MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Folignano - 

Sono state discusse innanzitutto alcune variazioni di bilancio che sono state effettuate dalla Giunta negli ultimi mesi anche a causa dei continui interventi necessari per il ripristino post-sisma. Ci è poi stato comunicato che l'assicurazione per i danni da terremoto non ci rimborserà gli 800.000 euro preventivati ma poco più di 500.000: sopratutto perché l'edificio comunale è stato dichiarato recuperabile e non da abbattere.
Si è poi discussa la nostra interrogazione sulle future nuove scuole di Piane di Morro. La situazione è leggermente diversa da quella venuta fuori dall'incontro pubblico al Palazzetto. Ancora infatti non è stato deciso se le due scuole saranno entrambe ricostruite dove sono quelle attuali o se per la materna si occuperà una nuova area nei pressi della piazza. I moduli temporanei promessi dal Ministero per svolgere le lezioni dopo l'abbattimento delle vecchie scuole probabilmente non arriveranno prima di fine anno. E nelle ipotesi più ottimistiche le nuove scuole saranno pronte per l'anno scolastico 2019/20. Inoltre esiste la possibilità che i fondi ricevuti non siano sufficienti: nel caso il Comune dovrà provvedere con fondi propri.

Sono poi state approvate 2 mozioni: la prima per intitolare i plessi scolastici di Folignano alle vittime della mafia (all'unanimità) e la seconda per impegnare il nostro Comune ad una posizione contro il CETA (con soli 6 voti).


Folignano - 


Finalmente l'assessore Brunella Casini, seguendo le orme dell'assessore Terrani, ha ceduto alle pressioni ed ha annunciato che non tratterrà i circa 2000 euro annui dell'aumento che la Giunta si era autodeliberata il 29 Dicembre scorso per permettere al Sindaco di porsi in aspettativa dal lavoro.
Peccato che ancora insistano con la storia che era già stato deciso prima. Chi segue la vicenda sa che più volte è venuto fuori il problema e anche il sindaco aveva scritto un post dove spiegava le motivazioni dell'aumento. Ma mai era venuta fuori questa decisione millantata di rinunciare all'aumento. Se non quando a Maggio è stata annunciata dall'assessore Terrani (ma solo per quanto riguardava lui stesso) dopo mesi di pressioni.
Scusate, ma non potete pensare che crediamo davvero a tutto.

L'importante comunque è il risultato ottenuto!


Folignano - 

CONTINUA L'ESCALATION ECONOMICA!

A quanto pare la situazione dell'assessore Terrani desta scalpore non solo all'interno del M5S Folignano. Se ne occupa con una pagina anche Il Resto del Carlino.
Dopo l'aumento dell'indennità da assessore comunale deliberata a dicembre, a Febbraio c'è stato anche l'aumento per l'incarico in Regione!
Altri 4.500 euro in piu: da Mister 42.000 euro si passa a MISTER 46.000 EURO!
Che rapide promozioni che si hanno in politica! Provate voi dopo 2 anni dall'assunzione, se un lavoro lo avete, a chiedere un aumento di 4.500 euro...
Ricordatevi il nostro consiglio cari folignanesi...non occorre far studiare i vostri figli...non occorre fargli imparare un mestiere...non occorre fargli fare tirocini e chiedere colloqui di lavoro...provate con la semplice iscrizione alla sede del Partito Democratico Folignano, potreste avere la stessa fortuna!


Folignano - 

Finalmente un passo avanti. È stato messo nero su bianco il nuovo piano-scuole per le Regioni colpite dal sisma.

Il M5S da sempre si batte in Parlamento per aumentare i fondi per l'edilizia scolastica come anche il M5S FOLIGNANO ha fatto della sicurezza scolastica una sua priorità: lo testimoniano le diverse interrogazioni e mozioni presentate in questi anni al Comune di Folignano, come anche le nostre campagne mediatiche sul mancato rispetto delle normative per quanto riguarda l'indice di vulnerabilità sismica delle scuole del nostro Comune.

