Archivio dei post di Settembre 2012


Figline Valdarno - 

La posizione del sindaco di Cavriglia Ferri sulle terre di scavo ci porta a fare delle considerazioni sulla destinazione del Valdarno, ormai considerata da Firenze come il proprio "Tappeto" dove nascondere i rifiuti.

Area della Miniera di Santa Barbara - Invaso di San Donato in Avane/Bomba
Gli attivisti del Movimento 5 Stelle Valdarno accolgono con speranza le dichiarazioni del Sindaco di Cavriglia, Ivano Ferri, relative al destino delle terre che sarebbero scavate per realizzare il Sotto attraversamento Alta Velocità di Firenze: "Anche se (tali terre ndr.) dovessero essere considerate sottoprodotti non significa che possano arrivare a Cavriglia senza analisi specifiche che attestino l'assenza di sostanze inquinanti".
Il MoVimento si augura anche, per tutti i cittadini del valdarno, che il sindaco mantenga questa posizione in futuro, perché quanto è stato detto finora da RFI e Novadia (la società che dovrebbe realizzare il progetto) prevedrebbe il conferimento e l'analisi delle terre scavate direttamente nei pressi della ex-miniera si Santa Barbara e solo allora fare un campionamento delle terre scavate.
In definitiva l'effettiva composizione delle terre verrebbe "resa nota" solo quando depositate sul luogo di destinazione.
I dubbi sorgono circa la possibilità di controllo dopo l'emanazione del Decreto Ministeriale n. 161 del 10 agosto 2012 da parte del governo sulle terre di scavo, in cui si dichiara chiaramente che quello che oggi sono rifiuti dal 6 ottobre saranno nominati "sottoprodotti" che potranno contenere "calcestruzzo, bentonite, polivinilcloruro (PVC), vetroresina, miscele cementizie e additivi per scavo meccanizzato".
Le terre provenienti dallo scavo delle gallerie fiorentine conterranno sicuramente bentonite, tensioattivi, polimeri e additivi perché la modalità di scavo della fresa, che giace inerte da mesi nel cantiere di Firenze Campo Marte, sono tali da non evitare questi contaminanti. Finora i terreni prodotti da queste macchine sono stati portati in discarica e considerati rifiuti speciali.Fresa Monna-Lisa
Come sempre la mancanza di programmazione nelle opere ad alto impatto ambientale ha portato anche in questo caso ad accorgersi solo ora che non esistono in Italia discariche sufficienti a ricevere le terre contaminate fiorentine. Perciò si cambia nome a quello che fino a ieri era rifiuto e si pianifica di portare 3 milioni di metri cubi di "sottoprodotti" a Santa Barbara.
Dichiarare le zone di Santa Barbara una discarica richiederebbe troppo tempo, troppe e lunghe procedure burocratiche e forse anche una rivolta popolare dei cittadini del Valdarno contrariati nel vedere la propria terra ospitare 3 possibili discariche : Podere Rota, attiva da 20 anni, Casa le borra pianificata dal PIR FI-PO-PT per il 2021 e l'eventuale futura a Santa Barbara. Per i nostri amministratori, è molto più semplice cambiare il nome alle cose: i sottoprodotti fanno meno paura dei rifiuti e soprattutto non hanno bisogno di discariche per essere smaltiti. Anche se il risultato concreto è il medesimo: una discarica chiamata "COLLINE SCHERMO". Per porre un esempio, la bentonite ha la proprietà di essere solida in mancanza di acqua, ma appena viene bagnata porta ad una consistenza fluida la terra con cui è miscelata (viene usata proprio questo negli scavi) Trattando le terre e depurandole se ne potrà ridurre il contenuto ma non sarà possibile eliminare ogni traccia di bentonite, pensare di realizzare due colline con terra che in caso di pioggia si trasformi in melma è un rischio che deve necessariamente essere preso in considerazione al fine di non trovarsi, come è ormai consuetudine, al disastro ambientale e conseguente ripercussione su i cittadini.
Riteniamo che le parole del Sindaco di Cavriglia siano estremamente chiare, ma soprattutto ci auguriamo che alle parole seguano i fatti.


