MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Programma

Scrivi qui il programma della tua lista

13 commenti

| Commenta
  • user-pic

    tutti uniti,e loro di cambiare.............

  • mi piacerebbe partecipare a qualche riunione e dare una mano, se ce ne fosse bisogno. ciao

  • chi ha trovato il tempo di andare all'urp di san miniato entro il 27 per firmare la petizione per l'abolizione delle cosiddette pensioni d'oro si è sentito rispondere: "dovete ritornare perchè il modulo è finito e per questo il termine è prorogato". (1 un modulo raccoglie circa 25 firme) così sembra che a san miniato hanno firmato circa 35 persone. questo mi è stato riferito da un'amica che non è più potuta tornare.

  • all'urp di san miniato hanno finito i moduli (1 uno per circa 25 firme) per la raccolta delle firme sull'abolizione delle cosiddette pensioni d'oro, così chi è riuscito a trovare il tempo di andare a mettere la propria firma si è sentito dire che doveva ritornare.

  • Il gruppo di San Miniato 5 Stelle è attivo sul territorio. Brando Scardigli ebbe l'autorizzazione all'uso del Logo nel 2009 poco prima (forse troppo) delle Comunali di San Miniato. Purtroppo la lista non riuscì a raccogliere il numero di sottoscrizioni necessarie per presentarsi alle Elezioni. Il progetto per una San Miniato a 5 Stelle è ripreso nel Marzo 2011 quando Brando incontra con un gruppo di ventenni desiderosi di occuparsi direttamente del proprio territorio, senza più concedere deleghe. E' passato poco più di un anno e San Miniato 5 Stelle ha ottenuto già un importante risultato: nonostante le resistenze da parte dei politicanti, grazie anche alla campagna di disobbedienza civile portata avanti dai ragazzi, l'amministrazione si è vista costretta a dotarsi della diretta streaming per quanto riguarda le sedute pubbliche del Consiglio Comunale. Per partecipare in prima persona o solo per approfondire le nostre iniziative scrivere a sanminiatocinquestelle@gmail.com o visitare il Blog www.sanminiato5stelle.it

    Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

  • Il gruppo di San Miniato 5 Stelle è attivo sul territorio. Brando Scardigli ebbe l'autorizzazione all'uso del Logo nel 2009 poco prima (forse troppo) delle Comunali di San Miniato. Purtroppo la lista non riuscì a raccogliere il numero di sottoscrizioni necessarie per presentarsi alle Elezioni. Il progetto per una San Miniato a 5 Stelle è ripreso nel Marzo 2011 quando Brando incontra con un gruppo di ventenni desiderosi di occuparsi direttamente del proprio territorio, senza più concedere deleghe. E' passato poco più di un anno e San Miniato 5 Stelle ha ottenuto già un importante risultato: nonostante le resistenze da parte dei politicanti, grazie anche alla campagna di disobbedienza civile portata avanti dai ragazzi, l'amministrazione si è vista costretta a dotarsi della diretta streaming per quanto riguarda le sedute pubbliche del Consiglio Comunale. Per partecipare in prima persona o solo per approfondire le nostre iniziative scrivere a sanminiatocinquestelle@gmail.com o visitare il Blog www.sanminiato5stelle.it

    Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

  • user-pic

    Chiamatemi ho voglia di contribuire al movimento

  • user-pic

    Contattatemi 3471504845

  • Brando ha mollato, la lista non si farà più. Però sta nascendo la lista civica a Empoli.

    • user-pic

      Ciao, sono di San Miniato, visto che non esiste una lista comunale posso unirmi a voi di Empoli per fare qualcosa di utile?!

  • Brando ha mollato, la lista non si farà più. Però sta nascendo la lista civica a Empoli.

  • user-pic

    brando scardigli, figlio di romanello, è un emerito imbecille. Ha preso tutto da suo padre! Beppe occhio a chi candidi. Saluti da marina di Bibbona.

  • da Per un nuovo Rinascimento lista civica di Torino

    Non un programma nazionale, ma un Metodo nazionale
    Il Metodo a cui dobbiamo insieme lavorare è quindi un nuovo modo di pensare e di fare politica. È un Metodo che, detto in due parole, deve riaffermare termini oggi in disuso come democrazia e partecipazione. Democrazia partecipativa, appunto.
    Ma, se la partecipazione è un valore che noi tutti riconosciamo, dovremo essere concreti, individuando ed attuando quegli strumenti e quelle procedure che ci consentano di non cadere nell'utopia irrisoluta ed includente dell'assemblearismo spinto. Parimenti, se anche la democrazia è per noi un valore, dovremo evitare di cadere nella cieca arbitrarietà della democrazia diretta, che non riconosce altri principi ed altri valori al di fuori della semplice ed effimera espressione numerica di una maggioranza (incerta e variabile nel tempo); e che si presta anche alle derive populistiche della politica ben evidenti in Italia e nel mondo.
    D'altro canto, non dovremo cedere ad intenti direttivi e autoritari, dovremo evitare di darci un'organizzazione verticistica simile alle attuali strutture di partito, in cui le segreterie decidono autonomamente, prescrivono il programma e dettano la linea alla base. In questo senso è necessario riconoscere che finora questo Movimento non ha affrontato seriamente il problema dell'organizzazione e del Metodo e che continuando su questa strada l'unico esito possibile, oltre all'abbandono di molti partecipanti, è la riedizione di un partitino ambientalista trent'anni in ritardo. Bisogna quindi porsi subito il problema di come definire il Metodo coinvolgendo tutti coloro che si riconoscono nei valori del progetto.

    Il Metodo che dobbiamo costruire deve garantire una struttura operativa orizzontale, fondata su una serie di principi e di regole non negoziabili, all'interno della quale possa svilupparsi ed agire una rete di cittadini attivi, secondo il principio base della democrazia partecipativa: non affidarsi né a una casta politica né a un plebiscito di masse televisive, ma attribuire le scelte a quei cittadini che, mediante una partecipazione continua e informata, dimostrino l'interesse e la capacità di occuparsi della cosa pubblica, garantendo che ogni cittadino abbia il diritto e i mezzi necessari per poter diventare un cittadino attivo sulle questioni che lo interessano.
    È quindi necessario individuare e definire insieme una prospettiva politica condivisa, fatta di valori e principi caratterizzanti, e di conseguenza individuare e definire un'organizzazione coerente con tali principi, puramente funzionale e non direttiva, capace di offrire gli strumenti utili per il confronto, per lo scambio di idee, per l'azione comune. Valori e principi, regole e strumenti.

    un suggerimento sulla Metodologia Condivisa da: http://www.listeciviche.org/mediawiki/index.php?title=Metodologia_Condivisa

Invia un commento

I candidati a San Miniato

  • user-pic
    Alessio Scherillo
  • user-pic
    Barbara Guerrieri
  • user-pic
    chiara benvenuti
  • user-pic
    Daniele Bocini
  • user-pic
    Dany85
  • user-pic
    elena tanzi
  • user-pic
    Fabio Filomeni
  • user-pic
    Guy_Fawkes
  • user-pic
    Marco Nannetti
  • user-pic
    Mirko Fiaschi
  • user-pic
    pamela savastano
  • user-pic
    Roberto Bettin
  • user-pic
    Roberto La Rocca
  • user-pic
    Rosa Lembo
  • user-pic
    Simone Martini

Pagine

Archivio

Partecipa ai nostri eventi


   © 2010 Beppegrillo.it - I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons  Creative Commons