MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Montesilvano - 

Giovedì 8 Maggio alle ore 21 presso la nostra sede in Via Verrotti 23 terremo la nostra penultima assemblea pubblica prima delle elezioni del 25 Maggio.

Parleremo di programma Culturale per la nostra città, non solo con coloro che hanno portato avanti questo importantissimo settore nel nostro programma cittadino ma anche con Piero Mazzocchetti.

Teatro comunale, luoghi della cultura e manifestazioni per destagionalizzare anche il quadro turistico. Queste e tante altre le nostre proposte presenti nel programma comunale all'indirizzo: http://www.montesilvano5stelle.it/images/pdf/m5sprogramma.pdf

Con l'artista Montesilvanese parleremo anche di Scuola Civica di Musica di Montesilvano bilanci alla mano. Come mai paghiamo una retta così alta nonostante i finanziamenti comunali? Questo e tanto altro in un incontro cruciale della nostra cavalcata per amministrare questa grandissima città.


Montesilvano - 

La giornata di oggi è un crocevia importantissimo per la nostra vittoria delle amministrative 2014. Andare a conoscere come un comune importante come Parma, nonchè gestito dallo stesso M5S, è utile a portare un modello di buon governo che miri a ricostruire dei meccanismi politici che a Montesilvano mancano. Una concreta amministrazione parte dalla partecipazione del cittadino ma non dimentica di strutturare un bilancio per non lasciare nessuno indietro.

La disparità, anche nel nostro comune, è tangibile e sarà nostra premura attenuarla con politiche sociali mirate ed inclusive.

Nei prossimi giorni affronteremo i temi delle Politiche Sociali, Urbanistici e di Bilancio.


Montesilvano - 

Ciò che ci proponiamo e su cui non deroghiamo sara' sicuramente la grande attenzione che presteremo alla struttura del bilancio ed all'analisi delle sue voci nel dettaglio.


Ciascun capitolo di spesa sara' analizzato e trasformato in un bilancio leggibile da chiunque ( i classici conti della serva).


Fondamentale sara' la distinzione tra COSTI ed INVESTIMENTI.


Ridurremo al minimo , se non integralmente, i costi per le consulenze esterne, fissando ,comunque, uno stipendio massimo;tenendo sempre sotto controllo il costo per la comunita'. Analizzeremo le voci di credito e la loro consistenza. Sappiamo bene che in un bilancio dove si riportano crediti inesigibili ( non incassabili ,partite aperte da anni) , come, per esempio, le partite girate alla Soget per l'incasso di tributi, tale valore falsa la capacita' di reperire le fonti a cui attingere per la previsione delle spese. Gli sprechi delle ultime Amministrazioni sono sotto gli occhi di tutti ,ne possiamo elencare alcuni : compenso, per una figura di Capo di Gabinetto ,la cui mansione non e' del tutto chiara e che e' costata alla comunita' un importo pari a € 75.000 annuali ; spese di consulenza esterna per la valutazione del progetto Harrow Bio ,consulenza di parte,affidata a professionisti che promuovono in ambito nazionale questa di trattamento dei rifiuti, il costo e' stato di € 80.000. Si potrebbe continuare ad elencarle ma ci fermiamo qui. Le passate Amministrazioni hanno permesso la costruzione di palazzi, hanno permesso la cementificazione del territorio senza peraltro imporre ai palazzinari la regolarizzazione delle opere di urbanizzazione. Solo con l'imposizione delle multe ai signori del cemento si sarebbero potute fare tante cose,ma e' risultato piu' semplice aumentare i tributi comunali .