Figline Valdarno - 

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa:

Ieri sera a Padova, nella seduta del consiglio comunale, si è scelto di calpestare il risultato del referendum del 2011 e di procedere sulla via di una privatizzazione strisciante dell'acqua e degli altri servizi pubblici locali attraverso la vendita (detta fusione per incorporazione) di AcegasAps ad Hera.
La logica, spacciata come ineluttabile, è sempre la stessa: è necessario competere sul mercato e piegarsi agli interessi della finanza.
La maggioranza PD, IDV, SEL, con l'eccezione della consigliera Daniela Ruffini del PRC- PDCI che ha votato contro e l'astensione del consigliere Pisani di maggioranza, ha votato compatta per l'approvazione di questa delibera fortemente voluta dal sindaco Flavio Zanonato.
SEL e IDV hanno piegato la testa a fronte di un piatto di lenticchie (scadute per di più) come la promessa della chiusura della prima linea dell'inceneritore, ma tra 14 anni! O la generica promessa di reinvestimento dei dividendi in welfare e ambiente, o la diminuzione del numero e dei compensi dei consiglieri di amministrazione (che come è noto, nelle SpA quotate in borsa non sono certo materia di approvazione dei consigli comunali!!).
Le richieste di informare e coinvolgere la cittadinanza su questa decisione è stata con arroganza affossata, anche bocciando la mozione presentata dalla consigliera Ruffini che puntava a sospendere la votazione per aprire un percorso di consultazione della città. Giusto per essere chiari su questa mozione di sospensione l'IDV, che detiene l'Assessorato alla partecipazione, ha votato contro e Sel, che detiene l'Assessorato all'Ambiente si è astenuta.
L'opposizione ha, nel gioco delle parti più classico, votato a favore della sospensione e contro la fusione pur dichiarandosi ovviamente d'accordo con l'ottica delle aggregazioni e delle privatizzazioni.
La serata è stata caratterizzata fuori e dentro il Consiglio comunale dalla presenza di numerosi cittadine e cittadini, associazioni, comitati, centri sociali che hanno voluto far sentire la loro voce per sette ore. Una voce che con chiarezza ha contestato la fusione che, per merito, forma e contenuti, è un'operazione volta a salvaguardare gli interessi spartitori di piccoli e grandi poteri ( ... di piccole grandi poltrone !!??) e a subordinare le scelte dalla politica agli interessi del mercato e della finanza.
Da parte nostra, consapevoli dello spartiacque rappresentato da questa vergognosa decisione, continuerà l'impegno per affermare la centralità dell'acqua e dei beni comuni come patrimonio dell'intera comunità.


Figline Valdarno - 

Ad un anno dalla nostra interpellanza sullo stato di degrado degli arredi urbani e dei centri di raccolta dei rifiuti in Figline Valdarno abbiamo voluto fare un report per capire se i problemi sono stati risolti.

L'anno scorso l'assessore Daniele Raspini ci comunicò che il Comune di Figline Valdarno aveva attivato il servizio decorourbano.org (utilizzato da vari comuni in Italia). Da quel giorno abbiamo provato a pubblicare segnalazioni ma è sempre stato impossibile, così come documentato dal filmato.

Tale problema è stato segnalato all'assessore che chi ha rimandato ai gestori del sito Decoro Urbano, che non ci hanno risposto.

Dopo un anno e dopo aver notato che le segnalazioni sul sito vengono fatte solo dall'Assessore Raspini, abbiamo deciso di riportare anche sul nostro sito web tutte le situazioni di degrado per portare a conoscenza quello che è lo stato delle nostre strade.

Raccoglieremo queste informazioni sulla pagina Degrado urbano dove saranno salvati tutti i post sul degrado urbano.


inviateci le vostre fotografie a info@figline5stelle.it

Noi le invieremo all'assessore Raspini per portarlo a conoscenza della situazione.

Questo lo stato in Via Gramsci al 21 settembre e al 22 settembre 2012
Stato cassonetti - 1
Stato cassonetti - 2
Stato cassonetti - 3
Stato cassonetti - 4

Fiato sul collo - XVIII Consiglio Comunale (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Presso il Palazzo Comunale alle ore 15.00 si terrà il XVIII Consiglio Comunale.

