Ordine del giorno convocazione del 26/07/2016

| Commenti

L'Assemblea legislativa regionale è convocata per martedì 26 luglio 2016 alle ore 10.00, con prosecuzione nel pomeriggio, presso la sala Assembleare di Via Tiziano n. 44, Ancona, per discutere il seguente ordine del giorno:

Nomina:
- Elezione dei Consiglieri segretari dell'Assemblea legislativa.
(Articolo 13, commi 1 e 3, dello Statuto regionale)
(voto limitato a uno)

Proposta di legge statutaria n. 68
ad iniziativa dei Consiglieri Busilacchi, Bisonni, Celani, Leonardi, Maggi, Marconi, Rapa, Zaffiri "Modifica alla legge statutaria 8 marzo 2005, n. 1 "Statuto della Regione Marche".
Proposta di legge statutaria n. 26 ad iniziativa dei Consiglieri Giancarli, Urbinati, Celani, Volpini, Giacinti, Rapa, Marconi, Micucci, Traversini, Tale', Minardi, Carloni "Modifica alla legge statutaria 8 marzo 2005, n. 1 "Statuto della Regione Marche".
Proposta di legge statutaria n. 46 ad iniziativa del Consigliere Fabbri "Modifica alla legge statutaria 8 marzo 2005, n. 1 "Statuto della Regione Marche".
Proposta di legge statutaria n. 57 ad iniziativa dei Consiglieri, Maggi, Fabbri, Pergolesi, Giorgini "Modifica alla legge statutaria 8 marzo 2005, n. 1 "Statuto della Regione Marche".
(le proposte di legge n. 68, 26, 46 e 57 sono abbinate)
Relatore di maggioranza: Francesco Giacinti.
Relatore di minoranza: Giovanni Maggi.
(Discussione e votazione)

Proposta di legge n. 63
ad iniziativa della Giunta regionale "Disposizioni urgenti di adeguamento dell'ordinamento regionale".
Relatore di maggioranza: Biancani
Relatore di minoranza: Carloni
(Discussione e votazione)

Proposta di atto amministrativo n. 18/16 ad iniziativa della Giunta regionale "Programma quinquennale per le aree protette (PQuAP) 2016/2020. Legge regionale 28 aprile 1994, n. 15, articolo 7".
Relatore di maggioranza: Biancani
Relatore di minoranza: Bisonni
(Discussione e votazione)

Proposta di atto amministrativo n. 22/16
ad iniziativa dell'Ufficio di Presidenza "Rendiconto dell'Assemblea legislativa regionale per l'esercizio finanziario 2015".
Relatore: Minardi
(Discussione e votazione)

Nomina:
- Elezione di due componenti del Consiglio di amministrazione della "Cooperativa Artigiana di Garanzia Pietro Rabini" - sede Ancona.
(Statuto Ente, articolo 34)
(voto limitato a uno)

Mozione n. 115 ad iniziativa del Consigliere Bisonni "Riduzione delle tariffe del Trasporto Pubblico Locale".

Mozione n. 105 ad iniziativa del Consigliere Leonardi "Recepimento Direttiva 2014/17/UE del Parlamento Europeo - cosiddetta "Mortage Credit Directive".

Mozione n. 118 ad iniziativa dei Consiglieri Malaigia, Zaffiri, Zura Puntaroni "Revisione distanze chilometriche e tariffe dei percorsi di Trasporto Pubblico Locale in provincia di Fermo. Tutela degli studenti e loro famiglie".

Mozione n. 119 ad iniziativa del Consigliere Marcozzi "Avis regionale".

Mozione n. 125
ad iniziativa del Consigliere Fabbri "Finanziamento della Legge Regionale 13/2009 "Disposizioni a sostegno dei diritti e dell'integrazione dei cittadini stranieri immigrati".
Interrogazione n. 184 ad iniziativa del Consigliere Giancarli "Accoglienza migranti".
(la mozione n. 125 e l'interrogazione n. 184 sono abbinate)

IL PRESIDENTE
(Antonio Mastrovincenzo)

Casa di riposo opera pia Ceci Camerano Ancona M5S MARCHE.jpg
A seguito di una segnalazione del neo-gruppo del M5S Camerano, la Consigliera regionale 5 Stelle, Romina Pergolesi, ha presentato una interrogazione in Consiglio regionale per conoscere chi rappresenta legalmente la Casa di Riposa "Opera Pia Ceci" dopo l'elezione di Miria Volpini a Consigliere del Comune di Camerano, divenuta quindi incompatibile con la carica di Presidente della Fondazione.


