MoVimento 5 Stelle Rimani aggiornato su questa lista Iscriviti al MoVimento 5 Stelle

Inserisci la tua email per rimanere informato sulla lista certificata in questo comune





Tenetemi aggiornato
Sono disponibile ad aiutare la lista

MoVimento 5 Stelle

Trasporti


Treviso - 

Oggi

Rispondi. Partecipa. Cambia. Il 26 e 27 maggio 2013 fidati di te! :-)

Vota Alessandro Gnocchi Sindaco!


ale.jpg


Treviso - 

Il nostro programma

Mobilità


Mobilità Ecosostenibile a Treviso (M.E.TRE.): un modo nuovo di vivere la città ed i quartieri secondo noi deve caratterizzare la prossima Amministrazione comunale di Treviso. È necessario, nel centro storico come nei quartieri, porre al centro dell'attenzione modalità di spostamento dolci ed ecosostenibili, fondate principalmente sull'utilizzo del mezzo pubblico, delle biciclette e sulla possibilità di spostarsi piacevolmente e in sicurezza anche a piedi. Agli interventi materiali si devono affiancare momenti di informazione e formazione sui temi della sicurezza e della necessità di rendere più efficienti gli spostamenti. Tali scopi saranno perseguiti anche valorizzando l'ufficio del Mobility Manager comunale.

√ Zone 20 e 30
Introduzione e predisposizione di zone con limite di velocità a 20 o 30 km/h (zone 20/30) non solo mediante semplice segnaletica ma con l'uso di sistemi fissi (es.ostacoli per il restringimento della carreggiata, dossi, pavimentazioni), che garantiscano la preminenza e la sicurezza di pedoni e ciclisti nelle zone del centro storico e nelle zone di quartiere. Permettere spostamenti sicuri casa-scuola sviluppando le esperienze quali il Pedibus e introducendo la possibilità di spostamenti autonomi e sicuri da parte di bimbi e ragazzi.


√ Zone a traffico limitato e riservate ai pedoni nel centro storico
Progressiva estensione delle aree pedonalizzate e/o delle zone a traffico limitato (ZTL) mediante un percorso condiviso e partecipato che coinvolga esercenti, residenti e utenti, con il supporto dell'ufficio comunale del Mobility Manager: creazione di un vero e proprio salotto della città di Treviso. Tali zone andranno a integrarsi con le zone 20/30 al fine di garantire l'accessibilità al centro storico, privilegiando i pedoni, le bici e il mezzo pubblico rispetto alla mobilità privata.

√ Mobilità in bicicletta
Completamento e valorizzazione del biciplan in connessione con le misure di introduzione di zone 20/30, zone pedonalizzate e zone a traffico limitato, e realizzazione di sistemi di separazione delle piste ciclabili presenti sui principali assi stradali cittadini, laddove non presenti, garantendo che tali piste rimangano libere e percorribili. Riorganizzazione di tutte le rastrelliere porta biciclette della città al fine di ridurre al minimo i furti dei cicli. Tutte le vecchie rastrelliere potrebbero essere riutilizzate negli spazi pubblici della città. Individuazione di un'area strategica per la realizzazione di un deposito biciclette custodito.

√ Mezzi pubblici non inquinanti per la mobilità in centro storico
Introduzione di Bus Piccoli Veloci ed Ecostenibili (BPVE), nel quadro della complessiva riorganizzazione della mobilità, per accedere al centro e collegare i principali parcheggi esterni della città, prevedendo punti di interscambio delle linee nelle piazze cittadine. I parcheggi scambiatori esterni dovranno essere facilmente individuabili e raggiungibili attraverso idonea segnaletica e dovranno essere dotati di servizi per i disabili. Dovrà essere inoltre adeguata la dotazione di postazioni di bike sharing (noleggio bici).

√ Educazione civico - stradale e cultura della mobilità
Promozione di programmi di educazione civico-stradale da introdurre in ogni scuola pubblica, a partire dalle esperienze già attuate, con l'obiettivo di favorire un approccio consapevole alla circolazione e di valorizzare l'utilizzo di mezzi eco-sostenibili (biciclette, bici elettriche, pedonalità, ecc.). Per vivere la città in modo sicuro, sostenibile, efficiente e pulito.

