MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Ambiente

E stata una lunga battaglia ma finalmente anche la Regione Lazio riconosce che il Tmb all'interno del parco archeologico e naturalistico dell'inviolata è illegittimo ed inopportuno. Ad esultare il M5S, a salire malamente sul carro dei cittadini vincitori, invece, alcuni politici locali esponenti dei partiti che tanto hanno contribuito affinchè l'impianto si costruisse.

Con la determina G 120 23 del 18/10/2016 a firma del Direttore del Governo del Ciclo dei Rifiuti Demetrio Carini, l'impianto di Trattamento meccanico e Biologico all'Inviolata perde la discarica di servizio parte fondamentale al suo utilizzo. La decisione avrebbe potuto essere assunta da tempo , visto che Flaminia Tosini (responsabile settore rifiuti regione Lazio) aveva già dichiarato che il settimo invaso non aveva spazio per essere costruito, stante la procedura di messa in sicurezza di emergenza che ha costretto la perimetrazione dell'area contaminata della discarica ed a ridurre a nulla l'estensione necessaria per il nuovo invaso. Se la regione avesse giudicato la VIA negativamente per i motivi suddetti ora non si dovrebbe attendere l'esito della decisione del Consiglio dei Ministri, che dovrà essere comunque senz'altro favorevole all'archiviazione dell'infausto capitolo "Impianto", vista l'ampia documentazione prodotta.

"Il M5S è molto soddisfatto. Più volte avevamo portato l'argomento in discussione in aula durante l'ultima Consiliatura, con l'aiuto delle associazioni del territorio che da sempre si battono contro l'impianto Cerroniano. Dopo questo provvedimento e dopo le rassicurazioni ricevute dall'assessore capitolino Muraro durante l'ultimo incontro vengono ristabilite le giuste priorità e soprattutto fatta chiarezza su quello che si andava realizzando in un area che invece dovrà essere destinata a Parco a beneficio dell'intera cittadinanza. "

Gli attivisti del MoVimento 5 Stelle continueranno a seguire e a lottare perché Guidonia abbia finalmente il suo parco

David Porrello, Portavoce in Consiglio Regionale
Attivisti M5S Guidonia Montecelio


parco.jpg


La contestata installazione dell'antenna di telefonia mobile nel centro storico di Montecelio - vero e proprio tormentone dell'estate monticellese - sembra essere giunta all'epilogo.

Dopo la sollevazione popolare e la sospensione dei lavori - a fine marzo - per la verifica della regolarità urbanistica dell'edificio dove era prevista la collocazione dell'apparato, il Comune, il 2 Agosto, ha sbloccato i lavori e l'antenna è stata [purtroppo] installata.

Il M5S con i suoi portavoce e gli attivisti è stato più volte a Montecelio direttamente sotto l'antenna per parlare con i cittadini e per fare chiarezza,antennaMontecelio.jpg e non certo propaganda, manifestando la propria contrarietà sulle procedure con cui è stato montato il ripetitore, evidenziando alcune mancanze emerse dallo studio degli atti che sono state prontamente riportate in commissione e direttamente al dirigente.

Ma i più fervidi oppositori all'installazione dell'antenna sono stati, soprattutto, alcuni rappresentanti del PD che hanno organizzato una vera e propria "battaglia persa" con tanto di raccolta firme, petizioni popolari e incontri urgenti con il commissario Marani ecc ecc ... Insomma, una rivisitazione - stile moderno - delle battaglie di Don Chisciotte contro i mulini a vento (anche se il protagonista del romanzo di Miguel de Cervantes era mosso da buoni principi).

A questo punto la domanda sorge spontanea... Perché tanto rumore per nulla se proprio il PD ha creato i presupposti affinché l'antenna potesse essere collocata tranquillamente in quest'area...? E la domanda che ci poniamo è del tutto legittimata dalla Deliberazione del Consiglio Comunale n° 22 del 28.03.2006.

