MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Agosto 2013

IL FOSCO DI VIA FOSCOLO


Prato - 

via foscolo.jpg

Voi siete cittadini che lavorano, pagano le tasse, fanno sacrifici e dopo anni di rinuncie riuscite a comprarvi una casa, a farvi una vita vostra.
Voi siete cittadini che senza che vi chiedano nulla vi fanno un ospedale vicino a casa, di cui non sentite il bisogno.
Voi siete cittadini che senza che vi chiedano nulla vi cambiano la viabilità dall'oggi al domani.
Voi siete cittadini che senza che vi chiedano nulla vi ritrovate a vivere da un giorno all'altro in un inferno.
Voi siete cittadini di una città i cui amministratori cascano dalle nuvole quando alzate la testa e protestate per il sopruso che state subendo.
Voi siete cittadini di un comune dove nessuno sa nulla: il presidente della vostra circoscrizione, il piddino Mosca, non si accorge di quello che succede nella sua circoscrizione, lui che la "governa" e anzi accusa il M5S di non aver fatto niente ( strano l'attacco che ci ha fatto , direi quasi a mo' di diversivo ) come se il Movimento fosse in Comune.
Voi siete cittadini che avete un assessore alle grandi opere, Bernocchi , che è soprattutto un assessore alle grandi assenze, un assessore che non trovate mai.
Voi siete quei cittadini che infatti cercate nel posto sbagliato, cercate il vostro assessore in Comune e non lo trovate, perché lui è spiaggiato in Versilia.
Voi siete cittadini di un Comune dove chi governa non governa e che anzi sembra governato dai dirigenti comunali. Si può sapere chi ha autorizzato la variante alla variante? Quali sono le responsabilità del Frasconi? Può essere che Frasconi abbia autorizzato una variante sua sponte?
Voi siete cittadini di un Comune dove c'è addirrittura un assessore alla partecipazione e vi chiedete: " ma perché paghiamo Silli? A cosa serve?" Forse serve alla maggioranza a far finta che a Prato ci sia un processo partecipativo e che voi possiate decidere sulle grandi opere e su quello che viene fatto davanti a casa vostra.
Voi siete cittadini di una città dove l'opposizione non si è accorta che il centro destra non governa, ma governano i dirigenti. Si può sapere perché il PD arriva sempre dopo? Dov'è Carlesi e a cosa serve?
Voi siete cittadini di una città che ha un deputato come Biffoni che si occupa di Monopoli e poi viene a fare il bello sulle vostre disgrazie. Toccate ferro, fatevi il segno della croce. Prendete delle corone d'aglio.
Voi siete cittadini che per chi vi governa non contate nulla, non siete nessuno.


Prato - 

donzella.jpg

E' sempre sconsolante ascoltare o leggere i pensieri di Aurelio Donzella.
Parla di cose che non sa ed esprime concetti che non è in grado di capire.
E' l'unico assieme a pochi grulli a sostenere che il M5S ha appoggiato una qualsivoglia coalizione, è talmente semplice confutare o meno tale tesi che basta andare alla pagina http://bit.ly/elezioni2009prato.
Sostiene che un anonimo appartenente al M5S ha cercato di intralciarlo mentre lui autenticava le firme a favore del M5S nemmeno i fratelli Marx avrebbero pensato a uno sketch simile.

Racconta la balla per cui il sottoscritto, durante una conferenza stampa, sarebbe stato contrario ad azioni efficienti sulla lotta all'evasione; ebbene: per prima cosa non era una conferenza stampa, bensì un dibattito nella sede della UIL, poi io ho riso (per non piangere) della proposta in stile Gestapo di Donzella. Propugnava di sequestrare tutti i beni (dalla casa all'azienda) di una persona solo in base ad una segnalazione, basta essere indagati e ti portano via tutto, poi, dopo magari qualche anno, il cittadino innocente potrà riavere casa e azienda. Per Donzella infatti per sconfiggere il crimine prima si arresta e si sequestra, poi si giudica. Proposta questa che, oltre ad essere incostituzionale e che va contro qualsiasi principio giuridico, è a dir poco demenziale; come demenziale è chiedere a Obama di intervenire sulle regole dei giochi di società.

