Archivio dei post di Maggio 2014

ILLUSTRAZIONE PROGRAMMA A SAN BIAGIO


Figline Valdarno - 

Il candidato sindaco Lorenzo Naimi e i candidati consiglieri illustreranno il programma per il Comune Unico a San Biagio.

Vi aspettiamo!

VOLANTINO Programma SAN BIAGIO.png


Figline Valdarno - 

Inceneritore Selvapiana.jpg
In allegato trovate il documento che AER Impianti srl ha depositato al TAR per annullare la delibera che garantiva 60.000 tonnellate di rifiuti all'anno all'inceneritore di Selvapiana!

Fare clic qui per scaricare il file

DIBATTITO IN PIAZZA TRA I CANDIDATI SINDACO


Figline Valdarno - 

Martedì 20 Maggio ore 18.00 DIBATTITO IN PIAZZA tra i CANDIDATI SINDACO ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 25 MAGGIO.
Evento organizzato dal VALDARNOPOST.IT

APPELLO A TUTTI GLI ATTIVISTI E SIMPATIZZANTI DEL M5S:

ANDIAMO TUTTI IN PIAZZA A SOSTENERE IL NOSTRO CANDIDATO SINDACO LORENZO NAIMI!


Faccia a Faccia.png

ILLUSTRAZIONE PROGRAMMA A LA MASSA


Figline Valdarno - 

Il candidato sindaco Lorenzo Naimi e i candidati consiglieri illustreranno il programma per il Comune Unico a La Massa.

Vi aspettiamo!

VOLANTINO programma LA MASSA.png


Figline Valdarno - 

Le liste concorrenti: "Sia tutelata la privacy, il commissario Garufi verifichi il rispetto delle regole da parte di Mugnai (Pd) ed eventuali fughe di dati sensibili dal Comune".

Un vero e proprio spam elettorale. Ormai da settimane molti cittadini di Figline ed Incisa hanno visto arrivare alla propria casella di posta elettronica mail da parte di Giulia Mugnai, candidata sindaco del Pd, senza che abbiano fornito il loro indirizzo né tantomeno dato il loro assenso all'utilizzo dei dati personali. E' la denuncia pubblica lanciata delle cinque liste che concorrono alle elezioni amministrative: Idea Comune, Insieme Figline Incisa, Movimento 5 Stelle, Forza Italia-Udc, Salvare il Serristori.
"Le mail - sottolineano i candidati sindaco delle cinque liste - sono giunte a persone che non hanno fornito i propri indirizzi di posta elettronica alla coalizione di Giulia Mugnai, e che non hanno nemmeno votato alle primarie del Pd. Con quali modalità sono stati reperiti gli indirizzi? La candidata sindaco del Pd mostri le liberatorie di chi è inserito nella newsletter e faccia piena chiarezza sull'accaduto spiegando le modalità con le quali sono stati reperiti gli indirizzi e se abbia affidato il servizio a società esterne, nel nome della trasparenza, della correttezza e della sobrietà elettorale. Ricordiamo che sulla materia anche il Garante della Privacy si è recentemente espresso fornendo una dettagliata indicazione sul corretto utilizzo delle e-mail per la propaganda elettorale".
I cinque candidati sindaco, consegneranno anche una lettera al commissario Antonio Lucio Garufi chiedendo "di verificare la correttezza di tali modalità di propaganda ed eventuali fughe di dati sensibili da parte dell'amministrazione pubblica, visto il numero impressionante di mail inviate da Giulia Mugnai".
Infine un invito anche ai cittadini a verificare l'arrivo di eventuali e-mail indesiderate, ricordando che il Garante della Privacy, con il provvedimento 107 del 6 marzo 2014 ha ribadito: "l'interessato, rivolgendosi al titolare o al responsabile del trattamento, può in ogni momento esercitare i diritti di cui all'art. 7 del Codice. Al riguardo, può accedere ai suoi dati personali, chiederne l'origine, l'aggiornamento o la rettifica; ottenere gli estremi identificativi del titolare o del responsabile, l'indicazione dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati; infine può richiedere la cancellazione o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e può opporsi al trattamento per motivi legittimi".

PRESENTAZIONE PROGRAMMA ELETTORALE AI COMMERCIANTI


Figline Valdarno - 


Martedì 13 maggio Incontro con i Commercianti di Figline e Incisa per presentare il Programma Elettorale. nella Sala Consiliare Staderini, Piazza IV Novembre 3 - Figline Valdarno

Vi aspettiamo!

Inocntro Commercianti Programma.jpg!



