Archivio dei post di Agosto 2013


Figline Valdarno - 

Incredibile ma vero ! Dopo appena 7 mesi di lavoro a 5 stelle, siamo riusciti a far pubblicare all'amministrazione comunale , le analisi complete delle acque erogate ai fontanelli pubblici.
fontanello_analisi_figline valdarno_foto
Ma facciamo un piccolo passo indietro, per capire meglio come ci siamo mossi e quali problematiche abbiamo riscontrato su questo tema:

Lavoro svolto in Consiglio Comunale:


  • Venerdì 21 Dicembre 2012 scarica qui il documento
    - Interpellanza del Capogruppo Frallicciardi (Gruppo Consiliare MoVimento 5 stelle): "qualità delle acque erogate dai fontanelli".
  • Martedì 28 Maggio 2013 scarica qui il documento
    - Interrogazione del Capogruppo Frallicciardi (Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle): "affissione analisi delle acque erogate dai fontanelli pubblici".

    - Interpellanza del Capogruppo Frallicciardi scarica qui il documento(Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle): "mancata affissione delle analisi complete delle acque erogate dai fontanelli pubblici".



Richiesta accesso e copia atti:

  • mercoledì 12 Giugno 2013 scarica qui il documento
    - analisi batteriologiche e chimiche delle acque erogate dai "fontanelli pubblici" effettuate dal 1° gennaio 2013 ad oggi , dagli enti preposti (ASL, ecc.) e dall'azienda incaricata della gestione del servizio, suddivise per data e "fontanello".

  • N.B. Le analisi non pervenute in quanto non erano state consegnate all'amministrazione, ne quelle relative all'anno 2012, ne quelle da noi richieste relative all'anno 2013.

  • Martedì 2 luglio 2013 scarica qui il documento
    -contratto stipulato con la ditta Culligan per l'installazione e la manutenzione dei fontanelli pubblici ubicati nel Comune di Figline Valdarno e tutta la corrispondenza intercorsa con la suddetta ditta dal 1° gennaio 2012 ad oggi .


Finalmete il 19 Luglio 2013, sono state rese note le analisi di due fontanelli , su un totale di sei installati nel Comune. Ovvero il fontanello di Matassino , piazza Don Minzoni e quello di Piazza Gen. della Chiesa. L'amministrazione ha provveduto a pubblicarle On-Line.
Ovviamente fin quando non saranno pubblicate tutte le analisi, continueremo a vigilare , stando col fiato sul collo agli amministratori ; infatti, già a settembre sarà in discussione la nostra mozione col la quale chiediamo la pubblicazione sul sito del comune dei risultati delle analisi dell'acqua di rubinetto effettuate dall'asl. scarica qui il documento, con l'obbiettivo di favorire la trasparenza di tutti gli atti pubblici di interesse dei cittadini.


Figline Valdarno - 

Il Movimento 5 Stelle punta il dito sull'Amministrazione Comunale di Figline Valdarno: "L'ennesima promessa non mantenuta. Le famiglie ancora senza acqua potabile mentre aumentano i disagi ambientali. I lavori per l'allacciamento alla rete idrica sono fermi a metà: il Comune faccia sentire la sua voce e sblocchi la situazione".

"Nonostante le mille promesse, le conferenze stampa e gli incontri pubblici, le famiglie di Porcellino Est sono ancora senza acqua potabile". A denunciarlo è il Movimento 5 Stelle di Figline che ha presentato innumerevoli interrogazioni sulla questione e ha portato più volte all'attenzione dell' Amministrazione un problema che ormai si trascina da anni: le case limitrofe alla SR 69 sono senza acqua potabile, con i pozzi inquinati e manca l'allacciamento alla rete idrica.

Porcellino EST.jpg

"Quasi un anno fa, dopo proteste, esposti, verifiche ARPAT e interventi della Magistratura - sottolinea il capogruppo del Movimento, Andrea Frallicciardi - il Comune era corso ai ripari annunciando la soluzione del problema con un roboante comunicato stampa, in data 15 ottobre 2012, così intitolato "Porcellino-Est: iniziati lavori per portare acqua pubblica a famiglie - Ruspe già in azione: l'intervento realizzato grazie a sinergia tra Comune, Publiacqua e Bindi spa" e di seguito "Di particolare rilievo l'intervento di Porcellino-Est, che ha visto una proficua sinergia tra l'Amministrazione comunale di Figline, Publiacqua e un'azienda del territorio, la Bindi S.p.A., interessata per sua parte all'alimentazione all'interno del comparto.

L'intervento permetterà di fornire finalmente acqua pubblica anche alle 12 famiglie e alle attività artigianali di quell'area, dando inoltre la possibilità anche ad altre famiglie di allacciarsi alla rete.

