MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Lonato del Garda - 

"Era uno strano anno quell'anno: le foglie non cadevano.
Cadevano i piatti dallo scolapiatti, i fazzoletti dallo stendino, i capelli ai signori anziani, le lacrime ai coccodrilli e le stelle nel mese di agosto. Ma le foglie no. Non ne volevano sapere, se ne stavano lassù appese ai rami, gialle, rossastre, marronicce o ancora mezze verdi. Se ne staccava giusto ogni tanto una, ma era ben poca cosa.
Nei viali alberati, nelle piazze, nei praticelli dei parchi e anche nei giardinetti delle case e negli spazi condominiali gli alberi rimanevano con tutte le loro foglie addosso, come nulla fosse. Eppure l'autunno era arrivato, come sempre, e come sempre stava per arrivare l'inverno. Faceva freddo ed era buio, ma per le foglie era ancora estate.
La gente all'inizio non ci fece caso, e il Paese, che era un normale e quieto paese in mezzo ad altri paesi, non andò per niente in subbuglio a causa di questa stranezza. Perché si sa, sono sempre tutti indaffarati a questo mondo: lavoro, palestra, figli, amici, tivù, aperitivo con le olive, shopping, stretching, mail, tasse da pagare, videogiochi, spesa al super, messaggini; le giornate se ne vanno come il fumo, non c'è tempo di stare a vedere se quattro foglie in croce stanno ancora appese o no.
Solo i bambini se n'erano accorti, perché si sa, i bambini hanno il tempo e hanno gli occhi: quindi guardano, e quindi vedono. E lo dicevano ai genitori, ma era proprio inutile che lo dicessero." (L'anno che non caddero le foglie, Paola Mastrocola)

È uno strano anno quest'anno, gli adulti non hanno occhi per vedere:
Tav, opera inutile e costosa, con danno ambientale incalcolabile,
Depuratore, mega opera per mangiare soldi delle nostre tasse,
Acqua, a rischio privatizzazione,
Rifiuti, paghiamo in base ai metri quadrati che possediamo e non in base a quanta indifferenziata produciamo,
Mega albergo al lido, devastazione di un paesaggio patrimonio di tutti,
Gassificatore, altra opera ai danni dell'ambiente,
Territorio, riempito di rifiuti tossici,
È vero, solo i bambini hanno gli occhi, quindi guardano e vedono. Provate a chiedere a un bambino come vorrebbe il paese dove vive, il suo paese.

foglie.jpg


Lonato del Garda - 

CONSIDERAZIONI LIBERE
"Se un uomo sogna da solo, il sogno resta un sogno, ma quando tanti uomini sognano la stessa cosa il sogno diventa realtà" (Helder Camara)

Vi siete mai chiesti perché in ogni territorio nascono COMITATI?
Ad esempio: Comitato Parco Colline Moreniche del Garda, Comitato Campagnoli, Comitato No TAV, Comitato per il NO, Comitato Territoriale a difesa dell'ambiente,.......???
SEMPLICE: PERCHÉ COLORO CHE DOVREBBERO DIFENDERE I CITTADINI STANNO DA UN'ALTRA PARTE O MEGLIO DA TUTT'ALTRA PARTE.
I cittadini allora si uniscono in comitati, i comitati difendono l'ambiente dai politici CORROTTI, che autorizzano discariche a gogo, inceneritori, impianti industriali che inquinano, gassificatori, mega opere pubbliche devastanti, grandi opere sempre più grandi e inutili che stanno minando la qualità della vita e spesso mettono a rischio la nostra stessa sopravvivenza. Tagliano finanziamenti alla scuola pubblica, agli ospedali, all'assistenza per gli anziani. Aumentano le tasse, vogliono privatizzare la gestione dell'acqua, ...... e i cittadini arrabbiati, malcontenti, stufi di una politica fatta di persone che pensano solo al proprio tornaconto si uniscono in comitati che si oppongono a questo scempio, a questa gestione scellerata della cosa pubblica e poi che cosa succede.......... che cosa non quadra?
ALLE ELEZIONI TI RIVOTANO GLI STESSI CHE HANNO FATTO IL DANNO
A Lonato incombono:
• un cantiere per l'alta velocità che porterà danni incalcolabili all'ambiente, al paesaggio e alla nostra salute
• la costruzione di un mega gassificatore
• si parla della costruzione di un mega albergo
• di nuovi residence nella piana di Maguzzano
• della gestione misto pubblico privata dell'acqua
• il mega collettore
TUTTO A DISCAPITO DEI CITTADINI, DELL'AMBIENTE, DEL PAESAGGIO, DELLA SALUTE PUBBLICA, DELLO STARE BENE INSIEME... E ALLORA ............
Da alcuni anni è presente nella scena politica italiana un Movimento, che la maggior parte delle persone non comprende davvero cos'è o ne ha un'idea sbagliata, perché è differente da tutto ciò che è la politica oggi, al soldo dei poteri economici e non al servizio del bene comune.
Ma è proprio in questo suo ESSERE DIFFERENTE che il Movimento ci dà finalmente la SPERANZA DI UN CAMBIAMENTO! Un Movimento che non è il partito di Beppe Grillo, non è neppure un partito, né aspira a diventarlo, ma è la forza di tutti noi cittadini che ci siamo messi in movimento contro una politica di cui non ne possiamo più, che ci ha logorato perché non solo non ha a cuore il benessere dei cittadini italiani, ma sta facendo affondare il nostro BEL PAESE!
E l'obiettivo del Movimento non è rimpiazzare chi ricopre i ruoli di governo ma recuperare DEMOCRAZIA DIRETTA E PARTECIPAZIONE DELLA GENTE COMUNE, quella che più sta soffrendo di questa situazione.
E la rivoluzione pacifica che noi cittadini in movimento vogliamo portare avanti, il NOSTRO SOGNO, non è altro che voler tornare ad essere UN PAESE NORMALE!

