MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Porto Torres - 

IL PORTO DI PORTO TORRES NON DEVE ESSERE RAPPRESENTATO TRAMITE SOTTERFUGI


Negli ultimi giorni abbiamo letto diversi annunci da parte di alcuni esponenti del Pd: è palese a tutti che, con questi inutili proclami, talvolta usati solo per denigrare il prezioso lavoro del Movimento 5 Stelle, stiano ammettendo il loro completo fallimento sia a livello regionale che a livello nazionale.

Qualche giorno fa il senatore Silvio Lai ha infatti chiesto al presidente della Regione Francesco Pigliaru "attenzione e rispetto" per Porto Torres, riferendosi in particolare a come la nostra città sia stata snobbata nel riordino del sistema portuale. Ringraziamo Lai per le sue parole, e soprattutto siamo contenti che anche lui abbia preso atto che, chi governa l'Isola, cioè un esponente del suo stesso partito, il Partito Democratico, si sia totalmente disinteressato di Porto Torres, dell'area vasta di Sassari e dei suoi cittadini.

Noi e i cittadini di Porto Torres non accettiamo che la presenza del rappresentante turritano in seno al Comitato di Gestione dell'Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna sia frutto di vecchie logiche politiche: si tratterebbe di sotterfugi per rimediare a leggi fatte male ed in fretta. Chiediamo quindi che il rappresentante della città di Porto Torres venga definito seguendo un iter normativo chiaro e trasparente. Il Comune di Porto Torres, per raggiungere questo obiettivo, sta interagendo con Anci in sede di Conferenza Unificata sul decreto correttivo della riforma portuale, affinché lo scalo turritano abbia la sua rappresentanza nel Comitato di Gestione.

Allo stesso tempo, rimaniamo basiti da quanto affermano i "vertici" del locale Partito Democratico, che sulla questione della presidenza del Parco nazionale dell'Asinara sembrano svegliarsi solo adesso. Ricordiamo che il Movimento 5 Stelle di Porto Torres chiede un nuovo presidente del Parco - la cui scelta spetta al governatore Pigliaru e al ministro dell'Ambiente Galletti - da molto tempo. Il sindaco ha anche inviato al ministro e al governatore una rosa di nomi, ma il Comune non ha mai ricevuto risposta. Allo stesso tempo, l'amministrazione comunale è stata l'unica, da quando esiste il Parco, a interessarsi in modo attivo all'Asinara.

Il Pd, in pratica, ha auto-certificato a mezzo stampa il suo totale fallimento. I vari esponenti nel prendano atto e si facciano un esame di coscienza.


Porto Torres, 18 ottobre 2017


Porto Torres - 

Il Sindaco Wheeler: «È un'iniziativa innovativa. Invitiamo i cittadini a presentare domanda entro il 29 settembre»

È stato pubblicato nell'albo pretorio del Comune di Porto Torres il bando del Reddito Energetico. Il progetto prende forma grazie alla convenzione stipulata dall'Amministrazione comunale con il Gestore del Servizio Elettrico e prevede la concessione in comodato d'uso gratuito di impianti fotovoltaici agli utenti aventi diritto. Le risorse stanziate per la prima annualità ammontano a 230mila euro. Le manifestazioni d'interesse dovranno pervenire entro le ore 12 del 29 settembre. Tutta la documentazione è scaricabile dal sito web del Comune, sezione "Albo Pretorio".

«Con la pubblicazione del bando prende ufficialmente oggi il via un progetto innovativo che contempla azioni positive legate alla sostenibilità, all'incentivazione dell'energia alternativa e a forme di risparmio per le famiglie beneficiarie di questo intervento. Siamo il primo Comune a lanciare questa iniziativa, che speriamo possa diffondersi anche in altri centri», sottolinea il Sindaco Sean Wheeler. «Acquisteremo impianti fotovoltaici che verranno installati nelle abitazioni degli utenti selezionati attraverso una graduatoria pubblica. Nei giorni scorsi abbiamo voluto incontrare anche gli amministratori di condominio per spiegare le linee del progetto, mentre per tutto il mese di agosto il nostro Ufficio Tecnico ha svolto un'attività informativa, che proseguirà naturalmente fino alla chiusura del bando», aggiunge il Sindaco. L'energia prodotta potrà essere autoconsumata dai cittadini per le proprie necessità, mentre l'energia non utilizzata verrà immessa in rete mediante il contratto di scambio sul posto (SSP), stipulato tra i singoli cittadini e il Gestore del Servizio Elettrico. Al Comune verrà attribuito il diritto di percepire dal Gse il contributo in conto scambio, che andrà a rimpinguare il Fondo Rotativo per il finanziamento di nuovi impianti fotovoltaici.

