MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Melfi - 

#Melfi Anche alle 01:13 di notte, nonostante abbiano cercato di distrarmi per non farmi parlare, non ho potuto evitare di ricordare al sindaco che ad ogni consiglio ci sottopongono l'approvazione di almeno un debito fuori bilancio causato dal dissesto stradale, infatti, nonostante 1.155.000 Euro stanziati nel #DUP 2017, per risistemare la rete viaria ed i marciapiedi di Melfi, forse dovremo aspettare la prossima campagna elettorale.
Ecco il mio intervento durante il Consiglio Comunale del 15/06/2017 sul punto "Riconoscimento debito fuori bilancio derivante da sentenza del Giudice di Pace di Melfi n.55/2017"


Melfi - 

"... Non dobbiamo stupirci che sulla carta abbiate fatto quadrare il rendiconto finanziario, quello che però deve far riflettere è che per ottenere questo risultato non siano stati dati servizi al cittadino"
#Melfi - Il mio intervento, durante il Consiglio Comunale del 16/06/2017, sul tema "Approvazione rendiconto di gestione esercizio finanziario anno 2016"


Melfi - 

Per porre un limite più deciso alla tutela ambientale, approvati ora due emendamenti che ho proposto in Consiglio Comunale sull' "Adozione variante urbanistica ai sensi della L.R. 23/99 art.36 comma 6bis "Integrazione delle norme tecniche di attuazione del R.P.G. vigente relativamente alla localizzazione di impianti industriali insalubri e fonti rinnovabili".


Melfi - 

Interrogazione a risposta scritta: Applicazione Legge 76/2016 sulle unioni civili

Esattamente 365 giorni fa è entrata in vigore la legge 76/2016 "Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze".

A distanza di 1 anno, ci risulta che nella Città di Melfi non sia ancora presente un registro delle unioni civili, così come previsto dalla legge, anzi alcuni nostri concittadini sono stati costretti a recarsi nelle città vicine per vedersi riconosciuto un diritto che qui, con vari scuse, gli era negato.

Per questo ho inviato al Sindaco un'interrogazioni per comprendere a che punto siamo a Melfi con l'applicazione della Legge 76/2016 sulle unioni civili.

Ecco cosa ho chiesto:

  1. Se l'Amministrazione Comunale intende redigere delle direttive di costituzione dell'unione civile in linea con lo spirito della legge 76/2016;
  2. Se e quando l'Amministrazione Comunale intende istituire il Registro Comunale delle Unioni Civili;
  3. Se è stato attivato un servizio di prenotazione ed è stata predisposta la modulistica apposita per la formalizzazione delle richieste di registrazione delle unioni civili?
  4. Se il Comune ha predisposto la documentazione e gli strumenti necessari per la tenuta del "registro provvisorio delle unioni civili", così come previsto dal DPCM 013327 del 22/07/2016?
  5. In caso di risposta negativa alle domande precedenti, quali sono le tempistiche per la loro realizzazione?
  6. Se il personale del Comune è stato sufficientemente formato per fornire ai cittadini la necessaria assistenza nella predisposizione della documentazione necessaria?
  7. Se e quando saranno messe a disposizione sul sito web del Comune tutte le indicazioni e la modulistica necessaria?
  8. Se nel Comune di Melfi sia stata già celebrata un'unione civile e se si, con quali modalità si è svolta;
  9. Se sarà il Sindaco a celebrare i matrimoni civili e se no, quale sia la motivazione per la quale ometterà di espletare tale ufficio e chi sarà l'ufficiale di stato civile preposto all'uopo;

Leggi l'interrogazione: https://goo.gl/Kq0P42


Melfi - 

Interrogazione a risposta scritta: Senso unico su Via Venezia (tra incrocio Via Pisa ed incrocio Via Taranto)

Depositata un'interrogazione a risposta scritta, per comprendere come mai sull'albo pretorio online del Comune Melfi non compaiano Determine ed Ordinanze relative all'istituzione del senso unico su Via Venezia, nella zona compresa tra l'incroci con Via Taranto e l'incrocio con Via Pisa e perché si siano esclusi dal senso unico gli autobus del servizio urbano.

