Ordine del giorno convocazione del 21/02/2017

| Commenti

banner diretta canale YT2 con M5S  - con pulsante video2.jpg

L'Assemblea legislativa regionale è convocata per martedì 21 febbraio 2017 alle ore 10.00 presso la sala Assembleare di Via Tiziano n. 44, Ancona, per discutere il seguente ordine del giorno:

convocazione 21_02_2017-1.pdf

Proposta di legge n. 94 a iniziativa della Giunta regionale "Trasformazione della Società Sviluppo Marche S.p.A. (SVIM S.p.A.) in società a responsabilità limitata".
Relatore di maggioranza: Renato Claudio Minardi
Relatore di minoranza: Jessica Marcozzi
(Discussione e votazione)

Proposta di deliberazione n. 17/17 a iniziativa dell'Ufficio di Presidenza "Istituzione di una Commissione di inchiesta su Aerdorica Spa".
Relatore: Renato Claudio Minardi
(Discussione e votazione)

NOMINA
Sostituzione di un componente del Consiglio di amministrazione di "FIDIMPRESA MARCHE - Società Cooperativa" (sede Ancona).
(Statuto Ente: articolo 37)
(Voto limitato a uno)

INTERROGAZIONI

n. 178 dei Consiglieri Malaigia, Zaffiri, Zura Puntaroni, "Risarcimento danni incidente causato da cinghiale. Mancato pagamento della Regione Marche nei termini di legge con relativo atto di precetto del soggetto creditore istante".

n. 347 dei Consiglieri Micucci, Urbinati "Negazione da parte dell'INPS della CIGS in deroga settore pesca per l'annualità 2015 a quasi la metà degli imbarcati della Regione Marche".

n. 214 del Consigliere Marcozzi "Casa di Riposo di Camerino. Lavori di ristrutturazione ex ospedale S. Maria della Pietà".

n. 249 del Consigliere Bisonni "Mantenimento delle attività ambulatoriali del Presidio Ospedaliero di San Severino Marche".

n. 351 del Consigliere Rapa "Realizzazione stazione radio base a Loreto".

n. 275 del Consigliere Pergolesi "Selezioni pubbliche per la copertura di posti dirigenziali indette con determina del Direttore Generale Asur n. 556 del 7 agosto 2015 e n. 501 del 1° agosto 2014".

n. 280 del Consigliere Fabbri "Ritardi nelle attività di Dragaggio dei porti marchigiani, tra cui quello di Fano".

INTERPELLANZA

n. 11 del Consigliere Marconi "Nuove assunzioni in sanità. Proroga dei termini di validità delle graduatorie in scadenza o già scadute".

MOZIONI

Mozione n. 138 del Consigliere Fabbri "Sostegno dei Comuni a cui è stata assegnata anche la "Bandiera Trasparente".

Mozione n. 157 del Consigliere Marconi "Abolire le tariffe Siae per gli spettacoli gratuiti organizzati dalle amministrazioni locali e dalle associazioni senza scopo di lucro".

Mozione n. 204
dei Consiglieri Maggi, Fabbri, Giorgini, Pergolesi "Riapertura dei termini per la partecipazione all'interpello per il conferimento degli incarichi di direzione dei servizi della Giunta regionale, in attuazione della DGR n. 1536 del 7 dicembre 2016".
Interrogazione n. 335 del Consigliere Maggi "Modalità di pubblicizzazione dell'interpello per il conferimento degli incarichi di direzione dei servizi della Giunta regionale".
(La mozione n. 204 e l'interrogazione n. 335 sono abbinate)

Mozione n. 190
del Consigliere Micucci "Richiesta di realizzazione di due rotatorie illuminate in prossimità delle uscite di Morrovalle e di Montecosaro della SS77 Val di Chienti - direzione Mare/Monti".