Si legge nella deliberazione che proprio in quella seduta - avente per oggetto l'approvazione del Regolamento comunale del Piano delle Antenne - ben 19 consiglieri comunali (Giunta Lippiello) "con l'obiettivo di minimizzare l'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici" approvarono all'unanimità il piano antenne per il Comune di Guidonia Montecelio che prevedeva, per l'area di Montecelio (cd. "Area Preferenziale 2"), la collocazione di impianti di telefonia mobile proprio nell'area che oggi viene fervidamente contestata dal PD stesso!!!

Ma la cosa che lascia ancora più perplessi e sconcertati è che tra i 19 consiglieri comunali saltano all'occhio alcuni nomi di consiglieri del PD - "nati, cresciuti e pasciuti a Montecelio" - che avrebbero dovuto, quantomeno, sindacare la scelta dell'area stabilita per la collocazione dei ripetitori nel centro storico di Montecelio e valutare l'opportunità di proporre una soluzione alternativa come avvenuto (grazie ad un emendamento presentato da uno di questi consiglieri di Montecelio) per le aree AP9 (centro abitato di Villalba) e AP3 (impianti sportivi ed aree sensibili di Villanova).

Insomma, ai cittadini di Montecelio, ancora una volta "cornuti e mazziati", non resta che subire l'ennesima conseguenza delle scelte "scellerate" di chi li ha rappresentati, sperando che non continuino ad abboccare a chi millanta di valorizzare questo bellissimo Borgo che ancora oggi non riesce ad ottenere la giusta considerazione che meriterebbe.

Grazie ad un emendamento al collegato alla finanziaria regionale a firma dei consiglieri del Movimento 5 Stelle alla Pisana e dopo venti anni di attesa vengono assegnati i compiti di gestione, sorveglianza e sviluppo dell'area del Parco dell'Inviolata ai nostri vicini del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili. Un risultato ottenuto grazie al costante lavoro delle associazioni ambientaliste locali che hanno trovato la giusta interlocuzione nel M5S locale e regionale per raggiungere un risultato concreto e tangibile.

Grande soddisfazione tra gli attivisti del gruppo di Guidonia Montecelio: <<Anche se si sono persi 20 anni di tutela del territorio, durante i quali l'Inviolata ha subito l'offesa della permanenza della discarica e della costruzione del TMB, siamo sicuri che questo sia il vero punto di partenza per il nostro parco>>.

Questo traguardo inoltre, costituirà un ennesimo colpo a quanti vedono l'area dell'Inviolata come una terra di conquista per cementificatori e monnezzari vari.

Per il Movimento 5 Stelle il Parco costituisce una risorsa inestimabile per il territorio che le amministrazioni guidoniane di destra e di sinistra non hanno mai capito né tantomeno apprezzato. Di sicuro, invece, rappresenterà un punto centrale e di rilancio del territorio per l'occupazione e l'ambiente nel programma elettorale che già in questo periodo si sta definendo per le amministrative della prossima primavera.


InviolataLucretili.png

Nonostante la sospensione della conferenza dei servizi, i ricorsi​ e​ le mancate autorizzazioni da parte del MIBACT domani mattina tecnici regionali e delle imprese di Cerroni faranno un collaudo all'impianto TMB dell'Inviolata, preludio ad un apertura che loro evidentemente vedono come sicura e imminente.

Ieri è stata presentata un'interrogazione ​alla Regione a firma ​del portavoce  M5S ​Devid Porrello nel quale si chiede come mai si sia arrivati ad un collaudo nonostante  "le numerose illegittimità emerse nel corso del procedimento regionale di autorizzazione allo svolgimento dell'attività dell'impianto"​.