√ Informazione sulla mobilità
Video informazioni in tempo reale su traffico, inquinamento atmosferico e disponibilità mezzi, con progressiva introduzione di sistemi informatizzati (anche con il ricorso a finanziamenti europei, es: progeto Smart cities) per permettere l'informazione in tempo reale sui collegamenti disponibili.

√ Metro-bike e metro minuto
Introduzione di segnaletica, dedicata ai percorsi a piedi e in bicicletta, con tabelle colorate riportanti i tempi medi di percorrenza che forniscano a cittadini, turisti e persone diversamente abili, indicazioni precise sui percorsi consigliati tra i luoghi principali della città. Creazione di mappe cartacee (simili a piantine della metropolitana, differenziate a seconda del mezzo utilizzato per lo spostamento), e di un'applicazione web, possibilmente anche in lingua inglese.

√ Riqualificazione zona stazione
Riorganizzazione dell'area intorno alla stazione, piazzale Duca d'Aosta, introducendo una corsia preferenziale per i bus e mettendo in sicurezza tutte le fermate dell'area per tutti gli utenti e, in particolare, per la grande massa di studenti che ogni giorno affolla la zona. Adeguamento della dotazione di rastrelliere portabiciclette, privilegiando sistemi che dissuadano possibili furti.

√ Attraversamenti pedonali
Segnalazione di tutti gli attraversamenti pedonali con vernici colorate che possano farli meglio risaltare e revisione di tutti gli attraversamenti seguendo le indicazioni contenute nelle "linee guida sulla progettazione degli attraversamenti pedonali" dell'ACI.

√ Micro - distribuzione ecosostenibile
Introduzione di sistemi che favoriscano la distribuzione delle merci in città per chi usa mezzi ecologici adeguati alle normative europee sul rispetto dell'ambiente

mobilità.jpg


Treviso - 

Una mano pesante nelle tasche dei cittadini di Treviso.

Nel 2012 l'amministrazione Comunale di Treviso, targata Gentilini, aveva cavalcato l'introduzione dell'IMU calcando la mano. L'IMU sui fabbricati diversi dall'abitazione principale era pertanto aumentata di 1.600.000 euro, quando la legge indica che l'aliquota minima corrisponde al 7,6 per mille. Il comune perciò aveva introdotto un aumento dell'aliquota minima pari a 0,7 punti percentuale, portando l'aliquota IMU all' 8,3 per mille.

Nel 2013 l'aliquota IMU aumenta ancora e passa al 8,7 per mille sui fabbricati diversi dalla prima casa.
Così le nuove aliquote IMU approvate dalla maggioranza Lega-Pdl impongono ai proprietari di capannoni e di fabbricati produttivi un ulteriore aumento di tasse pari a 800.000 euro rispetto all'anno scorso, equivalente ad un aumento della tassazione del 13,6 %.
Anche i proprietari di negozi e seconde case dovranno pagare 400.000 euro in più rispetto al 2012. Per un totale di 1.200.000 euro.

L'attuale amministrazione uscente, composta da Lega e Pdl, evidentemente non tiene conto della grave crisi economica e aumenta anche per il 2013 le tasse sulle seconde case, i negozi e i capannoni.

Con questi aumenti l'amministrazione incrementa le entrate del 5,6%. Una mano pesante nelle tasche dei propri concittadini. E non si può certo dire che il Comune coinvolga, o voglia coinvolgere, i contribuenti, i cittadini di Treviso, nella decisione di come utilizzare queste risorse aggiuntive.

Mentre il Paese è in recessione, la gente perde il lavoro e le aziende chiudono, chiedere un aumento complessivo dell'IMU di 2.800.000 euro significa trasferire risorse significative dalle tasche dei cittadini alle casse comunali.

Ancor più sorprendente, è il fatto che tale incremento di gettito sia stato stabilito dalla Giunta Comunale senza aver preventivamente individuato un adeguato impiego di queste somme sottratte ai contribuenti. Manca infatti una previsione di bilancio che giustifichi il sacrificio chiesto oggi.

