Movimento 5 Stelle Piemonte Il cugino del boss garante della legalità - Movimento 5 Stelle Piemonte
PalazzoLascaris.jpg Siamo nel 2016 e provare a introdurre criteri meritocratici nella pubblica amministrazione incontra ancora forti resistenze. Son bastati un paio di emendamenti al bilancio et voilà, piovono insulti ed accuse violente. Squadristi, ignoranti, pseudo tuttologi e via di questo passo.

lineeatal.png

Continua il nostro video-viaggio alla scoperta delle ferrovie piemontesi sospese, questa volta trattiamo le linee della valle Belbo (Asti-Alba e Alba-Alessandria). Passeremo tra le colline dell'Unesco per dimostrare come anche queste linee abbiano i numeri per ripartire. Un rilancio chiesto dal Movimento 5 Stelle, fortemente voluto dai cittadini e dal territorio, sindaci per primi. Gli interventi necessari per ripristino sono molto circoscritti e sostenibili rispetto al beneficio di riavere il treno.

bollo_auto_eco.png

La Giunta Regionale del Piemonte il 22 ottobre 2015 ha presentato il Progetto di Legge regionale n. 166 "Misure di armonizzazione e razionalizzazione di norme in materia di tributi regionali" che di armonizzazione e razionalizzazione conteneva ben poco. Infatti introduce, senza alcuna logica e con il solo scopo di recuperare soldi dalle tasche dei cittadini, la tassa automobilistica sulle auto alimentate sin dall'immatricolazione a metano, gas da petrolio liquefatto (GPL) ed elettriche, fino a questo momento esenti dal pagamento di tale tributo vista la natura ecologica di tali motori, che contribuisce alla riduzione dell'inquinamento atmosferico. 

post_cannabis.png

di Davide Bono

Finalmente, dopo mesi di attesa, è stato approvato in Commissione Sanità la delibera "Indirizzi procedurali ed organizzativi per l'attuazione della legge regionale n.11 del giugno 2015 - canapa terapeutica".

post-piano-rifiuti.png

Voto contrario del Movimento 5 Stelle al Piano rifiuti licenziato oggi in Commissione ambiente. Impossibile per noi approvare un Piano contenente obiettivi ridicoli su riduzione rifiuti e raccolta differenziata ed il mantenimento del ricorso agli inceneritori. Mancano inoltre impegni contro il co-incenerimento e la qualità della raccolta dell'organico.

tentacoli_post.png

di Francesca Frediani

Con la definizione Sistema Torino, coniata dalla nostra consigliera e attuale candidata sindaco di Torino Chiara Appendino e dallo scrittore Maurizio Pagliassotti, si indica una serie di personaggi e lobbies che hanno dominato e gestito in maniera consociativa i centri nevralgici di Torino. Ed al momento continuano a farlo.

Il cugino del boss garante della legalità

| commenti

gariglio_coppola_post.png

Il cugino del boss 'ndranghetista candidato nelle liste PD e messo a capo della commissione legalità. Succede a Moncalieri (TO), comune di 57 mila abitanti dell'hinterland torinese. Mario Nesci, originario di Ciminà (Reggio Calabria), ha raccolto ben 267 preferenze alle ultime elezioni comunali del 2015. Non sono bastate per entrare direttamente in Consiglio comunale, il sindaco Montagna ed il PD avevano quindi la possibilità di escluderlo. Invece hanno scelto come assessori proprio alcuni consiglieri eletti in Consiglio comunale. Questi, come impone la legge, hanno dovuto dimettersi così per Mario Nesci si sono spalancate le porte del Comune. L'imbarazzo è durato poco, infatti nel giro di qualche mese è stato nominato presidente della Commissione comunale che ha tra le sue competenze anche la Legalità.

