MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Milano - 

Venerdì 26/9/2014 in sala Alessi presso il comune di Milano, i consiglieri di zona e il consigliere comunale hanno relazionato in merito alle attività degli ultimi 6 mesi.





A seguito delle loro attività gli attivisti sono chiamati a rinnovare o meno il mandato votando SI o NO negli spazi indicati sotto.


Il NO può essere dovuto alla perdita dei requisiti: pendenze penali, non iscrizione a partiti, non aver superato i 2 mandati elettorali ed infine non aver assunto un comportamento in stile MoVimento 5 Stelle.


Si potrà votare fino alle ore 24:00 di lunedì 6 Ottobre 2014.


Ricordiamo che le votazioni sono aperte agli attivisti di zona. Gli attivisti possono votare solo nella propria zona per i consiglieri di zona.

Si richiede che l'iscrizione al MoVimento e al meetup sia avvenuta almeno entro il giorno della presentazione, ovvero il 26/9/2014.

In caso di contestazioni delle votazioni saranno incaricati degli attivisti per la validazione dei voti. Potranno essere tutti i referenti di zona ad eseguire i controlli.

Ai votanti sarà richiesta una copia della pagina da cui risulta l'iscrizione al MoVimento 5 Stelle e un riscontro di aver partecipato alla vita della zona di appartenenza.

Si ricorda che l'unica modalità di voto accettata sarà il commento sul meetup al link indicato sotto. Non saranno accettati altri voti inviati via mail o in qualsiasi altro modo.


Per sapere chi subentrerebbe in caso di sfiducia, ricordiamo il link dei risultati elettorali del MoVimento 5 Stelle a maggio 2011 rintracciabili dalla pagina:http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/milano/risultati-elettorali-m5s-comune-milano-2011.html


I riferimenti dei blog, profili facebook e altro di tutti i consiglieri :http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/milano/consiglieri_movimento_5_stelle_milano.html

(alcuni non sono aggiornati perché appena subentrati).

Il video integrale della serata trasmessa in streaming è disponibile all'indirizzo: http://youtu.be/WKrKPFuKzG0

Interventi dei singoli consiglieri-portavoce

Zona 3 Patrizia Bedorihttp://youtu.be/WKrKPFuKzG0?t=1m8s
Zona 2 Abdel Aziz Seefel Eslam : http://youtu.be/WKrKPFuKzG0?t=5m31s
Zona 8 Stefano Limidohttp://youtu.be/WKrKPFuKzG0?t=17m36s
Zona 6 Claudio Rovelli:  http://youtu.be/WKrKPFuKzG0?t=20m41s
Zona 7 Tiziano Creola:  http://youtu.be/WKrKPFuKzG0?t=25m56s  
Zona 7 Paolo Conconihttp://youtu.be/WKrKPFuKzG0?t=31m08s  
Zona 9 Antonio Laterza:  http://youtu.be/WKrKPFuKzG0?t=40m21s

Comune Milano Mattia Calisehttp://youtu.be/WKrKPFuKzG0?t=49m43s

Link per le votazioni sul meetup

 


Comune Mattia Calise:  http://www.meetup.com/Grilli-Milano/messages/boards/thread/47470762




Zona 2 Abdel Aziz Seefel Eslamhttp://www.meetup.com/Grilli-Milano/messages/boards/thread/47470842/#125749062



Patrizia Bedori 

Zona 3 Patrizia Bedori: http://www.meetup.com/Grilli-Milano/messages/boards/thread/47470862/#125749112



 

Zona 4 Danilo Boni:  http://www.meetup.com/Grilli-Milano/messages/boards/thread/47470902/#125749162





 

Zona 6 Claudio Rovelli: http://www.meetup.com/Grilli-Milano/messages/boards/thread/47470942/#125749232




 

Zona7 Paolo Conconi: http://www.meetup.com/Grilli-Milano/messages/boards/thread/47470972/#125749272


