MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Nocera Inferiore - 

Credo che come M5S sia arrivata l'ora di fare dei distinguo e dare forza a quello che è il lavoro di quanti ci hanno creduto prima, quando, senza mai aver fatto Politica, nel loro vivere quotidiano ci comportavamo in maniera affine a quanto poi il M5S dice nella oramai famosa Carta di Firenze, quando eravamo allo ZERO VIRGOLA, e cercavamo di dar forza alle idee dialogando e mischiandoci anche con persone che "SEMBRAVANO il CAMBIAMENTO" ma poi non si sono rivelate tali, e quando si sta facendo oggi, ancora inconsci di queste DUE CIFRE che abbiamo ...
DUE CIFRE che ci hanno investito TUTTI, eletti e non, di RESPONSABILITA' verso chi ci ha votato, siano essi quelli che ci credono veramente e ne hanno capito lo spirito, siano quelli che hanno visto nel M5S una NUOVA POLITICA e si sono messi al nostro fianco dandosi da fare, siano essi quelli che ci hanno votato per mera protesta o semplice voglia di CAMBIARE!
Adesso questa RESPONSABILITA' va gestita e distribuita, occorre creare, e qui si deve lavorare, un FILO CONDUTTORE tra il TERRITORIO ed i nostri PORTAVOCE, in modo tale da poter innanzitutto CONCRETIZZARE le INIZIATIVE e le AZIONI e creare un OPERATIVITA' collaudata dove automaticamente quelli che FANNO diventano una sorta di fiduciari degli altri che poi si mettono ad operare al nostro fianco, fino a creare tanti CERCHI che potranno diventare magici se ben funzionanti ... magari, facendo così, si riesce a superare il personalismo di qualcuno, come pure la sana competizione che a volte si viene a creare e che, però, può far male alla CONCRETIZZAZIONE del dato elettorale ed alla sua CRESCITA.
Ovviamente, questo lo si può fare all'interno del proprio gruppo locale come GESTIONE NATURALE, ma non lo si può fare in ambito territoriale perché nessuno di noi è "autorizzato legalmente" all'uso del simbolo, anche se lo siamo "nell'atto pratico" proprio con il nostro attivismo dimostrato nel tempo.
In questo credo debbano fare da portavoce verso lo staff i nostri eletti, facendo capire che, se qualsiasi iniziativa territoriale viene fatta senza riconoscimenti dell'operato, si creeranno sempre confusioni visto che chiunque può dire una cosa ed il contrario di quello che dice un altro.
Se piace l'idea del CERCHIO, bene, allora potremmo pensare ad una RETE di CERCHI, dove ogni gruppo esprime almeno due portavoce interni e la consulta di quelli del territorio, diviso in ambiti omogenei, in modo da operare più facilmente anche in merito alle distanze ed alle istanze, la quale esprimerà, a sua volta, due portavoce dell'ambito, la durata massima del ruolo sarà annuale, salvo eventi pregiudizievoli, e massimo per 3 volte nell'arco dei 5 anni a seguire e non potrà essere confermata per l'annualità successiva alla prima nomina.
Ovviamente, questa è solo un idea, che deve essere CONDIVISA, DIGERITA, MODIFICATA e MIGLIORATA da TUTTI, e, perché no, emendata direttamente sul BLOG nazionale, sino a creare uno STRUMENTO OPERATIVO, FUNZIONALE e CONDIVISO che non faccia torto a nessuno e che ci veda più CONCRETI nel FARE anche agli occhi di chi ancora ci guarda senza PARTECIPARE.


Nocera Inferiore - 

RILFESSIONI ... per non ripetere gli stessi errori ...

View image

Osservando dall'alto Nocera Inferiore si percepisce ancor di più la mancanza di spazi liberi, usufruibili dai cittadini, dalle famiglie, dai giovani, dagli anziani. Ormai un unico blocco fatto di cemento, mattoni, tegole, lamiere, asfalto, coperture di plastica, da cui qua e là spunta un albero stranito o sistemato in file su marciapiedi striminziti. Un ammasso amorfo, caotico di edifici, torri di cemento, costruiti durante gli anni che vanno dal 1950 al 1960, al 1970 fino al 1980, dal dopoguerra al "boom economico" in pieno regime democristiano, durante gli anni della ricostruzione del post terremoto dal 1980 al 1990, proseguendo fino ai giorni attuali delle speculazioni edilizie che hanno riempito gli ultimi spazi di suolo libero rimasti, tutto ormai è cementificato.

View image

In ogni periodo si sono perpetrati gli scempi e le speculazioni più assurde, mancando l'occasione che poteva fare di questa una città a misura d'uomo, una vera città moderna. La miopia di chi ci ha governato per decenni ha invece creato solo degrado ed una città invivibile anche per i più avvezzi. Nonostante ci sia nato, camminando per le strade di Nocera provo un grande disagio. Sembra sia passato un re "Mida" che abbia trasformato, con il solo tocco di un dito, ogni spazio in "cemento" (oro per gli speculatori e i gruppi d'affari), come anche i pensieri di chi ci ha governato. L'unica cosa di cui siamo assai capaci in questa città sembra sia proprio creare mostruosi edifici ed abbattere alberi e giardini.

View image

Accanto ai nuclei antichi , orami martoriati e degradati, dei casali e del borgo, si è sviluppata una città di solo cemento ed asfalto, a misura della massima speculazione, alla faccia dello sviluppo equilibrato, della dimensione umana a difesa della quale si sono versati fiumi di inchiostro da parte degli studiosi. Lo sviluppo organico, armonico che si è avuto nei secoli passati è stato cancellato in un momento, grazie alla speculazione immobiliare, al concetto ancora tutt'ora dominante che la casa non è più un bene primario ma un oggetto di profitto e speculazione da parte dei costruttori aiutati dalla politica degli affari, nel cui intreccio si è facilmente inserita la criminalità organizzata.

