« Lo Stato mi deve difendere, non mi deve offendere...
Il Movimento restituisce 6.342 euro al Comune »

A testa alta

(di Vittorio Bertola) 29.02.12 15:08


Lunedì sera il consiglio comunale ha parlato di Tav due volte; la prima in risposta alle comunicazioni urgenti di Fassino sugli scontri di sabato, richieste da noi (il punto saliente del suo intervento è che Luca Abbà sarebbe caduto perché il suo telefonino ha creato un arco elettrico coi cavi…); la seconda su due ordini del giorno, uno del PD sostenuto anche dal centrodestra, l’altro di SEL e IDV, che esprimevano solidarietà a Caselli per le minacce di morte prendendo nel contempo posizione rispettivamente “Sì Tav” e “Forse Tav”. Nel video in alto trovate il mio primo intervento; segue quello nella seconda discussione, difficile per le continue interruzioni e contestazioni dai banchi del PD (purtroppo nel video si sentono poco) e per la mia tracimante incazzatura.

Oggi Specchio dei Tempi apre non a caso con una lettera che dice: non importa se un ragazzo è caduto dal traliccio, cavoli suoi, io dovevo passare di lì e ci ho messo molte ore in più. Propaganda a parte, e comunque la si pensi sul Tav, il cinismo di molti è davvero disperante: chi se ne frega se una persona sta morendo per un ideale, l’importante è che io possa arrivare di corsa dove devo andare.

E chissà con che fretta poi, dato che la maggior parte degli italiani sono schiavi di una società che li obbliga a correre tutto il giorno per riuscire a malapena a sopravvivere, mentre una piccola parte vive nella ricchezza ottenuta spesso tramite soprusi, ruberie e manipolazioni della politica. Non di rado le persone che reclamano “ordine e disciplina” sono poi le prime a brontolare per la crisi e la corruzione; ma non fanno altro che lamentarsi, senza mai alzare la testa.

A me dispiace molto per i disagi che molte persone subiscono per le manifestazioni No Tav e me ne scuso, ma la Torino-Lione è l’ennesimo modo per portare 22 miliardi di euro nelle tasche dei grandi gruppi economici (quindi dei partiti che loro finanziano) e delle mafie (è già provata in tribunale l’infiltrazione della criminalità organizzata in tutta l’alta velocità italiana) quando allo stesso tempo gli stessi politici ti dicono che devono aumentare i biglietti del pullman del 50%, chiudere gli asili e far morire la gente sulle barelle al pronto soccorso perché “non ci sono soldi”. Se poi qualcuno preferisce che 22 miliardi di euro di soldi nostri vengano spesi in un treno supercostoso e inutile invece che nei servizi pubblici che usiamo tutti quotidianamente, va bene, è una opinione legittima, però poi non si lamenti della condizione in cui versa l’Italia.

Lunedì, dopo il mio intervento, io e Chiara abbiamo litigato ancora con alcuni consiglieri del PD; ci accusano di non rispettare le istituzioni, di contestare la magistratura, di fiancheggiare le manifestazioni e anche le violenze. Ma credono forse che non ci siamo chiesti dove porterà questo clima, dove finirà l’Italia? Eppure, i partiti di ogni colore ci chiedono, per non mettere a repentaglio la tranquillità di tutti, di chinare la testa; di accettare la corruzione, la prevaricazione, la distruzione dei beni comuni. Questo, mi spiace, non lo possiamo fare; ce lo vieta in primo luogo la nostra coscienza.

E non possiamo smettere di pensare che la prima responsabilità di ciò che sta accadendo sta in chi, avendo la responsabilità di gestire le istituzioni in nome del popolo, è disposto a sacrificare la pace e la democrazia per perseguire ad ogni costo un affare economico da miliardi di euro.





4 Comments

user-pic

"la maggior parte degli italiani sono schiavi di una società che li obbliga a correre tutto il giorno per riuscire a malapena a sopravvivere"

Ma perchè devi sempre insultare gli italiani? Mi sembri il buon vecchio berlusca. Correre e fare sacrifici e un dovere dei cittadini, come e un diritto poter andarsene a sciare o fare camminate in montagna senza che un manipolo di persone te lo impedisca.

Io sono assolutamente favorevole alla TAV, un progetto voluto e approvato a livello Europeo e da più governi, sia di destra che di sinistra...forse una sua utilità potrebbe averla....forse...! E in tutti gli interventi dei no-tav (inclusi i vostri post) non ho mai sentito buone ragioni per cambiare opinione...!

Comunque certo, diamo i soldi alla sanità, li la mafia e gli sprechi non ci sono!!!