Valuteremo la possibilita' di elevare la percentuale dell'imposta sugli immobili, solo ed esclusivamente per i proprietari di piu' immobili ( non si parla di seconde case, utilizzate per le vacanze), tenuti a disposizione , obbligandoli ad immetterli sul mercato, in modo tale da calmierare il costo degli affitti, per la legge della domanda/offerta, intervenendo, ove possibile nella contribuzione per le famiglie in difficolta'. Punteremo alla rivalutazione delle risorse umane attraverso investimenti sulla formazione del personale. Ogni risparmio ottenuto in termini di minor costo per personale esterno (consulenze), sara'suddiviso tra i dipendenti comunali, incentivando cosi' l'interesse per la cosa pubblica ed il rispetto delle regole. Di contro i dipendenti dovranno entrare in un'ottica di massimo rispetto del cittadino, in quanto datore di lavoro, aiutandolo con professionalita' nella risoluzione dei problemi. Stessa attenzione si rivolgera' ai debiti accumulati dall'amministrazione con particolare attenzione a quelli contratti nei confronti di piccoli artigiani. Nessuno deve rimanere indietro, soprattutto i piu' deboli. Ci faremo aiutare dalle associazioni sparse sul territorio, affinche' si possa veramente iniziare a lavorare sul tessuto sociale piu' interessato da questa crisi, reperendo i fondi dagli sprechi piu' sfacciati. Ci aspetta un grande lavoro e lo faremo insieme ai cittadini.


Montesilvano - 

Intervista sulla situazione "Saline" ad Augusto De Sanctis- Coordinatore Oasi WWF abruzzesi - durante la manifestazione a Pescara "Fuori dal Fango, oltre la rabbia" di Domenica 8 Dicembre 2013.
"Il comune di Montesilvano è stato il primo comune abruzzese ad applicare agli inizi del 2013, non nel 1960, la famosa legge edilizia approvata dal Centrodestra a livello regionale (Il M5S Montesilvano votò contro e potrammo più di 30 emendamenti per migliorarne il documento,benchè visibilmennte compromesso, e per arenarne l'approvazione). Questa legge consente ampliamenti degli edifici da costruire con cubature del 50% in più. Ma non solo Montesilvano ha un Piano regolatore totalmente sovradimensionato, ora con questo provvedimento si fatto un ulteriore regalo ai costruttori.
L'aumento della cubatura in più non vuol dire solo peso edilizio in più, quindi impermeabilizzazione dei suoli ed aumento dei rischi, ma anche più cittadini in area a rischio esondazione. In questo modo in caso di evacuazione il Comune dovrà allertare 2000 cittadini anziché 200. Montesilvano si presenta come un comune che ha la gestione del territorio non controllabile.
Il caso dei tre ponti sul Saline (M5S Montesilvano votò contrario in consiglio comunale) è emblematica. Dovranno essere costruiti tre ponti sul fiume saline, e questi si trovano in zona a rischio. Rischiano di fare una nuova infrastruttura, spendendo più di 15 mln, per una struttura che è ad alto rischio idiogeologico secondo le mappe della regione. Quelle mappe sono anche obsolete perché non sono state aggiornate."

Hai sentito parlare degli argini del Saline?
"Con l'ultima alluviane si è eroso l'argine dietro il Multiplex. Gli argini sono importanti ma possono dare una fasa sicurezza. Se dovessero cedere l'acqua entrerebbe molto velocemente."
Che zona è considerata a rischio, allora?
"Sicuramente la zona del Multiplex, i Grandi Alberghi e la zona di nuova costruzione di d'Andrea (Zona PP1 n.d.r.)."
Solo Montesilvano rischia?
"No, c'è anche Città Sant'Angelo. Chiedemmo di rendere inedificabile tutta la fascia tra il piomba ed il saline poiché nel 1992 andò tutta sott'acqua più di un metro. La prima casa del sottopasso andò tutta sott'acqua ed il proprietario venne salvato in elicottero. Alle nostre istanze dissero di aver risolto con un argine che, andammo a vedere, aveva degli alberi. Ora, io sono un'ambientalista ed amo gli alberi, ma essi su di un argine non possono stare perché le radici entrano nell'argine. Così in caso di piena l'acqua entra nelle radici, le scardina e successivamente fanno crollare l'argine."
Sui piani d'emergenza del Comune di Montesilvano cosa hai notato?
"Molti comuni abruzzesi hanno il piano d'emergenza, ma al cittadino non è cambiato nulla. Il cittadino non sa i punti di raccolta, nè come rispondere alle emergenze. Famosissimo il caso dell'Aquila quando durante il terremoto i cittadini andarono nel punto di raccolta stabilito e vi trovarono un Circo. Il comune aveva dato l'autorizzazione ad un circo per posizionarsi su di un'area adibita a punto di raccolta. Bisogna utilizzare un'educazione collettiva ma anche sul singolo cittadino. I piani d'emergenza sono fatti per istruire la cittadinanza, ma non è così."
E' vero che il Saline è uscito dal SIN?
"Sì, il saline attraverso un decreto di Clini da SIN (Sito Interesse Nazionale di bonifica) è diventato SIR (Sito Interesse Regionale di bonifica). Il ministero dell'ambiente in 10 anni non ha mai bonificato un kg.
Dal punto di vista normativo non cambia nulla. Nel provvedimento avrebbero dovuto riclassificare, ma nulla è stato fatto. Doveva dimettersi qualcuno al ministero. Ora hanno passato la patata bollente alla regione."
Nulla è stato fatto, nulla sarà fatto aggiungiamo noi.