comi.jpg

UN PROGETTO INUTILE


Lonato del Garda - 

are.jpg


Lonato del Garda - 

Siamo in attesa dal 23 gennaio 2017,di una presa di posizione da parte dell'amministrazione
OGGETTO: progetto di una nuova discarica per sotterrare rifiuti speciali a Rezzato Brescia, a firma della società La Castella s.r.l., controllata da Garda Uno Spa
Premesso
- che dalle notizie apprese a mezzo stampa, la società La Castella S.r.l., controllata al 100% da
Garda Uno Spa, ha presentato la richiesta di realizzazione di una nuova discarica su un'area di 121 000 mq di terreno nel Comune di Rezzato,
- che si prevede un impianto per sotterrare un milione di metri cubi di rifiuti speciali (905mila per la precisione) per una gestione di 7 anni, di almeno 14 tipologie diverse, tra questi il cemento e i suoi derivati, i rifiuti industriali, i prodotti del trattamento delle acque reflue, metalli e terreni, anche contaminati,
- che la richiesta già arrivata in Comune, prevede comunque la "messa a dimora permanente",
- che questa nuova domanda segue una prima richiesta, già ampiamente contestata, della realizzazione di un primo sito di gestione dei rifiuti per un totale di 1,9 milioni di metri cubi, a meno di un chilometro dalle scuole materne ed elementare di Buffalora. A questa richiesta si sono opposti i vari enti competenti, le amministrazioni comunali coinvolte, Arpa, Asl e la Regione Lombardia.
Considerato
- che "La società Garda Uno è nata come Consorzio nel 1974 allo scopo di provvedere alla tutela ecologica del Lago di Garda. Protagonista di rilevanza nell'offrire servizi alle comunità e nel garantire la tutela del paesaggio, con visibilità totale lungo tutta la sponda bresciana del lago." come si può leggere sulla pagina internet dell'azienda,
- che Garda Uno S.p.A. è una società di capitali a totale partecipazione pubblica di cui il comune di Lonato del Garda possiede il 10,83% delle quote, - che La società Garda Uno Spa, avendo in gestione il servizio di igiene urbana del Comune di Lonato del Garda, trae profitto dalla gestione di tale servizio incassando i proventi dalla riscossione della tassa sui rifiuti TARI versata da tutti i cittadini lonatesi.
RITENUTO
- che una società pubblica che gestisce, oltre ad altri servizi, il servizio di igiene urbana in diversi Comuni, e che quindi vive esclusivamente dei proventi da riscossione di tasse e tributi versati dai cittadini in virtù dei servizi offerti, dovrebbe concentrarsi sull'esecuzione e l'ottimizzazione degli stessi, e non sulla realizzazione di strutture o impianti per lo smaltimento di rifiuti speciali, magari anche provenienti da Comuni non gestiti direttamente, o addirittura da realtà extra-provinciali, realizzando forme di business lontane dallo spirito secondo cui una società pubblica dovrebbe agire,
- che la gestione imprenditoriale diretta di impianti o strutture atte allo smaltimento di rifiuti possa essere in contrasto con lo spirito e l'obiettivo che gli enti Comunali dovrebbero perseguire, ovvero una progressiva riduzione e massimizzazione del riciclo e del recupero dei rifiuti di qualsiasi genere da essi raccolti.
La sottoscritta Rossella Magazza, portavoce del Movimento 5 stelle,
chiede al sindaco
- qual è la posizione di questa Amministrazione, eventualmente già riportata ed espressa, avendone facoltà, nell'ambito delle riunioni dell'Organo Amministrativo di Garda Uno Spa, in merito alla decisione di quest'ultima di realizzare, attraverso la società interamente controllata La Castella S.r.l., una discarica per rifiuti speciali in territorio del Comune di Rezzato?
Lonato del Garda, 23 gennaio 2017
Cordialmente
Il Consigliere del Movimento 5 Stelle