Mozione n. 205
del Consigliere Zura Puntaroni "Interventi urgenti in favore delle popolazioni e dei territori interessati dagli eventi sismici del 2016 - proposta di adozione di un provvedimento ad hoc che consenta l'istallazione provvisoria, di strutture prefabbricate".
Interrogazione n. 345 del Consigliere Rapa "Autorizzazione alle strutture prefabbricate in aree private nelle zone colpite dal sisma".
(la mozione n. 205 e l'interrogazione n. 345 sono abbinate)

Mozione n. 210 dei Consiglieri Fabbri, Maggi, Giorgini "Contrarietà alla vendita di un tratto della ferrovia Fano-Urbino, ed esercizio del diritto di prelazione".
Interrogazione n. 355 dei Consiglieri Biancani, Minardi "Misure urgenti per salvaguardare l'unitarietà della tratta ferroviaria "Fano-Urbino" e non precludere progetti futuri".
(la mozione n. 210 e l'interrogazione n. 355 sono abbinate)

IL PRESIDENTE
(Antonio Mastrovincenzo)

GRAVISSIMO L'ATTEGGIAMENTO DEL PD CHE SNOBBA I DIRITTI COSTITUZIONALI RICHIAMATI NEL PARERE TECNICO Gravissimo episodio in Commissione Sanità: la maggioranza fa passare un testo di legge sull'obbligo delle vaccinazioni per tutti i bambini che si iscrivono ai nidi di infanzia che non promuove assolutamente la corretta profilassi di vaccinazione, così come stabilito invece dalla normativa vigente.

VACCINI1.jpg

Questa Proposta di Legge appare palesemente inefficace, coercitiva ed in contrasto con il fondamentale principio dell'autodeterminazione in materia di salute.
Il Segretario Generale dell'Assemblea Legislativa su mia richiesta aveva espresso un parere tecnico su questa proposta di legge, manifestando seri dubbi di legittimità. Alcune
disposizioni, infatti precluderebbero ai non vaccinati la frequenza nei nidi d'infanzia e
centri per l'infanzia pubblici e privati accreditati, subordinando l'utilizzo di un servizio
pubblico alla violazione del diritto individuale e incoercibile stabilito dall'art. 32 della
Costituzione, secondo cui "nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento
sanitario se non per disposizione di legge".

Il segretario citava anche sentenze, decreti e altra letteratura a riprova di quanto scritto.
Il parere solleva perplessità anche sulla piena competenza della Regione a poter
legiferare una tale disposizione.
Proprio in virtù del sopracitato atto ho provveduto a depositare una lettera in cui invitavo sia gli organi amministrativi che quelli politici a procedere ognuno per le proprie competenze affinché fosse sospeso immediatamente l'iter della PdL 95/16 e dichiarata inammissibile la sottoposizione della stessa all'approvazione della IV Commissione.
Neppure l'autorevole parere tecnico è stato sufficiente per fare un passo indietro
dimostrando buon senso e rispetto delle leggi.

La maggioranza va avanti a occhi chiusi!
Il M5S gli occhi li tiene ben aperti e soprattutto tiene in considerazione i pareri tecnici-normativi dei funzionari preposti prima di votare. Andremo avanti in tutti gli ambiti possibili per tutelare i diritti di
tutti i cittadini.

Romina Pergolesi
Consigliere Regionale M5S Marche
IV Commissione Sanità
339 8236810

Turni sanità.jpg

COMUNICATO STAMPA
SANITA' MARCHE: CERISCIOLI RISPETTI I DIRITTI DEI PAZIENTI E DEI LAVORATORI

Per evitare la procedura di infrazione europea il Parlamento ha ripristinato il diritto comunitario su orari e riposi già in vigore per tutti gli altri lavoratori.

Le deroghe italiane, volute da due governi diversi (Prodi prima e Berlusconi dopo) sono servite ad evitare l'erogazione di sanzioni amministrative (multe) all'Italia, e sono la conseguenza dell' "indebolimento" degli organici sanitari delle strutture sanitarie italiane che mediamente non consentivano il rispetto della "giusta e doverosa " normativa comunitaria. "Giusta" sia per i medici che per i pazienti. Per i medici, per evitare errori legati alla stanchezza, con conseguenti azioni legali di rivalsa, da parte degli assistiti. Per i pazienti, che hanno tutto il diritto di ricevere prestazioni mediche "eccellenti" da parte di medici "non stressati dal lavoro".
http://formiche.net/2015/11/09/25-novembre-del-2015-deadline-per-lorario-dei-medici-e-sanitari/

Il Servizio Sanitario deve approntare tutta l'organizzazione alla prevenzione e gestione dei rischi, partendo dall'efficientamento della programmazione e l'utilizzo delle risorse necessarie a garantire la tutela del paziente. Non solo la regione Marche è inadempiente alle disposizioni della legge di stabilità 2016 che pone come obbiettivo la sicurezza del paziente, ma a rimetterci sono ancora una volta gli operatori sanitari costretti da tempo a lavorare sopra le proprie forze per sopperire alle carenze organizzative e di programmazione imputabili principalmente all'inadeguatezza di chi governa questa regione.