Ecco cosa ho chiesto al sindaco:

  1. Come mai non sia disponibile l'ordinanza n.79 sull'albo pretorio online del Comune di Melfi;
  2. Come mai sull'albo pretorio online non sia disponibile la determina per l'impegno di spesa ed assegnazione dei lavori;
  3. A quale ditta sono stati assegnati i lavori;
  4. Quali erano le aziende in gara o in base a quale motivazione sia stata scelta quella che ha realizzati i lavori e fornito la segnaletica;
  5. L'assegnazione dei lavori è stata fatta mediante gara o per assegnazione diretta;
  6. Quanto è costato il lavoro;
  7. In base al codice della strada, il tratto compreso tra l'incrocio di Via Pisa e l'incrocio di Via Taranto è ora a norma?
  8. In base codice della strada, la segnaletica aggiunta sul tratto compreso tra l'incrocio di Via Pisa e l'incrocio di Via Taranto è certificata come previsto dalla normativa vigente?
  9. Per quale motivo siano stati esclusi da tale divieto gli autobus lasciando loro la possibilità di percorrere questo tratto anche in senso inverso, creando situazioni di disagio e pericolo per gli automobilisti che percorrono il tratto di strada nel senso di marcia consentito;

Leggi l'interrogazione: https://goo.gl/18EeS6


Melfi - 

Interrogazione - Situazione sicurezza e monitoraggio edifici scolastici e pubblici

Ho depositato una nuova interrogazione sulla "Situazione sicurezza e monitoraggio edifici scolastici e pubblici".

Sono stata costretta a ripresentare un'interrogazione sul tema dello stato di sicurezza sismica delle scuole e degli edifici pubblici perché, nonostante l'amministrazione comunale si sia presa ben più del tempo previsto dalla legge, ha risposto alla mia precedente interrogazione in maniera vaga ed omettendo alcune risposte.

Sicuramente lo stato di sicurezza delle scuole è di primaria importanza, ma anche quello di palestre, teatri, biblioteche e dello stesso edificio che ospita gli uffici comunali.

Ormai l'anno scolastico volge al termine, mi auguro di ricevere una celere risposta a questa interrogazione e che l'amministrazione prenda immediatamente provvedimenti per colmare eventuali lacune nelle certificazioni sismiche di scuole, palestre, teatri e biblioteche.

In questa interrogazione ho chiesto al Sindaco:

  1. Come mai non abbia risposto in maniera esaustiva alla prima interrogazione.
  2. Se le scuole e le strutture pubbliche (palestre, teatri, biblioteche ecc.)  sul territorio del Comune di Melfi siano sicure.
  3. Quale sia il grado di sicurezza sismica di scuole strutture pubbliche (palestre, teatri, biblioteche ecc.) presenti nel territorio del comune di Melfi.
    1. Se ne richiede l'indicazione dell'indice di vulnerabilità sismica, espresso secondo la normativa vigente e in modo puntuale per ogni edificio (scuole, palestre, teatri, biblioteche ecc.)
    2. Per ogni edificio pubblico (scuole, palestre, teatri, biblioteche ecc.) viene richiesta anche la documentazione relativa al metodo di calcolo dell'indice di vulnerabilità che è stata sicuramente fornita dall' ente che ha eseguito la verifica.
  4. Quali scuole abbiano ad oggi ricevuto le certificazioni previste dalla legge.
  5. Sino ad ora, cosa sia stato fatto per mettere in sicurezza tali strutture.
  6. Se ci sono state richieste di verifica degli indici di vulnerabilità degli edifici scolastici da parte dei Dirigenti scolastici, se si quali e quando.
  7. Se ci sono state richieste di verifica e/o intervento per manutenzione ordinaria e straordinaria da parte dei Dirigenti scolastici, se si quali e quando. Quali sono stati gli interventi adottati in merito.
  8. Se sono previsti ulteriori interventi su scuole e strutture pubbliche (palestre, teatri, biblioteche ecc.) e se sì, quando e con quali modalità.

Leggi l'interrogazione: https://goo.gl/iI7Wld


Melfi - 

Interrogazione - Situazione randagismo

Depositata un'interrogazione a risposta scritta, per comprendere qual'è la situazione del randagismo nel Comune di Melfi.