Tiziano Creola 

Zona 7 Tiziano Creola: http://www.meetup.com/Grilli-Milano/messages/boards/thread/47471022/#125749322



 

Zona 8 Stefano Limido: http://www.meetup.com/Grilli-Milano/messages/boards/thread/47471042/#125749382



 

Zona 9 Antonio Laterza: http://www.meetup.com/Grilli-Milano/messages/boards/thread/47471082/#125749432

 

Zona 9 Paolo Carraro: http://www.meetup.com/Grilli-Milano/messages/boards/thread/47471112/#125749502




Milano - 
  • 998437_836729203019874_410385444_n.jpg


  • Circa due mesi fa durante una riunione attivisti mi è stato chiesto: "come voti in Consiglio Comunale?", "Chi prende le decisioni?" e ancora "dov'è possibile trovare la documentazione che ti trovi a dover votare?".

  • Domande tutt'altro che scontate alle quali ho voluto dedicare questo post, in cui ho provato a classificare (in modo spero comprensibile :) le situazioni che sono trovato ad affrontare in Consiglio e le modalità di condivisione del voto.

  • Sono riflessioni frutto di tre anni di lavoro in aula insieme agli attivisti e gruppi di lavoro del M5S Milano, spero possano tornare utili a tutti voi che seguite questo blog e ai futuri portavoce.


  • a) premessa

Se il comportamento dell'amministrazione Pisapia nei confronti del consiglio comunale - e in particolare dei consiglieri all'opposizione - fosse intellettualmente onesto, ci sarebbero quasi sempre i tempi tecnici per studiare, valutare e condividere le proposte oggetto di votazioni.

Purtroppo avviene invece esattamente il contrario: nella stragrande maggioranza dei casi le informazioni e la documentazione delle proposte di delibera vengono rese disponibili il più tardi possibile, in modo da poter poi comprimerne le discussioni anche contingentando i tempi a disposizione dei consiglieri per poter chiedere chiarimenti o proporre modifiche.

A questo deve poi aggiungersi il fatto che, dal punto di vista numerico, la maggior parte delle votazioni riguarda emendamenti (ovvero richieste di modifica) alle proposte di delibera in discussione, ordini del giorno e mozioni (di cui potete trovare le caratteristiche dettagliate in calce al presente documento), che possono essere presentate anche nel corso della seduta stessa, rendendone praticamente impossibile un'effettiva condivisione con le attuali tecnologie.  


  • b) casistica situazioni:

b1 - proposte con documentazione disponibile con largo anticipo

b2 - emendamenti presentati con largo anticipo

b3 - proposte con documentazione che arriva all'ultimo minuto

b4 - emendamenti, ordini del giorno e mozioni presentate in corso di seduta  


  • c) modalità definizione voto

b1) e b2): sulle rare "proposte con documentazione disponibile con largo anticipo" e sugli altrettanto rari "emendamenti presentati con largo anticipo" possono essere lanciate discussioni sul meetup, anche unite alla creazione di un gruppo o tavolo di lavoro specifico (es. regolamento edilizio, piani di intervento integrato, referendum deliberativo, amianto, derivati etc.). Se da questi escono pareri unanimi diventano indicazioni di voto, diversamente si possono aprire rapidi sondaggi sul meetup, con successiva indicazione del voto - da parte del portavoce in aula - definita tra gli attivisti a maggioranza

b3) e b4): quando i tempi tecnici non consentono il lancio di sondaggi e si arriva a votazioni da parte del consiglio, si può ricadere in una delle seguenti situazioni:

  • l'argomento è già definito con chiarezza nei princìpi-guida del MoVimento o nella Carta di Firenze: il portavoce può votare di conseguenza assumendosi la responsabilità del rispetto dei suddetti princìpi a 5 Stelle (esempio: no a privatizzazioni di beni comuni);

  • l'argomento è già stato discusso a livello locale con la definizione di un orientamento da parte degli attivisti: anche in questo caso il portavoce può votare di conseguenza assumendosi la responsabilità del rispetto dei suddetti orientamenti definiti a livello locale (esempio: no ad aumenti del prezzo dei trasporti pubblici locali);

