MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Sarzana - 

Ora sanno che non gli ne faremo passare nessuna.
E presto lo sapranno anche i cittadini perchè li informeremo e li chiameremo a dare battaglia per il futuro nostro e dei nostri figli.
https://www.youtube.com/watch?v=9TXnVrKExA4


Sarzana - 

Venerdì incontro per rilanciare il problema delle discariche e dell'inquinamento in pieno parco naturale nonchè S.I.C. (Sito di Interesse Comuntario) Montemarcello/Magra.
Presenti i nostri parlamentari Zolezzi e Vignaroli, 3 dei 6 neo Consiglieri Regionali Francesco Battistini, Alice Salvatore e Marco de Ferrari.
Gli inviati delle TV RAI 3 Liguria, Primo Canale, Tele Liguria Sud, i conisti de La Nazione, Gazzetta della Spezia/Sarzana on line, Il Secolo XIX.
Situazione grave ed allarmante che non dovrà essere lasciata passare sotto l'inerzia delle istituzioni comunali, provinciali e regionali.
L'interesse e l'imnpegno dei parlamentari membri della Commissione Ambinete alla Camera ci conforta.
Dopo due anni di denuncia e di lotta assieme ai cittadini dei Comitati Ente Parco Magra, presente il Presidente Pisani, e la Guardia Forestale hanno ufficializzato la gravità della situazione auspicando interventi sovraordinati.
Fa specie sapre che seppur cammuffati da uno strato di terra o da rovi e canneti, si celino nella piana del nostro fiume pericoli così importanti. Certo occultare e frazionare competenze e responsabilità è servito a nasconderre le ultime e aggravare esponenzialmente la situazione nel corso degli anni.
Continueremo la battaglia perchè non possiamo lasciare alle generazioni futrure un mondo massacrato e inospitale.
Qui uno dei servizi televisivi:
http://www.primocanale.it/video/discariche-abusive-i-cinque-stelle-il-magra-come-la-terra-dei-fuochi--72082.html


Sarzana - 

Finalmente il gruppo M5S Sarzana reintra in possesso delle credenziali per pubblicare la propria attività sulla pagina della lista bloccate da Giovanni John Giannini letteralmente sparito dall'attività del gruppo e del Movimento.
Un grazie a chi ha permesso questo e vedremo, nei limiti del possibile, di recuperare pubblicando i passaggi salienti di quanto fatto in questi due anni.
Valter Chiappini
Consigliere Comunale Capogruppo
M5S Sarzana

Odg rifiuti zero


Sarzana - 

http://mail.comunesarzana.gov.it/SOGo/so/giovanni.giannini@comunesarzana.gov.it/Mail/0/folderINBOX/26/2/18491_%20odg%205%20stelle%20RIDUZIONE%20RIFIUTI%20.pdf


Sarzana - 



Gruppo consigliare m5s
Giovanni Giannini

Al signor sindaco del comune di Sarzana

Con la presente informo il sindaco di Sarzana, Alessio Cavarra, di quanto accaduto il giorno 30 settembre 2013 affinché, nell'ambito dei suoi poteri e delle sue responsabilità, ponga rimedio in modo permanente ai gravi problemi emersi e di interesse collettivo.
Allo sportello C.U.P. dell'Ospedale di Sarzana un utente ha chiesto appuntamento per una visita occultistica urgente in presenza di un sospetto glaucoma (il "paziente" ha asserito successivamente che l'ultima visita a cui era stato sottoposto era stata effettuata "informalmente" dal medico di turno nel reparto oculistica, grazie alla personale disponibilità di questi: il medico riusciva a porre temporaneo rimedio rinviando però il paziente a prognosi "ufficiale").
La "risposta" dell'impiegato del CUP è stata negativa in termini di effettuazione della prestazione con urgenza e sgradevole allorquando il paziente si è sentito rispondere.... " cambi cavallo", nessuna possibilità, liste chiuse, per visite deve andare dal privato.
Al diniego il "paziente" ha opposto tutte le azioni dallo stesso conosciute o allo stesso indicate e suggerite:

a) decide di chiamare telefonicamente i carabinieri, per l'omissione di pubblico servizio, ma questi ultimi risultano "troppo impegnati ad arrestare qualcuno e consigliano di chiamare la polizia";
b) chiama telefonicamente la Polizia ma anche stavolta senza esito e la risposta è stata "lo sappiamo che la sanità non funziona ma non possiamo fare niente" ed hanno consigliato il ricorso al Tribunale del Malato (che ha sede, o dovrebbe averla, nello stesso Ospedale);
c) dopo inutili telefonate anche ai quotidiani si reca all'ultimo piano dell'edificio (peraltro in un corridoio malridotto con infiltrazioni d'acqua e pavimento bagnato) al Tribunale del Malato che alle 11.30 risulta aperto al pubblico senza reperire ivi alcun addetto ma neppure telefonicamente ai numeri indicati nei cartelli apposti sulla porta. Quindi è impossibile fare una qualsiasi denuncia. E' stato lasciato messaggio nella segreteria telefonica a "successiva memoria" ed auspicando nell'intervento, se pur tardivo, di questo "servizio pubblico".
d) esasperato si rivolge al sottoscritto quale esponente di associazione politica per la denuncia dell'accaduto ma soprattutto per evitare che la "vicenda" si possa ripetere per altri "pazienti".
Dall'accaduto emergono quindi due problemi:
1) la "frequente" impossibilità per il cittadino (o contribuente o utente) di ottenere, in termini temporali ragionevoli, prestazione sanitaria ambulatoriale oppure anche esami diagnostici: la conseguenza è che lo stato di "urgenza" costringe il cittadino (o contribuente o utente) ad ottenere la prestazione "improrogabile" dal servizio privato e chiaramente "a pagamento". Ciò vanifica la partecipazione del cittadino alla spesa pubblica e nello stesso tempo lo costringe a reperire le risorse economiche da destinare al "servizio sanitario sostitutivo" detraendole da altra destinazione, magari più gratificante dal punto di vista personale, o rinunziando alla prestazione nel caso in cui non dispone della "risorsa" (ipotesi attualmente piuttosto ma drammaticamente frequente);
2) la "frequente" o totale impossibilità per il cittadino di esercitare i suoi diritti, quale appunto quello dell'assistenza sanitaria, vuoi per NON CONOSCENZA delle relative procedure vuoi per la "arroganza" di chi deve fornire i servizi pubblici (addurre scuse e giustificazioni per omettere lo svolgimento del proprio compito è "arroganza", ingiustificabile, intollerabile, inammissibile),
che possono e devono essere risolti, nel modo più economico possibile e mi permetto di suggerire:
) il signor Sindaco vorrà "richiedere" alla Asl di effettuare le prestazioni urgenti o mediante ambulatorio o, nell'impossibilità di questo, mediante prestazioni di "reparto" da parte dell'Ospedale di Sarzana o, se questo impossibilitato per inesistenza del relativo reparto, da parte dell'Ospedale di La Spezia;
) il signor Sindaco vorrà "imporre" all'Asl di rendere pubbliche, mediante diffuse affissioni all'interno della struttura ospedaliera nei punti "sensibili", le procedure di attivazione dei "reclami" e dell'accesso all'informazione. Si richiede espressamente che sia attivato, in tutte le fattispecie di mancato funzionamento del Tribunale del Malato, il "potere sostitutivo" di cui alla Legge 241/90 mediante attribuzione del relativo incarico ad uno o meglio due funzionari amministrativi dell'Ospedale con indicazione dei relativi nominativi nelle affissioni sopra indicate.
Si omette, per essere fatto o fatti ben noti sia al mittente che al destinatario, ogni considerazione sulla inutilità degli investimenti in corso in materia ospedaliera e sanitaria (costruzione reparto igiene mentale, costruzione "nuovo" reparto lato mare, ri-costruzione vecchio ospedale) in presenza della manifesta intenzione di depotenziare l'intero comparto ospedaliero sarzanese, intenzione che già si concretizza con l'avvenuta chiusura di alcuni reparti.
Vorrà il signor Sindaco accertare se, nel caso evidenziato, siano occorse omissioni del servizio sanitario e comunque richiedere espressamente, a prescindere dalla possibilità o meno di rendere la prestazione, che il servizio CUP venga svolto nel totale rispetto della dignità degli utenti, senza "commenti" da parte degli operatori e con il rilascio di "rifiuto" scritto.
movimento cinque stelle Sarzana
il portavoce
Giovanni Giannini

