MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Lucera - 

Francesco Caporicci, attivista del meetup Lucera 5 Stelle, nonchè presidente del comitato della Zona Bianca, ci spiega nel dettaglio gli ultimi sviluppi riguardanti il PUG del Comune di Lucera!


Lucera - 

PURTROPPO AVEVAMO RAGIONE. Quando due anni fa in campagna elettorale dicevamo che il PUG del Comune di Lucera dei sindaci DOTOLI/TUTOLO, conniventi in questo specifico ambito, NON ERA COMPATIBILE e che la regione l’avrebbe rigettato perchè colmo di atti nulli AVEVAMO RAGIONE!

CHE DIRE? Abbiamo perso due anni…. COLPA DELLE PASSATE AMMINISTRAZIONI?


Lucera - 

Thumbnail image for logo lucera.png

Dopo la buffonata dell'acquisto (tentato) della Bioecoagrim, dopo l'ennesimo stillicidio urbanistico, dopo le fallite promesse fatte ai cittadini della 167, dopo il fallimento evidente di dare vita al nuovo Sant'Anna, ecco qua una nuova questione al quanto strana: quella dei trasporti, o meglio, quella riguardante il servizio scuolabus, diversamente abili ed idrico, oggetto della determina nr. 462 del 29/10/2015.

E' importante ricordare che appena qualche giorno fa, precisamente il 04 novembre 2015 vi è stato, presso palazzo Mozzagrugno, un incontro tra l'Assessore al ramo Francesco Di Battista, l'Assessore Fabrizio Abate e i lavoratori della Lucera Service.

Cosa è accaduto e soprattutto di cosa si è discusso?

Non essendo stati presenti all'incontro, cercheremo di rispondere attraverso le notizie e i video riguardanti l'incontro apparsi su internet.

Dagli articoli e dai video si evince che:
a) la "Lucera Service" vantava nei confronti del Comune un credito di circa 800.000 euro;
b) il Sindaco convocò una riunione straordinaria presso l'Ufficio Urbanistica prima di Capodanno ed erano presenti l'assessore Fabrizio Abate, l'architetto Antonio Lucera, il funzionario Lucio Barbaro, una delegazione di lavoratori ed il titolare della ditta. In quell'occasione il sindaco propose di pagare alla ditta circa metà del credito (450.000 euro) a condizione che lo stesso titolare fosse disposto a pagare le spettanze arretrate ai dipendenti;
c) la Lucera Service accettò la proposta dell'amministrazione e si ipotizzò come termine la fine di gennaio, ma entro quella data l'azienda non eseguì i pagamenti;
d) a seguito di quella "presa in giro", come l'ha definita Salvatore Clemente, uno dei lavoratori, ci fu lo sciopero e da quel momento la Lucera Service usufruì di numerose proroghe;
e) il Comune obbligò la ditta, nel periodo di tempo in cui trovava un altro fornitore di servizi, a mantenere l'intera forza lavoro, una proroga, questa, con scadenza 2 gennaio 2015, data, quest'ultima, che fu nuovamente rinnovata.

Puntiamo l'attenzione particolarmente a quest'ultimo punto.

Il comune obbligò la ditta a mantenere l'intera forza lavoro fino alla data in cui si riusciva a trovare il nuovo fornitore del servizio.
La determina sopracitata, la n. 462 del 29/10/2015, AFFIDA alla "nuova" società, FANCY TOUR SRL, il servizio diversamente abili, idrico e scuolabus secondo la procedura negoziata senza bando .
A seguito di una piccola indagine scopriamo che il legale rappresentante della FANCY TOUR SRL è il signor Antonio Colatruglio.
Colatruglio, un cognome che già ritroviamo nella società Lucera Service, quella che lascia il servizio.
Omonimia?

Ora il quesito che ci poniamo e che vogliamo portare all'attenzione di tutti i cittadini è questo:
- I due assessori (Di Battista e Abate) sapevano di questa determina?

E se sapevano:

- a quale fine proponevano nuove soluzioni ai dipendenti disperati?
- perchè non hanno parlato di questa determina durante l'incontro?