GIOCATTOLO IN MOVIMENTO 3.0


Montesilvano - 

Partecipate numerosissimi! Ci saranno tanti giocattoli che regaleremo ai bambini! Leggete quando e come si svolgerà l'evento. ‪#‎noisiamOLTRE‬

Quest'anno per la III volta il Movimento 5 stelle Montesilvano organizza Giocattolo in MoVimento. Questa proposta nasce al fine di sensibilizzare la persone, tramite il gioco e lo scambio, sul tema dello spreco.
Ogni bambino potrà donare un giocattolo 'vecchio' ma ancora in buone condizioni, e ne riceverà in cambio un altro a scelta, in una sorta di 'operazione riciclaggio' alla quale hanno partecipato nel 2011/2012 numerosissimi bambini.

Una sorta di 'baratto', che farà riflettere sull'importanza di un rifiuto critico e consapevole. Se per qualcuno è inutile per qualche altro potrà diventare utile, soprattutto per quei bambini che non hanno la possibilità di acquistarne.

L'appuntamento è Domenica 22 Dicembre ore 10 davanti la chiesa di Sant'Antonio, in Piazza san Francesco a Montesilvano.


Montesilvano - 

Ricominciamo a girare la città. Prima tappa Montesilvano Colle. Ascolteremo le proposte di tutti per inserirle nel nostro programma per le prossime COMUNALI e REGIONALI. Montesilvano sempre al primo posto!!
Appuntamento dalle ore 9,30 in Piazza a Montesilvano colle. Ci vedrai sicuramente, le nostre bandiere sventolano fiere in ALTO.

Vuoi parlarci della città? Vuoi venire a conoscerci? Vuoi proporci una tua iniziativa o vuoi semplicemente offenderci perchè non ci siamo alleati con i piddini? Vieni e non te ne pentirai! #noiandiamoOLTRE


Montesilvano - 

Politicamente non contano più nulla eppure prendono decisioni che significano per il comune continuare a gettare dalla finestra 100.000 € l'anno. Nel lontano Dicembre 2012 fu una nostra battaglia, vinta, quella di spostare una farmacia comunale in costante passività all'interno del nuovo distretto sanitario firmando un emendamento bipartisan. Ed ora cosa cambia? Chi ha paura del cambiamento?

Le lunghe mani della politica stanno rovinando anche questa positività, avremmo risparmiato delle perdite di tanto considerevoli. L'azienda speciale dove mette mano, mossa come marionetta dai fili dell'amministrazione comunale, crea disordine. Ringraziamo la nuova presidentessa del CDA (politico) Erica di Censo che dovrebbe ridurre le spese. Da più di un anno si parla di spostare la farmacia nel nuovo distretto, risultandone anche una necessità finanziaria, perché la nostra è l'unica farmacia in Italia ad essere in rosso. Chi paga il rosso? Il comune di Montesilvano c'è dietro. Sempre gli stessi creano questi disservizi e queste problematiche che ricadono sempre sulla cittadinanza.

Gli amministratori, grandi condottieri, ora danno la colpa alla regione ma non è assolutamente vero. E' invece denigrante come ancora una volta abbiano cambiato idee difronte una nostra proposta che vide favorevoli tutti. Forse ora qualcosa è cambiato? Vogliamo i conti della farmacia, vogliamo vedere che flussi muove, vogliamo vedere il suo organico, vogliamo aprire quella scatola come un vaso di pandora.