Il M5S comunale, regionale e nazionale è da sempre COMPATTAMENTE CONTRARIO alla nascita di questo mega impianto obsoleto che produce balle di rifiuti da incenerire e moltissimi profitti per i soliti monopolisti dell'IMMONDIZIA​ e che è avallato e favorito ​da Zingaretti e Civita (PD) oltre che dall'amministrazione Rubeis o da quello che ne rimane.

Facciamo nostro l'appello del CRA per ritrovarsi domattina alle 9.30 su via dell'Inviolata per far capire a Regione, Comune e Cerroni che questo impianto costruito sulle falde acquifere inquinate non dovrà mai aprire i battenti.


collaudoTMB.png


<< I Cittadini e il M5S non sono disposti ad attendere i tempi dettati del gruppo Cerroni per bonificare le falde acquifere all'Inviolata ed esorta Regione Lazio e Comune di Guidonia Montecelio a contestare l'inadempimento della società  >>

All'ennesima conferenza dei servizi svoltasi ieri mattina (17 novembre) indetta per verificare l'efficacia delle misure di contenimento dell'inquinamento che avrebbe dovuto mettere in atto Ecoitalia 87, viene invece proposto  un nuovo progetto di bonifica (il terzo), mentre  la società Cerroniana avrebbe dovuto già provvedere alla messa in sicurezza di tutta l'area, giustificando i ritardi con generiche e non opponibili ragioni economiche che non gli permetterebbero di agire.

<< La legge indica nel soggetto gestore colui che con propri capitali deve rimediare allo scempio, secondo il principio di "CHI INQUINA PAGA". Ecoitalia, invece non adempie a quanto i tecnici di Arpa gli stanno intimando da tempo, cioè la realizzazione di altri pozzi spia e di sistemi di contenimento dei liquami >>.

Durante la conferenza alla quale hanno partecipato come uditori anche le associazioni ambientaliste e il M5S di Guidonia Montecelio, è stato presentato il terzo progetto che tramite l'azione di composti chimici dovrebbe limitare il pesantissimo carico di metalli pesanti come ferro e manganese presenti nei valori della falda che superano di migliaia di volte i valori di soglia."

 
#CHIINQUINAPAGA

Nelle_Favole_Chi_Inquina_Paga-624x223.jpg

Dopo l'interrogazione all'Europarlamento presentata da Fabio Massimo Castaldo (M5S), le denunce delle associazioni locali e del nostro gruppo consiliare, arriva la parola FINE al progetto che faceva scempio della nostra storica via della Selciatella.

L'amministrazione comunale di Guidonia Montecelio è stata sorda ai nostri richiami e cieca all'evidenza di un bene che è da valorizzare e preservare, non certo da asfaltare e lottizzare per aggiungere nuovo e inutile cemento: risultato, i fondi europei non ci sono più! Intanto però si sono già stati anticipati e spesi soldi pubblici, accendendo anche un un mutuo di 3,5 milioni che non rientrerà mai e per i quali le già esanimi casse comunali dovranno versare gli interessi!!

Chi pagherà per questo? Sempre i cittadini?


Ci faremo promotori di tutte le iniziative che portino ad individuare i responsabili dello scempio per difenderli quei cittadini, gli stessi che hanno dimostrato chiaramente il loro attaccamento alla storia e alla valorizzazione della nostra città passando lo scorso sabato a liberare il tracciato di pietra della Selciatella dai cumuli di rifiuti.


Un altra Città è possibile, un altra Città è sempre più necessaria.


SelciatellaNonPasserete.jpg


I Cinquestelle hanno sempre criticato e osteggiato la realizzazione dell' impianto di TMB fin dalla fase progettuale e ancor prima di essere Movimento, gli attivisti, si sono instancabilmente  adoperati per tutelare la salute pubblica e difendere l'ambiente, quasi sempre, nel nostro Comune, sacrificate per gli interessi economici di pochi, pochissimi!

