M5S contro le mafie

| 2 commenti


Thumbnail image for movimento-5-stelle-Copia.pngL'impegno antimafia del Movimento Cinque Stelle, soprattutto a Palermo, è incontestabile. Siamo gli unici ad aver chiesto alla Regione Siciliana di costituirsi parte civile in caso di rinvio a giudizio di Raffaele Lombardo, indagato per concorso esterno in associazione mafiosa. Solo in seguito alla nostra iniziativa "Chiediamo i danni a cosa nostra" la Sicilia si è dotata di una legge che obbliga la Regione a costituirsi parte civile nei processi di mafia che coinvolgono i pubblici amministratori.

Siamo gli unici che pubblicano sul proprio sito web i casellari giudiziali dei candidati, tutte persone al di sopra di ogni sospetto, al contrario di altri che ostentano indagati e addirittura arrestati.

Ancora una volta abbiamo avuto la conferma che ci sono mezzi di "informazione" che tentano solo di denigrare il Movimento. Beppe Grillo nei suoi interventi utilizza spesso dei paradossi ed estrapolare una frase dal contesto è pretestuoso oltre che ridicolo: la dichiarazione che alcuni hanno contestato, fa infatti parte di un ragionamento molto più ampio e complesso. D'altra parte le nostre azioni parlano chiaro, essendo certi che le mafie siano il cancro che strangola l'economia legale e priva i cittadini di diritti e libertà.

Stiamo lottando per uno Stato che, piuttosto che limitarsi a contenere il fenomeno mafioso, vi si opponga con tutte le sue forze. Purtroppo vi sono parti dello Stato, i partiti in primis, che millantano un impegno antimafia ma ancora oggi non fanno nulla per contrastare i rapporti tra mafia e politica, candidando persone indagate e condannate anche per reati gravi. Ancora oggi, ad esempio, non hanno preso alcuna posizione sulla gravissima trattativa mafia-Stato, la cui verità sta oggi emergendo solo grazie all'impegno della procure di Palermo, Caltanissetta e Firenze.

Rivendichiamo, quindi, il nostro impegno indiscusso a difesa della legalità, delle vittime del fenomeno mafioso e di chi vi si oppone, dai cittadini ai magistrati.

Così il candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle a margine dell'evento in Piazza Croci a cui ha partecipato Beppe Grillo e migliaia di cittadini palermitani.


Dalila Nesci
Azzurra Cancelleri

2 comentarios

da poco sto iniziando a conoscere il movimento 5 stelle, e sinceramente rispetto a quello che si dice nelle tv, non mi dispiace.
La frase detta da Grillo a Palermo sulla mafia, anche se è ovvio che deve essere presa come una provocazione, può far male a chi a sofferto per la mafia, a chi subisce quotidianamente questa violenza.
Per questo penso che rispetto alle vittime della mafia deve chiarire la sua frase anche se fraintesa.
Condivido pienamente i pensieri di Plumeo.

Anche se la frase decontestualizzata suona ovviamente ancora peggiore di quanto non sia stata in realtà resta innegabile il fatto che Beppe ha detto (e conseguentemente fatto) una cazzata. Non può venire a Palermo a dire che la mafia non strangola quelli a cui chiede il pizzo, non può dirlo da nessuna parte ma qui a Palermo meno che mai... Il mio voto resterà al M5S anche perché ritengo di essere una persona dotata di testa pensante che quindi può dire che Beppe spara cazzate di tanto in tanto e questa è stata più grossa di altre (niente rispetto a quello che dicono e fanno altri leader ma pur sempre un errore)

Escribir un comentario

Cerca

Loading

Post Recenti

#Palermo - Stasera tutti insieme: in bici sotto le stelle!
Come ultimo appuntamento per la campagna elettorale del MoVimento 5 Stelle Palermo, abbiamo scelto di fare un giro in…
#Palermo VIII Circoscrizione: i nostri candidati
Oggi vi presentiamo i candidati alla lista di VIII Circoscrizione per il MoVimento 5 Stelle Palermo: Roberto Cecala (Presidente)…
#Palermo VII Circoscrizione: i nostri candidati
Oggi vi presentiamo i candidati alla lista di VII Circoscrizione per il Movimento 5 Stelle Palermo: Maria Razzanelli (Presidente)…