Per Baciacavallo e le diossine sono sufficienti i lunghi anni di silenzio di Donzella.

Sulla considerazione che si possa avere nei nostri confronti o in quelli di Barosco, non dovrebbe far altro che andarsi a vedere l'intervento durante l'ultima tappa dello Tzunami tour a Piazza San Giovanni a Roma http://youtu.be/qCxNqqsqSJA e l'ospitata alla Webtv del M5S "LaCosa", presso la Casaleggio a Milano: http://youtu.be/PVqLDmsln2Y?t=7m51s.

Ma questo Aurelio non lo sa...

Movimento 5 stelle di Prato

PD: ZITTI E MOSCA


Prato - 

Mosca.jpg


Oggi ci è stato segnalato un intervento, pubblicato sulla Nazione di Prato, di Giovanni Mosca, presidente della Circoscrizione Ovest in quota PD, sul, secondo lui, assordante silenzio del M5S in merito ai più importanti temi cittadini.
Mosca si dice infatti stupito di non aver letto alcuna posizione/dichiarazione/iniziativa del M5S per Prato, forse perché non sa ancora che il M5S utilizza il web e che tutto quanto facciamo viene pubblicato nel blog di lista ( http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/prato/ ) e nella pagina facebook ( https://www.facebook.com/groups/movimento5stelleprato/ ).
Se Mosca conoscesse internet avrebbe potuto apprezzare gli interventi del Movimento5Stelle su: Ospedale Nuovo e Project Financing, Aeroporto, Viaccia, Gonfienti, Baciacavallo, Cavalciotto, Soccorso, Ospedale Misericordia e Dolce, saprebbe anche delle iniziative su acqua pubblica e Publiacqua, ASM, MES ed Euro, politica dei rifiuti, Smartcities e Partecipazione, MPS e sprechi dell'amministrazione pubblica, politiche ambientali, energetiche e mobilità.
Con un semplice "click" Mosca avrebbe anche goduto nel vedere le critiche che il M5S ha fatto al Cenni e a questa amministrazione ad esempio sui soldi utilizzati per far "campagna elettorale" con la politica del "Panem et circenses", per tacere della diossina a Prato Sud e di Bettazzi.
Oppure l'intervento di Mosca era rivolto polemicamente a tutti quei mezzi di informazione che hanno taciuto sul M5S, unica scomoda voce fuori dal coro, salvo specularci con un po' di gossip da due lire.
Per quanto concerne alle domande che Mosca si fa su cosa pensa il M5S as esempio sulla cementificazione, beh è tutto molto semplice, chiaro, direi lapalissiano: basta che si vada a vedere la Carta di Firenze, sono dei quesiti che non sono nemmeno da porsi talmente ovvia è la risposta; un po' come chiedere al PD cosa pensa del Monte dei Paschi di Siena o del Monopoli.
Ah sì, la polemica sui cocomeri non l'ha fatta il M5S, ma Milone, noi abbiamo semplicemente preso atto di come si sia arrivati alla frutta.
Pertanto salutiamo Mosca, lo invitiamo a seguirci e tutte le volte che vede i mass media ignorarci, lo segnali con la stessa forza di oggi.


Prato - 
biff.jpg

Non c'è che dire, i paladini del PD ce la mettono davvero tutta per risolvere i problemi dell'Italia.
Pensate ad una sola cosa che vorreste fosse realizzata da coloro che ci governano: sostenere le piccole medie imprese? il reddito di cittadinanza? la nuova legge elettorale? il taglio del finanziamento pubblico ai partiti? i fiori sui cannoni del risiko?
Ecco forse a breve avremo l'ultimo, ma intanto il PD, che sul caso del Monte dei Paschi di Siena tace, fa la voce grossa con l'americana Hasbro chiedendo addirittura l'intervento di Obama ..... e sti'cazzi.

Eccoli i nostri 7 paladini che per difendere la nostra economia dalla finanza speculativa vogliono bloccare la nuova versione del Monopoly: Matteo Biffoni, Michele Anzaldi, Marina Berlinghieri, Luigi Bobba, Lorenza Bonaccorsi, Federico Gelli ed Ernesto Magorno.