Per questo non può che farci piacere la notizia che avremo 2 nuove scuole a Piane di Morro (come avevamo più volte segnalato soprattutto la scuola primaria era lontana dagli standard della nostra comunità). Anche nel Consiglio Comunale del Dicembre 2016 avevamo garantito all'amministrazione la massima collaborazione se la priorità fosse stata quella della sicurezza scolastica.

Ma questi 2.7 milioni di euro non sono certo un 'regalo' fatto solo a Folignano: l'Ufficio Centrale per la Ricostruzione post-terremoto (quello guidato da Vasco Errani) ha fatto stanziare 139 milioni per le scuole della Regione Marche da dividere fra i vari Comuni terremotati. Per dire, 4 milioni sono andati ad Offida, 5.2 milioni a Montegiorgio, 5.3 milioni a Corridonia, 5.1 a Cupramontana (provincia di AN). #perdire...

A noi sono spettati 2.7 milioni... poteva andarci peggio? Forse...Poteva andarci meglio? Chissà...

Quello che è certo è che non sarebbe cambiato nulla se l'assessore Terrani, come ogni lavoratore dipendente, avesse percepito l'indennità da assessore al 50%. Avrebbe comunque avuto un dignitoso reddito annuale di 34.000 euro lordi ed avrebbe evitato l'ormai famoso cumulo di redditi grazie alla politica. Per favore non mischiamo le carte in tavola.

Che si cominci subito presentando i progetti e i bandi di gara. La comunità di Piane di Morro è ansiosa di avere scuole più sicure!

Ci vorrà un grande impegno per fare le cose al meglio. La nuova scuola primaria di Folignano, inaugurata 2 anni fa, è costata alle casse comunali 2.3 milioni di euro mentre ora avremo un finanziamento di 2.7 milioni per fare 2 scuole: l'obiettivo deve essere quello di avere comunque il massimo della sicurezza e della fruibilità.

P.S. Nella presentazione in Consiglio Comunale del piano di ricostruzione per il nostro Comune il Sindaco ci aveva riferito che aveva richiesto anche l'adeguamento sismico della Scuola Media di Villa Pigna. A quanto pare però per questi interventi non sono stati stanziati fondi. Speriamo si riesca a provvedere in altra maniera


Folignano - 

Finalmente è arrivata la risposta dell'assessore Terrani alla nostra interrogazione.
O meglio, così sembrava.
In realtà è chiaramente una non-risposta.
A quanto ci dice non è tenuto a farci sapere quanto guadagna da politico di professione e quanto tempo viene impiegato. Ci serviva anche per capire se fosse giustificata l'indennità da assessore comunale al 100%.
Ma preferisce trincerarsi dietro i paletti della legge, come i tanti politici che accumulano vitalizi con la scusa che la legge lo consente.
Ma non ci fermeremo qui, andremo avanti nella ricerca della trasparenza.
Fa sorridere inoltre l'ultima affermazione della sua risposta. Ci dice che già il 29 Dicembre aveva informato i colleghi che avrebbe investito nel proprio assessorato i soldi relativi all'aumento di indennità. Peccato che abbia atteso 4 mesi per comunicarlo anche alla cittadinanza e che nemmeno il Sindaco lo abbia rivelato quando scrisse il suo post di "precisazioni sull'aumento dell'indennità".

