Movimento 5 Stelle Piemonte:

Video La Cassa della Casta

In Consiglio Regionale il M5S ha bloccato l'ennesima furbata targata PD-Forza Italia, la cassa della casta.

Pinerolo-TorrePellice.png

Lo smog regna sovrano in Piemonte. Il Pm10 che aleggia in diverse zone del nostro territorio è oltre i limiti di legge. Numerose sono le iniziative che la politica potrebbe intraprendere. Tra queste migliorare il sistema di trasporto pubblico locale al fine di ridurre il traffico veicolare privato.

bollo_auto_eco.png

La Giunta Regionale del Piemonte il 22 ottobre 2015 ha presentato il Progetto di Legge regionale n. 166 "Misure di armonizzazione e razionalizzazione di norme in materia di tributi regionali" che di armonizzazione e razionalizzazione conteneva ben poco. Infatti introduce, senza alcuna logica e con il solo scopo di recuperare soldi dalle tasche dei cittadini, la tassa automobilistica sulle auto alimentate sin dall'immatricolazione a metano, gas da petrolio liquefatto (GPL) ed elettriche, fino a questo momento esenti dal pagamento di tale tributo vista la natura ecologica di tali motori, che contribuisce alla riduzione dell'inquinamento atmosferico. 

post_cannabis.png

di Davide Bono

Finalmente, dopo mesi di attesa, è stato approvato in Commissione Sanità la delibera "Indirizzi procedurali ed organizzativi per l'attuazione della legge regionale n.11 del giugno 2015 - canapa terapeutica".

Emendamento-IPLA.png

Durante l'ultima seduta della I Commissione è stato approvato un emendamento M5S, a prima firma Giorgio Bertola, che subordina l'estinzione dell'IPLA all'istituzione dell'Agenzia Foreste e Territorio, destinata ad unire le attività dell'Istituto con quelle degli operai forestali.

arte_povera (1).jpg

di Francesca Frediani e Chiara Appendino

Bisognerà aspettare ancora un paio di settimane per veder riconosciuto ufficialmente l'annunciato fallimento del progetto della Superfondazione. Solo allora, a bando chiuso, sarà finalmente inevitabile constatare che quanto denunciato già nel 2013 in Sala Rossa da Chiara Appendino era verità: impossibile portare avanti una simile operazione senza predisporre un business plan, nè uno studio di fattibilità e tantomeno un progetto culturale.

Progetti a 5 Stelle (2010-2014)

Alle elezioni del 2010 i piemontesi hanno eletto due consiglieri regionali del MoVimento 5 Stelle. Lo stipendio erogato dalla Regione è di oltre 8 mila euro netti al mese per ciascuno, ma come MoVimento 5 Stelle abbiamo deciso di autoassegnarci un netto di 2500 € mensile più rimborsi spese giustificati, lasciando la restante parte su un conto comune, aperto su Banca Etica, per la realizzazione o la contribuzione a "Progetti a 5 Stelle", cioè attività, azioni, rappresentazioni in linea con i contenuti delle 5 Stelle e del programma nazionale e regionale, proposte dai consiglieri e/o dai cittadini non per il MoVimento ma per i cittadini ed il bene comune.

A chiusura della legislatura, gli stipendi ricevuti dalla Regione ammontano per Bono a 408.411,00 € (in 50 mesi), per Biolé a 265.222,00 (in 30 mesi, essendo passato al Gruppo Misto a novembre 2012), per un totale complessivo di € 673.633,00. Lo stipendio al lordo dei rimborsi spese di Bono per 50 mesi è di 129.520,09 (2500 €x50, +4520,09 € di rimborsi spese), di Biolé per 31 mesi è di 77355,64 (2054*€x31**+13681,64 €). L'ammontare complessivo del Fondo Progetti è dunque pari a 466.757,27 €, più 1.957,96 € di donazioni generiche a cui si devono sottrarre i 103.004,35 € prelevati dal Consigliere Biolé in data 04.02.2013 a seguito del suo passaggio al Gruppo Misto.

*2054 € per via di una trattenuta del 5%, pari al contributo per la reversibilità del vitalizio che non doveva essere stipulato, in quanto i consiglieri M5S rinunciano al vitalizio (come ha fatto Bono)
**Biolé si è trattenuto una mensilità in più di 2054€ rispetto alla sua permanenza nel Gruppo Consiliare M5S

Il Fondo Progetti a 5 Stelle è nato, prima della pratica di restituire i soldi all'amministrazione pubblica, per investire soldi sul territorio per tutte quelle proposte che la politica non intende promuovere perché interessata al mantenimento dello status quo politico-economico e che non riusciremmo a sbloccare con delle proposte di legge o atti di indirizzo.