  • il portavoce non ha elementi per definire il voto, ma riesce a contattare un componente di un GdL competente, un consigliere o un referente di Zona, oppure gli attivisti presenti tra il pubblico, in possesso di elementi sufficienti per dare in tempo utile un'indicazione di voto. Il portavoce voterà di conseguenza spartendo la responsabilità con gli attivisti contattati (esempio: proposta di chiusura al traffico di una determinata area cittadina);

  • il portavoce non ha elementi per definire con ragionevole certezza il voto e non riesce a contattare nessun attivista: deve necessariamente astenersi.




  • riscontri sul metodo

  • gli "strumenti" del consigliere comunale


  • c) verifica metodologica:

il sistema funziona? Alla luce dell'esperienza maturata in ormai oltre 3 anni di consiliatura, si può semplicemente riportare che nessuna delle votazioni espresse in consiglio comunale è mai stata contestata dagli attivisti.


----------------------------


riepilogo delle modalità con le quali il consigliere comunale può esercitare il diritto di iniziativa su tutto quanto di competenza del consiglio comunale milanese, mediante:


1) proposte di delibera(zione)

2) emendamenti a proposte di delibera già incluse nel programma dei lavori/ordine del giorno

3) interrogazioni

4) ordini del giorno

5) mozioni


1) le "proposte di delibera" possono riguardare qualsiasi ambito di competenza del consiglio comunale, sono soggette a controllo di regolarità formale da parte degli uffici, espletato il quale vengono inserite nel programma dei lavori consiliari


2) gli emendamenti sono richieste di modifica alle proposte di delibera


3) le "interrogazioni" sono domande al sindaco o agli assessori, per avere chiarimenti su qualsiasi argomento, avere conferma se una determinata notizia è fondata e - in caso affermativo - interrogare sugli eventuali provvedimenti e richiedere i motivi della condotta dell'Amministrazione o le sue intenzioni ; devono avere risposta entro 30 gg. dal deposito


4) gli "ordini del giorno" richiedono la pronuncia del consiglio - in termini di giudizio o valutazione - su argomenti di interesse generale locale o nazionale, o su provvedimenti già inseriti nell'ordine dei lavori.


5a) la "mozione di indirizzo" viene fatte per impegnare la Giunta ad agire su materie di propria competenza

ci sono poi le "mozioni d'ordine" relative a proposte di delibera, che possono essere:

5b) mozioni pregiudiziali - per ottenere che non si discuta di un determinato argomento

5c) mozioni sospensive - per rinviare una discussione

5d) mozioni modificative dell'ordine dei lavori - per anticipare o ritardare una determinata discussione


tempi tecnici per la presentazione


interrogazioni e mozioni si presentano di norma all'ufficio di presidenza / al presidente del consiglio comunale; a Milano per le proposte di delibera i tempi tecnici sono di 20 gg. come limite per ottenere il parere degli uffici, e 30 per l'inserimento nell'ordine dei lavori del consiglio.

Le mozioni presentate devono essere discusse entro la sesta seduta successiva del consiglio comunale salvo ne sia stata richiesta e accordata l'urgenza.

Emendamenti ed Ordini del Giorno sono presentabili in corso di seduta.


Mattia Calise

Milano - 

10613140_650823691679604_9141156895469682719_n.jpg


Ciao a tutti,


manca ormai meno di un mese a Italia a 5 stelle, la tre giorni al Circo Massimo. Il MoVimento 5 Stelle Milano ovviamente non potrà mancare e invitiamo tutti gli attivisti e simpatizzanti a unirsi a noi.


Come raggiungere l'evento?


Abbiamo valutato diverse opzioni per gruppi numerosi, ma a fronte di pochissimo risparmio, rimane il problema delle partenze dilazionate sui tre giorni; suggeriamo dunque di prenotarvi autonomamente il viaggio in treno.


