presidente II Commissione)


La seduta di commissione si è aperta alle ore 17.30 ed ha analizzato i seguenti punti all'ordine del giorno:

  • Discussione con l'Assessore Cardi sul Teatro Garibaldi.
  • Varie ed eventuali


Il vice-sindaco Cardi espone l'ordine del giorno, dettagliando brevemente la situazione del Teatro Garibaldi di Figline Valdarno, e delegando al Responsabile il compito di dettagliare ulteriormente il tutto.

Il Responsabile Luca Bolis prende la parola; afferma di occuparsi del Teatro Garibaldi di Figline Valdarno da circa quarant'anni ed inizia a precisare che le voci di SPESA del suddetto sono ben visibili sul bilancio e che esse sono costantemente le stesse, raccolte nelle due voci di ATTIVITÀ del teatro e di GESTIONE del medesimo, mentre le ENTRATE sono rappresentate, ovviamente, dalla vendita dei biglietti in occasione degli eventi.
Gli eventi del Teatro Garibaldi sono divisi da sempre in due settori:


  1. STAGIONE DI PROSA delineata in 18 appuntamenti

  2. STAGIONE CONCERTISTICA diluita in 6 serate.

Qualche cifra viene riportata, come, ad esempio, le spese sostenute quest'anno di circa 209.550,00 Euro; previsti per il 2013, invece, 166.700,00, mentre per gli incassi si parla di circa 110.000,00 quest'anno contro i previsti 100.000,00 per il 2013.

A questo punto viene chiarito che, solitamente, per un complesso teatrale, in Italia, è difficilissimo, per non dire impossibile, chiudere in pari, anzi, usualmente, la rimessa è notevole; infatti, precisa il responsabile, che il nostro teatro è considerato virtuoso per i risultati ottenuti.

Luca Bolis inizia poi a dettagliare quali siano le spese di gestione abituali del teatro.


  1. Utenze: Telefono - Luce - Gas - Acqua

  2. Spese di funzionamento

  3. Pulizie

  4. Personale (maschere ecc.)

Ci sono poi le spese di MANUTENZIONE.
Le spese di piccola manutenzione (come tinteggiature, lavaggio moquettes ecc.) sono a carico del medesimo teatro, mentre per la manutenzione straordinaria interviene l'ufficio tecnico verificandole attentamente.
Viene precisato che, ad esempio, la spesa del personale può oscillare a seconda dell'entità dell'evento.
Se si rimane in quello che è il calendario prefissato all'inizio stagione, cioè le 24 serate previste, anche la spesa sarà quella prevista, mentre modificazioni di spesa consistenti si possono avere per eventi FUORI STAGIONE.
Ad esempio a Marzo di quest'anno si era riscontrato un risparmio di 5.600,00 Euro che, però, essendo stati effettuati alcuni eventi straordinari, sono stati spesi al 70%.
Vengono poste via via alcune domande e precisazioni sulla possibilità di recuperare l'importo passivo, ma il responsabile risponde sempre con fermezza affermando che, a suo avviso, qualsiasi evento straordinario fuori stagione altro non fa che gravare ulteriormente sul bilancio del teatro.
Si dichiara comunque aperto a qualsiasi tipo di sperimentazione, ritenendosi però ugualmente scettico sull'esito della cosa.
Sempre secondo lui sarebbe, ad esempio, più proficuo orientare un evento di un certo tipo all'oratorio dei Salesiani stipulando un accordo sul prezzo per la serata, dato che l'apertura del teatro per qualsivoglia evento costa circa 1.500,00 Euro.