La modulistica è reperibile sul sito internet e presso l'ufficio tecnico comunale, al primo piano, servizio "Pianificazione Energetica Territoriale" tutti i giorni feriali, escluso il sabato, dalle ore 11:00 alle ore 13:00. Eventuali informazioni potranno essere richieste al personale comunale anche ai numeri 079 5008082 e 079 5008005. Possono partecipare al bando i titolari di punti di consegna dell'energia elettrica ad uso domestico, proprietari o titolari di diritti reali di usufrutto, uso o abitazione, oppure assegnatari di alloggi realizzati da cooperative in regime di proprietà indivisa, facenti parte di edifici condominiali e proprietari esclusivi della copertura, che abbiano ottenuto dall'assemblea condominiale l'autorizzazione alla presentazione della domanda di accesso al fondo. Anche i Condomini possono partecipare al bando: in caso di assegnazione l'utilizzo andrà a coprire i consumi d'energia elettrica per il funzionamento degli impianti ad uso comune, come ad esempio le luci dell'androne e delle scale condominiali, dell'ascensore e dei sistemi di pompaggio.


Porto Torres - 

Siamo costretti ancora una volta a intervenire in merito alla questione dei porti: abbiamo scritto al Ministro dei Trasporti, ma non abbiamo ricevuto nessuna risposta. Porto Torres sta ricevendo l'ennesimo schiaffo da parte del Governo. Per come è stata impostata la riforma, infatti, il porto di Porto Torres perderà la rappresentanza in seno al Comitato di gestione e non avrà mai un Ufficio territoriale Portuale. Capiamo benissimo che il decreto, con cui lo scalo marittimo di Porto Torres è stato incluso nell'Autorità Portuale di Olbia, sia stato fatto estendendo la competenza territoriale e non invece, come si erano auspicati gli amministratori, fondendo i due porti in una sola autorità. Tuttavia, questo sta generando una grave ingiustizia.

Perché se è vero che il sito web dell'Autorità portuale del Nord Sardegna riporta che "quello di Porto Torres è il secondo scalo della Sardegna in ordine di passeggeri e il primo per quantità di merci", è altrettanto vero che lo scalo non può non essere presente all'interno del Comitato di gestione. Un porto di tale importanza, punto di riferimento della seconda area più popolata della Sardegna, non può permettersi di non partecipare alle scelte strategiche dell'Autorità di Sistema portuale del Mare di Sardegna.

I tre grandi porti della Sardegna - Cagliari, Porto Torres e Olbia - devono avere pari dignità. Ci auguriamo che gli organi competenti capiscano l'importanza della partecipazione della città di Porto Torres al Comitato di Gestione e l'importanza per Porto Torres di avere un suo Ufficio territoriale portuale. Chiediamo che vengano messi in atto i correttivi necessari a ripianare questa disparità.

Abbiamo inviato una lettera al Ministro il 13 settembre del 2016. L'approvazione del decreto legislativo numero 169 del 4 agosto 2016 ci aveva lasciato molti dubbi. Non abbiamo mai ricevuto risposta. Abbiamo scritto ancora una volta, qualche giorno fa. Proponiamo al Ministero di stabilire la sede dell'Autorità di sistema portuale a Porto Torres: in questo modo tutti e tre i maggiori scali della Sardegna avrebbero parti opportunità e importanza.

