MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Maglie - 

QUELLO CHE STAI PER LEGGERE E' UN PROGRAMMA SCRITTO DAI CITTADINI PER I CITTADINI

CHI SIAMO

La nostra lista è contraddistinta dal simbolo "Movimento 5 Stelle".
Molti, in cambio di appoggi elettorali e/o assegnazione a tavolino di cariche istituzionali, ci hanno sollecitato ad abbandonare questo simbolo ed invitato
ad entrare in altre liste.
Convinti della bontà del nostro progetto e degli ideali alla base del Movimento, abbiamo lavorato due anni per prepararci alle elezioni del 2015.
Siamo comuni cittadini che hanno deciso di partecipare alla gestione della cosa pubblica.
Non abbiamo tessere di partito, non facciamo politica per professione, non siamo mai stati eletti prima.
Proponiamo un modo nuovo di amministrare che parta dal coinvolgimento diretto dei cittadini nelle scelte amministrative: il voto non è una delega in bianco data al politico di turno. Il governo della città, i bilanci comunali, il piano regolatore non riguardano solo i pochi addetti ai lavori.
Per il "Movimento 5 Stelle" ogni cittadino è chiamato a decidere sulle principali scelte.
I progetti che incideranno in maniera rilevante sulla popolazione saranno preventivamente resi pubblici ed integrati con le osservazioni dei cittadini utilizzando ogni mezzo, tecnologico e non, al fine di garantire un nuovo modo di fare politica.
Mai più dovrà accadere che scelte vitali per la cittadinanza vengano prese senza che questa sia stata consultata o che il Sindaco prenda posizione senza accertarsi di rappresentare la reale volontà dei cittadini (BIOGAS, Pattinodromo, Bike Sharing, Minigolf, Franite, etc).

COME NASCONO LE NOSTRE PROPOSTE
La redazione di questo programma è il frutto di un anno di lavoro da parte di tutti gli attivisti
Fin dall'inizio abbiamo ritenuto importante ed imprescindibile il contatto ed il confronto con le diverse realtà sociali, produttive e culturali della nostra città. Per comprenderne le caratteristiche, i punti di forza e le criticità, la nostra attività si è svolta per lo più in mezzo alla gente.
Banchetti, raccolta firme, volantinaggi, occasioni pubbliche di incontro, riunioni a tema sono solo alcuni esempi del nostro modo di lavorare.
Particolare importanza hanno rivestito le riunioni settimanali presso la nostra
sede; da sempre aperte a tutti e continuo stimolo al confronto ed alla presa di decisioni in modo democratico.
Per una migliore gestione della cosa pubblica tutti devono acquisire consapevolezza dei propri diritti e dei propri doveri, tutti devono essere informati, tutti devono poter scegliere.
Il programma è aperto e modificabile fino all'ultimo giorno utile prima della presentazione ufficiale della lista.
In ogni caso, durante la legislatura, sarà sempre possibile per i cittadini continuare ad indicarci le loro esigenze.

IL TEMPO DELLE DELEGHE E' FINITO ...
Per troppo tempo ci siamo limitati a mettere una croce sulla scheda elettorale e poi trascorrere i cinque anni successivi a lamentarci.
La delega in bianco, senza la partecipazione ed il controllo da parte dei cittadini ha creato la peggiore classe politica che si ricordi.
Non lamentiamoci se le cose stanno degenerando perché la colpa è anche
della nostra disattenzione, della nostra disinformazione, del nostro disinteresse.
Su quali politiche economiche ha puntato Maglie negli ultimi anni?
E quali sono le principali voci di spesa del Comune di Maglie?
Quanti interessi paghiamo per i mutui contratti?

I PUNTI DEL NOSTRO PROGRAMMA

1. COSA PUBBLICA E GESTIONE DEL COMUNE
1.1 Trasparenza
1.2 Personale e polizia municipale
1.3 Viabilità
1.4 Sicurezza
1.5 Urbanistica
1.6 Bilancio

2. AMBIENTE
2.1 Ambiente
2.2 Nettezza urbana
2.3 Agricoltura

3. SERVIZI AL CITTADINO
3.1 Connettività
3.2 Pubblica istruzione e mense scolastiche
3.4 Sanità e salute
3.5 Servizi sociali

4. ASSOCIAZIONI
4.1 Società e vivere sociale
4.2 Sport e tempo libero
4.3 Volontariato

5. SVILUPPO E PROMOZIONE
5.1 Artigianato
5.2 Commercio
5.3 Turismo
5.4 Cultura

1. COSA PUBBLICA

1.1 Trasparenza

PREMESSA
La trasparenza concorre ad attuare il principio della democrazia e della partecipazione dei cittadini nella gestione della cosa pubblica. Tutti i processi decisionali che avvengono all'interno della struttura comunale devono essere facilmente accessibili al cittadino, al fine di agevolarlo nel processo di valutazione dell'amministrazione.
Il cittadino deve poter apportare in ogni momento osservazioni, critiche e suggerimenti atti a migliorare la gestione della cosa pubblica. In ambito locale le norme (art. 8 supplemento ordinario n°162 del D.Lgs. 267 del 18 agosto 2000) prevedono l'introduzione di strumenti di democrazia diretta, ma raramente gli Statuti degli Enti Locali sono stati aggiornati e spesso gli amministratori non incoraggiano la partecipazione popolare.

AZIONI
Abbandonare il linguaggio burocratico in favore di comunicazioni ed atti facilmente leggibili e comprensibili da tutti.
Attivare un profilo facebook istituzionale del Comune, in cui pubblicare ogni iniziativa assunta dall'amministrazione (bandi, concorsi, convocazioni, verbali consigli comunali etc.), favorendo l'avvicinamento della fascia più giovane della popolazione alla gestione della cosa pubblica e stimolando interventi e gruppi di discussione in un'ottica di dibattito amministrativo.
Organizzare assemblee pubbliche o consigli comunali aperti con possibilità di intervento, con cadenza massima semestrale e comunque in occasioni di eventi rilevanti, in cui l'amministrazione comunale si confronta con i cittadini.
Permettere la trasmissione in streaming di tutte le sedute del Consiglio Comunale e loro pubblicazione sul sito internet comunale. Le registrazioni del Consiglio Comunale e delle Commissioni (tranne nei casi in cui la legge lo vieti) dovranno essere conservate e consultabili a distanza di tempo, associate alle informazioni sui contenuti delle sedute.
Istituire un database, consultabile on-line sul sito del Comune, contenente le imprese ed i professionisti ai quali vengono affidati incarichi dall'amministrazione comunale e le informazioni inerenti la tipologia dei servizi svolti ed i relativi compensi erogati.
Semplificare le norme dello statuto comunale che regolano i referendum affinché questi possano essere indetti, e rappresentare un mezzo per il cittadino di esprimere il proprio volere.
Controllare il rispetto delle norme attualmente vigenti in materia di pubblicazione della dichiarazione dei redditi da parte dei consiglieri comunali.
Creare un registro on-line in cui vengano raccolte tutte le istanze inviate alla pubblica amministrazione e dove si possano consultare le risposte ricevute.
Tutte le graduatorie Comunali, gli appalti e le relative scadenze devono essere accessibili e controllabili, affinché ogni cittadino possa in qualsiasi momento verificare, anche a distanza di tempo, la legittimità delle scelte compiute dall'amministrazione comunale e l'adempimento agli
obblighi previsti delle ditte aggiudicatarie.
Per l'assegnazione di appalti e di incarichi tecnici si dovrà obbligatoriamente attingere dagli appositi albi con criteri di rotazione, preferendo i tecnici e le ditte locali, rispettando il principio della economicità e della meritocrazia.

1.2 Personale e Polizia Municipale

PREMESSA
Una delle voci di spesa più pesanti all'interno del bilancio comunale è quella relativa agli stipendi del personale. Si tratta di una spesa non comprimibile nella sua natura ma su cui si può comunque incidere, cercando di migliorare le condizioni di lavoro e la produttività del personale.