Fondo solidarietá


Sarzana - 

Gruppo consiliare
MOVIMENTO CINQUE STELLE
CC; GIOVANNI GIANNINI

OGGETTO; interpellanza fondo solidarietá


Visto che il nostro ex sindaco Massimo Caleo ha abbandonato il suo mandato dopo appena due anni e non ha portato risultati di rilievo.

Considerando che ha lasciato il comune con una situazione imbarazzante sia economicamente sia per quanto riguarda lo stato di degrado urbano, e che oggi come membro del parlamento italiano percepisce retribuzioni più che sufficiente alla sopravvivenza.

Considerando che l' organizzazione di un piano di riassetto economico e di ripresa per la città di sarzana nel mandato del ex sindaco Caleo M, è inesistente. E la causa della degenerazione di tale situazione è in parte attribuibile alla sua persona e del suo parziale mandato.

Visto che nel programma del nuovo sindaco Alessio Cavarra la voce fondo solidarietà non esiste.

Si chiede;
che si prenda l'iniziativa di istituire un fondo di solidarietà, di accantonamento fondi per aiutare le famiglie residenti in sarzana e di usufruire di quest'ultimo per il pagamento di bollette, debiti ed altri adempimenti che molte famiglie oggi non riescono a pagare per la difficile situazione che si è venuto a creare grazie anche alla incompetente gestione delle amministrazioni.
Si chiede sopratutto che Massimo Caleo ex sindaco di sarzana sia il primo a rinunciare al tfr ingiustificato ed altri bonus immeritati e di sua volontá donare al fondo di solidarietà il tfr e bonus vari, non solo, che prenda come esempio dai Parlamentari del movimento cinque stelle e rinunci al 75% delle proprie retribuzioni attuali per il fondo solidale.
La richiesta viene estesa a tutti gli amministratori locali che hanno doppi mandati e retribuzioni che considerando le difficoltà di molti cittadini oggi sia poco riguardevoli nei confronti di chi sempre è obbligato a saldare il conto per la loro persona.

CONSIGLIERE COMUNALE
GIOVANNI GIANNINI
MOVIMENTO CINQUE STELLE

Odg rifiuti zero


Sarzana - 





Stampa P1300026.TIF (3 pagine)







Sarzana - 





Stampa P1300026.TIF (3 pagine)






1*bozza di programma


Sarzana - 

                                                                   

 
PROGRAMMA MOVIMENTO 5 STELLE SARZANA
Proposta ai cittadini (Versione 01 - 22.03.2013)
 
Elezioni amministrative  2013
Ambiente CulturaEconomia comunaleComune e Cittadini Salute
 
 
 
Ambiente Acqua Pubblica - Aree Verdi - Cemento zero - Energia - Rifiuti
                             Trasporti e Viabilità
 
​I cittadini vogliono fatti, non parole e fumo. Chiedere a Roma i milioni necessari alla messa in sicurezza dell'alveo del fiume, alla sua valorizzazione, alla sistemazione del litorale, nonché alla riqualificazione dei siti turistici (Rivalutazione e sistemazione della Piana di Marinella). Non era necessario un prevedibile disastro come l'alluvione 2011 che ha colpito le zone di Marinella, Boettola e Battifollo per fare ciò che i nostri precedenti governanti dovevano fare.
​Un cambiamento vero nella pianificazione del territorio potrà esserci solo adottando una politica del "Cemento Zero", ponendo al primo posto l'ambiente e la qualità della vita, anziché gli interessi particolari di palazzinari e politicanti.
 
