MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

: questo è il grido con il quale SABATO 13 Febbraio il Movimento 5 Stelle di Guidonia Montecelio scenderà in piazza assieme ai cittadini della nostra città e ai portavoce di Regione, Camera, Senato ed Europarlamento come Alessandro Di Battista, Carla Ruocco, Devid Porrello, Fabio Massimo Castaldo e molti altri ancora.

<<Viviamo in una irreale situazione di completa sospensione della democrazia - affermano gli attivisti - con un sindaco agli arresti domicilari da quasi 7 mesi, una giunta che perde pezzi e che non assomiglia per nulla a quella scelta da Rubeis capitanata da un facente funzioni che non è stato eletto da nessuno e un consiglio comunale ammutolito assente e assenteista. Il MoVimento 5 Stelle dice BASTA a tutto questo>>.

Hanno confermato la loro partecipazione all'evento anche i gruppi del M5S dei comuni dell'area Nord Est di Roma, e saranno presenti rappresentanti di lavoratori di Guidonia Montecelio che testimonieranno il disagio di vivere ed operare in una città con le istituzioni assenti.

L'appuntamento è il 13 FEBBRAIO ALLE ORE 15.00 con partenza dalla Stazione Ferroviaria di Guidonia (P.zza Baracca) e arrivo in pineta, di fronte l'aeroporto.

Pagina Facebook del M5S di Guidonia Montecelio

Video dell'evento


Vogliamo le Elezioni!!!

Pubblicato da Movimento 5 stelle Guidonia Montecelio su Giovedì 4 febbraio 2016



13febA5 fronte.jpg


13febA5 retro.jpg

RUBEIS E DI PALMA BASTA! 
IMMAGINE DI GUIDONIA MONTECELIO MASSACRATA
FUORI, FUORI DALLE ISTITUZIONI

Ancora avvisi di garanzia, ancora intercettazioni che se da un lato sono rimesse ad ogni accertamento della Procura penale, dall'altro devono indurre ad un giudizio politico!
Ed il giudizio politico è di inaccettabile prosieguo di questa devastante legislatura comunale.

GRAVISSIMI I DANNI ALL'IMMAGINE POLITICO ISTITUZIONALE INFERTI ALLA NOSTRA CITTÀ!

Sindaco e vice sindaco, abbiate il "decoro" di dimettervi!
Anzi, proprio a voler essere franchi: LIBERATECI DI VOI, PERCHÉ STATE OPPRIMENDO IL PRESENTE ED IMPEDENDO IL FUTURO DI UNA GUIDONIA MONTECELIO CHE MERITA BEN ALTRO.
SE NON VI DIMETTETE ENTRO GLI INIZI DI FEBBRAIO IMPEDIRETE LE ELEZIONI A GIUGNO!
SARETE RESPONSABILI ANCHE DI QUESTO!
ED IO LO URLERÒ PERCHÉ LA NOSTRA GENTE SAPPIA!
PERCHÉ LA VOSTRA GENTE SAPPIA!
FUORI, FUORI DALLE ISTITUZIONI!


stampa.png


ORA PRETENDO LE DIMISSIONI DI RUBEIS

In altra occasione mi sono rivolto in modo diretto "all'uomo" Rubeis, chiedendogli le dimissioni sulla scorta di considerazioni la cui valenza permane ancor oggi, 20 gennaio, all'esito dell'udienza dibattimentale che si è celebrata questa mattina presso il Tribunale Penale di Tivoli. 

Oggi richiamo, invece, la sua carica di Sindaco, seppur sospese le sue funzioni, non più per chiedere ma per "pretendere" le sue dimissioni. 
Ricorderete che il Sindaco Rubeis é indagato per i reati di corruzione e concussione ed è agli arresti domiciliari da circa 6 mesi. Oggi il tribunale ha rinviato la causa a marzo e poi a giugno prossimo, non facendo venir meno la misura cautelare di restrizione della libertà personale. 

