Archivos Giugno 2012

Referendum riduzione stipendi, tentativo di dribbling?

Voto 0 Votos

stipendio politici2.png

Troviamo sia encomiabile la proposta della Presidente del Consiglio Regionale Rosa Thaler al fine di ridurre gli stipendi dei Consiglieri Provinciali.
Lo sarebbe se non ci fosse stato bisogno di fare un REFERENDUM a carattere Regionale per sottolineare direttamente dai cittadini che così non puo' più andare.
Pertanto pensiamo che la proposta atta a dribblare il referendum sia in evidente RITARDO, rispetto anche a quello che la popolazione auspica; e' bastata una raccolta firme per capire che i cittadini chiedono alla politica di essere professionale,efficiente e con stipendi sociali.
Proprio in questo momento di crisi pensiamo che essa, attraverso gli eletti, debba dare un segnale FORTE al fine di riprendere la mancata fiducia.

Detto questo, i sottoscritti rappresentanti del M 5S A.A, rendono noto, che lo stipendio del Consigliere Provinciale consisterà in euro 2500 NETTI, più euro 500 di diaria con la dimostrazione di pezze giustificative.
Ciò e' avvenuto già nelle elezioni Regionali di Piemonte ed Emilia Romagna nelle quali i consiglieri 5 Stelle eletti percepiscono lo stipendio sopracitato.

Riteniamo che la proposta del PD di ridurre lo stipendio di 500 euro, quando un Consigliere percepisce euro 11000 lordi più 3200 di diaria netti, sia poco ELEGANTE nei confronti dei cittadini, visto che fare il consigliere Provinciale non lo prescrive il MEDICO DELLA MUTUA.
Ritornando a quanto proposto dalla Presidente Thaler, auspichiamo che possano essere fatte in futuro nuove proposte più limitative, per le quali il M 5 S sara' lieto di affrontare e sostenere.

Paolo Castelli e Andrea Sbironi.

Maggioranza, respinge il Movimento e poi lo copia.

Voto 0 Votos

copia-incolla-phone.jpg

Ebbene si, oggi apprendiamo dai Verdi che la maggioranza ha deciso di approvare l'abolizione del quorum per i Referendum Comunali. Approvare ciò che il Movimento 5 Stelle per ben due volte (18 marzo 2011 e 22 aprile 2012) ha presentato al Consiglio Comunale e che entrambe le volte è stato respinto proprio da coloro che oggi lo ripropongono. Che volete fare, questa è l'ennesima prova che anche l'Alto Adige è Italia.

Se le polemiche da noi sollevate ,susseguitesi alla bocciatura delle due nostre mozioni, sono servite a far si che anche nel nostro Comune si arrivi al quorum 0, allora ancora una volta il Movimento 5 stelle può dichiararsi utile alla comunità. Alla faccia di chi ci accusa di antipolitica, la nostra è politica !!!!

Vogliamo ricordare alla maggioranza che a noi non interessano i vincitori ma il solo i risultati perché le vittorie servono alla propaganda mentre sono i risultati a servire alla cittadinanza !!! Quindi saremo pronti ad appoggiare la mozione malgrado venga da uno schieramento avverso.

Signori di maggioranza, se approvaste direttamente le nostre mozioni risparmiereste tempo e danaro, il che gioverebbe all'intero sistema pubblico.

Bolzano, un Aeroporto per piccioni.

Voto 0 Votos

Aeroporto BZ.jpg

Proprio così, all'aeroporto di Bolzano sono più piccioni che esseri umani a prendere il volo. Pensiamo che l' Aeroporto di Bolzano abbia dimostrato ampiamente in questi anni che i numeri non ci sono perciò difficilmente si potrà realizzare il tanto voluto, a livello Provinciale, "decollo" della struttura. Nel frattempo il cittadino continua a pagare, si perché è la provincia che risana le casse dell'aeroporto, casse sempre più rosse quasi tendenti all'infrarosso, anche il CDA ha mostrato di non saper cosa fare per rilanciare la struttura.
Pensiamo che nonostante tutti gli sforzi economici, Bolzano sia nella morsa degli scali di Verona, Monaco e Innsbruck, quindi logisticamente sfavorito. E visto lo scarso bacino di possibili utilizzatori, difficilmente si potrebbero realizzare offerte tanto vantaggiose da incentivare l'utilizzo dell'aeroporto locale.