View image

View image

Mi viene da pensare che forse sarebbe stato opportuno laurearmi in "Speculazione edilizia", un bel corso di laurea all'Università di Napoli o quanto meno un corso di specializzazione post laurea, dove sicuramente i signori che hanno operato per lo sviluppo di Nocera sarebbero stati i migliori docenti.
Non hanno perso occasione per mettere le mani sulla città, non sono serviti piani urbanistici comunali e sovracomunali per evitare gli scempi ed il saccheggio. Il "Partito del cemento" al di sopra di tutto e di tutti, prima gli interessi degli speculatori e poi quelli dei cittadini.

View image

Se c'è un po' di spazio di risulta, si può anche pensare di creare un "Parco giochi comunale" o piccoli recinti, che vengono poi dati in gestione a privati che l'utilizzano per i loro interessi, oppure creare spazi di risulta trasformati in aiuole per la gioia dei cani. Vedi il parco giochi sotto il cavalcavia ferroviario di via Canale, in una zona depressa; il piccolo campetto con giostrine ed un campo da calcetto tra via Barbarulo e Capo Casale; il parco giochi a San Francesco dove c'erano i campetti coperti per i bocciofili, un campo da pallacanestro, un piccolo spazio con altalene, scivoli e giostrine varie dove i genitori portavano i loro figli a giocare insieme ai ragazzi del posto, ora praticamente chiuso da qualche anno. Sono stati eseguiti lavori per realizzare una chiusura ed una copertura dell'unico campo di pallacanestro, forse proprio per soddisfare e non venir meno alla smania di costruire. Avevamo qualcosa ora più niente, questa è la morale.


Le uniche architetture, dal dopoguerra ad oggi, sono state realizzate con la costruzione delle cosiddette case popolari; quartieri a sé stanti con le loro cellule abitative (existens-minimum), con gli spazi pubblici progettati, è vero, senza continuità con la città, ma che in ogni caso prevedevano gli standards minimi, meglio che niente.


Le occasioni per la ricostruzione, la prima nell'immediato dopoguerra (1950-60) e la seconda col post-terremoto (1980-90), non han fatto altro che accelerare un processo speculativo e di malaffare (ricordiamo i morti ammazzati tra il 1980 ed il 1990) portato all'estreme conseguenze fino ai giorni attuali.

Negli anni tra il 1960 e il 1970 si è avuta una edificazione massiccia, all'epoca dominava l'idea che un paese per essere moderno dovesse per forza avere il suo "grattacielo" e le sue torri in cemento armato, evidentemente a Nocera Inferiore come in qualche altro paese si è esagerato. Sono stati innalzati in poco tempo edifici di sette, otto, qualcuno di dieci, dodici piani (fortuna non erano capaci di costruirli più alti) a formare un continuum su ambedue i lati di nuove strade, a pochi metri uno dall'altro, senza servizi, parcheggi e quel minimo di spazio vitale per i cittadini.


Vedi via Attilio Barbarulo, via Correale, via Cucci, via Fucilari, via Roma, parco di Luggo, via Eugenio Siciliano, via Siniscalchi, via Pucci e relative traverse, via Martinez y Cabrera, via Eugenio Siciliano, via bruno Grimaldi, via Atzori e non sono state risparmiate dallo scempio le zone di Cicalesi, Casolla, Vescovado.



Tra i tanti esempi peggiori il fabbricato in piazza Zanardelli di fronte alla chiesa del Corpo di Cristo, che ha tolto agli abitanti di Nocera la visuale della collina del Parco e che incombe minaccioso di fianco ad essa; in via Solimena al Borgo; in piazza De Santis all'Arenula; in piazza Amendola con il palazzo costruito di fianco la Chiesa di S. Maria del Presepe (Santa Monica) ed il palazzo edificato quasi nella piazza all'angolo con via Fucilari; a Capo Casale, Casale Nuovo e per il Corso Vittorio Emanuele. Questi alcuni esempi, i più eclatanti, poi costruzioni selvagge ovunque ad occupare ogni spazio possibile.



Negli anni 1980 e 1990, iniziano gli abbattimenti, come quello di parte degli edifici storici del Corso V. Emanuele, interi pezzi di città, per far posto a mostri edilizi, che a mio avviso restano l'emblema, il simbolo, un monumento della speculazione edilizia, la peggiore prosa edilizia.


Un senso di disagio e di incertezza mi pervade percorrendo i portici a doppia altezza, e i piani inclinati, untuosi e dissestati della famigerata "Piazza del Corso". Altra importante speculazione è stata la demolizione del palazzo "Buoninconti" all'angolo tra il corso V. Emanuele e Capo Casale, un'architettura del XVIII secolo, per far posto ad un edificio stile caserma, unico nel suo genere. Da ricordare ancora l'abbattimento di parte della "Cortina del Pozzo", un antico impianto risalente al XVII secolo e che diede il nome al Casale. Tutti questi abbattimenti ed altri interventi del genere sono stati possibili grazie alle varie categorie d'intervento dei "Piani di Recupero" quali la ristrutturazione edilizia, la ristrutturazione urbanistica, la manutenzione straordinaria. Queste categorie di lavoro, sembrano siano state inventate per permettere ancora una volta di mettere le mani sulla città. Interventi urbanistici che invece di migliorare hanno quasi sempre peggiorato gli spazi così come gli interventi di adeguamento simico hanno qualche volta peggiorato la condizione statica di molti fabbricati antichi con aggravio di pesi, come solai e coperture in calcestruzzo cementizio armato, che avevano subito appena qualche piccolo dissesto sismico. Sopraelevazioni e aumento di superfici che hanno compromesso, invece che adeguare ed alleggerire, le opere esistenti.