In alternativa, anche in virtù del fatto che molti attivisti hanno manifestato l'intenzione di scendere in macchina, abbiamo deciso di utilizzare come strumento informatico per il carpooling il sito blabla.car. Per chi metterà a disposizione la propria auto su blablacar.it suggeriamo di inserire nei dettagli viaggio la dicitura: "Destinazione Circo Massimo per la manifestazione Italia a 5 Stelle"; in questo modo sarà più facile essere contattati da altri attivisti.


Se sei in contatto con un gruppo M5S di zona verifica preventivamente le auto condivise a disposizione.


Per ogni informazione o dubbio abbiamo aperto un indirizzo di posta dedicato viaggi5stellemilano@gmail.com

Chi invece vuole andare a Roma in pullman, c'è la possibilità di unirsi al pullman organizzato dal gruppo di Legnano che farà sosta a Milano. Per tutte le informazioni del caso e per prenotare andare a questo link:

https://www.facebook.com/#!/events/907787859251070/



Milano - 

10382404_781076528603974_4687841558642840951_o.jpg

A tre anni dall'elezione dei portaVoce del MoVimento 5 Stelle, come da impegni elettorali, è il momento ella 6^ verifica semestrale dell'attività svolta.

Tutti gli attiVisti e simpatizzanti del MoVimento sono invitati all'assemblea pubblica per il VI bilancio semestrale in cui discuteremo con voi circa l'attività svolta negli ultimi sei mesi e verificheremo il rispetto degli impegni elettorali , del non statuto e delle linee programmatiche della carta di Firenze.

L'appuntamento è per venerdì 26 settembre dalle 20,30 alle 22,30 a Palazzo Marino (Piazza della Scala), sala Alessi, l'incontro sarà trasmesso anche in streaming sul canale del M5S Milano.

La riconferma avverrà online nei giorni successivi all'assemblea, le modalità e le tempistiche verranno comunicate via mail a tutti gli iscritti del MoVimento 5 Stelle residenti a Milano.

Interverranno:

Mattia Calise - Consigliere Comunale M5S Milano

Seff Abdel Aziz - Consigliere M5S Zona 2

Patrizia Bedori - Consigliere M5S Zona 3

Danilo Boni - Consigliere M5S Zona 4

Claudio Rovelli - Consigliere M5S Zona 6

Tiziano Creola - Consigliere M5S Zona 7

Paolo Conconi - Consigliere M5S Zona 7

Stefano Limido - Consigliere M5S Zona 8

Paolo Carraro - Consigliere M5S Zona 9

Antonio Laterza - Consigliere M5S Zona 9


Buona partecipazione a tutti!


Milano - la via d'acqua.jpgIl Consiglio regionale Lombardo ha discusso e bocciato martedì 9 settembre una mozione del Movimento 5 Stelle Lombardia che chiedeva il blocco del progetto Vie d'Acqua.

Parliamo di un'opera presente nel dossier originale per Expo e che prevedeva un canale navigabile per raggiungere il sito dell'esposizione.
Il risultato di anni di polemiche è che il canale navigabile non sarà navigabile e non sarà concluso per Expo, come ha dichiarato il commissario straordinario di Expo Sala.


Qui il video dell'intera discussione sulla mozione che il MoVimento 5 Stelle Lombardia, grazie al lavoro del gruppo M5S di Zona 7 e 8 di Milano, aveva fatto protocollare il 14 febbraio scorso in Regione:

Per i più curiosi c'è anche la possibilità di sapere i nomi di chi ha votato contro
Voto MOZ 191 .pdf

Ultimatum sul Palalido


Milano - Oggi è uscito sul Corriere della Sera Milano un articolo con questo titolo e non ho potuto resistere alla tentazione di scrivere alla Bisconti, chissà che mi dia retta!?
  Chiara Bisconti

Assessora al Benessere, Qualità della vita, Sport e tempo libero, Risorse umane, Tutela degli animali, Verde, Servizi generali del Comune di Milano

Gentile Assessora buongiorno,
prendo spunto dall'articolo apparso oggi sul Corriere della Sera Milano per chiederle di rivedere il progetto del palazzetto, visto che si preannuncia un ulteriore proroga della consegna dell'impianto.

