Condividi

“L’ULIVO

Je parlavo e pareva me capisse:
Hai tenuto mi nonno pe’ la mano…
e sei sempre lo stesso:
è mejo esse ‘na pianta ch’esse umano!

Io ciò pochi centimetri de terra…
e aringrazzio Dio matina e sera,
voi ciavete er monno sano d’ammiirà…
ma er tempo lo sprecate…p’arraffà!

– Ciavete l’occhi…ma sete cercati
e le mani pe’ fà ciò che volete…
ma quello che toccate…distruggete!

Campate troppo, vivendo a ‘sto modo,
si riavevate er tempo che ciò io…
su ‘sta terra…’n ce starebbe ’n chiodo!” Maria Pia Caporuscio, Roma

Condividi
Articolo precedenteLa finanziaria del M5S
Prossimo articoloParigi