AZIONI
Rendere trasparente l'organigramma della "macchina comunale" esplicitando compiti e competenze di ogni dipendente. Partendo dall'analisi delle professionalità presenti, valutare se e come queste non vengano completamente valorizzate ed utilizzate.
Rendere flessibile (laddove possibile) l'impiego del personale in diversi uffici in periodi e/o occasioni particolari (si pensi al sovraccarico di lavoro dell'ufficio tributi in prossimità delle scadenze fiscali) per favorire un miglior servizio al cittadino.
Creare occasioni che permettano ai dipendenti di esplicitare disagi, perplessità, problemi ed esprimere possibili interventi risolutivi.
Identificare eventuali situazioni dei dipendenti comunali che per ragioni familiari, societarie o per attività libero professionali (anche part-time) abbiano potenziali conflitti di interesse.
Analizzare nel dettaglio tutti i costi connessi sia dei servizi affidati ed appaltati a società terze che delle consulenze esterne razionalizzandone e limitandone al massimo il ricorso attraverso l'impiego delle risorse già disponibili all'interno dell'amministrazione comunale.

1.3 Viabilità'

PREMESSA
Città e territorio più sicuri e accessibili a tutti, in primis all'utenza debole. Diritto alla mobilità in tutte le sue forme, privilegiando i servizi pubblici e la mobilità alternativa. Il cittadino deve sentirsi libero di spostarsi, senza disagio per sé e per gli altri, a prescindere dall'età e dal suo stato fisico. Compito dell'amministrazione di Maglie sarà quello di soddisfare le diverse esigenze di mobilità e sicurezza in spazi qualificati e non degradati. Il bambino, l'anziano, il disabile, il ciclista, devono sentirsi parte della città e poter usufruire dei suoi spazi.

AZIONI
Redigere ed attuare un nuovo Piano Urbano del Traffico (PUT) che preveda, concertandone le modalità con le associazioni dei commercianti ed i cittadini, la chiusura del centro storico al traffico veicolare. L'adozione del PUT dovrà prevedere inoltre:
• La realizzazione del Piano per la Mobilità Ciclistica, propedeutico all'attuazione di una rete di corsie e/o piste ciclabili progettate secondo le normative vigenti.
• L'avviamento, il potenziamento e l'incentivazione dell'attività dell'Ufficio Biciclette, istituito nel 2009 e mai operativo.
• La realizzazione di aree idonee alla sosta delle biciclette.
• La realizzazione di collegamenti ciclabili sicuri tra Maglie, la sua frazione ed i paesi limitrofi, sfruttando la rete delle strade vicinali.
• La creazione di isole pedonali intorno alle scuole elementari e medie e l'istituzione di percorsi sicuri casa-scuola.
• L'attuazione di campagne che promuovano la mobilità ciclica e di educazione stradale a tutta la cittadinanza.
Obbligare, in previsione di lavori per il ripristino del manto stradale, sia i cittadini che le aziende fornitrici di servizi ad eseguire opere di allacciamenti e/o collegamenti alle reti idrica, fognaria, elettrica e del gas prima dell'inizio dei lavori di rifacimento, diffidando gli stessi soggetti ad eseguire opere per almeno cinque anni dal completamento del nuovo manto stradale, salvo casi straordinari come ad esempio rotture impreviste.
Attuare il progetto "Piedibus" da praticare nelle giornate di bel tempo. Esso è un autobus umano composto da una carovana/fila di bambini accompagnati da due adulti, con capolinea, fermate, orari ed un suo percorso prestabilito. Il progetto "Piedibus" si propone come azione innovativa e promozionale che, attraverso la partecipazione di alunni, genitori, insegnanti e amministratori coinvolga attivamente i bambini, educandoli e stimolandoli alla mobilità sostenibile.
Realizzare un servizio di bus navetta (possibilmente con mezzi ecologici) che colleghi l'ospedale di Scorrano alla città, per favorire gli anziani non automuniti.
Favorire, nell'ambito del naturale turn-over dei mezzi comunali, l'acquisto di mezzi ecologici.

1.4 Sicurezza

PREMESSA
Per costruire una città più sicura non bastano solo le forze di polizia. Dobbiamo fare in modo che i cittadini si sentano tutelati e tornino a riappropriarsi degli spazi destinati alla collettività. Solo così si potrà sviluppare una "vigilanza sociale" realizzata dai cittadini in prima persona per un ritorno ad un più forte senso della comunità.

AZIONI
Utilizzare strumenti passivi e preventivi (es. telecamere), rappresenta un'alternativa efficace per combattere fenomeni di vandalismo o comunque delinquenziali. A tale proposito si ritiene necessario che il sistema di telecamere installato venga reso pienamente operativo ed ampliato interessando le aree più critiche del territorio comunale.
Salvaguardare con particolare attenzione la Villa Tamborino, potenziando l'illuminazione, con lampade a led a basso consumo, e predisponendo tutti gli strumenti utili alla fruizione della stessa in totale sicurezza.
Informare la cittadinanza sui comportamenti da adottare in caso di eventi sismici e calamità naturali in collaborazione con Protezione Civile, Croce Rossa e Vigili del Fuoco.
Informare costantemente e tempestivamente la popolazione su eventuali e potenziali rischi. Utilizzare a tal fine mezzi che permettano di diramare rapidamente allarmi ed ordinanze restrittive. Da subito allo scopo verrà realizzato un feed-twitter ed un sistema di allerta tramite SMS gestiti dalla Polizia Municipale.
Organizzare la turnazione della Polizia Municipale che consenta controlli serali e notturni "a campione", da intensificare nel periodo estivo.
Prevedere e calendarizzare con cadenza semestrale degli incontri tra Polizia Municipale e comitati di quartiere, al fine di consentire la segnalazione di eventuali fenomeni critici ed individuare migliori modalità di controllo del territorio.

1.5 Urbanistica

PREMESSA
E' arrivato il tempo per il mondo dell'edilizia di scoprire ed abbracciare un nuovo paradigma, che favorisca le ristrutturazioni del patrimonio esistente secondo modelli di autosufficienza energetica. Lo sviluppo delle energie rinnovabili deve coniugare sostenibilità ambientale e fabbisogno energetico. Questo ambizioso e necessario obiettivo, consentirà al nostro territorio di dipendere sempre meno dalle fonti di energia tradizionali.
Per quanto possibile, il fabbisogno energetico comunale verrà ricercato in fonti esclusivamente rinnovabili e sostenibili, in modo da massimizzare i vantaggi ambientali, economici e sanitari.