Le cronache di questi giorni raccontano il caso di un infermiere di Ancona che rischia una sanzione disciplinare perché non si è presentato in servizio pochissime ore dopo un turno di lavoro notturno svolto in pronta disponibilità. http://www.quotidianosanita.it/lettere-al-direttore/articolo.php?articolo_id=47484


Il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle del Consiglio regionale delle Marche ha presentato un'interrogazione al Presidente della Giunta Regionale Luca Ceriscioli in merito alla vicenda. Nell'interrogazione si chiede conto dell'utilizzo improprio dei procedimenti disciplinari come atti di governo del personale a fronte di disposizioni di servizio che non sono rispettose dei dettami legislativi in tema di orario di lavoro e, in particolare, di riposo giornaliero.
Si chiede al Presidente della Regione quali atti vengono messi in campo dalla sua Giunta per risolvere la questione di criticità dei turni, pacificamente ammessa dalla Direzione dell'Azienda ospedaliera, e come mettere in atto un'organizzazione che non metta a repentaglio la salute dei cittadini che hanno il diritto di vedersi assistere da personale nel pieno della sua salute psico-fisica.

L'azione del Movimento 5 Stelle Marche si farrà sempre più pressante finchè non verranno garantiti e rispettati i diritti sia dei pazienti che dei lavoratori di settore.


Romina Pergolesi
Consigliere M5S Marche
IV Commissione Sanità
3398236810

punti nascita.jpg

"I punti nascita delle Marche vanno potenziati, è necessario istituire a breve almeno un nuovo reparto di Terapia Intensiva Neonatale ed è possibile ripristinare i punti nascita di Osimo e San Severino con il parere del Comitato Percorso Nascita Nazionale"
E' questo il tema oggetto di una mozione che ho presentato ad ottobre 2016, sinora mai discussa e di una nuova interrogazione al presidente regionale Luca Ceriscioli. "Ad un anno dalla chiusura dei punti nascita di Osimo e San Severino sono emerse dalla stampa criticità pesanti nei punti nascita marchigiani, di cui alcune legate ad episodi gravi, non risulta che la riorganizzazione attuata abbia portato ad un miglioramento del servizio. Per questo chiediamo al presidente regionale ed assessore alla sanità, Luca Ceriscioli i dati dei parti per singole strutture, il numero di cesarei e parti naturali, dati sulle mortalità e complicazioni pre e post parto, per poter avere un quadro chiaro della situazione attuale".

L'obiettivo è quello di avere disponibili dati che permettano di analizzare la situazione, per poter attuare nel breve periodo le gli opportuni correttivi. "Vorremmo anche sapere se c'è stato un aggravio di spesa sanitaria per la Regione, nel caso in cui le partorienti abbiano ricorso ai servizi di altre regioni, visto l'inevitabile sovraffollamento dei punti nascita esistenti, causati dalla chiusura di Osimo e San Severino. Vorremmo sapere cosa sta facendo la Regione per garantire la sicurezza per i neonascituri e le loro mamme."

Romina Pergolesi
Consigliere Regionale M5S Marche
IV Commissione Sanità
3398236810

PERGOLESI M5S MARCHE SANITA' OBBLIGO VACCINI.jpg

Seduta infuocata quella della IV commissione sanità sull'obbligo delle vaccinazioni per l'iscrizione agli asili nido nella regione Marche.

Senza entrare nel merito della questione, mi sono interessata a questa PdL a novembre 2016, volendo verificare se ci fosse un possibile contrasto con i diritti individuali sanciti dalla Costituzione e dalle norme vigenti.

In Regione ci sono funzionari ben retribuiti affinché garantiscano che gli atti in discussione siano pienamente legittimi. Ho pertanto preteso un parere dai competenti organi della Regione in modo che qualcuno ponesse la propria firma e la propria responsabilità sulla correttezza di tale provvedimento.

Come prevedevo il funzionario si è guardato bene dal dare pieno avallo alla proposta e nel parere espresso ha dovuto ammettere la sussistenza di seri dubbi sulla legittimità costituzionale.

Si sta pertanto discutendo una legge che potrebbe comportare un danno o un pregiudizio ai cittadini marchigiani e si sta procedendo all'esame di un atto senza che siano garantiti i principi di legittimità e quindi di economicità, imparzialità e del buon andamento dell'Amministrazione previsti dalla Costituzione e dalle norme vigenti.