​I nostri obiettivi per l'ambiente:
 
-   Dare battaglia per la riappropriazione sociale dell'acqua .
-   Recupeare e valorizzazione delle aree verdi ed urbane in abbandono e non.
-   Utilizzarre gli spazi verdi per progetti e momenti di aggregazione.
-   Conservare le aree urbane storiche e periferiche riqualificando e ri-adeguando gli edifici esistenti.
-   Promozione,  incentivazione ed educazione alle nuove forme di energia alternativa.
- Perseguire il risultato di "Rifiuti zero" seguendo l'esempio del Comune di Capannori (LU).
-  Impostare la raccolta differenziata totale per ridurre sensibilmente i danni ambientali.
-   Limitare le nuove concessioni di licenze edilizie solo per demolizioni e ricostruzioni di edifici civili o per cambi di destinazione d'uso agevolando l'utilizzo di energie rinnovabili o sistemi ecosostenibili.
 
​Alla luce del crescente sfruttamento di zone commerciali e al conseguente aumento del traffico che interessa la città, sono ancora più evidenti i limiti dell'attuale situazione.
​Un sistema di trasporti organizzato ed efficiente fa risparmiare tempo e denaro, rende la città più appetibile per chi viene da fuori incentivando così il commercio e l'economia cittadina (soprattutto nel Centro Storico), aumenta la qualità della vita.
 
​Secondo noi è pertanto necessario:
 
-    Fare un punto della situazione sulla rete dei trasporti, evidenziandone problematiche e punti aperti;
-   Promuovere concorsi di idee, coinvolgendo giovani professionisti sarzanesi del settore Architetti, geometri,
ingegneri) per cercare soluzioni alternative migliori;
-    Potenziare e riorganizzare i parcheggi gratuiti nelle zone periferiche;
-    Creare/potenziare il trasporto pubblico con veicoli ecologici (es. pulmini elettrici);
-    Ripensare e migliorare il concetto di ZTL e il suo sfruttamento;
-    Creare piste ciclabili sicure, complete ed efficienti per promuovere anche nuove forme di turismo;
-    Sensibilizzare ed incentivare i cittadini all'utilizzo di mezzi ecologici.
 
CulturaIstruzione e Sport
 
​È diffusa l'esigenza di ridare energia alla vita culturale della città, che negli ultimi anni è stata trascurata, anche perché le grandi iniziative muovono grandi masse, col conseguente ritorno economico anche per il commercio cittadino.
​Gli eventi culturali non devono essere limitati al periodo estivo ma devono essere una costante che presenti al mondo intero Sarzana come città di cultura.
​Il Comune deve Valorizzare le realtà già presenti sul territorio, favorendo la collaborazione fra di esse e l'amministrazione, nonché promuovendone la conoscenza da parte della cittadinanza.
 
​I nostri obiettivi per la cultura:
 
-  Promuovere e valorizzare la produzione e lo scambio culturale.
- Creare la Consulta delle Associazioni Culturali per una gestione partecipata e propositiva e la stesura di un calendario razionale degli eventi.
-  Individuazione e creazione di SPAZINCOMUNE (lettura, arte, teatro, sala prove, Internet, ecc.)
- Realizzazione di un periodico di informazione e sviluppo del sito internet del Comune di Sarzana.
- Varare un piano urgente di ristrutturazione,  anche economica, del Teatro Impavidi perchè la promozione delle attività culturali non potrà prescindere dalla piena funzionalità dello stesso.
-  Creare un Centro per realizzare un'agorà multifunzionale.
- Realizzare la "Casa dell'altraeconomia" per la promozione di agricoltura biologica, energie rinnovabili, riuso e riciclo, turismo responsabile, finanza etica, comunicazione aperta ed occasioni di didattica per tutte le età, che possa rivelarsi sia come stimolo che come opportunità partecipativa per giovani ed anziani.
-   Mantenere l' utilizzare della struttura del tribunale anche dopo lo smantellamento dello stesso previsto per mese di settembre 2013. La nostra idea prevede la creazione di sportelli unici medici-finanziari-sociali-amministrativi, accessibili di persona, per telefono via Skype e via web, che risolvano i problemi burocratici che subiscono i cittadini tutti i giorni.
 