A questo punto Renzi prende la parola valutando l'ipotesi di un uso alternativo del teatro, ad esempio per TURISMO CONGRESSUALE oppure addirittura per la CELEBRAZIONE DI MATRIMONI all'interno di esso.
Il vice-sindaco Cardi risponde, se pure anch'essa accondiscendendo ad ogni tipo di proposta, ma dimostrandosi abbastanza scettica e concordando, in linea di massima, con il responsabile. Egli, alternandosi alla Cardi, continua a ribadire quanto precedentemente affermato, precisando anche che i posti del teatro non sono tantissimi per cui ci si è trovati anche a dover suddividere un evento in più di una serata raddoppiando i costi.
In risposta, in particolare a Renzi per il turismo congressuale egli afferma che ciò non funziona neppure per una struttura come il Principe di Piemonte a Viareggio.
La discussione continua ed anche Sarri interviene chiedendo se non sia possibile intervenire sul prezzo dei biglietti.
Interviene allora nuovamente Cardi affermando che, anche se c'è una flessione in tutti i settori, non possiamo non considerare che siamo, e questo da diverse amministrazioni, fra i comuni più virtuosi in senso culturale; non possiamo ignorare, infatti, che non è poca cosa un risultato di 500 abbonati circa a stagione e ciò può solo farci inorgoglire.
Detto questo si dichiara però nuovamente disponibile a qualsiasi proposta da portare anche in consiglio comunale purché corredata di costi relativi.
Dice che progetti simili non sono assolutamente nuovi all'amministrazione; ne sono stati messi in opera, infatti, numerosi negli anni passati, vedi STING - PIRELLI o anche la più recente GARIBALDINA, progetto questo, addirittura intercomunale, ma, anch'essa si è rivelata insostenibile finanziariamente e, pertanto, deve essere rivalutata più attentamente.

La Trambusti chiede se non ci siano associazioni che elargiscano contributi, ma le viene risposto che la cosa è veramente molto sporadica.

Anche Stefanini, sebbene concordando in tutto sia con Bolis che con Cardi, afferma che, forse, dovrebbe essere valutata l'ipotesi di qualche evento alternativo alla stagione classica, ma, nuovamente, viene affermato che i costi di apertura sono sempre troppo onerosi per trarne vantaggio.

Cardi, infine, conclude confermando che, comunque sia, si dichiara sempre disponibile a qualsiasi proposta concreta purché si dimostri realmente producente per il Teatro Garibaldi, cifre alla mano.

La riunione termina alle ore 18.30 circa.


Figline Valdarno - 

In tempi record e senza alcuna discussione nei vari consigli comunali, tutte le giunte valdarnesi socie della famosa Valdarno Sviluppo, stanno svendendo le quote di partecipazione.