Figline Valdarno - 


Dopo anni di attesa e di battaglie a Porcellino Est è arrivata l'acqua potabile ed i residenti hanno deciso di celebrare l'avvenimento con un rinfresco al quale hanno partecipato anche gli esponenti politici che in questi anni si sono battuti in prima fila per l'allacciamento della frazione alla rete idrica: Andrea Frallicciardi, Lorenzo Naimi, del Movimento 5 Stelle, poi raggiunti anche dai deputati Massimo Artini e Samuele Segoni, e Andrea Calò consigliere provinciale di Rifondazione.

Una bandiera italiana è stata issata sulla regionale 69, tra Figline e San Giovanni Valdarno. Un gesto simbolico con il quale i cittadini hanno voluto annunciare l'arrivo dell'acqua potabile.

"E' stata una battaglia lunga ed estenuante - raccontano - Per decenni ci siamo dovuti recare a San Giovanni con le taniche per portare l'acqua potabile nelle nostre case" sottolineano i residenti.

Tutto è iniziato con un'interrogazione in Provincia presentata da Andrea Calò più di tre anni fa. La trafila è stata lunga e piena di ostacoli, ma alla fine grazie al pressing costante del Movimento 5 Stelle in consiglio comunale con Andrea Frallicciardi e tramite anche i deputati Massimo Artini e Samuele Segoni l'obiettivo è stato raggiunto. La ditta Bindi ha collegato questo gruppo di case alla rete idrica.
"E' bello essere qui a festeggiare l'arrivo dell'acqua potabile a Porcellino Est. Oggi siamo tornati ad apprezzare veramente l'acqua come bene comune. Questa vicenda ci fa capire come i diritti fondamentali non siano scontati nel 2014 e quanto sia necessario lottare tutti i giorni affinché siano garantiti.

Ma la vicenda di Porcellino deve anche essere un monito per tutti, cittadini e politici: quanto avvenuto in passato con le vecchie amministrazioni non deve più ripetersi, non lo permetteremo. Anche per questo continueremo a tenere alta l'attenzione sui problemi ambientali di questa zona e non solo".

20140510_112326.jpg

20140510_112933.jpg

20140510_113500.jpg

20140510_114454.jpg

20140510_114803.jpg

20140510_114913.jpg

20140510_120413.jpg

20140510_123603.jpg


Figline Valdarno - 

#VINCIAMONOI

Manifesto definitivo.PNG


Figline Valdarno - 

Volantino Europee Figline.png
Giovedì 8 maggio, alle ore 21.30 incontro con i candidati all'europarlamento per i MoVimento 5 Stelle

Cristiano Ripoli
Silvia Fossi

Il dibattito sarà incentrato sui punti di contatto tra enti locali ed Europa.

INCONTRO/DIBATTITO SUL TEMA AMBIENTE E TERRITORIO


Figline Valdarno - 


Sabato 10 Maggio evento sul tema AMBIENTE E TERRITORIO:
dissesto idrogeologico e tutela ambientale.


Interverrà il Deputato portavoce Samuele Segoni
e il Candidato Sindaco Lorenzo Naimi


Vi aspettiamo numerosi!


Ambiente e Territorio.png


Figline Valdarno - 


Lorenzo Naimi, M5S: "Bene il pacchetto di sgravi. Doveroso vigilare sulla Tari il cui pagamento è slittato a dopo le elezioni. Mugnai ci taccia di populismo, ma non ha idee"

"Siamo soddisfatti del nuovo pacchetto tributario deliberato dal commissario di Figline e Incisa" a parlare è il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle, Lorenzo Naimi che sottolinea: "come queste misure daranno una boccata di ossigeno alle tante famiglie in difficoltà. Il pacchetto è stato pensato per andare incontro ai cittadini, con sgravi significativi per quanto riguarda l'Imu e l'Irpef ma anche detrazioni progressive per la Tasi per tutelare le rendite più basse. Con l'unificazione dei due Comuni ci saranno nuove risorse a disposizione che andranno gestite al meglio per garantire un miglioramento dei servizi e non lo spreco di denaro a cui abbiamo assistito con le passate amministrazioni".

Una stoccata infine a Giulia Mugnai, candidata sindaco del Pd: "Ci aveva tacciati di populismo, per poi lanciare la proposta di ridurre l'Irpef allo 0,6%, sapendo che la misura sarebbe stata attuata dal commissario ben prima delle elezioni. Mugnai riesce ad avere idee originali che non siano quelle di chiedere progetti ai tecnici o anticipare proposte dei commissari? Per quanto ci riguarda vigiliamo sulla Tari, la tassa sui rifiuti che sostituisce la Tares: la prima tranche di pagamenti è slittata da aprile a giugno, dopo le elezioni, forse anche a causa dei problemi legati al mancato aggiornamento della banca dati di Aer - conclude Lorenzo Naimi - La posizione del Movimento 5 Stelle è chiara: il servizio di raccolta dei rifiuti e la relativa bollettazione deve essere gestita direttamente dai Comuni ripensando ad un sistema più logico della tassa basato non sui mq delle abitazioni ma sui rifiuti realmente prodotti. Serve una politica diversa da quella che è stata fino ad oggi a Figline e Incisa".


