Archivio dei post di Aprile 2013


Figline Valdarno - 

Come già anticipato il 5 Febbraio 2013, quando pubblicai On-Line la mia situazione patrimoniale,preseguo nell' operazione di trasparenza verso la cittadinanza , inserendo su questo sito anche il CUD 2013 ,relativo al lavoro svolto come Consigliere Comunale nell'anno 2012 a Figline Valdarno.
In un anno, come Consigliere Comunale , ho guadagnato 1.008,00€ lordi come potete vedere dall'immagine allegata , files scaricabile anchequi.

Aggiornamento:Anche la mia situazione patrimoniale alla fine del mandato è On-line


Cud 2013 - Andrea Davide Frallicciardi Movimento 5 stelle


Figline Valdarno - 

A Figline ha votato il 30,10% degli aventi diritto, a Incisa il 38,19%.

Quando la popolazione non si reca a votare rinunciando a partecipare alla definizione di scelte importanti per il proprio futuro è bene cercare di capire il perché.

Il referendum del Comune Unico è sì consultivo e non vincolante, ma è pur sempre un'occasione di espressione di volontà del singolo e della comunità.

E' un referendum che comunque imporrà ad una parte di valdarnesi una scelta che una volta avrebbe comportato lunghe ed accese discussioni, visto che la Toscana è la patria dei campanili.

Le Amministrazioni di Figline ed Incisa nonostante l'impegno profuso e le "ingenti risorse" utilizzate per "informare i cittadini", con un processo iniziato circa un anno e mezzo fa, hanno miseramente fallito con il loro 32-38% di partecipazione.

Statisticamente neanche gli elettori del partito promotore sono andati tutti a votare.

Paradossalmente Castelfranco di Sopra, che ha gestito il percorso referendario più in fretta, dove i cittadini hanno segnalato scarsità di informazione ed il mancato coinvolgimento, ha raggiunto il 60% di partecipanti doppiando Figline e Incisa.

Probabilmente, afferma il Consigliere del Movimento 5 Stelle di Figline, Andrea Frallicciardi, i Sindaci Nocentini e Giovannoni stanno pagando più di altri una crisi dei partiti tradizionali, che provoca un forte scollamento fra cittadino e politica.

A questo dobbiamo aggiungere la scarsa fiducia che i cittadini ripongono nei nostri Amministratori e nella loro capacità gestionale.

I milioni di euro che si libereranno dal patto di stabilità grazie alla creazione del Comune Unico possono indurre delle perplessità in merito al loro effettivo utilizzo. Non possiamo dimenticare di come i Sindaci, che dovrebbero essere i garanti di diritti fondamentali dei cittadini, come la difesa della salute e dei relativi servizi, hanno gestito e stanno gestendo le problematiche connesse all'Ospedale Serristori: le modalità adottate ed i risultati conseguiti dagli Amministratori ad oggi hanno minato definitivamente la fiducia dei cittadini.

Il movimento 5 stelle continuerà a monitorare lo sviluppo di queste unioni anche dal punto di vista economico per dare una informazione puntuale e precisa su quali saranno i reali vantaggi nell' interesse dei cittadini.


Figline Valdarno - 

Quale futuro per la sanità nella nostra regione e nella nostra terra valdarnese? Queste domande verranno poste dai rappresentanti istituzionali del MoVimento 5 Stelle nei comuni dove siamo presenti e presso la Regione, direttamente al Presidente ed all'assessore alla sanità.

Da tempo, sotto il tetto della "razionalizzazione" si nasconde la scure che taglia i servizi ed i presidi ospedalieri. Di fronte alla spending review il sistema sanitario regionale ha opposto i cosiddetti piani di rientro che non riescono ad incidere sulle storiche anti-economicità del sistema. Nella sua relazione annuale la Corte dei Conti ben individua "le disfunzioni" di cui le Regioni si rendono protagoniste: dalla moltiplicazione dei centri di spesa all'irrazionale distribuzione delle risorse al fine di mantenere i "centri di potere" acquisiti.

Si assiste pertanto ad un'evidente contraddittorietà: un sistema incapace di gestire la sanità, con criteri di economicità ed equilibrio, definisce i piccoli ospedali "anti-economici", senza peraltro un'analisi comparata e reale dei costi e dei benefici.

È esattamente quello che sta avvenendo con il nostro presidio ospedaliero valdarnese. Da troppo tempo, vessato e depauperato dei servizi, non è più in grado di rispondere alle esigenze locali ed è in vita solo grazie alla volontà e perseveranza della popolazione e del comitato "Salvate il Serristori" e dall'impegno costante degli operatori cui va il nostro ringraziamento.

