M5SRoma

Movimento 5 Stelle Roma 10 Gennaio

Riceviamo e pubblichiamo il videoreportage dedicato all'imbarazzante situazione in cui riversa l'edificio del San Michele a Ripa e ai benefici economico-sociali che ne scaturirebbero a seguito della riattivazione degli spazi attualmente abbandonati.

"In questo video l'Arch. Dionisio Mariano Magni, l'Arch. Cristiano Mandich e Carlo d'Aloisio Mayo - esponenti del Consorzio FaròArte, promotore del progetto per il "Made in Rome" - illustrano le ragioni del progetto per la riqualificazione delle Antiche Botteghe Artigiane del Complesso del San Michele a Ripa, ubicato tra il Lungotevere Aventino, Trastevere e Porta Portese, nel cuore della Roma antica.

Le botteghe che si affacciano sul lungotevere a Ripa sono parte del Complesso del San Michele dove trova sede la Direzione Generale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali; sono permanentemente chiuse da oltre 40 anni e solo in parte attualmente utilizzate con funzione di deposito (come risulta dal sopralluogo documentale effettuato nell'agosto del 2013).

Questi locali erano fin dall'origine adibiti a botteghe artigiane.

Il progetto è coerente con quanto già stabilito dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dalla Regione Lazio, dalla Provincia di Roma e dal Comune di Roma fin dal 2004. Infatti già dieci anni fa le istituzioni affermavano... "Partendo dalla riapertura della Taverna Spagnola, già importante centro di scambio culturale nell'Europa dell' 800, e dalla progressiva riapertura delle antiche botteghe artigiane, affacciate sul Lungotevere Porto di Ripa Grande, il San Michele ritorna ad assumere la funzione di polo di coinvolgimento di attività artistiche e divulgative, divenendo punto d'incontro tra la tradizione e il futuro, tra l'artigianato e le neo tecnologie, tra l'arte e la comunicazione".

La riapertura delle botteghe consentirebbe di rivitalizzare in modo esemplare un'area nel cuore di Roma di forte valenza storica e turistica, attivando uno spazio permanente espositivo, dimostrativo, di promozione e di vendita di prodotti autentici e di qualità dell'artigianato artistico romano, sia tradizionale che innovativo, anche attraverso eventi attrattivi ed iniziative di comunicazione nell'ambito dei percorsi turistici organizzati.

Il progetto vuole concorrere a promuovere il "Made in Rome" anche per contrastare il dilagare sul mercato di prodotti di bassissima qualità e di indefinita provenienza, dequalificanti e penalizzanti uno dei tessuti produttivi di maggiore pregio, immagine ed economia per la Città di Roma."

Fonte: Maestri Artigiani per il Made in Rome

comments powered by Disqus
Ti tolo