Ecco cosa abbiamo chiesto:

Ecco cosa abbiamo chiesto:

  1. Qual è l'attuale situazione del randagismo nel Comune di Melfi?
  2. Come mai non è stata rinnovata la convenzione con l'associazione A®MATI per l'affidamento del servizio di tutela e prevenzione del randagismo?
  3. È stata stipulata una nuova convenzione per l'affidamento del servizio di tutela e prevenzione del randagismo? Se si, con chi è stata stipulata, altrimenti, si chiede di conoscerne le motivazioni.
  4. Dato che nel D.U.P. 2017 si parla di "realizzazione del canile sanitario", esiste già un concreto progetto per la realizzazione di un canile sanitario comunale?
  5. Esiste un censimento dei cani che il Comune di Melfi ha affidato a canili di altri comuni?
  6. Per quanto riguarda i cani affidati a strutture esterne al comune di Melfi, vengono fatti periodici controlli sulle condizioni in cui gli animali vivono e se gli animali in questione sono ancora presso i canili cui sono stati affidati?
  7. A quanto ammonta la spesa annua per l'affidamento degli cani a strutture esterne?

Leggi l'interrogazione: https://goo.gl/pTLQGU


Melfi - 

Interrogazione - Situazione taglio delle erbacce

Facendo seguito a quanto detto nei giorni scorsi e per venire incontro alle sollecitazioni di tanti  cittadini, ho provveduto anche a presentare un'interrogazione relativa all'ormai inaccettabile situazione delle erbacce alte che sta affliggendo tutta la cittadina.

Ecco cosa ho chiesto:

  1. Di intervenire immediatamente presso gli uffici di competenza per informare del problema, affinché le aree segnalate vengano liberata dalle erbacce selvatiche e messa in sicurezza dalla presenza di animali pericolosi;
  2. Perché non sono ancora iniziate le operazioni di sfalcio e ripulitura?
  3. Quando sono previsti i lavori di taglio e manutenzione delle aree interessate dall'eccesivo sviluppo di erbacce?
  4. È stato già prevista la sostituzione degli alberi di pioppo con altri meno invasivi?
  5. È stato già previsto, e se si quando, un intervento preventivo di disinfestazione per evitare il prolificare delle zanzare e di altri insetti parassiti?
  6. Sono previsti interventi di derattizzazione nelle aree Bicocca, Centro Storico e nelle zone periferiche? Se si qual è il calendario?;
  7. È previsto che qualcuno controlli le tempistiche e le modalità con le quali vengono eseguite le operazioni di derattizzazione e disinfestazione? Eventualmente, tale ruolo potrebbe essere svolto da coloro che, a tempo determinato, coadiuvano gli uffici comunali?

Voglio sperare che gli interventi necessari vengano eseguiti ben prima dei 30 giorni che il Sindaco ha per rispondermi (e che lo faccia senza che io debba ricorrere alla prefettura, come già successo, per ricevere risposta in merito alla mia interrogazione)

Leggi l'interrogazione: https://goo.gl/iAsW2Z


Melfi - 

Sono più di 2500 le firme raccolte finora, nella sola città di Melfi, un mezzo attraverso cui i cittadini esprimono il loro dissenso verso il ridimensionamento del reparto SPDC (Spazio Psichiatrico di Diagnosi e Cura) e di qualsiasi altro reparto dell'Ospedale.

L'amministrazione comunale, con l'appoggio del Presidente Pittella, continua a proclamare/baccagliare "Diciamo la verità sull'Ospedale di Melfi: nulla è cambiato anzi, addirittura, l'ospedale è stato potenziato!!!!".

La verità, tuttavia, è davanti agli occhi di tutti i cittadini che quotidianamente accedono al nosocomio di Melfi. 

Forse - continua ironicamente la Bisogno - dovremmo considerare come potenziamenti i reparti ridimensionati, la mancanza di medici e personale sanitario, l'impossibilità di accedere a servizi prima garantiti e infine i reparti trasformati in day hospital.

Per convincerci della bontà del progetto di riordino sanitario è stata convocata, lo scorso 16 marzo, la Commissione IV "Salute e politiche sociali" alla quale hanno partecipato anche i dirigenti di ASP e San Carlo.

Una vera pantomima, in cui la dirigenza sanitaria regionale, ha più volte sostenuto di aver fatto quanto di meglio si possa per la sanità locale, vantandosi di "non aver chiuso nessuno dei 17 ospedali presenti in regione". Probabilmente un dogma dettato dal Presidente Pittella in vista delle prossime elezioni regionali.

