Novedades en la categoría Sviluppo

M5S, senza la tua firma niente politiche 2013

Voto 0 Votos

Firma_day.jpg

Domenica arriva Grillo a Bolzano, abbiamo pochissimo tempo e pochissimi certificatori per per permettere al M5S di presentarsi alle elezioni del 2013. Devi assolutamente sfruttare il pochissimo tempo che abbiamo per porre la tua Firma indispensabile per dare vita al M5S.

Il M5S, l'unico grande movimento politico non presente in Parlamento ha a disposizione solo tre settimane sotto le feste natalizie per stampare le liste con i candidati circoscrizione per circoscrizione, evitare qualunque errore, organizzare i banchetti in tutta Italia, raccogliere decine di migliaia di firme, validarle, verificarle e quindi consegnarle al tribunale di competenza.

 

 

 

Per permettere al M5S di presentarsi in parlamento vieni a Firmare :

Bolzano:   questo sabato 15 dicembre dalle 14 - 17 in : Piazza Matteotti  
                                                                  dalle 19 - 24  al:  Bar Assenzio Via Dei Portici 30 
                                                                      (in occasione dell'evento Italia 5 stelle night, clicca qui)

                   questa domenica 16 dicembre dalle 10 - 17 in : Piazza Matteotti (ci sarà anche Beppe Grillo)             

Trento:       questo sabato 15 dicembre dalle 14.30 - 18.30 in : Piazza Fiere

                   questa domenica 16 dicembre dalle 10 - 17 in : Piazza Dante davanti alla Provincia

Rovereto:  questa domenica 16 dicembre dalle 09 - 14 in: via G.M.della Croce - via Tartarotti

Laives:       probabilmente la raccolta avverrà il giorno sabato 22 dicembre in via Kennedy antistante il Centro Don Bosco, vi aggiorneremo sull'evento.

1 milione di euro per 800 metri

Voto 1 Voto

disperazione.jpg

La giunta vuole investire 900.000 euro per realizzare un velodromo scoperto sopra la discarica dimenticata.

Ridicolo, pensare di investire 1 milione di euro per un anello ciclabile in un comune che si è no dispone di 200 metri di piste ciclabili è ridicolo !! Se per di più, lo si vuole costruire sopra una discarica, la disperazione diventa disgrazia.

Ma come è possibile pensare di investire 1 milioni di euro per una struttura dalla superba inutilità gravata del fatto di  non aver prima esaudito le promesse quali Lido, campi da calcio e campo da hockey, se poi a queste aggiungiamo le strutture scolastiche fatiscenti, la piazza rimasta in plastico e la riqualificazione tutta da delineare, il disprezzo è totale.

In qualità di consigliere sono stufo di sentirmi offeso per colpe che non ho, la gente è stufa di promesse, è stufa di scoprire che i loro risparmi vengono utilizzati per progetti inutili. Ma con tutte le cose che ci sarebbero da costruire, questo milione di euro proprio in un anello all'americana dobbiamo investirlo ? Bellissimo apprendere che tre società desiderano l'anello ciclabile e lo ottengono, mentre altri migliaia di cittadini desiderano lido, piazza, campo da hockey, campi da calcio, nuove scuole e non ottengono nulla.... Ma secondo voi, un laivesotto ogni mattina si sveglia e pensa, "Che bello, facciamoci un giro al velodromo" oppure preferirebbe uscire da casa con la propria bicicletta ed utilizzare un circuito ciclabile per poter girare tranquillamente per la Bassa atesina ?

Dicono che siamo l'anti politica, ma ogni giorno i nostri amministratori confermano che a portare l'odio nei confronti della politica non siamo di certo noi.

5 Stelle, night

Voto 0 Votos

5stelle_night.jpgSabato 15 Dicembre alle ore 19:00 presso il Locale Assenzio Via dei Portici 30, Bolzano (la mappa), si svolgerà in contemporanea nazionale l'evento 5 stelle night, una serie di situazioni conviviali aperte e collegate in diretta streaming .

Con 17€ potrete mangiare al buffett e contribuirete a finanziare il Movimento 5 Stelle ed i suoi progetti. Come sapete, l'unico nostro finanziamento sono le libere donazioni. Se verrai, avrai la possibilità di incontrare facoloro che stanno combattendo sul territorio per portare il vero cambiamento nel mondo della politica.