"mentre una piccola parte vive nella ricchezza ottenuta spesso tramite soprusi, ruberie e manipolazioni della politica"

Sbaglio o tu i tuoi soldi li hai fatti grazie alla dot-com bubble?
Sbaglio o chiara nonostante vari solleciti non ha mai dichiarato quanto la sua società percepisce di rimborso dal comune? viva la trasparenza

user-pic

Marco, forse per te sarà diverso, ma io spesso ho la sensazione di correre a vuoto di lavorare per nulla...
Per le ragioni no-tav guarda che se cerchi in rete di persone che argomentano con numeri ne trovi quante nei vuoi, viceversa sono un po inconsistenti le ragioni pro, che si riassumono sostanzialmente in: "si deve fare perchè così è stato deciso e perché è importante per l'europa"
Prova a sentirti l'editoriale di ieri sera a "servizio pubblico" di marco travaglio...

Ti suggerisco poi di informati sulla storia del vajont (c'è un bello spettacolo di paolini che la racconta bene), anche li l'opera era importante, necessaria, imponente, decisa dal potere centrale e portata avanti da un grande gruppo industriale, su la testa dell'amministrazione e della popolazione locale, allora non organizzata come oggi in val susa, se lo fossero stati forse 2000 persone non sarebbero morte.

Certo le due situazioni sono diverse, ma le analogie sui meccanismi decisionali, secondo me, sono molto forti, vale la pena di pensarci su per imparare dagli errori del passato.

user-pic

Roberto, l'intervento di Travaglio l'ho ascoltato...ma a parte qualche battuta che mi ha fatto sorridere non evinco nessun dato che mi faccia cambiare idea...sarà forse il mio odio verso chi vuol far politica con la comicità per accattivarsi i consensi della folla, lo trovo di cattivo gusto e fuorviante...esattamente come fa spesso Grillo, che con battute e satira riesce a inculcare nelle persone concetti sbagliati e fuorvianti (mi riferisco soprattutto a nucleare e economia/derivati) che vengono poi ripresi da persone che senza avere le competenze ripetono come pappagalli che il nucleare e dannoso e che i derivati sono strumenti del diavolo.

Sul fatto che tu abbia la sensazione di correre a vuoto mi dispiace, non so cosa dirti, ma non credo sia colpa dei "padroni" che ci "schiavizzano". Soprattutto non credo che gli italiani siano tutti dei burattini imbecilli...!!

Sul Vajont non vedo nessuna correlazione con la TAV...!!

A furia di pensare agli errori del passato siamo un paese che non si muove, perchè grazie ad un sistema come il nostro basta che 2 persone su 50 milioni non siano d'accordo che si blocca tutto...!

user-pic

@Marco
Non hai mai sentito una valida ragione per il NO oppure semplicemente non le vuoi ascoltare? Tu stesso dici "un progetto voluto e approvato a livello Europeo e da più governi, sia di destra che di sinistra...forse una sua utilità potrebbe averla....forse..", scusa fammi capire, ti basta un FORSE per essere d'accordo con quest'opera? Riesci a dirmi qualche ragione per cui questo TAV dovrebbe essere utile??
Da Lisbona a Kiev tutti se ne fregano di questo TAV. I francesi sono gli unici, assieme a noi, alle prese con un tunnel esplorativo. La nostra informazione schierata invece ci sta convincendo che l’opera è già lì bella pronta, aspettano tutti noi per completare l’ultimo pezzettino.
Il TAV è inutile perchè la linea attuale è largamente sottoutilizzata (20% circa delle sue potenzialità). Il traffico merci sta calando costantemente mentre le previsioni (di parte!) parlavano di decuplicazione del traffico, chiaramente in preda a deliri da stupefacenti. Fermo restando comunque che le merci non hanno certo bisogno dell’alta velocità. Le merci notoriamente non viaggiano veloci perché non ne hanno bisogno, al contrario richiedono affidabilità e basso costo. Basso costo e TAV non sono sinonimi, anzi è vero il contrario. Prova a prendere un freccia rossa o un TGV... Tanto per fare un ulteriore esempio: secondo te negli stati uniti le merci viaggiano da una costa all'altra con treni ad alta velocita?
Allora dirai: il TAV serve per i passeggeri. Ma nuovamente non è un'idea oggettivamente sostenibile, perché già OGGI a Lione ci si può andare con un TGV in 3 ore, provare per credere. Mentre migliaia, milioni di altri passeggeri in giro per l’italia sono costretti a viaggiare come cani. Per non parlare delle linee senza neppure l'elettrificazione.
Il TAV oltre ad essere inutile è estremamente oneroso economicamente e dannoso in termini ambientali, e qui ce ne sarebbe da parlare moltissimo ma non voglio dilungarmi anche perché credo sia suficiente la prima argomentazione: l'opera è inutile.
Ultima cosa: smettiamola di berci frasi tipo “possibile essere sempre contro le grandi opere?”, che spesso si sentono. Non tutte le grandi opere vengono contestate: ricordo ben poche proteste, per non dire nessuna, per la metro a torino e per l’alta velocità torino milano. Forse perchè erano (e sono) effettivamente utili, tanto da giustificare i costi? Anzi, la metro a torino se non sbaglio si è rivelata addirittura sottodimensionata.
---
I conflitti di interessi sul TAV
Byoblu - Ultima Parola
http://www.youtube.com/watch?v=4fLyGEAezOo

Lascia un commento