Visto che l'assessore Terrani si è avvalso della facoltà di non rispondere alla nostra interrogazione, siamo andati alla fonte per trovare le informazioni che cercavamo.
Abbiamo trovato la delibera di Giunta Regionale del 30 Novembre 2015 con la quale il nostro assessore viene assunto come collaboratore personale del vicepresidente della Regione Marche Anna Casini. Da questa si evince che la retribuzione annua è di oltre 28.000 euro.
Ma non viene assunto con un normale contratto di lavoro a tempo determinato che avrebbe comportato il dimezzamento dell'indennità da assessore comunale: viene assunto con un contratto di collaborazione della durata di 5 anni che sembra calzare a pennello per aggirare la normativa.
In questo modo il nostro assessore può cumulare ai 28.000 euro anche i 14.000 dell'indennità comunale, arrivando all'invidiabile reddito annuale di 42.000 euro. Non pochi considerato che viviamo nella Provincia con il reddito medio più basso d'Italia (appena 925 euro al mese) e che questi 42.000 euro sono frutto di un curriculum assai scarno: diploma di scuola superiore, nessuna esperienza lavorativa, nessun concorso. Solo una pluriennale militanza nel PD.
Dal punto di vista legale sarà tutto a posto, ma dal punto di vista etico non capiamo perché per esempio l'assessore Cosmi prenda l'indennità dimezzata visto che è insegnante in attività mentre l'assessore Terrani con già un bel reddito di 28.000 euro trattenga il 100% dell'indennità comunale comprensiva dell'aumento auto-deliberato tra l'altro 5 mesi fa a cui ha rinunciato solo poche settimane fa dopo mesi di pressioni mediatiche.
Quanti folignanesi magari laureati, dopo decine di colloqui di lavoro, curriculum inviati, stage, tirocini, duro lavoro, possono arrivare ad un reddito personale annuo di 42.000 euro? Non moltissimi sicuramente. Certo allora che è meglio fare il politico di professione!
Per dare ulteriori spunti di discussione abbiamo messo a confronto il Regolamento della Regione Marche per l'assunzione dei collaboratori (con i requisiti richiesti) e il curriculum dell'interessato (praticamente solo i 3 anni di assessorato).
Ognuno potrà così fare le proprie valutazioni.
Non accettiamo però di venir accusati di ingresso indebito nella vita privata delle persone. Qui non c'è nulla di privato: parliamo di un incarico pubblico, pagato con soldi pubblici e conferito per nomina per meriti politici. Il M5S da sempre si batte contro i privilegi della politica, che sono legali ma sempre privilegi restano. E ci sembra che renderli pubblici alla cittadinanza rientri nella nostra "mission". Senza per questo volerci elevare a portatori della verità.
Ne facciamo anche una questione di opportunità e di etica.
In conclusione è questa la posizione del M5S: riteniamo che sia poco opportuno accumulare redditi grazie alla politica. Chi già ha un buon reddito (e in questo caso il buon reddito viene anch'esso da una nomina politica) poi non dovrebbe gravare anche sulle casse del Comune dove esercita la propria attività politica con una indennità al 100%. Anche se le pieghe della legge lo permettono.
Per fare un'esempio su ciò che la legge permette: se una persona ha un contratto a tempo indeterminato per ottenere il quale ha faticato molto tra colloqui e selezioni ed ha un reddito di 15.000 euro l'anno dovrà fare l'assessore ricevendo il 50% dell'indennità. Se invece sei un libero professionista (con qualsiasi tipo di reddito) oppure la politica ti ha trovato un'incarico per nomina da 28.000 euro l'anno allora puoi tenerti l'indennità comunale al 100%.
La legge va cambiata.
Altrimenti avremo sempre queste storture.

P.S.
Una domanda ai folignanesi che hanno votato PD alle Regionali del 2015: quando vi è stato chiesto dall'assessore e da chi gli sta vicino di votare Anna Casini (ed è stata la candidata più votata nel nostro Comune), vi è stato anche detto della possibilità di questa piacevole contropartita per l'interessato?


Folignano - 

Nel Consiglio Comunale di Giovedì scorso si è votato innanzitutto il piano di alienazione degli immobili comunali: gli scorsi anni il M5S Folignano aveva sempre votato contro poiché erano state inserite aree ed edifici di rilevanza strategica per il nostro Comune, come i locali di Polizia Municipale ed Anagrafe e come l'area del campo sportivo di via Cenciarini. Quest'anno invece sono stati stralciati ed è rimasta solo l'area ex-Edilcora, per questo abbiamo votato a favore.