Valdarno Sviluppo SpA, nata nel 2001 con la missione di "divenire un istituto di stimolo e supporto per lo sviluppo nel Valdarno", è stata negli anni il mezzo per operare alcune pianificazioni infrastrutturali importanti (come la rete in Fibra Ottica) ma è senz'altro stata sottoutilizzata da parte dei soci, che non le hanno conferito quella capacità propositiva che le era stata inizialmente assegnata. Negli ultimi anni infatti l'azione di Valdarno Sviluppo (per miopia o interesse politico) è stata irrilevante. In un momento di crisi come l'attuale, la mancanza di progettazione è andata di pari passo con l'insussistente volontà di infondere sviluppo (contraddicendo la stessa intestazione) da parte della classe politica valdarnese, che ha costituito la maggioranza nella società aziendale.
Questo "fallimento" è senz'altro dovuto alla mancanza di capacità dei soci e quindi dei comuni di saper far fruttare il patrimonio che negli anni la Valdarno Sviluppo ha costruito. Forse in questo c'è stata una volontà nascosta di trasferire, con redditività irrisoria per le casse pubbliche, il patrimonio verso i privati (già pronti a farsi carico del fardello dell'azienda) che si ritroverebbero quasi gratis una serie di infrastrutture potenzialmente molto redditizie.
Se infatti verifichiamo gli ultimi 3 anni di bilancio della Valdarno Sviluppo è facile constatare che l'ultimo anno attivo è il 2009; dal 2010 le perdite, se pur contenute, sono parallele all'assenza totale di azioni da parte dell'azienda per attuare la sua mission. È proprio del 2010 la norma che obbliga i comuni sotto i 30.000 abitanti ad uscire dalle partecipate (DL. 78/2010), con una deroga nel caso l'azienda fosse rimasta in attivo. Guarda caso la Valdarno Sviluppo SpA è in passivo da quell'anno.
Possibile che il patrimonio della Valdarno Sviluppo non abbia alcun valore?
E se non hanno alcun valore, come mai ci sono dei privati che si sono dichiarati disponibili all'acquisto?
Posto questo, il fuggi fuggi generale dalla società, che riteniamo possa essere anche corretto, in quanto a ragion veduta Valdarno Sviluppo non è stato altro che l'ennesimo carrozzone parastatale, va anche considerato che la società non ha come solo valore le quote di capitale sociale detenuto dai comuni (come le giunte vogliono farci credere), ma anche, lo ribadiamo, il patrimonio in termini di know-how e immobili: per esempio la sola rete in Fibra Ottica di proprietà di Valdarno Sviluppo ha un valore di realizzazione pari a circa 2.500.000 € (finanziato peraltro pubblicamente per l'80%); questo patrimonio non è stato minimamente valorizzato nelle cessioni deliberate dai consigli comunali di Reggello e Figline Valdarno (ma anche dagli altri comuni). Così come non è stato valorizzato niente altro, ma anzi si è dato come certa la perdita delle quote nominali di capitale sociale dimezzandone il valore: è così che a Reggello (per fare un esempio) la giunta ha giustificato l'uscita dall'azienda, forzando il consiglio tutto ad evitare qualsiasi discussione su questo argomento e portando il sindaco Benucci a richiamare all'ordine la propria maggioranza, dando per certa una perdita del 50% rispetto al valore nominale della partecipazione.
Tutto questo può configurare un danno all'erario, peraltro con un rischio maggiore della colpa grave da parte degli amministratori tutti (destra e sinistra) ed è per questo che tutto il MoVimento 5 Stelle valdarnese valuterà se presentare un esposto alla corte dei conti per ogni singola amministrazione.
La riduzione del peso pubblico nel mercato, l'eliminazione della partecipazione in aziende para-statali che altro non sono che un parcheggio (ben remunerato) per amici di amici, non significa che i cittadini si debbano far gabbare in tutte le fasi: nella costituzione di un carrozzone a spese della collettività (circa € 400.000), nella cattiva gestione che in 10 anni ha prodotto (fonte sito web www.valdarnosviluppo.it) solo 580 posti di lavoro (circa 60 l'anno pari ad un incremento dello 0,19% in più l'anno, a fronte di investimenti per € 31.000.000 totali) ed infine nella svendita ai privati del patrimonio già pagato ai cittadini.
Gli amministratori dei vari comuni del Valdarno dovranno giustificare ai cittadini queste loro scelte.

Fiato sul collo - III Commissione (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Alle ore 17.30 presso la Sala Giunta, con il seguente ordine del giorno:

  • Discussione con l'Assessore Cardi sul Teatro Garibaldi.
  • Varie ed eventuali


Visualizzazione ingrandita della mappa

Fiato sul collo - XVI Consiglio Comunale (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Presso il Palazzo Comunale alle ore 20.00 si terrà il XIV Consiglio Comunale.