Detto questo, mentre prima chiedevo le dimissioni di Rubeis, oggi le pretendo come cittadino, in primis, e poi come consigliere comunale. Ciò perché non si può tollerare che un Sindaco di un comune d'Italia, di un Paese asseritamente civile, in queste condizioni, che si protrarranno ancora per mesi e mesi, non restituisca in mano agli elettori la scelta di un nuovo sindaco, quello in cui vorrebbero poter credere, perché lui non è più la scelta per il loro futuro. 

Non si può proprio accettare che Rubeis continui a restare, a non dimettersi a fronte di tale situazione: tale condotta dimostra esclusivamente una grave ed inaccettabile insensibilità rispetto alle sorti di Guidonia Montecelio; dimostra quanto Rubeis stia soltanto pensando a se stesso ed alle proprie vicende giudiziarie. 
Un primo cittadino dovrebbe avere come preminente interesse l'Alto Senso delle Istituzioni, il Senso del Dovere, il Bene comune. Rubeis, invece, non dimettendosi, dimostra di fregarsene Altamente di tutto questo. Lascia le sorti della città ad un facente funzioni non eletto che, come se tutto il resto non bastasse, ha la faccia di bandire un concorso a dirigenti sotto Natale ed in 15 giorni (È da impugnare al Tar, per quanto é intollerabile il fatto che si ammetta una cosa simile). 
Questo Sindaco pretendo che si dimetta! Non tanto per quello che avrebbe compiuto secondo l'accusa penale (sub iudice) ma per come si sta comportando ora.
Rubeis sta ponendo il proprio interesse davanti a quello della collettività, facendolo prevalere. 

La sua condotta é politicamente deplorevole! Un insulto, un'offesa al rispetto dei cittadini che si trovano a non poter cambiare neppure il proprio futuro. Ciò perché un solo uomo sta pensando a se stesso e non si dimette, neppure in costanza di accuse gravi e di una misura cautelare (gli arresti domiciliari) altrettanto grave.

Dov'è il senso delle Istituzioni? 
Dov'è il rispetto dei cittadini? 

Rubeis, ti stai rivelando oggi (e non ieri) un pessimo Sindaco, politicamente deleterio per questa amministrazione, non per quello che ti viene penalmente contestato ma perché non ti dimetti, come sarebbe normalmente accaduto in qualsiasi altro Paese che possa dirsi "civile".


RubeisDimettiti.jpg
Il M5S di Guidonia Montecelio è contrario allo spostamento del fondamentale servizio del Centro Antiviolenza "Le Lune" presso le strutture sanitarie dell'Italian Hospital Group e propone l'utilizzo delle case confiscate alla mafia ed assegnate all'amministrazione comunale che si trovano a Colleverde.

Dopo alcuni colloqui con gli operatori e con alcuni utenti del centro antiviolenza Le Lune che da anni svolge un prezioso servizio alle donne in difficoltà nei locali di Collefiorito, il M5S si dichiara contrario all'utilizzo dei locali messi a disposizione dall'IHG per lo svolgimento del servizio. La struttura, seppur ottenuta in maniera gratuita dalla direzione della struttura sanitaria privata, non garantisce la necessaria riservatezza e specificità che un servizio del genere deve necessariamente avere. Anche dal punto di vista psicologico, poi, dover associare nello stesso luogo coloro che hanno problemi sanitari o psichiatrici con le vittime della violenza, crediamo sia fondamentalmente un errore.

La città di Guidonia Montecelio dispone di ben 3 villette di varia metratura a Colleverde, assegnate dallo stato centrale all'amministrazione per destinarle a scopi sociali e non vediamo altro utilizzo migliore che garantire una continuità di un servizio essenziale per le donne e per le famiglie in difficoltà.

Gli appartamenti sono pronti e rifiniti, basterebbe veramente poco a renderli adeguati ed arredati per accogliere la numerosa utenza che travalica anche i confini della nostra città. Nel frattempo che si predispongono i lavori, sarebbe possibile ospitare il centro nei locali non utilizzati all'interno dell'assessorato ai servizi sociali in via Numa Pompilio, anch'essi nella piena disponibilità dell'amministrazione comunale.