Tutto ciò è aggravato dal fatto che tutti i consiglieri regionali della commissione sono stati resi edotti di tale condizione. Come fatto notare anche nella seduta odierna ritengo non esistano i requisiti per consentire il proseguimento dell'iter della legge e il conseguente dispendio di risorse pubbliche. Ho chiesto pertanto l'immediato ritiro della PdL.

L'azione del M5S è volta a garantire il rispetto dei diritti, come requisito imprescindibile e minimale prima ancora di entrare nelle disquisizioni di merito.

Curioso che quando si è iniziato a parlare del rispetto della Costituzione il proponente della PdL Busilacchi abbia abbandonato la seduta evitando il confronto. Ora che i cittadini hanno un Portavoce del Movimento 5 Stelle in Consiglio, approvare leggi in contrasto con la Costituzione sarò molto più difficile, il PD se ne faccia una ragione.

Romina Pergolesi
Consigliere M5S Marche
IV Commissione Sanità
339 8236810

Ordine del giorno convocazione del 31/01/2017

| Commenti

banner diretta canale YT2 con M5S  - con pulsante video2.jpg
File con link agli atti:
convocazione 31_01_2017.pdf

L'Assemblea legislativa regionale è convocata per martedì 31 gennaio 2017 alle ore 10.00, con prosecuzione alle ore 14,30, presso la sala Assembleare di Via Tiziano n. 44, Ancona, per discutere il seguente ordine del giorno:

Comunicazioni del Presidente della Giunta regionale sugli ultimi eventi calamitosi che si sono verificati nelle Marche.


INTERROGAZIONI


n. 255
del Consigliere Marcozzi "Sanità Montegranaro".

n. 178
dei Consiglieri Malaigia, Zaffiri, Zura Puntaroni, "Risarcimento danni incidente causato da cinghiale. Mancato pagamento della Regione Marche nei termini di legge con relativo atto di precetto del soggetto creditore istante".

n. 285
del Consigliere Marcozzi "Cinghiali, danni e pericoli".
n. 303 del Consigliere Giancarli "Indennizzi alle aziende agricole e zootecniche per i danni causati dalla fauna selvatica e da specie animali di notevole interesse scientifico".
n. 304 del Consigliere Giancarli "Risarcimento dei danni per incidenti stradali causati dalla fauna selvatica".
(le interrogazioni n. 285, 303 e 304 sono abbinate)

n. 338 del Consigliere Maggi "Modalità di reclutamento del personale tecnico per l'Ufficio Ricostruzione".

n. 313 dei Consiglieri Giancarli, Talè, Leonardi, Marconi, Malaigia "Trasporto non prevalentemente sanitario".

Proposta di legge n. 33
ad iniziativa del Consigliere Leonardi "Lotta contro le ludopatie e la dipendenza da nuove tecnologie nell'età evolutiva, negli adulti, nella terza età".
Proposta di legge n. 45 ad iniziativa del Consigliere Marconi "Disposizioni per l'accesso consapevole e responsabile al gioco lecito".
Proposta di legge n. 58 ad iniziativa del Consigliere Pergolesi "Disposizioni per la prevenzione ed il trattamento del gioco d'azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate".
Proposta di legge n. 59 ad iniziativa dei Consiglieri Volpini, Micucci, Busilacchi, Giancarli "Norme per il contrasto, la prevenzione e la cura delle ludopatie e delle patologie correlate".
(Abbinate ai sensi dell'articolo 66 del Regolamento interno)
TESTO UNIFICATO DALLA COMMISSIONE: "Norme per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico e della dipendenza da nuove tecnologie e social network".
Relatore di maggioranza: Luca Marconi
Relatore di minoranza: Elena Leonardi
(Discussione e votazione)

IL PRESIDENTE
(Antonio Mastrovincenzo)

Sacciblog.jpg

Si è svolta oggi in Regione la Conferenza dei Servizi per il riesame dell'AIA-Autorizzazione Integrata Ambientale- del Cementificio Sacci di Castelraimondo (MC).

Ho fatto richiesta nei giorni scorsi di partecipare alla seduta, per permettere ai cittadini di avere un loro portavoce ad assistere nel momento e nella sede in cui si decide del loro futuro.

Il funzionario della Regione recentemente subentrato come responsabile nella procedura, ha evidenziato pesanti carenze nella documentazione presentata dalla ditta proponente, richiedendo integrazioni.