Nicola Nesci, boss tra 'ndrangheta e massoneria

Suo cugino è Nicola Nescicondannato a 15 anni di reclusione al termine del processo nato dall'operazione "Saggezza" che ha portato in carcere i boss della locride. Dalle carte del processo emerge la sua caratura criminale, non solo "mastro di Corona" della malavita calabrese ma anche "Maestro segreto di 31° grado" e "Presidente della camera di 4° grado" della massoneria universale Grande Oriente d'Italia, ordine dell'Alto Jonio reggino. "Il contatto con gli ambienti massonici - scrivono i magistrati nell'ordinanza dell'operazione Saggezza - costituiva un vero e proprio trampolino di lancio per gli affiliati al sodalizio mafioso, poiché li avvicinava a quelle componenti della società italiana che costituivano i veri centri decisionali in campo economico, politico e sociale". Secondo i magistrati Nicola Nesci avrebbe dato vita ad "una articolazione dell'associazione denominata Corona, struttura di cui facevano capo i locali di 'ndrangheta di Antonimina, Ciminà, Ardore, Cirella di Platì e Canolo, finalizzata al controllo mafioso dei territori di tali Comuni". A ciò s'aggiunge la comune "passione" per la politica, Nicola è stato eletto nel Consiglio comunale di Ciminà (RC) così come Mario che ha ricoperto la carica di assessore  e presidente del consiglio comunale nel comune calabrese prima dell'esperienza a Moncalieri (TO).

Le intercettazioni

Mario Nesci ed il cugino Nicola, boss della 'ndrangheta, vengono intercettati dalle forze dell'ordine a parlare di politica locale nel comune di Ciminà (RC) in occasione delle elezioni 2007. Nel 2012 Mario Nesci si candida, questa volta alla carica di primo cittadino, viene sconfitto dal sindaco uscente Polifroni ma viene comunque eletto in Comune. Tutto è pronto per il grande salto nella politica del nord, a Moncalieri (TO), dove è attiva la sua società M.N. Costruzioni nell'ambito di restauri delle chiese.

Denunce M5S inascoltate

Prima delle elezioni abbiamo segnalato il caso ad una giornalista di Repubblica e ad altri organi d'informazione che tuttavia hanno ritenuto di non avere elementi a sufficienza per scrivere un articolo. Solo qualche giorno dopo hanno raccontato di parentele scomode e intercettazioni imbarazzanti. A urne chiuse però. I cittadini dovevano essere informati prima del voto, invece sono stati tenuti all'oscuro di tutto. L'esito delle elezioni sarebbe cambiato? Difficile prevederlo, ma di sicuro gli elettori avrebbero espresso la propria opinione con maggiore consapevolezza. "Senza fare processi a nessuno - hanno sostenuto i consiglieri a 5 stelle Luca Salvatore e Cosimo Ettorre -, sappiamo che Mario Nesci non è stato indagato, ma, per una questione di dignità istituzionale, opportunità politica e rispetto verso la cittadinanza, ne abbiamo chiesto le dimissioni".

Gariglio, segretario PD, tace

Ad oggi tutti zitti nel PD, compresa la componente "legalitaria" e più sensibile ai temi del contrasto alla malavita organizzata. Dopo qualche sparata sui giornali, buona a pettinare la coscienza di qualche elettore, a distanza di un anno dall'ingresso di Nesci in Comune tra i democratici regna il silenzio più assoluto. Tace il segretario provinciale Fabrizio Morri e tace anche il segretario regionale del partito Davide Gariglio, peraltro nato e residente proprio a Moncalieri (TO), che pure trova il tempo di attaccare il Movimento 5 Stelle ma non per aprire un dibattito con gli esponenti del proprio partito sull'opportunità di tenere Nesci in maggioranza. Evidentemente a Gariglio e soci va bene così. La polvere è finita sotto il tappeto, si fa finta di niente a Moncalieri (TO). I giornali non parlano più del caso, quindi non c'è nulla di cui preoccuparsi. Tant'è che l'amministrazione comunale sta organizzando un ciclo di incontri sulla legalità insieme all'associazione Libera. Tavole rotonde, relatori di primo livello e addirittura la presenza di Davide Mattiello, deputato PD e membro della Commissione antimafia. Ma di isolare Nesci, escluderlo dalla maggioranza, o quantomeno rimuoverlo dalla presidenza della Commissione legalità, non se ne parla nemmeno. Tutto questo a Moncalieri (TO), 57 mila abitanti alle porte di Torino. Profondo nord.

 


Cerca

Comunicati Stampa Piemonte

Forum Movimento 5 Stelle Piemonte

Seguici!



Cerca il gruppo locale più vicino a te

Seguici in tempo reale!

Rss Segui gli aggiornamenti del Movimento Cinque Stelle Piemonte minuto per minuto! Sottoscrivi i nostri feed RSS per ricevere sul tuo computer in tempo reale le segnalazioni dei nuovi articoli, servizi, speciali del sito. Basta un click!