Quali sono le prospettive dell'amministrazione uscente che vuole perpetuarsi altri 5 anni per Treviso?
Il parcheggio sotto Piazza della Vittoria?
Le continue fughe in avanti e marce indietro sulla pedonalizzazione del centro?
Un altro risiko immobiliare per cementificare la città con il Piano di assetto del territorio adottato in fretta e furia allo scadere del mandato?
Insomma cosa pensano di fare il con questo tesoretto di quasi 3 milioni di euro, soldi chiaramente sottratti ai cittadini, quando il candidato della Lega Gentilini continua ad affermare che non ci sono risorse per fare nulla di più e di meglio di quanto fatto fino ad ora? Dove sono le idee per rilanciare la nostra città?
Per 20 anni gli amministratori uscenti hanno inutilmente alimentato le speranze di benessere di tanti elettori proprietari di terreni, capannoni e case e ora impongono un costo pesante a tutti i contribuenti.
Il MoVimento 5 Stelle di Treviso giudica questi aumenti eccessivi perché producono un danno ai cittadini e all'economia intera in questa fase di crisi. Si continua a togliere dalle tasche dei cittadini invece di ridurre le spese comunali, con una gestione più accorta e non clientelare, e, soprattutto, non c'è alcuna strategia di rilancio che giustifichi lo sforzo.

Riteniamo, invece, che nel nostro programma siano indicate numerose proposte concrete che, coinvolgendo i cittadini, le categorie, le associazioni, permetteranno a Treviso di recuperare il ruolo di locomotiva economica. A partire dalla valorizzazione delle ricchezze storiche, architettoniche, artistiche, paesaggistiche per il rilancio del settore turistico e culturale, attraverso la creazione di percorsi, l'individuazione di spazi, la diffusione della conoscenza di queste risorse.

Inoltre è necessario puntare sulle conoscenze e capacità di innovare del nostro territorio per il rilancio delle attività produttive a cominciare dalla tradizione nel design, in collaborazione con l'Università, sviluppando il progetto Treviso design dando una connotazione ecosostenibile proiettata al futuro, con ricadute su tutte le realtà economiche a cominciare dalla innovazione di prodotto, la possibilità di attrarre finanziamenti europei, promuovere il made in Treviso, come simbolo di qualità ed eccellenza.


Treviso - 

Il nostro programma

Ambiente, rifiuti, attività agricole


L'ambiente è la dimensione che accomuna ciascun cittadino. Per la tutela dell'ambiente è di vitale importanza che ogni membro della comunità sia informato e consapevole, che sia coinvolto e che partecipi alle azioni volte al miglioramento del territorio.
In questa sezione del programma è inclusa l'attività agricola che, se orientata alla produzione locale di qualità, può rappresentare un elemento di beneficio ambientale e progresso didattico-culturale.
Il tema della qualità dell'aria, legata nella città di Treviso alle fonti di alimentazione degli impianti di riscaldamento e al traffico veicolare, è già oggetto delle proposte relative a energia e mobilità.

√ Presentazione annuale del rapporto ambientale
Organizzazione di un appuntamento annuale per illustrare alla cittadinanza le relazioni Arpav contenenti lo stato dell'ambiente della città. Presentare, in tale incontro, le strategie che l'Amministrazione intende adottare e raccogliere suggerimenti, commenti e sollecitazioni da parte dei cittadini. Tale momento di informazione e partecipazione dovrà svolgersi in orari e con modalità che permettano il coinvolgimento della più larga parte della cittadinanza, in particolare gli studenti.

√ Valorizzazione ed estensione dei parchi urbani
Valorizzazione dei parchi e delle aree verdi esistenti (es. Parco dello Storga, Parco del Sile) promuovendo l'estensione dell'ambito tutelato e attrezzando percorsi pedonali e cicloturistici, anche in collaborazione con gli altri Enti, che ne permettano la più ampia fruizione anche in contesto sovracomunale. Installazione di un'idonea cartellonistica, promozione delle manifestazioni e organizzazione di percorsi guidati per le scuole.

√ Estensione degli orti urbani e degli orti condivisi
Individuazione di nuove aree di espansione degli orti urbani e sostegno a quelli esistenti (es. zona Fiera). Creazione di aree per la realizzazione di orti condivisi e diffusione delle pratiche sostenibili di agricoltura in ambito locale, con la collaborazione di fattorie didattiche, cooperative sociali e scuole, e promozione di seminari e corsi di formazioni pubblici.