Il meetup Lucera Cinque Stelle vuole vederci chiaro e fa proprie le rivendicazioni dei lavoratori.
I due assessori dopo questo nostro comunicato farebbero bene a spiegare cosa è accaduto e cosa accadrà ai lavoratori con quella determina di affidamento.

Salvo omonimia!

Meetup Lucera Cinque Stelle

ISTANZE PROTOCOLLATE


Lucera - 

Thumbnail image for logo lucera.png

Aggiorniamo la cittadinanza sulle istanze protocollate al Comune di Lucera dal nostro meetup.

(clicca per scaricare i files)

efficientamento energetico.docx

OdG-Baratto-Amministrativo.doc

Finanziamenti per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate 1.docx

lettera questione indennizzi 167.pdf

MEETUP LUCERA 5 STELLE

Lucera - 

Thumbnail image for logo lucera.png

Il meetup Lucera Cinque Stelle ripone all'attenzione dei cittadini il caso Bioecoagrim e la fallita partecipazione all'asta della Provincia di Foggia.

Ricordiamo ai cittadini di Lucera che l'ambizioso tentativo di acquistare all'asta una porzione della Bioecoagrim, promosso dal delegato all'ambiente nonchè Sindaco di Lucera Antonio Tutolo , non è andato a buon fine a causa di un non meglio motivato ritardo di alcuni funzionari della Provincia che sono arrivati al luogo in cui si teneva l'asta alle 12:10 circa, anziché alle 12:00.

Non sono tardate le reazioni del Presidente Miglio e del Sindaco Tutolo, che qui di seguito riportiamo:
"È successo un fatto di inaudita gravità" - ha tuonato Miglio - "Inaccettabile. Abbiamo già chiesto una relazione dettagliata ai responsabili per capire cosa è accaduto. La leggeremo e poi agiremo. Non potranno non esserci conseguenze. Chi ha sbagliato pagherà".
Tutolo aggiungeva "Oggi si poteva parlare di una bella pagina politica. Migliaia di cittadini hanno un problema e dopo anni la Provincia stava per dare una risposta definitiva. L'Arpa ci ha indicato un problema e noi stavamo per risolverlo. Ne abbiamo avuto l'opportunità con l'asta giudiziaria. Un'opportunità più unica che rara, grazie alla quale potevamo raggiungere l'obiettivo di rendere 'innocuo' lo stabilimento e con tariffe agevolate per i Comuni. Ma il nostro lavoro e gli incontri in Regione non sono bastati. Tutto questo è rimasto un sogno. Ma ora chiedo chiarezza. Voglio capire i motivi. Se c'è dolo o se si tratta soltanto di superficialità. Delle due non saprei qual è più grave". Infine annunciava "L'anno prossimo il problema non si avrà e sono pronto a fare di tutto per chiudere quell'impianto. Sono pronto anche a denunciare l'ente Provincia".

Possiamo osservare come entrambi parlino di una fantomatica relazione dettagliata su quanto è accaduto richiesta alla tecnostruttura.

Il meetup Lucera 5 Stelle appellandosi all'art. 22 della Legge 241/90, chiede al Sindaco Tutolo, in qualità di delegato all'ambiente e al Presidente della Provincia di Foggia, Francesco Miglio, la pubblicazione della relazione dettagliata richiesta alla tecnostruttura dell'ente provincia al fine, fondamentale, di poter far conoscere alla cittadinanza tutta i reali motivi che hanno impedito all'ente di Palazzo Dogana di presentare l'offerta per rilevare la porzione di stabilimento Bioecoagrim.

Ci aspettiamo una pronta risposta e, in generale, maggiore chiarezza e trasparenza.

MEETUP LUCERA 5 STELLE

Lucera - 

Thumbnail image for logo lucera.png

Il Meetup LUCERA 5 STELLE, di concerto con le portavoce in Consiglio Regionale ROSA BARONE, ANTONELLA LARICCHIA e VIVIANA GUARINI ha prodotto una interrogazione regionale volta a fare chiarezza una volta per tutte sull'annosa questione urbanistica lucerina e più particolarmente sul PUG che in questi giorni è al vaglio dell'ente regionale.