Sotto le voci recupero, manutenzione straordinaria, adeguamento sismico, limite di convenienza (cioè se il costo delle opere per adeguare un edificio superava un certo valore allora conveniva abbatterlo e ricostruirlo "più bello e più grande che pria"), si sono perpetrati abbattimenti di intere opere di un certo valore architettonico o di parte di esse, pezzi della storia architettonica della nostra città sostituendole con brutti edifici privi di valore e che hanno permesso di aumentare la densità abitativa creando plusvalore a discapito dei residenti che sono stati letteralmente deportati in quartieri popolari costruiti ad hoc come l'edilizia straordinaria a "Monte di Dio".

L'unico intervento che doveva essere permesso nei nuclei antichi di questa, come in altre città, doveva essere solo il restauro e quindi la conservazione del tessuto e delle emergenze architettoniche, con tutto quello che comporta un tale intervento, migliorare, demolire le superfetazioni e le brutture aggiunte nei decenni. Conservare le attività e le destinazioni d'uso compatibili con un vivere a dimensione umana, specie in spazi ristretti come i nostri centri antichi, i casali, il borgo, le corti abitative dove è più utile e conveniente muoversi a piedi, con la bici o con altri mezzi ecologici, tali impianti andavano conservati nella loro unitarietà e quindi salvaguardati dalla speculazione, costruzioni preziose ed irripetibili che hanno creato nei secoli spazi a dimensione umana senza l'ausilio di alcun Piano Urbanistico.

Questi solo alcuni esempi, per non parlare della possibilità di creare spazi verdi e piazze dalla demolizione e dal recupero delle vecchie fabbriche conserviere, specie quelle che insistevano nel tessuto urbano più vivo, che il Piano di Recupero a firma del prof. Rossi prevedeva. Tale piano messo a punto nella seconda metà degli anni ottanta è servito solo per le demolizioni e ricostruzioni suddette ma disatteso per quanto riguarda gli spazi da restituire ai cittadini.
Tra gli abbattimenti eccellenti da non dimenticare quello del Teatro Diana e del cinema Modernissimo. Il primo per creare abitazioni, ed un piccolo teatrino, un ricordo del vecchio Diana dove recitarono grandi compagnie ed attori come Totò. La seconda per creare la cosi detta "Galleria Maiorino", con uffici e negozi, a mio avviso poco funzionale perché avrebbe dovuto, come galleria, collegare qualcosa o semplicemente essere un percorso liberamente attraversabile dalla gente.


Un'altra occasione mancata il recupero dell'intero complesso dell'Ospedale Psichiatrico. Poteva diventare un vero parco facilmente usufruibile dai cittadini, senza alcuna barriera e recinzione, solo viali, prati ed alberi che facevano da scenario e da elemento unificatore che con un progetto unitario, con un minimo di lungimiranza e di audacia poteva essere unito alla collina del Parco Fiega, ai quartieri Piedimonte e Pietraccetta, nonché, con una vera grande piazza, alla zona del campo sportivo, della caserma Libroia e del complesso conventuale di S. Francesco, riprendendo l'antica piazza d'armi e liberando gli spazi comunali occupati. Tutti gli edifici: il Tribunale, la Polizia di Stato, La Guardia di Finanza, gli uffici dell'ASL, l'oratorio, potevano tranquillamente prospettare su giardini, viali alberati, verde attrezzato per lo sport ed il tempo libero e tutto ciò collegarlo alla collina del Parco, con le sue emergenze architettoniche, con percorsi pedonali, con una seggiovia, una funicolare fino a raggiungere il castello e la parte più antica dei ruderi, dove sarebbe stato possibile realizzare spazi per trascorrere giornate all'aria aperta, far giocare i bambini, allestire ludoteche nei locali del castello e dove conservare la memoria sia di giochi all'aperto che di giochi a tavolino. Giochi che ormai non sono più praticati e di cui si perderà il ricordo.
Avere a disposizione spazi per i giovani, per gli adolescenti, per coltivare interessi come la musica, lo sport, il teatro, luoghi di incontro, di crescita sociale e culturale e non solo musei o quant'altro, mantenendo vivo il luogo semplicemente concedendolo alla gente e curandolo.

Errori su errori . . .

Un'altra occasione potrebbe essere la caserma Tofano, chissà cosa accadrà, si è già speculato costruendo un altro mostro accanto ad essa nell'area della vecchia fabbrica "Schiavo". Tra le ultime speculazioni edilizie come quella in via Matteotti con la costruzione che ha preso il posto delle villette unifamiliari demolite; il fabbricato di 5 piani in via Falcone a ridosso della strada in un piccolo spazio di risulta; i mostruosi condomini nell'area della vecchia MCM in via Napoli.

Altri luoghi da recuperare e conservare sono i percorsi lungo l'area pedemontana di Monte Albino ed il recupero dell'intera montagna, ricreare i sentieri, per arrivare in cima ad essa, percorrerla, unendola agli altri percorsi dei monti Lattari che da cava dei Tirreni arrivano fino a Castellammare di Stabia e collegano la costiera Amalfitana e Sorrentina, il "sentiero degli Dei", "la strada ferrata", ecc.. Attrattive naturali e paesaggistiche di enorme rilievo.