AZIONI

Arrestare la cementificazione: la nostra azione deve essere inquadrata all'interno di un progetto più vasto di riassetto del territorio, che ne valorizzi le peculiarità, tutelandone le caratteristiche ambientali e che punti ad uno sviluppo locale sostenibile. Gli interventi saranno inseriti in una logica di salvaguardia del territorio ed orientati alla tutela del verde pubblico e alla prevenzione di rischi idrogeologici. In quest'ottica ci impegniamo ad istituire una commissione tecnica specifica per la realizzazione di un nuovo Piano Regolatore Generale che sostituisca l'attuale ormai vecchio di 30 anni adeguandolo alle mutate esigenze del nostro territorio. I nuovi piani di sviluppo edilizio potranno prevedersi solo tenendo prima in considerazione le aree edificabili esistenti o da saturare. Concentrarsi sulla ristrutturazione degli edifici esistenti incentivando forme di contenimento energetico (cappotto termico, pannelli fotovoltaici con accumulo, pannelli solari, impianti per il risparmio idrico, pompe di calore, impianti geotermici etc..), che fornirebbero uno stimolo alle piccole imprese artigiane del settore. Predisposizione, come imposto dalla normativa vigente, del "Piano Energetico Comunale".
Riqualificazione del centro storico attraverso sia l'intervento pubblico (rifacimento illuminazione, ripristino del basolato in maniera stabile e duratura, arredo urbano), sia quello privato: con l'uso della leva fiscale incentivare i proprietari alla ristrutturazione e al recupero di propri immobili, da destinare ad abitazioni o ad attività turistico-ricettive e commerciali.
Riqualificare gli edifici di competenza comunale non utilizzati in strutture di utilità pubblica nel perseguimento dell'interesse collettivo e nella valorizzazione dell'associazionismo.
Mappare e censire le coperture in Materiali Contenenti Amianto (MCA), tramite il ricorso alle tecniche di telerilevamento. Tale tecnica, utilizza immagini multispettrali ed è in grado di individuare il 96-98% delle coperture in MCA, con restituzione delle coordinate geografiche, la stima delle superfici delle stesse e l'eventuale estrazione degli identificativi catastali di ogni copertura in MCA censita.
Creazione e gestione di servizi igienici pubblici nell'ambito del territorio comunale.
Realizzare, dove non sia stata attuata, la piena autonomia energetica degli edifici pubblici attraverso installazione di pannelli solari.
Sostituire nell'immediato le lampade per la pubblica illuminazione con sistemi a basso consumo energetico (LED) prevedendo l'impiego ove possibile di energia rinnovabile (pannelli fotovoltaici).
Reprimere il malcostume delle affissione abusive che tanto danno arrecano all'immagine della città. E' ormai sotto gli occhi di tutti la totale invasione del nostro territorio ad opera dei manifesti abusivi. Il nostro obiettivo sarà quello di colpire gli imbrattatori e i loro committenti e ripristinare la legalità anche grazie all'adesione al "DECORO URBANO", ossia un portale gratuito che consente il tracciamento delle segnalazioni provenienti dai cittadini circa irregolarità nel territorio cittadino, ottenendo così un duplice vantaggio: i cittadini possono partecipare al processo di controllo del territorio e l'amministrazione trae vantaggio dall'adozione di un sistema informatico di gestione delle segnalazioni a costo zero.

1.6 Bilancio

PREMESSA
Il bilancio rappresenta il documento più importante redatto dal comune in quanto, tramite esso, si svolge buona parte dell'indirizzo politico dell'azione amministrativa e si formalizza l'impiego delle risorse provenienti dalla tassazione dei cittadini.
Al fine di incentivare la partecipazione collettiva nella definizione dei capitoli di spesa, verrà adottata la pratica del "Bilancio Condiviso", attraverso il quale i cittadini potranno esprimere idee e proposte da inserire nel bilancio comunale.

AZIONI
Inserire nello Statuto Comunale l'istituto del Bilancio Partecipato attraverso il quale i cittadini, sia singolarmente sia tramite le associazioni attive sul territorio, possono partecipare attivamente alle decisioni di spesa ed investimento riguardanti la nostra città.
Rendicontare e pubblicare puntualmente tutte le spese sostenute dall'amministrazione.
Far partecipare i cittadini alla stesura del bilancio di previsione ed ai lavori della relativa commissione.
Le sedute del Consiglio Comunale di approvazione dei bilanci preventivo e consultivo dovranno essere di tipo aperto.
Pubblicare un bilancio consuntivo leggibile da chiunque.
Rinegoziare, ove possibile, i debiti contratti dal Comune al fine di ridurne l'onerosità e rivederne le scadenze. Valutare l'eventuale collocazione dei futuri mutui in mano ai cittadini tramite emissione di obbligazioni comunali al fine di ottenere un risparmio sugli interessi ed offrire l'opportunità ai cittadini di essere maggiormente partecipi della cosa pubblica.
Divieto dell'uso di strumenti derivati e di ogni forma di speculazione finanziaria, ed eliminazione progressiva degli strumenti qualora fossero già sottoscritti.
Massima attenzione al reperimento di fondi attraverso la partecipazione a bandi regionali, nazionali, europei, e finanziamenti pubblici.
Istituzione di uno sportello comunale, con l'utilizzo di personale interno appositamente formato, interamente dedicato all'intercettazione di bandi nazionali e comunitari, e all'assistenza per la scrittura di progetti per il recupero dei fondi da destinare alle esigenze locali. Questo ufficio sarà interlocutore delle associazioni, dei gruppi organizzati, dei cittadini, oltre che dell'amministrazione, col fine di aiutare queste realtà a promuovere e realizzare progetti di utilità comunale.

2. AMBIENTE

2.1. Ambiente

PREMESSA
Il nostro ambiente è una risorsa strategica non rinnovabile che va inderogabilmente preservata, un bene comune irrinunciabile e inalienabile. Una sana riqualificazione dell'ambiente urbano, unita ad un corretto progetto di gestione dei rifiuti, porta ad un progresso collettivo, economico e sociale, innalza la qualità della vita, porta in sé un risparmio economico, opportunità lavorative/imprenditoriali, turismo sostenibile e, soprattutto, getta le basi per una città che le prossime generazioni saranno felici e orgogliose di abitare.
Buona parte della azioni previste per l'ambiente vengono trattate in maniera dettagliata nelle varie sezioni del programma quali: nettezza urbana, urbanistica, agricoltura, viabilità.

AZIONI
Promuovere la salubrità dell'ambiente attraverso la prevenzione primaria, l'eliminazione dei fattori di rischio e l'informazione corretta ai cittadini del territorio:
• promuovere l'istituzione di un Registro Tumori;
• sollecitare le autorità competenti ad una verifica approfondita delle acque superficiali e di falda al fine di rimuovere eventuali cause d'inquinamento;
• controllare i siti industriali dismessi per il controllo di eventuali sostanze nocive abbandonate;
• incentivare e sostenere l'agricoltura biologica priva di pesticidi ed OGM;
Contrastare, con ogni mezzo a disposizione dell'amministrazione, insediamenti rischiosi per l'ambiente e per la salute dei cittadini. In particolare: verrà attuata una netta opposizione alla centrale BIOGAS; nel rispetto della legge e con l'attiva partecipazione dei cittadini, verranno poste in essere azioni per impedire l'insediamento nel territorio comunale di industrie insalubri a Rischio di Incidente Rilevante (RIR).
Bonificare l'intero territorio cittadino dall'amianto contenendone i costi di smaltimento intercettando i fondi regionali e/o europei espressamente previsti.
Regolamentare l'installazione, monitoraggio, controllo e razionalizzazione delle antenne di telefonia mobile per minimizzare il rischio di esposizione all'inquinamento elettromagnetico.
Nel Comune di Maglie, ad oggi, manca un regolamento comunale che indichi le direttive in termini di insediamento urbanistico e territoriale degli impianti, che si occupi di minimizzare l'esposizione ai campi elettromagnetici. Di conseguenza, verranno eseguiti studi e analisi con l'obiettivo di redigere una regolamentazione efficace a tutela della collettività e di realizzare un "Piano Antenne".
Recupero e rivalutazione della Villa Tamborino come area verde da destinare alla realizzazione del "Parco della vita".
Sensibilizzare, promuovere ed incentivare pratiche a tutela dei diritti degli animali. L'amministrazione sarà in prima linea per la tutela degli animali, a tal fine sosterrà concretamente le realtà già esistenti ed operative sul territorio che da anni si occupano degli animali abbandonati ed incentiverà l'affido familiare al fine di risparmiare sui costi dell'inserimento nei canili. Inoltre costituirà un'anagrafe canina comunale e uno stallo comunale per le bestie in difficoltà.
Contrastare l'azione dei proprietari di cani che non seguono le regole del vivere civile: il cane deve essere tenuto al guinzaglio e le deiezioni dello stesso devono essere raccolte immediatamente. Per consentire lo svago dei cani saranno previste specifiche aree attrezzate.
Vietare sul territorio comunale qualsiasi tipo di spettacolo, intrattenimento e parco ricreativo in cui si espongano, utilizzino o si sfruttino gli animali.
Adottare un Regolamento per la tutela degli animali d'affezione e della fauna minore. Si tratta di uno strumento importante per regolamentare la detenzione e il trattamento degli animali domestici, utile guida per i cittadini ed efficace strumento di governo per l'accertamento di comportamenti illeciti.
Incentivare il recupero delle acque piovane in vasche di accumulo per utilizzi non alimentari.
Proporre ed incentivare dove possibile la piantumazione di filari di alberi attorno ai capannoni industriali, in modo da limitarne l'impatto visivo ed ambientale.
Incentivare la realizzazione di impianti volti al risparmio dell'acqua (esempio il doppio circuito: acqua potabile per gli usi alimentari e non potabile per gli altri usi).