 
SERATA IN MOvIMENTO APERTA A TUTTI I SIMPATIZZANTI 5 STELLE AND FRIENDS

MENU': cous cous-insalata di riso-pastasciutta-pizze-tramezzini-olive ascolane-pollo durango-strudel di verdure-torte salate-Quiche lorraine-& other...
Musica Assenzio style!!!!
€ 17,oo
PROGETTO PROMOTORE: Tutti i meet up attivi sul territorio toscano si attivano SABATO 15 DICEMBRE organizzando in contemporanea una pizzata, un' apericena, una situazione conviviale che coinvolgerà tutti gli attivisti e simpatizzanti del territorio toscano, per far fronte alla raccolta della cifra pari all'ammontare di 3000 euro. Una somma che servirà per finanziare le analisi su matrici biologiche nei dintorni dell'inceneritore dei pressi di Prato, dove l'I.S.P.R.A. (L'Istituto Superiore per la Sanità Ambientale) ha stimato valori d'inquinamento da esaclorobenzene alti come quelli riscontrati fuori dai camini dell'Ilva di Taranto.

PROGETTO COMUNE: L'iniziativa della raccolta fondi allestita tramite cene in simultanea viene dunque estesa a tutte le Regioni in cui sono presenti i meet up del MoVimento Ogni gruppo regionale sarà cioè autonomo di stabilire la causa per cui effettuare la raccolta economica (per sovvenzionare le analisi chimiche su matrici biologiche, per coprire le spese di un ricorso legale , per promuovere delle campagne informative ecc) I gruppi saranno anche indipendenti nell' organizzarsi come meglio credeno per quanto riguarda i locali e la scelta del tipo di serata da allestire. Le cellule dei comuni più piccoli per esempio potranno raggrupparsi in un ' unica cena su un comune di riferimento che non dovrà essere esclusivamente il capoluogo o viceversa .Potranno partecipare quindi tutti i comuni o solo alcuni di ogni singola Regione, a seconda delle disponibilità organizzative. Si possono adottare anche soluzioni più snelle come meet up in pub con 10 euro di cui 50% del totale saranno devoluti per la bevuta 50% per la causa comune

ASPETTO ECONOMICO Su 20 euro teorici richiesti a persona (per fare un esempio) 10 andranno al locale che effettuerà il servizio, 5 al meet up locale che organizza l'evento, e 5 per la causa comune di finanziamento. Questo permetterà a tutte le diverse anime dei comitati (che puntiamo a coinvolgere) e a tutte le diverse sensibilità politiche che vorranno partecipare, di avere libertà di scelta sulla cifra da versare, sostenendo comunque la battaglia ecologica ma senza dover obbligatoriamente finanziare anche il MoVimento5stelle. (Senza contare che parteciperanno comunque fisicamente a una serata del MoVimento stimolati da idee e pensieri tipici del 5stelle pensiero). Alcune Regioni possono autonomamente anche decidere di fare la raccolta per sovvenzionare le campagne elettorali regionali e politiche, a seconda delle specifiche situazionalità territoriali

COMUNICAZIONE: Durante la serata referenti e rappresentanti racconteranno in diretta streaming dall'evento la tematica scelta per cui andrà la raccolta comune , in modo di far circolare all'interno delle Regioni informazioni utili e di stimolo sui propri territori di riferimento
Benvenute idee, proposte e spettacoli artistici che animeranno la serata.

Promesse 2011/12 che fine hanno fatto?

Voto 0 Votos

orologio.jpg

Mancano meno di 30 giorni alla fine del 2012, vogliamo ricordare alla Giunta i 4 importanti obbiettivi che si è impegnata per mezzo di mozioni e risposte di interrogazione a portare verso una soluzione e/o ad un punto avanzato entro l'anno.


1. Lista dei beni storico/culturali da tutelare  (passati 330 giorni dall'impegno)
2. Elaborazione del Piano Urbanistico Comunale (passati 410 giorni dall''impegno)
3. Messa in sicurezza della ex-discarica in zona Galizia (passati 210 giorni dall''impegno)
4. Ampliamento copertura rete Wi-Fi per libero accesso a internet (passati 180 giorni dall''impegno)

Chiediamo di rispondere pubblicamente in che stato siano i lavori riguardanti i 4 punti in questione. E' un diritto della cittadinanza sapere che quanto promesso sia poi mantenuto.

La Giunta ci ha dimostrato che quando vuole può essere anche più veloce dell'orologio. Crediamo che il miracolo possa compiersi anche per argomenti di interesse pubblico dall' importanza strategica ...... oppure no ?

Il Movimento, l'unica alternativa.

Voto 0 Votos

Robin Hood arriva in Vallarsa

Voto 0 Votos

Vallarsa.jpg

Robin Hood ha colpito, ruba al Lido per dare al Vallarsa.......si, perché per l'acquisto della zona sportiva Vallarsa, sono stati utilizzati i soldi destinati all'ampliamento del Lido Comunale, Lido che grazie a questa mossa rimarrà un eterno miraggio !!!