"Questo intervento dimostra il vero ruolo del servizio pubblico ed è il risultato della buona collaborazione tra enti pubblici e aziende private - hanno commentato il sindaco di Figline, Riccardo Nocentini e l'assessore Danilo Sbarriti -, le famiglie e le aziende di Porcellino-est avevano questo problema da molti anni ed averlo risolto ci dà grande soddisfazione".

I lavori di Publiacqua erano partiti velocemente, i residenti avevano tirato un sospiro di sollievo pensando che fosse la volta buona. "Invece - fa notare Frallicciardi - la situazione negli ultimi mesi si è nuovamente arenata. Publiacqua ha svolto regolarmente i lavori di sua competenza, mentre i ritardi si sono accumulati sugli interventi a carico della ditta Bindi spa. Ad un certo punto i lavori per installare le nuove tubature si sono interrotti: problemi burocratici e di autorizzazioni, ma anche di volontà di fare - come riferiscono i residenti interessati - ed il Comune che avrebbe dovuto agevolare una rapida soluzione non si è impegnato con la forza e la volontà politica necessari a superare gli intoppi ed a richiamare i privati al rispetto degli impegni".

E così ancora lungo la SR 69, in quella striscia di terra "di confine" tra San Giovanni e Figline, è possibile notare le "tubature azzurre" in attesa di essere interrate.

Il Movimento 5 Stelle ha le idee chiare: "Il sindaco Riccardo Nocentini e l'assessore all'Ambiente Danilo Sbarriti devono tornare a far sentire la loro voce. Così non è possibile andare avanti: serve la volontà politica di portare a compimento questo intervento richiesto dai residenti ed approvato dall'Amministrazione con tanto di comunicato stampa. L'Amministrazione deve richiamare l'impresa, che si è impegnata a realizzare i lavori, a rispettare gli accordi. I residenti non sono più disponibili a sopportare questa situazione, alcuni hanno vissuto sulla propria pelle i disagi anche sanitari della mancanza di acqua potabile e del perdurante inquinamento circostante. Rumori elevati durante la notte che non permettono alle famiglie prossimi agli insediamenti di dormire, polveri che durante il giorno creano difficoltà nella respirazione, cattivi odori, insediamenti produttivi che dovrebbero essere costantemente monitorati in relazione alle particolari attività svolte". Frallicciardi continua: "Sono passati 2 anni, era l'11 agosto 2011 quando l'ARPAT effettuò un controllo nell'area che portò al successivo intervento della Magistratura con relativo sequestro giudiziario di alcune aree della zona. Cosa è cambiato da allora? Dove sono le promesse dell'Amministrazione per permettere ai residenti di avere almeno l'acqua potabile? E gli accordi con la ditta Bindi spa che si era fatta carico di tutti i lavori necessari per l'allacciamento alla rete idrica? Addirittura l'impegno era stato preso durante una conferenza stampa organizzata dal Movimento 5 Stelle sulla situazione ambientale dell'area Porcellino Est presso la sede comunale: era il 24 marzo 2012. Ne sono passati di mesi ma i residenti devono continuare a fare i conti con la mancanza di acqua potabile. Forse l'Amministrazione considera tutta l'area confinante con la provincia di Arezzo un territorio di periferia ed i residenti cittadini di serie B, un'area utile solo per confinarvi lavorazioni inquinanti, senza regole urbanistiche in attesa di una fantomatica lottizzazione che da un decennio aspetta di partire, senza viabilità, senza fogne e senza alcuna infrastruttura."

"Non è pensabile poi - conclude Frallicciardi - che appena si spengono le luci dei riflettori sulla vicenda, i lavori si fermano. C'è un interesse pubblico che è preminente: tutti devono fare la loro parte, in primo luogo i privati che si sono impegnati. Inoltre, a valle dell'intervento della Magistratura, i residenti si aspettavano il ripristino delle aree inquinate. Cosa è stato fatto? E le prescrizioni ARPAT sono state attuate? E' arrivato il momento da parte del Comune di dare risposte precise e puntuali con un obiettivo prioritario: subito l'acqua potabile ai residenti. Le promesse non bastano più".



Ufficio Stampa
MoVimento 5 Stelle
Figline Valdarno


Figline Valdarno - 

9b0b156804d3e3d63c3d87fd2781915e.jpg

Anni di chiacchere da parte dei nostri politici, migliaia di sbarchi sulle nostre coste; profughi che vivi o morti tentano di approdare sulla nostra terra in cerca di un futuro.
Mi chiedo cosa ci stiano a fare le centinaia di Europarlamentari che si sono susseguiti in tutti questi anni ( per per un misero stipendio di 140.000€ l'anno oltre benefit) all' euoparlamento. Possibile che non siano riusciti a portare a concludere assolutamente niente a favore del nostro Paese , primo fra tutti gli stati membri ad offrire aiuto a queste popolazioni ? Cosa devono fare ancora i cittadini italiani oltre quanto già stanno facendo?Una cosa è certa: non possiamo andare avanti così;I viaggi si moltiplicano a causa dell'assenza di una seria politica europea.
Ieri un gruppo di bagnanti sulla spiaggia di Morghella, a Pachino (Siracusa), ha aiutato la Guardia costiera a trarre in salvo circa 160 migranti, tra i quali figuravano diverse donne in stato interessante e una cinquantina di bambini.Li hanno portati a riva in braccio, dando loro da mangiare il pranzo che avevano portato con sè in spiaggia. Immagini strazianti, ma allo stesso tempo momenti che mi hanno riempito d'orgoglio, e mi hanno fatto sentire nuovamente fiero di essere italiano.
Grazie