2.2. Nettezza urbana

PREMESSA
Il sistema della raccolta differenziata è stato accolto positivamente dai cittadini magliesi che si attestano su buone percentuali di differenziazione. Ciò nonostante, resta molto da fare per migliorare questo aspetto. Il Movimento 5 Stelle ritiene che la soluzione definitiva al problema dei rifiuti sia l'adozione di un ciclo a "rifiuti zero" e dedicherà molta attenzione alla realizzazione di questo sistema virtuoso. Nel frattempo si apporteranno correzioni e migliorie a quanto esistente.

AZIONI
La strategia rifiuti zero prevede una drastica diminuzione della produzione di rifiuti, un elevato tasso di differenziazione degli stessi, una forte incentivazione del riuso e del riciclo nonché ritorni economici per l'amministrazione comunale ed i cittadini coinvolti nel processo. L'attuale sistema di raccolta differenziata, prevede dei costi di gestione per le casse comunali molto alti e di conseguenza una forte tassazione per i cittadini.
Si ritiene necessario valutare con il consorzio modalità alternative di collaborazione in un'ottica rifiuti zero. Gli obiettivi elencati sono perseguibili in un arco temporale medio-lungo, durante il quale dovranno essere poste in essere le seguenti azioni:
• raccolta porta a porta: incentivare la raccolta differenziata "porta a porta" introducendo un sistema meritocratico e più favorevole in termini di tassazione per chi si attiene alle regole del riciclo;
• compostaggio: trattasi di sistema attraverso il quale viene prodotto il compost, materiale impiegato nella concimazione di vasi, orti e terreni, derivante dal recupero di materiale organico (umido). Verrà promossa la realizzazione di piccoli impianti di compostaggio nelle aree cittadine e rurali per il conferimento dell'umido ed il ritiro del compost;
• riciclaggio: realizzazione di piattaforme impiantistiche per il riciclaggio e il recupero dei materiali finalizzato al reinserimento nella filiera produttiva;
• riduzione dei rifiuti: diffusione del compostaggio domestico, sostituzione delle stoviglie e bottiglie in plastica, utilizzo dell'acqua del rubinetto e/o delle case dell'acqua, utilizzo dei pannolini lavabili, acquisto alla spina di latte, bevande, detergenti, prodotti alimentari, incentivazione all'utilizzo di borse per la spesa personali in sostituzione di quelle fornite dal commerciante;
• riuso e riparazione: realizzazione di un centro per la riparazione ed il riuso, anche di materiali edili, in cui beni durevoli, mobili, vestiti, infissi, sanitari, elettrodomestici, vengono riparati, riutilizzati e venduti. Questa tipologia di materiali, che costituisce a livello nazionale circa il 3% del totale degli scarti, riveste un grande valore economico, che può arricchire le imprese locali, con un'ottima resa occupazionale dimostrata da molte esperienze in Nord America e in Australia;
• tariffazione premiante: introduzione di sistemi di tariffazione che prevedono sgravi fiscali in relazione alla propria quota di riciclo. Questo meccanismo andrebbe a premiare il comportamento virtuoso dei cittadini, incoraggiandoli a perseguire l'obbiettivo "rifiuti zero".
• recupero dei rifiuti: realizzazione di un impianto di recupero e selezione dei rifiuti, in modo da recuperare altri materiali riciclabili sfuggiti alla RD, impedire che rifiuti tossici possano essere inviati nella discarica pubblica transitoria e stabilizzare la frazione organica residua.
Installazione di riciclatori incentivanti: speciali macchine in grado di rilasciare all'utente un buono spesa sulla base della quantità di bottiglie di plastica o altri materiali consegnati.
Organizzare uno o due eventi annuali in cui tutta la cittadinanza partecipa alla pulizia della città (es. in occasione di "puliamo il mondo") con l'obiettivo di sensibilizzare i cittadini riguardo le buone pratiche del rispetto ambientale e del vivere civile.
Individuare un percorso formativo, in collaborazione con le scuole, attraverso il quale informare e sensibilizzare gli studenti sull'importanza del riciclo e del riuso del materiale di scarto (up-cycling). I bambini vanno sensibilizzati al problema dei rifiuti ed educati a riconoscere le reali possibilità di trasformazione delle materie.

2.3. Agricoltura

PREMESSA
L'agricoltura dovrà tornare ad essere tra i comparti importanti nell'economia magliese. Sarà necessario da subito intavolare degli incontri con i rappresentanti locali del settore per stabilire priorità ed azioni concrete da intraprendere. Scopo di tali incontri sarà quello di tutelare l'economia esistente, valorizzarla e dare una programmazione di sviluppo di medio lungo periodo.
L'amministrazione si occuperà di tessere e gestire una serie di rapporti che dovranno permettere alle aziende agricole locali, ai piccoli artigiani e ad eventuali startup del settore, di avere nell'amministrazione comunale un partner forte ed un punto di riferimento che faccia da collegamento tra tutti gli attori coinvolti. Le produzioni a km zero, le micro produzioni agricole, la filiera corta nella distribuzione alimentare, le politiche di qualità totale, l'enogastronomia, le produzioni agricole ed alimentari di eccellenza nonché la tutela dei prodotti tipici sono e saranno al centro del nostro modo di pensare. Queste politiche sono ritenute tra le poche vincenti nei prossimi anni ed a tal proposito risulta necessaria la creazione di una piattaforma commerciale che possa fare da vetrina e da sbocco per la vendita dei prodotti locali.

AZIONI
Organizzare regolarmente campagne informative, incontri e seminari rivolti agli agricoltori locali ed ai consumatori, con l'obiettivo di sensibilizzare la cittadinanza riguardo le buone pratiche legate alle produzioni socialmente ed economicamente giuste e sostenibili. Tali campagne saranno occasione di diffusione delle nuove teorie sulla decrescita.
Contrastare con ogni mezzo il consumo dei suoli agricoli, tutelandone la destinazione d'uso originaria.
Favorire all'interno delle mense scolastiche l'utilizzo delle materie prime locali provenienti da economie di filiera corta, al fine di garantire la qualità dell'alimentazione e sostenere la produzione locale.
Attuare il progetto latte alla spina conciliando diversi vantaggi per il consumatore: risparmio sul prodotto confezionato, caratteristiche organolettiche e nutrizionali superiori rispetto al prodotto industriale, possibilità di tutelarsi dal rischio di consumare latte proveniente dall'estero (spesso contenuto nel latte a lunga conservazione). Il successo a livello nazionale di questa iniziativa rappresenta la volontà di produttori e consumatori di ridurre i passaggi e le intermediazioni (filiera corta) per garantire una remunerazione adeguata agli allevatori pur mantenendo un prezzo conveniente per il consumatore.
Sostenere la creazione di un farmers market. Tali attività consistono nella realizzazione di punti vendita dedicati all'enogastronomia del territorio, rispettando il principio fondamentale della distribuzione a filiera corta.
Incentivare la costituzione di G.A.S. (Gruppi di Acquisto Solidale) cioè gruppi di persone che acquistano all'ingrosso prodotti da ridistribuire tra loro.
Le principali caratteristiche di un mercato a km zero a Maglie sono le seguenti:
• priorità ai piccoli produttori;
• mercati 'senza mercanti' che accorciano la filiera in quanto permettono l'incontro diretto tra produttore e consumatore;
• luoghi di convivialità, dove è possibile fermarsi, parlare, consumare un pasto e un bicchiere di vino in compagnia, dove fare la spesa non è più solo un atto "funzionale" ed alienante, ma un tempo riconquistato al piacere e alla socialità;
• vendita di prodotti su scala locale (provinciale-regionale) per evitare il trasporto su lunghe distanze e riscoprire il rapporto con il proprio territorio;
• apertura alle "agricolture di fatto": piccolissimi produttori che coltivano per l'autoconsumo e che periodicamente hanno delle eccedenze da vendere;
• tecniche biologiche di coltivazione dei prodotti;
• rispetto delle stagionalità: i mercati contadini permettono di ritrovare immediatamente il senso delle stagioni;
Disincentivare la destinazione agricola dei terreni alla produzione di colture a scopi energetici (biomasse), privilegiando quelle alimentari.