A mali estremi, estremi rimedi. Dalla loro inefficienza partirà un esposto alla corte dei conti perché se loro consciamente rifiutano di diminuire la perdita inserendola nel distretto sanitario significa che non vogliono risparmiare il grande deficit e dovranno esserne responsabili economicamente, ma di tasca loro.


Montesilvano - 

ARTICOLO DI MARCO MARTINELLI-MOVIMENTO 5 STELLE MONTESILVANO
Ora che a Pescara c'è scappato il morto chi ne risponde?? Chi mi spiega perché Anna Maria Mancini non tornerà a casa?
La chiameranno calamità naturale, evento imponderabile e imprevisto così come hanno fatto pochi giorni fa in Sardegna e prima per le alluvioni in Calabria, il terremoto in Emilia ed in Abruzzo e i bambini morti sotto le macerie della scuola molisana.
Mi odio perché permetto a questi farabutti di trattarmi da minorato mentale.
Ma ora basta, io voglio spiegazioni e responsabili. Voglio che i peccati vengano ricondotti ai loro legittimi proprietari . Sarei anche disposto cristianamente, seppur ateo, a rimettere i debiti ai debitori ma prima voglio che qualcuno di questi, finalmente, avesse un rigurgito etico e morale che gli facesse alzare la mano tra la folla degli "irresponsabili" per dire, per primo, "è colpa mia".

« Io ho una certa pratica del mondo; e quella che diciamo l'umanità, e ci riempiamo la bocca a dire umanità, bella parola piena di vento, la divido in cinque categorie: gli uomini, i mezz'uomini, gli ominicchi, i (con rispetto parlando) pigliainculo e i quaquaraquà... Pochissimi gli uomini; i mezz'uomini pochi, ché mi contenterei l'umanità si fermasse ai mezz'uomini... E invece no, scende ancor più giù, agli ominicchi: che sono come i bambini che si credono grandi, scimmie che fanno le stesse mosse dei grandi...E ancora più giù: i pigliainculo, che vanno diventando un esercito... E infine i quaquaraquà: che dovrebbero vivere come le anatre nelle pozzanghere, ché la loro vita non ha più senso e più espressione di quella delle anatre...» (Sciascia)
Da quanti giorni c'è l'allarme meteo in Abruzzo? Anna Mancini è annegata in piena città in un sottopassaggio che pur allagandosi ad ogni acquazzone non era ne chiuso ne presidiato. Perché? Stamattina in quel sottopassaggio c'erano 4 metri d'acqua e neanche una stupida transenna. Si sa da sempre che Pescara, Montesilvano, Francavilla, ecc. sono a rischio sia nella parte pianeggiante che in quella collinare.
Ad Olbia si sono costruiti interi quartieri abusivi nei letti asciutti dei fiumi, ora tutti lo dicono e si scandalizzano ma le voci che si alzano più forti e stridenti a denunciare sono proprio quelle di chi doveva vigilare ed impedire l'edificazione selvaggia.
Attenzione, lo ripeto, Ci racconteranno anche questa volta che si tratta di eventi eccezionali. NON VI FATE FREGARE. Ci sono responsabilità precise e nomi e cognomi da svelare.
La verità è che la tribù dei "Pigliainculo" e dei "Quaquaraquà" è maggioranza in questo Paese o almeno è la più attiva ed operosa e non paga mai, sono dei sorci che proliferano rosicchiandoci la vita.
Ma non illudiamoci,Noi "gente qualunque", di far parte della tribù degli "uomini".
Siamo, sempre più colpevolmente, membri dell'illustre stirpe dei "Pigliainculo" e dei "Quaquaraquà" anche Noi. E lo saremo finché non ci rivoltiamo attivamente a chi stupra costantemente il nostro presente ed il futuro dei nostri figli, lo saremo finché non smettiamo di considerare vincenti squali e Iene.
Riconosciamo la nostra parte di "correità" in tutto ciò che a parole rinneghiamo. Intendo dire che:
Siamo corrrei quando votiamo irresponsabilmente pensando che tanto uno vale l'altro o magari per lo stesso motivo non votiamo.
Siamo correi quando diciamo "tanto chiunque al posto loro farebbe la stessa cosa"
Siamo correi quando accettiamo la logica della raccomandazione e del voto di scambio
Siamo correi quando pensiamo che il destino di chi ci circonda non ci riguarda.
Siamo correi quando non promuoviamo per noi e per i nostri giovani i principi di impegno e meritocrazia.
Quando ognuno di Noi, attraverso la catarsi del riconoscimento delle proprie responsabilità, si riprenderà da questa specie di coma farmacologico in cui siamo tenuti allora tremerà la terra e potremo rientrare nella categoria degli "Uomini".
Comiciamo ora, incazziamoci, pretendiamo di sapere perché? Pretendiamo di sapere Chi deve risponderne? Pretendiamo che ne risponda.
Sono sicuramente andato lungo ma il mio è uno sfogo di chi ieri ha goduto della meraviglia delle parole di un grande come Dario Fò (bistrattato da tutti i politici italiani) e scopre per l'ennesima volta stamattina che le sue parole sulla "degenerazione" della nostra società si concretizzano in devastazione e morte.
BASTA BASTA BASTA!!!
Io finalmente da un po' di tempo mi sono svegliato (seppur in ritardo) e non lascio più perdere, ora PRETENDO e VADO A PRENDERMELO il CAMBIAMENTO .