"Chi ricopre attualmente il ruolo di rappresentante legale della Fondazione "Opera Pia Ceci" di Camerano?" Richiesta, questa, rivolta al Presidente della Regione Luca Ceriscioli, dalla Consigliera regionale 5 Stelle Romina Pergolesi che ha presentato una interrogazione in Consiglio regionale dopo che Miria Volpini è stata eletta Consigliera comunale e come tale, ai sensi dello statuto della Fondazione, non può più ricoprire l'incarico di Presidente.
Da qui l'interrogazione rivolta a Ceriscioli, che è anche Assessore regionale alla Sanità a conoscere chi rappresenta legittimamente l'Istituto.
"Ai sensi dell'articolo 20 della legge regionale n. 5/2008, la Regione Marche esercita funzioni di controllo e vigilanza delle persone giuridiche come la Fondazione 'Opera Pia Ceci' - afferma la Pergolesi - che ha in essere due convenzioni con l'ASUR 2, una per le prestazioni di assistenza domiciliare integrata e una per le prestazioni sanitarie erogate all'interno della Residenza Protetta. Aspetti questi che devono essere garantiti da iter corretti che solo un rappresentante legale è in grado di affermare."

Ancona, 18/07/2016


Romina Pergolesi
339-8236810

Il M5S chiede di votare NO al quesito costituzionale (modifica forma di governo).

M5S MARCHE COSTITUTIONday - incontro regionale INformativo.jpg


INVITIAMO TUTTI

al prossimo importantissimo appuntamento regionale inFORMATIVO #votaNO al #referendumCOSTITUZIONALE con l'eccezionale partecipazione del Costituzionalista
ENZO DI SALVATORE
,


venerdì 22 luglio 2016
ore 21:00 "Anfiteatro Scuola Diaz" in Corso Matteotti a Porto Recanati (MC)



I CONTENUTI DEL REFERENDUM
3 moduli per 3 quesiti:

1) MODIFICA DELLA FORMA DI GOVERNO, DEL SENATO E DEI RAPPORTI STATO-REGIONI. ABOLIZIONE DEL CNEL(referendum popolare confermativo)

2) ABROGAZIONE CAPOLISTA BLOCCATI ELEZIONE CAMERA DEI DEPUTATI (referendum popolare abrogativo)

3) ABROGAZIONE PREMIO DI MAGGIORANZA ELEZIONE CAMERA DEI DEPUTATI (referendum popolare abrogativo)

Nota: I referendum "costituzionali" non sono da confondere con quelli "sociali" (scuola, beni couni, trivelle, inceneritori), che comunque il M5S sostiene.

Il referendum costituzionale del 2016 si terrà in Italia nella seconda metà dello stesso anno per confermare o respingere la cosiddetta riforma Renzi-Boschi, contenuta nella legge costituzionale approvata dal Parlamento il 12 aprile 2016, recante «disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione».[1]

La proposta di riforma è stata approvata con una maggioranza inferiore ai due terzi dei componenti di ciascuna camera: di conseguenza, come prescritto dall'articolo 138 della Costituzione, il provvedimento non è stato direttamente promulgato per dare la possibilità di richiedere un referendum confermativo entro i successivi tre mesi, facoltà già esercitata nello stesso mese di aprile 2016. Non essendo previsto un quorum di votanti, la riforma entrerà in vigore se il numero dei voti favorevoli sarà superiore al numero dei suffragi contrari, a prescindere dalla partecipazione al voto.


link manifesto in pdf http://www.movimento5stelle.it/listeciviche/liste/marche/REFERENDUM-COSTITUION%20DAY.pdf

SANITA' MARCHE: I MARCHIGIANI PER POTER CURARSI DEBBONO ANDARE ALL'ESTERO


Mentre la sanità marchigiana va in vacanza, i cittadini marchigiani sono costretti ad andare all'estero per curarsi!