Di seguito il testo integrale dell'interrogazione. clicca qui se vuoi scaricare il pdf.

Al Presidente del Consiglio Regionale Mario Loizzo Via Capruzzi 204 ­ B A R I

All'Assessore all'Urbanistica
Anna Maria Curcuruto
Lungomare Nazario
Sauro
n°33
70121 B A R I

p.c. Al Presidente della Giunta Regionale
Michele Emiliano
Lungomare Nazario Sauro n°33
70121 B A R I

OGGETTO: Interrogazione a risposta scritta in merito alla procedura di adozione del
P.U.G del Comune di Lucera (FG)

Le sottoscritte Consigliere Regionali Antonella Laricchia, Rosa Barone e Viviana Guarini

PREMESSO CHE

● In data 15/05/2014 si è tenuto il consiglio comunale a Lucera (FG) per l'adozione del
P.U.G;
● il piano 167 ­ P.E.E.P. del Comune di Lucera, era stato annullato con parere
definitivo del Consiglio di Stato sez. II il 21/11/07 ed emanato in D.P.R. il 15/04/09;
● anche il piano di edilizia libera denominato "Lucera 2" ha subito lo stesso
annullamento giurisdizionale per sentenza del Consiglio di Stato sezione IV del
18/04/2014 n. 2001;
● A mezzo nota informativa dell'aprile 2014, il dirigente dell'ufficio urbanistico del
comune di Lucera, informava il Sindaco, il redattore del PUG, prof. de Salvia, il
Presidente del Consiglio, il Segretario Comunale e i Consiglieri Comunali tutti, della
predetta sentenza del Consiglio di Stato sezione IV del 18/04/2014 n. 2001, in
annullamento della delibera n. 12 del 23/02/2010, attinente il Piano Particolarreggiato
di edilizia libera denominato "Lucera 2";
● a distanza di un mese, in data 15/05/2014, come sopra indicato, il consiglio
comunale per l'adozione votava favorevolmente per l'adozione del P.U.G. (del. di CC
n. 25/14​), che includeva anche la succitata delibera n. 12/2010, benché annullata dal
C.D.S.

CONSIDERATO CHE

● Nella delibera di CC n. 25 del 15 /05/2014 venivano riportate come vigenti sia la
delibera n. 6/2010, inerente al piano di zona 167 (la quale veniva annullata
dall'assessorato all'urbanistica della regione Puglia in conferenza di servizi del
14/06/2012), sia la delibere la n. 12 del 24/02/2010 del Piano Particolareggiato
"Lucera 2", anch'essa annullata come esposto in premessa.
● Sempre nello stato giuridico di adozione di codesto PUG non veniva riportata la
delibera di giunta comunale num 321/2012, rappresentante il nuovo PPZ della 167,
riformulato in virtù di un precedente annullamento del Consiglio di Stato.
● la 167 del Comune di Lucera già dal 30 marzo 2008 è interessata dall'accordo di
programma "Contratti di Quartiere II".
● la zona 167 del Comune di Lucera, vista la nota del 23/09/15 del dirigente del
Osservatorio Abusivismo e Contenzioso della Regione Puglia alla Procura della
Repubblica di Foggia, nonché per conoscenza al signor Francesco Caporicci
(presidente del "Comitato Zone Bianche di Lucera") e al dirigente comunale di
settore, è stata oggetto di una nota di relazione in merito a illeciti amministrativi.

CONSIDERATO altresì che

● la Regione Puglia, con delibere di Giunta n. 1797/2005 e n. 1026/2012, diffidava ed
imponeva al Comune di Lucera, a pena di invio di un commissario ad acta ai sensi
dell'articolo 55, comma 3, della legge regionale n. 56 del 1980 della Regione Puglia,
di operare entro sessanta giorni una variante generale al P.R.G. volta alla
riqualificazione delle aree cosiddette "zone bianche";
● allo scadere del termine intimato e nonostante la perdurante inerzia del comune di
Lucera, la Regione Puglia non inviò il commissario ad acta così come previsto dalla
su citata normativa;

INTERROGANO

L'assessore all'Urbanistica
per sapere:

● se ritiene opportuno procedere alla non approvazione del PUG del Comune di
Lucera,​considerate le intervenute sentenze del Consiglio di Stato che annulla le
varianti incluse nelle delibere di CC n. 25/14 e n. 44/15, costituenti il PUG stesso.
● se, alla luce dell'annullamento del piano di zona 167, come da DPR del 15/04/2009,
i finanziamenti previsti per l'accordo di programma (Contratti di Quartiere II) siglati
dal MIT, dalla Regione e dal comune, siano stati accreditati dalla Regione Puglia.