Zona EconomicaSpeciale


Porto Torres - 

I consiglieri di maggioranza, Carlo Marongiu, Giuliano Velluto e Gavino Bigella hanno protocollato oggi la proposta di un ordine del giorno da discutere in Consiglio comunale, mirato a deliberare l'istituzione a Porto Torres di una Zona Economica Speciale, in aggiunta agli aiuti previsti dal Progetto di Riqualificazione e Riconversione Industriale e alla Zona Franca Doganale.
I consiglieri del Movimento 5 Stelle ritengono che alla luce della pubblicazione del Decreto Legislativo n. 91 del 20 giugno scorso, e con i tempi stretti definiti dal decreto n. 91, sia importante muoversi con anticipo affinchè nella zona produttiva di Porto Torres possano essere attivati quegli incentivi di tipo fiscale, oltre che finanziario e doganale, per promuovere l'insediamento di nuove imprese nel territorio.
I consiglieri, contrariamente a quanto previsto dal decreto, chiedono di affidare la gestione della Zona Economica Speciale al Consorzio Industriale Provinciale anziché alla Autorità Portuale, in virtù anche del fatto che attualmente la Città di Porto Torres non ha diritto a sedere nel tavolo del Comitato di Gestione della neo costituita Autorità di Sistema Portuale.


Porto Torres - 

RETE METROPOLITANA DEL NORD SARDEGNA UN GRANDE BLUFF
Il Movimento 5 Stelle in particolare i gruppi consiliari M5S dei comuni appartenenti alla Rete Metropolitana del Nord Sardegna constatano l'inutilità della costituzione della stessa, confermando così le intuizioni avute al momento dell'approvazione della sgangherata, confusionaria e fortemente sbilanciata riforma Erriu sugli Enti Locali.
In questo momento la Rete Metropolitana è praticamente inesistente ed ininfluente a qualsiasi livello e anzi la sua attività è addirittura ingessata dalla crisi politica di un solo Comune.
Un anno fa, con la solita promessa dei grossi e imminenti finanziamenti pronti per essere erogati, ma a rischio di essere persi per sempre, ci avevano  propinato l'urgenza di approvare in fretta e furia lo statuto della Rete,  peraltro non proprio perfetto e condiviso da tutti.
Ora il patto per il Sud sta erogando ovviamente finanziamenti alla Città Metropolitana di Cagliari per addirittura 313 milioni di euro, ma al Nord Sardegna e alla sua Rete Metropolitana fantasma, peraltro presieduta dal Sindaco di Sassari e alla quale spetterebbero pari importi, nemmeno un centesimo. Di quei finanziamenti non si sa più nulla e soprattutto nessuno ne chiede conto.
I sindaci delle città facenti parte della Rete si erano impegnati con un comunicato, che il Sindaco turritano Sean Wheeler aveva letto durante il Consiglio comunale, a rivedere alcuni importanti articoli statutari ma, nonostante sia ormai passato quasi un anno, ancora nessuna modifica è stata apportata allo statuto.
Il Consiglio Comunale di Porto Torres aveva deliberato di dare mandato al proprio Sindaco di portare in sede di Rete Metropolitana una linea di indirizzo per richiedere di istituire la linea marittima Porto Torres /Livorno e modificare quindi la convenzione con Tirrenia presso il Ministero dei Trasporti, ma la Rete non si è più riunita anche a causa della situazione politica del Comune di Sassari  e ormai la finestra temporale per la modifica della convenzione si sta esaurendo, facendo perdere al Porto del Nord Sardegna un'altra grande opportunità di sviluppo.
Appare evidente che riformare gli enti locali secondo logiche di spartizione di poteri tipiche dei partiti che ci governano o del meglio poco che niente rispetto alle politiche vergognosamente cagliaricentriche e non in base alle reali e importanti necessità del nostro territorio, ha comportato come risultato solo un aumento del numero delle poltrone, e in questo caso anche assolutamente inutili. Senza dimenticare infine che la mancata abolizione delle Province ha ulteriormente aumentato gli enti intermedi e creato una totale confusione di competenze tra gli stessi.
Nell'assoluta e irresponsabile indifferenza dei soliti governanti, Sassari e la tanto decantata quanto ininfluente Rete Metropolitana con le sue importanti strutture industriali, portuali e aeroportuali, stanno perdendo purtroppo qualsiasi peso nelle politiche e nei finanziamenti compensativi promessi dalla Regione con la totale assenza di qualsivoglia progettualità strategica in tutti i settori. È necessario a questo punto un forte scatto di orgoglio e una grande mobilitazione di tutti i  territori contro questo enorme squilibrio prima che sia troppo tardi, per restituire al Nord Sardegna il ruolo guida, la funzione e le somme indispensabili per far crescere la nostra economia e ridare fiducia e lavoro ai nostri cittadini.