Dopo aver depauperato i servizi sanitari e reso "in fin di vita" gli ospedali dell'entroterra pesarese, Ceriscioli ha sferrato l'ultimo colpo alla sanità marchigiana: un Accordo con la Repubblica di San Marino, per attivare una collaborazione nei settori sanitario e socio-sanitario. La proposta sulla carta potrebbe sembrare anche accattivante, ma a conti fatti si rivela il solito specchietto per le allodole che penalizza le tasche dei marchigiani presagendo un aumento dei costi sistematico.

PERGOLESI (M5S) - SANITA': ACCORDO TRA REGIONE MARCHE E REPUBBLICA DI SAN MARINO

Alla base dell'Accordo dovrebbe esserci un "beneficio reciproco", ma leggendo i dati del Ministero della Salute relativi alla spesa sanitaria per la mobilità degli ultimi tre anni da e per San Marino, si capisce all'istante che il vantaggio sarà solo per i Sammarinesi.
Andando a leggere nel dettaglio, si vede infatti che verranno avviate forme di collaborazione tecnico scientifica e di scambio di prestazioni ambulatoriali e di degenza. In pratica questo vuol dire che i cittadini di San Marino potranno venire a curarsi nelle Marche e, viceversa, i marchigiani potranno ricevere prestazioni all'interno di strutture di San Marino. Questo però solo se "per tali prestazioni esistano tempi di attesa più lunghi dello standard".
Ma come? Non era uno dei problemi già risolti dal nostro Presidente, con anomala delega alla Sanità, Ceriscioli, nei suoi primi 300 giorni di governo? Soprattutto quando <<c'è il sospetto che le liste di attesa siano qualcosa di artato, di alimentato perché così si incentivano meccanismi diabolici. È l'esempio del distacco tra la politica, governo e cittadini: il governo che permette fenomeni che poi costringono i cittadini con un bisogno fondamentale ad andare a trovarselo, pagando!>>, queste le dichiarazioni dello stesso Ceriscioli in un intervista lo scorso 26 giugno 2015 !?!!
L'azione inoltre non va al cuore del problema: non introduce semplificazioni nella procedura poco agevole per il rilascio dei modelli autorizzativi, aspetto facilmente superabile se solo ci fosse la volontà, come rilevato dagli stessi uffici regionali in sede di discussione in IV Commissione. Di nuovo questo governo PD ci propone una soluzione che non mira al problema. Il problema rimane, inalterato e grave: costi troppo alti a carico dei cittadini per un sistema di prestazioni che lascia molto a desiderare.


Romina Pergolesi
M5S Marche

3398236810

_________________

questo il mio intervento in aula come relatrice di minoranza
sulla Proposta di Atto Amministrativo n.16/16 a iniziativa della Giunta regionale:

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE MARCHE E LA REPUBBLICA DI SAN MARINO IN CAMPO SANITARIO E SOCIO-SANITARIO
__________________


ANCHE OGGI LEGGIAMO SULLA STAMPA DI "REPARTI ACCORPATI E TAGLI AI POSTI LETTO: LA SANITA' MARCHIGIANA VA IN VACANZA" ED I CITTADINI MARCHIGIANI, AGGIUNGO IO, PER POTER CURARSI DEBBONO ANDARE ALL'ESTERO!!

Dopo aver depauperato i servizi sanitari e reso "in fin di vita" gli ospedali dell'entroterra pesarese, con non poche rimostranze da parte dei territori interessati, Ceriscioli si è adoperato per sottoscrivere un Accordo con la Repubblica di San Marino che sulla carta può apparire accattivante, ma al lato pratico avrà un costo cospicuo per le tasche dei cittadini!

La IV Commissione è stata chiamata ad esprimere un parere sulla delibera di Giunta n.446 del 2016; come relatrice di minoranza, vi espongo brevemente quanto previsto nella delibera, un "accordo" che fin da subito mi ha fatto sorgere non poche perplessità..

dubbi che hanno trovato purtroppo conferma nel report che avevo chiesto alla funzionaria dell'ufficio regionale chiamata in audizione in Commissione, dove si evince un range assolutamente penalizzante per le casse del Servizio Sanitario Regionale:
INFATTI, DAI DATI DEL MINISTERO DELLA SALUTE, PER IL PERIODO 2013/2015, LA REGIONE MARCHE HA SPESO PIU' DI 300mila euro per ciascun anno.. trend che a nostro avviso e viste le discutibili scelte effettuate da questo governo, porteranno probabilmente ad un sostanziale aumento della spesa sanitaria regionale che graverà, come sempre, sulle tasche dei cittadini che pagano a caro prezzo un servizio che non eccelle per puntualità ed efficenza!