3. SERVIZI

3.1. Connettività

PREMESSA
La copertura della Rete è fondamentale, in quanto può essere utilizzata per lavorare, per comunicare, per formare comunità, per informarsi. La Rete è trasparenza. La connettività rappresenta l'infrastruttura base su cui far viaggiare idee, opinioni, servizi e numerose altre attività. La connettività e l'accesso alle informazioni sono diritti fondamentali di ogni cittadino, conseguentemente sarà prioritaria la diffusione della connessione internet a banda larga. Internet permette una maggiore comunicazione tra le persone ed un più celere scambio di documenti, da ciò ne consegue un risparmio di carta e tempo. Tuttavia la connettività non deve andare a discapito della salute. Le leggi nazionali e regionali prevedono che i comuni possano realizzare un piano antenne. Potrà sembrare paradossale, ma inquinano molto meno tante antenne di bassa potenza, che poche antenne di elevata potenza. Le compagnie telefoniche cercano la massimizzazione dei profi¬tti, ed hanno interesse a installare poche antenne ad alta potenza. Attraverso il piano antenne le si può obbligare a ride¬finire sia le installazioni future che quelle pregresse.

AZIONI
Diffondere capillarmente la connessione wi-fi pubblica e gratuita, già offerta in alcune zone del territorio, per una completa copertura.
Digitalizzare la modulistica in uso presso il Comune e gli atti accessibili ai cittadini. I moduli a compilazione del cittadino, oggi da richiedere in forma cartacea agli sportelli comunali, saranno informatizzati e, chi vorrà, potrà consultarli on-line. Le richieste al Comune di accesso agli atti, potranno essere effettuate tramite canale on-line.
Predisporre la creazione di una specifica casella di posta elettronica nella quale i cittadini potranno comunicare all'amministrazione il proprio gradimento circa i servizi erogati, lamentele e suggerimenti.
Riduzione spese e sprechi informatici anche tramite utilizzo di software open source.
Promuovere corsi di informatizzazione e Internet, con l'istituzione di un centro di formazione e aiuto.

3.2. Pubblica istruzione e mense pubbliche

PREMESSA
La gestione delle scuole statali, sebbene siano inserite in un contesto comunale, è a carico dello Stato. Tranne l'aspetto riguardante l'edilizia scolastica il Comune ha poco potere decisionale. Tutti i provvedimenti in materia di metodo e di contenuto didattico, le attività scolastiche ed extra-scolastiche, la selezione e formazione degli insegnanti sono a completa ed esclusiva discrezione del Ministero della Pubblica Istruzione.
Ciò premesso, si ritengono in ogni caso individuabili azioni e forme di partecipazione volte a creare una collaborazione tra l'amministrazione e le scuole.

AZIONI
Istituire un servizio, organizzato dalla biblioteca comunale, finalizzato alla raccolta e distribuzione di libri di testo usati.
Appoggiare ed incentivare gli istituti scolastici perché portino avanti progetti di apprendimento mirati alle micro-produzioni locali (orti didattici).
Promuovere la collaborazione strategica tra scuola, società civile e mondo del lavoro. In particolare è necessario coinvolgere professionisti locali operanti in diversi settori, invitandoli ad incontrare gli studenti con l'obiettivo di introdurli alle problematiche e alle opportunità connesse al mondo del lavoro.
Organizzare eventi formativi finalizzati a trasmettere agli studenti concetti legati all'efficienza energetica, facendoli partecipare attivamente all'analisi degli interventi e coinvolgendoli nella valutazione dei risultati ottenuti.
Portare la scuola "fuori dalla scuola" programmando visite guidate finalizzate alla conoscenza delle realtà locali con particolare riferimento a quelle agroalimentari, artigianali e socio-assistenziali. La conoscenza del territorio di appartenenza e delle sue caratteristiche, aiuta la formazione di una coscienza civica negli studenti e li prepara ad essere buoni cittadini domani.
Mirare ad una mensa scolastica sostenibile riorganizzando il servizio per favorire l'economia locale, il minimo impatto ambientale e la corretta educazione alimentare. E' fondamentale sviluppare una filiera corta che permetta un ritorno in termini economici per il nostro territorio, utilizzando preferibilmente prodotti biologici, di stagione e a Km 0. Ridurre/eliminare l'uso di acqua in bottiglia di plastica in favore dell'erogazione diretta dell'acqua pubblica (distributore con filtro e depuratore), sostituzione progressiva delle stoviglie monouso (ove fossero in uso) con quelle riutilizzabili. La scuola è il luogo deputato all'educazione, al confronto ed alla crescita. Si ritiene quindi opportuno promuovere progetti di educazione alimentare rivolti al consumo di frutta e verdura e stimolare gli studenti alla creazione di orti scolastici.

3.3. Sanità e salute

PREMESSA
L'Italia è uno dei pochi paese al mondo che può vantare un sistema sanitario pubblico ad accesso universale. Negli ultimi anni, alcuni elementi stanno minando le basi del Servizio Sanitario Nazionale. La "devolution" affida alle Regioni, l'assistenza sanitaria ed il suo finanziamento rischiando di accentuare le differenze territoriali; l'enfasi sulla sanità privata sottrae risorse e talenti al pubblico; da un decennio si è puntato ad organizzare la sanità come un'azienda facendo spesso prevalere obiettivi economici rispetto a quelli di salute e di qualità dei servizi. La salute di ogni singolo cittadino è un bene primario ed è determinante per il benessere della comunità in cui egli vive.

AZIONI
Considerare la salute di ogni cittadino come bene primario e risorsa. Il programma è orientato alla promozione di interventi di educazione alla salute e di prevenzione primaria. Ci si propone di:
• effettuare un controllo costante sulla qualità di aria, acqua e suolo allo scopo di individuare tempestivamente eventuali situazioni di rischio per la cittadinanza. Il tentativo di insediamento sul territorio comunale di una centrale a BIOGAS e la precedente esperienza della COOPERSALENTO fanno ritenere prioritaria la salvaguardia ed il monitoraggio della qualità dell'ambiente in cui viviamo;
• sensibilizzare ed informare la popolazione. Saranno organizzati interventi di educazione alla salute (in collaborazione con i medici di famiglia) per stimolare l'adozione di stili di vita sani e prevenire condizioni patologiche, individuare priorità e prevedere azioni mirate per fasce di età. Giovani: istituire un punto di ascolto/informativo sulle malattie sessualmente trasmissibili e sulle dipendenze. Anziani: il Comune si impegnerà a combattere l'isolamento, favorire la socializzazione ed agevolare la fruizione dei servizi sanitari. Bambini: si intendono organizzare (in collaborazione con gli insegnati) interventi nelle scuole di sensibilizzazione e di educazione alla salute;
• collaborare con l'ASL nella raccolta e nell'interpretazione dei dati e delle informazioni relative allo stato di salute dei cittadini magliesi allo scopo di intervenire in modo mirato e cercare di correggere eventuali condizioni che possono causare un decadimento del livello di benessere della cittadinanza
• prevedere (compatibilmente con le disponibilità economiche del Comune) sostegni di tipo economico e/o assistenziale per quelle famiglie con reddito basso che assistono in casa un malato grave;
• Garantire, per quanto di competenza, il massimo livello di cure per gli ospiti della "ISPE". Il Comune deve farsi garante dell'assistenza erogata all'interno dell'ente. A tale scopo risulta necessario predisporre una valutazione puntuale ed oggettiva delle condizioni esistenti che rappresenti il punto di partenza per interventi di miglioramento. Si intende valutare la struttura sia in termini di risultati che organizzativi e, a fronte dei risultati ottenuti, proporre ed attuare (in collaborazione con gli organi di competenza) le azioni ritenute necessarie. La cittadinanza deve partecipare a questo processo e alle decisioni che ne scaturiranno; saranno quindi previsti momenti ed occasioni di incontro e confronto. La "casa di riposo" ha sempre rappresentato un'eccellenza per Maglie, ed è sempre stata vissuta dalla popolazione come parte integrante del tessuto sociale cittadino. Per garantire questa integrazione appare necessario instaurare una rete di contatti e relazioni col territorio che favoriscano la creazione di eventi sociali, culturali e ricreativi in collaborazione con le organizzazioni cittadine (associazioni, volontariato, anziani residenti sul territorio). La "Casa" non deve essere vista solo come un luogo in cui del personale specializzato si prende cura dei nostri cari ma come una parte della nostra città in cui ognuno è chiamato a partecipare, di cui ognuno si deve occupare, di cui ognuno può usufruire.