Nota congiunta del M5S di Alghero, Porto Torres, Sassari e Sennori


Porto Torres - 

Per la prima volta i cittadini di Porto Torres hanno potuto scegliere come spendere una parte del bilancio comunale.
Il bilancio partecipativo è uno strumento, come il nome stesso suggerisce, per promuovere la partecipazione dei cittadini alle politiche pubbliche locali, e in particolare, al bilancio preventivo dell'ente cioè alla previsione di spesa e agli investimenti pianificati dall'amministrazione.
L'esperienza più celebre di bilancio partecipativo si è avuta a Porto Alegre (Brasile), città di 1,3 milioni di abitanti. L'esperienza di Porto Alegre ha avuto inizio nel 1989. Il fine era quello di permettere ai cittadini di partecipare attivamente allo sviluppo ed alla elaborazione della politica municipale.
Ieri in commissione bilancio abbiamo visto le proposte presentate dai cittadini.La scelta definitiva sarà fatta dalla giunta. In questo primo anno abbiamo sperimentanto un regolamento che può essere ulteriormente migliorato

L'Asinara è di Porto Torres


Porto Torres - 

Eravamo presenti al convegno "Stintino centro storico-Fornelli: la porta del parco dell'Asinara". Abbiamo appreso che il Comune di Stintino ha ideato un progetto di ammodernamento degli spazi del paese in funzione delle visite al Parco dell'Asinara. Il nostro Sindaco, Sean Wheeler, ha fatto il primo intervento chiedendo agli assessori regionali presenti, Erriu e Deiana, lo sblocco degli immobili sull'isola per fini turistici e residenziali. Molto elegantemente non ha sollevato polemiche circa il fatto che un comune limitrofo abbia sviluppato autonomamente un progetto non condiviso con il nostro comune, sul cui territorio - è bene non dimenticarlo mai - insiste il Parco Nazionale dell'Asinara. Al termine del convegno il nostro primo cittadino si è intrattenuto con l'Assessore degli Enti Locali, Cristiano Erriu, ribadendo la necessità di potenziare soprattutto Cala Reale e Cala d'Oliva, borghi storici dell'Asinara, che hanno tanti edifici da recuperare e da mettere a disposizione di imprenditori e operatori per attività ricettive con cui prolungare i soggiorni sul parco.
Non possiamo però far passare in secondo piano il fatto che il doppio ruolo di Presidente pro tempore del Parco e di Sindaco di Stintino stia creando una sovrapposizione che rischia di generare confusione nei ruoli e nelle competenze. Porto Torres è - e dovrà essere sempre - sede della continuità territoriale con l'isola parco. Porto Torres è la Città del Parco Nazionale dell'Asinara. Nell'ottica di un ragionamento di Rete Metropolitana dobbiamo svolgere il ruolo che ci compete: siamo baricentrici rispetto al territorio e i turisti dell'area vasta che vogliono raggiungere l'Asinara devono poter passare da Porto Torres e trovare servizi allo sbarco. Dobbiamo lavorare su un trasporto sostenibile, con mezzi elettrici, e con orari di partenza più frequenti. Questi sono i propositi che devono guidare la Regione e la Rete Metropolitana: un vero piano di crescita per tutta l'isola, partendo dalla messa in funzione a fini ricettivi dei tanti stabili inutilizzati, dal trasporto per e all'interno dell'Isola, dai servizi essenziali senza i quali non può esserci un concreto sviluppo per l'altra metà del nostro territorio comunale.

incontriamo i cittadini


Porto Torres - 

15055677_1784574505144769_1768605848871423731_n.jpg

io dico no


Porto Torres - 

Renzi a Cagliari firma il patto per la Città Metropolitana di Cagliari. Della "spedizione" a Sassari rimangono, invece, solo i selfie con la Dinamo, mentre la Rete Metropolitana del Nord Sardegna, a cui la Regione aveva garantito parità di finanziamenti, resta a bocca asciutta. Ci avevamo visto giusto sulla legge di riforma degli Enti Locali promossa dalla Giunta Pigliaru. Una legge iniqua, basata più sulla logica delle spartizioni che sulla logica dell'imparzialità e della parità di diritti. Siamo stati l'ultimo Comune a firmare lo Statuto, in seguito all'impegno condiviso anche dagli altri sindaci a modificarlo entro sei mesi. Chiederemo, a questo punto, che quelle modifiche siano apportate con urgenza. Non ci si può, infatti, fidare di una giunta regionale fatta dai partiti. Non ci si può fidare dei partiti. Ecco perchè voteremo NO ad una riforma costituzionale approvata da un parlamento non legittimato e proposta proprio da quei partiti che lavorano per interessi diversi da quelli di tutti i cittadini sardi e italiani.