Per zona Vallarsa si intente la superficie che comprende il campo da hockey e id i campi da tennis , zona chiusa al pubblico il 18.04.2011 da un'ordinaza comunale in quanto classificata dalla giunta provinciale come area ad alto e medio pericolo frane nonché come zona ad alto rischio idrico. Classificata nello specifico come zona ad elevato rischio specifico, precisamente come Rs4, il massimo della scala.
La zona sportiva è di proprietà della società "Genossenschaft für Sport und Freizeitgestaltung, la quale grazie ai contributi pubblici, di oltre 1,8 milioni di Euro, costruì le strutture sportive quali campo da hockey e tennis.

Strutture che a fine settembre, il Comune ha acquistato versando ulteriori 327 mila Euro alla medesima società . Peccato che per permettere un utilizzo dell'area sportiva risulti necessario investire aggiuntivi 2.150.000 Euro contro il rischio idrogeologico, ai quali si deve sommare l'importo ancora da ammortizzare dalla vecchia struttura di 1,6 milioni di Euro, così da arriva alla strabiliante somma di oltre 4 milioni di Euro di contributi pubblici.

In breve si vogliono investire 4 milioni di Euro per una struttura che ne vale poco più della metà, apparentemente, salvo smentite, senza ammodernamenti o ristrutturazioni, la quale malgrado la messa in sicurezza ricadrebbe molto probabilmente ancora in un rischio specifico medio (Rs2), il che non garantirebbe la resistenza ad eventi naturali di modesta entità.

Risultato:

La struttura oggi è valutata 2.8 milioni di Euro

Costi necessari per riutilizzo:

-Costo messa in sicurezza rischio geologico: 2 milioni di Euro
-Costo messa in sicurezza rischio idrico: 150 mila Euro
-Costo acquisto struttura: 327 mila Euro
-Importo residuo ancora da ammortizzare ex struttura: 1.7 milioni di Euro

Totale spese: 4,16 milioni di Euro (il 48% in più del valore stimato)

Comunicato politico, M5S Laives.

Voto 0 Votos

paolo castelli.jpg

Questa giunta è un fallimento, un fallimento per tutti quegli elettori che volevano un governo capace di amministrare Laives. La classe politica di Laives, in questi 2 anni è uscita distrutta, anzi autodistrutta. Non è accettabile che i nostri amministratori, remunerati fino ad ora con più di 800.000 Euro, non siano stati in grado di eseguire nulla più che una basilare amministrazione. Capaci di spendere centinaia di migliaia di Euro per soli progetti di carta, per altro tutti da rifare. Strapagati per litigare tra loro senza che un ragno sia stato cavato dal buco.

La cittadinanza è stufa, noi siamo stufi, chi non è in grado di governare faccia un passo in dietro, ammetta le proprie colpe e lasci spazio a chi ha la passione, la voglia e la volontà di farlo.
Noi, una volta eletti, porteremo da subito lo stipendio attuale del Sindaco, dai circa 11.000€/mese, ai 2.500€/mese netti, riduzione che si porterà alle altre cariche di Giunta. Verranno interrotte tutte le consulenze esterne in base alle competenze ricoperte dai dipendenti presenti nel Comune. Verrà portata la democrazia diretta, in modo da permettere a tutti i cittadini di partecipare in maniera diretta alla vita cittadina, questi sono solo alcuni dei passi che ci permetteranno di cambiare per sempre ciò che per decenni è rimasto un dogma che ha dato vita e prosperità alla casta. Le tasse le paghiamo per ottenere dei servizi e non per pagarli ad altri!!!

Chi è con noi è ora che si attivi, clicca qui.