3.4. Servizi sociali

PREMESSA
Lo stato sociale tipico degli anni sessanta (welfare state), che si può riassumere in un assistenzialismo calato dall'alto (Stato) su tutti i cittadini, a partire dagli anni '80 ha iniziato a perdere efficacia. I motivi sono molteplici: la globalizzazione, l'invecchiamento della popolazione, l'impoverimento delle finanze della pubblica amministrazione.
In questa situazione la politica sociale deve procedere nella direzione del principio di sussidiarietà: valorizzare la "cittadinanza attiva" (associazionismo, volontariato e tutte le organizzazioni senza fini di lucro che operano per beni di pubblica utilità) e coadiuvarla con la pubblica amministrazione e gli enti privati.

AZIONI
Riorganizzare e migliorare nella massima trasparenza la gestione dei servizi sociali. Garantire il diritto all'accesso dei servizi senza nessuna discriminazione con particolare attenzione ai cittadini di Maglie che si trovano nelle condizioni di maggiore disagio sociale. Imparzialità e continuità nell'erogazione dei servizi, stimolando e valorizzando anche la partecipazione attiva del cittadino attraverso associazioni di volontariato, organizzazioni pubbliche o private. Allo scopo di potenziare ed ottimizzare risorse e tempi di intervento, soprattutto nelle situazioni di forte disagio e nei confronti delle categorie svantaggiate, verrà creata una rete attraverso la quale mantenere in continua comunicazione i protagonisti di questo ambito;
Creare strumenti che permettano ai fruitori dei servizi di valutarne pubblicamente la qualità in modo che tutti i cittadini possano controllare la validità dei servizi offerti e la competenza di ditte o cooperative a cui questi vengono appaltati;
Adottare i principi e le indicazioni della "Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità" per la programmazione ed il miglioramento delle politiche sociali. «Nulla su di noi senza di noi» è il principio che racchiude il senso della Convenzione e che mette le persone con handicap al centro di tutte le decisioni politiche, amministrative o di qualsiasi altro genere, che riguardano la loro vita. Di tale recepimento dovranno tenere conto non solo i rappresentanti politici del Comune ma anche i dipendenti ed i dirigenti;
Incrementare le attività a sostegno della popolazione anziana. Le conseguenze dell'invecchiamento della popolazione hanno una forte ricaduta sulla strutturazione dei servizi sociali. Risulta quindi necessario e urgente concentrare l'attenzione sulle esigenze della cittadinanza anziana in termini di assistenza e di supporto specifico, ma anche in materia di attività ricreative ed iniziative di tipo culturale, sociale e sportivo. Il Paese è sempre più caratterizzato da una crescente presenza di popolazione longeva, le persone della cosiddetta "terza età" sono una risorsa viva ed insostituibile per il benessere sociale della nostra città. Si prevedono iniziative tese alla valorizzazione della persona anziana nel proprio contesto familiare e nel tessuto sociale (spazi dedicati, collaborazione per iniziative di tipo culturale, progetti che favoriscano il contatto tra diverse generazioni, potenziamento di centri diurni anche per anziani parzialmente autosufficienti). Mirando al mantenimento della massima autonomia e del benessere dell'anziano, saranno previste iniziative a sostegno delle persone sole che intendono continuare a condurre vita autonoma e promosse attività volte a prevenirne l'isolamento e l'emarginazione, favorendo l'aggregazione intergenerazionale (orti sociali, circoli ricreativi/ sportivi, feste);
Favorire l'incremento di aree verdi attrezzate per bambini e famiglie e miglioramento delle condizioni di quelle esistenti all'interno dei giardini pubblici;
Prevedere e regolamentare forme alternative di accoglienza per i bambini come ludoteche, aree bimbi e "tagesmutter" (madri che accudiscono presso il proprio domicilio più bambini);
Collaborare con le istituzioni scolastiche per effettuare programmi di educazione civica ed ambientale. Sviluppare i momenti destinati all'educazione civica tramite attività dentro e fuori le scuole, in maniera tale che i giovani possano ricevere un' adeguata educazione su vari temi di rilevanza civile, come il rispetto della cosa pubblica e dell'ambiente, la sana alimentazione, l'affettività e la sessualità.

4. ASSOCIAZIONI

4.1 Società e vivere civile

PREMESSA
In un mondo sempre più governato da logiche economiche ed utilitaristiche il ritorno della centralità dell'essere umano nelle scelte politiche è assolutamente auspicabile e di primaria importanza. Si ritiene necessario lo sviluppo di tutte quelle attività che conducono ad una riconsiderazione della figura umana e di tutto quello che vi gravita intorno, una rivalutazione ed implementazione di tutte quelle azioni che possono creare momenti di incontro. Solidarietà e confronto sono il punto cardine di un nuovo modo di amministrare una comunità.

AZIONI
Coordinare e calendarizzare gli eventi in collaborazione con tutte le Associazioni magliesi. In particolare si intendono favorire le attività delle singole associazioni con lo scopo di promuovere sul territorio lo svolgimento di manifestazioni che, a turno, coinvolgano una o più di esse. Tale attività di coordinamento si rende necessaria al fine di ottimizzare le tempistiche di ogni manifestazione e di creare una precisa programmazione per distribuire gli eventi durante tutto il corso dell'anno, creare attrattiva da un punto di vista turistico e coinvolgere tutta la cittadinanza. Verrà chiesta a tutte le associazioni la collaborazione per stilare un calendario di eventi e, soprattutto, si chiederà una condivisione di esperienze e professionalità al fine di migliorare l'offerta. Intendiamo riproporre i principali eventi socio-culturali magliesi che in passato hanno ottenuto grande successo, come ad esempio "Il Mercatino del Gusto" ( valutando, tra l'altro, una versione natalizia ) ed ampliare l'offerta con dei nuovi eventi. E' indispensabile porre in essere altre manifestazioni a tema al fine di sponsorizzare quanto più possibile le nostre produzioni locali sia a livello enogastronomico sia manifatturiero.
Creare un fondo specifico da destinare al finanziamento del calendario degli eventi, al fine di avere una precisa visione finanziaria delle risorse a disposizione già in fase di calendarizzazione. In tal modo si avrà la possibilità di scegliere in modo oculato eventi e attività da portare avanti con adeguata copertura. Molto di quello che si andrà a costruire dovrà essere realizzato tramite attività di volontariato da parte sia delle singole associazioni sia di tutta la cittadinanza. Si intende valorizzare il lavoro della Pro Loco in modo da renderlo vero punto centrale di tutta l'attività di coordinamento e di promozione del territorio. Organizzare un evento vuol dire in primo luogo promuoverlo. A tal fine si rende necessario tenere conto dei nuovi media e sfruttarne appieno tutte le potenzialità. Le attività di promozione dovranno essere coordinate tra loro al fine di ottimizzare costi e tempistiche.


