MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Ottobre 2013


Prato - 

Benvenuti in casa gori.jpg


Dalla mattina di sabato scorso, 26 ottobre 2013, nell'ascoltare il titolo "Benvenuti in casa Gori", la mente non andrà più alla famosa commedia scritta a due mani da Ugo Chiti e Alessandro Benvenuti, bensì all'insolita conferenza stampa del concittadino Giuliano Gori, il quale, chissà come, è riuscito ad ottenere un'apertura straordinaria ad personam, del più importante teatro cittadino, con tanto di personale a disposizione.
Il buon Giuliano Gori, si è infatti sentito di dover intervenire con sollecitudine, in risposta a posizioni a lui poco gradite emerse in un incontro pubblico organizzato dal Coordinamento dei Comitati Cittadini Pratesi solo due giorni prima, riguardo alla realizzazione del Monumento al Vento di Dani Karavan a Poggio Castiglioni.
Nel merito c'è poco da dire, stante la porcata in discussione ma, per carità, guai a tappare la bocca anche a chi decide di schierarsi nelle fila del partito delle porcate!...
Il punto però è un altro: come ha fatto Giuliano Gori a farsi mettere a disposizione tanto struttura e tanto personale da parte del Comune di Prato e della Fondazione Metastasio, che la gestisce in un solo giorno? Il Comune, o la Fondazione, hanno riscosso un affitto?... O il Sig. Gori ha avuto tutto "AGGRATISSE"?... Dunque per avere il Teatro Mestastasio a completa disposizione, basta fare una telefonatina il giorno prima?... Oppure basta suonare al custode e lui ci apre?... O le chiavi ce l'ha il Gori?.. Dunque, quando si tratta del Teatro Metastasio, è giusto dire "BENVENUTI IN CASA GORI!"...
Cosa significa, come ha scritto "laNazione",che: " Umberto Cecchi ha ospitato la conferenza nei locali del "Ridotto"????
Umberto Cecchi lavora per il bene del Metastasio ( e quindi del comune di Prato) oppure per il bene di Giuliano Gori???
Le domande, tra i comuni cittadini, quelli che pagano anche per lasciare le macchine in sosta al nuovo ospedale di Galciana, ovviamente si rincorrono... le risposte le attendiamo dai diretti interessati, da Giuliano Gori a Umberto Cecchi ed infine al sindaco Roberto Cenni

Movimento5Stelle Prato


Prato - 


Gonfienti giornale.jpg

"Gonfienti lancerà Prato all'attenzione del mondo intero", "Realizzeremo il centro archeologico", "Con Firenze vicino e Gonfienti faremo bingo"
Era il 2009 e il sindaco Cenni parlava di cultura e di come far rivivere Prato, adesso siamo nel 2013, di Gonfienti non si parla più, ma si parla di un Pelo marmoreo di 36 mt di altezza da piantare sulla Calvana per lanciare Prato verso spazi siderali ........
Ora c'è Karavan, ci pensa lui a Prato e per solo mezzo milione di euro ne vedremo delle belle, perché, come lo descrive la Treccani, Karavan è: "Artista dagli accenti complessi, la sua ricerca si articola intorno a una relazione meditata e intensa tra paesaggio naturale e spazio costruito, in cui il linguaggio architettonico si inscrive nella natura segnalandone ed esaltandone tratti su cui la riflessione può esercitarsi in profondità e conferire senso nuovo."
Insomma antani, antani prematurati.

Vi lasciamo con un articolo del Corriere della Sera ( noto giornale complottista e redatto da quattro grillini qualunquisti e da un paio di grulli appartenenti ai comitati cittadini ) il 6 marzo 2007, leggetelo sarà "istruttivo"

Movimento 5 Stelle - Prato

La grande città etrusca «dimenticata»
Dopo 10 anni dalla scoperta durante gli scavi per l'Interoporto, il parco archeologico a Prato è un sogno. Tra promesse e polemiche