Figline Valdarno - 

berlusc_pd--400x300-1.jpg


Se ,dopo la condanna in cassazione , ho provato un enorme senso di vergogna verso i milioni di persone che da tutto il mondo seguivano la sentenza Berlusconi, adesso che il Capo dello Stato - Napolitano - sta intervenendo, anche solo a parole per il momento, aprendo a ipotesi - deleterie - di grazia verso il primo tra i cittadini pregiudicati (in ordine di importanza s'intende),stiamo letteralmente precipitando agli ultimi posti a livello mondiale di credibilità come Paese democratico,grazie anche alla complicità del PD, quello dell'Italia Giusta sponsorizzato sui manifesti elettorali . Questo è il 15 agosto più amaro che ricordo. In ogni caso , Auguri di Buon Ferragosto a tutti gli Italiani (onesti).


Figline Valdarno - 

Lo scorso Consigli o Comunale del 1° Luglio, è stata approvata la mozione che ha come oggetto il "Divieto di introdurre o abbandonare bottiglie o contenitori di vetro all'interno di passeggiate, prati, parchi e giardini ad uso pubblico" SCARICABILE QUI

Queste le nostre richieste :

  • provvedere ad installare con apposita segnaletica, in ogni area verde Comunale, cartelli di divieto di introdurre o abbandonare bottiglie o contenitori di vetro all'interno di passeggiate, prati, parchi e giardini ad uso pubblico, citando le sanzioni previste dalla legge.
  • attuare controlli periodici sulla tenuta e manutenzioni delle aree.
  • Vista l'importanza del provvedimento, di provvedere quanto prima ad attuare l'ordinanza in oggetto.


Figline Valdarno - 

Il Movimento 5 Stelle si schiera al fianco di Confesercenti: "Le decisioni della giunta Nocentini ammazzano l'economia locale. Frallicciardi: "Viaggiamo verso la catastrofe, sarà sempre opposizione dura in consiglio comunale".

"Quella della vicesindaco Caterina Cardi e dell'intera amministrazione valdarnese è una visione miope". Così il Movimento 5 Stelle commenta la notizia dell'apertura di Decathlon a Figline, entro il prossimo dicembre. "Si tratta dell'ennesimo centro commerciale che apre nel nostro territorio a danno dell'economia locale e di quei tanti commercianti che tengono vivo il nostro paese" sottolinea Andrea Frallicciardi, capogruppo in Consiglio Comunale.

"Già in occasione della prima approvazione della variante al regolamento urbanistico che ha dato il via libera all'arrivo della multinazionale francese, nell'immobile che fino alla fine del era occupato dalla Coop, abbiamo ribadito la nostra contrarietà a questo folle disegno che prevede l'apertura di un altro grande magazzino" fa notare l'esponente del Movimento 5 Stelle.

Nelle prossime settimane il consiglio comunale sarà chiamato ad approvare definitivamente l'atto di pianificazione ed il gruppo di opposizione annuncia battaglia: "Non ci arrendiamo e ci schieriamo al fianco di Confesercenti e di tutte le forze politiche e sociali, che in più di un'occasione hanno sottolineato la dannosità delle politiche portate avanti dall'amministrazione Nocentini. Anche noi ribadiamo che non possono essere i 25 nuovi posti di lavoro la giustificazione per sostenere l'apertura di Decathlon. Di che tipo di contratti stiamo parlando? Il Valdarno e i suoi giovani hanno già fatto i conti sulla loro pelle riguardo alla precarietà di questo settore. E non si parli di recupero di volumi esistenti: c'erano mille alternative per realizzare in quell'immobile servizi utili alla cittadinanza. Invece il nostro territorio sta morendo: i commercianti locali, che a fatica tengono vivi i nostri centri, sono fortemente penalizzati e costretti a giocare loro malgrado una battaglia impari, in nome della concorrenza più sfrenata e selvaggia".

"Prima gli outlet nei comuni limitrofi, poi la nuova coop infine Decathlon. Dove andiamo a finire è sotto gli occhi di tutti: Figline si sta trasformando sempre di più in una città dormitorio. Viaggiamo verso la catastrofe con ottimismo, guidati da questa amministrazione e intanto il centro storico sta morendo, senza interventi concreti, a parte i proclami verbali del vicesindaco Cardi.

Ufficio Stampa MoVimento 5 Stelle Figline Valdarno