Bari, 27/10/2015

Le Consigliere Regionali Antonella Laricchia Rosa Barone Viviana Guarini
MEETUP LUCERA 5 STELLE

Lucera - 

logo lucera.png

Sì vantano di essere riusciti ad ottenere un finanziamento di 570.000 per i mosaici di San Giusto e dimenticano quanto dichiarato in passato.
Non sappiamo se questo è un vizietto ma spesso ci capita di assistere alle oscene contraddizioni del nostro primo cittadino e della sua amministrazione.
Lo definivano ironicamente "il geniale architetto pugliese, che approntava progetti in tempi record " , un "Pietro Mennea dell'architettura " come pure parlava di " una Giostra su cui per salire bisognava pagare il biglietto " non sappiamo a cosa si riferisse ma una cosa è certa oggi che è lui il nuovo giostraio deve spiegare alla città come mai questo cambio di opinione. Per noi il quadro è chiaro l'allora candidato Sindaco piaceva galoppare su una serie di argomenti per screditare e nel contempo raggirare e conquistare il buon senso di quei desiderosi di cambiamento. Cambiamento che non vi è mai stato se non quello di vedere un Sindaco che di istituzionale nulla dimostra. Insomma il bugiardo in questo caso non ha Buona memoria. Per concludere ci piace riprendere l'ultimo periodo usato per la chiusura di quel comunicato redatto da lapagnotta.org che alleghiamo e scriviamo "alla fine possiamo dire che pur non avendo mai spostato realmente il mosaico da quei sotterranei, i suoi tredici anni di viaggi nella burocrazia ci costeranno altri 570.000 euro" . Che dire? Speriamo che sia l'ultima.

MEETUP LUCERA 5 STELLE

Di seguito, l'ultimo intervento tratto da "lapagnotta.org"... prima del ripensamento!