PRATO.
La più grande casa etrusca arcaica mai scoperta in Italia. Trovata per caso, riconosciuta quasi controvoglia e ora accerchiata ogni giorno di più dai capannoni dell'Interoporto di Prato. Un progetto di Parco Archologico Naturalistico (con museo) che non decolla. E un'area di importante rilevanza archeologica di oltre 12 ettari (30 quelli tutelati), una delle più estese città dell'Etruria settentrionale, a rischio. «Di abbandono e di sepoltura sotto una coltre eterna di cemento» denunciano i comitati cittadini ...... E' questa in estrema sintesi la storia recente dell'insediamento di Gonfienti, Prato, Toscana, Italia. Una grande città etrusca risalente al VI-V° secolo A.C. venuta alla luce per caso dieci anni fa mentre alla periferia est di Prato (nella frazione di Gonfienti, appunto) si iniziavano gli scavi per costruire l'Interporto della Toscana Centrale, concepito come il più grande scavo merci regionale. Un investimento di milioni di euro su un'area di 80 ettari attraverso una società costituita ad hoc e posseduta al 45% dal comune di Prato. Che ha investito anche su questa struttura per rilanciare un'economia negli ultimi anni troppo stagnante dopo i periodi d'oro del tessile...........
Era il 1996. Eccitazione del mondo accademico e tra gli addetti ai lavori............. Quello che resta è una scoperta destinata a segnare una svolta nello studio della storia degli etruschi, un popolo tanto importante quanto ancora poco conosciuto. Un ritrovamento che ha avuto risalto sui giornali esteri (The Times, Discovery Channel nel 2000, due pagine sul Sunday Times del 18 aprile 2004, solo per fare alcuni esempi) ma non abbastanza su quelli italiani...........
............La città etrusca di Gonfienti è apparsa, a seguito dell'analisi archeologica, come una delle più grandi mai scoperte fin'ora. Una città «coloniale» organizzata secondo uno schema ortogonale con aree abitative drenate da profondi canali perimetrali su un'importante via di comunicazione che la collegava alla città gemella di Marzabotto. Fondata nel VI secolo a.C. sulla base di un'attenta pianificazione urbanistica, Gonfienti è stata per duecento anni un importante centro commerciale dell'Etruria. Al punto da - pare incredibile - aver sviluppato anche un'attività tessile: gli etruschi avrebbero anticipato di almeno 2.500 anni la moderna attività di Prato. Lo confermano i reperti allo studio degli archeologi (migliaia le cassette di materiali raccolti e catalogati)...........
Tutte le istituzioni dicono che il parco archologico-naturalistico etrusco di Gonfienti è importante e si deve fare.
Il comune di Prato ha confermato lo stanziamento di 700mila euro per acquistare una parte di villa Niccolini (che sorge proprio nella zona degli scavi) in cui allestire un museo di 530metri quadri. L'assessore alla cultura di Prato Andrea Mazzoni fa sapere: «La volontà di tutelare e valorizzare come stiamo già facendo l'area etrusca c'è ed è ben chiara, per esempio, con le visite agli scavi delle scolaresche d'estate avviate da tempo. Stiamo verificando l'ipotesi di un parco archeologico etrusco ma soldi stanziati e data di inizio lavori al momento non ci sono»..............


Prato - 

Servizio di TVPrato sui 5 candidati a Sindaco del Movimento 5 stelle di Prato presentati insieme a Roberto Fico.

Mezzo Milione al Vento


Prato - 

Leonetto Tintori.jpg


"Caro Caravan, tu ami la natura e le forze che la modellano costituendo di queste la parte essenziale. Esse prestano sostanza e forma alla tua opera. Rispettale.
Lascia l'aria e la luce carezzare in pace il dorso levigato del monte di Castiglioncello, riponendo il tuo progetto in un cassetto evitando il foruncolo sulla linea pura del crinale.
Il tuo sogno e quello dei tuoi sostenitori fin quando questo resterà inattuato sarà un bel sogno. La realtà tradisce ogni buona intenzione per mano dell'uomo stesso."

Leonetto Tintori

( 1908-2000 ) Pittore, scultore e capo restauratore alla Soprintendenza fiorentina. Trasformò con la moglie Elena Berruti una residenza a Vainella in una scuola di tecniche della pittura murale, attirando studenti da tutte le parti del mondo. Nell'88 donò la struttura al Comune di Prato


Caro sindaco Cenni, lascia stare la Calvana, non sappiamo se tu ami o meno la natura, ma il palo piantatelo in giardino di casa tua.

M5S Prato.