Il punto cruciale su cui si giocherà la vicenda, esattamente come avvenuto in sede di ricorso al TAR vinto dai cittadini nel 2014, è legato all'applicazione delle BAT-Best Available Tecnology- sull'impianto al fine di minimizzarne gli impatti ambientali. Entro il prossimo aprile 2017, in base alle ultime disposizioni europee in materia, la Regione, oltre ai pesanti rilevi di natura tecnica snocciolati durante la conferenza cui ho assistito, ha richiesto un piano industriale degli investimenti per dimostrare la reale volontà e capacità della azienda di adeguarsi ai nuovi obblighi.

Al di là delle giuste preoccupazioni sulla tutela dell'Ambiente e quindi sulla Salute della popolazione, mi preme evidenziare una perplessità che ho già vissuto diverse volte in questi anni di battaglie a difesa del territorio in cui mi sono trovata contro certi grandi gruppi "sedicenti" imprenditoriali: a differenza di quello che avviene per i comuni cittadini che per fare impresa devono accolarsene il rischio, investendo prima di avere garanzie di successo per l'attività intrapresa, in queste situazioni i proponenti cercano prima la garanzia, come sempre a carico del "pubblico", subordinando l'avvio dell'attività imprenditoriale al suo ottenimento.

Appare a mio giudizio evidente, anche in questo caso, che la strategia aziendale di ottenere un'eventuale autorizzazione alla combustione del CSS (Combustibile Solido Secondario da rifiuti) e quindi la bancabilità dei conseguenti incentivi pubblici senza preventiva presentazione di piano industriale, risulterebbe volta a ottenere quelle garanzie a carico delle tasche (oltrechè dei diritti) dei cittadini con le quali coprire il rischio di impresa.

Condivido quindi il giusto ribaltamento dell'approccio che ho constatato, almeno stamattina, durante l'iter procedurale in Conferenza dei Servizi.

Rimane la forte preoccupazione e l'indignazione che sento a nome di un'intera comunità che da anni aspetta di conoscere se e come si concluderà questo procedimento autorizzativo così determinante per lo sviluppo del territorio e per il proprio futuro.

Sono stanca di rivedere riproposizioni o variazioni al solito leit motiv che ha caratterizzato il nostro Paese negli ultimi decenni su tutti i campi: collettivizzare rischi e perdite, privatizzare guadagni e benefici.
Ora che i cittadini grazie al MoVimento 5 Stelle sono dentro le istituzioni ed in Regione, mi adopererò per ribaltare questi paradigmi ingiusti, a partire da questioni come quella di oggi.

Nei prossimi due mesi si giocherà l'intera partita e saremo perciò estremamente vigili sull'operato della Regione affinchè la tutela degli interessi generali e collettivi non venga in nessuno modo piegata alle più o meno giuste esigenze di guadagno di (im)prenditori esterni ed estranei al territorio.

Ringrazio i cittadini presenti oggi a manifestare in Regione per farsi sentire e per esigere il rispetto dei loro diritti, assieme al Comitato Salva Salute ed ai gruppi del MoVimento 5 Stelle di Macerata e San Severino.

Ancona, 26.01.2017

ROMINA PERGOLESI
Portavoce Consigliere Regionale
MoVimento 5 Stelle - Marche

Ordine del giorno convocazione del 26/01/2017

| Commenti

banner diretta canale YT2 con M5S  - con pulsante video2.jpg

L'Assemblea legislativa regionale è convocata per giovedì 26 gennaio 2017 alle ore 10,00 presso la sala Assembleare di via Tiziano n. 44, Ancona con il seguente programma:

SEDUTA APERTA
GIORNATA DELLA MEMORIA 2017
"NON C'E' GIUSTIZIA SENZA MEMORIA"

Apertura dei lavori e intervento introduttivo del Presidente dell'Assemblea legislativa regionale Antonio Mastrovincenzo.
"Shoah e Desaparecidos"

Interventi del Dott. Enrico Calamai e della Sig.ra Vera Vigevani Jarach.

Illustrazione del progetto vincitore del Concorso nazionale del MIUR "I Giovani incontrano la Shoah" - classe IV A del Liceo "Torelli" di Fano (PU).

Intervento conclusivo del Presidente della Giunta regionale Luca Ceriscioli.
Al termine SEDUTA ORDINARIA con il seguente ordine del giorno:

Comunicazioni del Presidente della Giunta regionale sugli ultimi eventi calamitosi che si sono verificati nelle Marche.