L'azione inoltre non va al cuore del problema: INFATTI, A CAUSA DELLA PROCEDURA POCO AGEVOLE PER IL RILASCIO DEI MODELLI AUTORIZZATIVI - aspetto che potrebbe essere facilmente superato, se solo ci fosse la volontà politica, in base alla individuazione di modalità più agevoli definite negli accordi operativi - i cittadini di San Marino si rivolgono prevalentemente alle strutture della Regione Emilia-Romagna, come rilevato dagli stessi funzionari regionali venuti in audizione in IV Commissione!!

Lo scorso Maggio, a seguito dei contatti intervenuti tra i referenti istituzionali della Regione Marche e della Repubblica di San Marino è stata valutata l'opportunità - stante la contiguità dei rispettivi territori - di avviare una collaborazione fra i due Enti, nei settori sanitario e socio-sanitario;

A tale proposito, a seguito della delibera di Giunta n. 378/2016 e dopo aver avuto l'autorizzazione dal Ministero degli Affari Esteri in data 14/04/2016, il Presidente Ceriscioli ha sottoscritto LO SCHEMA DI ACCORDO DI COLLABORAZIONE tra la regione Marche e la Repubblica di San Marino;
Tale accordo prevede la collaborazione in campo sanitario a sostegno delle strutture già operanti, inoltre prevede la RECIPROCA COLLABORAZIONE NEL SETTORE SANITARIO E SOCIO-SANITARIO, nel campo della ricerca ed innovazione tecnologica, nei correlati aspetti amministrativi, anche relativi alle dinamiche di spending review, per la razionalizzazione della spesa e per favorire l'interscambio professionale..
Ed ancora.. nel rispetto delle proprie autonomie e competenze, le parti s'impegnano a conseguire un'integrazione ottimale delle rispettive programmazioni sanitarie e socio-saintarie, FACILITANDO LA DEFINIZIONE DI INTESE TECNICO-AMMINISTRATIVE necessarie a consentire uno SCAMBIO DI PRESTAZIONI FRA GLI ENTI DEL SSR della regione Marche e l'Istituto della Sicurezza Sociale della Repubblica di San Marino, nonché le COLLABORAZIONI TRA PROFESSIONISTI SANITARI E TECNICO-AMMINISTRATIVI NELL'INTERESSE DEI RISPETTIVI FABBISOGNI;
Il Servizio Sanitario Nazionale Sammarinese verrà quindi CONSIDERATO NELL'AMBITO DELLE RETI DI AREA VASTA DELLA REGIONE MARCHE!!
Le parti convengono, in particolare, sull'attivazione di una collaborazione nell'ambito di PERCORSI CONDIVISI DI POLITICA SANITARIA, SOCIO-SANITARIA E SOCIALE da svilupparsi in un sistema informativo che sia INTEGRATO PER LE PARTI DI RECIPROCO INTERESSE, NELL'OTTICA DI PROMUOVERE UN REGOLARE SCAMBIO DI DATI UTILI ALLA DEFINIZIONE DEI RISPETTIVI FABBISOGNI;
Nell'ambito del presente Accordo si prevede di avviare forme di collaborazione tecnico scientifica e di SCAMBIO DI PRESTAZIONI AMBULATORIALI E DI DEGENZA in analogia a quanto già esistente con le Aziende Sanitarie della Regione Emilia Romagna.. VIENE POI FATTA UNA PRECISAZIONE: l'oggetto dello scambio di prestazioni e professionisti NON SOLO NEL SENSO DI INVIARE CITTADINI SAMMARINESI AD EFFETTUARE PRESTAZIONI NELL'AZIENDE SANITARIE ITALIANE MA ANCHE NELLA POSSIBILITA' DI RICEVERE CITTADINI MARCHIGIANI PER L'EROGAZIONI DI PRESTAZIONI ALL'INTERNO DI STRUTTURE SAMMARINESI PURCHè, PER TALI PRESTAZIONI, ESISTANO TEMPI DI ATTESA PIU' LUNGHI DELLO STANDARD!!
LO STESSO MEMORANDUM D'INTESA TRA LA SEGRETERIA DI STATO PER LA SANITA' E LA SICUREZZA SOCIALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO ED IL MINISTERO DELLA SALUTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA SULLA COOPERAZIONE NEL CAMPO DELLA SALUTE E DELLE SCIENZE MEDICHE PREVEDE IL MUTUO BENEFICIO!
CERISCIOLI UN ANNO FA HA DICHIARATO che sul fronte sanitario la sua prima decisione sarebbe stata la riduzione delle liste di attesa! e cito testualmente << Non solo per incidere sull'aspettare tanto tempo per avere una risposta sanitaria; non solo per la spesa che ciò comporta sul cittadino (quando non si ha una risposta, si paga, per un anziano con la pensione minima significa l'impossibilità di accedere ai servizi). È soprattutto perché c'è il sospetto che le liste di attesa siano qualcosa di artato, di alimentato perché così si incentivano meccanismi diabolici. È l'esempio del distacco tra la politica, governo e cittadini: il governo che permette fenomeni che poi costringono i cittadini con un bisogno fondamentale ad andare a trovarselo, pagando!>>