E' da quando sono iniziati i lavori che cerco di convincerla che ci sono diverse cose che non vanno nel progetto, se si ricorda dell'incontro con i comitati di cittadini, il CDZ8 ed altri che ha organizzato nei sui uffici molti mesi fa, le dissi che:

  • la capienza non è sufficiente a disputare le partite internazionali,
  • l'area del Palalido non è abbastanza ampia per prevedere lo stazionamento dei mezzi di servizio e soccorso necessari per le diverse manifestazioni,
  • per l'omologazione il CONI richiede una serie di parcheggi per ogni diverso tipo di mezzo di trasporto del pubblico che invece non sono previsti
  • la viabilità della zona è già sufficientemente critica in caso di manifestazioni al Meazza e all'Ippodromo
  • è troppo vicino alle abitazioni quindi disturba il diritto al riposo di chi vi abita
A questo si aggiunge che l'impianto di climatizzazione previsto non rispetta le prescrizioni in materia di consumo energetico, le aree destinate alla sosta non rispettano tutta una serie di prescrizioni e per l'esattezza:

  • decreto della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Lombardia del 30 Maggio 2014
  • delibera del Consiglio di Zona 8 n° 34 del 21/2/2013
  • nuovo disegno viabilistico della zona adiacente
Per tutte queste ragioni questo palazzetto non è utile ne all'Olimpia ne alla Città, che invece necessita di un Palazzo dello Sport che non c'è più dal 1985, dove poter ospitare le gare internazionali, non solo di basket, ed eventualmente anche i concerti rispettando i limiti di emissioni acustiche, a differenza di quello che succederà con questo impianto visto che non è progettato per i concerti.

Ho scritto alcuni pezzi come questo sul mio blog http://5stellemizotto.blogspot.it/ se vuole darci un occhio.

Grazie per l'attenzione
Stefano Limido
Movimento 5 Stelle zona 8


Milano - 

Thumbnail image for 18503_18503.jpg

Foto: Referendum 1946 Milano. Piazza Missori. Passanti intenti a leggere manifesti elettorali monarchici e repubblicani per l'assemblea costituente del 2 giugno 1946. Autore: Patellani, Federico

Continua la storia infinita per introdurre il referendum deliberativo nello Statuto del Comune di Milano; finita l'estate è il momento per fare il punto della situazione e conoscere quali saranno i prossimi passaggi, passiamo ora la parola a Livio Loverso primo firmatario della proposta.

Appello alla maggioranza arancione | 2 settembre 2014

"L'attuale maggioranza di Palazzo Marino ha dato, fino ad oggi, a parole grande enfasi alla partecipazione popolare ed al coinvolgimento dei cittadini nelle scelte comuni.

Questa è l'opportunità di fare seguire i fatti alle parole e di dare un segnale in vista della scrittura del nuovo statuto delle città metropolitana. Una chiara indicazione anche per la politica nazionale che sta progressivamente espropriando la sovranità popolare attraverso "elezioni" di secondo livello quali quelle per il Senato e le Città Metropolitane.

Il Sindaco stesso ha ribadito più volte il suo favore nei confronti degli strumenti di partecipazione popolare, sostenendo tra l'altro l'elezione diretta del sindaco e del consiglio metropolitano. D'altra parte già nel momento di definire la destinazione di eventuali somme ricavate dalla svendita delle quote di A2A, Pisapia aveva dichiarato: "Vogliamo lanciare un segnale forte di attenzione ai cittadini per rafforzare quel rapporto che secondo alcuni si è indebolito" (Repubblica del 12/01/2014).

Chiediamo che il Consiglio Comunale discuta, subito alla ripresa della sua attività, la delibera di iniziativa popolare che giace all'ordine del giorno da prima dell'estate

Quasi seimila cittadini hanno sottoscritto il testo di questa delibera di iniziativa popolare, depositata a giugno del 2013 e volta alla introduzione del referendum deliberativo senza quorum nello statuto del comune di Milano. 