I cittadini devono riappropriarsi della città, del suo destino, decidere sulle trasformazioni e sulle destinazioni, confrontando varie idee. Non è possibile pensare di risolvere i problemi di vivibilità della città rifacendo i marciapiedi, le pavimentazioni stradali, con mattoni di cemento e sabbia vulcanica (gli stessi che trovi in altri paesi limitrofi dell'area vesuviana, a Napoli, ad Ischia e che sono serviti allo stesso scopo) posati su massetti di cemento e sui quali dopo un po' si distaccano; oppure abbellendo la Piazza con sculture moderne togliendo la vecchia fontana, ponendone un'altra nella piazza adiacente (piazza Amendola) la quale ha funzionato solo all'inizio ed ora versa in condizioni pietose, con acqua verde-stagnante buona per allevare zanzare, quasi a simbolo della decadenza e del degrado della città e della sua politica.


Bisogna ridisegnare la città con nuove infrastrutture e con idee che, sulle prime potrebbero sembrare spinte, ma che tenendo in conto di abbattere fabbricati, pezzi di città degradati, fabbricati relativamente nuovi, possano farla respirare e dare l'avvio ad uno sviluppo equilibrato, chiudendo al traffico veicolare parti di città e creando parcheggi liberi a ridosso del centro urbano. Svuotare la città da quelle attività non compatibili e decentrarle, dando la possibilità di trasferirle in zone lottizzate ad hoc. Basta con l'espansione urbana ed il sacrificio di altre aree, bisogna evitare nuovi insediamenti, di cui non se ne vede la necessità, ridisegnando e ricostruendo all'interno del centro urbano già esistente. Avere il coraggio delle idee, di perseguire un modello urbano dove i cittadini, oltre a soddisfare il bisogno abitativo, possano soddisfare anche i bisogni sociali, culturali, di tempo libero, come praticare sport fare teatro, musica, danza e dove i bambini ed i ragazzi, gli anziani, le famiglie possano incontrarsi ritrovandosi in spazi a loro dedicati e muoversi con una certa libertà e sicurezza. Sembra un'utopia, ma è proprio dalle utopie, dalle grandi idee, che l'uomo costruisce la bellezza. Una grande opera realizzata in questo caso da tanti piccoli interventi per ridisegnare la città e su cui vale la pena investire risorse umane ed economiche sia pubbliche che private, per una città il cui scopo non è solo quello di abitare, produrre, consumare, ma anche quello di coltivarsi, valorizzare le risorse naturali, paesaggistiche e culturali. Non dimentichiamoci che siamo tra Paestum, il Parco del Cilento, Pompei, Ercolano, il Vesuvio, la Costiera Amalfitana e Sorrentina.


Anche la nostra campagna è ormai distrutta, inquinata, costruzioni ovunque a macchia di leopardo. Se provassimo a tracciare una ipotetica circonferenza di cento metri di raggio intercetteremmo sicuramente una bruttura, una discarica, un canale inquinato, un corsi d'acqua divenuto ormai una fogna a cielo aperto. Ma è proprio su tutto questo che bisognerebbe concentrare le forze politiche, sociali ed economiche, sul recupero ed il disinquinamento di queste aree, cosa che in altri paesi civili è accaduto, disinquinando corsi di fiumi e controllando l'intero territorio con l'aiuto delle nuove tecnologie, perseguendo in tempo reale coloro che inquinano.


Si sono create aree industriali inutili, come "Fosso Imperatore", fonti di ruberie per coloro che le hanno pensate e realizzate, ma che alla comunità e ai contadini ha solo sottratto la terra, senza creare l'occupazione promessa perpetrando così l'ennesima beffa. Il territorio comunale, ormai come gran parte della regione Campania versa in uno stato di abbandono, di degrado ed ecco dunque bisogno di riconsiderare una nuova economia basata sulla valorizzazione di ciò che abbiamo o potremmo avere e ripartire da un nuovo disegno della città e del suo territorio, da un'idea che tenga conto di tutti gli aspetti accennati e che sia un punto fermo per una nuova Rinascita sociale e soprattutto economica. Non una "grande opera" ma tanti interventi, di natura economica ed urbanistica, alla luce di una "grande idea".
Redatto Aprile 2012
Arch. Gaetano Cialdini


Nocera Inferiore - 

Le votazioni per il Parlamento si terranno da lunedì 3/12/12 a giovedì 6/12/12 dalle 10.00 alle 17.00 di ogni giorno.

Da lunedì sarà presente sul portale del MoVimento 5 Stelle e sul Blog di Beppe Grillo il link che ti porterà all'area del voto.
Per accedere all'area dovrai usare l'email e la password che utilizzi per accedere al portale del MoVimento 5 Stelle.

Se non ricordi la password puoi crearne una nuova qui: http://www.beppegrillo.it/movimento/login.php

Qualora dovessi avere problemi con le votazioni compila questo form: http://www.beppegrillo.it/movimento/verifica_requisiti_elettore.php

Qui trovate il link di altri candidati della circoscrizione 2 - Campania

m5s 2.jpeg


Nocera Inferiore - 

La-città-siamo-noi-500.jpg
Nocera Inferiore lì, 10 Novembre 2012

Egregio Signor SINDACO,
in virtù della Sua decisione di parlare alla Città per comunicare ai Cittadini il suo stato, abbiamo pensato di dare la possibilità agli stessi, seppur in maniera limitata, di dire la loro con qualche domanda, idea ed anche critica, al di là dello stato economico.

La domanda posta è la seguente:
Sabato 10 Novembre, alle ore 18.00, il Sindaco di Nocera Inferiore parlerà alla Città ... Tu cosa vorresti dire al Sindaco? Facciamoci "portavoce" delle Nostre "domande", delle Nostre "idee", delle Nostre "critiche" ... scriviamole qui sotto, poi le più votate, saranno analizzate e dirette al Sindaco in modo che abbia chiaro anche qual è la "posizione dal basso" ...

Questi i risultati più evidenti:


  • Emanare un nuovo PUC con attenzione al Paesaggio e, magari, a crescita "Zero" ... favorendo il recupero dell'esistente.