Nulla che verta a favore dei cittadini marchigiani ne tanto meno che contempli un miglioramento della qualità dei servizi: LA TOPPA CHE SI VUOL METTERE E' PEGGIORE DEL BUCO !



Romina Pergolesi
M5S Marche

Consiglio Regionale Marche del 12 Luglio

| Commenti

Ordine del giorno convocazione del 12/07/2016

Indice delle sedute

L'Assemblea legislativa regionale è convocata per martedì 12 luglio 2016 alle ore 10.00, con eventuale prosecuzione alle ore 14,30, presso la sala Assembleare di Via Tiziano n. 44, Ancona, per discutere il seguente ordine del giorno:
Consiglio Regionale M5S.jpgSe non vedete il VIDEO cliccate qui:
https://www.youtube.com/watch?v=MCEQE3zJFvo


Interrogazioni:

n. 187 del Consigliere Giancarli "Lavori urgenti al viadotto sul lago di Castreccioni" .

n. 189 del Consigliere Bisonni "Presenza dei pesticidi e nitrati in fiumi e pozzi nella parte valliva della provincia di Macerata" .

n. 198 del Consigliere Micucci "Riduzione numero insegnanti provincia Macerata a seguito della riorganizzazione" .

n. 195 dei Consiglieri Zaffiri, Zura Puntaroni, Malaigia "Richiesta di chiarimenti sui rapporti tra Comune di Ancona ed Erap Ancona inerenti la cessione, l'acquisto e la ristrutturazione dell'ex Ceserma Fazio da parte dell'Erap Ancona. Visione degli atti relativi all'immobile in discussione" .

n. 200 del Consigliere Giancarli "Realizzazione del Polo Enogastronomico Regionale ed avvio attività" .

Proposte di Legge

Proposta di legge n. 48 a iniziativa dei Consiglieri Talè, Urbinati, Traversini, Rapa "Modifica alla legge regionale 8 marzo 1990, n. 13 'Norme edilizie per il territorio agricolo'".
Relatore di maggioranza: Biancani
Relatore di minoranza: Bisonni
(Discussione e votazione)

Proposta di legge n. 52 ad iniziativa della Giunta regionale "Ulteriori modifiche alla legge regionale 16 gennaio 1995, n. 10 (Norme sul riordinamento territoriale dei Comuni e delle province nella Regione Marche)".
Relatore di maggioranza: Giacinti
Relatore di minoranza: Carloni
(Discussione e votazione)
1)

Proposta di atto amministrativo n. 16/16 a iniziativa della Giunta regionale "Accordo di collaborazione tra la Regione Marche e la Repubblica di San Marino in campo sanitario e socio-sanitario, ai sensi dell'articolo 21, comma 2, lettera d), dello Statuto della Regione Marche".
Relatore di maggioranza: Giancarli
Relatore di minoranza: Pergolesi
(Discussione e votazione)

Mozione n. 115 del Consigliere Bisonni "Riduzione delle tariffe del Trasporto Pubblico Locale".

Mozione n. 98 dei Consiglieri Zura Puntaroni, Zaffiri, Malaigia "Tutela del patrimonio paesaggistico e ambientale in località Ugliano di San Severino Marche".