Per uscire dalla crisi economica, ambientale, sociale e portare un benessere diffuso non a scapito dell'ecosistema in cui viviamo né dei diritti di 5/6 degli esseri umani, bisogna invertire nettamente la logica della centralizzazione e della verticalizzazione del potere. Il MoVimento già lo fa nella politica, per cui uno vale uno se partecipa, senza gerarchie, è già così per l'informazione libera su internet, ed è necessario estendere questo concetto nei campi dell'energia, della moneta e dell'alimentazione; campi dove poche multinazionali decidono del destino del mondo, ben al di sopra dei poteri dei singoli Stati, compiendo scelte che spesso confliggono con il bene della collettività. Queste scelte sono spesso avallate dai politici a libro paga delle stesse lobbies. Serve quindi che i cittadini si riapproprino di fette di potere condiviso (cioè sovranità popolare) via via crescenti. Lo dice anche la Costituzione all'art. 1: la sovranità è del popolo.

Proprio per questo il MoVimento ha investito i suoi fondi nel:

1- Sostegno di comitati e associazioni in difesa del territorio e dei diritti fondamentali dell'uomo e degli animali

2- Fornitura di servizi afferibili all'area del sostegno alla persona e creazione rete sociale demercificata basata sull'impegno, sul talento e/o sull'impronta ecologica (welfare a 5 stelle)

3- Microcredito per sostegno ad attività imprenditoriali eque, solidali e a filiera corta

nb a partire dal settembre 2012, in seguito alle indagini della Guardia di Finanza, della Procura e della Corte dei Conti, alcune spese (ad es. spese legali) che erano autorizzabili da Regolamento Consiliare tramite il Fondo di Funzionamento del Gruppo consiliare sono state considerate dubbie o contestate. Per questo motivo alcune somme sono state sia restituite, per la parte pregressa, sia spese ex novo dal Fondo Progetti per evitare qualunque possibile nuova contestazione. Quindi trovate all'interno del prospetto finale sia spese legali (spese sia di ricorsi al TAR che di esposti, denunce e difese da denunce) che spese di ufficio (dotazioni non offerte dal Consiglio), personale (i "famosi" buoni pasto e i rimborsi spese dei collaboratori) e comunicazione.

questo il prospetto aggiornato della gestione del Fondo Progetti ad oggi.

tabella fondi progetti.PNG



Nella scorsa legislatura un Progetto poteva essere presentato:


- dal Gruppo Consiliare Regionale sul forum a questo link , a cui veniva assegnato da ogni utente iscritto un indice di gradimento sintetico tramite un poll con scadenza. I consiglieri regionali erano tenuti a tener conto dell'esito del gradimento degli iscritti alla piattaforma e qualora non lo avessero fatto, dovevano darne adeguata motivazione.

- da un cittadino piemontese tramite una proposta di Progetto dietro compilazione di apposita scheda di valutazione che era qui allegata. La proposta veniva presentata sul forum a questo link e poteva essere modificata/integrata dal Gruppo consiliare in collaborazione col proponente e al termine veniva assegnato da ogni utente iscritto un indice di gradimento sintetico tramite un poll con scadenza. I consiglieri regionali erano tenuti a tener conto dell'esito del gradimento degli iscritti alla piattaforma e qualora non lo avessero fatto, dovevano darne adeguata motivazione.

- proposte di Progetto presentate sinteticamente e votate all'interno del Restitution day (R-day) effettuato nel 2012.

OGGI NON VI E' PIU' LA POSSIBILITA' DI PRESENTARE NUOVI PROGETTI. ABBIAMO CHIUSO IL BILANCIO COMPLESSIVO DEL FONDO. ORA RESTA SOLO DA DECIDERE INSIEME DOVE DESTINARE IL RESTANTE ( 132.553,27 €) E CHIUDERE IL CONTO ENTRO FINE 2014


Progetti finanziati definitivo per un totale di 183.646,26 €

progetti 1.PNG
progetti 2.PNG



Cerca

Comunicati Stampa Piemonte

Forum Movimento 5 Stelle Piemonte

Seguici!



Cerca il gruppo locale più vicino a te

Seguici in tempo reale!

Rss Segui gli aggiornamenti del Movimento Cinque Stelle Piemonte minuto per minuto! Sottoscrivi i nostri feed RSS per ricevere sul tuo computer in tempo reale le segnalazioni dei nuovi articoli, servizi, speciali del sito. Basta un click!