Ebbene sì, capitanati dal pratese Matteo Biffoni, i 7 cavalieri dell'apocalisse si stanno abbattendo sulla finanza internazionale con una potenza di fuoco impressionante, azioni e parole che hanno lasciato di stucco Wall Street e la City di Londra oltre a tutti i paradisi fiscali sparsi per il mondo.

Tremate, tremate arriva il PD con i suoi Biffoni.

Fausto Barosco M5S Prato

http://www.notiziediprato.it/2013/08/biffoni-e-sei-deputati-pd-denunciano-la-nuova-versione-del-monopoli-inneggia-alla-finanza-irresponsabile-e-abolisce-la-casella-della-prigione/


Prato - 

Festa del cocomero.jpg


Signori è Ufficiale: "SIAMO ALLA FRUTTA"!
Sì, è giusto dire così, visto che in questo agosto pratese, che ben attende il più colorito e folkloristico "SETTEMBRE", e dopo un luglio con la Giunta in bilico per un'inchiesta che ha portato alle dimissioni del Presidente del Consiglio Comunale, Maurizio Bettazzi, la discussione politica è "ALLA FRUTTA", ovvero la domanda del momento è "COCOMERO-Sì/COCOMERO-No"...
Considerato il periodo estivo, sembra proprio azzeccata, sembra proprio uno di quei giochi esilaranti da villaggio turistico... tra un limbo in costumi simil-hawaiani, e dei, più a noi tradizionalmente vicini, albero della cuccagna o gioco della pentolaccia.
A fare da mattatore, o animatore che dir si voglia, è ALDO MILONE, che si DISSOCIA dalla tradizionalissima e pratessissima "FESTA DEL COCOMERO" e ne nasce un caso. Pensare che forse, la discussione politica, visti i più recenti e gravi fatti, vista un'inchiesta che porta a mettere in luce che la società partecipata ASM s.p.a. ha decine di Milioni di Euro di debiti, forse anche in questo caldo agosto pratese, la politica dovrebbe rimanere sul pezzo, piuttosto che "sulla fetta"... ...LA FETTA DI COCOMERO-Sì/COCOMERO-No... Dunque arriviamo alle conclusioni: BENVENUTI A PRATO, CITTA' DEL COCOMERO... e dei COCOMERAI PRESTATI ALLA POLITICA!..

Francesco Fedi M5S Prato



Prato - 

Cenni 2.jpg


C'era una volta un sindaco civico, un sindaco nuovo, che non apparteneva a nessun partito.
C'era una volta un sindaco che avrebbe cambiato il modo di gestire la cosa pubblica.
C'era una volta un sindaco che, pur appoggiato dal centro destra, aveva raccolto la rabbia e la delusione di chi non si riconosceva più in quelle forze che per più di 60 anni aveva comandato a Prato.
C'era un volta un sindaco che parlava di risparmio energetico, di distretto verde, che non parlava di rifiuti, ma di materie prime.
C'era una volta un sindaco che diceva di voler fare un centro di riciclo a Prato.
C'era una volta un sindaco che lo ascoltavi e potevi anche non essere d'accordo con lui, ma sentivi che parlava in modo diverso, che diceva qualcosa che aveva un senso.
C'era una volta un sindaco che le condizioni le poneva lui, che diceva che piuttosto di venir ricattato se ne sarebbe andato.
Abbiamo visto anche le nomine di ASM e possiamo dire che, oggi, c'è solo una foglia di fico civica ....... che sta come d'autunno sugli alberi ... anche se siamo ad agosto.


Prato - 

Canovai 1.jpg

Alessandro Canovai riconfermato alla presidenza di ASM

Una municipalizzata con 300 dipendenti, unico gestore di rifiuti, 58 milioni di euro di fatturato, 60 milioni di debiti ( più di 30 solo con le banche ), il sindaco Roberto Cenni come ha fatto a non confermare il presidente Canovai ed il direttore Gensini dopo queste mirabolanti performance? Perché in un qualsiasi campo della vita gli inetti vengono scartati e nelle municipalizzate invece vengono promossi? Forse è il caso di ripensare alle municipalizzate, sicuramente è il caso di ripensare ad ASM.