Capitolo Bilancio. Quello approvato Giovedì è un bilancio ampiamente condizionato dai disastri, naturali e non, accaduti nel nostro Comune negli ultimi mesi, è un bilancio di ricostruzione che dipenderà da ciò che lo Stato vorrà riconoscerci come contributo economico per la ricostruzione e mette comunque ai primi posti la sicurezza scolastica. Per questo, con senso di responsabilità, non abbiamo votato contro. Restavano tuttavia le pregiudiziali che abbiamo indicato negli anni scorsi, come l'eccessiva spesa per la gestione rifiuti per un Comune che ha una differenziata all'80% o la mancanza di un capitolo di spesa per l'introduzione di quel "baratto amministrativo" che lo stesso Consiglio Comunale aveva approvato quasi 2 anni fa su nostra proposta e che invece è ancora in attesa di applicazione. C'era inoltre il quasi raddoppio del capitolo di spesa per l'indennità degli amministratori, sul quale abbiamo già detto molto in queste settimane e sul quale la Giunta ha fatto capire di non voler fare passi indietro: anche durante il Consiglio, quando si è parlato di tale questione gli assessori hanno preferito trincerarsi dietro un rigoroso ed imbarazzato silenzio. L'unico ad esprimere il proprio parere è stato il presidente del Consiglio comunale Nepi che ha detto che non ci vede nulla di male in questo aumento e che l'unica critica accettabile è sull'opportunità del momento. Che poi è esattamente il motivo per cui l'indignazione di tanti folignanesi è così forte.
Per tutti questi motivi ci siamo astenuti. Al contrario del gruppo Consiliare "Con il Cuore per Folignano" che ha invece votato a favore.

Infine soddisfazione per l'approvazione della nostra mozione: l'amministrazione si è impegnata a presentare progetti per ottenere i fondi regionali riservati alla mobilità sostenibile.


Folignano - 

Dal 24 Agosto 2016 è iniziato un periodo molto difficile per il nostro Comune, inserito a pieno titolo nell'area del cosiddetto "cratere", e che durerà ancora per molto. Tante sono le priorità sotto gli occhi di tutti: il Municipio disastrato che probabilmente verrà abbattuto e bisognerà ricostruirlo, gli altri edifici comunali che hanno subito gravi danni, le decine e decine di folignanesi costretti ad emigrare per l'inagibilità delle proprie abitazioni, le verifiche post-terremoto in terribile ritardo, le scuole del Comune che devono ancora fare le prove di vulnerabilità sismica, l'incredibile crollo della struttura Integrata di Villa Pigna (con l'indagine che prosegue) che ha privato Folignano di molti servizi, le conseguenze dell'eccezionale nevicata con gli inaccettabili blackout di una settimana e con le strade comunali che sono adesso ridotte ad un vero e proprio colabrodo.
Invece l'amministrazione ha trovato un'altra priorità: L'AUMENTO DEL 27% DELLE INDENNITÀ DI TUTTI GLI AMMINISTRATORI. Nel vuoto delle delibere di Giunta di questi mesi (ci stiamo muovendo o siamo fermi?), in questo momento di particolare difficoltà, trova spazio centrale questo provvedimento.
Tutto questo nel silenzio generale: quando nel 2012 l'amministrazione decise di ridurre le indennità del 20% lo fece in grande stile: annunci, articoli, interviste. In questo caso niente, forse nella speranza che passasse in silenzio (e così sarebbe stato se non ci fosse stato il M5S Folignano).