Ufficio Stampa - Movimento 5 Stelle - Figline Incisa Valdarno

PRESENTAZIONE PROGRAMMA E LISTA ELETTORALE AD INCISA


Figline Valdarno - 



Stasera ore 21.30 ad Incisa
Presentazione Programma Elettorale e Lista Candidati
alI'Ideal Club - Ristorante Pizzeria , Via Sandro Pertini 1 -
Incisa Valdarno


Vi aspettiamo in tanti!


Presentazione lista Incisa.png


Figline Valdarno - 

Ora Noi.PNG


Lorenzo Naimi presenta il programma:
"Ora noi. Ci candidiamo per invertire la rotta, e non sperperare denaro". Ecco tutte le proposte del Movimento 5 Stelle.

"Ora Noi". Questo lo slogan del Movimento 5 Stelle di Figline e Incisa che ha presentato pubblicamente la lista ed il programma in vista delle prossime amministrative. Il candidato sindaco Lorenzo Naimi e i candidati hanno illustrato le idee per il futuro del nuovo Comune: "Una nuova realtà che deve fondarsi sul cambiamento: sia dal punto di vista politico che nel rapporto con i cittadini, i quali devono poter tornare ad essere protagonisti delle decisioni amministrative".

"Il Movimento 5 Stelle intende proporsi come forza reale di cambiamento. La politica degli ultimi 15 anni a Figline e Incisa ha fallito e lo sanno i cittadini che vivono quotidianamente i problemi sulla loro pelle: dal traffico fino alla sanità, dallo sport alle difficoltà dei centri storici, dal lavoro alla scuola. Così non va ed è necessario voltare pagina. E' questa la vera opportunità del nuovo Comune, non solo i finanziamenti che arriveranno dagli enti superiori: soldi dei cittadini che dovranno essere spesi con oculatezza e in piena trasparenza, senza sperpero come è stato fatto purtroppo in alcuni casi in passato".

"Il nostro - ha sottolineato Lorenzo Naimi - è un programma ambizioso ma non un libro dei sogni. 30 pagine di proposte concrete, nate dalla condivisione con la gente e dagli incontri di frazione. Abbiamo scritto nero su bianco obiettivi a medio e lungo termine con tanto di date: poco o nulla negli ultimi anni è stato fatto, così non deve essere anche in futuro. Serve una visione di insieme: ci candidiamo a governare per invertire la rotta".

Centri storici, frazioni, trasparenza amministrativa, economia, ambiente, viabilità e urbanistica, salvaguardia del Serristori, Sociale e Sport: queste le stelle del programma. "Sui centri storici da una parte puntiamo sul decoro urbano e sul sostegno alle attività commerciali, dall'altra alla creazione di una nuova piazza ad Incisa utilizzando il vecchio stadio. Sull'ambiente: messa in sicurezza idrogeologica con interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, rifiuti zero, e stop al consumo del suolo per davvero".

Anche sul lavoro, il programma è articolato: "Innanzitutto serve un fondo di sostegno ai lavoratori in difficoltà come hanno fatto alcuni comuni limitrofi, perché nessuno deve essere lasciato solo. Ma anche interventi sulla formazione e di incentivi alla green economy". Sulla viabilità e l'urbanistica: "Sostegno costante ai pendolari, riqualificazione degli argini dell'Arno, creazione di vere piste ciclabili e fiato sul collo degli enti superiori per la realizzazione delle opere promesse: secondo ponte, variante e variantina. Allo stesso tempo intendiamo ridare la parola ai cittadini sulle Lambruschini con una consultazione popolare visto che non hanno mai avuto modo di esprimersi".

Finito qui? Manco per idea. "La scuola deve tornare ad essere una priorità e quindi è necessario sostenere le famiglie: è inaccettabile che adesso paghino prezzi da ristorante per mandare i figli alla mensa. Ma anche manutenzione delle strutture. Il caso emblematico è il Vasari: seppur di competenza della Provincia, i problemi alla struttura della palestra devono essere risolti". E poi c'è lo sport: "Basta rimandare la realizzazione della piscina. Adesso che ci sono i soldi, e nessuno ci pensa più, il Movimento 5 Stelle si impegna a realizzarla perché il territorio ne sente la necessità".