Di seguito: " ASM ASM", di Vittorio Giugni

E' dunque iniziata la stagione dei ricatti e del "un voto, un posto"!! Che altro dire della notizia della conferma ad ASM Spa del presidente Canovai, del direttore Gensini, con la new entry, come vicepresidente, di tal Massimo Papi in quota Paradiso (nel senso di Emilio Paradiso, consigliere capogruppo di se stesso..)!! Il sindaco Roberto Cenni, nel commentare il nuovo CdA di ASM (completato da Massimo Nutini, Elena Bartalesi, dirigenti del comune di Prato e da Marco Montagni, ragioniere capo di Carmignano indicato dai comuni di centrosinistra) ha affermato che la conferma dei due massimi vertici dell'azienda multiservizi di proprietà del Comune di Prato (98,8%) si sarebbe resa necessaria per ".. dare continuità alla gestione aziendale.."!!
Come dire che il sindaco di Prato è assai soddisfatto di quello che ha combinato in 4 anni il duo Canovai/Gensini. Ossia portare vicinissima al dissesto economico-finanziario una solida azienda monopolistica!! 58 milioni di fatturato a fronte di debiti maturati per oltre 60 milioni di euro (di cui 35 solo col sistema bancario...) debbono essere sembrati una straordinaria performance a Cenni. Certo forse se si paragona alle sue imprese private (vedi Sasch) in qualche modo lo è!! Il sindaco, peraltro, aveva coperto politicamente i due massimi vertici di ASM nel Betta-gate ovvero l'incredibile affidamento di una mediazione finanziaria al presidente del consiglio comunale. Che aveva portato nelle casse di ASM la somma di 1.250.000 euro da parte della BCC, banca di cui peraltro ASM è socia!!
Ma niente ha smosso il sindaco dalla sua scelta!! Scelta. Si fa per dire scelta!! Che scelte può fare un sindaco con 20 pistole (ogni singolo consigliere di maggioranza ne impugna una da qui alla fine della sindacatura..se fine ci sarà..)!! Cenni ha subito due ricatti politici. Il primo quello della componente ex aenne del PDL (Bernocchi-Bettazzi) che dopo le dimissioni "eroiche" del presidente del consiglio non avrebbe potuto subire anche l'onta del licenziamento del presidente Canovai. Il secondo da parte della Lega Nord (o meglio di Emilio Paradiso). Che avrà voluto essere ricompensato per l'opera di pasdaran cenniano svolta fino ad ora!! Ed il "sacrificio" della componente ex Forza Italia del PDL, la mancata conferma di Antonio Rancati, non dev'essere apparso così pesante per il PDL pratese. Tanto Rancati pareva in quota minoranza interna essendosi schierato con la componente magnolfiano nell'ultimo congresso provinciale!! Naturalmente dolorosamente ferito si deve sentire il PD pratese che deve rinunciare ad una sua presenza politica nell'importante e "famigliare" azienda di Via Paronese. E se l'addio dell'eterno Benigni (Adriano) poteva essere tranquillamente sopportato non lo potrà essere la mancanza di un preciso referente politico nel CdA (a parte qualche dirigente comunale al quale chiedere "riferimenti"..)!!
Se questa è la strada intrapresa dal Sindaco per "reggere" sulla poltrona di primo cittadino fino a giugno ne vedremo ancora delle "belle". Povera Prato!! Che peste li colga!!!