Il Sindaco dice che pensava di essere stato chiaro. No, non lo è stato. Da quelle 3 criptiche righe che concludevano il suo lunghissimo post in cui annunciava il ritorno a tempo pieno in Comune, nessuno di noi aveva compreso che questo significasse un'aumento dell'indennità del 27% anche per tutta la Giunta.
È ovvio che se uno decide di mettersi in aspettativa perde il proprio stipendio e quindi l'indennità deve essere aumentata, infatti è quello che è previsto dalla legge: il Sindaco infatti fino allo scorso anno aveva il suo stipendio e un'indennità di circa 980 euro mensili. Quest'anno con l'aspettativa dal lavoro l'indennità sarebbe stata, secondo quanto previsto dalla legge, raddoppiata a circa 1960 euro. Certo, mancano 13ma e 14ma...ma quelle si recuperano a fine mandato (per il quinquennio 2009-2014 al Sindaco sono stati erogati circa 11.000 euro e almeno altrettanti ci saranno nel 2019). Invece è arrivato l'aumento.

Ma quello che in questi giorni sta facendo più indignare molti cittadini folignanesi è che l'aumento del 27% abbia riguardato anche tutti gli Assessori! Nella sua lunga replica il Sindaco riserva solo una semplice riga alla questione: "le indennità degli assessori aumentano di conseguenza, in percentuale". Bene, è vero, ma nulla obbliga gli assessori a trattenere l'aumento del 27%: POTREBBERO ANCHE DECIDERE DI RESTITUIRE LA LORO PARTE IN ECCESSO. Il conto corrente del Comune è aperto.


Folignano - 

La situazione che sta vivendo ormai da parecchio tempo il nostro Comune merita di certo un approfondimento. Ormai da diversi mesi il Segretario del Comune di Folignano ha assunto ulteriori due incarichi all'interno dello stesso Comune: da circa un anno è diventata Responsabile del V Settore (Servizio Contabilità, Bilancio e Personale) a causa del trasferimento per mobilità ad altro Comune del precedente Responsabile e da circa 8 mesi è diventata Responsabile anche dell'VIII Settore (Servizi Sociali) poiché il precedente Responsabile è stato nominato Dirigente dell'Ambito Provinciale. Questa situazione ci è parsa subito anomala e ci siamo confrontati con le altre realtà dove è presente il M5S: una situazione simile non l'abbiamo riscontrata in nessun altro Comune. Sembrerebbe infatti configurarsi un conflitto di competenze, visto che il Segretario Comunale avalla e controfirma, per esempio, i suoi stessi pareri di regolarità tecnica.

Queste considerazioni ci hanno indotto ad informare della situazione l'Anac (Autorità Nazionale Anti Corruzione) che ora sta facendo le proprie valutazioni. A nostro avviso in questo modo viene a mancare un importante meccanismo di controllo: chi controlla le attività di Giunta e Segretario in tema di Contabilità, Bilancio e Servizi Sociali se il Responsabile è il Segretario stesso?
Oltre a tutto questo ci sono anche implicazioni pratiche: il Segretario Comunale con 3 incarichi sulle spalle finisce col non riuscire a gestire in maniera sufficiente nessuno dei 3 (come ci hanno evidenziato anche fonti interne). Per esempio il Segretario Comunale è colui che redige i verbali di ogni Consiglio Comunale, riportando discussioni ed interventi dei consiglieri per ogni punto all'ordine del giorno. Questi verbali poi devono essere approvati nella successiva seduta. Questo ormai non accade più da tempo, visto che ancora devono essere redatti e quindi approvati verbali di consigli comunali svolti a gennaio. Passerà ancora del tempo e magari fra un mese ci troveremo a decidere se approvare dei verbali che leggeremo risalenti a 5 mesi prima: sarà anche difficile ricordare, dopo 5 mesi, se effettivamente la discussione si sia svolta come riportato.