Ci chiediamo per quale motivo la Provincia si ostini a "buttare" ancora soldi su tale struttura, malgrado i dati disastrosi registrati e lo scarso impiego da parte dei cittadini. Non si vorrà mica tenere in servizio un aeroporto solo perché la classe politica ne possa usufruire? Ad oggi meno del 1% della popolazione Altoatesina beneficia potenzialmente dello scalo, mentre sono molti i politici che ne fanno uso. Per tale motivo il Movimento 5 Stelle farà la giusta opposizione.

In merito all'allungamento della pista, pensiamo che il territorio del Comune di Laives sia in forte sofferenza e che se non vi sarà la partecipazione attiva' della popolazione, si giungerà nuovamente ad un Referendum in ambito Provinciale.

Grazie al M5S, ben 20.000 Firme per Referendum riduzione stipendi

Voto 0 Votos

fuori soldi.png

Malgrado PD, PDL e Lega dicano di noi peste e cora ad oggi siamo gli unici ad andare contro ai privilegi della casta. Fatti e non parole, questa è la differenza tra noi ed i partiti fantocci che abbiamo nel Paese Italia. Grande successo, ben 20.000 Firme raccolte per la riduzione degli stipendi dei politici regionali. E' la prima volta che nella regione a statuto speciale Trentino Alto Adige viene indetto un Referendum Regionale. Il Comitato CORE Trentino Alto Adige comunica, in conferenza stampa, l'ampio raggiungimento delle firme necessarie per abbassare gli stipendi ai consiglieri regionali/provinciali. Per il MoVimento 5 stelle è un grande successo: siamo l'unica formazione politica che ci ha messo la faccia, allestito banchetti, messo a disposizione i Consiglieri come autenticatori. Complimenti ai cittadini e ai Comuni che con tanto impegno hanno collaborato alla raccolta delle Firme. Teniamoci pronti al voto referendario, nella primavera del 2013.

Dissuasori velocità amplificano i rumori.

Voto 0 Votos

dossi.jpg

C'è stato un tempo nel quale, anche a Laives, l'introduzione di "dissuasori" o "dossi artificiali" sulle strade cittadine sembrava essere la soluzione di tutti i problemi creati dal traffico e dalla velocità. Ne furono introdotti di due tipi sostanzialmente: quelli di plastica, detti anche "vigili coricati" e quelli costituiti da un innalzamento della carreggiata mediante materiali diversi (cubetti di pofido). La differenza tra gli uni e gli altri, oltre che economica ( i dossi di cubetti costano molto di più) è che con i dossi di plastica si impone sicuramente una drastica riduzione della velocità (salvo poi riprenderla appena superati) mentre gli innalzamenti di carreggiata sono meno efficaci come dissuasori della velocità. E di dissuasori si occupa anche una mozione del consigliere di Laives 5 stelle, Paolo Castelli, che punta il dito verso i disagi causati da queste presenze lungo le strade cittadine. "Disagi per il rumore che producono i mezzi che vi transitano sopra, in particolare camion, furgoni e trattori - dice Castelli - rumore che probabilmente supera anche i limiti indicati dalle normative. È una situazione che crea grossi disagi per coloro che abitano attorno, come succede ad esempio nella popolosa via Marconi, dove ci sono due di questi dossi artificiali. La gente si lamenta proprio del rumore, soprattutto di notte e adesso che arriva il caldo, diventa un problema notevole rimanere in casa con le finestre aperte. Quello che chiedo con la mozione è di mettere mano a questi dissuasori presenti nel centro abitato, per fare in maniera che non creino il disagio da rumore denunciato dai residenti, disagio che, a lungo andare, incide anche sull'equilibrio psicologico delle persone".

Crear nueva entrada
« Maggio 2012 | Incio - Blog | Archivos | Luglio 2012 »