Una commissione in cui sono fioccati tanti "faremo", "lavoreremo", "provvederemo", ma in cui non è stata data nessuna effettiva garanzia ai cittadini di Melfi, e dell'intera area Nord della Basilicata, cosichè, giocando sui termini, è stato precisato solo che "L'ospedale di Melfi non chiuderà il 1° giugno 2017".

Durante la Commissione consiliare che dovrebbe avere funzioni consultive, di controllo, di indagine o conoscitive, ho posto molte domande ai dirigenti di ASP e San Carlo (ripetendole anche più volte), ottenendo solo risposte vaghe ed evasive. Ma una cosa è emersa, ogni volta che i dirigenti Bochicchio e Maglietta presenziano alle attività del Consiliari di Melfi, almeno sulla carta, i problemi dell'ospedale di Melfi svaniscono.

Casualmente, o causalmente, il 15 marzo l'Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo ha deliberato il bando per l'assunzione di due pediatri e due endoscopisti per il P.O. di Melfi "con facoltà di utilizzazione presso i diversi Presidi Ospedalieri afferenti all'AOR San Carlo di Potenza", due delle criticità più evidenti, attualmente, nell'ospedale di Melfi, e lo scorso 26 ottobre, durante il Consiglio Comunale aperto, gli stessi dirigenti asserirono di aver sottoscritto un protocollo d'intesa con l'Azienda Ospedaliera Universitaria di Foggia per ricevere in "prestito" due ortopedici da aggiungere all'organico del reparto di Melfi. Peccato che questi due ortopedici, a Melfi, non si siano mai visti, speriamo, pertanto, che non accada lo stesso per i pediatri e gli endoscopisti.

Noi restiamo al fianco dei cittadini, dei pazienti e dei dipendenti dell'Ospedale che vogliono essere tutelati. Continueremo a vigilare affinché le tante promesse non vengano disattese e nel frattempo ad agire: la raccolta delle firme servirà ai cittadini per esprimere il loro dissenso circa il tentativo di ridimensionare l'Ospedale di Melfi. Coloro che rappresentano le istituzioni politiche devono imparare ad ascoltare i propri cittadini!

Questa domenica, i cittadini dell'area Nord della Basilicata potranno sottoscrivere la petizione anche nelle città di Venosa, Rionero, Lavello, Rapolla e Filiano dove si faranno appositi banchetti.

Video da TGR Basilicata 25/03/2017 ore 19:00

Firma la petizione online: https://goo.gl/CEgI9d


Rassegna stampa

Il Quotidiano del Sud

La Nuova del Sud

Gazzetta del Mezzogiorno

Il Roma (Basilicata)


Melfi - 

Petizione

Lo scorso mese, il direttore del DSM (Dipartimento Salute Mentale) ha disposto la chiusura temporanea dell'SPDC (Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura) presso l'Ospedale di Melfi; una decisione che porterà alla chiusura definitiva del reparto. La paventata trasformazione di questo reparto in Day Hospital, aperto esclusivamente dalle ore 8 alle ore 17 dal lunedì al venerdì, viola la Costituzione, che garantisce il diritto alla salute dei cittadini, anche dei più deboli.

Se questa trasformazione avesse luogo, non verrebbe più garantita la copertura del turno nelle 24 ore, provocando grandi carenze nell'assistenza al paziente e difficoltà nel trovare posti letto, con pazienti che saranno costretti a soggiornare nel pronto soccorso o che saranno sottoposti a trasferimento presso altre strutture dotate di un SPDC.

Restare privi dell'SPDC nell'Ospedale di Melfi, sarà la prima pietra verso un più ampio progetto di ridimensionamento dell'Ospedale di Melfi.

Con questa petizione intendiamo unire le forze di tutti i territori interessati al fine di sensibilizzare la Regione Basilicata e l'ASP affinché non trasformino l'ospedale di Melfi in un poliambulatorio.

Proponiamo, invece, che vengano rafforzati i servizi offerti dall'Ospedale di Melfi, avente un bacino d'utenza di circa 100 mila abitanti, e che l'SPDC non venga trasformato in Day Hospital, dando luogo ad un servizio di raccolta e smistamento dei pazienti che verranno sballottati alla ricerca di posti letto nel territorio regionale, anche in considerazione dei disagi legati alla viabilità.

Dai voce ad un tuo diritto, sostieni questa petizione apponendo la tua firma.

Salviamo l'SPDC di Melfi, SALVIAMO L'OSPEDALE DI MELFI.

Firma la petizione

I candidati a Melfi