√ Promozione e diffusione di prodotti locali e tipici
Tutela e promozione dei prodotti tipici locali a partire da quelli dei Consorzi enogastronomici (es. radicchio di Treviso, asparago, casatella trevigiana). Miglioramento della consapevolezza dei cittadini mediante la verifica dell'indicazione d'origine dei prodotti nei farmer's market cittadini già esistenti e prevederne la diffusione (come presenza o durata) anche in collaborazione con i Comuni contermini.

√ Trasparenza ed efficienza nella gestione dei rifiuti
Richiedere un resoconto periodico alla società di gestione dei rifiuti per controllare l'efficienza della raccolta, del trattamento e degli impianti di destinazione, al fine di verificare la congruità della tariffa pagata dai cittadini di Treviso. Rendere pubblici i dati relativi ai trattamenti a cui sono stati sottoposti i rifiuti e i risultati conseguiti (es. produzione compost, biocombustibile), anche attraverso il sito internet del Comune.

√ Promozione di centri di scambio e del riuso
Promozione di centri del riuso da affidare a cooperative sociali, gruppi di volontariato o altri, per favorire la raccolta di materiale in buono stato di conservazione e permettere la riparazione, il recupero e la re-immissione nel mercato. Promozione di centri di scambio e feste del baratto per oggetti, apparecchiature e indumenti, usati e in buono stato.

√ Promozione di sistemi di vuoto a rendere
Implementazione e incentivazione dei sistemi di "vuoto a rendere", promuovendo la stipula di accordi di programma con le società dove conferire i materiali (es. esercizi commerciali, grande distribuzione organizzata) e con le società che ne curino il riutilizzo (es. società di imbottigliamento).
Promozione e diffusione di sistemi di riempimento alla spina e riutilizzo dei contenitori.

√ "Ecosportello" per l'informazione sulle buone pratiche di riduzione dei rifiuti
Servizio (fisico e online) attivato dalla società di gestione dei rifiuti, in collaborazione con il personale comunale, per fornire informazioni e supporto alla cittadinanza (es. organizzazione di eventi e sagre) sulle buone pratiche di gestione dei rifiuti, sulle più opportune modalità di intervento, sulle coperture e sui materiali appropriati (es. non contenenti amianto quali l'eternit), in collaborazione con la struttura competente dell'ULSS n. 9.

√ Tariffa dei rifiuti mirata
Spinta verso un sistema di fatturazione del servizio di gestione dei rifiuti mirato al conseguimento dell'obiettivo "rifiuti zero", ad esempio aumentando il costo di raccolta per specifiche frazioni di rifiuti e disincentivarne la produzione.

√ Creazione di circuiti dedicati per la raccolta di rifiuti
Incentivazione alla consegna diretta presso gli ecocentri di frazioni ad elevata qualità, con l'eventuale applicazione di uno sconto sulla tariffa rifiuti. Progressiva introduzione di punti di consegna di frazioni differenziate ad elevata qualità, con sperimentazione a livello di quartiere.
Destinazione preferenziale della frazione umida, raccolta in Comune, al depuratore di Treviso, nei limiti della potenzialità autorizzata dell'impianto, reinvestimento il risparmio netto per il miglioramento del servizio.

√ Promozione dell'utilizzo dell'acqua pubblica
Installazione di "case dell'acqua" con la possibilità di erogare "acqua alla spina", sia naturale che addizionata di anidride carbonica, in bottiglie di vetro. Progressiva eliminazione della fornitura di acqua minerale confezionata nelle strutture comunali, quali mense scolastiche e uffici, con diffusione di sistemi per l'erogazione dell'acqua di rubinetto.

√ Valorizzazione delle fontane cittadine
Censimento delle fontane presenti nel Comune, installazione di un regolatore di flusso per quelle a getto continuo alimentate dalla falda e di un rubinetto di intercettazione per quelle collegate all'acquedotto. Progettazione per la riscoperta e la manutenzione delle fontane di Treviso che prevedano percorsi guidati dedicati alle scuole e il coinvolgimento delle comunità di quartiere.