Lonato del Garda - 

Consiglio Comunale a Lonato del Garda 30 marzo 2017
Punto 8: approvazione del Piano Finanziario per l'applicazione del tributo comunale sui rifiuti, la tassa che porta il nome TARI.
12 voti favorevoli e 3 voti contrari con il nostro.
La normativa di riferimento è il DPR 27/04/99 N°158 e l'art. 8 descrive come deve essere un piano finanziario. Deve essere corredato da una relazione nella quale sono indicati gli elementi che concorrono a determinare la TARIFFA.
Nel piano finanziario approvato, mancando la relazione, mancano tutti questi elementi:
- Modello gestionale e organizzativo: n° utenze domestiche e non, n° utenze per n° componenti famiglie, n° famiglie, distribuzione delle utenze sul territorio, percentuale utenze nelle frazioni e nel centro, tipologia e numero delle attività e tipo di rifiuti, totale differenziata e indifferenziata, numero automezzi, autisti, operai impiegati; mancano i dati delle aziende che acquistano i nostri materiali: vetro, carta, alluminio, plastica, umido, ....
- ma soprattutto manca un dato essenziale, cioè QUANTO SI RICAVA DALLA VENDITA DEI MATERIALI, perché se vendiamo i nostri materiali, abbiamo un guadagno che va a diminuire le spese e se le spese diminuiscono diminuisce anche la tariffa;
- la relazione deve anche indicare come si opera per incentivare azioni di informazione e sensibilizzazione dell'utenza per ridurre la quantità di rifiuti non riciclabili con l'obiettivo di arrivare alla TARIFFA PUNTUALE; perché PIÙ DIFFERENZI, MENO PRODUCI E PIÙ RISPARMI. Ciò vuol dire che i cittadini virtuosi devono essere premiati con uno sconto sulla tari e chi ancora virtuoso non è, va incoraggiato a diventarlo nel RISPETTO DEL PRINCIPIO: CHI MENO INQUINA MENO PAGA.
- Sul sito del Comune leggiamo:
- "Il servizio mira a ridurre la produzione dei rifiuti, e ad aumentare la raccolta differenziata, contenendo i costi."
Ma a quanto si può vedere dalle parole non siamo ancora passati ai fatti, visto che a Lonato la tari continua ad aumentare, anziché diminuire.

rifiuti5.jpg


Lonato del Garda - 

BOCCIATA A LONATO DEL GARDA LA MOZIONE CHE CHIEDEVA AL SINDACO DI INDIVIDUARE E SANZIONARE I RESPONSABILI DELL'INQUINAMENTO DI RIO MAGUZZANO
Il Movimento 5 Stelle ancora una volta chiede al primo cittadino e agli uffici competenti di effettuare controlli sul territorio in modo che chi inquina paghi di tasca propria.
Nessuno deve pensare che in un territorio si possa fare tutto ciò che si vuole a danno dell'ambiente e della salute delle persone, senza pagarne le conseguenze.
Come quando un cittadino supera anche di poco il limite di velocità paga la multa.
Voto contrario del Sindaco e della maggioranza alla mozione:
nessuna sanzione quindi per chi inquina e continua a farlo.
moz_rio_mag.jpg

mozione_rio_maguzz.jpg

A DIFESA DEL NOSTRO TERRITORIO


Lonato del Garda - 

Quando scopriamo una cosa bella come possiamo non sentircene responsabili?
Dobbiamo essere custodi della bellezza della nostra terra,
una terra che troppo spesso abbiamo devastato.
Non ne siamo proprietari, ma semplici custodi.