  • Riorganizzazione organico comunale con sostituzione incarichi dirigenziali.

  • Perchè Nocera è diventata una discarica a cielo aperto?

  • Combattere l'evasione fiscale con mezzi interni e formazione del personale.

  • Promozione di luoghi culturali e sociali per i giovani.

  • Perchè non vengono dedicati spazi alla cultura, arte, musica e sport?

  • Istituire una "consulta di commercianti ed artigiani" per lo studio di soluzioni mirate.

  • Gestione comunale o consortile dei RIFIUTI con coinvolgimento cittadini in consiglio.

  • Quali programmi ci sono per nuova occupazione e creazione di spazi verdi?

  • Cosa propone il Sindaco per rilanciare la cultura della città?

  • Perchè non viene fatta una giusta informazione su come si fa la raccolta differenziata?

  • Ma non dicesti che avresti mai e poi mai aumentato l'IMU?

  • Dove sono questi "uomini competenti" che tanto decantava in campagna elettorale?

  • Io vorrei soltanto due cose che non sono neanche impossibili da realizzare: una città molto più pulita e l'aumento del verde cominciando a sostituire gli alberi che si sono seccati per esempio in piazza Guerritore e a Largo Caduti Civili di Guerra!

  • Io gli vorrei dire: Ma perchè non dichiarate dissesto?!?!?!

Nel precisare, come Lei ben vede dal nostro operato sul territorio, di non voler essere polemici, ma al massimo di sprono e collaborativi, speriamo in una Sua presa d'atto di quanto espostole, a nome nostro e per conto dei nostri concittadini, e magari di dare una risposta da poter girare sulle nostre pagine oltre che garantire il Suo impegno soprattutto per una trasparenza e condivisione sempre maggiore dell'operato per la Nostra Città e per Tutti Noi ...

Cordialmente

Il gruppo M5S - Nocera ed i Cittadini

P.S.: Non dimentichi di far redigere il questionario del Forum SALVIAMO IL PAESAGGIO che è stato richiesto, potrebbe essere un ottimo strumento di riferimento anche per il nuovo PUC !
Salviamo-il-Paesaggio-Censimento-600.jpg



Nocera Inferiore - 
Clicca qui e FIRMA anche TU ...

Vota la PETIZIONE su FIRMIAMO.IT!

legge-elettorale-425.jpg

Vota la PETIZIONE su FIRMIAMO.IT!

Visto che oramai rispettiamo molte regole dell'Europa perchè il nostro Governo si accinge a cambiare, senza nemmeno una condivisione totale, la legge elettorale ed in particolare lo spostamento della percentuale per il "premio di maggioranza" al 42,5% ?
Bersani stesso dice: "Soglia irraggiungibile" ... Schifani fa pressing sui partiti sostenendo che se non si accordano il Movimento 5 Stelle sale all'80% ... insomma stanno dimostrando che non solo sono nel "caos totale" ma credono di organizzare un vero e proprio "colpo di spugna" per evitare che il Popolo riprenda il potere dello Sua Patria ...
Noi diciamo NO alla riforma della legge elettorale sulla quale si sono accordati già la maggior parte dei partiti dicendo che si tratta di un «golpe», visti anche i precedenti mancati accordi ...
Denunciamo quanto sta accandendo, spudoratamente, e chiediamo all' Unione Europea di intervenire di fronte a questo pseudo colpo di Stato col cambiamento della legge elettorale in corsa ed al tetto del 42,5% per il premio di maggioranza, quasi a voler impedire a tavolino la possibile vittoria del M5S e magari replicare il Monti bis ...
Non vogliamo nessuna multa ma il divieto di approvare questa «porcata» a Montecitorio»!


Nocera Inferiore - 

Logo_UFFICIALE_250.gifOggi, in seguito al comunicato politico 53 che è stato pubblicato da Beppe Grillo, sono state rese note anche le "Regole per Candidarsi" ed il "Codice di Comportamento" che dovranno tenere, un domani, gli eletti del Movimento 5 Stelle in Parlamento e che, probabilmente, contano più dei nominativi che saranno "indicati":
Regole per candidarsi e votare per le liste del MoVimento 5 Stelle alle politiche 2013
Candidati:
I candidati al Senato ed alla Camera per il MoVimento 5 Stelle potranno essere tutti coloro che si sono presentati alle elezioni comunali o regionali certificati con il logo del MoVimento 5 Stelle o Liste Civiche 5 Stelle e avranno compiuto almeno 25 anni a febbraio 2013. Saranno escluse le persone facenti parte di liste diffidate dall'uso del simbolo del MoVimento 5 Stelle. Saranno inoltre escluse le persone che hanno incarichi da eletti al 29 ottobre 2012. Infine non potranno partecipare le persone che successivamente alla certificazione per le elezioni amministrative abbiano perso i requisiti che erano stati richiesti per la certificazione della candidatura per le elezioni amministrative.
Per ciascuna delle quattro ripartizioni della circoscrizione estero potranno candidarsi invece tutti coloro che, residenti ed elettori nella ripartizione, risultino iscritti al Movimento 5 Stelle prima del 30/9/12 e che abbiano certificato la loro identità tramite il caricamento di un proprio documento entro martedì 30 ottobre 12 ore 24 ora italiana.

Votanti:
Potranno votare tutti i maggiorenni al momento delle votazioni on line coloro che risultano iscritti entro il 30/9/12 al MoVimento 5 Stelle e che abbiano certificato la loro identità tramite il caricamento di un proprio documento entro venerdì 02/11/12 ore 24 ora italiana.
Sarà possibile votare fino a tre candidati della propria circoscrizione di residenza, i cui nominativi, per ciascuna circoscrizione, verranno pubblicati sul sito.