Folignano - 

Alle Elezioni Comunali del 2009 gli attuali consiglieri di maggioranza Terrani, D'Ottavio e Nepi, si candidavano e venivano eletti per la lista che sosteneva come Sindaco Luigi De Angelis contro lo sfidante Angelo Flaiani (sindaco attualmente in carica appoggiato proprio da quegli stessi consiglieri). Quella lista aveva ai primissimi posti del proprio programma la realizzazione di una nuova piazza per Folignano Capoluogo proprio dove sorge l'ormai vecchia scuola di Folignano, con il progetto di Achille Marinelli che ne prevedeva l'abbattimento. E furono votati anche per questo.
Oggi, 6 anni dopo, quelle stesse persone (nel frattempo i primi 2 sono diventati assessori ed il terzo è Presidente del Consiglio Comunale) decidono di vendere tutti i locali comunali di via Genova per trasferire gli uffici di Anagrafe e Polizia Municipale proprio nei locali della vecchia scuola, annullando così le speranze di molti folignanesi che, con la realizzazione della nuova scuola, speravano nell'abbattimento di quell'edificio che avrebbe potuto dare un diverso decoro al paese oltreche migliorare la viabilità (attualmente difficoltosa) verso il nuovo plesso.
Il piacere di rinnegare le idee.

Basta false promesse!


Folignano - 

Come M5S Folignano constatiamo il fatto che ormai il nostro Sindaco si stia allineando sempre più alle posizioni del premier Renzi e come lui sembra affetto da "annuncite", una strana patologia che mette nella condizione di fare annunci eclatanti per gettare fumo negli occhi ed aumentare consensi ma che poi si dimostrano senza seguito confidando nell'oblio della notizia. Negli ultimi giorni abbiamo ricordato ai nostri concittadini alcuni esempi. Nel febbraio di quest'anno il Sindaco pubblicizzò la vittoria da parte del Comune di un bando per la ristrutturazione degli impianti sportivi ed annunciò quindi l'imminente riqualificazione del campo di calcio a 8 di Villa Pigna con passaggio all'erba sintetica. Quest'opera è invece scomparsa dal bilancio quando si sono accorti che non era sostenibile.
Se parliamo poi del PalaRozzi a Villa Pigna, ormai chiuso da tempo immemore, il Sindaco annunciò sulla stampa già nel novembre 2013 l'imminente riapertura. Peccato che ormai siano passati quasi 2 anni.
Altro caso eclatante fu quello che accadde la notte tra il 21 e il 22 Maggio 2014 quando, a 3 giorni dalle elezioni comunali, i sostenitori della sua lista tappezzarono il nostro territorio di manifesti abusivi che annunciavano la vittoria, per il nostro Comune, di un bando di 575.000 euro per l'edilizia scolastica. Fu un colpo ad effetto che convinse molti indecisi ma di cui oggi, a 16 mesi di distanza, si sono perse tutte le tracce.

Per non parlare poi del programma elettorale per le Elezioni Comunali 2014 della Lista "FOLIGNANO BENE COMUNE" poi risultata vincitrice. Un punto molto importante del programma prometteva la "realizzazione di un parco comunale e di un centro sportivo giovanile nell'area dell'attuale campo sportivo" (di Folignano).
Invece adesso, dopo appena 16 mesi, la maggioranza cambia idea e mette in vendita quell'area (edificabile secondo il PRG) per permettere la costruzione di nuovi edifici residenziali.
Promettono una cosa e fanno l'opposto. Speriamo possano cambiare idea.

I Folignanesi sono stanchi di essere presi in giro.
Per fortuna sono finiti i tempi in cui nessuno chiedeva conto delle tante promesse...

I candidati a Folignano

  • user-pic
    andrea patacca
  • user-pic
    Antonio Sansoni
  • user-pic
    bruno alesi
  • user-pic
    DANIELE TEDESCHI
  • user-pic
    Diego Di Ovidio
  • user-pic
    Gloria Pulsoni
  • user-pic
    Luca Piccioni
  • user-pic
    Patrizia D'Amico
  • user-pic
    Primo virgulti
  • user-pic
    Tania Frascarelli
  • user-pic
    walter alesi

Partecipa ai nostri eventi