MARCO MARTINELLI

THE DAY AFTER 3VDAY


Montesilvano - 

ARTICOLO DI LUANA ROSELLI-MOVIMENTO 5 STELLE MONTESILVANO
Eccoci a casa, sotto un torrente, anzi, un fiume d'acqua.Abbiamo lasciato Genova trafitta da un vento pungente e polare che tagliava la faccia e tutto quello che trovava sul suo cammino. Noi eravamo li', ed e'stata una festa, giovani, anziani, donne e bambini, tutti insieme a gridare senza paura che siamo stufi di questi pagliacci che si sfidano in tv, quasi a dover combattere per la vittoria di un premio Oscar o di una copertina di Vanity Fair.

Fino a ieri, riuscivamo ad entusiasmarci anche davanti a questa pantomima, tifavamo per l'uno o per l'altro che si sfidavano a regolar tenzone. Oggi, con la mente rivolta ad altro, siamo in grado di analizzare le parole che escono da quelle bocche; bocche non collegate ne' al cervello ,ne' con il cuore. Personaggi per fare ascolti, parlano di argomenti distanti dalla loro vita, che arringano regole del fare e poi nel pratico fanno l'esatto opposto. Sono tutti uguali !

A Genova c'erano persone che, nonostante la provenienza da regioni diverse, dal nord, dal sud, dalle Isole, che i nostri governanti hanno sempre tenuto separati con le scuse piu' stravaganti, hanno condiviso la rabbia nei confronti dei pagliacci di corte, che pensano solo al loro profitto ed a quello dei loro amici. I ragazzi del Movimento, eletti in Parlamento ed al Senato, erano li' con noi, hanno superato quel muro che ha sempre diviso il cittadino dal polititco, erano con noi, perche' hanno bisogno di noi, del nostro incoraggiamento per entrare ogni mattina nella gabbia dei leoni. I leoni erano convinti di aver a che fare con delle pecorelle indifese; pecorelle si , con l'animo puro, ma hanno dimostrato che anche un animale cosi' indifeso all'apparenza, puo' creare problemi e opporre resistenza alla bieca violenza psicologica. Eravamo li, e pensate lo stupore nell'essere intervistati da una televisione francese, ed essere quasi invisibili per le nostre televisioni di stato. Non siamo prime donne dello schermo, ma questo atteggiamento non e' altro che la riprova che oggi hanno paura di noi.

Le forze dell'ordine schierate a guardia della manifestazione si sono anche divertite nell'indicarci un bar dove poter bere qualcosa di caldo, sembrava di essere a Mirabilandia. Non serviva il servizio di sicurezza. Noi siamo la sicurezza. E poi, che dire dei personaggi che si sono avvicendati sul palco? Forse, solo la nostra forza, ha dato loro il coraggio di salire e parlare, farci parlare, azzittendosi nel momento in cui dalla platea venissero commenti corali.