Formazione delle liste:
Le liste verranno redatte per circoscrizione in base al numero di voti ottenuti dai singoli candidati.
Tra i più votati coloro che avranno 40 anni o più entro febbraio 2013 e saranno inseriti nelle liste per il Senato fino a colmare il numero minimo per lista più sei.
I candidati restanti saranno inseriti nelle liste per la Camera.
Nel caso in cui più di un candidato in una stessa lista abbia lo stesso numero di voti, verrà inserito per primo chi ha ricevuto l'ultimo voto per primo/a.
Se un candidato non ottiene voti non sarà inserito nelle liste in ogni caso.
Nel caso in cui non ci siano sufficienti candidati per compilare una lista circoscrizionale verranno acquisiti i candidati in funzione della classifica degli esclusi delle singole circoscrizioni (prima tutti i primi, poi tutti i secondi, ...). A parità di posizione in classifica verranno inseriti coloro che appartengono a circoscrizioni più prossime alla circoscrizione della lista. Si seguirà l'ordine del numero di circoscrizione per completare le liste. A parità di posizione in classifica e di vicinanza alla regione verrà inserito chi ha più voti, e, a parità di questi, chi ha ricevuto l'ultimo voto per primo.
I votanti avranno la possibilità di verificare la correttezza dell'attribuzione del proprio voto attraverso il codice che la procedura attribuirà a ciascuna votazione.
Nel caso in cui dovesse essere cambiata la legge elettorale e/o modificate le circoscrizioni attualmente previste, le liste verranno adattate alla nuova legge sulla base dei voti ottenuti dalle votazioni on line seguendo gli stessi principi elencati sopra.
Codice di comportamento eletti MoVimento 5 Stelle in Parlamento
Il codice di comportamento per i parlamentari del M5S si ispira alla trasparenza nei confronti dei cittadini attraverso una comunicazione puntuale sulle scelte politiche attuate con le votazioni in aula. I parlamentari dovranno mantenere una relazione con gli iscritti tramite il recepimento delle loro proposte durante l'arco della legislatura. L'obiettivo principale dei parlamentari eletti è l'attuazione del Programma del M5S, in particolare per i principi della democrazia diretta come il referendum propositivo senza quorum, l'obbligatorietà della discussione parlamentare con voto palese delle proposte di legge popolare e l'elezione diretta del parlamentare.

Gruppo parlamentare:

I parlamentari dovranno formare un gruppo parlamentare sia al Senato che alla Camera con il nome "MoVimento 5 Stelle"
Gli incarichi nelle commissioni parlamentari o in altri incarichi istituzionali delle due Camere verranno decisi a maggioranza da parte dei parlamentari riuniti di Camera e Senato
I gruppi parlamentari del MoVimento 5 Stelle non dovranno associarsi con altri partiti o coalizioni o gruppi se non per votazioni su punti condivisi.

Programma e Statuto:

I parlamentari del MoVimento 5 Stelle dovranno operare per la massima attuazione del Programma del M5S attraverso proposte di legge e in ogni altra modalità possibile in virtù del loro ruolo
I parlamentari sono tenuti al rispetto dello Statuto, riferito come "Non Statuto"

Comunicazione:

Lo strumento ufficiale per la divulgazione delle informazioni e la partecipazione dei cittadini è il sito www.movimento5stelle.it
I parlamentari dovranno rifiutare l'appellativo di "onorevole" e optare per il termine "cittadina" o "cittadino"
Rotazione trimestrale capogruppo e portavoce Camera e Senato con persone sempre differenti, la scelta dei capogruppo sarà operata dai gruppi di Camera e Senato
Evitare la partecipazione ai talk show televisivi

Trasparenza:

Votazioni parlamentari motivate e spiegate giornalmente con un video pubblicato sul canale YouTube del MoVimento 5 Stelle
Votazioni in aula decise a maggioranza dei parlamentari del M5S
Il parlamentare eletto dovrà dimettersi obbligatoriamente se condannato, anche solo in primo grado, nel caso di rinvio a giudizio sarà invece sua facoltà decidere se lasciare l'incarico
Rendicontazione spese mensili per l'attività parlamentare (viaggi, vitto, alloggi, ecc) sul sito del M5S

Relazione con i cittadini:

Le richieste di proposte di legge originate dal portale del MoVimento 5 Stelle attraverso gli iscritti dovranno obbligatoriamente essere portate in aula se votate da almeno il 20% dei partecipanti. I gruppi parlamentari potranno comunque valutare ogni singola proposta anche se sotto la soglia del 20%

Espulsione dal gruppo parlamentare del M5S:

I parlamentari del M5S riuniti, senza distinzione tra Camera e Senato, potranno per palesi violazioni del Codice di Comportamento, proporre l'espulsione di un parlamentare del M5S a maggioranza. L'espulsione dovrà essere ratificata da una votazione on line sul portale del M5S tra tutti gli iscritti, anch'essa a maggioranza.

Trattamento economico:

L'indennità parlamentare percepita dovrà essere di 5 mila euro lordi mensili, il residuo dovrà essere restituito allo Stato insieme all'assegno di solidarietà (detto anche di fine mandato). I parlamentari avranno comunque diritto a ogni altra voce di rimborso tra cui diaria a titolo di rimborso delle spese a Roma, rimborso delle spese per l'esercizio del mandato, benefit per le spese di trasporto e di viaggio, somma forfettaria annua per spese telefoniche e trattamento pensionistico con sistema di calcolo contributivo.

Personale di supporto ai parlamentari:

Le persone eventuali di supporto ai parlamentari se previste per legge, per la loro attività non potranno superare un rimborso economico di 5 mila euro lordi mensili.


Questo codice comportamentale dovrà essere inserito nello stesso statuto di cui il gruppo parlamentare dovrà dotarsi.