Proposta di legge n. 105 ad iniziativa del Consigliere Giacinti "Ulteriori modifiche alla legge regionale 21 settembre 2015, n. 23 "Disposizioni urgenti sugli Enti regionali per il diritto allo studio universitario (ERSU)".
Relatore di maggioranza: Francesco Giacinti
Relatore di minoranza: Giovanni Maggi
(Discussione e votazione)

IL PRESIDENTE
(Antonio Mastrovincenzo)

Cannabis3.jpg

"Quando fu approvata nel 2013, la legge regionale n.1 sull'utilizzo di alcune tipologie di farmaci, tra cui i cannabinoidi, nella terapia di varie malattie, la Regione si vantò di essere all'avanguardia in quest'ambito. Eppure dopo quattro anni forti sono le difficoltà ad accedere a questo tipo di terapia da parte dei pazienti per la mancanza di informazione del personale medico, dei farmacisti e delle stesse strutture del servizio sanitario regionale."
Romina Pergolesi, Consigliere Regionale 5 Stelle, componente della Commissione regionale Sanità, punta il dito su questa ennesima inadempienza della Regione e interroga il Presidente e Assessore alla Sanità, Luca Ceriscioli, al fine di fare chiarezza e soprattutto dare risposte chiare a malati e operatori sanitari.

"La legge - prosegue la Pergolesi - dispone che la Giunta regionale, previo parere della Commissione consiliare competente, emani gli indirizzi per la sua attuazione. Un passaggio obbligato dalla normativa che la Giunta non ha tenuto in nessuna considerazione, adottando la delibera senza che questa fosse discussa dalla Commissione ed eliminando il diritto dei Consiglieri di esercitare l'esercizio delle funzioni di indirizzo e di controllo."

Per questo la Pergolesi ha presentato l'interrogazione al fine di conoscere e far conoscere sulla base di quale norma la giunta regionale ha adottato la deliberazione n. 617/2016 senza il previo parere della Commissione consiliare; se ha già provveduto ad emanare delle informative e/o circolari a tutti i soggetti interessati (medici, reparti ospedalieri, farmacie, pazienti, ecc ) sull'adozione della deliberazione ed eventualmente come intenda promuovere una campagna informativa e formativa su questo tema della cannabis terapeutica, così come previsto dalla legge 1/2013; sulla base di quale nota/relazione tecnica, negli impieghi terapeutici elencati da questo regolamento attuativo/linee procedurali, non sono state prese in considerazione molte patologie, dall'epatite alla sindrome di Dravet, di Lennox -Gastaut (epilessia farmaco resistente), alcune forme di autismo, malattie della pelle, disturbi alimentari, ansia e depressione , Parkinson , Alzheimer , artrite reumatoide ecc, nelle quali l'effetto terapeutico della cannabis e ' positivamente riconosciuto in campo medico scientifico; quali sono le misure che gli enti del Servizio Sanitario regionale hanno finora adottato per adeguarsi alle disposizioni della delibera di giunta attuativa della legge.

Le molteplici criticità presenti nell'applicazione della Legge 1/2013 sono state più volte esplicitate dalla Pergolesi e dalle associazioni che da anni si occupano di tutela e diritti alla salute dei malati senza avere mai risposte concrete dalla Regione che ancora una volta mostra la sua incapacità nel gestire una programmazione sanitaria che sappia offrire un servizio efficiente ai marchigiani.

Romina Pergolesi

Consigliere regionale M5S Marche
IV COMMISSIONE SANITA'
3398236810

Articoli recenti

CONVEGNO RISCHIO AMIANTO REGIONE MARCHE:
ASPETTI GENERALI E OBBLIGHI DI LEGGE DOMENICA 15 GENNAIO 2017 - ORE 10.30 - HOTEL GRASSETTI CORRIDONIA In occasione…
Ordine del giorno convocazione del 17/01/2017
L'Assemblea legislativa regionale è convocata per martedì 17 gennaio 2017 alle ore 10.00, con prosecuzione alle ore 14,30, presso…
ASSEMBLEA REGIONALE M5S REGIONE MARCHE:
SCAMBIARSI LE IDEE E LE ESPERIENZE DI CIASCUN GRUPPO PER CRESCERE INSIEME, questo sarò uno degli obiettivi del 2017! AUMENTARE…

Social

Iscriviti