Circa vent'anni fa, durante i lavori di realizzazione della diga di San Giusto, venivano alla luce i meravigliosi mosaici della Chiesa Paleocristiana.
L'entusiasmo degli archeologi era alle stelle, e dopo aver provveduto ad un accurato lavoro di rimozione, per evitare che il mosaico venisse sommerso dalle acque, si cominciò a discutere di dove collocare questi tesori affinché tutti i cittadini potessero fruire di tali bellezze.
Per dare una degna sistemazione a questi reperti finalmente, nel 2004, arrivano anche dei fondi pubblici.
Quando eravamo bambini, durante le gite in campagna, ci dicevano sempre "Non alzare le pietre, che escono i serpenti!", e a Lucera, come tutti sanno, non appena si tocca una lapide, un concio, una stele, un'epigrafe...esce il Serpenti, un geniale architetto barese, che appronta un progetto in tempi record. Nel suo campo è il pugliese più veloce che si sia mai visto, una specie di Pietro Mennea dell'architettura. (Delibera Giunta Labbate n. 268 del 10.08.2004)
Ovviamente per salire sulla giostra si paga il biglietto. Ai cittadini di Lucera costerà circa 285.000 euro.
Il progetto prevede di collocare il mosaico nel giardino del Convento del SS. Salvatore, volgarmente noto come "San Pasquale", non prima però di averlo restaurato come si deve. In un luogo tenuto rigorosamente segreto (nello scantinato della Scuola Materna "G. Rodari"), l'Impresa appaltatrice esegue questo lavoro. A questo punto tutto è pronto per spostare il mosaico nella sua destinazione finale, ma dopo tre anni dalla redazione ed approvazione del progetto, San Pasquale era indisponibile (o indisposto?).
Fortunatamente non tutti i cervelli fuggono all'estero, e quelli che sono rimasti a Lucera decidono di spostare il mosaico nel vicino campo di pattinaggio, visto che le attrezzature sportive abbondano, e si saranno chiesti "ma a che cavolo serve un campo di pattinaggio, che quelli poi ci giocano a pallone?". (Delibera Giunta Morlacco n. 256 del 23.10.2007)
Nonostante i mosaici siano ancora conservati nelle segrete della Scuola Materna e non si siano spostati di un millimetro, la tratta San Pasquale - Pattinaggio ci viene a costare 85.000 euro. Il biglietto doveva essere di andata e ritorno, evidentemente, visto che dopo pochi mesi i preziosi reperti stanno di nuovo a San Pasquale, per volontà del Comune e della Soprintendenza Archeologica. (Delibera Giunta Morlacco n. 137 del 22.05.2008)
I mosaici, però, intraprendono un viaggio puramente virtuale, e ci si chiede perché non sia previsto il rimborso del biglietto. E' come se oggi decido di andare a Roma, vado in banca e prelevo 500 euro per il viaggio, poi domani ci ripenso, perché sono "indisposto", e resto a casa mia. Penso che i 500 euro me li dovrei comunque ritrovare in tasca, e invece no, stanno a Roma. Mah!?
All'improvviso si ode un urlo: "c'è da spostare un mosaico!". E perché si deve spostare, sta in doppia fila? C'è un passo carrabile? Sta messo male?
Si deve spostare perché lo dice la Soprintendenza, non quella di prima, un'altra, quella dei Beni Architettonici.
La supercazzola finale della Direzione Regionale dei Beni Culturali, si traduce sostanzialmente così: "Il mosaico non fa pendant con il Convento".
Sarebbe bello vedere tutti questi soggetti con i pezzi del mosaico che vanno in giro per la Città a cercare una locazione adatta, ma, fortunatamente per loro, i viaggi del mosaico sono ancora tutti immaginari. Sfortunatamente per noi, invece, i costi lievitano realmente.
Alla fine decidono di posizionarlo all'interno del Castello, collocandolo nei cosiddetti "Casoni Angioini", anche se forse era meglio un diminutivo, viste le polemiche che ha sollevato questo assurdo progetto.
Questa volta la tratta San Pasquale - Castello costa più di 100.000 euro. Giustamente il Castello è più lontano del campo di pattinaggio. (Delibera Giunta Dotoli n. 170 del 23.07.2010)
"Scusi, c'è da spostare un mosaico!". Un'altra volta? Sì, perché nel 2012 il mosaico ritorna virtualmente di nuovo a San Pasquale (Delibera Giunta Dotoli n. 366 del 31.12.2012), anche se nel mondo reale sta sempre negli scantinati della Scuola. Questa volta, spendendo circa 100.000 euro, si scopre incredibilmente che all'interno del Castello ci sono dei siti archeologici incompatibili con la realizzazione dei "Casoni". Evidentemente questi luminari della Soprintendenza pensavano che le colonne, e i reperti visibili un po' ovunque, dovevano essere dei rimasugli del film "Il Soldato di Ventura".
Sperando che questi mosaici abbiano trovato la pace, siamo in attesa di assistere all'unico viaggio reale di sola andata dai sotterranei della Scuola materna "G. Rodari" fino alla definitiva collocazione.
Alla fine è d'obbligo tirare le somme di tutta questa vicenda.
Destinazione iniziale prevista dal progetto: Convento SS. Salvatore (San Pasquale) - costo iniziale dell'opera € 750.000,00.
Destinazione finale prevista dal progetto: Convento SS. Salvatore (San Pasquale) - costo finale dell'opera € 1.147.943,84 oltre la spesa per le inutili e costose indagini al Castello per € 104.583,20, fa un totale di € 1.252.527,04.
Quindi con un aumento di spesa di € 502.527,04.
Alla fine possiamo dire che pur non avendo mai spostato realmente il mosaico da quei sotterranei, i suoi nove anni di viaggi nella burocrazia ci sono costati mezzo milione di Euro.