√ Tutela delle risorse idriche
Miglioramento delle informazioni, anche via web, sull'attuale stato della rete fognaria e sulle azioni in atto per l'estensione della rete fognaria civile a tutte le utenze della città, passo indispensabile al fine di ridurre progressivamente gli scarichi civili puntuali nei corsi d'acqua superficiali.
Promozione di azioni nelle sedi preposte allo scopo di ridurre gli sprechi d'acqua per la ridefinizione della tariffa domestica affinché venga fissato un minimo garantito gratuito e un costo progressivamente crescente sui consumi eccedenti. Limitazione dello sfruttamento delle risorse idriche sotterranee anche da parte dei privati per mezzo di sinergie con gli Enti competenti.

ecologia.jpg

Banchetto in piazza Aldo Moro! 21 Maggio 2013


Treviso - 

22 Maggio Banchetto in piazza!

Copertina_Facebook_presentazione.jpg

Vi aspettiamo nel nostro info point pre elettorale.
Saranno presenti:
- Alessandro Gnocchi, il nostro candidato sindaco;
- i candidati alla carica di consiglieri;
- gli attivisti.

Saremo a disposizione per illustravi il nostro programma e le nostre proposte per Treviso!


Treviso - 

Il nostro programma in pillole. Ne siamo orgogliosi!!!

La lista di candidati al consiglio comunale di Treviso per il Movimento 5 Stelle Treviso

Banchetto in Piazza Carducci! 19 Maggio 2013


Treviso - 

19 Maggio 2013 Banchetto in Piazza!

Copertina_Facebook_presentazione.jpg

Vi aspettiamo nel nostro info point pre elettorale.
Saranno presenti:
- Alessandro Gnocchi, il nostro candidato sindaco;
- i candidati alla carica di consiglieri;
- gli attivisti.

Saremo a disposizione per illustravi il nostro programma e le nostre proposte per Treviso!

Banchetto in Piazza Borsa! 18 Maggio 2013


Treviso - 

18 Maggio Banchetto in Piazza!
Copertina_Facebook_presentazione.jpg

Vi aspettiamo nel nostro info point pre elettorale.
Saranno presenti:
- Alessandro Gnocchi, il nostro candidato sindaco;
- i candidati alla carica di consiglieri;
- gli attivisti.

Saremo a disposizione per illustravi il nostro programma e le nostre proposte per Treviso!


Treviso - 

Grillo-a-TV_Fronte_A5.jpg

Tutto confermato! affronteremo la pioggia!

Vi attendiamo coraggiosi!


Treviso - 

Prosegue la serie di appuntamenti pubblici del Movimento 5 Stelle Treviso per informare la cittadinanza su questioni importanti per la città.

Mercoledì 15 maggio alle ore 20.45 presso la sala conferenze dell'Hotel Maggior Consiglio in Strada Terraglio n. 140 a Treviso, si terrà un incontro aperto al pubblico sul tema

"La mobilità che cambia Treviso".

Parteciperanno in qualità di relatori:
il prof. Luca della Lucia, docente presso la facoltà di ingegneria dell'Università di Padova, che parlerà della qualità delle decisioni nel settore della mobilità e dei trasporti;
l'ing. Marco De Mitri, che tratterà la pianificazione urbanistica, territoriale e dei trasporti.

Modera l'incontro il candidato sindaco portavoce del Movimento Alessandro Gnocchi.

Dopo l'evento di sabato scorso organizzato assieme alla F.I.A.B. (Federazione Italiana Amici della Bicicletta), un'ulteriore opportunità di approfondimento per i temi discussi in tale sede.
Con l'occasione il M5S illustrerà più compiutamente le proposte contenute nel proprio programma elettorale per cambiare in meglio la mobilità di Treviso, secondo criteri di ecologicità, sostenibilità, efficienza e praticità.

INGRESSO LIBERO

IN ALLEGATO IL VOLANTINO

Thumbnail image for Vol_fronte_TV-Viabilità_01_WEB.jpg

I candidati a Treviso

Archivio

Questa pagina è l'archivio dei post nella categoria Trasporti.

Sviluppo è la categoria precedente.


   © 2010 Beppegrillo.it - I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons  Creative Commons