È notizia recente la comunicazione che il Direttore Generale della ASL 10, Dott. Morello, ha inviato ai due sindaci di Figline ed Incisa, rassicurandoli sul rilancio dell'ospedale, promettendo l'assunzione di due radiologi e di due anestesisti ed aggiungendo servizi, come la chirurgia della mano e la chirurgia estetica.

Il MoVimento 5 Stelle si chiede innanzitutto il motivo per cui tale missiva non è stata indirizzata anche ai sindaci di Reggello e Rignano e la ragione per cui il contenuto non è stato reso pubblico: la lettera rappresenta un patto con la popolazione del Valdarno.

"Non si comprendono appieno" segnala il Consigliere Andrea Frallicciardi del Movimento 5 Stelle di Figline Valdarno "i motivi che porteranno ad utilizzare le sale operatorie per la chirurgia estetica e la chirurgia della mano e soprattutto se questa scelta sottrarrà risorse indispensabili per rispondere alle esigenze dei cittadini valdarnesi, costretti ad "un'emigrazione sanitaria" e a lunghe liste di attesa."

I Consiglieri del Movimento 5 Stelle di Figline e Reggello continueranno a vigilare sulle scelte che verranno compiute sul nostro ospedale, affinchè la popolazione sia resa partecipe delle valutazioni dell'Azienda e non riceva, come è successo fino ad oggi, un'informazione parziale e nebulosa su un "presunto" piano di rilancio.

La partita dell'Ospedale però si gioca in Regione ed è per tale motivo che i deputati del MoVimento 5 Stelle, Massimo Artini e Samuele Segoni, hanno richiesto un incontro a breve con il governatore della Regione Enrico Rossi e l'assessore alla Sanità Marroni. Le richieste di spiegazione saranno puntuali e questa volta i contenuti dell'incontro verranno resi pubblici per intero in modo che i cittadini ne siano pienamente consapevoli.


Figline Valdarno - 

La cittadinanza è invitata a prendere parte al Consiglio Comunale indetto in convocazione straordinaria "aperta" per oggi, Mercoledì 24 Aprile p.v. alle ore 18.00 presso la Sala Consiliare "Francesco Staderini" dal titolo: Lambruschini quale futuro, con il seguente programma:

1) Intervento Sindaco e/o Assessore (max 15-20 minuti)
2) Interventi Consiglieri ( 5 minuti per ogni gruppo).
3) Interveti cittadini (30 minuti).
4) Risposta del Sindaco e/o Assessore.
5) Interventi Consiglieri (max 3 minuti ciascuno)


Figline Valdarno - 

Ieri , martedì 09 Aprile 2013, nella riunione del gruppo di lavoro Figline Valdarno - Incisa Valdarno, è stato discusso ed approvato con votazione palese all'unanimità il Vademecum per gli attivisti che lavoreranno all'interno del nostro gruppo . Come Consigliere Comunale del MoVimento, avendo sempre fortemente creduto nel tema etico e nella collaborazione tra attivisti e rappresentanti istituzionali, ritenendoli elementi indispensabili per svolgere al meglio il mio compito, mi ritengo molto soddisfatto del lavoro portato a termine; spero che possa essere d'aiuto anche per altri gruppi di lavoro che mai come in questo momento, anche sull'onda del successo politico del MoVimento, si troveranno a dover coordinare un inconsueto flusso di persone che desiderano avvicinarsi al MoVimento e non solo.
Il documento allegato prevede delle linee guida anche per gli attivisti già presenti all'interno del gruppo: è indispensabile essere partecipi e affidabili per esprimere il proprio voto all'interno del gruppo. E' una prassi assolutamente scorretta, soprattutto nei confronti degli altri attivisti essere iscritti al M5S e non supportare costantemente e con serietà gli altri componenti del gruppo.
In conclusione mi sento di affermare che l'approvazione all'unanimità del Vademecum è un positivo risultato , non solo a tutela dei principi del MoVimento, ma anche di tutti coloro che si impegnano con grande senso di responsabilità al fiancofianco dei rappresentanti istituzionali a tutti i livelli.

Scarica qui il Vademecum in formato Pdf

Vademecum per attivisti a 5 Stelle

  • VOLETE DIVENTARE CITTADINI ATTIVI?
  • VOLETE METTERE LA VOSTRA FACCIA E LE VOSTRE CAPACITÀ AL SERVIZIO DI ALTRI CITTADINI?


Con il MoVimento 5 Stelle è possibile e semplice.

Le condizioni per diventare cittadini attivi a 5 Stelle sono poche ma inderogabili.

La prima regola è dettata da una premessa etica: il MoVimento 5 Stelle non è un ufficio di collocamento per "disoccupati" ,per "trombati" della politica e per chi cerca una prima occupazione in politica in quanto non si assegnano poltrone o qualsivoglia benefit.

