Archivio dei post di Marzo 2014


Figline Valdarno - 

Siete tutti invitati alla Cena di autofinanziamento che si terrà Sabato 29 marzo ore 20.30 presso il Circolo MCL Ponterosso - Via Ponterosso 7, Figline Valdarno.
È richiesta prenotazione almeno un giorno prima

Cena 5 Stelle.png

Incontro Commercianti Figline Valdarno


Figline Valdarno - 

Stasera si terrà un incontro con i commercianti di Figline Valdarno per discutere le problematiche del Centro Storico

Volantino commercianti Figline.PNG

Inaugurazione "Punto 5 Stelle" per Figline e Incisa Valdarno


Figline Valdarno - 

Inaugurazion Punto 5 Stelle.jpg

Oggi alle ore 18.00 gli attivisti del MoVimento 5 Stelle di Figline e Incisa Valdarno invitano tutti i cittadini all'inaugurazione del Punto 5 Stelle!

Sarà per tutti noi un punto dove riunirci, dove accogliere le richieste dei cittadini e dove informarsi correttamente sui temi che il MoVimento 5 Stelle (a livello comunale, Valdarnese, Regionale e Nazionale) discute.

Saranno presenti i candidati alle elezioni di maggio 2014 per il rinnovo dell'amministrazione comunale.

Ci troviamo in Piazza Serristori, di fronte al teatro Garibaldi!

parteciperanno all'evento anche i deputati Massimo Artini e Samuele Segoni!

FIgline Incisa - Lavori 1 FIgline Incisa - Lavori 2.jpg

Figline Valdarno - 

"Gli eventi meteorologici degli ultimi mesi stanno evidenziando in maniera ancora più palese la gestione "allegra" delle precedenti amministrazioni che hanno permesso, nel tempo, un'urbanizzazione senza una seria valutazione preventiva dei rischi idrogeologici e, ancora più grave, non adottando seri strumenti urbanistici per limitare quanto meno le potenziali criticità" sottolinea il Movimento 5 Stelle di Figline e Incisa.

Poggiolino.jpg

"Al Poggiolino, poco sopra Lagaccioni - denuncia il candidato sindaco Lorenzo Naimi - si stanno verificando cedimenti del terreno con la conseguente formazione di ampie crepe in alcuni muri di contenimento in cemento armato: un fenomeno preoccupante e da monitorare attentamente, che rappresenta un pericolo potenziale per alcune abitazioni appena a valle. I tecnici del Comune hanno provveduto da alcuni mesi a transennare parzialmente l'area - marciapiedi e parte di Via del Poggiolino interessata - ma i cittadini non hanno avuto alcuna risposta sulla competenza degli interventi indispensabili a rimettere in sicurezza l'area. E' di competenza dei proprietari privati o dell'Amministrazione, visto che il pericolo riguarda anche Via del Poggiolino? Ma in ogni caso - si chiede il candidato sindaco - perché i mesi passano ed il pericolo rimane? I cittadini si ricordano bene e, così anche i precedenti amministratori, della "fragilità" idrogeologica del Poggiolino ed i lavori che il Comune ha dovuto effettuare circa 10 anni fa, poco sopra gli attuali cedimenti, con importanti opere di consolidamento per la messa in sicurezza della collina".

"Allo stesso tempo abbiamo appurato che si continua a non effettuare la normale manutenzione dei tombini e dei canaletti di scolo dell'acqua piovana, aggravando così l'erosione. Non esiste un contratto con Publiacqua per la manutenzione e la pulizia dei tombini e dei canali di scarico? Certo è che i tombini ed i canaletti sono ripieni di terra e di detriti, l'asfalto delle strade ed i marciapiedi si sbriciolano determinando il formarsi di buche e di profonde crepe. Mentre l'acqua nei giorni di forti temporali scende come un torrente sulla strada."

"Stessa situazione si ritrova, purtroppo, ai piedi del Poggiolino, lungo Via Kennedy (area artigianale e industriale), dove i canali di scarico sono ostruiti e non possono ricevere l'acqua piovana proveniente dalla collina. E così - continua il candidato sindaco - ci ritroviamo troppe volte ad elencare i danni subiti dai cittadini e dalla collettività tutta per eventi alluvionali o per dissesti idrogeologici. A Poggiolino non è stato fatto niente, se non prevedere con l'ultimo Piano regolatore ulteriori capannoni industriali lungo Via Kennedy, che comporterebbero, se realizzati, lo sbancamento dei piedi della collina".