​L'attività fisica, ancor prima che lo sport agonistico devono essere sostenuti quali fattori educativi, socializzanti, protettivi per la crescita ed il mantenimento di una buona salute, in ogni comunità e per ogni fascia di età.
 
​I nostri obiettivi per lo sport:
 
-   Valutare l'assegnazione di specifici contributi a sostegno delle Associazioni sportive.
-   Revisione delle disponibilità degli impianti pubblici e conseguenti assegnazioni.
-   Correggere l'accesso agli impianti sportivi dell'area "Berghini"
 
​I nostri obbiettivi per la scuola:
 
-   Aumentare la ricettività degli asili e compatibilizzare gli orari di apertura con le esigenze delle famiglie.
-   Sviluppare i "micronidi" familiari e aziendali data la grande difficoltà economica di accesso agli Asili
da parte delle famiglie e la frequente distanza degli asili dal posto di lavoro.
-   Organizzare e sostenere il progetto 'Piedibus' e cioè accompagnamento a piedi strutturato dei bambini sul
percorso casa-scuola per tutte le scuole comunali, anche in sinergia con Associazioni ed anziani del quartiere sul modello 'Nonno civico' da utilizzarsi anche per il recupero di attività di polizia municipale.
-   Valorizzare l'educazione fisica fin dalle scuole elementari.
-   Promuovee la collaborazione degli istituti scolastici con le Società Sportive.
-  Indirizzare fondi pubblici verso il miglioramento delle infrastrutture scolastiche pubbliche (Liceo Parentucelli, Scuole Medie, Scuole Elementari e Asili) a discapito del loro utilizzo per finalità non socialmente utili.
 
Economia comunaleCommercio - Turismo
 
​A prescindere dal fatto che riteniamo inderogabile un piano globale per il Commercio per Sarzana che blocchi la colonizzazione del territorio da parte dei centri commerciali, i nostri obbiettivi sono:
 
-   Maggior controllo dei requisiti di Commercianti e licenze.
-   Istituire la "Consulta dei commercianti e artigiani" che lavori a stretto contatto con l'amministrazione con riunioni
periodiche.
- Ridurre al massimo la burocrazia nella risposta ai commercianti, alle imprese ed agli artigiani.
-   Istituire uno "Sportello unico per gli artigiani e le piccole imprese", per la composizione di un Albo comunale che faciliti l'associazionismo temporaneo fra le medesime.
- Valutare fattibilità della applicazione modello ARCIPELAGO SCEC (moneta alternativa ) 
-   Revisione e nuova regolamentazione delle aperture di negozi e centri commerciali.
 
i nostri obbiettivi per il turismo sono:
 
-   Organizzazione di un sito web in più lingue che permetta (possibilmente in wireless ) di reperire informazioni su tutti i servizi turistici della città.  Mappe, orari di apertura dei siti di interesse culturale .Orari dei mezzi pubblici con possibilità di acquistare biglietti giornalieri validi su tutto il territorio circostante.
-   Rivalutazione e cura del decoro delle strutture turistiche già esistenti . Proporre una    attenzione alla ricettività del turismo disabile e delle caratteristiche particolari delle richieste
-   Organizzazione di percorsi ed itinerari per la costruzione di pacchetti turistici con base in città.
-   Gestione di un punto informazioni turistiche che consenta di reperire tutte le informazioni e il materiale cartaceo  sui servizi , sugli eventi e sulle manifestazioni in programma                                          
-  Una particolare attenzione al Teatro Impavidi e a tutte le  manifestazioni culturali ( Sconfinando, Soffitta nella strada,    Festival della mente ecc ecc ) che hanno portato notorietà  a Sarzana, ma che turisticamente non offrono servizi adeguati  all'alto numero di presenze.
 