Lucera - 

vignetta scuolabus.jpg

Speriamo non sia vero, ma in questi giorni a Lucera gira voce che i mezzi di trasporto pubblico che si occupano di accompagnare i bambini a scuola abbiano transitato per circa tre mesi (dallo scorso giugno e fino al 6 Ottobre 2015, quindi fino a quasi un mese dalla riapertura delle scuole) SENZA REVISIONE!

Se questo fosse vero sarebbe quanto meno scandaloso. Verrebbe meno, infatti, la sicurezza dei nostri figli, dei bambini che affidiamo a chi dovrebbe proteggerli nel tragitto da casa a scuola. E, sempre se fosse vero, vorremmo sapere come minimo di chi è la responsabilità di questo fatto increscioso.

RESTIAMO IN ASCOLTO SPERANDO CHE SI SVELI IL MISTERO!

MOVIMENTO 5 STELLE LUCERA

Lucera - 

Thumbnail image for 10712776_1476432945956539_9149984776800648105_n.jpg

Egr. Delegato Provinciale per l'Ambiente e Sindaco di Lucera
Sig. Antonio Tutolo,

dopo aver assistito al triste teatrino da Lei messo in scena in occasione della seduta pubblica di inchiesta sul progetto di impianto anaerobico presentato dalla Bio Ecoagrim, non possiamo esimerci dal rilevare il livello ormai imbarazzante di contraddittorietà delle Sue posizioni.
Dopo aver urlato ai quattro venti, insensatamente, che con la Bio Ecoagrim non avrebbe "trattato", come se sul rispetto della legge si potesse negoziare, ha dovuto gettare la maschera con cui nascondeva la pochezza delle Sue argomentazioni.
Perché ha atteso oltre due anni per "chiarire" che l'unico motivo della Sua opposizione al progetto della Bio Ecoagrim era che i due impianti, quello già esistente (aerobico) e quello a costruirsi (anaerobico), non devono operare autonomamente?
Perché ha impiegato due anni per giungere alla elementare conclusione che i due impianti devono essere autorizzati a funzionare autonomamente solo ed esclusivamente nei casi di emergenza e per il tempo strettamente necessario a risolverla?

Voleva prima vincere le elezioni comunali sulla pelle dei cittadini?

E dov'erano il Suo candidato consigliere regionale e gli altri Suoi compagni della Lista Emiliano, l'1 ottobre 2015?
Venendo al merito della conferenza di servizi, non possiamo che ribadire quanto già affermato dalla nostra Portavoce Rosa Barone. La assoluta necessità che i due impianti operino soltanto in via complementare non è sufficiente a scacciare ogni rischio di inquinamento dell'ambiente.
La quantità di rifiuti destinata ad entrare nel ciclo di lavorazione è enorme: potenzialmente 220.000 tonnellate all'anno, il che significherà rifiuti provenienti da tutte le regioni d'Italia.
Un impianto di simili proporzioni, seppure in grado di abbattere le molestie olfattive, comporterà inevitabilmente emissioni in atmosfera di gas serra, polveri sottili, scarti, rifiuti e acque da depurare.
A ciò deve aggiungersi il rischio che l'azienda si concentri sulla produzione di biogas, favorita dagli incentivi rivenienti dai c.d. certificati verdi, a discapito della produzione di compost di qualità.
Sarà indispensabile, per questo motivo, agire in tutte le sedi competenti per LIMITARE sensibilmente la quantità di rifiuti da autorizzare, evitando al nostro territorio di diventare la pattumiera di altri.
Sarà altresì indispensabile imporre alla Bio Ecoagrim il rispetto di alti standard di qualità del compost da produrre, da prestabilire con accuratezza.
In tale direzione, La invitiamo ad intervenire sin da ora, in fase progettuale, e non quando sarà troppo tardi!
Sindaco, la campagna elettorale è terminata: è ora di tutelare davvero e non a chiacchiere, la nostra comunità.

MOVIMENTO 5 STELLE LUCERA

Lucera - 

manifesto 167.jpg

Thumbnail image for 10712776_1476432945956539_9149984776800648105_n.jpg

I candidati a Lucera

Pagine

Partecipa ai nostri eventi