Ma, oltre a prevedere ulteriore cemento, in presenza di un'area fragile e già dissestata, tra l'altro simile a molte zone del territorio valdarnese, il Movimento 5 Stelle chiede pubblicamente "quali interventi siano previsti per la messa in sicurezza del Poggiolino e per la tutela dei cittadini, con particolare riferimento ai cedimenti in atto, e se, nell'area in questione, è garantita la sicurezza dei residenti e di coloro che vi transitano"

"Purtroppo, come abbiamo potuto appurare durante gli eventi alluvionali dello scorso ottobre - conclude Lorenzo Naimi - solo con una seria politica di manutenzione e salvaguardia del territorio, con lavori programmati negli anni e non con interventi a spot legati a specifiche urgenze è possibile arginare gli i disastri e le calamità naturali che si verificano con sempre maggior frequenza nel nostro territorio. Per questo nel nostro programma elettorale saranno inseriti, tra i punti cardine, i principi di precauzione e prevenzione nella valutazione ambientale preliminare alla realizzazione di opere pubbliche e private..

Ufficio stampa M5S Figline-Incisa Valdarno


Figline Valdarno - 

I deputati Artini e Segoni effettuano un sopralluogo a Porcellino Est: "Mancanza assoluta del rispetto degli impegni presi. Il termine per l'allacciamento delle abitazioni alla rete idrica slitta ancora".

"Il Movimento 5 Stelle, senza strumentalizzazioni politiche, come sempre fatto, continuerà a sostenere la lotta che i cittadini di Porcellino Est stanno portando avanti per il riconoscimento di un loro primario diritto, quello di avere l'acqua potabile nelle loro case". Questo è il commento che i deputati Massimo Artini e Samuele Segoni ed il candidato sindaco di Figline e Incisa Valdarno Lorenzo Naimi hanno espresso a seguito di un sopralluogo effettuato nella zona venerdì.

"Mancanza assoluta del rispetto degli impegni presi e assenza di un controllo del territorio che ha portato ad una situazione ambientale ed urbanistica intollerabile - continuano i due parlamentari - I lavori si fermano senza una ragione e guarda caso riprendono solo quando il Movimento 5 Stelle programma una visita nell'area, ma nel frattempo le settimane passano e tutti ricordiamo che l'ex amministrazione comunale aveva scritto e precisato in interventi verbali, anche in consiglio, che i lavori sarebbero dovuti terminare entro il 31 dicembre 2013. Adesso il termine dei lavori slitta ancora. E così si assiste al paradosso che i soggetti privati (che si erano impegnati ad effettuare parte dei lavori) si risvegliano quando sono messi all'angolo e richiamati dal Movimento 5 Stelle al rispetto degli impegni mentre Publiacqua ondeggia a secondo del vento: prima mancano le tubazioni, poi arrivano, infine dichiarano che i lavori di competenza sono terminati, ma adesso si viene a sapere che devono ancora essere interrati alcuni metri di tubazione".

"Il gioco delle tre carte continua ma la verità piano piano viene a galla e così si scopre che i disagi dell'area non sono solo legati alla mancanza di acqua potabile ma che esistono altri problemi, ambientali ed urbanistici" riportano Artini e Segoni.

"Abbiamo il dovere di ricordare - a seguito di una verifica ARPAT dell'agosto 2011, fortemente richiesta dai cittadini - l'intervento della Procura della Repubblica che in data 26 gennaio 2012 determinò il sequestro penale di 2 "aree" (con circa 54000 tonnellate di rifiuti pericolosi e non) mentre l'amministrazione comunale ignorava la presenza sul suo territorio di una tale montagna di rifiuti e non solo: è stato necessario che il nostro consigliere uscente (Frallicciardi) presentasse un'interrogazione scritta ed una richiesta atti, nello scorso mese di dicembre, per appurare finalmente e formalmente che nell'area sono presenti insediamenti produttivi privi di autorizzazioni urbanistiche, come emerso dalla risposta del sindaco Nocentini".

"Per questi motivi, per conoscere gli interventi adottati in merito e per avere risposte precise sulle responsabilità dei ritardi per la fornitura di acqua potabile ai residenti di Porcellino Est sarà cura del Movimento 5 Stelle fissare appena possibile un appuntamento col Commissario prefettizio, certi della sua disponibilità. Nei prossimi giorni verificheremo se sono stati confermati gli impegni presi venerdì scorso dalla ditta Bindi per il completamento dei lavori di propria competenza, precisando che la battaglia dei cittadini è la nostra battaglia: le nostre visite sono iniziate 2 anni fa e sono costantemente continuate mentre l'amministrazione e altre forze politiche, pur conoscendo le criticità dell'area, hanno preferito ignorare il problema. Adesso - concludono i deputati Artini e Segoni - è necessario che le parti in causa rispettino finalmente gli impegni presi".

Riportiamo l'ultimo intervento in consiglio comunale sulla vicenda del consigliere uscente Andrea Frallicciardi, che risponde a tono al sindaco Riccardo Nocentini.
.