Cittadella, via all'iter referendario

Voto 0 Votos
jpg_3896603.jpgLAIVES. Mercoledì 13 aprile arriverà in consiglio comunale una prima proposta per la cittadella dello sport in Galizia. Intanto il consigliere Paolo Castelli della lista «5 stelle» ha preparato la richiesta per indire un referendum popolare sul progetto: «Attendo il confronto in consiglio - assicura - dopodichè valuteremo in che modo procedere per fare i primi passi concreti per il quesito referendario». Castelli ha già raccolto le 132 firme necessarie per partire. «Sono quelle necessarie, ma ne abbiamo qualcuna in più per sicurezza, per chiedere al comitato referendario l'ammissione del quesito - aggiunge Castelli - e il meccanismo procedurale prevede che questo comitato ci dia una risposta entro 50 giorni. Una volta ottenuta, entro 30 giorni la richiesta per il referendum dovrà essere analizzata dal consiglio comunale e quindi, ottenuto l'ok, si parte con la raccolta di un migliaio di firme». Intanto mercoledì 13 approderà in consiglio una delibera in cui, in sostanza, si accetta la cittadella e il relativo contributo di 11 milioni. È il primo passo concreto verso la realizzazione del progetto, anche se non si tratta della variazione urbanistica per trasformare le campagne in zona per attrezzature collettive. In queste ore il sindaco Di Fede è impegnato in febbrili trattative un po' con tutti per garantirsi i voti necessari per far passare la delibera, consapevole che nella sua stessa maggioranza potrebbero esserci pericolose defezioni. Per questo ha avviato colloqui con Udc, Indipendenti democratici e Laives pro Leifers e con ogni probabilità, se alla fine riuscirà a far approvare questo primo passo verso la cittadella, sarà con uno scarto minimo di voti. Guardando a questo appuntamento in aula, cosa si sente di dire ai colleghi il consigliere Paolo Castelli? «Che occorrerebbe un'indagine geologica seria sul lotto 2 della zona Galizia, cosa che non è stata fatta. Si tratta del lotto dove poi dovrebbe trovare posto il nuovo lido comunale e io non credo che sia piacevole per qualcuno, sapere che sotto di esso c'è una discarica. Anche il geologo del resto ha spiegato nella relazione che, senza un'adeguata bonifica, non sarebbe opportuno realizzare strutture di uso pubblico su quell'area. Mi chiedo anche perché, negli anni passati, chi ha avuto il compito di amministrare il Comune non abbia mai ritenuto doveroso informare meglio la popolazione sulla situazione del sottosuolo in Galizia, mettendo in guardia dai rischi che può procurare. È dal 1997 almeno che si sa dell'esistenza di una situazione critica a causa della vecchia discarica, ma nonostante ciò, i vari assessori all'ambiente che si sono succeduti non ne hano parlato».

Articolo tratto da AltoAdige.it

Chiesta la bozza del nuovo PUC

Voto 0 Votos

Finalmente dopo 5 mesi di Consiglio Comunale, un rappresentante di Giunta risponde a delle nostre riflessioni e questo ci fa piacere, evidenziando che per i contenuti abbiamo colto nel segno. Purtroppo però dall'Assessore Volani ci aspettavamo di più e non solo le solite risposte in politichese, di carattere generale, che non vanno al cuore della questione. A Volani contestiamo ciò che per lui è una virtù, cioè il silenzio calato su questa vicenda, che invece ha aggravato la situazione di Giunta, ricordando che se Castelli fosse un approfittatore politico, sarebbe seduto sui banchi della maggioranza o magari al posto di qualche assessore "tecnico", nemmeno votato dai cittadini. Castelli in 5 mesi ha solamente messo in evidenza, attraverso interrogazioni e mozioni, vicende poco trasparenti ed è ciò che è chiamato a fare ogni consigliere, ma soprattutto un esponente dell'Italia dei Valori, oltretutto non nuovo alla politica visti i precedenti trascorsi.

Alla luce di ciò comunichiamo che, con moltissime difficoltà, abbiamo richiesto con domanda protocollata copia all'ufficio competente, molto poco cortese e disponibile, della Bozza riguardante il nuovo PUC di Laives, redatto da uno Studio Tecnico privato in data 18 maggio 2010 (in tempi non sospetti). Se quella proposta di PUC dovesse acclarare delle modifiche urbanistiche rispetto ai terreni "incriminati", chiederemo le dimissioni immediate dell'Assessore Volani e dell'intera Giunta per non aver vigilato al rispetto della trasparenza a favore dell'interesse del cittadino. Informiamo da subito i Dirigenti comunali interessati al rilascio di tale documentazione, che se in tempi brevissimi non dovessimo avere la Bozza del PUC richiesta, faremmo ricorso al TAR.

Comunicato stampa: Chiesta Bozza Nuovo PUC (pdf)

No allo Stadio: costituzione del Comitato Referendario

Voto 0 Votos
Come annunciato in un post precedente, mercoledì 17 novembre si è svolta l'assemblea per la costituzione del Comitato Referendario "No Stadio".
All'incontro erano presenti, oltre al sottoscritto, Rosario Grasso (RifondaLaives), Theodor Perathoner (Freiheitlichen), Marco Delli Zotti (Laives Pro Leifers) più molti nostri concittadini.

Di seguito vi riporto un estratto dell'assemblea dove illustro i motivi che ci hanno spinto ad intraprendere la strada verso questa campagna referendaria; potrete inoltre ascoltare gli interventi che hanno fatto gli altri componenti del comitato referendario.

Crear nueva entrada
« Servizi ai cittadini | Incio - Blog | Archivos | Trasporti »