Prato - 

Monumento al vento.jpg


Vergogna! "Vergogna" è l'unica e la sola parola con la quale si può commentare l'atto di forza con il quale la Giunta Cenni sta decidendo di portare avanti un'opera ed un spesa scellerata, come quella della costruzione del Monumento al Vento, in Caldana, a Poggio Castiglioni.
Solo e soltanto un "Monumento alla VERGOGNA" potrà essere quest'immonda riesumazione di un deturpante oggetto obbrobrioso, già da tempo condannato dai cittadini e dalla storia.
Nella discussione divampata in questi giorni, le motivazioni che sono state messe sul piatto dal Sindaco Cenni sono da voltastomaco, perché le necessità che tutti i cittadini hanno ogni giorno, sotto i propri occhi sono ben altre.
Assurdi e fantasiosi anche i riferimenti per cui l'anno 2014, vorrebbe essere quello di "Prato Contemporanea", in concomitanza con la riapertura del Museo Pecci: TUTTA FUFFA SIGNOR SINDACO, DECISAMENTE FUFFA!
Caro Signor Sindaco, ancora dopo quattro anni di governo, con questa mossa lei e la sua Giunta continuate a confermare di non aver capito che per fare politica bisogna avere una politica e per avere una politica bisogna avere una visione politica.
Ce le ricordiamo bene le sue parole durante la campagna elettorale del 2009: "Basta decisioni calate dall'alto", "Basta scelte politiche fatte ricadere sulle teste dei cittadini".
Dovìè la partecipazione in questa città? Possono i pratesi decidere se buttare mezzo milione al vento o investirli magari in una pista ciclabile? Possiamo noi cittadini decidere oppure siamo meno che NULLA per Lei?
Le chiediamo pertanto di mettere immediatamente da parte quest'idea pazzoide e riconsegnare quel luogo alla città ed alla partecipazione dei suoi cittadini.
Riconsegni quel luogo al suo legittimo proprietario che sta nella comunità di Prato.
Non si renda responsabile di questa appropriazione indebita.

Movimento5Stelle Prato

Comunarie: prima graticola


Prato - 


graticola_fb.jpg

Primo confronto tra gli aspiranti candidati sindaci del Movimento 5 Stelle. Paolo Alongi, Daniele Baldi, Fausto Barosco, Adriana Pagliai e Gabriele Pecchioli si presenteranno e risponderanno alle domande del pubblico.

Presso la sede del Movimento5stelle di Prato, si svolgerà la prima graticola delle Comunarie. Gli argomenti che verranno trattati sono: Acqua, Energia, Trasporti, Sviluppo e Ambiente. Durante la serata di potranno rivolgere domande ai 5 candidati.

Questa è una prima occasione per conoscere le idee degli esponenti del movimento 5 stelle che concorreranno alle prossime elezioni amministrative 2014 a Prato.

Stasera ore 21.15 presso la sede del Movimento 5 stelle di Prato in Viale Piave 10.

Vai alla pagina dell'evento Facebook


Prato - 

Video integrale dell'incontro con Roberto Fico a Prato. Durante l'incontro sono stati presentati anche i 5 candidati alle Comunarie 2013 per le amministrative 2014 a Prato.

Ringraziamo Silvia Fossi per le riprese e la Diretta Streaming.


Prato - 

Oggi mercoledì 9 ottobre 2013, alle ore 23.00 si concluderanno, le votazioni per eleggere i 5 candidati che continueranno la corsa delle Comunarie per diventare candidato sindaco e capolista del M5S alle amministrative 2014.
I 5 nominativi saranno annunciati domani mattina, giovedì 10 ottobre, alle ore 10.30, presso la sede del M5S di Prato in Viale Piave 10.
Durante la conferenza stampa sarà presentato, inoltre, l'incontro con Roberto Fico (Presidente della Commissione di Vigilanza RAI per il M5S) che si svolgerà sabato 12 ottobre sempre nella sede di Viale Piave e durante il quale verranno presentati anche i 5 candidati.

Movimento 5 stelle Prato


P.S.
Alla conferenza stampa verrà fornita tutta la documentazione riguardante i candidati e l'incontro con Fico.