4.2 Sport e tempo libero

PREMESSA
Lo sport deve essere una parte fondamentale della vita di una città. Noi crediamo che il Comune debba riuscire a fare di Maglie un modello in ambito dilettantistico ed amatoriale nel quale lo sport svolge un ruolo importante di aggregazione oltre che di cura del benessere fisico. Lo sport è educazione e dovrà essere uno dei mezzi per trasmettere ai nostri giovani i valori che noi riteniamo imprescindibili come lealtà, perseveranza, amicizia, condivisione e solidarietà sfuggendo alle regole del mercato in cui prevale l'egoismo e l'individualismo. Lo sport deve essere per tutti. Attraverso la pratica sportiva si promuove l'apprendimento della tolleranza e della responsabilità (assumendo, per esempio, mansioni organizzative) essenziali nella vita in una società democratica. In una società come la nostra in cui il benessere viene spesso considerato come l'accumulazione di beni, lo sport rimane uno dei baluardi nella difesa del benessere reale fisico e mentale, perciò la pratica sportiva deve essere uno degli obiettivi fondamentali di un'amministrazione pubblica.

AZIONI
Riconoscere che il ruolo del Comune è primariamente quello di favorire la pratica sportiva di base, prima che di sostenere lo sport professionistico. In questa direzione fondamentale sarà la cooperazione tra comune, provincia ed istituti scolastici per favorire la pratica dello sport all'interno delle scuole anche al di fuori degli orari scolastici.
Aprire un tavolo di trattativa con i dirigenti scolastici delle scuole primarie per favorire l'utilizzo delle strutture sportive da parte dei cittadini al di fuori degli orari di lezione ed in base alle esigenze dei potenziali fruitori.
Promuovere iniziative sportive con le varie associazioni magliesi al fine di far avvicinare il più possibile la cittadinanza allo sport e valorizzando particolarmente quelle manifestazioni che danno un ritorno da un punto di vista turistico/ricettivo.

4.3. Volontariato

PREMESSA
In un momento come quello che la nostra comunità sta vivendo, in cui le difficoltà economiche si fanno ogni giorno più pressanti, il volontariato può costituire un fenomeno di assoluta importanza per il prosieguo della vita sociale. Infatti è nell'attività di volontariato che si instaurano quei rapporti di reale collaborazione e socializzazione
che si rendono sempre più indispensabili. Si intende potenziare in tutti i settori possibili le attività del volontariato tramite il supporto degli uffici comunali di competenza, coordinandone ogni risorsa per garantire quanti più servizi possibili ai cittadini.

AZIONI
Istituire un organismo permanente di collegamento tra il Comune e le associazioni di volontariato presenti sul territorio, fornendo ausilio alle stesse per le iniziativa assunte.
Realizzare un punto di raccolta, organizzato e patrocinato dall'amministrazione comunale, di oggetti inutilizzati per metterli a disposizione di altri utenti, giovandosi di numerosi vantaggi quali la riduzione della quantità di rifiuti.
Creare opportunità di volontariato civico per gli anziani in attività utili alla collettività: sorveglianza del traffico davanti alle scuole, manutenzione di spazi verdi, gestione del piedi bus, custodia di locali pubblici.

5. SVILUPPO E PROMOZIONE

5.1 Artigianato

PREMESSA
La nostra azione sarà tesa a tutelare e difendere il tessuto artigianale presente e perseguire un'attenta politica rivolta a favorire nuovi insediamenti.
La globalizzazione ci ha messo e continuerà a metterci di fronte a paesi che posseggono un rapporto costi/produzione anche venti volte inferiore rispetto al nostro. Pensare di poter competere sul piano dei grandi numeri, sul prezzo e sulle economie di scala non ha senso. Maglie ha la fortuna di possedere storicamente competenze artigianali che non saranno vittime della globalizzazione ma, al contrario, hanno enormi potenzialità di crescita e sviluppo. Oggi quello che può aiutarci ad ammortizzare l'impatto con la crisi generalizzata è legato al territorio, all'arte del saper fare, all'ingegno, ai brevetti, all'inventiva, alle eccellenze, alla qualità e non alla quantità, alla cura dei dettagli e non alla velocità, alle economie di scopo e non alle economie di scala. Da questi ragionamenti nasce l'esigenza di far rifiorire il nostro artigianato e questo sarà il nostro approccio di governo circa l'economia locale.

AZIONI
Creare un comitato di imprenditori, artigiani, commercianti a supporto della giunta (e dell'assessorato di riferimento) che proponga iniziative ed azioni per lo sviluppo delle attività produttive comunali. Il Comune sarà il collegamento tra le imprese locali.
Supportare le realtà esistenti attraverso strumenti di detassazione e sburocratizzazione. In particolare, trovare soluzioni che consentano di ridurre al minimo le addizionali vigenti sugli immobili utilizzati per finalità produttive.
Ridurre la burocrazia nelle risposte alle imprese, agli artigiani ed ai commercianti a tutti i livelli. L'ottimizzazione dei tempi di gestione delle pratiche deve essere raggiunta attraverso la creazione di un sistema di parametrizzazione dei tempi di gestione delle pratiche e attraverso l'attribuzione di specifiche responsabilità ai funzionari comunali, che andranno costantemente monitorate e valutate.
Implementare sistemi di attrazione indirizzati in particolare a start-up e società legate ai servizi, alle tecnologie avanzate, alla green economy e favorire collaborazioni con enti di ricerca ed università.
Favorire il reinvestimento degli utili sul territorio da parte delle imprese locali.
Incentivare tutti gli attori coinvolti nel ciclo produttivo dell'economia locale (imprese, commercianti, artigiani, consumatori, enti pubblici) ad indirizzare i propri consumi nel territorio. Ciò permetterebbe di ottenere un effetto moltiplicatore della spesa e di evitare che le risorse economiche locali drenino verso altre zone. Nella gestione di appalti pubblici per beni e servizi prevedere la rotazione dei fornitori, nei casi in cui la legge nazionale lascia una certa discrezionalità nella scelta degli stessi (affidamento diretto), dando inoltre la precedenza alle imprese, agli artigiani, ai professionisti ed ai commercianti locali.
Istituire un fondo finanziario da destinare ad incentivo di imprese locali che attiveranno contratti di lavoro subordinato continuativo, pari o superiore a dodici mesi, con cittadini residenti nel Comune di Maglie.
Organizzare corsi, rivolti a ragazzi che hanno abbandonato gli studi ed a disoccupati, in collaborazione con l'Associazione Artigiani Magliesi, al fine di recuperare le arti ed i mestieri di un tempo.

5.2 Commercio

PREMESSA
L'analisi del settore commerciale magliese evidenzia una sufficiente aggregazione sia tra le aree commerciali, abbastanza organizzate, sia tra i commercianti stessi. Tuttavia, in una realtà come Maglie, si avrebbero notevoli vantaggi incrementando la collaborazione tra i commercianti. L'obiettivo principale per la nostra città sarà quello di organizzare le attività commerciali in modo esteso su tutto il territorio comunale secondo una logica di commercio di vicinato, privilegiando quest'ultimo rispetto ai centri commerciali. La nostra visione di Maglie è di una città che, "alzando l'asticella", tende ad attrarre una maggiore fetta di mercato a fare acquisti nelle attività locali creando un circolo economico virtuoso a beneficio di tutta la popolazione.

AZIONI
Rifiutare la realizzazione di nuovi poli commerciali rivalutando il piccolo commercio esistente.
Sostenere le attività di vendita diretta e di filiera corta fornendo sostegno alle realtà locali che mettono in contatto produttori e consumatori.
Creare canali preferenziali di commercio e distribuzione per i produttori locali che adottano tecniche di produzione eco-compatibili e non intensive.
Supportare le attività commerciali, artigianali ed industriali strategiche e "sostenibili" agevolandole fiscalmente ove possibile.
Riqualificare l'area mercatale a parco urbano al fine di renderla fruibile alla cittadinanza e riorganizzare il mercato settimanale nell'ottica di facilitarne l'utilizzo.

