Archivio dei post di Agosto 2012


Figline Valdarno - 

Siamo profondamente addolorati per la perdita improvvisa di Michelangelo Bolognini, medico igienista sempre in prima linea per denunciare ipocrisie e corruzione, che tanta colpa hanno nel mantenimento del Sistema che ci sta avvelenando e compromettendo il futuro delle nuove generazioni.

Colpito egli stesso da un tumore, quello pancreatico, che sempre più vittime sta facendo anche nella nostra Regione.

Michelangelo Bolognini
Di lui ci piace ricordare la trasparenza e la condivisione delle idee, in difesa della Salute dei comuni cittadini, idee portate avanti con tenacia e competenza. Terremo cari i tuoi insegnamenti e porteremo avanti la lotta contro chi vuole fare dell'ambiente solo una fonte di profitto.

Un abbraccio ti accompagni in questo Viaggio

La storia delle cose 2.0


Figline Valdarno - 

Questo è l'aggiornamento, tradotto e doppiato in italiano dal MoVimento 5 Stelle di Palermo de "La storia delle cose" che da una chiara idea del processo industriale moderno e di come ci stiamo "rovinando" con le nostre stesse mani.


Figline Valdarno - 

Commento al XVII Consiglio comunale e alla IV Commissione Salute del 19 Luglio 2012 di Andrea Frallicciardi.

Punti Salienti:


  • Mozione 5 stelle richiesta di introduzione Fitoterapia

  • Mozione 5 Stelle Richiesta installazione cestini per rifiuti C/o Giardini Via del Borratino(Matassino)

  • Riepilogo IV commissione Salute , discussione della Fitoterapia

  • Società della Salute Bilancio 2012 COSTI ALLA MANO


Figline Valdarno - 

Si è tenuta il 31 luglio la II Commissione presso il Comune di Figline Valdarno.

Presenti alla commissione i consiglieri:

  • Mauro Tani (Presidente)
  • Enrico Stefanini
  • Roberto Renzi
  • Giorgio Laici

Assente

  • Arianna Bagiardi

per la giunta comunale e come incaricato tecnico:

  • l'Assessore Daniele Raspini

presente per il Comitato Pendolari Valdarno Direttissima

  • Maurizio Da Re

La seduta di commissione si è aperta alle ore 17.30 ed ha analizzato i seguenti punti all'ordine del giorno:

  • Esame situazione del trasporto ferroviario locale
  • Varie ed eventuali

L'audizione è iniziata con l'intervento di Maurizio Da Re che ha esposto le varie problematiche dei pendolari (Deviazioni dalla linea Direttisisma alla Lenta, ritardi dei convogli, malfunzionamento dei condizionatori, sovraffollamento delle carrozze, riduzione posti auto in P.za Caduti di Pian d'Albero); ha spiegato che le molte cose sono state riportate la settimana prima alla VII Commissione del Consiglio Regionale, dove è stato presentato un decalogo di proposte per migliorare il contratto di servizio Trenitalia-Regione; il documento è stato accolto dalla Commissione Regionale per l'indagine che sta conducendo e per il futuro dibattito consiliare. Quello che ad esempio lascia perplessi sono le penali fissate dal contratto di servizio: sono irrisorie. Ne è un esempio il ritardo dei treni: solo 80 € di multa per un ritardo di oltre 15 minuti in orario di punta.

Successivamente sia Renzi che Laici si sono molto impegnati e si sono resi disponibili a sensibilizzare i consiglieri regionali del PDL come anche l'assessore Raspini ed il Presidente Tani si sono resi disponbili alla proposta di Da Re per un consiglio comunale aperto per consentire una discussione pubblica e per coinvolgere anche i comuni limitrofi (Reggello, Pian di Scò), invitando anche la Regione. Anche il consigliere Stefanini si è detto in linea con gli altri seppur con toni polemici rivolti a Da Re.

In conclusione Da Re ha auspicato che ci sia un seguito alla richiesta dell'ampliamento del parcheggio della stazione (Raspini ha fatto cenno all'area di fianco alla stazione, di proprietà di Ferrovie ma impegnata ancora per 2 anni dai cantieri per le barriere antirumore) e un interessamento anche del sindaco e degli altri Comuni sulle questioni ferroviarie e del pendolarismo. Da Re ha fatto presente la poca attenzione del Sindaco Nocentini, a parte qualche comunicato stampa sui fatti più eclatanti, e degli altri Sindaci del Valdarno, quando invece potrebbero avere un ruolo politico attivo rispetto ai pendolari, a Trenitalia e alla Regione.

La commissione si è chiusa alle ore 19.00.

Fiato sul collo - II Commissione (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Alle ore 17.30 presso il Comune di Figline Valdarno.

Questo l'ordine del giorno:

  • Aggiornamento situazione del trasporto ferroviario locale
  • Varie ed eventuali


Visualizzazione ingrandita della mappa


Figline Valdarno - 

Valdarno fiorentino: Approvati, a maggioranza, anche per quest'anno, dai consigli comunali di Figline Valdarno e Reggello, i bilanci della Società della Salute, nonostante sia stato ammesso da tutti i consiglieri la acclarata incostituzionalità di questi consorzi.

Le Società della Salute sono consorzi pubblici di servizi socio sanitari territoriali e sono nate come sperimentazioni protraendosi nel tempo senza una precisa struttura né pianificazione negli interventi sui territori di competenza.

Sono "carrozzoni" che non dovrebbero esistere con la targa costitutiva di consorzi tant'è che la Corte Costituzionale, con sentenza 326 del 2010, dichiarò incostituzionali tali consorzi. Successivamente, la stessa corte, ha respinto il ricorso dei legali della Regione Toscana contro la sentenza. Pertanto l'attuale sistema posto in essere dalla Regione Toscana disattende le decisioni di una Corte Costituzionale. Inoltre, proprio di questi giorni, è notizia di un decreto ingiuntivo del Prefetto, che obbliga la chiusura di questi consorzi.

La Corte dei Conti dichiara testualmente: "Le Società della Salute non sembrano aver avuto un significativo impatto sulla programmazione socio sanitaria regionale e sulla relativa distribuzione delle risorse," confermando i dubbi sulla funzionalità di queste strutture." ed aggiunge "D'altra parte, anche nelle zone ove la sperimentazione è più avanzata i dati di accesso alle strutture ospedaliere non sembrano influenzati, per quanto riguarda la popolazione anziana, dalla presenza dei consorzi stessi. Gli anziani, infatti, continuano a costituire una fetta significativa degli accessi al Pronto Soccorso e dei ricoveri ospedalieri." Quindi i servizi territoriali ascrivibili alla Società della Salute hanno inciso poco o per niente su questa problematica!

In considerazione di tutto questo vi è ancora la necessità di discutere se mantenere in vita enti che numericamente sono più delle ASL? È scandaloso considerare che su un totale di 450.000€ di spese per il personale, ben 194.000€ sono riconducibile al compenso del direttore Dott. Laura Peracca. Complici di tutto questi sprechi sono tuttora i nostri amministratori che continuano a tenere in vita questi "poltronifici".

Ed allora la nostra domanda si fa ancora più pressante: cos'è che spinge degli amministratori comunali, che tutti i giorni vediamo piangere su finanziamenti tagliati, su stanziamenti che non vedranno mai più, a partecipare attivamente alla dilapidazione di soldi pubblici attraverso l'ennesima società pubblica che per sopravvivere ha bisogno di più ossigeno (fondi) di quanto è in grado di offrire (servizi)?