Cosa chiedono i sottoscrittori? meramente che tutta la città possa esprimersi votando su argomenti di interesse comune e che il proprio voto sia vincolante per l'amministrazione, niente di rivoluzionario, meramente l'applicazione del primo articolo della costituzione che attribuisce la sovranità ai cittadini e non ai politici.

Chiediamo per questo al signor Rizzo, Presidente del Consigli Comunale, di adoperarsi per garantire il rispetto dei regolamenti del Comune e dare opportuna voce ai cittadini mettendo, senza altri indugi, all'ordine del giorno la discussione sulla delibera di iniziativa popolare per l'introduzione del referendum deliberativi nello Statuto del Comune di Milano.

Non vi si chiede di condivide la nostra iniziativa, avere opinioni contrarie è legittimo, ma la sede del confronto è il Consiglio Comunale, davanti ai milanesi che possano in questo modo conoscere la reale posizione di questa maggioranza in merito alla partecipazione dei cittadini."

Livio Lo Verso - Primo firmatario della delibera


PER SAPERE DI PIU'

Presentazione della raccolta delle firme (febbraio 2013): 

Illustrazione della delibera:

Conferenza stampa a termine della raccolta firme (giugno 2013):

Pagina ufficiale del comune contenete il testo della delibera ed i pareri favorevoli emessi dal Collegio dei Garanti


Milano - 

575635E.jpgQui potete leggere cosa è successo durante l'ultima seduta del CDZ8 del 24/7/2014


Milano - 

In consiglio di zona 9 il MoVimento 5 Stelle chiede al Prefetto di Milano di:

  • garantire i prossimi interventi di emergenza secondo le norme di legge dato che le previsioni di forti precipitazioni possono verificarsi a breve
  • di avviare l'accertamento delle responsabilità della gestione delle emergenze dell'esondazione del 8 luglio 2014
  • di avviare la verifica del rispetto dell'invarianza idraulica su tutto il bacino del Seveso a Nord di Milano.
Anche se avremmo preferito delle ferme prese di posizione dalla giunta del comune di Milano, dalla maggioranza del consiglio di zona 9 e dal Sindaco Pisapia sulla questione del fiume Seveso, non attacchiamo il Sindaco di Milano perché dovrebbe considerarsi parte lesa nella burrascosa vicenda e come già fatto dai parlamentari del MoVimento 5 Stelle in parlamento chiediamo chiarimenti al prefetto che "... concorre, insieme alle diverse componenti del Servizio nazionale di protezione civile e in raccordo con il Dipartimento della protezione civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ad assicurare la tutela della integrità della vita, dei beni, degli insediamenti e dell'ambiente dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali."  http://www.prefettura.it/milano/contenuti/13306.htm

AGGIORNAMENTO ORE 22:45 del 10/7/2014 
il 
CONSIGLIO DI ZONA 9
APPROVA




Milano, 10/07/2014

Al Prefetto di Milano

Al Sindaco di Milano

All'assessore Assessore alla Sicurezza e coesione sociale, Polizia locale, Protezione civile, Volontariato

All'assessore alla Mobilità, Ambiente, Metropolitane, Acqua pubblica, Energia

Al presidente della commissione antimafia del comune di Milano

Ai tecnici competenti

Al comandante dei Vigili di Fuoco

Mozione
Oggetto: Gestione delle piene del Seveso del 25 giugno 2014, 8 Luglio 2014 e sulle procedure di controllo sulle infiltrazioni mafiose nelle opere relative alle esondazione del Seveso