Il M5Stelle è espressione diretta di quei cittadini che attraverso comitati e associazioni del territorio, promuovono giuste, doverose e condivisibili battaglie per il bene comune. Proprio per questo ci sembra  naturale accogliere l'invito a contribuire anche economicamente al nuovo ricorso al TAR contro il TMB.

Con l'occasione esortiamo tutti i cittadini che non l'avessero già fatto, a partecipare alla raccolta fondi del CRA (http://www.aniene.net/blogs/cra/2015/09/26/raccolta-fondi-per-ricorso-al-tar-contro-laia-al-tmb-di-guidonia/).

Movimento 5 Stelle, contributi e fatti reali non proclami elettorali!

Approvata all'unanimità durante il Consiglio Comunale di ieri  la richiesta rinvio ad altra data  della conferenza servizi prevista per oggi per rilascio nuova AIA impianto di TMB all'inviolata.
Una delegazione del M5S cittadino e regionale è stata presente nella riunione organizzata negli uffici di via del Giorgione per vigilare sull'esito del rinvio mentre una folta rappresentanza di cittadini di Guidonia Montecelio e Fonte Nuova organizzati con un pullman hanno fatto sentire la loro voce al di fuori dell'edificio. Depositato il parere negativo del dirigente area VII Paola Piseddu redatto in data 9 settembre con il quale lo stesso dirigente (per la prima volta in questa vicenda ormai decennale) sottolinea l'improcedibilità del rinnovo dell'AIA sia perché  sono state accertate gravi irregolarità (provvedimento adottato in violazione di norme di legge) da parte del tribunale del Riesame (ordinanza n.811 del 2014) con cui si evidenziava l' illegittimità del provvedimento autorizzatorio del 2010, sia per  la diffida del MIBAC indirizzata alla Regione Lazio a revocare l'AIA perché emessa in carenza di parere paesaggistico della Direzione regionale dei beni culturali e paesaggistici del Lazio ed il parere vincolante della soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici.

Non solo, nel documento prodotto dal dirigente si sottolinea anche la presenza di evidenti criticità sul sito dovute all'inquinamento dei pozzi di caratterizzazione su cui dovrebbe già essere avvenuta bonifica e si evidenzia che nel progetto presentato per l'ottenimento del rinnovo dell'aia è presente una variante sostanziale urbanistica (parcheggio esterna  all'area sottoposta ad AIA) rispetto al progetto originario .

Non meno importante è la nota del 6-8-2015 del MIBAC in cui si evidenzia l'avvio di una perimetrazione più estesa dell'area di interesse archeologico (procedimento di dichiarazione di notevole interesse pubblico), area protetta che comprende al suo interno e per intero la superficie dell'impianto. 

Non vi sono quindi  possibilità di modifiche o di sanatorie, il Tmb non dovrà mai funzionare.

Durante il Consiglio svoltosi ieri su iniziativa del M5stelle supportato anche dal resto dell'opposizione i nostri portavoce hanno evidenziato l'urgente necessità di riesaminare tutto l'iter che ha portato alla realizzazione del TMB . "Nel 2010 avete dato parere positivo ad un progetto che non è quello che oggi si presenta in conferenza dei servizi! Questo impianto è capace di trattare  di 190mila tonnellate annue, e non dispone di nessun impianto di percolato e sembra avere un trattamento dell'umido ridimensionato che in teoria dovrebbe servire da "ristoro" all'amministrazione attraverso un'importante diminuzione della Tassa sui rifiuti" ribadisce Giuliano Santoboni .  
"Per la prima volta qualcuno in questo consiglio riconosce di aver peccato di superficialità nel valutare l'autorizzazione all'impianto in quell'area!" sostiene Sebastiano Cubeddu capogruppo pentastellato, riferendosi all'intervento del consigliere di maggioranza Bertucci" Ma oggi NON serve più individuare le responsabilità . Oggi è necessario seguire il parere del Mibact che individua sull'area con vincolo archeologico (1500 ettari) . Occorre colmare la lacuna causata dalla mancanza del parere paesaggistico sulla vecchia AIA tale da renderla illegittima. E occorre seguire il parere del dirigente dell'area VII che per  la prima volta si oppone rispetto alle modifiche che la regione ha voluto ritenere non sostanziali"

Noi continueremo a vigilare. L'impianto va demolito e restituito al Parco Archeologico e Naturalistico dell'Inviolata.