  1. Comunicazioni del Sindaco e del Presidente del Consiglio Comunale.
  2. Verbale n.8/2012 della seduta consiliare del 29.06.2012. Approvazione
  3. Interrogazione del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "perché il Sindaco era assente alla conferenza prov.le del trasporto locale?".
  4. Interrogazione del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "aiuole e spartitraffico e rotatorie in erba sintetica".
  5. Interrogazione del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "poco spazio per piante nei parcheggi ed aiuole rialzate".
  6. Interrogazione del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "quando inaugureremo la nuova via S. Biagio?".
  7. Interrogazione del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "la Regione Toscana ha risposto sul declassamento prima classe treni?.
  8. Interpellanza del Consigliere Pancrazi (Gruppo Consiliare PD): "quale sorte per la zona umida denominata 'La Garzaia di Figline Valdarno'".
  9. Interpellanza del Consigliere Pancrazi (Gruppo Consiliare PD): "decoro di Via della Resistenza e zone limitrofe".
  10. Interpellanza del Capogruppo Mugnai (Gruppo Consiliare Salvare il Serristori-UDC): "circolazione e sosta delle biciclette: una scelta contro i cittadini".
  11. Interpellanza del Capogruppo Mugnai (Gruppo Consiliare Salvare il Serristori-UDC): "Piazza Marsilio Ficino: uno spazio non tutelato".
  12. Imposta Municipale Propria: modifica aliquote e detrazioni 2012.
  13. Bilancio di Previsione 2012: variazioni al Bilancio 2012 e al Bilancio Triennale 2012-2014.
  14. Bilancio di Previsione 2012: ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi (art. 193 D.Lgs n. 267/2000).
  15. Bilancio di Previsione 2012. Art. 193 D.Lgs n. 267/00: verifica della salvaguardia degli equilibri di bilancio.
  16. Estinzione anticipata mutui cassa depositi e prestiti Spa - decorrenza 1° gennaio 2013.
  17. Collegio dei revisori dei conti per il triennio 2012-2015. Nomina componenti.
  18. Variante di rettifica e aggiornamento del regolamento edilizio comunale -
  19. approvazione".
  20. Ordine del Giorno del Capogruppo Leoni (Gruppo Consiliare IDV/SEL): "ripristino della L.188/07 disposizioni in materia di modalità per la risoluzione del contratto di lavoro per dimissioni volontarie della lavoratrice, de lavoratore, nonché del prestatore d'opera e della prestatrice d'opera".
  21. Ordine del Giorno del Capogruppo Trambusti (Gruppo Consiliare Lega Nord): "in merito ai LAOGAI, campi di concentramento del terzo millennio".
  22. Ordine de Giorno del Capogruppo Bagiardi e del Consigliere Sarri (Gruppi Consiliari Sinistra per Figline-PSI e PD): "decoro zona argini Arno".
  23. Mozione del Gruppo Consiliare PD: "lotta contro le infiltrazioni di associazioni criminali e mafiose negli appalti pubblici: stipula Protocollo di Legalità".
  24. Ordine del Giorno del Capogruppo Frallicciardi (Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle): "rispetto del referendum sull'abrogazione della 'adeguata remunerazione' del 12/13 Giugno 2011.
  25. Mozione dei Gruppi Consiliari IDV-SEL, PD, PSI : "Unione dei Comuni d Figlne Valdarno ed Incisa in Val d'Arno. Prospettive e scenari post-referendum.
  26. Mozione del Capogruppo Frallicciardi (Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle): "rispetto dell'esito dei quesiti referendari del 13 Giugno 2011 riguardanti il servizio idrico integrato.
  27. Mozione del Capogruppo Frallicciardi (Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle): "trasparenza amministrativa e anagrafe degli eletti".
  28. Mozione del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "ripristino Consulta delle Frazioni".
  29. Mozione del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "barriera antirumore delle ferrovie, troppo vicina ad edifici?".
  30. Mozione del Consigliere Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "valutazione data svolgimento Perdono cittadino, possibile variazione".
  31. Mozione del Capogruppo Mugnai (Gruppo Consiliare Salvare il Serristori-UDC): "Ospedale Serristori: una risorsa irrinunciabile per le popolazioni di Figline e Incisa".