L'ultimo appunto è per l'ospedale Serristori e la sanità: "No allo smantellamento del Serristori. I cambiamenti devono avvenire con impegni e risorse concrete. Basta demandare la politica sanitaria alla Asl: questa è responsabilità dei sindaci. Allo stesso tempo è necessario intervenire e migliorare i servizi alla persona".

PRESENTAZIONE PROGRAMMA E LISTA ELETTORALE A FIGLINE


Figline Valdarno - 



Sabato 03 maggio Presentazione Programma Elettorale e Lista Candidati . nella Sala Consiliare Staderini, Piazza IV Novembre 3 - Figline Valdarno


Vi aspettiamo numerosi!


Presentazione Programma e lista elettorale.png


Figline Valdarno - 


"Sul Serristori è necessario mantenere alta la guardia. Basta con gli spot elettorali".
Questo il commento del candidato sindaco del Movimento 5 Stelle, Lorenzo Naimi in merito all'incontro che si è svolto nella mattinata di martedi 29 aprile tra i vertici della Asl 10 e i candidati sindaco di Figline e Incisa.

"In questi mesi la Asl si è mostrata inattendibile nell'applicazione dei patti territoriali approvati dalla vecchia maggioranza del Pd - sottolinea Naimi - Lo abbiamo potuto appurare in un recente sopralluogo nella struttura con il deputato Massimo Artini, nel quale è emerso uno stato di degrado all'interno dell'ospedale e problemi organizzativi. Ancora manca personale e le criticità sono all'ordine del giorno: per questo è necessario esercitare un costante fiato sul collo sulla Asl e la Regione per il rispetto degli accordi presi e per la salvaguardia dell'ospedale".

"I progetti di ristrutturazione possono essere valutati solo quando messi in atto, non sugli studi di fattibilità. Dalle promesse - conclude Lorenzo Naimi - bisogna passare ai fatti nel rispetto del diritto alla salute che riguarda l'intero territorio valdarnese".


Figline Valdarno - 


Giulia Mugnai paghi i dieci mila euro dei progetti per i centri storici anche in caso di sconfitta! Sulle opere pubbliche a cominciare dalle Lambruschini le idee devono venire dai cittadini, non dai tecnici. Per questo proponiamo referendum consultivi"

"#tantopagagiulia". Questo l'ironico commento del Movimento 5 Stelle di Figline ed Incisa Valdarno che rincara la dose: "La campagna elettorale è appena iniziata e c'è già chi promette soldi per la paura di perdere le elezioni. Per questo chi lo fa, è bene che si impegni fin da subito a onorare gli impegni anche in caso di sconfitta, sborsando i quattrini di tasca propria. Allo stesso tempo chiediamo al commissario Garufi di vigilare sul rispetto delle regole democratiche".

Il Movimento interviene in merito alla campagna elettorale di Giulia Mugnai che ha annunciato il finanziamento di dieci progetti sul decoro dei centri storici, da dieci mila euro ciascuno, invitando i progettisti a inviare le loro proposte direttamente all'e-mail personale.

"La proposta del Movimento 5 Stelle è chiara: i progettisti e i tecnici hanno già avuto un grande peso nell'affaire Lambruschini e nelle decisioni amministrative, adesso la parola deve essere ridata alla gente comune. E' doveroso che siano i cittadini ad esprimersi tramite un referendum scegliendo tra proposte fattibili per le ex scuole, così come per tutte le opere pubbliche di rilievo. Sicuramente si dimostreranno più maturi dei tecnici e dei politici che fino ad oggi ci hanno governato"

"Superficialità o incompetenza amministrativa, alla base dell'annuncio di Mugnai? Vogliamo infatti ricordare a tutti che le scelte in merito alle opere pubbliche, anche per quanto riguarda i concorsi di idee, possono avvenire solo per vie trasparenti e attraverso procedure limpide, certamente non inviando progetti tramite e-mail private a persone che ancora non ricoprono nessun ruolo amministrativo".

"Mugnai infatti - sottolinea il candidato sindaco Lorenzo Naimi - dovrebbe invece prima di tutto assumersi la responsabilità politica dell'affaire Lambruschini, visto che è un progetto voluto esclusivamente o quasi dal Pd e visto che ha vinto le primarie grazie anche all'appoggio di persone sotto processo per questa vicenda. Una brutta pagina amministrativa che rischia di pesare e non poco sulle tasche dei cittadini, che non può essere risolta da partiti che hanno responsabilità nella vicenda".

"Infine - conclude Lorenzo Naimi - chiediamo a tutti i nostri rivali per le amministrative trasparenza e correttezza: non è un bello spettacolo per la democrazia promettere denaro in campagna elettorale soprattutto di fronte ad un'opera che già tanto è costata ai cittadini".