Comune e cittadini Trasparenza - Partecipazione -  Welfare - Sicurezza
 
​I nostri obiettivi per la trasparenza e partecipazione sono:
 
-   Introduzione del referendum deliberativo senza quorum.
-   Adozione del metodo del bilancio partecipato.
-   Attuazione del metodo di progettazione ed urbanistica partecipata.
-   Rilancio e riorganizzazione delle  consulte territoriali dei cittadini.
-   Istituzione di Consulte tematiche che riuniscano le diverse Associazioni interessate.
-   Istituzione di "Centri Civici Comunali".
-   Istituzione di corsi di formazione per i cittadini per permettere la comprensione degli atti amministrativi.
-   Mettere a portata di "click" attraverso il Web l' Amministrazione comunale.
-   Trasmettere le riunioni del Consiglio Comunale in streaming riprendendo in video le sedute.
-   Ridurre i costi della macchina Comune a servizi invariati, dove fattibile.
-   Pubblicare on line le retribuzioni dei consiglieri comunali, assessori, sindaco e dirigenti.
-   Eliminare gli sprechi e revisionare e limitare al minimo le spese per consulenze, Società partecipate, appalti, convenzioni, beni e servizi.
-   Rivedere i criteri di nomina degli amministratori degli enti comunali e delle società partecipate.
-   Creare un'anagrafe comunale pubblica con organigramma, retribuzioni e bilancio delle società partecipate.
-   Verificare gli eventuali conflitti di interesse.
-   Abbattere l'evasione fiscale comunale utilizzando tutte le informazioni in possesso del Comune per individuare e
denunciare gli evasori delle imposte locali.
-   Istituire l'evento "La parola ai cittadini" con cadenza almeno semestrale e presenza della Giunta Comunale.
-   Istituire il Consiglio Comunale dei giovani con elezione tra i residenti di età compresa fra i 14 ed i 18 anni.
 
​I nostri obbiettivi per il welfare:
 
-   Proporre un nuovo modello di welfare comunale che sia in grado di aiutare e stimolare tutti i cittadini.
-   Combattere ogni forma di discriminazione in materia di origine etnica, di religione o di convinzioni personali di disabilità o di orientamento sessuale.
-   Creare maggiori opportunità per soggetti svantaggiati.
-   Sviluppare di nuove forme di imprese sociali.
-   Stimolare e progettare momenti di aggregazione giovanile familiare e per anziani.
-   Creare di un Centro antiviolenza locale.
-   Contrastare senza quartiere il meccanismo di scambio  "lavoro -consenso".
 
​Il sequestro Calevo, pur nei suoi risvolti positivi, ha rivelato a tutta Italia che  Sarzana non è una  città  sicura ed ha evidenziato l'esistenza di nuclei di criminalità che attentano il quieto vivere di tutti i cittadini. Nei quartieri e nelle zone periferiche (tra questi Grisei, Nave, Bradia, Sarzanello, Falcinello, Pratolino) i furti nelle abitazioni, da episodi sporadici, sono diventati molto frequenti e piuttosto preoccupanti con necessità da parte dei cittadini di rivolgersi a servizi di vigilanza privata con accollo delle conseguenti spese. Per non parlare delle zone a rischio del centro città come la stazione o l'ex mercato ortofrutticolo.  La sicurezza di Sarzana non deve essere delegata  ai cittadini ma deve essere garantita dal comune con azioni concrete. Sarzana ha diritto di vivere in sicurezza!
 