Nocera Inferiore - "Signori stiamo per affrontare qualche cosa di straordinario, delle elezioni in Parlamento, un Movimento, elezioni via Web, non è mai stato fatto nulla di così straordinario. Facciamo quello che possiamo, le regole sono molte, poi stanno molto attenti se sbagliamo, bisogna non sbagliare nulla. Quindi queste elezioni ci saranno e potranno votare tutti i nostri iscritti, che ovviamente sono quelli che hanno dato la documentazione, mandato la carta di identità, le solite cose che abbiamo chiesto, anche per garantire un po' chi entra, sennò ti entra Toto u curtu e poi ce lo hai tutta la vita dentro, Toto u curtu. Chi può essere eletto? Chiunque abbia già fatto una lista, perché più o meno le liste le abbiamo in tutta Italia, quindi per premiare quelli che sono stati con noi per 5 anni, che hanno combattuto sul territorio, che poi non sono stati eletti e si sono candidati. Quindi chiunque sia stato iscritto a una lista comunale o regionale può candidarsi. Ringrazio anche i 60 delegati che si sono offerti di fare questo compito di portare poi le liste in Tribunale, abbiamo bisogno di personale lì sul luogo, nelle circoscrizioni. Non si può candidare uno scelto in una circoscrizione che vive in un posto e si fa eleggere da un'altra parte, come succede nella politica normale, noi siamo qualche cosa di diverso. Quelli che vivono all'estero, gli italiani, è un'altra popolazione che c'è, che ci sta seguendo per la Sicilia, ci ha seguito, potranno iscriversi, mi raccomando di mandare un documento, l'iscrizione non costa niente, basta mandare i dati, ci stiamo organizzando. Tutte queste cose dovremmo metterle a punto anche insieme, io devo essere il capo politico di un movimento, però io voglio solo dirvi che il mio ruolo è quello di garante, di essere a garanzia di controllare, vedere chi entra, dobbiamo avere soglie di attenzione molto alte. Chi entrerà in Parlamento si toglierà questo nomignolo ormai deleterio di onorevole: macchè onorevole! Niente onorevole, sarà Cittadino del MoVimento 5 Stelle, il leader sarà il MoVimento, il leader vero. Terremo sempre un piede fuori dal Parlamento, quindi con i nostri rimborsi, con i nostri stipendi, che non dovranno superare un certo limite, con tutte le cose fatturate, messe online. Quelli di fuori controlleranno quelli dentro e quelli dentro saranno a disposizione di quelli fuori, cioè i Cittadini fuori potranno esporre una loro legge e proposta che verrà messa dentro attraverso i parlamentari e discussa in Parlamento. Fare entrare nella Costituzione per esempio il fatto del referendum propositivo senza quorum, dell'obbligatorietà del Parlamento di discutere le leggi popolari di inserire dentro la Costituzione la legge elettorale del voto di preferenza, non si possono cambiare le leggi elettorali durante le elezioni. Sarà un cambiamento epocale, duro, sbaglieremo, sbaglierò, mi accuserete di qualsiasi cosa, non lo so. Io credo che dovremmo affrontare insieme una grande cosa che stiamo facendo, ce ne renderemo conto tra qualche anno, quindi dateci una mano piuttosto che martellarci, a me e a Casaleggio, di darci delle martellate in testa, dateci consigli, una mano, abbiamo bisogno tutti uno dell'altro.Grazie." Beppe Grillo Qui il link del video: http://youtu.be/cB2fBOKJupM

Nocera Inferiore - 

Mi fa rabbia in questi giorni sentir parlare di dissesto e non veder far nulla per affrontare, almeno in parte, la situazione economica con proposte pratiche, soprattutto in merito al recupero di somme tra gli "evasori" del nostro Comune ... ma, mi fa ancora più rabbia sentir parlare di "opportunità" di far "cassa" aumentando ancora di più le "aree industriali" !!!
View image
Sono di questi giorni, gli interventi del consigliere Franza, tramite Telenuova, che evidenzia la possibilità, e la necessità di espandere l'area industriale di ulteriori 250.000 mq ... ci pensate ? ... ulteriori duecentocinquantamila metri quadri ... di terreno, con proprietà organiche che ci invidiavano tutti, consumati per cosa, per nuove cattedrali nel deserto ?
Probabilmente chi parla non sa che, in quella zona, seppur in piedi da quasi 10 anni, mancano ancora infrastrutture tecnologiche (trasmissione dati, videosorveglianza di sicurezza, etc) che non permettono di lavorare al meglio chi di serio c'è come imprenditore; probabilmente gli sfugge che le migliori aziende di quell'are sono in crisi produttiva ed hanno già dismesso parti della produzione con enormi volumetrie vuote (vedi caso Condor Group); probabilmente non sa che, per risparmiare ed avere un servizio più efficiente, il "consorzio degli Industriali", COIFIM, ha chiesto di potersi gestire da soli i rifiuti; probabilmente non sa che quell'area è già fonte di inquinamenti industriali che hanno pervaso il "sottosuolo", e forse anche le falde acquifere; probabilmente non sa che ci sono aree, oggetto in passato di speculazioni finanziarie per investimenti agevolati, che, svuotate, sono passate in mano di "avvoltoi", quando potevano essere di pubblica gestione e favorire la "micro impresa e l'artigianalità", senza toccare ulteriormente altri "suoli" ...
Io, in qualità di candidato per il M5S, parlai a suo tempo con alcuni rappresentanti di quell'area, e, sinceramente, al di la di qualche piccola reale necessità di spostamento, già mentalmente programmato, da parte di alcuni imprenditori dell'area, non ho avuto a sentire della necessità di ulteriori "spazi produttivi" ma della necessità di un "infrastruttura" funzionale, di una "sinergia" con forze di governo e poli di ricerca, di una "formazione" del personale che permettesse di progredire e competere, dignitosamente con le aziende del cosiddetto "nord" ... alle quali non avremmo nulla da invidiare se solo riuscissimo a "collaborare" ...
Potrei andare oltre, ma mi fermo, restando riflessivo sulle cifre "sparate" ... 10.000.000€ di "oneri di urbanizzazione", 1.000.000€ di introiti per lo smaltimento dei rifiuti, 500 (cinquecento) potenziali posti di lavoro ... si preoccupassero, invece, di far redigere il questionario del Forum "SALVIAMO il PAESAGGIO" che è stato inviato al Comune già da mesi e che ancora non è stato preso in considerazione, dalla risultanza dei dati si capirà quanto già è stato "cementificato" il Nostro Territorio e che non c'è assolutamente bisogno ancora di "fare" ma di "rivalutare" ...
Pasquale Milite - ex-candidato portavoce del M5S - Nocera Inferiore (Sa)