Ci siamo resi disponibili nelle commissioni competenti e nei colloqui con il vicesindaco a favorire in ogni maniera la transizione e la stabilizzazione del servizio.

Antiviolenza.jpg

l M5S denuncia il mancato impegno dell'amministrazione per preservare il decoro urbano

Un paese più pulito è un paese più bello e più vivibile. Lo sarebbe anche il Borgo di Montecelio se non fosse dimenticato e abbandonato al degrado e all'incuria, complice, per di più, l'inciviltà di alcuni residenti.Basta fare una passeggiata nel centro storico, percorrere le strade che portano alla Rocca per rendersi subito conto dell'allarmante situazione (anche igienico-sanitaria) in cui versa.

Alcuni attivisti del M5S, muniti di cellullare, hanno documentato lo stato di degrado con alcune fotografie. Un "tappeto" di deiezioni canine - colpa ovviamente dei padroni incivili - ma anche cattivi odori di pipì di gatto,  accumulo abnorme di escrementi di uccelli e vere e proprie discariche abusive, dislocate in più punti, che denotano la prolungata assenza di interventi di pulizia.

La situazione è diventata ormai insostenibile, alcuni cittadini residenti  hanno iniziato ad affliggere cartelli in più punti del borgo per denunciare il loro sdegno e sofferenza nel dover vivere in una tale condizione.

Il M5S ha prontamente segnalato tale stato di degrado richiedendo nel contempo un intervento urgente  per ripristinare le condizioni igieniche nelle vie del borgo.

Va evidenziato, inoltre, che già da tempo i nostri consiglieri hanno sottoscritto una proposta di delibera al Consiglio Comunale chiedendo l'adesione, gratuita, del Comune di Guidonia Montecelio al sito web www.decorourbano.org per la segnalazione di forme di degrado urbano nel territorio comunale, attraverso la partecipazione attiva dei cittadini. 

Molti i comuni che hanno aderito a questa iniziativa altri che hanno adottato diverse misure per ridurne il fenomeno come la predisposizione di adeguati contenitori per rifiuti e distributori di sacchettini per la raccolta delle deiezioni canine, la sterilizzazione degli animali randagi e maggiori controlli da parte della polizia municipale . 


Interventi che se attuati anche dalla nostra amministrazione  potrebbero dare nuova dignità al Borgo di Montecelio

: il M5S segnala e il comune incassa 900 mila €


Entreranno quasi un milione nelle casse comunali grazie ad un suggerimento del M5S. 
I portavoce: <<Ora utilizzare quei soldi per il contrasto alla povertà e per il lavoro>>.

Sono stati i cittadini M5S presenti nella commissione finanze del 2 Febbraio 2015 a chiedere chiarimenti circa le modalità con le quali vengono addebitati e riscossi i tributi comunali alle nuove attività industriali nel territorio, in particolare quelle a forte impatto ambientale come centro logistico e impianto TMB.

Alla dottoressa Delia Corsi, direttrice della società 3Esse incaricata della riscossione tributi per conto del Comune, è stato chiesto quanto e se i nuovi insediamenti industriali, in particolare quelli a ridosso del Parco Archeologico e Naturalistico dell'Inviolata, fossero in regola con i tributi. I nominativi delle società titolari, a prima vista non sembravano figurare tra i contribuenti della nostra città.

Da quella semplice richiesta, è scaturito poi un approfondimento da parte della società che una volta acquisiti i documenti sul cambio di destinazione d'uso dei terreni che da agricoli sono diventati edificabili per consentire la costruzione degli enormi ed impattanti edifici industriali, ha provveduto al calcolo degli arretrati che rischiavano anche di finire in prescrizione.