Porto Torres - 


Presentata l'iniziativa che consentirà di rendere tracciabili le somme erogate.

Una carta elettronica riservata alle famiglie in difficoltà che potranno utilizzare i contributi erogati acquistando beni essenziali nelle attività convenzionate, ma senza ricevere contanti e presentando la tessera magnetica alla cassa. È cominciata la sperimentazione del voucher elettronico, strumento voluto dall'amministrazione comunale per razionalizzare le risorse, rendere le spese tracciabili e ridurre i tempi di risposta ai bisogni socioassistenziali. In questa fase di avvio saranno nove le famiglie coinvolte.

L'iniziativa è stata presentata questa mattina nella sala conferenze del Palazzo del Marchese dall'Assessore alle Politiche Sociali, Rosella Nuvoli, e dal funzionario dei Servizi sociali, Marcello Tellini. Presenti anche il Sindaco Sean Wheeler e l'ex vicesindaco Sebastiano Sassu, che durante il suo mandato aveva promosso l'iniziativa. "In questa prima fase - afferma Rosella Nuvoli - abbiamo stanziato 15mila euro dai fondi del bilancio comunale. Si tratta di una sperimentazione che ci dovrà fornire dei dati utili per portare a regime l'iniziativa dal prossimo anno. La nostra volontà è quella di far confluire in questo modo i sussidi di sostegno stanziati dalla Regione Sardegna e stiamo interloquendo con l'ente, proprio per valutare questa possibilità. Il ringraziamento va alla struttura comunale e all'ex assessore Sebastiano Sassu per aver introdotto questo progetto nella nostra amministrazione, progetto che stiamo riuscendo a portare a compimento". "Il grazie - ha aggiunto Sebastiano Sassu - va esteso al tavolo di lavoro degli attivisti del Movimento 5 Stelle che ci hanno chiesto di impegnarci in questa iniziativa. Mentre ricoprivo il ruolo di assessore ho recepito perciò questa esigenza, dando mandato alla struttura che ha lavorato alla realizzazione dell'indirizzo politico. Il voucher elettronico garantirà risparmi e sarà una garanzia di corretto utilizzo delle risorse, evitando che le stesse siano utilizzate, come accaduto spesso in passato, per attività di gioco d'azzardo, alcol e altri beni non essenziali". Il funzionario del Servizio sociale, Marcello Tellini, ha ricordato che "la carta magnetica potrà essere usata per acquistare alimenti, cosmesi, cancelleria e presto saranno attivate convenzioni per l'acquisto di bombole. L'obiettivo è quello di favorire la dematerializzazione per rendere più trasparente la spesa delle risorse pubbliche e portare a buon fine gli interventi socioassistenziali". Sempre sul fronte del contrasto alle povertà, nel corso della conferenza stampa è stato comunicato che i Servizi sociali andranno a completare il progetto di servizio civico, cioè sussidi in cambio di lavori di pubblica utilità, con 190 inserimenti entro la fine dell'anno. Un altro provvedimento che va in questo senso è il recente sostegno di esonero dal pagamento della Tari per le famiglie in difficoltà, recentemente approvato dalla Giunta comunale

I candidati a Porto Torres

  • user-pic
    andrea Falchi
  • user-pic
    Antonello muceli
  • user-pic
    Carlo Marongiu
  • user-pic
    Demelas Antonia
  • user-pic
    francesco massimiliano tolu
  • user-pic
    Gavino Bigella
  • user-pic
    Giuliano Velluto
  • user-pic
    loredana de marco
  • user-pic
    maria gavina marongiu
  • user-pic
    massimo pintus
  • user-pic
    Maurizio Zolesi
  • user-pic
    raffaele donadio
  • user-pic
    Samuela Falchi
  • user-pic
    Sara Cappellini
  • user-pic
    suentu

Partecipa ai nostri eventi