3_conf_vol.jpg


Lonato del Garda - 

E il Movimento 5 Stelle cosa ne pensa? INTEGRAZIONE al Bresciaoggi di oggi. A onor del vero e di informazione completa e corretta. CONSIGLIERE COMUNALE PRESENTE ALLA CONFERENZA PER IL M5S: ROSSELLA MAGAZZA 😉
MOVIMENTO 5 STELLE DI LONATO E DESENZANO: PRESENTE
AUMENTANO LE NOSTRE RAGIONI CONTRARIE al devastante progetto di una mega struttura alberghiera da 160 camere proposta al lido di Lonato.
Alla 2^ conferenza per la valutazione del progetto anche i comuni di Desenzano e Padenghe esprimono parere fortemente negativo affiancato al parere della soprintendenza.
Il complesso è decisamente FUORI SCALA rispetto a tutto quello che ha intorno e condividiamo il parere del Comune di Desenzano " l'impatto sulla viabilità esistente aggraverebbe inevitabilmente e insostenibilmente la viabilità tra i due comuni. L'intervento si colloca a ridottissima distanza dal lago con le conseguenze di INTRUSIONE E OSTRUZIONE paesistica che ne derivano, modificando la vista dal lago verso terra, vista che è invece tutelata in tutta la costa gardesana. A noi 5 Stelle sta a cuore quello che è universalmente considerato "un ben di Dio" quale è il paesaggio impagabile della Valle di Maguzzano.
Nel progetto che abbiamo davanti vediamo solo speculazione e sfruttamento esasperato di un bene ( il territorio e il paesaggio di Maguzzano) (come abbiamo già detto e scritto altre volte) che è di tutti ma è trattato, da chi ci amministra, come se non fosse nostro e sta venendo nel tempo sempre più deteriorato, svolto e violentato per strapparne un tornaconto di poca consistenza e breve durata, come lo stupratore che distrugge ciò da cui trae un breve piacere, che lo lascia però sempre più affamato.
Chi interviene su questo ben di Dio (in tutti i sensi) deve esserne all'altezza, avendone cura e rispetto almeno tanto quanto ne misero, a suo tempo, i monaci, i quali vedevano la terra e i suoi frutti come dono divino: la valle e la sua terra sono il "corpo" di cristo che produce il pane che viene spezzato nell'Eucaristia, l'acqua delle risorgimento fa crescere le vigne da cui si trae il vino "sangue di Cristi".

sec_conf.jpg


Lonato del Garda - 

CITTADINI DI VISANO LEGGETE QUI !!!!!!!!!
ANCHE VOI VE NE FARETE UNA RAGIONE?
Consiglio Comunale a Lonato del Garda martedì 19 luglio 2016
Punto 1 Comunicazione del sindaco, anche se in realtà le comunicazioni sono state fatte dal presidente di Garda 1 e dall'ingegnere che si occupa del progetto del collettore del Garda.
Chiedo al presidente cosa ne pensano i cittadini di Visano che andiamo a portare i reflui della sponda bresciana a Visano.
Risposta: tutte le volte che portiamo qualsiasi impianto su un territorio i cittadini non sono mai d'accordo nel ricevere un impianto di smaltimento, un termovalorizzatore, un depuratore. Nelle nostre frazioni non volevano neppure il cassonetto dello sporco davanti a casa. Se partiamo da questo presupposto non metteremo mai niente e quindi i cittadini di Visano si troveranno l'acqua ammalata. Non è tanto quello che pensano i cittadini di Visano, ma quali garanzie riusciremo a dare a questi cittadini che questo depuratore non creerà un problema.
A Peschiera, cittadina turistica, il depuratore per 330 mila abitanti non sta creando problemi.
A VISANO CI SARÀ CHI NON LO ACCETTERÀ E CE NE FAREMO UNA RAGIONE.
RISPOSTA ALLA SECONDA DOMANDA
Quanto costa il tratto di collettore fino a Visano?
Risposta dell'ingegnere: in termini di costo non li ricordo con dettaglio, sono 40 km di collettore, ma non è impegnativo perché sono interessate moltissime strade bianche di campagna per cui si può lavorare tutto l'anno, il problema economico è il meno rilevante.
NON E' RILEVANTE QUANTI SOLDI PUBBLICI SARANNO SPESI TANTO PAGHIAMO NOI CITTADINI

A Lonato del Garda insieme alla Torre Civica bruceranno anche i nostri risparmi!!!!!!

torre_brucia.jpg


Lonato del Garda - 

Pubblico la nostra interpellanza anche se non si è discussa in Consiglio Comunale questa sera in quanto arrivata fuori tempo!!!!
Ho chiesto cortesemente di inserirla all'ordine del giorno del Consiglio perchè l'argomento era già all'ordine del giorno. L'interpellanza è stata inviata a tutti i consiglieri comunali, ma il permesso non è stato concesso. Non poteva esserci concesso perchè era fuori tempo, ma anche perchè la sapevamo lunga sull'argomento.
Quella che vedete nel cerchio giallo in fotografia è una ruspa.
sbanc.jpg
Questa la nostra interpellanza:
interpellanza_sbancamento.pdf

Partecipa ai nostri eventi