http://liberamenteprato.blogspot.it/2013/08/asm-asm.html

ASM E' FALLITA


Prato - 

Canovai.jpg
Alessandro Canovai


A Maurizio Bettazzi non abbiamo mai scontato nulla, ma su una cosa gli dobbiamo rendere atto: ha fatto un passo che in pochi in Italia hanno avuto il buon gusto di fare, si è dimesso da presidente ed ora ( secondo il tirreno ) si è dimesso anche da consigliare comunale.
Assieme alle dimissioni da consiglire comunale però ci sono anche delle dichiarazioni che ha rilasciato che ci lasciano basiti.
Leggere che: "In tutta questa vicenda non ho sentito nessuno, nel mondo della politica, preoccuparsi di cosa sarebbe successo alle famiglie dei trecento dipendenti Asm se in primavera non avessero ricevuto lo stipendio. Un aspetto che non ha interessa to nessuno. Ma che invece ha guidato quelle che sono state le mie decisioni " è aberrante.
Se i 300 dipendenti di ASM hanno ricevuto lo stipendio solo grazie all'intervento del presidente del consiglio comunale allora significa che i vertici, i dirigenti ed i funzionari di ASM sono, nella migliore delle ipotesi, degli INETTI a partire da Alessandro Canovai e devono essere cacciati TUTTI immediatamente.
Se ASM ha 300 dipendenti e 33 milioni di debiti con le banche significa che per ogni dipendente ASM ha un debito di 110 mila euro !!!!!!!!!!!! Una cifra mostruosa che non si giustifica con un servizio che è tra i più cari d'Italia. Che una municipalizzata, che agisce non in uno stato di libero mercato, ma di monopolio, sia ridotta in questo modo significa una sola cosa: è guidata da incapaci.
ASM è difatto FALLITA e la magistratura deve indagare.


Prato - 

Ospedale Misericordia e Dolce.jpg


EX-Ospedale Misericordia e Dolce - LE DECISIONI SEMPRE AI CITTADINI.

La Regione Toscana, con una scelta scellerata, in passato ha deciso di dismettere quattro ospedali (a Massa, Lucca, Pistoia e Prato) pienamente funzionanti, per ricostruirli altrove, questo non perché servivano dei nuovi ospedali, ma perché servivano luoghi di pregio, in zone centrali delle città, da dare in pasto alla speculazione immobiliare.

A Prato, questo gioco sta facendo sì che il Presidente Enrico Rossi, che pensa di poter ripianare parte dei costi della malasanità toscana, vendendo l'area dell'Ospedale Misericordia e Dolce, stia imponendo al Comune di Prato ed ai cittadini pratesi, la costruzione di un nuovo quartiere all'interno del centro storico, con palazzi di venti metri e oltre, più strutture commerciali e quant'altro, il tutto con un traffico continuo di autoveicoli attraverso l'attuale accesso alla parte più rasente dell'area ospedaliera.

Questa, per noi è un'idea oscena, ma passi per la "diversità di vedute", il punto è un'altro: l'area in discussione è dei cittadini, dunque solo e soltanto i cittadini, che chiedono destinazioni, spazi ed aree pubbliche attrezzate, devono poter decidere!

Questa dunque è sempre stata e sempre sarà la posizione ufficiale del MOVIMENTO CINQUE STELLE DI PRATO, della quale va sottolineati il fatto di essere una posizione fin troppo facile da esprimersi per una forza politica come la nostra, che nasce dall'attività spontanea di cittadini e che ha nella democrazia diretta uno dei suoi capisaldi.

Se Enrico Rossi, o chi per esso, all'interno della Regione Toscana, ha causato un ulteriore buco da 40 milioni di Euro, o quanti siano, per costruire un nuovo ospedale, del quale nessuno avvertiva il bisogno, allora che questo buco venga ripagato da chi ne è davvero responsabile, visto che i cittadini pratesi già si dovranno sorbire l'inefficienza e le inadeguatezze di certe scelte folli!

Se poi si dovrà scoprire che questi denari proprio non ci sono, allora, che ancora una volta intervenga la Corte di Conti .........

Francesco Fedi - M5S Prato

I candidati a Prato

  • user-pic
    Mariangela Verdolini
« Torna alla Homepage




Visitate anche il blog del Movimento 5 stelle Prato

Partecipa ai nostri eventi


About this Archive

This page is an archive of entries from Agosto 2013 listed from newest to oldest.

Luglio 2013 is the previous archive.

Settembre 2013 is the next archive.

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.


   © 2010 Beppegrillo.it - I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons  Creative Commons