  • Comunicazioni del Sindaco e del Presidente del Consiglio Comunale.
  • Verbale n. 6/12 della seduta consiliare del 30.05.2012. Approvazione
  • Interrogazione del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "interramento linea elettrica in via Jacopone da Todi?
  • Interpellanza del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "via Garibaldi alberi pericolosi, decoro sede polizia provinciale.
  • Interpellanza del Capogruppo Bagiardi (Gruppo Consiliare Sinistra per Figline-PSI): "maggior controllo notturno sulle nostre strade".
  • Interpellanza del Capogruppo Laici (gruppo Consiliare PDL): "concessioni edilizie".
  • Interpellanza del Capogruppo Mugnai (Gruppo Consiliare Salvare il Serristori-UDC): "rimborso anticipazione € 537.884 da AER spa .
  • Convenzione per la gestione associata di una pluralità di funzioni amministrative e servizi mediante istituzione di ufficio comune. Modifiche.
  • Regolamento per la disciplina delle entrate tributarie-modifiche ed approvazione.
  • Regolamento Comunale per l'applicazione dell'imposta sulla pubblicità e dei diritti sulle pubbliche affissioni: modifiche ed approvazione
  • Bilancio di Previsione 2012 e triennale 2012-2014: approvazione
  • Autorizzazione cessione quota azionaria della Società Valdarno Sviluppo Spa, in applicazione del comma 32 dell'art. 14 del D.L. 78/2010 e successive modifiche.
  • Procedimento di acquisizione, ai sensi dell'art. 31 co.21 L. 448/1998, di immobili ubicati in Figline Valdarno, Via Barducci.
  • Lavori di messa in sicurezza del Torrente Resco. Acquisto particelle 120 e 121 .
  • Mozione del Consigliere Gonfiantini (Gruppo Consiliare PDL): "definizione dei criteri di assegnazione del servizio di riscossione coattiva nel territorio comunale di Figline Valdarno".
  • Mozione del Capogruppo Trambusti (Gruppo Consiliare Lega Nord): "scioglimento convenzione con Equitalia Spa, adesione al Servizio di Riscossione Regionale".
  • Ordine del Giorno dei Gruppi Consiliari IDV/SEL, PD, Sinistra per Figline-PSI: "istituzione del registro comunale coppie di fatto".
  • Ordine del Giorno del Gruppo Consiliare PD: "contro le violenze ed i terrorismi".
  • Ordine del Giorno del Capogruppo Leoni (Gruppo Consiliare IDV/SEL): "ripristino della L.188/07 disposizioni in materia di modalità per la risoluzione del contratto di lavoro per dimissioni volontarie della lavoratrice, de lavoratore, nonché del prestatore d'opera e della prestatrice d'opera".
  • Ordine del Giorno del Capogruppo Trambusti (Gruppo Consiliare Lega Nord): "in merito ai LAOGAI, campi di concentramento del terzo millennio".
  • Mozione del Gruppo Consiliare PDL: "mozione di sfiducia, con richiesta dimissioni Presidente II° Commissione".
  • Mozione del Gruppo Consiliare PDL: "richiesta commissione consiliare per la revisione della spesa comunale (una spending review).
  • Mozione della V Commissione Consiliare: "intitolazione della Sala Consiliare al prof. Francesco Staderini
  • Ordine de Giorno del Capogruppo Bagiardi e del Consigliere Sarri (Gruppi Consiliari Sinistra per Figline-PSI e PD): "decoro zona argini Arno".


Visualizzazione ingrandita della mappa

Fiato sul collo - I Commissione (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Alle ore 18.00 presso la Sala Giunta, con il seguente ordine del giorno:

  • Convenzione per la gestione associata di una pluralità di funzioni amministrative e servizi mediante istituzione di ufficio comune. Modifiche.
  • Regolamento per la disciplina delle entrate tributarie-modifiche ed approvazione.
  • Regolamento Comunale per l'applicazione dell'imposta sulla pubblicità e dei diritti sulle pubbliche affissioni: modifiche ed approvazione
  • Bilancio di Previsione 2012 e triennale 2012-2014: approvazione
  • Autorizzazione cessione quota azionaria della Società Valdarno Sviluppo Spa, in applicazione del comma 32 dell'art. 14 del D.L. 78/2010 e successive modifiche.
  • Procedimento di acquisizione, ai sensi dell'art. 31 co.21 L. 448/1998, di immobili ubicati in Figline Valdarno, Via Barducci.
  • Lavori di messa in sicurezza del Torrente Resco. Acquisto particelle 120 e 121 .
  • Varie ed eventuali;

Visualizzazione ingrandita della mappa

Fiato sul collo - I Commissione (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Alle ore 18.00 presso la Sala Giunta, con il seguente ordine del giorno:

  • Convenzione per la gestione associata di una pluralità di funzioni amministrative e servizi mediante istituzione di ufficio comune. Modifiche.
  • Regolamento per la disciplina delle entrate tributarie-modifiche ed approvazione.
  • Regolamento Comunale per l'applicazione dell'imposta sulla pubblicità e dei diritti sulle pubbliche affissioni: modifiche ed approvazione
  • Bilancio di Previsione 2012 e triennale 2012-2014: approvazione
  • Autorizzazione cessione quota azionaria della Società Valdarno Sviluppo Spa, in applicazione del comma 32 dell'art. 14 del D.L. 78/2010 e successive modifiche.
  • Procedimento di acquisizione, ai sensi dell'art. 31 co.21 L. 448/1998, di immobili ubicati in Figline Valdarno, Via Barducci.
  • Lavori di messa in sicurezza del Torrente Resco. Acquisto particelle 120 e 121 .
  • Varie ed eventuali;

Visualizzazione ingrandita della mappa