1234257_10201460268059996_1775582947_n.jpg


Prato - 

San Giorgio a Colonica.jpg


Ieri sera a S.Giorgio a Colonica ( frazione del comune di Prato) si è svolta un'adunanza cittadina per parlare con l'amministrazione cittadina in merito all'insediamento in un'area prettamente agricola dell'attività lavorativa dell'azienda Varvarito.
Serata come sempre calda, visto gli interessi in gioco, replica di quella svoltasi venerdì scorso alla circoscrizione Sud alle Badie.
Le domande che tutti ci dobbiamo porre sono essenzialmente due: può l'amministrazione comunale agire da impresa immobiliare? Può un'azienda privata farsi scudo con i suoi 100 dipendenti ( a cui va tutta la mia comprensione per la paura di perdere il posto di lavoro specie in questi tempi di crisi)?
Tutte le altre aziende pratesi in crisi possono avere i soliti favori? Tutta la circoscrizione sud e quindi comprese le frazioni di S. Giorgio e s. Maria a Colonica, Paperino, Tavola, Iolo, sono frazioni a prevalente vocazione agricola, tanto è vero che rientrano nel famoso e altrettanto nebuloso Parco della Piana.
Aereoporto, Macrolotti, autostrada, declassata, Gida (inceneritore e epuratore),circondano questa frazione Sud di Prato, portando l'area nel suo complesso a essere letteralmente satura di inquinanti e i polli alla diossina l'hanno dimostrato ampiamente.
Come fanno Arpat e Asl ad avvallare, a norma di legge, altro inquinamento, che sia acustico o di particolato non mi riesce di comprendere.
A voi le loro scelte calate dall'alto vanno bene? La partecipazione è sempre una chimera sia per le amministrazioni di sinistra, che per oltre 60 anni hanno fatto il bello e cattivo tempo, che per l'amministrazione Cenni, che più che di cambiamento sembra essere di rattoppo mal riuscito

Daniele Baldi

Comunarie: verso il 2014


Prato - 

Si parte, una nuova avventura sta per cominciare per il M5S di Prato.
Siamo cresciuti in questi anni, qualcuno se ne è andato, nuove persone sono arrivate nel MoVimento, vecchi amici sono tornati.
Comuni cittadini: medici, operai, imprenditori, commercianti, liberi professionisti, manager; cittadini liberi che hanno in comune un obbiettivo: riprendersi ciò che gli è stato tolto, il proprio Paese e la propria Città.

Ora il nostro obbiettivo sono le comunali del 2014 e per far ciò partiremo con le Comunarie, per poter scegliere quello che sarà il nostro rappresentante che correrà per l'elezione a sindaco.
A differenza di altri non ci saranno investiture dall'alto o candidature di singoli che aspirano a sedere sullo scranno più alto della città.
Il gruppo "organizer", le persone più attive sul territorio sceglieranno cinque nomi da un elenco di 13, dopo che già 4 hanno ritirato la loro disponibilità.
Il secondo step vedrà la votazione di due attivisti per il ballottaggio, qui l'elezione verrà allargata anche ai simpatizzanti, a tutte quelle persone che nel tempo hanno sempre seguito, magari sporadicamente il M5S.
L'ultimo passaggio sarà l'elezione del candidato a sindaco e verrà aperta a tutta la cittadinanza.
Verranno organizzati dei confronti pubblici, le cosiddette "graticole", durante le quali tutti i cittadini potranno partecipare.

Questo modo di procedere a cerchi sempre più larghi è stato fatto apposta per far contare gli attivisti ed i simpatizzanti ed infine dare la parola a tutta la cittadinanza.
Nessuna nomina da una preseunta "dirigenza" o calata dall'alto.

Siamo pronti, si parte.

Lista degli attivisti che parteciperanno alle Comunarie:

Alongi Paolo
Angelozzi Loredana
Baldi Daniele
Barosco Fausto
DiNuccio Carlo
Fioravanti Amos
Gori Alessandro
Muto Francesco
Pagliai Adriana
Pastacaldi Paolo
Pecchioli Gabriele
Pulichino Marina Giulia
Santanna Francesco

I candidati a Prato

  • user-pic
    Mariangela Verdolini
« Torna alla Homepage




Visitate anche il blog del Movimento 5 stelle Prato

Partecipa ai nostri eventi


About this Archive

This page is an archive of entries from Ottobre 2013 listed from newest to oldest.

Settembre 2013 is the previous archive.

Novembre 2013 is the next archive.

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.


   © 2010 Beppegrillo.it - I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons  Creative Commons