Mozione n. 105
del Consigliere Leonardi "Recepimento Direttiva 2014/17/UE del Parlamento Europeo - cosiddetta "Mortage Credit Directive".

Mozione n. 118 dei Consiglieri Malaigia, Zaffiri, Zura Puntaroni "Revisione distanze chilometriche e tariffe dei percorsi di Trasporto Pubblico Locale in provincia di Fermo. Tutela degli studenti e loro famiglie".


IL PRESIDENTE
(Antonio Mastrovincenzo)

PERGOLESI (M5S) - APPROVATI GLI EMENDAMENTI DEL M5S

| Commenti

PROGETTO SNAM "IMPIANTO TRAPPOLA" METANODOTTO MONTESAN VITO:
APPROVATI GLI EMENDAMENTI DEL M5S

Pillole M5S Marche consiglio regionale.jpg

oggi in aula dell'Assemblea Legislativa della Regione Marche è stata inserita d'urgenza una Mozione, non prevista all'Odg, a firma PD sul progetto presentato dalla Società SNAM Rete Gas, per la realizzazione di un "impianto trappola" a monte del metadotto in uscita dall'impianto Eni E&P, che insiste sul territorio di Monte San Vito.

Una mozione tardiva visto che l'iter autorizzativo presso il MISE (Ministero Sviluppo Economico) è praticamente giunto ad una fase finale, dopo che, con Decreto da parte della P.F. Valutazioni ed Autorizzazioni Ambientali della Regione Marche n.34 del 22/04/2016 , il progetto era stato escluso dalla Valutazione di Impatto Ambientale; inoltre il dispositivo della mozione impegnava la Giunta solo a farsi promotrice presso il Ministero dello Sviluppo Economico per trovare soluzioni alternative.

La Consigliera regionale Pergolesi (M5S) ha voluto correggere il tiro presentando due emendamenti , approvati all'unanimità dall'aula, per avviare un riesame in autotutela per far verificare agli uffici competenti la piena correttezza del citato provvedimento di esclusione dalla VIA.

< mozione di facciata del PD è stata trasformata in un opportunità in più per il territorio di far valere le proprie ragioni all'interno degli iter>> ribadisce la Consigliera Pergolesi, aggiungendo << i soggetti interessati potranno presentare ulteriori memorie ed osservazioni in vista del riesame dell'istruttoria.>>


Ancona, 05/07/2016
Romina Pergolesi
Consigliere Regionale M5S Marche


Ordine del giorno convocazione del 05/07/2016

| Commenti

L'Assemblea legislativa regionale è convocata per martedì 5 luglio 2016 alle ore 10.00, con prosecuzione pomeridiana dopo la pausa lavori, presso la sala Assembleare di Via Tiziano n. 44, Ancona, per discutere il seguente ordine del giorno:

Interrogazioni a risposta immediata

INTERROGAZIONI:

n. 169 del Consigliere Marcozzi "Rette in residenzialità e semi-residenzialità di aree sanitarie extra-ospedaliere e sociosanitarie per settori anziani non autosufficienti, disabili e salute mentale".

n. 197 del Consigliere Micucci "Sostenimento dei costi di assistenza di pazienti con provenienza diversa dalla Regione Marche".

n. 181 del Consigliere Pergolesi "Verifica idoneità incarichi dirigenziali Asur".

n. 219 del Consigliere Rapa "Soppressione della fermata di Pesaro del treno Frecciarossa 9593-9594".
n. 221 dei Consiglieri Biancani, Minardi "Mancata fermata del treno Frecciarossa 9593-9594 a Pesaro".
(le interrogazioni n. 219 e 221 sono abbinate)

Interpellanze:

n. 6 del Consigliere Giorgini "Impianto trattamento rifiuti Uniproject Ascoli Piceno - Maltignano - provincia di Ascoli Piceno".

n. 7 dei Consiglieri Zaffiri, Zura Puntaroni, Malaigia "Nomina Direttore Erap Marche e relativi Presidi territoriali".