Scarica gli atti del consiglio comunale.



Visualizzazione ingrandita della mappa

Fiato sul collo - IV Commissione (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Alle ore 21.00 presso la Sala Giunta, con il seguente ordine del giorno:

  • ODG su "valutazione dell'introduzione della fitoterapia in IV Commissione-Salute";
  • Mozione su "Adozione last Minuts Market presso Figline Valdarno";
  • Varie ed eventuali.

Visualizzazione ingrandita della mappa

Fiato sul collo - II Commissione (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Alle ore 18.00 presso la Sala Giunta, con il seguente ordine del giorno:

  • Richiesta di parere preliminare per intervento di riqualificazione e realizzazione Centro sportivo ricreativo polivalente in Via Argini Arno, localita' "il tarchio".
  • Variante di rettifica e aggiornamento del regolamento edilizio comunale - approvazione".
  • Varie ed eventuali

Visualizzazione ingrandita della mappa

Fiato sul collo - I Commissione (Figline Valdarno)


Figline Valdarno - 

Alle ore 19.00 presso la Sala Giunta, con il seguente ordine del giorno:

  • Imposta Municipale Propria: modifica aliquote e detrazioni 2012.
  • Bilancio di Previsione 2012: variazioni al Bilancio 2012 e al Bilancio Triennale 2012-2014.
  • Bilancio di Previsione 2012: ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi (art. 193 D.Lgs n. 267/2000).
  • Bilancio di Previsione 2012. Art. 193 D.Lgs n. 267/00: verifica della salvaguardia degli equilibri di bilancio.
  • Estinzione anticipata mutui cassa depositi e prestiti Spa - decorrenza 1° gennaio 2013.
  • Collegio dei revisori dei conti per il triennio 2012-2015. Nomina componenti.
  • Varie ed eventuali;

Visualizzazione ingrandita della mappa

Figline Valdarno - 

Presentate dai promotori del MoVimento 5 Stelle Toscana le firme raccolte per la proposta di legge popolare "Zero Privilegi"

Lunedì, davanti al palazzo Regionale, molti rappresentanti dei vari movimenti locali hanno sostenuto i promotori Maximiliano Castagni, Andrea Morini e Mirko Falleri nella presentazione delle oltre 8000 firme raccolte.

La proposta Zero Privilegi consentirebbe un risparmio di 4.500.000 € all'anno eliminando tutti quelli che sono i rimborsi forfettari dei consiglieri regionali.

Scopri tutti i dettagli sul sito www.zeroprivilegitoscana.it


Figline Valdarno - 

Lunedì 17 settembre i promotori della proposta del MoVimento 5 Stelle presenteranno ufficialmente le firme raccolte dagli attivisti, presso la sede della Regione Toscana.

In questi giorni i media sono impegnati ad analizzare puntigliosamente ogni accadimento che coinvolge il MoVimento 5 Stelle; siamo dunque orgogliosi di poter annunciare a tutti i cittadini della Toscana che i gruppi a 5 stelle della loro regione hanno raggiunto e superato l'obiettivo della raccolta firme per presentare la proposta di legge regionale denominata "Zero Privilegi" che mira ad abbattere i privilegi della politica in Regione ed i relativi costi per un risparmio annuo di 4,5 milioni di euro.

La legge propone di tagliare la retribuzione dei consiglieri regionali attraverso la diminuzione dell'indennità di carica e di funzione e l'abolizione dell'indennità di fine mandato, del trattamento di missione, della diaria e del rimborso spese di trasporto. L'attuazione della proposta permetterebbe un risparmio annuo di 4,5 milioni di euro.

I moduli, con le migliaia di firme raccolte - ben oltre la necessaria soglia di legge - saranno consegnate all'ufficio competente della Regione il giorno 17 Settembre 2012, alle ore 9:30.

Nell'occasione gli attivisti e simpatizzanti si ritroveranno davanti al palazzo del Consiglio Regionale, a Firenze, per festeggiare il successo dell'iniziativa e ricordare a tutti i consiglieri regionali, che si troveranno presto a discuterla, che sono i cittadini a decidere del loro futuro e non i vari partiti politici.