Chi sul palco,chi attraverso interventi registrati, tutti e dico tutti ci hanno dato una carica, una forza interiore che non mi era mai successo di provare. Erano li' per noi e non per il semplice gusto di parlare davanti alle telecamere. Adesso siamo a casa, con la convinzione ,e grazie a loro, a chi c'era, a chi non c'era ed avrebbe voluto esserci,che possiamo ottenere quello che ci meritiamo; e cosa? Via le parole vuote, largo a chi ha voglia di fare e di fare bene; largo a chi con il cuore sta lottando con noi e per noi, per cambiare questo stato catastrofico, questa deriva imminente. Andare Oltre vuol dire superare le barriere che fino ad oggi ci hanno inculcato. Dobbiamo riappropriarci della solidarieta', della felicita', della voglia di sperare in un futuro per noi e per i nostri figli. Che dire , quello che si deve raccogliere da un evento del genere e' solamente una regola fondamentale. Per cambiare cio' che ti circonda , comincia a cambiare te' stesso. Il segreto e' tutto li' . E non aspettiamoci che i media possano rendicontare cose diverse da quelle che le penne assoldate dal potere indicheranno loro. Noi c'eravamo ed eravamo tanti , ma tanti per davvero e questo e' tutto.


LUANA ROSELLI

LA GRANDE ABBUFFATA


Montesilvano - 

È una settimana che su tutti i giornali sentiamo parlare di un'infinito tira e molla di alcuni membri della maggioranza sul bilancio previsionale 2013. Gia da qualche settimana abbiamo appreso che l'amministrazione comunale si è indebolita, suo malgrado, dell'ex presidente del consiglio De Landerset e del rientrante Silli.

Ora i numeri per Di Mattia non sono più granitici, e risulta essere in balia di alcuni consiglieri. I numeri cominciano a diventare molto importanti: da 16 membri in maggioranza e 9 in opposizione si e' passati ad un nuovo consiglio con "soli" 14 in maggioranza contro gli 11 dell'opposizione. Gli umori dei singoli consiglieri sono e saranno determinanti. Tutti ora vogliono ottenere qualcosa, tutti vogliono partecipare alla grande abbuffata. L'unico parafulmine è lui e solamente lui: Attilio di Mattia.

Noi chiediamo un governo forte per la nostra città, mentre questo sembra esserne l'esatto opposto.

Un'amministrazione che tiri a campare non fa il bene della cittadinanza, anzi la porta alla deriva. Devono andare tutti a casa.


Solo un'amministrazione forte è in grado di incentivare il commercio cittadino e di fare in modo che non si aprano nuovi centri commerciali inutili. Un'amministrazione in balia degli umori di pochi no.

Solo una forte amministrazione ha il controllo del territorio ed una programmazione tale da fare in modo di prevedere un abbassamento graduale delle imposte cittadine nel giro di 4 anni. Un'amministrazione distratta dai propri interessi NO.

Solo un'amministrazione forte può permettersi di gestire un nuovo piano traffico. Un'amministrazione che cerca solo di rimanere in piedi no.

La parola d'ordine è e sarà, con noi, una sola: programmazione. Diremo di più: poiché riteniamo che questa giunta abbia i mesi contati stiamo già riscrivendo il nostro programma cittadino per lo sviluppo di progettualita' realizzabili con noi e solamente con noi. Nessuno deve rimanere indietro e ci batteremo sui temi più socialmente utili ed impegnativi.

Per noi, i bisogni dei cittadini vengono al primo posto, e quando parliamo di cittadini ci riferiamo a coloro che ogni giorno devono fare i conti con la spesa, la scuola dei figli, la salute, i trasporti, la spazzatura, ecc.ecc....

Noi siamo la risposta alle loro irragionevole cecita' ,arroganza e , ultima e ma non per importanza, palese incompetenza.

I candidati a Montesilvano

Partecipa ai nostri eventi


   © 2010 Beppegrillo.it - I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons  Creative Commons