Nocera Inferiore - 

Il post è una riflessione personale di Pasquale Milite in merito all'articolo apparso sul Quotidiano "La Città" di ieri 1° Ottobre 2012 ...

E ci mancherebbe ... il Sindaco non deve però dimenticare che chi l'ha votato l'ha fatto perchè vuole che Nocera sia "governata" non "affossata" ... se poi ci sono situazioni "gravi" tali da far pensare ad "intimidazioni" o "condizionamenti" ... bene, allora si denuncino pubblicamente, anzi, meglio ancora in Pubblico Consiglio ... Ancora una volta si evince che la "condivisione" del "percorso" e delle "scelte" è importante che vengano fatte in maniera "democratica" ... cosa, che a quanto pare a chi vive la città quotidianamente tra la gente, non traspare, così come non è "trasparente" nulla o quasi di quello che avviene nella Nostra Casa ... alla faccia di quello che si era professato negli anni di campagna elettorale che hanno preceduto l'elezione del nuovo Sindaco.

Probabilmente chi sta facendo delle scelte, a quanto pare "non condivise" nemmeno dalla Sua maggiornaza, non sa che quasi nessun "comune cittadino" è conscio di cosa significa la dichiarazione di dissesto!

Nocera non ha bisogno di "tentennamenti", Nocera ha bisogno di "fatti" ... ma prima ancora di fatti che possono influenzare l'economia delle famiglie, dei commercianti, degli artigiani e degli industriali che vivono questa città, devono essere edotti sulle cause che spingono a ciò e sulle conseguenze che deriveranno da tale scelta: il "dissesto" ...

Per quanto riguarda il "fare", in merito alle azioni per il recupero di "entrate", mi sembra poca cosa citare il bando per le assegnazioni di "aree pubbliche" quando poi ci sarebbe da metter mano al recupero delle "somme evase" in termini di tributi, multe non pagate, oneri concessori dilazionati e mai completati e tanto altro ancora che permetterebbero, certo non a brevissimo tempo, ma sicuro entrate di gran lunga maggiori ...



torquato.jpg


Nocera Inferiore - 

Si sono conclusi i lavori dell'assemblea regionale del Movimento 5 Stelle Campano che si sono tenuti a Varcaturo, nel Comune di Giugliano, nella splendida cornice del Budda Village della Palestra Gimnika. L'assemblea iniziata presto in mattinata ha visto accreditarsi 254 Movimentisti provenienti da tutta la Campania, più un numero imprecisato di partecipanti interessati alle nostre tematiche. Durante i lavori, il tempo poco clemente, ha fatto si che più di una volta si è interrotta l'assemblea ma la tenacia e la volontà di andare avanti, a confrontarsi e a discutere, ha prevalso anche sulla pioggia. Durante la giornata, i gruppi di lavoro hanno lavorato alle proposte già discusse negli ultimi 15 giorni su internet, proposte nate da oltre 60 quesiti che gli stessi movimentisti avevano posto nel gruppo Campania. Alla fine, condensate dai portavoce in 6 proposte operative, si è votato superando per ogni quesito ampiamente la maggioranza assoluta. I temi, che affrontano le tematiche dell'ambiente, dell'economia, della salute, dei trasporti e turismo, democrazia interna , comunicazione, saranno oggetto di iniziative future che vedranno l'impegno dei movimentisti per le prossime scadenze di lotta. Piena e cordiale soddisfazione di tutti hanno accompagnato il lavoro dei Movimentisti di Giugliano che hanno saputo essere buoni padroni di casa.

View image

Nota personale di Pasquale Milite:

Visto lo svolgersi, diciamo alquanto frettoloso, per la scelta dei quesiti da trattare e la modalità di votazione che da alcuni è stata anticipata senza neppure sentire l'esposizione dell'argomento, visto che non tutti hanno partecipato poi agli ulteriori approfondimenti avvenuti nei gruppi di lavoro che si sono svolti contemporaneamente e dove sono avvenuti ulteriori chiarimenti soprattutto in merito al primo quesito riguardante "l'utilizzo come UNICA piattaforma di "Liquid Feedback", il sottoscritto, Roberto Fico e Tiziano De Simone, ma anche qualche altro di cui non ricordo il nome, facevano notare che probabilmente l'utilizzo di Liquid Feedback, per il momento, si doveva ritenere di TEST e magari valutare anche altri software similari che ci sono in giro.

I candidati a Nocera Inferiore

  • user-pic
    Pasquale Milite
  • user-pic
    Andrea Iuliano
  • user-pic
    Angelo Tofalo
  • user-pic
    Giovanni Napoletano
  • user-pic
    Guido Villani
  • user-pic
    Pasquale Carratu

   © 2010 Beppegrillo.it - I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons  Creative Commons