5.3 Turismo

PREMESSA
Il turismo in Italia rappresenta una risorsa estremamente importante, capace di sostenere economicamente zone prive di insediamenti produttivi. Il Salento è ricco di numerose attrattive sia per turisti provenienti dall'estero che per quelli italiani. Molto spesso le amministrazioni non colgono l'importanza di tale aspetto e le scelte gestionali risultano inadeguate a sostenere interventi capaci di rendere attrattivo il territorio e le ricchezze in esso contenute. Questo è anche il caso di Maglie; cittadina ricca di bellezze e confinante con territori altrettanto interessanti ma priva di una pianificazione di medio-lungo termine che la renda turisticamente allettante.

AZIONI
Sviluppare nei magliesi la consapevolezza delle enormi potenzialità del territorio. Solo così ognuno potrà contribuire a rendere desiderabile il "prodotto Maglie" al visitatore. Devono essere i cittadini i primi conoscitori ed amanti del territorio e di tutto ciò che lo caratterizza e lo differenzia da altre realtà. Questo obiettivo si può perseguire diffondendo in modo capillare la conoscenza legata a tre temi principali:
• prodotti enogastronomici
• bellezze naturalistiche
• ricchezze storico artistiche
A tale scopo organizzare visite guidate (per scolaresche e cittadini) presso le aziende enogastronomiche locali, i musei e le chiese; programmare eventi finalizzati a diffondere le vicende storiche della nostra città; creare una mostra fotografica permanente all'interno dei locali comunali che esplori le bellezze naturalistiche di Maglie. Quest'ultimo progetto potrebbe essere realizzato a costo zero creando delle partnership con fotografi ed appassionati locali.
Creare una rete con le zone limitrofe più visitate. "L'unione fa la forza!", regola basilare in molti settori ed anche nella promozione del territorio e nella sua rivalutazione turistica. Maglie ha un'enorme fortuna: è caratterizzata da una posizione geografica strategica per chi viene a visitare il Salento. Nel creare un pacchetto di iniziative turistiche si dovrà cercare di attrarre i flussi di turisti già impegnati nel visitare le zone limitrofe attraverso un'offerta che, nelle varie tappe, comprenda anche Maglie ed il suo territorio. Si mirerà ad instaurare accordi e promuovere iniziative con le città limitrofe e della costa.
"Promozione tramite i Tour Operator". I tour operator stranieri (società che creano pacchetti viaggio), con sempre maggiore frequenza vengono a visitare il Salento e ad incontrare le amministrazioni comunali per valutare l'offerta turistica del territorio. A Maglie, purtroppo, l'amministrazione è completamente immobile verso tale tipo di domanda e, a causa di ciò, gli operatori della città (alberghi, B&B) si sono dovuti muovere autonomamente e a proprie spese per offrire una risposta a queste società. Si ritiene assolutamente indispensabile attrarre flussi di turisti stranieri nel nostro territorio ed in tal senso verrà individuata una figura tra i dipendenti comunali che si occupi prevalentemente di mantenere contatti con i tour operator e gli operatori locali, predisponendo materiale promozionale che rappresenti le ricchezze della città. La domanda già c'è, creiamo l'offerta!
Rivitalizzare il centro storico attraverso iniziative di varia natura programmate nel tempo. Innanzitutto è necessario modificare l'idea che il cittadino medio ha del centro storico, una zona statica ed in disuso. La ricchezza dell'Italia è nei bellissimi e antichi centri delle città ed è nostra intenzione programmare interventi che permettano al centro di Maglie di diventare un'opera in movimento, un bene da rivitalizzare ed in grado di diventare una forte attrattiva per chi ha intenzione di visitare i nostri luoghi. Con questo obiettivo si prevedono:
• mostre fotografiche e pittoriche all'aperto;
• rassegne enogastronomiche nel centro storico;
• opere per rivalutare il centro storico con panchine, fioriere e con la manutenzione definitiva del basolato.
"escursioni urbane" con visite nei principali luoghi di interesse.
revisioni delle illuminazioni dei palazzi storici, delle chiese, degli scorci particolari) da individuare dopo un'attenta analisi, con l'obiettivo di valorizzare al massimo le bellezze locali.
Provvedere ad un restyling della segnaletica turistica presente della città, inserendo maggiori informazioni (anche in inglese).
Individuare ed organizzare un circuito turistico che mostri tutti i siti archeologici rinvenuti negli ultimi decenni nel nostro territorio.

5.4 Cultura

PREMESSA
E' necessario avere a cuore la "salute" culturale della nostra città e dedicarle attenzione pari a quella dedicata ad altri ambiti amministrativi. Per il settore della cultura è doverosa una programmazione a medio termine e proiezioni a lungo termine, puntando sulla partecipazione e sulla trasparenza.
La cultura, nelle sue varie espressioni artistiche e sociali, è l'infrastruttura del nostro Paese. Per troppo tempo è stata considerata una spesa, un costo mentre rappresenta un investimento ed una fonte di guadagno. La cultura alimenta e favorisce la crescita etica e morale di una città.

AZIONI
Creazione della figura della guida turistica comunale operante negli infopoint per accogliere, informare, accompagnare il turista alla scoperta di Maglie. Questa figura sarà ricoperta da studenti e volontari. Saranno studiate modalità di pagamento "alternative" (partecipazione al pagamento delle tasse universitarie, acquisto libri di testo, sconti su imposte comunali, crediti scolastici).
Rafforzare il sodalizio tra pro loco ed aziende del territorio.
Pubblicare (ove non presenti) le guide alle opere delle chiese, ai musei ed al patrimonio culturale esistente.
Curare ed incrementare i rapporti con l'Università di Lecce e con altri enti universitari.
Incentivare un programma teatrale diviso in due periodi stagionali: quello invernale da tenersi nel Teatro Moderno e quello estivo all'aperto nella Villa Tamborino.
Promuovere con maggior forza la fruizione, attraverso la creazione di periodiche iniziative, del Museo Paleontologico, fiore all'occhiello della cultura Magliese.

CONCLUSIONI
A questo punto qualcuno si chiederà: " cosa c'entro io con tutto questo?"
Se non lo aveste ancora capito ... molto ...
Quasi tutto quello che avete avuto la pazienza di leggere fino a questo punto sarà realizzabile solo se ogni cittadino avrà la volontà ed il coraggio di starci vicino e di portare avanti con noi tutto quello che di buono e di giusto è in questo documento.
Il voto dato al "Movimento 5 Stelle" di Maglie non è una delega in bianco, è un voto dato a voi stessi, è un voto da voi per voi, noi siamo i vostri portavoce e, senza di voi, possiamo fare ben poco.
E' venuto il momento di chiedersi non cosa può fare la politica per noi ma cosa noi possiamo fare per la politica e per la salvaguardia del nostro territorio.
Prendiamo per mano il nostro futuro, per i nostri figli e per tutti quelli che amiamo.
Questo è il compito a cui siete e siamo chiamati, decidere del nostro domani assumendocene la responsabilità, gli oneri e gli onori.
Questa è la vera novità portata dal "Movimento 5 Stelle" a Maglie: dare voce a chi fino ad ora non ha potuto (e forse non ha voluto) partecipare al dibattito politico.
Ora gli alibi sono finiti, il futuro è nostro ed abbiamo il diritto ed il dovere di contribuire a costruirlo.
Costruiamolo insieme ...
A riveder le stelle.....

I candidati a Maglie

  • user-pic
    Antonio Izzo
  • user-pic
    Carlo Pepe
  • user-pic
    Cristina Lisci
  • user-pic
    Donato Mauro
  • user-pic
    Giampaolo Magri
  • user-pic
    Giovanni Toma
  • user-pic
    GyX
  • user-pic
    Laura Palma
  • user-pic
    liliana spirito
  • user-pic
    Luciana Palma
  • user-pic
    MAURIZIO PALOMBA
  • user-pic
    Pasca Luigi
  • user-pic
    spertingati salvatore

Partecipa ai nostri eventi


   © 2010 Beppegrillo.it - I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons  Creative Commons