Il 25/26 gennaio 2013 il Movimento 5 stelle aderirà alla giornata di mobilitazione nazionale convocata dal Forum dei Movimenti per l'Acqua contro il nuovo Metodo Tariffario Transitorio 2012-2013 per il Servizio idrico Integrato, approvato il 28 Dicembre 2012 dall'Autorità per l'Energia Elettrica ed il Gas.

Il Movimento 5 stelle Lombardia accoglie con vero piacere, inoltre , l'appello del Coordinamento regionale lombardo dei Comitati Acqua Pubblica a rispondere alle loro sei domande sulla gestione e le politiche dell'acqua. I principi che ispirano il documento inviato ai candidati regionali per la Regione Lombardia sono perfettamente aderenti agli obiettivi che si è proposto il Movimento 5 stelle.

Il testo integrale del nostro punto di programma, qui. Nel nostro programma, Il Movimento 5 stelle alla voce "Acqua Pubblica" (una delle sue 5 Stelle) presenta due obiettivi inderogabili e non negoziabili:

1.    Modificare la legge regionale 26/2003 , per permettere il viatico di ripubblicizzazione della gestione del Servizio Idrico Integrato (SII). Al punto 2 del programma si comunica : "Avvio di una procedura per la discussione di una nuova Legge Regionale in ordine a 'Disciplina dei servizi pubblici locali. Norme in materia di gestione dei rifiuti, energia, di utilizzo del sottosuolo e di risorse idriche ' che sostituisca la LR n°26 del 2003"

2.    Avviare una procedura di applicazione delle norme che prevedono la tutela, il risparmio, la conservazione della risorsa acqua dalla captazione alla depurazione, nell'ottica della miglior gestione possibile, pubblica e partecipata, nei criteri di economicità e salubrità, della risorsa e diritto universale "acqua", rigettando completamente il suo utilizzo come bene mercificabile.

Esprimiamo inoltre parere FAVOREVOLE in merito ai 6 punti richiesti dal Coordinamento Lombardo dei Comitati Acqua:

1.     Ci impegniamo a proporre e discutere entro i primi 100 giorni dall'insediamento la nuova Legge Regionale, dopo averne concertato la forma migliore che risponda in pieno ai principi condivisi.

2.     L 'acqua non è un bene mercificabile: questa sarà la premessa essenziale della nuova Legge Regionale sul servizio pubblico locale. L'acqua è un diritto universale, la cui gestione deve essere pubblica. 27 milioni di italiani si sono espressi in tal senso inequivocabilmente.

3.    "Individuazione dei reali ambiti ottimali di gestione del SII al fine di favorire una corretta gestione pubblica, a carico degli Enti Locali, consorzi di comuni, comuni". È necessario avviare uno studio sui bacini idrografici come reali ambiti ottimali, ridisegnando i nuovi 'AATO' per superare la logica dei confini amministrativi come bacini di gestione.

4.     È necessario modificare l'impianto legislativo regionale per programmare la ripubblicizzazione dell'acqua e per permettere agli Enti Locali di svincolarsi dalla gestione privata. A titolo d'esempio, l'attuale normativa non ha consentito il passaggio ad azienda speciale pubblica nel comprensorio di Lecco, a causa del prevalere di scelte politiche particolari.

5.     Siamo completamente d'accordo. Ci impegneremo a rendere pubbliche e facilmente fruibili online le analisi dell'acqua come previsto dal d.lgs 195/2005.

6.     Favoriremo l'uso dell'acqua di rubinetto con opportune campagne di sensibilizzazione e promuoveremo l'installazione delle Case dell'acqua pubblica.

 

MoVimento 5 Stelle Lombardia


http://www.acquabenecomune.org/raccoltafirme/index.php?option=com_content&view=article&id=1827:lauthority-approva-la-nuova-tariffa-dellacqua-in-violazione-del-referendum&catid=53&Itemid=67