Proposta di legge n. 56 ad iniziativa dei Consiglieri Biancani, Giancarli, Giacinti, Micucci "Modifica alla legge regionale 1° dicembre 1997, n. 71 "Norme per la disciplina delle attività estrattive".
Relatore di maggioranza: Biancani
Relatore di minoranza: Giorgini
(Discussione e votazione)

Proposta di atto amministrativo n. 15/16 a iniziativa della Giunta regionale "ad iniziativa della Giunta regionale "Piano regionale per la promozione della pratica sportiva e delle attività motorio-ricreative 2016/2020. Legge regionale 2 aprile 2012, n. 5, articolo 6".
Relatore di maggioranza: Urbinati
Relatore di minoranza: Maggi
(Discussione e votazione)

Nomina:
Sostituzione del Revisore unico dell'Ente Regionale per il diritto allo Studio Universitario (ERSU) di Ancona.
(articolo 13, comma 1, della l.r. 2 settembre 1996, n. 38; articolo 1, comma 5, della l.r. 21 settembre 2015, n. 23)
(voto limitato a uno)

MOZIONI

Mozione n. 115 del Consigliere Bisonni "Riduzione delle tariffe del Trasporto Pubblico Locale".

Mozione n. 113
del Consigliere Talè "Convenzione Regione-Province sulle funzioni di tutela, vigilanza e controllo in materia di caccia e pesca".

Mozione n. 90 del Consigliere Leonardi "Guardia Medica di Porto Recanati. Mantenimento di questo importante presidio nell'arco dell'anno e non solo nel periodo estivo. Modifica Determina Direttore Generale Asur n. 915 del 24.12.2015".

Mozione n. 110
dei Consiglieri Zaffiri, Traversini, Giancarli, Celani "Salvaguardia, conservazione, ripristino e valorizzazione dei mulini storici ad acqua nel territorio marchigiano".

Mozione n. 117 del Consigliere Fabbri "Promozione dell'attività di recupero e distribuzione delle eccedenze alimentari e non alimentari".

Mozione n. 137 dei Consiglieri Malaigia, Zaffiri "Rischio esodati della Scuola per docenti abilitati non stabilizzati".

IL PRESIDENTE
(Antonio Mastrovincenzo)

1 ANNO a 5 STELLE - M5S MARCHE

| Commenti

Thumbnail image for convegno referendum_costituzionale.jpg

Nel 2015, dopo 10 anni di governo del PD con Spacca, noi marchigiani ci siamo accorti che le virtù principali della nostra "regione virtuosa" non erano altro che i tagli lineari che andavano a colpire marginalmente gli sprechi e pesantemente i servizi essenziali ai cittadini, soprattutto i più deboli e fragili.

Così per far fronte alla nostra acquisita consapevolezza e recuperare la credibilità perduta, chi da sempre ci ha governato decide di usare nelle Marche la stessa strategia romana di Renzi: arriva Ceriscioli che è di Pesaro e non di Fabriano e il partito non è più quello che c'era prima!? Dietro qualche "volto nuovo" si continuano a "coprire interessi" e responsabilità di qualche "volto vecchio" in piena continuità con il passato.

Ma il vero "nuovo" della decima legislatura è la presenza, per la prima volta nella storia della regione, del Movimento 5 Stelle!

Il senso di un anno di lavoro in Consiglio come seconda forza politica della regione, non sta solo nella contabilità delle interrogazioni, proposte di legge, mozioni, emendamenti presentati (oltre 120 in totale), alcuni dei quali approvati dall'aula, ma soprattutto nella funzione che il Movimento sta svolgendo.

Finalmente è presente una vera opposizione: intransigente, libera da pressioni e condizionamenti, pronta a contrastare tutto ciò che si contrappone al programma 5 Stelle e ad appoggiare e migliorare tutto ciò che può garantire la salute e la qualità della vita dei cittadini.

L'azione politica finora svolta si è concentrata sulla difesa dei servizi sanitari, sulla tutela dell'ambiente, sul potenziamento della mobilità pubblica su ferro, sulla valorizzazione del territorio soprattutto dell'entroterra, sulla lettura in chiave europea di posizioni condivise a livello regionale come il sostegno alla nuova concezione di "economia circolare", la contrarietà all'incenerimento dei rifiuti, l'opposizione ai segreti e discutibili accordi internazionali come il TTIP.