VISTO
  • Che nei giorni 25 giugno 2014 e 8 luglio 2014 la zona di Niguarda è stata interessata da esondazioni considerevoli del torrente Seveso.
  • Che il Sindaco di Milano ha denunciato la mancanza di segnalazioni dell'emergenza.
  • Che il Prefetto di Milano, a norma di legge è responsabile dei servizi di protezione civile e di emergenza e secondo  il  "Piano Provinciale di Emergenza di Protezione Civile
  • RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO "
al paragrafo "1.4  Schema riassuntivo di procedura operativa standard in caso di emergenza per rischio idraulico ed
idrogeologico" è previsto l'intervento della prefettura secondo i compiti che gli sono propri:
Il Prefetto concorre, insieme alle diverse componenti del Servizio nazionale di protezione civile e in raccordo con il Dipartimento della protezione civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ad assicurare la tutela della integrità della vita, dei beni, degli insediamenti e dell'ambiente dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali.
Al verificarsi di un evento, più o meno grave, il Prefetto garantisce il tempestivo avvio dei primi soccorsi, adottando i provvedimenti urgenti ed assicurando l'impiego delle forze operative per la gestione dell'emergenza, con particolare riguardo ai vigili del fuoco e alle forze dell'ordine. Quando la situazione è più complessa e richiede interventi coordinati delle diverse componenti del sistema di protezione civile, a livello provinciale viene attivato, presso la Prefettura-UTG, un "Centro di coordinamento dei soccorsi" (CCS), quale struttura provvisoria per il tempo dell'emergenza, con funzioni di raccordo ed armonizzazione delle misure che fanno capo ad amministrazioni ed enti diversi.
In relazione alle esigenze concrete, sempre con finalità gestionali, il Prefetto può anche attivare uno o più "Centri operativi misti" (COM), di livello comunale o intercomunale. Per la gestione dell'evento, in  Prefettura si attiva anche una sala operativa dove affluiscono tutti i dati e le informazioni relative all'evento calamitoso. I cittadini possono contribuire segnalando le notizie  di cui sono a conoscenza.
Secondo il principio della leale collaborazione e considerato che gli interventi di protezione civile richiedono l'apporto di diverse componenti, di livello statale, regionale, provinciale, comunale ed anche dei privati, il Prefetto svolge un fondamentale "ruolo di cerniera", con funzioni di impulso e di garanzia della presenza dello Stato sul territorio.

  • Che le zone 9 e 2 sono state continuamente e fortemente colpite dalle esondazioni.
  • Che il comune di Milano, ha emesso dichiarazioni rinviando a faraoniche costruzioni di non immediato vantaggio, mentre la città rischia prossime esondazioni
  • Che l'allegato tecnico di regione Lombardia (
  • ritiene impossibile regolare le piene facendo uso delle previsioni meteorologiche con una grande vasca da 1 Milione di mc e portata di riempimento variabile fino alla portata massima della piena a Paderno Dugnano (150 mc/s).
  • Che le emergenze in Italia hanno sempre fatto accelerare l'assegnazione di appalti dando luogo ad infiltrazioni mafiose.
  • Che nei casi di esondazione il traffico proveniente dalle tangenziali e dalle vie principali Testi, Sarca e Suzzani viene comunque fatto passare per la zona esondata.
  • Che nel progetto di fattibilità di AIPO non è descritto il modello e i principi di regolazione con cui funzioneranno le 4 vasche a Varedo, Lentate, Paderno e Senago e che nell'allegato tecnico di regione Lombardia si asserisce che nel bacino del Seveso è impossibile basarsi sulle previsioni meteorologiche.
CONSIDERATO
Che il comune di Milano non considera come soluzione del problema, quella del ripristino naturale, ovvero pretendere che gli enti superiori impongano e nel caso sanzionino i comuni sull'asta del Seveso per il mancato rispetto del principio di invarianza idraulica.
Che non si è considerato di chiedere la valutazione di quali sarebbero i costi della realizzazione delle opere di contenimento eseguite e gestite da ogni comune che, finanziato, sarebbe responsabile della costruzione, funzionamento e manutenzione.
Che non si è considerata la valutazione dell'efficacia di una regolazione messa in atto localmente da ogni comune che scarica nel fiume Seveso che in questo modo ripristinerebbe i danni causati dalla cementificazione del proprio territorio riportandolo ad una portata di scarico in fiume pre-cementificazione.
Che il 6 luglio 2014 solo dopo l'esondazione del 25 giugno 2014, http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/14_luglio_06/piano-cento-milioni-evitare-l-acqua-alta-ma-seveso-scontro-bfe78070-04e1-11e4-915b-77c91b2dfa50.shtml e 2 giorni prima dell'esondazione dell'8 luglio 2014 , veniva annunciato dagli organi di stampa il pieno accordo da parte del comune di Milano nel proseguire con le vasche di laminazione di Senago. Un chiaro modo per sfruttare l'emergenza come nella peggiore tradizione italiana e imbavagliare ogni osservazione e critica alle soluzioni delle vasche di laminazione.