​I nostri obiettivi per la sicurezza:
 
-    Potenziare la collaborazione operativa tra la nostra Polizia locale e le forze dell'ordine (Carabinieri, Polizia), allo scopo di gestire in forma associata il servizio di pronto intervento e sviluppare un pattugliamento misto notturno sul territorio
-    Creare il Comitato per l'ordine pubblico e la sicurezza per l'esame di specifiche problematiche legate alla
sicurezza ed alla prevenzione della criminalità nel nostro territorio.
-     Istituire i Poliziotti di quartiere sul territorio, a supporto della polizia locale
-     Migliorare l'illuminazione pubblica, con posizionamento di nuovi punti luce in vie o parcheggi pubblici
dove sono carenti o inesistenti:  individuare strade poco illuminate.
-     Installare videocamere, sentito il parere del Comando di polizia locale, per creare una rete di cancelli
virtuali collegati al sistema delle forze dell'ordine.
-     Istituire il Servizio assistenza "Sarzana sicura". Per la sicurezza dei sarzanesi si avvierà  la procedura per
l'attivazione di una polizza assicurativa allo scopo di fornire una prima ed immediata assistenza alle famiglie, spesso anziani, residenti vittime di furti, scippi e rapine.
-     Sottoscrivere una convenzione con impresa specializzata in impianti antifurto.
-     Convenzionare col comune di Sarzana un Corso autodifesa femminile.
-    Organizzare Corsi "antitruffa" finanziati dal comune indirizzati agli anziani.
 
Salute

​I nostri obiettivi:
 
-    Facilitare l'utilizzo dei servizi sanitari e socio-sanitari abbattendo l'odierna burocrazia implacabile.
-    Mettere e mantenere i servizi sanitari del territorio ospedalieri, territoriali e domiciliari in sinergia fra loro ed tararli riportando le necessità dei cittadini al centro delle decisioni nell'ottica della ricerca del minor ricorso possibile al ricovero.
-   Sfruttare al massimo le potenzialità l'ospedale San Bartolomeo, riportandolo e mantenendolo a totale conduzione pubblica e facendolo rispondere in primis ai bisogni dei cittadini del comprensorio sarzanese e della Val di Magra.
-   Mettere in campo tutte le soluzioni ed il peso possibile per ottenere l'accorciamento dei tempi di attesa e la possibilità di curarsi nel nostro territorio.
-   Prevenire e ridurre al minimo i fattori di rischio ambientali e sanitari.
-   Combattere il disagio giovanile, l'abuso di alcool e l'uso di sostanze.
-  Rilanciare e potenziare il Consultorio Familiare ed aumentarne l'integrazione coi Servizi sociali comunali.
-  Dare un posto importante e fondamentale alla solidarietà sociale per migliorare la qualità della vita dei cittadini.
-  Impostare e perseguire politiche attive e remuneranti in termini di diritto al lavoro, assistenza agli anziani e diversamente abili, supporto ed assistenza all'infanzia, integrazione nel rispetto dei diritti e doveri reciproci.  
 
 
 

 
 
​N.B.: LA PRESENTE BOZZA È STATA REALIZZATA IN FORMA PARTECIPATA CON IL CONTRIBUTO DEI CITTADINI CHE, AI BANCHETTI, CON QUESTIONARI, NELLE RIUNIONI PUBBLICHE E SULLA RETE INTERNET, HANNO ESPOSTO LE PRIORITÀ PER IL NOSTRO COMUNE RACCOLTE DAI GRUPPI DI LAVORO TEMATICI. E', CHIARAMENTE, UN "WORK IN PROGRESS" APERTO AD ULTERIORI ELABORAZIONI FINO ALLA VERSIONE DEFINITIVA DA DEPOSITARE.
/4
Stampato in proprio 2013 03 26

I candidati a Sarzana

Partecipa ai nostri eventi