<<Sono stati ravvisati mancati pagamenti per oltre 700 mila euro dal 2009 al 2014 per il centro logistico a ridosso dell'autostrada, e quasi 200 mila per il TMB - spiegano i portavoce in consiglio comunale Sebastiano Cubeddu e Giuliano Santoboni - e pretenderemo che questi mancati pagamenti verranno utilizzati per sostenere concretamente i nostri concittadini in difficoltà economica e per creare occasioni di lavoro nel territorio>>.


RicchiPagano.jpg


Nonostante la sospensione della conferenza dei servizi, i ricorsi​ e​ le mancate autorizzazioni da parte del MIBACT domani mattina tecnici regionali e delle imprese di Cerroni faranno un collaudo all'impianto TMB dell'Inviolata, preludio ad un apertura che loro evidentemente vedono come sicura e imminente.

Ieri è stata presentata un'interrogazione ​alla Regione a firma ​del portavoce  M5S ​Devid Porrello nel quale si chiede come mai si sia arrivati ad un collaudo nonostante  "le numerose illegittimità emerse nel corso del procedimento regionale di autorizzazione allo svolgimento dell'attività dell'impianto"​.

Il M5S comunale, regionale e nazionale è da sempre COMPATTAMENTE CONTRARIO alla nascita di questo mega impianto obsoleto che produce balle di rifiuti da incenerire e moltissimi profitti per i soliti monopolisti dell'IMMONDIZIA​ e che è avallato e favorito ​da Zingaretti e Civita (PD) oltre che dall'amministrazione Rubeis o da quello che ne rimane.

Facciamo nostro l'appello del CRA per ritrovarsi domattina alle 9.30 su via dell'Inviolata per far capire a Regione, Comune e Cerroni che questo impianto costruito sulle falde acquifere inquinate non dovrà mai aprire i battenti.


collaudoTMB.png


In questi minuti a Villalba di Guidonia sta aprendo un bel negozio al 63 di Corso Italia che si chiama UN MONDO Surgelato

Di per se sarebbe già così una notizia positiva e interessante, in un periodo buio per il commercio e per la nostra Città.

L'altra cosa assolutamente FANTASTICA e concreta, è che è nato grazie alla caparbietà dei giovani proprietari e della disponibilità del Microcredito del M5S, un fondo creato per questo scopo dagli unici parlamentari che si siano tolti parte dello stipendio per restituirlo ai legittimi proprietari: i cittadini.


Oggi alle 17.30 io e alcuni amici andremo a fare tanti auguri al negozio, comprando anche qualcosina: è il modo migliore per continuare a sostenerli.

Movimento 5 stelle Guidonia Montecelio


microcredito-5-stelle-come-funzi.jpg


In quattro pagine di diffida argomentata e puntuale, il M5S di Guidonia Montecelio ha cercato di contenere tutta la rabbia dei cittadini che hanno dovuto sborsare aumenti della TARI fino al 30% in più rispetto all'anno precedente in forza di provvedimenti illegittimi, chiamando a rispondere  direttamente Sindaco ff il Dirigente e l'Assessore alle Finanze.

Dopo le 6.000 firme apposte alla petizione cittadina nella quale si chiede il ricalcolo della tariffa con gli unici criteri legittimi, cioè quelli dello scorso anno, il M5S torna a chiedere con gran forza e con sentenze alla mano di restituire ai cittadini quanto ingiustamente chiesto per determinare la tariffa dello smaltimento dei rifiuti.

<<Come annunciato in consiglio Comunale - spiega Sebastiano Cubeddu - la nostra diffida indica i criteri oggettivi, le norme e la giurisprudenza di riferimento che evidenziano l'irretroattività dei provvedimenti adottati dall'Amministrazione e l'illegittimità degli aumenti disposti dal 1' gennaio 2015.

Se non hanno voluto sentire la nostra voce prima, ora dovranno farlo per forza perché li chiamiamo e li chiameremo a rispondere personalmente di eventuali rivalse dei cittadini tartassati>>


Qui la diffida


taridiffida.png