Questo significa che il MoVimento 5 Stelle non è alla ricerca di candidati, ma di cittadini che vogliono riappropriarsi della gestione della "cosa pubblica", in altre parole ritornare ad essere soggetti attivi nell'amministrazione della stessa.

La partecipazione del cittadino nel MoVimento non può e non deve essere finalizzata ad una sua candidatura in una competizione elettorale, ma - di concerto con gli altri attivisti -all'individuazione ed all'analisi delle problematiche presenti prioritariamente nel nostro territorio ed alla ricerca di soluzioni adeguate nell'interesse esclusivo della collettività.

In ogni caso, i nuovi attivisti non potranno essere candidabili a qualsiasi elezione per la durata di un anno, dal momento dell'ingresso nel MoVimento 5 Stelle di Figline Valdarno - Incisa Valdarno, salvo eccezioni votate a maggioranza dal gruppo.

Nel MoVimento 5 Stelle non ci sono leaders: ogni cittadino vale Uno.

"Ognuno vale Uno" non significa non rispettare le scelte del gruppo o muoversi in modo autonomo: la democrazia è partecipazione e condivisione di idee, non anarchia.

Le scelte devono essere sempre "condivise" all'interno del proprio gruppo e, soprattutto, devono seguire il programma e le idee del MoVimento.

Di conseguenza la partecipazione attiva al MoVimento e l'affidabilità, sono condizioni necessarie per esprimere il proprio voto nelle riunioni del gruppo.

Nel caso di mancanza di unanimità nel gruppo, le decisioni vengono prese a maggioranza e tutti sono tenuti a rispettarle.

Ogni attivista può dedicare al MoVimento il tempo disponibile in relazione ai propri impegni ed ai suoi desideri.

In ogni caso è auspicabile, se non indispensabile, rispettare il lavoro altrui, assumere impegni nel gruppo solo se siamo nelle condizioni di portarli avanti e di rispettare eventuali scadenze.

Ad ogni nuovo attivista saranno assegnati dei compiti all'interno del gruppo, sulla base degli interessi espressi e tenuto conto delle esperienze professionali e/o competenze possedute.


Figline Valdarno - 

Passaparola del Consiglio Comunale svolto il 26/03/2013


Odg:
1) Comunicazioni del Sindaco e del Presidente del Consiglio Comunale.

2) Verbale n. 1/2013 della seduta consiliare del 31.01.2013. Approvazione dopo il rinvio nel Consiglio Comunale del 28.02.2013

2 BIS) Verbale n. 2/2013 della seduta consiliare del 28.02.2013 . Approvazione

3) Interrogazione del Capogruppo Leoni (Gruppo Consiliare IDV/SEL): "stato dei lavori della pista ciclabile di Cesto".

4) Interpellanza del Capogruppo Mugnai (Gruppo Consiliare Salvare il Serristori-UDC): "AER S.p.A. non ha rimborsato anticipazione di Euro 537.884 concessa dal'Amministrazione comunale nel 2007".

5) Interpellanza del Capogruppo Laici (Gruppo Consiliare PDL): "perché chiudere il Pronto Soccorso del Serristori?".

6) Interpellanza del Capogruppo Laici (Gruppo Consiliare PDL): "zecche nelle aree verdi figlinesi";

7) Interpellanza del Capogruppo Laici (Gruppo Consiliare PDL): "area delle Borra, che si fa invece della discarica?".

8) Bilancio di Previsione 2013 della Società della Salute zona fiorentina sud-est. Parere espresso ai sensi dell'art. 13 comma 5 dello Statuto della medesima Società della Salute".

9) Regolamento zonale dei servizi educativi per la prima infanzia. Modifiche e approvazione

10) Variante alle norme tecniche di attuazione del Regolamento urbanistico. Modifiche all'art. 29 (D2 - Area a prevalente funzione commerciale e terziaria).

11) Mozione del Consigliere Comunale Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "i banchi del mercato dovranno far fronte contro il marciapiede e di conseguenza alle vetrine dei negozi".

12) Mozione del Consigliere Comunale Renzi (Gruppo Consiliare PDL): "acquisto tavoli da lettura con illuminazione ed installazione wi-fi in biblioteca".

13) Mozione del Capogruppo Leoni (Gruppo Consiliare IDV/SEL): "riattivazione della centralina di rilevamento di inquinanti di Incisa".

14) Mozione del Capogruppo Leoni (Gruppo Consiliare IDV/SEL): "mercatino del riuso".

15) Ordine del Giorno del Consigliere Sarri Sandro (Gruppo Consiliare PD): "disservizi verificatisi presso la Biblioteca comunale di Figline Valdarno".

16) Ordine del Giorno del Consigliere Farini (Gruppo Consiliare PD): "quale futuro per lo Stabilimento Pirelli di Figline Valdarno?".