SI CHIEDE

Al Sindaco, all'Assessore alla Sicurezza, all'assessore alla Mobilità, al presidente della commissione antimafia del comune di Milano, al Prefetto di Milano, al Comandande dei Vigili del Fuoco di
  • garantire i prossimi interventi di emergenza secondo le norme di legge dato che le previsioni di forti precipitazioni possono verificarsi a breve
  • di avviare l'accertamento delle responsabilità della gestione delle emergenze dell'esondazione del 8 luglio 2014
  • di avviare la verifica del rispetto dell'invarianza idraulica su tutto il bacino del Seveso a Nord di Milano.


Consiglieri di zona 9

Paolo Carraro


Antonio Laterza


Milano - 
20140708_124002_349497_12660028.jpg
Milano sott'acqua e l'amministrazione cittadina impreparata: il #M5S Milano chiede la rimozione degli assessori Granelli, Maran e Rozza.

 

MILANO, 08 luglio 2014 -

 

Una Giunta che impone cementificazione e ignora le conseguenze e la capacità d'assorbimento del territorio; assessorati che parlano di fenomeni meteo imprevedibili, a fronte di fenomeni ormai ricorrenti che da qualche anno si stanno radicalizzando, la Giunta Pisapia ancora una volta mostra di non essere all'altezza delle aspettative.


L'amministrazione di una grande e complessa città come Milano deve essere lungimirante, è chiamata a programmare interventi che possano scongiurare disservizi quali il blackout delle utenze elettriche e telefoniche che ha investito una parte della cittadinanza la scorsa notte o impedire che i cittadini siano costretti, per far fronte all'emergenza, a intervenire personalmente sui tombini a ore dall'inizio esondazione.

 

Tutti questi dati dipingono un quadro increscioso; i cittadini di Zona9 hanno tutte le ragioni per chiedere a gran voce le dimissioni degli assessori Granelli, Maran e Rozza, è della loro richiesta che il consigliere del M5S milanese si fa portavoce presso il Consiglio Comunale.

 

Riteniamo queste dimissioni un atto dovuto per tutti coloro che si sono svegliati contando i danni e che hanno visto le proprie vite messe a rischio per la negligenza della propria amministrazione.



540994.jpg
BsACTA3CQAICpWB.jpg-large.jpeg

immage.jpg
milano_allagata (4).jpg
milano_allagata (5).jpg
milano9.jpg_1064807657.jpg

I candidati a Milano

m5s lombardia meetup
firma referendum deliberativo senza quorum Milano
bt_candidati_nazionali.png Il MoVimento 5 Stelle è una libera associazione di cittadini. Non è un partito politico nè si intende che lo diventi in futuro. Non ideologie di sinistra o di destra, ma idee. Vuole realizzare un efficiente ed efficace scambio di opinioni e confronto democratico al di fuori di legami associativi e partitici e senza la mediazione di organismi direttivi o rappresentativi, riconoscendo alla totalità dei cittadini il ruolo di governo ed indirizzo normalmente attribuito a pochi

zona8 zona9 zona2 zona3 zona4 zona5 zona6 zona7 Zona 1


   © 2010 Beppegrillo.it - I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons  Creative Commons