Un lavoro quotidiano in nome della legalità e della trasparenza, per offrire le stesse opportunità ai diritti e ai meriti di chi non ha e non vuole appoggi politici, per non far rimanere indietro nessuno. Un lavoro quotidiano e appassionato, che porterà, come ci auspichiamo e come già sta accadendo, coloro che si ribellano alle lobby affaristiche dei partiti a diventare maggioranza politica e governare le città, il paese e, nel 2020, la nostra regione.

La fiducia e i consensi che il Movimento 5 Stelle sta guadagnando sono il segno evidente che il cambiamento è già in atto!

E sempre nel segno del cambiamento, con l'obiettivo di migliorare maggiormente le competenze necessarie per condurre iniziative "vincenti" ed incisive in linea con i principi del Movimento 5 Stelle, condividiamo il documento di sintesi della bellissima Assemblea Regionale "Costruire dal basso" tenutasi a Corridonia la scorsa settimana, la 19° fatta da quando siamo stati eletti in Regione un anno fa, e frutto del workshop rivolto a tutti i cittadini, agli iscritti, ai Portavoce, ai gruppi certificati o simpatizzanti del M5S.

Un ringraziamento speciale va a tutti quelli che continuano a lavorare assieme a noi per costruire un paese migliore!

INVITIAMO TUTTI

al prossimo importantissimo appuntamento regionale inFORMATIVO #votaNO al #referendumCOSTITUZIONALE con l'eccezionale partecipazione del Costituzionalista
ENZO DI SALVATORE,
venerdì 22 luglio 2016 a Porto Recanati, ore 21:00.



Ancona, 30/06/2016
Il Gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle regione Marche

Consiglio Regionale Marche del 21 Giugno

| Commenti

Ordine del giorno convocazione del 21/06/2016

Indice delle sedute

L'Assemblea legislativa regionale è convocata per martedì 21 giugno 2016 alle ore 10.00, con prosecuzione pomeridiana dopo la pausa lavori, presso la sala Assembleare di Via Tiziano n. 44, Ancona, per discutere il seguente ordine del giorno:
Consiglio Regionale M5S.jpgSe non vedete il VIDEO cliccate qui:
https://www.youtube.com/watch?v=9veuQB4m_y0

Interrogazioni:

n. 183 dei Consiglieri Zaffiri, Zura Puntaroni, Malaigia "Lavori per il risanamento dell'immobile denominato Buon Pastore da adibire a residenza universitaria e servizi, sito in Ancona".

n. 191 del Consigliere Rapa "Messa in sicurezza e futura gestione del fiume Metauro".

n. 189 del Consigliere Bisonni "Presenza dei pesticidi e nitrati in fiumi e pozzi nella parte valliva della provincia di Macerata".

n. 218 del Consigliere Minardi "70° anniversario del ritrovamento dei Bronzi Dorati Da Cartoceto di Pergola.

Proposta di legge n. 50
a iniziativa del Consigliere Urbinati "Modifiche alla legge regionale 23 febbraio 2005, n. 6 "Legge forestale regionale".
Relatore di maggioranza: Urbinati
Relatore di minoranza: Fabbri
(Discussione e votazione)

Proposta di atto amministrativo n. 17/16
a iniziativa della Giunta regionale "Piano degli interventi per il diritto allo studio universitario nella Regione Marche per l'anno accademico 2016/2017. Legge regionale 2 settembre 1996, n. 38, articolo 4".
Relatore di maggioranza: Giacinti
Relatore di minoranza: Maggi
(Discussione e votazione)

Proposta di legge n. 60 ad iniziativa della Giunta regionale "Variazione generale al bilancio di previsione 2016/2018, ai sensi del comma 1 dell'articolo 51 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118. (1° provvedimento)".
Relatore di maggioranza: Giacinti
Relatore di minoranza: Marcozzi
(Discussione e votazione)


IL PRESIDENTE
(Antonio Mastrovincenzo)

Articoli recenti

informativa privacy portavoce m5s della regione Marche
informativa privacy m5s Marche.pdf…
RESTITUTION DAY tour 2016 - raccolta firme
SCEGLI TU COSA FARE DELLA SOMMA ​​CHE I CONSIGLIERI REGIONALI DEL MOVIMENTO 5 STELLE MARCHE RESTITUISCONO AI CITTADINI, COME PROMESSO…
SCEGLI TU COSA FARE
STEP2-RESTITUTIONtour (1).pdf…

Social

Iscriviti