16set2015.jpg

<<Ci ritroveremo venerdì 11 e sabato 12 settembre per parlare dei nostri progetti per questa città, per confrontarci con tutti quelli che vorranno dare un contributo attivo a rendere Guidonia un luogo migliore sotto il profilo ambientale, della crescita economica e dello sviluppo sostenibile">> con queste parole Sebastiano Cubeddu e Giuliano Santoboni portavoce del Movimento 5 Stelle in consiglio Comunale presenta l'evento che si terrà il prossimo week end presso ilParco Caduti di Nassiria (pinetina) .

A sostenere tutto il M5S della Città di Guidonia Montecelio ci saranno i portavoce in Parlamento e Senato Alessandro Di BattistaLuigi Di MaioCarla RuoccoMassimo Enrico Baroni e Roberta Lombardi che hanno seguito direttamente anche in questi ultimi mesi di "battaglie" per far rispettare la Legalità all'interno delle istituzioni comunali (tema più che mai attuale in questi giorni) ed altri amici portavoce all'Europarlamento Fabio Massimo Castaldo e Dario Tamburrano ed in consiglio regionale Devid Porrello.

<<Tutto ciò in un clima di cordialità, entusiasmo e semplicità accompagnati dall'ottima musica Rock degli Alive, da un buon piatto di pasta ed una birra - continuano i portavoce comunali - Tutti protagonisti in questa iniziativa perché non è possibile più delegare a nessuno il nostro futuro! Chiediamo a tutti i nostri concittadini di alzarsi dalla sedia dove la vecchia politica vuole tenerli fermi e assopiti più a lungo possibile e diventare protagonisti del cambiamento! 
Un cambiamento possibile, ma oggi più che mai necessario!>>


11e12-sett.JPG

<<Il Movimento 5 Stelle, di Fonte Nuova, Marcellina, Mentana, Monterotondo, Palombara, Sant'Angelo e Tivoli, nonché, tutto il quadrante Nord-Est di Roma, congiuntamente con Guidonia Montecelio, da sempre schierato per la salute e la tutela dell'ambiente, CONTRO

- la svendita del nostro territorio a favore delle speculazioni private; - il guadagno di pochi a fronte di un inquinamento per tutti;

- istituzioni più "sensibili" alla tutela di interessi privati a discapito di quelli collettivi; - il consumo del territorio, cementificando il presente e il futuro. A FAVORE - di un ambiente salvaguardato, garanzia di salute;

- di una politica consapevole e partecipata da tutti i cittadini; - della trasparenza e del diritto di partecipazione attiva alla gestione della cosa pubblica.

ESORTA i propri attivisti e simpatizzanti alla mobilitazione, nel farsi portavoce dei principi ed esempio per gli altri cittadini, nell'aderire in massa alla MANIFESTAZIONE indetta dal Comitato di Risanamento Ambientale (CRA) per sabato 9 maggio p.v. ore 16.30 presso P.zza Matteotti a Guidonia e poi per le strade comunali (CORTEO). Dato l'interesse al di sopra di qualsiasi colore politico, invita quanti aderiranno, ad una partecipazione variopinta (striscioni e cartelli) e rumorosa (fischietti, strumenti), ma scevra da bandiere o simboli che non siano riconducibili direttamente al CRA>>

 

11182253_389217224615167_7011212259595714097_n.png

Archivio

Questa pagina è l'archivio dei post nella categoria Ambiente.

Acqua è la categoria precedente.

Connettività è la categoria seguente.

Prossimi eventi